EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

28.096 Iscritti
Iscriviti! Riceverai i nuovi post e le Pillole di Efficacia
Subito in regalo per te gli estratti delle mie Guide

Sei un procrastinatore incallito? Usa queste 3 tecniche

Un procrastinatore professionista trova sempre un’ottima ragione (scusa) per rimandare a domani quello che potrebbe fare oggi. Se fai parte di questo nutrito club, questo articolo fa per te.

procrastinatore

“Procrastinare è come avere una carta di credito: ci si diverte un sacco finché non arriva il saldo.”

C. Parker.

Twittami

I lettori più affezionati di EfficaceMente sanno bene della mia fissa per la procrastinazione. Ho dedicato a questa tematica il mio primo (per)corso digitale e ne parlo spesso nei miei post. La ragione è semplice: per lungo tempo sono stato un procrastinatore incallito. Ero il Michelangelo degli impegni rimandati, il Picasso dell’ultimo minuto, il Mozart del “lo faccio domani“. Per anni ho procrastinato impunemente, cavandomela, a volte anche con ottimi risultati, ma sempre attanagliato dalla strisciante sensazione che stessi sprecando il mio potenziale e, in definitiva, la mia vita.

Se stai ancora leggendo, scommetto che anche tu sei torturato da quel sottofondo quotidiano di frustrazione. Te la cavi, ma sai perfettamente che il procrastinatore seriale che è in te ti sta rubando il futuro, sacrificandolo sull’altare del “dai, oggi no“.

Era da qualche mese che non scrivevo un post con stratagemmi pratici anti-rimandite. Nell’articolo di oggi vorrei parlarti di 3 tecniche inedite squaglia-procrastinazione. Ma prima devo raccontarti di un efferato crimine…

Il peggior crimine di un procrastinatore

La Procrastinazione è una seducentesubdola ammaliatrice: per giorni ci inganna, lasciandoci pensare che abbiamo tutto il tempo del mondo, che… domani (sempre domani) riusciremo senz’altro a portare a termine i nostri impegni. Ci sussurra all’orecchio che oggi, in fin dei conti, avevamo decine di buone ragioni per rimandare: eravamo stanchi, demotivati, chissà cos’altro. Con le sue suadenti parole ci convince che domani ci sentiremo decisamente meglio, che senza dubbio ci saranno finalmente le condizioni perfette per lavorare.

Eppure passano i giorni, ma queste magiche condizioni non arrivano, anzi: siamo sempre più svogliati. La Procrastinazione capisce che stiamo per cedere al richiamo di papà Dovere e allora torna ad instillare nella nostra mente parole di miele: ci convince ad aspettare ancora un po’, distoglie la nostra attenzione annebbiandoci la vista con i fumi del piacere immediato.

Ma all’improvviso scorgiamo l’inamovibile Scadenza. Rigida, si staglia di fronte a noi, e come un rude poliziotto ci sbatte le prove del nostro crimine efferato davanti agli occhi. Siamo colpevoli di “procrasticidio preterintenzionale“. Presi dal panico iniziamo a balbettare, scarichiamo tutte le colpe sulla nostra complice, quella gatta morta della Procrastinazione, promettiamo solennemente che non ci faremo più ingannare e che d’ora in poi saremo dei “cittadini” modello.

La scampiamo e siamo subito avvolti da un’inebriante sensazione di leggerezza. Anche questa volta è andata. Passano pochi giorni, i detective Paura e Rimorso smettono di pedinarci e, casualmente, frequentando il nuovo Bar Impegno incontriamo la nostra vecchia amica, la compagna di tante avventure: la Procrastinazione.

Tutto ricomincia. Sempre uguale. Sempre peggio.

Se questa storia è la tua storia è arrivato il momento di darle un finale diverso. Il peggior crimine di un procrastinatore incallito non è infatti quello di continuare a rimandare i propri impegni. No. Il suo peggior crimine è cadere continuamente nell’inganno di questa subdola ammaliatrice, credere che le cose, in fondo, si sistemeranno, che potremo farla franca per l’ennesima volta.

La procrastinazione è un’abitudine, una pessima abitudine, e come ogni abitudine rispetta il modello SRG (Segnale – Routine – Gratificazione). Questo significa che così come è stata appresa, può essere sradicata grazie a stratagemmi efficaci. Ecco tre tecniche inedite che, applicate con costanza, ti aiuteranno a liberarti dalla “cattiva amicizia” con la Procrastinazione.

A. Il duello

La procrastinazione è spesso il risultato di un duello (perso) tra i nostri obiettivi e i nostri desideri.

Tutti noi abbiamo obiettivi a lungo termine, obiettivi che richiedono spesso impegno, dedizione e rinunce. Tutti noi abbiamo anche dei desideri immediati, desideri che ci portano a mettere da parte impegno, dedizione e rinunce. Nel corso della giornata i nostri obiettivi e i nostri desideri si scontrano in continuazione e molto spesso i desideri hanno la meglio. La ragione è semplice, preferiamo quasi sempre l’uovo oggi (gratificazione minore, ma immediata), alla gallina domani (gratificazione maggiore, ma differita). Questa nostra tendenza è stata dimostrata anche in un famosissimo esperimento condotto dai ricercatori dell’Università di Stanford: l’esperimento dei marshmallow.

I sadici studiosi di Standford diedero a dei bambini in età pre-scolare (3-4 anni) un marshmallow ciascuno, promettendo loro che ne avrebbero ottenuto un secondo solo se non avessero mangiato il prelibato dolcetto americano durante la loro assenza. Molti bambini preferirono mangiare il singolo marshmallow immediatamente, piuttosto che aspettare la doppia razione e solo in pochi resistettero alla tentazione. La cosa davvero interessante è che tutti i bambini furono poi seguiti per decenni (quello dei marshmallow è uno degli esperimenti più lunghi mai condotti: qui trovi i dettagli in inglese). Indovina quali bambini, statisticamente, ottennero i migliori voti scolastici e posizioni lavorative di prestigio, una volta cresciuti? Bingo, quelli che furono in grado di resistere alle gratificazioni immediate.

Il test è stato replicato anche nel video qui sotto: il bambino con la maglia verde è il mio idolo! ;-)

link al video

Sì André, ho capito: mi hai dato del treenne incapace di resistere ai suoi impulsi! Ma quindi..? cosa dovrei fare per non soccombere alle gratificazioni immediate (facebook, whatsapp, cazzi&mazzi)?!

Se vuoi che i tuoi obiettivi a lungo termine abbiano la meglio sui tuoi desideri immediati, devi portare il confronto sullo stesso piano, mettendo sui due piatti della bilancia le gratificazioni che otterrai seguendo una strada o l’altra. Prova a porti domande di questo tipo:

  • E’ più importante per me navigare senza meta su internet o prendere 30 e lode al mio prossimo esame universitario?
  • Preferisco davvero mangiare questo dolce da 2000 calorie o avere un corpo sano e in forma?
  • Voglio lobotomizzarmi il cervello davanti a questa trasmissione televisiva o preferisco leggere quel libro/manuale?

Messe così, le risposte sembrano piuttosto scontate: ecco, il nostro istinto se ne frega di ciò che è “giusto” razionalmente, almeno finché non lo mettiamo con le spalle al muro. Quando ti ritroverai a procrastinare, metti nero su bianco pro e contro del continuare a procrastinare, poi trai le tue conclusioni (in gergo scientifico si usa anche il termine: “smetti di cazzeggiare“).

B. La regola dei 10 minuti

Nell’estratto gratuito di Start! individuo i quattro “perché” della procrastinazione, ovvero le ragioni per cui rimandiamo continuamente i nostri impegni. Il terzo perché è il seguente: non abbiamo le idee chiare.

Se sapessimo esattamente quale dovrebbe essere la prossima azione elementare da svolgere per far avanzare il nostro progetto o il nostro studio, le probabilità di procrastinare calerebbero drasticamente. La procrastinazione è figlia dell’incertezza. Più l’impegno che abbiamo di fronte a noi è nebuloso, grande e vago, e più saremo tentati di sostituirlo con attività semplici e che possano garantirci la famosa gratificazione immediata di cui abbiamo parlato nel punto precedente.

Se ti ritrovi a procrastinare perché non sai esattamente da dove iniziare, applica la regola dei 10 minuti: individua un’attività elementare, legata al tuo progetto, da completare nell’arco di massimo 10 minuti. Achtung! Mettere a posto la scrivania o le icone del desktop non conta. L’attività che devi svolgere deve essere un’attività estremamente semplice, ma comunque un’attività che ti consenta di fare un piccolo progresso verso i tuoi obiettivi.

C. Le 3 domande magiche

La consapevolezza è uno delle armi più potenti a nostra disposizione per battere la procrastinazione. La prossima volta che ti ritrovi a cazzeggiare beatamente, prendi un pezzo di carta e rispondi a queste tre semplici domande:

  1. Dove mi trovo? Quando procrastiniamo tendiamo a perdere la cognizione del tempo e dello spazio, immergendoci in una realtà parallela che ci consente di mitigare l’ansia legata ai nostri impegni. Questa domanda serve a riportarci al momento presente.
  2. Che cosa voglio fare? Mi raccomando, ricorda di utilizzare la parolina “voglio” e non “devo”: ti ho già spiegato il perché in questo articolo.
  3. Come mi sentirò dopo averlo fatto? Quest’ultimo quesito ti aiuta a spostare la tua attenzione dalle sensazioni sgradevoli legate al dover iniziare a lavorare, alle sensazioni positive che proverai dopo aver completato le tue attività.

Un trucco per non dimenticarti di applicare questa tecnica? Da quando ho iniziato a praticare la meditazione mindfulness, utilizzo sul mio smartphone un’app che emette un suono ad intervalli casuali durante la giornata: questo mi aiuta a riportare l’attenzione sul momento presente. Non voglio pubblicizzare nessuna app in particolare, cerca semplicemente “mindfulness bell” nello store del tuo smartphone e utilizza una delle diverse app per ricordarti di non procrastinare ;-)

Questa settimana sperimenta le diverse tecniche che ti ho suggerito finché non individuerai quella per te più efficace. Mi auguro davvero che questo post possa essere per te la prima scintilla della tua nuova vita da ex-procrastinatore incallito!

Prima di salutarti…

Ps. un fumetto per procrastinatori

Federico, un fumettista di talento, e Lorenzo, esperto di eventi e marketing olistico (e molto altro ancora), sono due miei compaesani. Dopo aver intrapreso strade diverse, ci siamo recentemente ritrovati grazie alla comune passione per la crescita personale. Lorenzo e Federico sono gli autori del primo fumetto di crescita personale: un’idea originale per fare comunicazione e formazione. In vista dell’uscita di questo post, hanno deciso di dedicare una delle puntate di questo fumetto alla “rimandite“. Clicca l’immagine per leggere il fumetto.

Il fumetto "Reality Trap"

Al termine di questa tavola troverai anche il link alle puntate precedenti. La parola scritta è la forma di comunicazione che prediligo, ma credo che il lavoro che stanno portando avanti Lorenzo e Federico possa essere un primo esperimento molto interessante. Apprezzo sempre chi si mette in gioco per le proprie passioni.

A questo proposito ti propongo una citazione dalla pagina Facebook di EfficaceMente:

“A tentare c’è il rischio di fallire. Ma è necessario affrontare i rischi, perché il rischio più grande nella vita è non rischiare nulla. Chi non rischia nulla non fa nulla, non ha nulla e non è nulla. Può evitare la sofferenza e l’angoscia, ma non può imparare, sentire, cambiare, crescere, progredire, vivere o amare. E’ uno schiavo, incatenato dalle sue certezze o dalle sue assuefazioni. Solo chi rischia è libero.”

Leo Buscaglia.

Twittami

Buona settimana. Andrea.

Foto del post tratta da Google immagini.

Rimandi sempre tutto a domani?

Non perdere neanche un articolo. Iscriviti alla Newsletter!

Già 28.096 iscritti
Sarai dei nostri?

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Start!, la guida pratica per sconfiggere la procrastinazione.

35 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Giulio
    Giulio ha detto:

    Mi piacciono molto i tuoi articoli, però ci vorrebbe un riepilogo finale per fissare le idee. Le informazioni devo rimanere impresse nella mente con una sola lettura. Te lo dico perché mi sono accorto che se ripenso a qualche tuo articolo anche solo dopo un giorno, non mi ricordo cosa diceva finché non lo riaprivo e lo rileggevo ed è un vero peccato!

    Comunque potresti dirmi il nome dell’app mindfulness bell che usi per iphone? Dai dai lo so che non è la prima volta che consigli un app! ;) Lift per dirne una. Così mi eviti lo sbatti di scaricane 15 per vedere quella che mi sembra migliore… Anche a pagamento va bene!

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      Andrea ha detto:

      Ciao Giulio,
      grazie dei commenti: pensa che negli ultimi 2-3 articoli avevo fatto proprio una cosa del genere “Ecco, se non ricorderai nient’altro di questo post, cerca di ricordare almeno questo principio“, “Tra qualche ora ricorderai probabilmente solo qualche stralcio di questo articolo. Tra qualche giorno forse nulla. Vorrei allora lasciarti con 4 parole che mi auguro possano essere il mantra di questa tua nuova settimana“.

      Comunque grazie del feedback, ne terrò conto :-)

      Io come app per iOS ho provato lotus bud (che suona in modo casuale durante la giornata) e mindful mynah (che è decisamente fatta meglio, ma prevede intervalli fissi). Attualmente sto utilizzando mindful mynah con intervalli a 30 minuti.

      Ciao.

      Rispondi
  2. Avatar di urania
    urania ha detto:

    Ciao Andrea, ho scoperto da poco il tuo blog e lo trovo molto interessante!
    Io sono la regina dei procastinatori, e quando mi alzo e decido di studiare e/o fare esercizio fisico ecco che si insinua l’ansia (mi ricorda le scadenze) sotto forma di ipocondria o paranoie in generale e va a finire che sto sdraiata sul divano davanti alla tv a rimuginare e a fine serata mi provoca ulteriore ansia per non aver concluso nulla (è un circolo vizioso). Ovviamente a breve avrò un esame e so già che non ho fatto abbastanza, e il senso di colpa già mi attanaglia. A tal proposito volevo un tuo parere. Sono alla specialistica di una facoltà scientifica con materie che di base hanno formule fisiche (da ricordare agli esami). Esiste un metodo per poterle memorizzare bene e in fretta?
    Mi piacerebbe leggere un tuo articolo sulle “pippe mentali”, perchè oltre ad essere la regina dei procastinatori sono l’imperatrice assoluta delle pippe mentali!
    Non ti avrò chiesto mica troppe cose? :)

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      Andrea ha detto:

      Ciao Urania,
      l’ho scritto in diversi articoli: la procrastinazione è un meccanismo di mitigazione dell’ansia. In parole povere, procrastiniamo illudendoci di placare l’ansia legata ai nostri impegni. Il paradosso (e tu te ne sei resa conto) è che più procrastiniamo e più l’ansia aumenta. In definitiva procrastinare è una forma di droga: ci da un piacere immediato, ma ci rovina la vita nel lungo periodo.

      Per quanto riguarda le formule fisiche, ho proposto uno stratagemma in un commento di questo post.

      Sulle “seghe mentali” ho già pronta da diversi mesi una bozza: grazie del suggerimento, è sicuramente un post che voglio pubblicare.

      Andrea.

      Rispondi
  3. Avatar di Luca
    Luca ha detto:

    Grazie Andrea,
    sia per il post che per il consiglio sull’App. In effetti, presi dagli impegni e dal lavoro, può capitare spesso di “dimenticarsi” di seguire i propri programmi di crescita. La cosa è particolarmente frustrante perché non è un “mi scoccio”, quindi non è un atto propriamente volontario. Credo che questo metodo possa funzionare bene, ci provo!
    Buona settimana anche a te

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      Andrea ha detto:

      Ciao Luca, non è un caso che l’intera prima sezione del mio corso digitale, Start!, sia dedicata proprio alla consapevolezza. Concordo con te che spesso cadiamo nella trappola proprio perché non ce ne accorgiamo.

      Andrea.

      Rispondi
  4. Avatar di Marina
    Marina ha detto:

    Per me è incredibile notare come ogni articolo sulla procrastinazione mi sia sempre utile. È un problema dalle mille facce! Stavolta mi porto a casa in particolare il punto B. Mentre lo leggevo mi sono detta: ah ah! Eccolo lì. Lo faccio sul lavoro e con i miei progetti personali: tendo a rimandare esattamente le attività su cui non ho le idee chiare. Sul lavoro per esempio se so che per portare a termine un certo compito devo fare delle telefonate o chiedere chiarimenti, tendo a fare altro, attività magari meno importanti o urgenti, ma su cui ho le idee chiare. È così le questioni più complesse, che guarda caso necessitano di maggiore attenzione, tendono a depositarsi sul fondo…
    Ultimamente sul lavoro sto migliorando in questo aspetto. Tendo invece a peggiorare nei progetti personali. Mi ritrovo a pensare che dopo una giornata di lavoro “ho già dato” e che se mi sparo mezz’oretta di cazzeggio sul divano con tv e tablet non sarà la fine del mondo… solo che non é mai mezz’oretta e la realizzazione dei miei progetti si allontana sempre di più.
    Quindi ben venga un altro articolo al riguardo! Mi aiuta a tenere alta l’attenzione :)

    Rispondi
    • Avatar di Pier Paolo
      Pier Paolo ha detto:

      “Tendo a rimandare esattamente le attività su cui non ho le idee chiare”: beh mi sembra abbastanza normale!

      Se il tuo procrastinare è così selettivo penso non ci sia niente di male, anzi è la cosa migliore da fare a mio avviso, agire tanto per fare, non avendo le idee precise a riguardo è un po’ irresponsabile: meglio allora staccare la spina e fare chiarezza dentro di sé.

      Non siamo dei robot che devono seguire un timer esistenziale prestabilito, ognuno ha i suoi tempi ed i suoi metodi, stravolgere i propri ritmi, pensando così di essere più efficienti, non è una strategia che paga: soprattutto a lungo termine!

      Rispondi
    • Avatar di Andrea
      Andrea ha detto:

      La tematica della procrastinazione è una di quelle che mi ha affascinato maggiormente nell’ambito della crescita personale perché si porta dietro un sacco di altre cose: smettere di procrastinare significa ad esempio affrontare le proprie paure (piccole e grandi) senza esitazione.

      Grazie del commento Marina,
      Andrea.

      Rispondi
      • Avatar di Pier Paolo
        Pier Paolo ha detto:

        Non mi convince del tutto questa tua affermazione Andrea: “Smettere di procrastinare significa ad esempio affrontare le proprie paure (piccole e grandi) senza esitazione.”

        Ho passato 3/4 della mia vita affrontando di petto le situazioni senza darmi il benché minimo tempo per procrastinare: se tornassi indietro però non rifarei lo stesso errore, anche perché, paradosso ancor maggiore, gran parte delle mie “paure” è ancora lì!

        La strategia antiprocrastinazione nel mio caso non ha sortito l’effetto da te prospettato: porre l’attenzione sulla NECESSITA’ del mettersi in azione (un mantra che allora, alla stessa tua maniera, mi era stato inculcato come panacea per tutti i mali) invece che fermarsi a riflettere sul vero perché del problema, a mio modo di vedere non è una soluzione efficace, e di questo ce ne si accorge spesso purtroppo soprattutto nel lungo termine: la mia età qualche vantaggio in più in questo senso me lo concede! ;-)

        Per arrivare al succo penso che la frenesia d’azione, così come la procrastinazione, siano due facce della stessa medaglia: in realtà sono due modi, opposti all’apparenza ma uguali nella sostanza, per evadere dalla responsabilità che deriva dell’ essere consapevoli di un determinato problema.

        Ovviamente generalizzare è sempre sbagliato, ogni caso fa storia a sé, ma in linea di principio credo che la mia conclusione sia molto vicina alla maggior parte delle realtà esperienziali, almeno della mia sicuramente! ;-)

        Vorrei condividere con te e con i lettori del tuo blog questo stralcio tratto da “Il metodo sticazzi”, un simpatico e leggero libricino che ho appena finito di leggere, che qualcosa d’interessante ce lo comunica sicuramente: “Il metodo insegna ad accettarsi. Hai fallito in qualche obiettivo? Non riesci a essere coerente con un buon proposito? Imparando a ignorare tutto ciò, ti riconoscerai per quello che sei – secondo il sommo principio socratico del “conosci te stesso” – senza importi modelli comportamentali forzati e, diciamocelo, noiosi. Il metodo sticazzi, dunque, aiutando a esercitare il giusto e semplicissimo azzeramento dell’esigenza nei confronti di sé, conduce a ben due risultati che sono uno consequenziale all’altro: l’aumento dell’autostima e il successo d’azione. L’insegnamento dello sticazzismo è un invito ad esserci amici e a riscoprire il sorriso dell’osservarci in ogni nostra miseria senza rammarico alcuno.”

        E credimi sulla parola, i sensi di colpa non servono per niente a “migliorarci”!

  5. Avatar di Fabrizio
    Fabrizio ha detto:

    Ciao Andrea
    Il vero problema della procrastinazione è che, non rendendoti conto, lasci in uno spazio della tua mente l’adempimento da svolgere. E’ li, magari ben nascosto, dietro una tenda, non sempre lo intravedi ma esiste. Il bello è che facciamo finta di nulla…
    E cresce l’ansia, anche sottile, ma anche uno stato di costante insoddisfazione…
    Fino a che giunge l’ora di farlo….e vieni travolto….da vari stati d’animo….tutti pessimi e pericolosi
    Spero che oggi sia una nuova alba….

    Grazie mille

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      Andrea ha detto:

      Bravissimo Fabrizio,
      nella nostra mente non esiste una rappresentazione temporale chiara: se dobbiamo completare un impegno, che lo si debba fare oggi o tra un mese, poco importa, questo va comunque ad occupare “RAM” mentale. Adottare efficaci strategie anti-procrastinazione significa anche liberare la mente e consentirle di fare ciò che le riesce meglio: aiutarci a sviluppare idee creative e non prendersi cura di pagare le bollette.

      Andrea.

      Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

Commenta con il tuo profilo Facebook!

Iscriviti! Riceverai i nuovi post e le Pillole di Efficacia
Subito in regalo per te gli estratti delle mie Guide