EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

166.228
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Ricominciare da zero: la strategia Stanlio e Ollio

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori Home » Abitudini 76 commenti

Ricominciare da zero non è facile, ma con il giusto approccio puoi finalmente cambiare vita, senza ritrovarti sempre allo stesso punto di partenza.

Ricominciare da zero

“Nella vita non devi cercare te stesso: devi creare te stesso.”

G.B. Shaw.

L’anno nuovo è alle porte e molti di noi desiderano poter ricominciare da zero, facendo tabula rasa dei mesi appena trascorsi. Eppure, le nuove ripartenze spesso ci deludono: buoni propositi che abbandoniamo dopo poche settimane, ambiziosi obiettivi che riscriviamo identici ogni anno, sane abitudini a cui abdichiamo al primo “chissenefrega“.

Insomma, siamo gli artisti dei nuovi inizi, ma rimaniamo perennemente intrappolati in una vita mediocre, in attesa del prossimo lunedì, del prossimo primo del mese o del prossimo 1 gennaio. Se anche tu vivi in questo limbo in cui nulla sembra cambiare (nonostante i tuoi sforzi), quest’anno non ripetere lo stesso errore: adotta una strategia diversa, adotta la strategia Stanlio e Ollio.

Stanlio e Ollio: la coppia perfetta per ricominciare da zero

André, ormai c’ho fatto il callo con le tue metafore ardite, ma dimmi tu che min***a c’entrano Stanlio e Ollio con la mia voglia di ripartire da zero?!

Stanlio e Ollio è stato un famoso duo comico americano degli anni ’30. Ollio, interpretato dall’attore Oliver Hardy, era l’omone massiccio che rivestiva il ruolo dello “Augusto”. Stanlio, interpretato dall’attore Stan Laurel, era invece l’omino gracilino che rivestiva il ruolo del “Clown bianco”.

Molti dei loro sketch mi hanno accompagnato durante la mia infanzia, ed ogni volta che mi capita di rivederli, mi ritrovo di buon umore. A proposito, questo te lo ricordi?

link al video

Carino, vero? Ma non ci distraiamo: se non sbaglio, stavamo parlando di nuove ripartenze e di una strategia per viverle in modo efficace: la strategia Stanlio e Ollio.

La strategia Stanlio e Ollio

Ho ripensato al duo comico americano giusto qualche giorno fa, rispondendo ad un commento di un lettore a questo articolo. Marco mi chiedeva come poter “rialzarsi”, come poter trovare la forza di ripartire da zero. Nella mia esperienza, quando desideriamo avere un nuovo inizio, è indispensabile far leva su una “coppia” di elementi; è stato a questo punto che ho pensato alla metafora di Stanlio e Ollio. Per ricominciare da zero abbiamo infatti bisogno di:

  • Un “grosso” obiettivo (Ollio). Senza uno scopo, un obiettivo ambizioso che ci dia la direzione, non realizzeremo mai un vero cambiamento nella nostra vita. Per ripartire da capo abbiamo dunque bisogno di “Ollio”: un “grosso” obiettivo a medio-lungo termine che sia per noi fonte di ispirazione e motivazione.
  • Una “piccola” abitudine (Stanlio). Avere un obiettivo molto ambizioso è condizione necessaria, ma non sufficiente, per un nuovo inizio: se vogliamo davvero cambiare la nostra vita, dobbiamo intervenire sulle nostre abitudini quotidiane. Ecco perché abbiamo bisogno di “Stanlio”: una piccola abitudine che ci aiuti, ogni giorno, ad avvicinarci al nostro obiettivo.

Stanlio e Ollio ebbero un successo enorme negli anni ’30 proprio perché il loro duo era inseparabile e super-collaudato: da soli non avrebbero mai funzionato, ma in coppia raggiunsero il successo planetario. Se desideri davvero cambiare la tua vita, devi comprendere che lo stesso discorso vale per obiettivi ed abitudini.

Se fino a questo momento non sei riuscito a realizzare il tuo desiderio di dare una svolta radicale alla tua vita, molto probabilmente è perché sei intervenuto su un solo elemento della “coppia” obiettivi-abitudini: magari hai provato ad instaurare una nuova abitudine, senza però comprendere a fondo quale obiettivo/bisogno questa nuova abitudine avrebbe dovuto soddisfare. O, al contrario, ti sei dato un obiettivo molto ambizioso, senza però concretizzarlo attraverso un’abitudine da ripetere quotidianamente.

