EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

166.225
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Svegliarsi la mattina è un dramma? 5 metodi per alzarsi bene

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori Home » Sonno 97 commenti

5 metodi pratici per svegliarsi la mattina con il pieno di energie.

svegliarsi la mattina

“Mi fanno pena quelli che non bevono: si alzano al mattino sapendo che la loro giornata non migliorerà.”

Frank Sinatra.

Statisticamente la notte tra domenica e lunedì è quella più soggetta ai fenomeni di insonnia: questo effetto è anche noto come “Sunday Night Insomnia” ed è la causa principale di tutte quelle facce distrutte, tipiche del lunedì mattina.

Che tempismo Andre’! Non so se ringraziarti o mandarti affancubo!

Puoi decidere di cambiare vita una volta e per tutte, fissare traguardi ambiziosi e pianificare nel minimo dettaglio i tuoi obiettivi, ma tutti questi sforzi se ne vanno a “signorine di facili costumi” nell’istante esatto in cui ti svegli con il piede sbagliato.

Svegliarsi la mattina è forse il momento più importante della giornata, senza dubbio uno dei momenti che possono influenzare maggiormente il tuo stato d’animo, il tuo livello di energia, la tua determinazione e, in ultima analisi, i risultati che porterai a casa alla fine delle fiera.

Già in passato ti ho parlato di come dormire bene e migliorare il tuo sonno. Senza dubbio, una bella dormita sarà sempre la migliore strategia per svegliarti bene la mattina, ma anche ciò che fai (o non fai) nei minuti subito prima e subito dopo la tua sveglia può avere un enorme impatto sul resto della tua giornata.

Oggi voglio parlarti dei 5 migliori metodi per svegliarti la mattina con il pieno di energie:

1. Usa una sveglia intelligente

Immagina la scena: hai appena terminato un sogno meraviglioso, sei nel dormiveglia e con eccezionale tempismo la sveglia suona appena qualche minuto dopo. Tu ti alzi pieno di energia e pronto ad affrontare la tua giornata.

Adesso immagina la scena opposta: sei in una fase di sonno profondo, all’improvviso la tua sveglia squarcia il silenzio del mattino e tu sei svegliato di soprassalto, con le palpitazioni ed un senso di malessere generalizzato. La giornata non poteva iniziare peggio.

Esiste un modo per evitare che queste due sveglie mattutine siano del tutto casuali?!

Si, per l’esattezza puoi adottare 2 strategie alternative:

  1. Fissare la sveglia sempre alla stessa ora (anche nei weekend). In questo modo il tuo orologio biologico si adatterà automaticamente, evitandoti risvegli traumatici. Lo svantaggio di questa strategia è doverla applicare anche i sabati e le domeniche!
  2. Utilizzare una sveglia intelligente. Negli ultimi 2 mesi ho iniziato ad utilizzare l’applicazione per iPhone Sleep Cylce. L’avvii prima di andare a nanna e la posizioni sul materasso (con la modalità aereo attiva!). Grazie all’accelerometro dell’iPhone, l’applicazione registra i tuoi movimenti e ti sveglia all’interno di una finestra temporale di 30 minuti, cercando di beccare il momento in cui il tuo sonno è più leggero. L’idea alla base dell’applicazione è brillante, non mi è chiarissimo come l’applicazione distingua tra sonno profondo e sonno leggero, ma devo ammettere che fa il suo “sporco” lavoro. Ho visto che esistono diverse alternative nell’App Store. Fammi sapere la tua esperienza nei commenti.

2. Crea una piacevole routine mattutina

C’è una frase che mi piace ripetere spesso:

“La mattina, prima di iniziare a correre per gli altri, preferisco correre per me stesso.”

Uno dei modi migliori per svegliarsi bene la mattina è sicuramente quello di trovare una buona ragione per farlo. Da ormai qualche anno ho iniziato ad andare a correre 10-15 minuti dopo essermi svegliato.

Fare attività fisica subito dopo essermi alzato ha per me molteplici benefici: ho la soddisfazione di aver fatto qualcosa di buono già alle 06:30 del mattino, mi sento in forma e sotto la doccia, al termine della corsa, ho le migliori idee (probabilmente sono gli effetti dell’iperossigenzione).

Si, lo so, sono un pazzo scatenato! Ma ti consiglio di leggerti questo articolo per scoprire un altro importante risvolto positivo di questa abitudine.

Naturalmente non devi imitarmi per forza, ma qualsiasi sia la tua scelta, cerca di trovare una routine mattutina estremamente piacevole: alcuni amano leggere con in mano una tazza di caffè, altri ancora preferiscono meditare.

Inizia la giornata coccolandoti o facendo qualcosa di importante per te stesso.

3. Ricordati di bere

La mattina appena svegli è il momento in cui siamo maggiormente disidratati. 

Per l’intera notte non abbiamo bevuto e l’umidità che abbiamo rilasciato con il respiro ha abbassato il livello di liquidi nel nostro organismo. Per questo motivo, la prima azione che dovresti compiere appena sveglio è quella di berti un bel bicchiere d’acqua.

Alcuni studiosi suggeriscono di lavarsi i denti prima ancora di bere: considerata la “fogna” che ci ritroviamo in bocca appena svegli, potrebbe non essere una cattiva idea!

Esiste poi un modo ancora più efficace per reidratarci e allo stesso tempo prenderci cura del nostro “pancino”. Appena sveglio scalda leggermente una tazza d’acqua; non deve essere bollente, ma semplicemente tiepida, insomma deve essere della stessa temperatura del nostro corpo (circa 37°). Se ti aggrada puoi anche aggiungere una spruzzatina di limone. Bevila e alzare il tuo livello di energia sarà semplice come… bere un bicchiere d’acqua ;-)

4. Riattiva i tuoi muscoli ed il tuo sistema respiratorio

Al punto 2 ti ho accennato quella che è la mia routine mattutina preferita. Non devi per forza fare una maratona tutte le mattine per svegliarti bene. Anche dei semplici esercizi possono aiutarti a riattivare la circolazione e ad ottenere una generale sensazione di benessere.

Niente di estremo! Se frequenti una palestra puoi farti suggerire dal tuo coach una serie di esercizi mirati per il risveglio muscolare o per lo stretching. Lo yoga è un’altra attività particolarmente consigliata in questa situazione.

Se poi ti serve un po’ di motivazione ti consiglio questo commercial della nike ;-)

Un’alternativa all’attività fisica, sono gli esercizi di respirazione.

Spesso sottovalutiamo l’enorme potere che ha il respiro sulla nostra fisiologia e sulla nostra psicologia. Praticare con costanza esercizi volti a migliorare il modo in cui respiriamo è una delle migliori strategie per ritrovare energia e benessere. In questo articolo suggerisco tre tecniche di respirazione particolarmente efficaci (la 1° è ideale per svegliarsi la mattina): “Tecniche di respirazione – ritrovare il benessere con un respiro“.

5. Alzati!

Per quanto possa sembrare banale, un ottimo sistema per svegliarsi bene la mattina è semplicemente… alzarsi!

Molti di noi soffrono della cosiddetta “Snooze Button Syndrome”. Il bottone snooze è quel pulsantino che ti permette di procrastinare (ahhh! sacrilegio!) la sveglia per un tempo prefissato, mentre tu continui a rotolarti tra le coperte alla ricerca di una buona motivazione per alzarti.

La prossima volta, magari proprio domani mattina, prova ad alzarti dal letto appena suona la sveglia: non pensare, non procrastinare, non indugiare. Semplicemente alzati.

Se poi anche tu sei un pazzo scatenato, puoi iniziare a svegliarti come Dicky Fox!

Ti auguro una splendida settimana. A presto.

Foto tratta da Google immagini

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 166225 iscritti
Sarai dei nostri?

97 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Alexander
    Alexander ha detto:

    Questo è un argomento a me caro e a proposito del quale ho sperimentato molto su me stesso.

    Il mio smartphone è Android e perciò ho provato SLEEP AS ANDROID, ma i risultati sono stati scadenti: il mio telefono non è abbastanza sensibile per rilevare i miei movimenti.

    Anch’io uso bere un bicchierone con la spremuta di mezzo limone. Il limone oltre ha darti una piccola dose di Vitamina C è un’ottimo stimolante per le tue “regolarità” ;-)

    Per quanto riguarda l’argomento “pulizie delle cavità”, da 2 anni ho adottato 2 pratiche indiane.

    La prima è la pulizia della lingua mediante un piccolo raschietto di legno o di plastica (io ho quello della Oral B), che aiuta a prevenire i cattivi odori e a togliere residui dalla tua lingua (non vi descrivo a volte cosa viene via, meglio che proviate di persona).

    La seconda è il “Jala Neti” ovvero la pulizia del fosse nasali mediante acqua e sale. Ottima contro i raffreddori in inverno e può anche sostituire il caffè, in quanto ti dà un piccolo brivido che ti risveglia subito. Gli indiani lo fanno mediante un aggeggio che assomiglia una mini teiera. Io lo faccio in modo molto più pratico con una siringa (senza ago ovviamente) e la soluzione fisiologica (reperibile in una qualsiasi farmacia).

    Per l’attività fisica, consiglio di scegliere qualcosa che vi diverta, personalmente faccio la Routine Energetica di Donna Eden.

    Comunque, come ogni cosa, anche la mia routine mattutina è un continuo “work in progress” ;-)

    Rispondi
  2. Avatar di Fab

    Fab

    ha detto:

    minchia Andrea, sembri Rocky che corre di prima mattina e si fa 1 km di scalinate!!

    Complimenti, soprattutto perchè lo fai a Milano!!

    Un conto è farlo nelle colline marchigiane, in un bel parco a Roma, in una bella spiaggia sicilana, sarda ( italiana in genere ) ma farlo in una metropoli inquinata con un clima in genere un pò penoso, è da “Tignoso” con la T maiuscola!!

    Insomma un Fabbro di Spade!!

    Mi sa che l’insegnamento di Tim Ferriss lo hai preso più che alla lettera!!

    Mi raccomando però, se però poi la sera ti vai a strafogare con i clienti/colleghi nei ristoranti cool milanesi, alcuni benefici si vanno a fare benedire!!

    Ma non mi sembri il tipo!!

    Ciao!

    Fab

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ahahah, no Fab, nulla di estremo: corsetta tranquillissima per mettermi in moto e schiarirmi le idee. Vado a correre nel parchetto della Bocconi: non è l’amazzonia, ma un minimo di verde c’è.

      Buona giornata,
      Andrea.

      Rispondi
    • Avatar di Federico

      Federico

      ha detto:

      Ma scusa sei mai stato a Milano? Io vivo vicino al centro e corro sempre nel parchetto sotto casa mia. Certamente non è come correre al mare ma ti assicuro che non è mai morto nessuno

      Rispondi
      • Avatar di Antonio

        Antonio

        ha detto:

        haha grande

  3. Avatar di Ilaria Cardani
    Ilaria Cardani ha detto:

    Noto che il succo di limone al mattino va alla grande!
    Allora: stamane piove ed è cominciato il freddo. Per un buon risveglio la mia indicazione principale è: non sottoporsi immediatamente a un shock termico. Quindi tenere subito a portata, appena alzati un indumento confortevole e caldo da indossare. Di sicuro importante lavarsi i denti prima di fare colazione o intraprendere qualsiasi attività. Il bicchiere di acqua tiepida, anche d’estate, è una bellissima coccola di benvenuto nella nuova giornata. In alternativa o in aggiunta, la sera prima prendete un limone – biologico – lavatelo, tagliatelo grossolanamente in 4 e mettetelo in una bottiglia di vetro con bocca ampia (quella dei succhi di frutta “grandi” è l’ideale) e lasciatelo tutta la notte in frigorifero. Bere acqua con limone fatto in quel modo appena svegli è meno traumatico del limone spremuto ed è eccellente per il fegato. Anch’io faccio una routine, quella dell’equilibrio emozionale di Roy Martina che, a differenza di molte altre, comporta il pronunciare frasi utilissime per l’autoconsapevolezza e per caricarsi. Chi vuole un approccio meno “crescita personale” e meno new age, si prenda cinque minuti per leggersi una pagina di un bel libro, romanzo o saggio (può essere anche qualcosa che riguarda il business, il guadagnare online, la propria passione, il libro di un “guru” di quelli che Andrea detesta, un articolo nella lingua che si vuole migliorare: l’importante è che sia qualcosa di gratificante). E’ un ‘alternativa “mentale” alla corsa che dà la stessa carica. P.S. La citazione di Frank Sinatra non è un granché :) ;)

    Rispondi
    • Avatar di Alexander
      Alexander ha detto:

      Mi associo a Ilaria per la citazione, tra l’altro parlavo proprio ieri su FB delle convinzioni sul bere (che non condivido) della nostra società. Ma qua si va off topic, perciò chiudo qui.

      Rispondi
      • Avatar di Ilaria Cardani
        Ilaria Cardani ha detto:

        Alexander, forse Frank Sinatra si riferiva all’acqua calda o al succo di limone ;) (Un caro saluto)

      • Avatar di stefanorm86

        stefanorm86

        ha detto:

        Ciao, dove posso leggere questo tuo intervento?

    • Avatar di Andrea

      Ciao Ilaria,
      grazie anche a te per i tanti contribuiti dati (non solo in questo articolo ;-)

      Ps. Porca paletta! Volete dirmi che Sinatra non si riferiva all’abitudine del punto 3: bere… acqua?! Mannaggia la pupazza! ;-)
      Ho letto il tuo intervento Alex sulle convinzioni legate all’alcol e concordo: diciamo che mi piace utilizzare a volte titoli e a volte citazioni a… “contrasto” rispetto ai contenuti che propongo; credo che possano essere uno spunto per far riflettere il lettore, senza necessariamente imporre la propria filosofia di vita.

      Rispondi
  4. Avatar di stefano

    stefano

    ha detto:

    Andre…fa male mettere l’iphone sotto il cuscino !!!! Il monaco ti direbbe che……;-)

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Stefano, naturalmente lo utilizzo in modalità aereo ;-)
      Sono una volpe!!! Che ti pare ;-)

      Rispondi
  5. Avatar di Luca Bernardi
    Luca Bernardi ha detto:

    Per quanto riguarda il funzionamento di applicazioni come Sleep Cycle si basano su studi come “The Role of Actigraphy in the Study of Sleep and Circadian Rhythms” che mettono in correlazione l’attività che abbiamo nel letto, in parole povere come e quanto ci muoviamo, con la fase del sonno in cui ci troviamo.

    Per questa ragione l’applicazione sopra citata utilizza l’accelerometro (NON il giroscopio che viene utilizzato per misurare la rotazione del dispositivo) per analizzare quanto ci muoviamo nel letto e svegliarci nella finestra temporale più adatta.

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Luca, gentilissimo: ho corretto l’articolo.
      Il principio di base mi è chiarissimo e durante il test ho potuto anche apprezzare la sensibilità dell’iPhone e dell’applicazione, ma temo ci siano sempre dei gradi di approssimazione. Comunque, come dicevo, il risultato è apprezzabile.

      Andrea.

      Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide