%
6 min

Nel panorama finanziario, investire in criptovalute si sta dimostrando sempre di più un’attività piena di potenziale e possibilità di guadagno. Sempre più persone vengono attratte dal mondo di queste valute digitali.

Libero dall’influenza delle banche, l’ambiente delle cripto è permeato da un particolare tipo di libertà. Questo significa che investire in criptovalute presenta sì occasioni senza eguali, ma anche sostanziali rischi.

Perciò ci si chiede, investire in criptovalute conviene?

La risposta è sì, purché si sappia come fare. Bisogna conoscere questo mondo per poterne trarre il meglio. Si deve sapere dove investire in criptovalute, quando, e quali siano le differenze con i normali sistemi monetari.

In questo articolo ti spiegheremo tutto quel che c’è da sapere su questi argomenti, per meglio permetterti di avvicinarti al mondo delle criptovalute e fare i tuoi primi investimenti.

Cosa sono le Criptovalute

Per poter capire come investire in criptovalute al meglio, prima è necessario definire cosa siano. Le criptovalute, come ad esempio i Bitcoin, sono una sorta di denaro virtuale.

Sono simili al denaro comunemente inteso, perciò si possono spendere in cambio di beni o servizi o per portare avanti certi tipi di investimenti. Tuttavia, presentano anche alcune differenze:

  1. Sono completamente digitali: le si possono utilizzare per fare acquisti online, ma non esistono in forma di carta stampata;
  2. Sono completamente slegate da qualsiasi sistema o ente di controllo centrale: non sono gestite da banche e non sono affette perciò dalle politiche monetarie;
  3. Non sono influenzate dai confini nazionali: valgono allo stesso modo in tutto il mondo.

Questa serie di qualità fa sì che le criptovalute non operino sotto lo stesso sistema di regole e meccaniche delle monete dei vari stati.

L’assenza di un organo di controllo centralizzato viene sostituito da un sistema di Blockchain. La Blockchain è un insieme di tecnologie e fornisce un registro di ogni transazione e le convalida.

Probabilmente, per chi ha sempre e solo considerato di investire in borsa o investire in azioni, questa tipologia di guadagno riesce difficile da concepire, ma in realtà ciò che si deve fare è soltanto informarsi adeguatamente.

Te lo spieghiamo nei paragrafi che seguono.

Come si investe in criptovalute

Per iniziare ad investire in criptovalute, la prima cosa necessaria da fare è mettersi in contatto con una piattaforma di Exchange, gli organi che si occupano delle transazioni di valuta elettronica. Da lì potrai ottenere valuta virtuale, in un procedimento piuttosto simile all’aprire un conto corrente.

Quando avrai ottenuto la tua prima somma di criptovaluta potrai investirla anche subito, ma dovrai pensare a dove conservarla. Per questo esistono i Wallet.

I Wallet agiscono come portafogli o cassette di sicurezza virtuali, e ti permettono di tenere al sicuro le tue somme di valuta virtuale. Si possono ottenere dagli Exchange stessi.

Per quanto riguarda le strategie di investimento, possono essere meno ovvie di quanto appaia a prima vista. Volendo fare alcuni esempi, potremmo ricordare:

  • Il comprare criptovaluta e aspettare di venderla quando il prezzo sarà più alto;
  • L’utilizzare il meccanismo delle vendite allo scoperto delle criptovalute, per poter guadagnare se il valore dovesse scendere;
  • Scegliere come terreno d’investimento una criptovaluta con potenziale, ma non ancora molto conosciuta.

Comprare criptovaluta e rivenderla quando sarà salita di valore è il modus operandi più conosciuto e diffuso. Tutti lo conoscono, è la prima cosa a cui si pensa. Ma gli esperti sanno come guadagnare anche quando il valore scende.

Questo perché usano le vendite allo scoperto di criptovaluta: è un tipo di operazione speculativa, attenzione, che garantisce un profitto quando un titolo finanziario di qualunque tipo perde valore.

Infine, un ottimo guadagno si può avere dall’investire in criptovalute non ancora molto diffuse o conosciute. Si può fare l’esempio dei Bitcoin: dieci anni fa avevano pochissimo valore, e chi ha avuto la lungimiranza di investire allora, ha potuto godere di un guadagno enorme nel boom del 2017.

Investire i propri risparmi può fare paura, in special modo se si tratta di un mercato che ancora non si conosce bene, ma l’importante è valutare bene i rischi.

Investire in criptovalute: quali rischi si corrono?

Il mercato delle criptovalute è altamente volatile, e alcune oscillazioni registrate nel 2020 hanno raggiunto differenze percentuali vertiginose in poche ore. Questa sua instabilità è alla base delle sue potenzialità: è da lì che scaturiscono le possibilità di grandi ritorni sui propri investimenti.

Pertanto, le criptovalute sono inerentemente un investimento ad alto rischio ed alta ricompensa, con queste caratteristiche:

  1. È un mercato relativamente giovane, in fase di sviluppo, ed ancora nemmeno gli esperti sanno individuare un valore di ancoraggio per tali asset digitali;
  2. Questo tipo di investimento predilige un impegno più incisivo, focalizzato più su guadagni sostanziali che risparmi nel tempo.

Esistono però dei sistemi e strategie che possono migliorare le tue possibilità, e dei fattori da tenere d’occhio per sfruttare al massimo questi investimenti. Li discuteremo nei paragrafi successivi.

Vantaggi delle criptovalute

Le criptovalute sono estremamente popolari da qualche anno a questa parte. Questo perché godono di numerosi vantaggi, impensabili per gli altri tipi di investimento; saperli sfruttare al meglio è la chiave per muoversi bene in questo ambiente.

Queste proprietà sono:

  • L’anonimato: il proprio Wallet è identificato da uno o più codici che fungono da firma, e le transazioni avvengono tramite essi;
  • L’autonomia: visto che non ci sono banche di mezzo, si può gestire liberamente il proprio patrimonio;
  • La sicurezza: il tuo Wallet sarà più sicuro di una cassaforte, perché solo tu sarai in possesso del codice di accesso. Queste serrature sono talmente articolate da essere a prova di qualsiasi hacker;
  • La rapidità: le transazioni di criptovaluta sono tremendamente veloci, e non richiedono mai più di una manciata di minuti;
  • La protezione dalle truffe: la trasparenza del processo impedisce qualunque forma di valuta o transazione contraffatta.

Dove investire in criptovalute

Se stai considerando di investire in valuta digitale, un passo importantissimo è scegliere la giusta piattaforma per le tue esigenze. Ognuna ha caratteristiche diverse, quali ad esempio:

  • Il costo delle commissioni: alcune lavorano persino a costo zero;
  • La semplicità d’uso;
  • Alcune piattaforme non danno la possibilità di vendere allo scoperto.

Con tutte queste cose da considerare, non è semplice scegliere a chi rivolgersi per un primo investimento. Probabilmente avrai sentito parlare delle seguenti piattaforme, se hai iniziato ad affacciarti a questo mondo:

  1. ForexTB;
  2. IqOption;
  3. eToro.

ForexTB si distingue dalle altre due perché mette a disposizione dei clienti un esperto di criptovaluta, che li possa assistere nei procedimenti per telefono e rispondere alle loro domande.

Anche IqOption è molto appetibile per i neofiti: questo perché permette di investire una somma minima di 10 euro, e sperimentare così a basso rischio sul mercato vero.

Con eToro si ha un approccio ancora diverso: infatti ti permette di copiare in maniera automatica quel che hanno fatto i migliori investitori.

Queste sono solo alcune delle piattaforme con le quali si può iniziare a fare investimenti. Prima però di procedere è necessario conoscere adeguatamente il mondo delle criptovalute.

In quali criptovalute investire?

Una buona idea, quando si sceglie in quali criptovalute investire, è spesso fare considerazioni a lungo termine. Pensare a quel che succederà, su quali idee e progetti verranno investiti più fondi e risorse. Quelli sono i tipi di investimenti che possono crescere e portare un buon guadagno.

Una cosa da ricordare, nello scegliere in quale criptovaluta investire, è che non ci si deve per forza affidare a una singola moneta. Diversificando il proprio Wallet si potrà ridurre i rischi e guadagnare perciò un po’ di stabilità.

Per costruire un capitale con gli investimenti è necessario differenziare le possibili fonti di guadagno. Questo mercato ci insegna che è questa la maggiore fonte di ritorno nel tempo. Per facilitarti la scelta, nei prossimi paragrafi ti riportiamo alcune delle criptovalute più rilevanti.

1. Bitcoin

Bitcoin è senza dubbio la criptovaluta più conosciuta al giorno d’oggi.

È una moneta virtuale decentralizzata creata per essere scambiata ed utilizzata senza l’intermediazione o il controllo di una banca, e che consente transazioni finanziarie sempre rintracciabili e verificabili, eseguite in totale sicurezza e anonimato tra chi paga e chi riceve denaro.

Ad oggi il prezzo di una moneta di bitcoin è di circa 2000 dollari sul mercato. La convenienza di investire in bitcoin è data dal fatto che si tratta di una moneta finita: i bitcoin verranno estratti fino a raggiungere 21 milioni di estrazioni (entro il 2140).

Dunque, per il principio di scarsità, il numero limitato di bitcoin ne farà necessariamente crescere il valore.

2. Ethereum

Ethereum, creata successivamente a Bitcoin, è diventata una alternativa molto valida e popolare, con una capitalizzazione del mercato di circa 35 miliardi, alle spalle della stessa Bitcoin.

Ethereum funziona esattamente come Bitcoin utilizzando una blockchain. Tuttavia, si discostano per il fatto che Ethereum viene impiegata come metodo di transazione e non solo. Infatti, oltre ad essere utilizzata come sistema di pagamento virtuale, trova applicazione nella gestione dei cosiddetti smart contract (contratti inteligenti).

Etereum si caratterizza per una tecnologia superiore rispetto ad altre criptovalute e particolarmente adatta all’integrazione di applicazione. Ciò potrebbe segnare un trend in crescita da tenere sott’osservazione nel caso di un possibile investimento futuro.

3. Litecoin

Litecoin è una moneta digitale peer-to-peer pensata per rendere più rapide ed efficienti le piccole transazioni quotidiane.

Anche Litecoin è molto simile a Bitcoin, poiché si basa sul codice sorgente originale di questa criptovaluta, ma presenta piccole differenze tecniche. Ad esempio, Litecoin viene usato più come riserva di valuta e per scopi a lungo termine rispetto a Bitcoin.

La sicurezza e la velocità nelle transazioni, unite ad un valore di mercato che tende a salire, rappresentano dei punti a favore per chi vuole investire un capitale non eccessivo con un raggio di azione a medio termine.

4. Ripple

Ripple è una moneta virtuale molto apprezzata da diverse grandi banche internazionali per il suo rendere più veloce e fluido un buon numero di procedimenti finanziari, migliorando l’esperienza del consumatore.

Nata nel 2013 per superare le difficoltà e gli svantaggi del Bitcoin, si è fatta largo sul mercato virtuale tra le alternative più importanti e con maggiore capitalizzazione rispetto alla stessa Bitcoin e Ethereum.

Data la volatilità delle criptovalute non è possibile prevedere con certezza il valore di una moneta digitale nel tempo. Se vuoi investire in Ripple, quindi, dovrai scegliere un broker che ti consenta di vendere e comprare senza commissioni elevate, ma anche di ottenere profitti quando il trend è a ribasso.

5. EOS

Creata nel 2017, EOS è una criptovaluta che ultimamente sta godendo di un ottimo successo. Basa la sua forza sulla flessibilità, sulla libertà di gestione delle transazioni e sulla capacità di semplificare lo sviluppo di app e di offrire servizi come autenticazione, database o attivazione di smart contracts.

Non si tratta, dunque, di una valuta digitale utilizzata specificatamente per transazioni monetarie tradizionali, come Bitcoin, ma va oltre.

Pur non essendo una moneta virtuale criptata che utilizza appieno la sua parte di valuta, molti investitori sono interessati alle sue potenzialità. Attualmente è la quinta criptovaluta per capitalizzazione di mercato pari a 2 miliardi di USD ed ha un valore che si attesta intorno ai 4 USD.

Investire in criptovalute: quanto conviene?

Le criptovalute non sono un qualcosa di futuristico: sono una parte crescente del mondo finanziario dei giorni nostri, e volerle imparare ad usare e conoscere non è assolutamente uno spreco di tempo.

Se adoperate con serietà e cautela, le criptovalute possono essere una fonte di guadagno e di risorse. Non vanno scambiate per un biglietto della lotteria: per ottenere dei risultati validi bisogna sapere cosa si sta facendo, ma rimangono comunque una grande opportunità.

Se si ha intenzione di cimentarsi con un investimento che possa portare un grande rientro, le criptovalute sono senz’altro un’ottima alternativa e, forse, un’occasione che aspetta solo di essere coltivata e colta.

Nel frattempo, iscriviti alla newsletter di EfficaceMente e facci sapere nei commenti se e quanto ti è stato utile questo contributo.

Commenta

Registrati gratis per continuare a leggere. Iscrivendoti riceverai anche l’esclusiva newsletter del lunedì di EfficaceMente

Altri lettori trovano interessante