Non ripetere lo stesso errore nel nuovo anno: definisci oggi stesso il tuo obiettivo “Ollio” e la tua abitudine “Stanlio”. Non hai idea da dove iniziare? Ecco alcuni consigli pratici.

Come definire il tuo obiettivo “Ollio”

Oliver HardyPer ricominciare da zero, devi avere innanzitutto una direzione verso cui tendere. Il tuo obiettivo “Ollio” deve fornirti questa direzione e la motivazione necessaria per raggiungere la meta. Sì, vabbé Andre, belle parole, ma io non ho la più pallida idea di quale sia il mio “grosso” obiettivo! Per definire il tuo obiettivo “Ollio”, segui questi 3 semplici passi:

1. Trova le tue “costanti”. Nella nostra vita esistono costanti che la caratterizzano e ci caratterizzano. Queste costanti possono essere un nostro particolare talento, una nostra passione o un sogno d’infanzia. Non sottovalutare mai queste costanti: se e quando riuscirai a trovare il nesso tra di esse, comprenderai finalmente qual è il tuo ruolo in questo mondo (se questa è una domanda che ti perseguita da un po’: devi leggere questo post).

2. Immaginati tra 5 anni. Rivedendo la mia vita in prospettiva, mi sono accorto di aver vissuto cicli di 5-6 anni. Per me, questo lasso di tempo rappresenta la durata ideale per definire un obiettivo “Ollio”. Proprio in questo mese di dicembre ho terminato uno di questi miei cicli e sto definendo chi voglio essere e dove voglio essere tra 5 anni. Tu chi sarai? Dove vivrai? Cosa avrai realizzato? Se vuoi creare una nuova vita, devi prima immaginarla nei minimi dettagli: la Legge di Attrazione è una cavolata, ma il principio di base è corretto e… funziona ;-)

3. Applica la regola “CPC”. Ti ricordi quando ti avevo spiegato come definire un obiettivo? Se desideri davvero raggiungere il tuo obiettivo “Ollio”, definisci ora: Cosa vuoi ottenere, Perché vuoi ottenerla e Come intendi farlo.

Se avrai trovato davvero un obiettivo “Ollio” ti sentirai esplodere dalla voglia di realizzarlo. Questa scarica di motivazione è molto potente, ma da sola non è sufficiente per raggiungere la tua meta. Hai bisogno di un’abitudine “Stanlio”…

Come definire la tua abitudine “Stanlio”

Stan LaurelUn obiettivo “Ollio” ti dà una meta a cui ambire, una direzione da seguire, ma se vuoi davvero arrivarci, devi avere un’abitudine “Stanlio”. Ecco come trovarla e metterla in pratica:

1. Trova il Buono, il Brutto ed il Cattivo. Esistono tre tipologie di abitudini: le abitudini buone, ovvero abitudini che ci fanno bene e ci danno piacere (es. meditare). Le abitudini brutte, ovvero abitudini che ci fanno bene ma, almeno all’inizio, ci costano fatica (es. svegliarsi presto al mattino). Le  abitudini cattive, ovvero abitudini che ci fanno male, ma ci danno piacere (es. fumare). Per realizzare il tuo obiettivo “Ollio”, dovrai necessariamente praticare maggiormente un’abitudine buona, instaurare un’abitudine brutta, oppure eliminare un’abitudine cattiva. Trova questa abitudine e sarai a cavallo.

2. Impegnati per 30 giorni. La crescita personale non è una scienza perfetta: devi sempre provare, sbagliare ed aggiustare il tiro. Una volta individuata la tua abitudine “Stanlio”, impegnati a praticarla per 30 giorni. In questi 30 giorni dovrai sospendere ogni giudizio; vada come vada, dovrai seguire la tua abitudine ogni giorno, senza mai sgarrare. Sono solo 30 giorni: puoi farcela. Al termine del mese di prova potrai fare una valutazione sui risultati ottenuti e decidere se continuare oppure tentare con una nuova abitudine. Ricordati: devi concentrarti solo sui progressi e valutare i risultati al termine della prova.

3. Inizia. Quello che ci esalta di un obiettivo “Ollio” è che è così lontano nel tempo che riusciremo sicuramente a realizzarlo: in fondo, il nostro “Io” futuro è una specie di supereroe in grado compiere qualsiasi prodezza. Il problema è che tu convivi con il tuo “Io” presente, sì, esatto: quello scansafatiche che passa le giornate a cazzeggiare sui social. Se vuoi realizzare il tuo obiettivo “Ollio”, devi iniziare a praticare la tua abitudine “Stanlio” oggi stesso: non lunedì prossimo, non il primo del mese, non l’1 gennaio. Adesso, appena terminato di leggere questo post. Fuck the Procrastination.

Conclusioni

Ogni giorno, ogni istante, ci è data l’opportunità di ricominciare da zero, ma come ci ricorda Seneca nella sua lettera a Lucilio, ogni giorno noi moriamo un pochettino: oggi non sprecare questa opportunità. Individua il tuo obiettivo, definisci la tua abitudine, ma soprattutto dai un senso alla tua vita. Buona settimana. Andrea.

“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile, e all’improvviso vi ritroverete a fare l’impossibile.”

S. Francesco.

Foto tratte da Google Immagini.

Rimandi sempre tutto a domani?

Iscriviti alla newsletter e scarica l'estratto di Start! La guida per smettere di procrastinare

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Start! la guida pratica per sconfiggere la procrastinazione.

INVIAMI L'ESTRATTO 》
Già 166228 iscritti
Sarai dei nostri?

76 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di jones

    jones

    ha detto:

    Ehi Andrea, mi ha fatto molto piacere leggere questo articolo, forse perché ricorda il percorso che ho fatto io quest’anno.
    All’inizio dell’anno sono stata dalla lasciata senza motivo dal ragazzo di cui ero innamorata; ho passato settimane d’inferno, poi ho deciso di reagire.
    Cosa fare? Mi mancavano dieci esami alla laurea ed ero decisa a prenderla, per fare qualcosa solo per me.
    Ho studiato ogni giorno costantemente ed efficacemente e… La settimana scorsa mi sono laureata!
    E se ci sono riuscita io, può riuscirci chiunque.

    Rispondi
    • Avatar di sabner

      sabner

      ha detto:

      non credo che esistano persone che lasciano il proprio patner senza motivo
      .
      complimenti per la tua reazione !

      Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Jones!
      Complimenti davvero per il tuo traguardo: avanti così!

      A presto,
      Andrea

      Rispondi
  2. Avatar di Marco

    Marco

    ha detto:

    Complimenti per l’articolo e per la metafora Stanlio e Ollio che contribuisce a memorizzare EFFICACEMENTE i concetti.
    Anche se non c’entra con le argomentazioni dell’articolo… per la precisione: Stanlio e Ollio sono entrambi clown, ma con ruoli diversi e opposti che nel teatro si chiamano Augusto (Stanlio) e clown bianco (Ollio).

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Marco,
      grazie del commento: precisazione molto utile. Ho appena modificato il post.

      Andrea.

      Rispondi
  3. Avatar di Marco

    Marco

    ha detto:

    Ciao Andrea,
    grazie mille per l’articolo di stamattina, e ti ringrazio che una mia piccola domanda sia stata risposta in pieno in questo articolo.

    Mi hai dato una grossa scarica di motivazione, lo metto nei preferiti e lo rileggo una volta al giorno!

    Grazie mille di cuore :)

    Rispondi
  4. Avatar di Crystal

    Crystal

    ha detto:

    Articolo importante, ricco di spunti, molto potente. Mi metto subito all’opera! Buon lavoro a tutti e Grazie Andrea!

    Rispondi
  5. Avatar di Filippo

    Filippo

    ha detto:

    Buongiorno Andrea! Che dire…ottimo articolo! Questa metafora di Stanlio e Ollio è azzeccatissima, una genialata! XD Personalmente il mio “Ollio” l’ho trovato già da qualche mese..l’unica cosa che mi resta da fare è applicarmi sempre di più nello “Stanlio” e questo tuo articolo è l’ennesimo incentivo a provarci!
    Buona settimana e buone Feste!

    Filippo

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Filippo,
      come scritto nel post, la coppia, se non è unita, non funziona: individuato il proprio “Ollio”, bisogna applicarsi ogni giorno nell’instaurare l’abitudine “Stanlio”.

      Andrea.

      Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide