Tutti gli Articoli
Più Letti
Ultimi
Premium
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [page] => 
            [pagename] => archivio
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_globale
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [page] => 0
            [pagename] => archivio
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_globale
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_globale
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_globale
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [queried_object] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 11927
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2014-02-21 11:32:50
            [post_date_gmt] => 2014-02-21 10:32:50
            [post_content] => Qui puoi trovare tutti gli articoli del Blog in ordine cronologico. Scegli il titolo che ti ispira e clicca sul link: buona lettura.

Ps. Sapevi che ho creato Vivere EfficaceMente?

"Vivere EfficaceMente" è la collana nata per offrirti una nuova modalità di fruizione degli articoli più apprezzati del blog.

Ogni volume raccoglie i migliori articoli di EfficaceMente su una specifica tematica, riorganizzati secondo una precisa sequenza che ti accompagnerà passo passo nel tuo percorso di miglioramento personale.

In versione ebook o cartacea, i volumi della collana "Vivere EfficaceMente" sono il nuovo must-read per tutti gli appassionati di crescita personale.


            [post_title] => Questo è l'Archivio di EfficaceMente
            [post_excerpt] => 
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => closed
            [post_password] => 
            [post_name] => archivio
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2020-08-19 19:21:28
            [post_modified_gmt] => 2020-08-19 17:21:28
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://www.efficacemente.com/?page_id=11927
            [menu_order] => 0
            [post_type] => page
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 0
            [filter] => raw
        )

    [queried_object_id] => 11927
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_globale' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13352
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2014-07-14 01:10:59
                    [post_date_gmt] => 2014-07-14 00:10:59
                    [post_content] => Vuoi scoprire come studiare bene e velocemente? Sei arrivato nel posto giusto.

In questo articolo troverai alcune delle migliori strategie per imparare a studiare meglio e portare a casa quegli agognati 30 e lode.

A volte vengo contattato da studenti universitari che mi chiedono come studiare bene e più velocemente.

No, ho mentito: quello che mi chiedono davvero è qualche trucchetto per studiare male e senza perderci troppo tempo!

Certo non sono così diretti e spudorati, ma la sostanza non cambia:

"Andrea, tra 3 giorni ho un esame universitario e devo memorizzare 1.600 pagine, come posso fare: il tuo metodo di studio può aiutarmi?!"

No cocco mio, il mio metodo per studiare non può aiutarti.

Se ti sei grattato la uallera finora, non può aiutarti neanche San Gennaro!

Studiare bene e velocemente richiede impegno

"Non amo studiare. Odio studiare. Amo apprendere. Apprendere è meraviglioso."

Natalie Portman.

Inutile girarci intorno, se vuoi ridurre drasticamente le tue ore di studio non puoi continuare ad affrontare l'università "à la cazz di can". 

Studiare bene e velocemente significa innanzitutto aumentare in modo vertiginoso la qualità delle (poche) ore che trascorrerai sui libri.

Diciamocelo, leggere svogliatamente un capitolo rispondendo nel frattempo ai messaggi di WhatsApp, Facebook o dei piccioni viaggiatori è molto più comodo del doversi concentrare unicamente sui propri libri di testo.

Ripetere meccanicamente una definizione con l'entusiasmo di un bradipo nano delle Ande è molto più facile del dover riflettere su quanto si sta studiando.

Evidenziare indiscriminatamente l'intero paragrafo come farebbe un imbianchino fatto di LSD è molto più banale del dover sottolineare unicamente i concetti chiave.

Studiare bene e velocemente richiede impegno.

Se stavi cercando metodi per studiare più velocemente con qualche soluzione fast-food per i tuoi problemi, mi spiace ma sei nel posto sbagliato: per le pillole magiche o le promesse sensazionalistiche, devi provare il secondo blog a destra.

Se al contrario hai finalmente deciso di impegnarti per dare una raddrizzata al tuo percorso universitario e capire una volta per tutte come si studia in maniera efficace, continua a leggere.

In questo articolo scoprirai 5 tecniche di studio infallibili:

Come studiare bene e velocemente con la pre-lettura

Se i tuoi esami universitari prevedono tomi da 500, 800 o addirittura 1.000 pagine, riuscire a raddoppiare o triplicare la tua velocità di lettura ti consentirebbe di risparmiare parecchie ore di studio.

Il problema è che c'è molta confusione (e molte leggende metropolitane) su cosa sia davvero la lettura veloce e su come si possano studiare tante pagine in poco tempo.

Per quella che è la mia esperienza, raggiungere le 600-800 parole al minuto (un lettore medio arriva a 200-250 pam), con il 100% di comprensione del testo, richiede innanzitutto tanta, ma davvero tanta, pratica.

Per iniziare puoi partire da queste 3 tecniche di lettura veloce (nel post linkato trovi anche una nuova applicazione per divorare gli articoli online).

Non è il caso però di scoraggiarsi.

Esistono infatti strategie di lettura veloce che ti aiuteranno a migliorare la qualità (e la rapidità) del tuo studio fin dalla loro prima applicazione: sto parlando della pre-lettura.

Ecco come funziona:

  • Ancora prima di iniziare a studiare, cerca di familiarizzare con il libro di testo (o con gli appunti del libro):
    • Leggi rapidamente l'indice del capitolo.
    • Sfoglia le pagine del capitolo cercando semplicemente di prendere dimestichezza con la struttura delle sezioni.
    • Leggi i titoli delle sezioni principali e il primo e l'ultimo paragrafo di ogni sezione (max 2-3 righe di testo).
  • Poniti poi queste 2 semplici domande:
    • Quali sono i concetti chiave che voglio apprendere grazie a questo capitolo? (se hai letto l'indice e le sezioni principali, ti saranno abbastanza chiari).
    • Questo capitolo è fondamentale per la mia preparazione, oppure no? (questa domanda ti aiuta a fare chiarezza sul livello di dettaglio con cui dovrai studiare).

That's it.

Inizialmente potresti considerare la pre-lettura un'inutile perdita di tempo: in realtà ti porterà via al massimo 5-7 minuti per ogni capitolo, ma applicandola costantemente scoprirai come il tuo studio diverrà molto più scorrevole arrivando a farti risparmiare più di 1 ora del tuo tempo, ma soprattutto sarai in grado di assorbire i diversi concetti con maggiore facilità, sfruttando ad esempio il principio della Piramide dello Studio.

Vediamo ora la tecnica #2:

Come studiare bene e più rapidamente grazie alla tecnica sniper

Tecnica di studio sniperI tiratori scelti (i cosiddetti sniper) e i gamers di mezzo mondo, utilizzano spesso l'espressione:

"One shot, one kill. No luck, just skill."

Che tradotto significa: "Un colpo, un bersaglio. Niente fortuna, solo abilità" (tu, giocatore di CoD, smetti di galvanizzarti! ;-).

Citazioni belliche a parte, c'è un atteggiamento mentale che ti sta costando fin troppe ore di studio: la convinzione che per essere davvero preparato devi leggere e ripetere meccanicamente il tuo materiale di studio fino alla nausea. Si tratta di una cavalfiorata!

In uno dei contenuti bonus della mia guida APP - Autostima Passo Passo ho inserito un semplice test che dimostra come la nostra autostima (quello che crediamo di noi stessi) possa influenzare profondamente le nostre capacità di studio.

Non fraintendermi, non ti sto suggerendo di diventare un pallone gonfiato per eccellere all'università.

Il messaggio che vorrei trasmetterti è che devi iniziare a fidarti delle tue abilità mentali.

Registrare le lezioni del Prof., scrivere riassuntini ultra-dettagliati o ripetere a pappagallo il materiale di studio fino allo sfinimento, sono tutte strategie di studio fallimentari.

La ragione è molto semplice: più "stampelle mentali" fornisci al tuo cervello e più il tuo cervello si impigrisce.

La nostra mente è infatti uno degli strumenti più efficienti inventati dalla natura, questo significa che non è disposta a sprecare attenzione, memoria o energia a meno che non sia assolutamente indispensabile.

In fondo, perché dovrebbe ricordare una definizione al primo colpo se l'abbiamo abituata ad avere altre 178 occasioni per memorizzarla?!

Questo comportamento è legato in parte al famoso effetto Zeigarnik: il tuo cervello si dimentica automaticamente di qualcosa a meno che non abbia un motivo davvero importante per ricordarlo.

Se continui ad utilizzare degli "aiutini", la tua mente non saprà mai come apprendere e come memorizzare velocemente.

Ok André, ho capito: cosa devo fare per stimolare la mia memoria e "tenerla sulle spine"?!

Chiediti... con quanta attenzione leggeresti il capitolo del tuo libro di testo se avessi un'unica possibilità irripetibile di visionare quel materiale?

Intendiamoci bene, non ha senso estremizzare.

Probabilmente una sola lettura non ti sarà sufficiente, anche se la pre-lettura ti aiuterà molto in questo senso, ma se vuoi imparare a studiare bene e velocemente devi adottare la filosofia "One shot. One kill".

Le tue risorse mentali sono preziose, ogni volta che ti siedi di fronte ad un libro di testo devi farlo come se fosse per te l'unica occasione per apprendere quello che stai studiando.

Elimina le distrazioni, assumi l'atteggiamento dello sniper ed inizia ogni sessione utilizzando una di queste 5 tecniche di concentrazione.

Potrebbero interessarti: Come studiare storia

Come imparare meglio grazie alle mappe concettuali

Se vuoi davvero apprendere come studiare bene e velocemente devi stamparti a fuoco in fronte che la rielaborazione è la fase cruciale dello studio.

Senza rielaborazione non c'è vero apprendimento e senza apprendimento la memorizzazione diventa un'attività meccanica, alquanto inutile e dispendiosa.

Tra i migliori strumenti di rielaborazione vi sono senza dubbio le mappe concettuali.

La tecnica di studio delle mappe mi è stata insegnata per la prima volta alle scuole medie, dal mio insegnante di musica.

Da allora sono state le mie fedeli compagne di studio riuscendo a farmi studiare senza ripetere troppe volte.

Se non le hai mai utilizzate puoi trovare indicazioni semplici e pratiche per capire come studiare più velocemente con le mappe concettuali in questo post.

Come ripetere seguendo la regola della scuola materna

Oggi voglio però parlarti di un'altra strategia di rielaborazione estremamente efficace e che può essere utilizzata sia prima di redigere le tue mappe, sia in fase di ripetizione: la regola della scuola materna.

"Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna."

A. Einstein.

Se solo metà delle citazioni attribuite ad Einstein fossero vere, il Fisico tedesco doveva saperla davvero lunga.

Continuare a ripetere meccanicamente un paragrafo nella speranza che rimanga "appiccicato" alla tua memoria, come una pallina da tennis lanciata contro un muro, è un'impresa vana.

Per apprendere (e memorizzare) un concetto devi essere in grado di rielaborarlo a parole tue. Meglio ancora: devi essere in grado di spiegarlo ad un bambino della scuola materna (o alla nonna di Einstein).

L'idea di fondo è quella di riuscire a ridurre un concetto complesso ai suoi minimi termini, comprendere insomma quali sono gli ingredienti essenziali e come interagiscono tra loro: questo vale per una formula di chimica, come per un teorema di matematica, per un principio giuridico, come per un concetto medico.

Per applicare nella pratica la regola della scuola materna, ti consiglio di utilizzare le similitudini.

Secondo il dizionario della lingua italiana:

"Una similitudine è una figura retorica che consiste nell'instaurare un paragone, un rapporto di somiglianza fra due cose o concetti."

Utilizzando in modo appropriato le similitudini per rielaborare ciò che studi, riuscirai a collegare concetti nuovi ad idee a te familiari, ovvero idee che hai già appreso in passato e le cui strutture neurali sono ben consolidate nel tuo cervello.

Sfruttare questa figura retorica per studiare nuovi concetti è un po' come andare a vivere all'estero e trovare finalmente un ristorante che cucini il tuo piatto preferito: ti senti un po' più vicino a casa e ciò che ti sembrava fino a quel momento alieno, inizia a sembrarti più familiare.

(Indovina un po'?! Ho appena utilizzato una similitudine...).

Come ricordare ciò che studi con la tecnica dei loci di Cicerone

Cicerone, il più grande oratore della storia antica imparava i suoi celebri discorsi a memoria. Difficile da credere, vero? Eppure, il suo metodo è ancora oggi una delle mnemotecniche più note ed efficaci per schematizzare ed imparare in poco tempo concetti e nozioni, e ricordarli in un ordine ben preciso. Ti sei mai chiesto, ad esempio, perché quando si parla spesso utilizziamo espressioni come “in primo luogo” o “in ultima instanza”? Bene, queste erano espressioni usate dallo stesso Cicerone per memorizzare in fretta i suoi pensieri con la tecnica dei loci, anche detta Palazzo della Memoria. Luoghi, stanze, palazzi. Ma che c’entrano con le infallibili tecniche di studio di cui stiamo parlando in questo articolo? C’entrano, eccome. Vediamo in che modo. Cicerone scriveva nel paragrafo XXXIV del “De Oratore”, che nell’esercizio di imparare a memoria
“non mi dispiace affatto che voi usiate, (...) anche codesto metodo che (...) cerca di legare la memoria a immagini e luoghi determinati”.
La mnemotecnica di Cicerone consiste, quindi, nel trasformare ogni concetto e nozione che vuoi memorizzare, ad un’immagine. Per poi, associarla ad immagini di luoghi che per te sono familiari (stanze, strade, piazze o qualsiasi altro luogo ti pare). Il grande Cicerone, ad esempio, quando doveva ricordare le sue celebri orazioni, era solito assegnare ad ogni colonna dell’edificio in cui avrebbe parlato una parte del suo discorso che già era collegata ad un’immagine esistente nella sua memoria. In questo modo, al momento di parlare, avrebbe guardato in direzione di questa o quella colonna, per ricordare ciò che doveva pronunciare. Ora, a te sicuramente non servirà per proferire lunghe orazioni in senato come faceva Cicerone, ma ti potrebbe tornare utile per tenere a mente i concetti del tuo prossimo esame di giurisprudenza o se devi ricordare le formule per una verifica di matematica.

Fidati di me! Già dalla prossima sessione di studio che affronterai, inizia a mettere in pratica tutto quello che hai imparato con le tecniche di memoria presenti in questo articolo e vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare.

Studio efficace e rapido: risposta alle domande comuni

Molti utenti scrivono o lasciano commenti chiedendo consigli e trucchi per riuscire a passare un compito in classe, un’interrogazione o un esame universitario. Ecco alcune risposte alle domande più comuni:
  • Quale metodo mi consigli per studiare per una verifica? Sintetizza i concetti che hai appreso nelle settimane precedenti alla verifica con mappe o riassunti. Ma sforzati di creare anche dei collegamenti concettuali tra i vari argomenti, senza limitarti all’apprendimento mnemonico.
  • Credi che possa prepararmi in 3 giorni per un esame? Dipende. Dal tipo di esame, innanzitutto. Se speri di passare l’esame di diritto penale studiandolo in 72 ore, rischi una cocente bocciatura. Per esami più piccoli e semplici, in tre giorni potrebbe essere fattibile.
  • Queste strategie per tutte le materie e corsi di studio? Certo! Queste tecniche di memoria ti saranno utili per qualsiasi cosa tu intenda studiare, che sia matematica, storia,  filosofia, geografia o per la preparazione degli esami di medicina o giurisprudenza. Ma, è necessario che tu abbia un metodo di studio valido. Se ti manca quello, anche la più efficace tecnica di studio non ti aiuterebbe.

Consigli Finali

Per studiare bene devi eliminare ogni distrazione e seguire uno stile di vita equilibrato Prima di concludere questo nostro articolo sulle tecniche per studiare bene e più velocemente, vorrei lasciarti altri preziosi consigli per uno studio efficace e proficuo. Ma ricorda: è sempre l’organizzazione del tempo che dedichi allo studio ad essere fondamentale. Con una tabella di marcia precisa e tanta buona volontà, sarai in grado di raggiungere gli obiettivi di studio che ti sei prefissato. Ma, ecco quello che puoi fare in più:
10 consigli finali per studiare bene
  1. Elimina le distrazioni: metti lo smartphone in modalità aereo o spegnilo del tutto, così non avrai la tentazione di controllare notifiche e social;
  2. Leggi ad alta voce: come dimostra uno studio di MacLeod e Ozubko del 2010 secondo cui può "aiutare gli studenti ad apprendere più velocemente della lettura silenziosa".
  3. Prendi appunti a mano: scrivere a mano invece che col proprio computer (fonti: Mueller, Oppenheimer, 2014) aiuta ad elaborare, riformulare e fissare meglio le informazioni;
  4. Spiega l’argomento che studi a qualcuno che non lo conosce: usa parole semplici, così sarà più facile ricordarlo poi;
  5. Fai i riassunti: riassumendo in concetti elementari quello che hai appena sottolineato sarà molto più semplice riuscire a memorizzarli;
  6. Studia più argomenti al giorno: distribuisci più materie o argomenti durante la giornata, così il tuo cervello si allenerà ad apprendere e memorizzare meglio e più velocemente, dedicando ad esempio 1 ora a studiare fisica, 1 ora a filosofia e 1 a storia dell'arte;
  7. Crea un gruppo di studio: il lavoro in gruppo è sempre molto produttivo per l’apprendimento, purché ti scelga compagni di studio motivati nello studio quanto te;
  8. Fai pause regolarmente: staccare per un po’ dai libri migliora la produttività e aumenta la concentrazione;
  9. Scegli un ambiente di studio illuminato e areato, per facilitare la concentrazione;
  10. Non fare le ore piccole davanti ai libri: un sonno regolare aiuta ad essere più riposati al mattino.

Conclusioni

Mi piacerebbe salutarti con un altro concetto davvero importantissimo: tutte le tecniche di miglioramento dello studio, di  memorizzazione e di lettura veloce che imparerai, potranno esserti estremamente utili durante tutto il tuo percorso accademico ma, senza un metodo chiaro e comprovato, difficilmente riuscirai a ottenere il cambiamento sostanziale che vorresti.

So a che stai pensando: “ Andrè, è da sempre che sento parlare di questo fantomatico metodo di studio ma, a dire il vero, mi sembra tutto un pò troppo fumoso…"

Non ti sto parlando di un metodo generale, ma di quel metodo calibrato sul tuo stile cognitivo!

“Come? Stile Cognitivo?

Proprio così, ognuno di noi ha le proprie predisposizioni e credere di poter imparare tutti nello stesso modo è a dir poco insensato.

Il primo passo per migliorare la qualità del tuo studio è quello di individuare il tuo stile cognitivo e, sulla base di questo, adottare poi le migliori tecniche di studio per te.

Se vuoi individuare il tuo stile cognitivo, le tecniche di studio più adatte a te e capire come sviluppare il tuo personale piano di apprendimento, ho preparato un test gratuito. Lo puoi completare in meno di 5 minuti cliccando il pulsante nel box qui sotto.

Buon Test!

Approfondimenti

Ecco un elenco di approfondimenti, risorse e app utili da consultare ed utilizzare, che ti aiuteranno a studiare meglio: [post_title] => Come studiare bene e velocemente: 5 strategie infallibili [post_excerpt] => Riuscire a studiare bene e velocemente può sembrare una contraddizione in termini. In realtà l'unico modo per studiare meno è quello di studiare meglio. In questo articolo leggerai 3 tecniche di studio che daranno la svolta al tuo percorso accademico. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-studiare-bene-e-velocemente [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/imparare-a-studiare/ http://www.efficacemente.com/2011/04/3-tecniche-di-lettura-veloce/ http://www.efficacemente.com/studio/mappe-concettuali-il-miglior-metodo-per-orientarsi-nello-studio/ [post_modified] => 2021-11-02 20:29:52 [post_modified_gmt] => 2021-11-02 19:29:52 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=13352 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 80 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 9944 [post_author] => 3 [post_date] => 2019-05-30 14:25:27 [post_date_gmt] => 2019-05-30 12:25:27 [post_content] => I corsi tradizionali di inglese ti hanno fatto venire l'orchite? Ecco come puoi imparare l'inglese senza studiare nel 2021 (anche se parti da zero!) e divertendoti.

Qualche giorno fa ho postato un simpatico video, in lingua inglese, sulla pagina Facebook di EfficaceMente.

Beh, indovina qual è stato il primo commento che ho ricevuto?

"Bellissimo, peccato sia... incomprensibile".

Non è la prima volta che capita e sicuramente non ne faccio una colpa a chi ha lasciato il commento: il nostro sistema scolastico ha da sempre relegato lo studio della lingua inglese al penultimo posto, subito prima dell'educazione civica.

Ma prendersela con la scuola è riduttivo: molti di noi sono convinti che imparare l'inglese sia solo un'inutile scocciatura.

Qualcosa che dobbiamo fare per superare uno stupido test o per abbellire il nostro curriculum vitae. Niente di più sbagliato. Oggi l'inglese non è più un vezzo: se non lo conosci, sei fuori dai giochi.

Sì, ho capito Andre', ma io non posso spendere 1.000 euri per un corso intensivo di inglese e poi non c'ho tempo per imparare tutte quelle regolette di grammatica: du balle!!!

La verità è che puoi imparare l'inglese senza studiare (beh, perlomeno non nel modo classico).

In uno dei primi post di EfficaceMente, ti ho raccontato le 4 azioni che ho adottato nel corso degli anni per perfezionare il mio inglese.

Nell'articolo di oggi voglio proporti un metodo alternativo.

Ho chiesto a Stefano Mini di raccontarci i trucchi che ha utilizzato per imparare l'inglese e che lo hanno aiutato a trovare un lavoro stagionale negli Stati Uniti.

Stefano ci parlerà:

Vediamo quindi con Stefano come imparare l'inglese velocemente.

La storia di Stefano

Quando guardo fuori dalla finestra vedo una palma, le foglie mosse dal vento accarezzano il balcone del mio appartamento.

Poco più avanti una piccola fattoria con una manciata di mucche che ruminano l'erba, sotto il caldo sole primaverile della Florida.

Ancora più in là, coperto da una pineta, si nasconde Lake Bryan.

Ripenso al 10 aprile dell'anno scorso. Le feste, gli abbracci, i saluti. Salgo sul Boeing 747 dell'American Airlines: scalo a New York, arrivo a Orlando.

Questo anno è passato troppo velocemente.

Nuovo lavoro, nuovi amici, nuova vita.

Il contratto con l'azienda che mi ha assunto scade fra due settimane, poi un mese da turista in giro per gli States, e si ritorna alla cara vecchia Brescia.

Tornerò dai vecchi amici, nella mia vecchia casa, nel vecchio continente.

Questo mi ha fatto ripensare all'inizio del mio percorso.

Un percorso iniziato quasi dieci anni fa, quando per la prima volta ho deciso di imparare l'inglese.

Che sia chiaro fin da subito: non ho mai amato studiare l'inglese, anzi, a dirla tutta non ho mai amato studiare nessuna lingua.

Ma oggi posso dire di padroneggiare l'inglese e mi piacerebbe condividere con te il metodo che ho adottato.

Iniziamo mettendo i puntini sulle "i".

L'inglese è una lingua facile

Alle elementari avevo l'insufficienza in inglese, alle medie avevo l'insufficienza in inglese, alle superiori ero il migliore in inglese. 

Sì, hai letto bene.

E sai quando sono diventato il migliore?

Quando ho smesso di raccontarmi queste balle:

  • "Non sono portato per le lingue."
  • "Ma sì, alla fine vivo bene anche in Italia."
  • "Il prof. d'inglese non è capace."
  • "Ho quattro lavori, tre fidanzate e un cane: non ho tempo!"

Molte di queste convinzioni le hai probabilmente maturate a scuola...

Secondo i canoni tradizionali puoi imparare una lingua solo studiando sui libri, apprendendo la grammatica o traducendo i poeti classici.

Eppure i conti non tornano.

Ti sei mai chiesto come cavolo riuscivi a parlare a 5 anni, pur non avendo imparato mezza regola grammaticale?!

La verità è che...

Impara l'inglese (senza studiare)

Ti racconto la mia storia.

Ero un adolescente pigro, Andrea non aveva ancora pubblicato la sua guida per studiare il doppio in metà del tempo, ed io mi applicavo il minimo indispensabile per non essere bocciato.

Eppure ho imparato l'inglese e l'ho fatto... divertendomi.

La verità è che lo studio, inteso in senso tradizionale, è il metodo meno efficace per apprendere.

Per millenni la nostra mente ha appreso grazie ad una semplice strategia: l'esperienza diretta.

I banchi di scuola, le lavagne e i prof. noiosi sono venuti dopo, e hanno fatto un mezzo disastro con i loro metodi per imparare l'inglese!

Se vuoi imparare l'inglese in modo efficace, non puoi utilizzare i metodi tradizionali. Devi utilizzare tecniche non ortodosse.

Il mio metodo per imparare l'inglese

Nel mio metodo il punto di partenza è l'inglese scritto, non quello orale.

Molti suggeriscono di guardare film, magari sottotitolati. Altri suggeriscono di tradurre il testo delle canzoni. Sì, ma:
  • In un film di 2 ore non sempre il dialogo è la parte predominante.
  • I testi delle canzoni hanno spesso un linguaggio particolare.

Immagina un americano che impari l'italiano guardando Fantozzi o ascoltando Vasco Rossi:

"E... Vuoi da bere Vieni qui Tu per me Te lo dico sottovoce [...]"

Insomma, ci siamo capiti!

E poi scusa, che senso ha partire dall'inglese orale, e in particolare modo dalla pronuncia, che è sicuramente una delle cose più complesse da imparare?

Ecco perché non ti dirò "impara l'inglese ascoltando".

Iniziamo dai fondamentali: la parola scritta.

Sì, ma come?!

C'è un bacino quasi infinito di scritti inglesi. Scritti contemporanei, scritti che riguardano qualsiasi argomento: Internet.

Oggi puoi  usare la rete per imparare l'inglese, magari approfondendo le tue passioni. Ecco come:

  • Trova la tua passione. Ce l'hai una passione, vero? Qualcosa che ti brucia nel petto, qualcosa che faresti per ore senza sentire la stanchezza. Questa passione sarà la tua chiave per imparare l'inglese. Vai su Google.com (in inglese, mi raccomando!) e inizia a cercare blog, forum e siti che parlino di ciò che ti appassiona. Sei appassionato di criptozoologia?! Nessun problema: 100 euri che c'è un sito anche su questo argomento. Una volta trovati i tuoi siti di riferimento, non devi fare altro che iniziare a leggere, leggere ed ancora... leggere. Non ci capisci un'acca?! Utilizza un dizionario online per aiutarti.
  • Partecipa alla comunità. Come detto in precedenza, per apprendere, devi fare esperienza diretta. Leggere non basta, devi partecipare e contribuire alla comunità di appassionati di cui ormai fai parte. Lascia commenti nei forum, nei blog o nelle pagine Facebook. Non devi scrivere trattati, è sufficiente che tu scriva brevemente la tua opinione: "sì, sono d'accordo", "mi piace", etc. Frasi semplici, che ti aiutino però a sbloccarti. Non far caso agli errori che commetterai sicuramente: lanciati. Questo è fondamentale: nel momento in cui da spettatore, diventi attore, costringi te stesso a partecipare e crei dentro di te il bisogno di imparare la nuova lingua per comunicare sempre più efficacemente con i tuoi interlocutori.
  • Ripeti. Continua ad esplorare la rete e a condividere la tua passione con gli altri. Non hai bisogno della grammatica. Puoi non essere d'accordo con me su questo punto, puoi insultarmi, ma la verità non cambia: la grammatica non è essenziale per conoscere una lingua. Tantomeno per una lingua come l'inglese che ha 4 regole in croce! Avrai sempre tempo per perfezionarti, ma adesso è il momento di badare al sodo, di imparare l'inglese divertendoti e per farlo le regolette grammaticali sono solo una perdita di tempo.

Tutto qui Stefano?! Imparare l'inglese è facile come leggere qualche sito web?!

Sì, puoi davvero imparare l'inglese da auto-didatta seguendo queste semplici regole, ma soprattutto seguendo il tuo istinto e le tue passioni.

Non fraintendermi, io ho impiegato 9 anni per arrivare a conoscere l'inglese ad un livello tale da poter lavorare negli Stati Uniti.

Ho fatto i miei errori (un sacco di errori), ho intrapreso strade sbagliate, ma queste strade mi hanno permesso di accumulare molta esperienza, che oggi condivido nel mio blog.

Se vuoi ricordare una cosa soltanto di questo post, ricorda questa:

Non credere a quello che ti raccontano: l'inglese è facile e lo puoi davvero imparare senza studiare, ma soprattutto divertendoti e coltivando le tue passioni.

Ulteriori consigli per imparare l’inglese in poco tempo

Per imparare l'inglese in poco tempo serve un metodo ma anche seguire alcuni consigli utili Chi non vorrebbe imparare a parlare fluentemente una lingua straniera e, soprattutto, riuscire a farlo velocemente? La risposta è scontata: chiunque. Tuttavia, imparare una nuova lingua richiede tempo perché ci sono regole da interiorizzare, un infinità di parole da apprendere, nonché gli esercizi per affinare la pronuncia. Eppure, lo abbiamo visto, modi per imparare in fretta l’inglese, proprio come ci ha raccontato Stefano, ci sono. Ecco alcuni consigli e trucchi che ho raccolto per aiutarti ad apprendere questa lingua in poco tempo e, soprattutto, efficacemente e senza troppo sforzo.
10 consigli per imparare bene l'inglese
  • Apprendi dall’ascolto: ascoltare anche distrattamente in sottofondo e di continuo una conversazione in inglese è un modo di apprendere ortodosso ma efficace, che la scienza chiama implicito o inconscio (Arthur S. Reber, 1989);
  • Impara le parole per associazione di idee: associare una nuova parola da apprendere ad un’immagine non è solo un modo efficace per velocizzare l’apprendimento, ma anche estremamente divertente;
  • Parla con persone reali: esercitati nella conversazione, meglio se con un madrelingua, senza avere paura di sbagliare una parola o la pronuncia, acquisirai scioltezza e padronanza senza neppure accorgertene;
  • Ripeti allo specchio: in assenza di qualcuno con cui fare conversazione, esercitati da solo ripetendo allo specchio regole e parole nuove che hai imparato o, più semplicemente, raccontando qualcosa di te come fosse un compagno immaginario;
  • Iscriviti a canali YouTube o podcast (in inglese): Iscriviti a un canale tematico di un argomento che ti piace e inizia ad ascoltare mentre guidi o vai a scuola. La tua comprensione migliorerà ogni giorno di più;
  • Impara i suoni separatamente: la grammatica è obbligatoria da conoscere, ma prima di questo devi imparare a riconoscere i suoni. Parti dalla fonetica e concentrati sui suoni per te più difficili. Così imparerai a parlare inglese (e a farti capire) e, soprattutto, a comprendere gli altri quando parlano;
  • Utilizza il metodo del pappagallo: in inglese si dice “Shadowing” (“fare l’ombra”), ma in pratica significa ripetere “a pappagallo”, cioè fedelmente, le parole che si ascoltano di una conversazione;
  • Esercitati tutti i giorni: dedica ogni giorno un po’ del tuo tempo a imparare l’inglese, falla diventare un’abitudine. Un’assimilazione graduale è sempre più efficace di una sessione di studio concentrata;
  • Cambia la lingua del tuo smartphone: usando tablet o smartphone in inglese puoi migliorare il tuo livello della lingua e il tuo vocabolario, memorizzando ogni giorno nuove parole da associare alle varie funzioni del tuo dispositivo;
  • Lega l’apprendimento a uno scopo: prima di ogni altro consiglio che hai letto devi trovare la motivazione giusta per imparare l’inglese, che sia una passione da seguire, il piacere di viaggiare o, un nuovo lavoro all’estero. Se sei motivato i tempi necessari all’apprendimento si riducono.

Conclusioni

Spero che tu abbia trovato utili i suggerimenti di Stefano.

Anche se io e Stefano proponiamo approcci in parte differenti, su una cosa ci troviamo assolutamente d'accordo: se hai tempo da dedicare all'inglese, non sprecare soldi in costosi corsi d'inglese intensivi o peggio ancora nelle famigerate vacanze studio.

Leggi ciò che ti appassiona in lingua inglese, partecipa alle discussioni di coloro che condividono le tue passioni e soprattutto concediti la possibilità di sbagliare.

Solo superando questi blocchi guadagnerai quell'autostima necessaria per parlare la nuova lingua.

Ps. Le strategie di Stefano sono ideali per quei principianti che si avvicinano alla lingua. Se invece hai già delle basi d'inglese e vuoi passare al livello successivo, hai probabilmente bisogno di qualcosa di diverso.

Negli ultimi mesi, insieme a Fluentify (una delle più dinamiche start-up londinesi specializzate nell’apprendimento delle lingue online) abbiamo realizzato un nuovissimo corso di inglese interattivo finalizzato proprio a garantirti l’esperienza di apprendimento più coinvolgente e completa di sempre. Il nome del Corso è YES! Inglese e include decine di video-lezioni, strategie di meta-learning (tecniche per velocizzare l’apprendimento) e sessioni live in cui potrai parlare direttamente con un Tutor madrelingua certificato, dedicato esclusivamente a te. Se il tuo obiettivo è quello di ottenere un inglese fluente e vorresti saperne di più, sarà per me un vero piacere darti tutte le informazioni utili riguardanti i Corsi YES! Inglese ma la prima cosa da fare è svolgere il Test di Ingresso gratuito! Proprio così, i linguisti specializzati di Fluentify hanno realizzato per te un vero e proprio Test che:
  • Ti fornirà una visione estremamente precisa del tuo esatto livello di conoscenza della lingua inglese.
  • Metterà in luce le tue lacune principali e ti permetterà di individuare su quali aree dovrai lavorare con più intensità.
In base al punteggio ottenuto ti guideremo passo passo nella scelta del corso di YES! Inglese più adatto al tuo livello e ai tuoi personali obiettivi di apprendimento. Se davvero vuoi portare il tuo inglese al livello successivo allora il Test di ingresso gratuito di YES! rappresenta quel famoso “primo passo” necessario ad innescare il cambiamento.

Clicca sul pulsante qui sotto, guarda il breve video introduttivo e inizia subito il Test (richiede solo 10 min).

 

INIZIA IL TEST 》

  What are you waiting for? Are you in? ?  

Buona settimana.

[post_title] => Come Imparare l'Inglese Senza Studiare [post_excerpt] => I corsi tradizionali di inglese ti hanno fatto venire l'orchite? Ecco come puoi imparare l'inglese senza studiare e divertendoti. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => imparare-inglese [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2009/05/imparare-inglese-un-metodo-non-convenzionale/ http://www.efficacemente.com/imparare-a-studiare/ http://www.efficacemente.com/inglese/imparare-inglese-un-metodo-non-convenzionale/ [post_modified] => 2021-08-13 11:40:38 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 09:40:38 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=9944 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 103 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 16712 [post_author] => 3 [post_date] => 2018-08-03 15:10:08 [post_date_gmt] => 2018-08-03 13:10:08 [post_content] => Se vuoi arrivare all'agognata laurea devi avere un metodo di studio universitario, se però il tuo attuale "metodo" prevede questa attività, stai commettendo un errore fatale.

Guarda attentamente la foto all'inizio di questo articolo. Ad uno sguardo superficiale potresti vedere un semplice studente intento a scegliere un libro da uno scaffale della biblioteca.

Ora osservalo meglio.

Io già me lo immagino questo poveraccio: è una matricola e dopo aver preso mazzate alle prime sessioni d'esame, si è rifugiato in questa biblioteca di periferia e continua a far finta di leggere copertine di libri ripetendo tra sé e sé "non ho un metodo di studio, è noioso leggere e ripetere", pur di non dover tornare nelle aule universitarie! :-D

Naturalmente sto scherzando! Eppure per molti studenti il primo impatto con l'università è spesso traumatico: abituati infatti agli standard delle scuole superiori, la maggior parte di loro varca le aule della propria facoltà senza avere uno straccio di metodo di studio universitario.

Chi un minimo di metodo per studiare all'università ce l'ha invece, spesso commette un errore fatale che lo condannerà inevitabilmente a sessioni di studio estenuanti e risultati spesso mediocri, trovandosi nella condizione di non voler chiedere neanche aiuto per il suo studio universitario perché molto orgoglioso e poco avvezzo a modificare il suo metodo di studio.

Continua a leggere.

Nei prossimi minuti ti spiegherò esattamente qual è questo errore fatale e cosa fare in alternativa per sviluppare un metodo di studio universitario davvero efficace.

Nello specifico vedremo:

Come studiano gli universitari mediocri

"Non amo studiare. Odio studiare. Amo apprendere. Apprendere è meraviglioso."

Natalie Portman.

Se ti ritrovi nel "metodo di studio" che descriverò nei prossimi paragrafi, inizia a preoccuparti... :-D

Economia, Medicina, Ingegneria, Giurisprudenza, poco importa quale sia la Facoltà, la maggior parte degli studenti, quando si tratta di preparare un esame universitario, commette immancabilmente lo stesso maledetto errore.

Recuperano appunti, slides, testi di riferimento, le risposte al test a risposta multipla dell'ultima sessione, e poi iniziano a leggere e rileggere questo materiale fino allo sfinimento. Stop.

Ecco, questo è il geniale metodo di studio adottato dal 97,2% degli studenti universitari (dati ISTATgram): mettersi davanti ad un libro e sfogliarlo svogliatamente più e più volte nella speranza che qualcosa rimanga attaccato ai propri neuroni annoiati.

Se questo è anche il TUO metodo di studio universitario, lascia che te lo dica chiaramente: scordati di laurearti in tempo e scordati il 110 e lode.

Sperare di apprendere le nozioni di un esame in questo modo è come sperare che una pallina da tennis rimanga attaccata ad una parete a forza di tiracela addosso.

Ok Andre', mi hai sgamato! Ma quale sarebbe questa alternativa così efficace?!

Un metodo di studio universitario efficace

"La conoscenza è ciò che rimane quando dimentichi ciò che hai studiato."

B. F. Skinner.

Ti ho già introdotto al tema metodo di studio in questo famoso articolo di EfficaceMente, cavoli, a questo argomento ho dedicato un intero manuale utilizzato da quasi 13.000 studenti, provenienti da ogni facoltà!

Non è certo immaginabile trattare tutti gli aspetti di un metodo di studio completo in un post da 1.500-2.000 parole.

Quello che farò nei prossimi paragrafi però sarà darti finalmente un'alternativa efficace al metodo "pallina da tennis contro il muro" ;-)

Vediamo allora nel dettaglio cosa non funziona nel metodo d'esame che hai utilizzato finora e cosa dovresti iniziare a fare da oggi stesso.

Fase di LETTURA

metodo-di-studio-universitario-efficace1 DA NON FARE: rileggere fino alla nausea quel maledetto materiale d'esame!

Ci sono aule studio universitarie che sembrano monasteri post-moderni pieni di studenti-monaci che borbottano a bassa voce le loro litanie davanti ad un libro-sacro di testo.

Lascia che te lo ripeta: leggere (e rileggere) in silenzio un libro di testo è il modo più inefficiente che tu possa utilizzare per preparare un esame. Questo è legato a due fattori:

  1. Leggere in silenzio attiva unicamente la nostra memoria visiva a breve termine. Tradotto: se ti limiti a leggere e lo fai solo con gli "occhi", dopo mezz'ora avrai dimenticato già l'80% di quanto visto.
  2. Studiare e memorizzare sono due cose completamente diverse! Studi davvero solo nel momento in cui rielabori il materiale letto. La memorizzazione è solo l'ultima fase dell'apprendimento e neanche la più importante.

Ecco cosa dovresti fare in alternativa.

DA FARE: alternare lettura veloce e lettura ad alta voce

Fermi tutti! Mi starai mica suggerendo di leggere ad alta voce?! André, ma che ti sei fumato oggi?! Mi hai sempre detto che pronunciare le parole che leggiamo rallenta terribilmente la nostra lettura! 

In uno studio del 2010 pubblicato sul Journal of Experimental Psychology è stato dimostrato che leggere ad alta voce alcune parti di un testo migliora la nostra memoria.

Prima di saltare a conclusioni sbagliate, rileggi bene quanto ho scritto:

"Leggere ad alta voce alcune parti di un testo ne migliora la memorizzazione."

Nell'esperimento sono stati messi a confronto tre gruppi di persone, a cui è stata fornita una lista da memorizzare:

  • Il primo gruppo doveva memorizzare la lista leggendo i singoli punti a bassa voce.
  • Il secondo gruppo doveva memorizzarla leggendola ad alta voce.
  • Il terzo gruppo doveva memorizzarla leggendone metà a bassa voce e metà ad alta voce.

I primi due gruppi hanno ottenuto risultati molto simili (e piuttosto scarsi), mentre il terzo gruppo ha battuto di gran lunga tutti gli altri.

Leggere ad alta voce, di per sé, non migliora le tue prestazioni, anzi, come ti ho spiegato per anni rallenta la tua lettura.

Quindi, continua pure ad allenarti con le tecniche di lettura veloce che ti ho sempre suggerito.

Quello che puoi fare in più, è soffermarti sui passaggi chiave del tuo materiale di testo e ripeterli ad alta voce.

BONUS: adotta la tecnica sniper

Se vuoi diventare un ninja dell'apprendimento, non solo dovresti leggere alternando lettura veloce e lettura ad alta voce, ma dovresti leggere come se avessi un'unica possibilità per visionare quel materiale.

Questo trucchetto prende il nome di tecnica sniper.

Se desideri approfondire questo punto, trovi tutti i dettagli nella nostra guida su come studiare bene e velocemente.

Chiusa la disputa sulla lettura, vediamo cosa conta davvero per iniziare a migliorare il tuo metodo di studio universitario...

Fase di RIELABORAZIONE

metodo-di-studio-universitario-efficace2

Come abbiamo visto, limitarsi a leggere e rileggere il materiale di studio è l'errore fatale commesso dagli studenti mediocri. Se infatti vuoi far davvero tua una materia devi necessariamente rielaborare le informazioni che stai acquisendo.

Ecco come farlo rapidamente:

1. Individua i punti chiave e poi...

La sintesi è uno degli strumenti di rielaborazione più efficaci a disposizione del nostro cervello.

Ogni volta che leggi un capitolo di un libro, i tuoi appunti o delle slides, chiediti: "ok, quali sono i 3-5 punti chiave che devo assolutamente ricordare?"

Scrivili su un foglio lasciando dello spazio vuoto tra un punto e l'altro.

2. ... scrivi un "tweet" per ogni punto chiave.

Utilizza lo spazio vuoto per mettere una breve descrizione del punto chiave, e quando dico breve, intendo... breve, diciamo non più di 140 caratteri, insomma la lunghezza di un tweet.

Crea queste liste di punti chiave o nelle 24 ore successive alla lezione o subito dopo aver completato un capitolo.

Nel prossimo paragrafo ti spiegherò come utilizzarle in fase di ripasso.

Ps. sì, questo metodo si applica anche alle materie scientifiche. Smettiamola con questa storiella che per studiare Analisi serva un metodo astruso: se non sei in grado di capire quali sono i passaggi chiave della dimostrazione del Teorema di Lagrange e non sei in grado di descriverne il significato in 140 caratteri, da ingegnere a studente di ingegneria, posso dirti che non c'hai capito una sega :-D

Pps. Le "liste di punti chiave" sono una tecnica che suggerisco ai principianti, ovvero a chi non ha mai adottato un buon metodo di studio. Naturalmente c'è poi un livello avanzato di rielaborazione, che prevede tecniche più sofisticate, tra cui le mappe concettuali.

Fase di RIPETIZIONE

metodo-di-studio-universitario-efficace3

Ok, abbiamo imparato a leggere il nostro materiale di studio, abbiamo imparato a rielaborarlo e adesso dobbiamo essere in grado di affrontare l'ultima fase del nostro metodo di studio universitario: la ripetizione.

È in questa fase che fai davvero tua una materia: ecco come affrontarla EfficaceMente.

Prima di dirmi "non riesco a ripetere ad alta voce, odio farlo!", leggi i miei suggerimenti: 1. Spiega le "liste di punti chiave"

Riprendi in mano le liste di punti chiave o le mappe mentali che hai preparato per il tuo esame, leggi i punti chiave e i relativi "tweet" di un capitolo e poi metti via gli appunti ed inizia a spiegare a voce alta tutto ciò che hai capito e che ricordi di questo capitolo, come se dovessi tenere una lezione davanti ad un'aula.

Se la prima lista riesci a padroneggiarla bene, passa alla successiva, se invece sei esitante, metti un puntino rosso su questo foglio e passa a quello successivo.

2. Rivedi le liste "problematiche"

Rivedi rapidamente il materiale delle liste "problematiche" (quelle col puntino rosso) e poi prova a ripetere nuovamente tutto ciò che hai capito/memorizzato dalle mappe mentali.

Ripeti ciclicamente il punto 1 e 2 finché non sarà rimasto alcun foglio di liste di punti chiave da ripetere. That's it!

Conclusioni e... un regalo per te

Questo naturalmente è solo un embrione di metodo di studio universitario, ma ti assicuro che se finora hai utilizzato il metodo "pallina da tennis contro il muro", sarà per te una vera e propria rivoluzione, soprattutto studiare senza ripetere eccessivamente nozioni per te vuote.

Come ti accennavo qualche riga fa, un metodo di studio universitario che si rispetti è composto da tutta una serie di elementi che vanno oltre la semplice lettura o ripetizione del materiale di studio.

Devi saper prendere appunti, devi poter sfruttare le più avanzate strategie di apprendimento, devi padroneggiare le tecniche di memorizzazione, devi riuscire a ritrovare rapidamente la concentrazione e… devi conoscere il tuo stile cognitivo!

“Come Andrea? Cosa centra il metodo di studio con lo stile cognitivo?”

In verità i due elementi sono estremamente correlati tra loro, lascia che ti spieghi meglio.

Ci hanno sempre insegnato a vedere lo studio come un processo standard e che, in quanto tale, dovesse essere approcciato da tutti nello stesso identico modo.

Ti garantisco che non è affatto cosi. Ognuno di noi dovrebbe avere la possibilità di trovare un proprio metodo di studio. Tutti noi infatti abbiamo caratteristiche, predisposizioni e uno stile cognitivo specifico che rendono le modalità di studio diverse per ognuno.

Sulla base di questo ti sarà facile capire che il tuo metodo di studio non può essere generale ma, deve essere calibrato proprio su queste tue attitudini personali.

Individuare il tuo stile cognitivo dunque ti sarà estremamente utile a individuare quelle tecniche e strategie di studio più adatte ai tuoi schemi di apprendimento e sulle quali dovrai impostare il tuo personale metodo di studio.

Se vuoi individuare il tuo stile cognitivo, le tecniche di studio più adatte a te e capire come sviluppare il tuo personale piano di apprendimento, ho preparato un test gratuito. Lo puoi completare in meno di 5 minuti cliccando il pulsante arancione qui sotto.

 

VAI AL TEST 》

 

Ti auguro un buon test!

Andrea. Ultimo aggiornamento il 21 Ottobre 2021 [post_title] => Metodo di studio universitario: l'errore fatale degli studenti mediocri [post_excerpt] => Un percorso accademico difficilmente può essere affrontato senza un metodo di studio universitario che si rispetti. In questo nuovo articolo di EfficaceMente ti spiego qual è l'errore #1 che devi evitare per sviluppare il tuo metodo e quali sono le tecniche alternative a tua disposizione. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => metodo-di-studio-universitario [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2010/11/un-metodo-di-studio-efficace/ http://www.efficacemente.com/imparare-a-studiare/ http://www.efficacemente.com/mente/lettura-veloce-le-3-cattive-abitudini-che-ti-rallentano/ http://www.efficacemente.com/studio/3-tecniche-di-lettura-veloce/ http://www.efficacemente.com/studio/come-studiare-bene-e-velocemente/ http://www.efficacemente.com/studio/mappe-concettuali-il-miglior-metodo-per-orientarsi-nello-studio/ http://www.efficacemente.com/studio/un-metodo-di-studio-efficace/ [post_modified] => 2021-10-21 23:57:59 [post_modified_gmt] => 2021-10-21 21:57:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=16712 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 58 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 3378 [post_author] => 3 [post_date] => 2010-02-08 08:03:14 [post_date_gmt] => 2010-02-08 07:03:14 [post_content] => Aumentare l'autostima e la fiducia in sé stessi non ci rende automaticamente dei supereroi, ma rappresenta il primo passo per affrontare al meglio le sfide di tutti i giorni e i nostri obiettivi più ambiziosi.  

Una bassa autostima può rappresentare un enorme ostacolo nel percorso verso i nostri sogni ed obiettivi. Quando smettiamo di credere in noi stessi, nelle nostre potenzialità e nelle nostre capacità, il mondo esterno e chi ci circonda inizia a prendere decisioni che spetterebbero soltanto a noi.

La buona notizia è che il nostro livello di autostima non è scritto nei nostri geni. Non puoi scegliere di che colore sono i tuoi occhi o i tuoi capelli, ma puoi sempre imparare a rispettarti maggiormente, a riconoscere i tuoi limiti e ad apprezzare i tuoi pregi. Proprio così, si può imparare ad accrescere l' autostima.

Già in passato ti ho parlato di 5 lezioni per accrescere la fiducia in te stesso; questa volta voglio parlarti di 5 azioni pratiche che, nel mio caso, si sono dimostrate particolarmente efficaci per aumentare l'autostima:

Cura il tuo aspetto.

Ho sempre preferito l'essenza all'apparenza, ma curare se stessi, migliorare il proprio aspetto fisico e il modo in cui ci vestiamo può avere un importante impatto sulla nostra autostima. A volte, quando ci sentiamo giù di corda e fuori forma, un po' di attività sportiva, una bella doccia ed il nostro capo di vestiario preferito sono un toccasana per aumentare la fiducia in noi stessi.

Ripensa il modo in cui ti pensi.

Curare il proprio aspetto non solo ci fa sentire meglio, ma ci aiuta a creare una nuova immagine di noi stessi. Gran parte del nostro livello di autostima è legato all'immagine che proiettiamo di noi stessi nella nostra mente. Non sempre questa immagine è reale e spesso tendiamo a dare maggior peso ai nostri difetti piuttosto che ai nostri pregi e ai nostri punti di forza. Questa immagine non è scolpita nella pietra: per scoprire come avere autostima, modificala come se avessi a disposizione uno di quei programmi di ritocco digitale. Non si tratta di mentire a se stessi, ma al contrario di equilibrare i nostri pregi e difetti per una maggiore stima di sé e del proprio valore.

Impara a definire i tuoi obiettivi.

Un'altra importante componente della nostra autostima è legata agli obiettivi che riusciamo a centrare. In alcuni periodi la nostra vita sembra costellata da continui fallimenti che ci fanno perdere autostima; le cause possono essere molteplici: la dannata sfortuna (molto meno di quanto crediamo), la nostra mancanza di auto-disciplina (spesso, ma non sempre), la procrastinazione continuargli inevitabili ostacoli che non avevamo preventivato. Eppure, spesso non riusciamo a centrare i nostri obiettivi a causa di come li definiamo. Obiettivi migliori possono condurci a risultati migliori e di conseguenza ad una maggiore autostima.

Scrivi un diario personale.

Il più delle volte ricordiamo benissimo i nostri fallimenti e tendiamo a dimenticare i nostri successi e i nostri punti di forza; per questo motivo un diario personale, in cui raccogliere quotidianamente i nostri pensieri e le nostre esperienze (positive e negative), può aiutarci ad avere un'immagine più oggettiva dei risultati che abbiamo raggiunto nel passato e ad avere una percezione diversa della stima di sé e del proprio valore. Conoscere te stesso, quello che hai già affrontato ed il modo in cui ne sei uscito, può essere una spinta fondamentale per aumentare la fiducia in te stesso.

Parla lentamente.

Non smetterò mai di sorprendermi di come il nostro corpo e la nostra gestualità influenzino la nostra mente e viceversa. Un famoso detto americano dice "fake it till you make it" (fai finta, finché non ci riuscirai): questo significa che ancor prima di avere un'elevata autostima dovresti fingere di comportarti come qualcuno molto confidente. Qualche esempio pratico? Prova a parlare lentamente: chi parla in modo fermo e pacato dimostra di avere piena padronanza dell'argomento e di non doversi precipitare per esprimere la propria opinione.
"Quando crediamo in noi stessi possiamo sperimentare la curiosità, la felicità, la sorpresa e tutte quelle emozioni che ci rendono profondamente umani."

E.E. Cummings.

Nella tua esperienza, quali azioni ti hanno permesso di aumentare la fiducia in te stesso? Se ti va, condividile nei commenti, beh... sempre se credi di esserne all'altezza! ;-)

Ps. Mi auguro che le strategie che ti ho proposto ti aiutino davvero a riconquistare un po' di "centimetri" per i tuoi livelli di autostima. Vorrei però essere estremamente chiaro su un punto: l'autostima non è una torta preconfezionata che possiamo preparare in un quarto d'ora mescolando 3-4 ingredienti.

Per tornare a credere in noi stessi dobbiamo intraprendere un percorso graduale fatto di sfide quotidiane. Per rispondere ai lettori che vogliono migliorare l'autostima e che mi hanno chiesto di approfondire queste tematiche, ho pubblicato APP - Autostima Passo Passo, un vero e proprio (per)corso digitale che ti accompagnerà, passo dopo passo, alla riconquista della fiducia in te stesso. Puoi scoprire di cosa si tratta e scaricare la tua copia cliccando qui.

Andrea Giuliodori.

[post_title] => 5 Azioni pratiche per sviluppare l'autostima di un supereroe [post_excerpt] => Avere una maggior autostima e fiducia in sé stessi non ci rende automaticamente dei supereroi, ma rappresenta il primo passo per affrontare al meglio le sfide di tutti i giorni e i nostri obiettivi più ambiziosi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => 5-azioni-pratiche-per-sviluppare-lautostima-di-un-supereroe [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2009/06/autostima-corso-pratico-in-5-lezioni/ http://www.efficacemente.com/autostima/ http://www.efficacemente.com/piu-autostima/autostima-corso-pratico-in-5-lezioni/ [post_modified] => 2021-08-11 11:54:23 [post_modified_gmt] => 2021-08-11 09:54:23 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=3378 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 143 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 16389 [post_author] => 3 [post_date] => 2018-08-03 01:10:41 [post_date_gmt] => 2018-08-02 23:10:41 [post_content] => In questo articolo ti parlerò di due miti da sfatare sull'apprendimento delle lingue e l'unica strategia davvero efficace per avere un inglese fluente.  

Come appassionato di crescita personale ho iniziato a leggere libri e blog in lingua inglese da giovanissimo, appena diciottenne. Sono poi arrivate le serie americane, le varie certificazioni prese durante l'università e i test standard d'inglese fatti nei primi colloqui di lavoro.

Insomma, appena laureato, forse non avevo proprio un inglese fluente, ma ero comunque convinto di cavarmela piuttosto bene con la lingua di sua maestà Elisabetta II.

Questo finché non ho iniziato a lavorare per una multinazionale americana della consulenza.

Partecipare fin da stagista a progetti multi-country, conference call con clienti e colleghi stranieri, stesure di report e presentazioni in inglese, mi ha fatto realizzare quanto il mio inglese facesse ca**re (e che avrei dovuto cambiare approccio quanto prima).

Magari anche tu sei in una situazione simile in questo momento: hai il classico "inglese scolastico", leggi e comprendi abbastanza bene e ti arrangi anche a parlarlo, ma se dovessi seguire delle lezioni, fare un colloquio o partecipare ad un meeting di lavoro IN INGLESE, ti ritroveresti nella me...lma.

...fuochino? Allora continua a leggere.

In questo articolo ti parlerò de...

Partiamo!

Balla #1:"devi imparare le lingue come i bambini!"

"Parlare una seconda lingua è come avere una seconda anima."

Carlo Magno.

Pensa a come hai imparato l'italiano, quando eri piccolino. Non hai certo studiato la grammatica, eppure, ancor prima di frequentare le scuole elementari, lo parlavi già senza problemi. Insomma, hai semplicemente "assorbito" la lingua dall'ambiente esterno.

Perfetto! Basta replicare la stessa strategia per imparare l'inglese e siamo a cavallo, giusto?!

inglese-fluente-false

Cercare di "forzare" sugli adulti i metodi di apprendimento della lingua utilizzati in modo intuitivo dai bambini è una perdita di tempo e di soldi. Come spiegato dal Prof. Robert DeKeyser, esperto di second language acquisition dell'Università del Maryland:

"You cannot expect to just absorb language the way that a child does. Children are good at learning the underlining system of all the language input they get because they can infer the underlying patterns without understanding the rules. Adults must be conscientious of the rules of the language. Their implicit learning doesn’t work all that well."

In parole povere, in età adulta non puoi aspettarti di "assorbire" la lingua come farebbe un bambino.

Durante l'infanzia infatti abbiamo la capacità di apprendere in modo intuitivo gli schemi linguistici, senza dover conoscere le regole grammaticali.

Questa capacità però viene meno negli adulti, che invece hanno bisogno di studiare in modo cosciente i meccanismi linguistici.

Non solo.

Come dimostrato da Lisa Davidson, Professoressa associata di linguistica presso l'Università di New York, quando diventiamo adulti, siamo soggetti al cosiddetto "effetto interferenza":

"When you’re a kid all you’re working at is acquiring a language, and you don’t have anything to get in the way of that. When you’re an adult and you already have a language, the one you already know filters sounds and you get substantial interference from it."

Per i bambini imparare una lingua è un lavoro a tempo pieno, privo di distrazioni.

Gli adulti invece, già conoscono una lingua e questa conoscenza interferisce con l'apprendimento della nuova lingua (a meno che non vengano utilizzate le strategie corrette).

Questo non significa certo che immergerti nell'inglese attraverso film, serie tv, podcast, blog, etc. ti faccia male: anzi.

Ma se il tuo obiettivo è avere un inglese fluente, non puoi limitarti ad "assorbire" la lingua: non farai progressi significativi (chissà, magari te n'eri già accorto!).

Quando si parla di studio dell'inglese, esiste però una balla ancora più pericolosa...

Balla #2:"hai bisogno di un corso di inglese intensivo!"

Quindi André, se quei metodi lì non funzionano, qui l'unica alternativa è un bel corso intensivo! 2-3 settimane di full immersion e passa la paura, giusto?!

inglese-fluente-false

Sarà almeno dagli anni '90 che ci smaronano con i famosi "corsi intensivi di business english". Ah, naturalmente c'è anche la variante per gli studenti: la famigerata "vacanza studio"! (Sì, hanno fatto buttare 2.000€ anche a me con la mitica vacanza studio a Londra -.-").

Se dal punto di vista commerciale, questi "pacchetti" sono formidabili (ogni 2-3 settimane le scuole d'inglese hanno una nuova classe di studenti a cui spillare 2-3.000€), dal punto di vista dell'apprendimento della lingua sono alquanto inefficaci.

Come sottolinea nuovamente il Prof. DeKeyser:

"Intensive courses are a complete sham. The only way to learn a language is to make quite a bit of effort on a daily basis."

Che potremmo tradurre in: "i corsi intensivi di lingua sono una completa farsa. L'unico modo per imparare una lingua è fare piccoli progressi quotidiani."

Eccoci finalmente arrivati al punto chiave, ripetiamolo perché è di fondamentale importanza:

"L'unico modo per imparare una lingua è fare piccoli progressi quotidiani."

Se non sei più un bambino e hai poco tempo per studiare, non sarà un corso intensivo di lingua a risolvere i tuoi problemi d'inglese.

Quello di cui hai bisogno sono brevi sessioni di studio, da ripetere quotidianamente e per un periodo di alcuni mesi.

Ok Andrè, tutto chiaro: se voglio diventare fluente in inglese, devo fare 'sti piccoli progressi quotidiani! Quindi mi devo scaricare una di quelle app per principianti?! Ma io le basi le ho: tempo un paio di settimane e le app-giochino mi fanno venire il latte alle ginocchia! Du balle!

L'alternativa per avere un inglese fluente

Forse c'è un'alternativa che fa al caso tuo. Immagina un corso online...
  1. da poter seguire quando vuoi e dove vuoi (su computer, tablet, smartphone).
  2. composto da moduli quotidiani della durata massima di 15-20 minuti, sviluppati da esperti in second language acquisition specializzati presso l'Università di Oxford; moduli pensati per chi, come te, ha già le basi d'inglese ma vuole perfezionarlo.
  3. che includa delle sessioni live con tutor madrelingua certificati, che ti aiutino a fare pratica con il tuo speaking. In fondo, se vuoi parlare inglese, devi... parlarlo!.
 

La buona notizia è che questo Corso esiste e si chiama YES! Inglese.

Lascia che ti spieghi…

Nel 2015 ho intrapreso una stretta collaborazione con Fluentify, una delle più dinamiche start-up londinesi (di origine italiana) specializzate nell'apprendimento delle lingue online.

Dopo un duro lavoro siamo riusciti a sviluppare insieme un corso di inglese online rivolto a tutti quelli che avessero voglia di mettersi in gioco e passare al livello successivo (indipendentemente dal punto di partenza).

Il successo di questa iniziativa ci ha dato la giusta motivazione a continuare ad approfondire le più avanzate metodologie per l’apprendimento dell’inglese e l’entrata nel team di Fluentify di un fuoriclasse come Christian Saunders, considerato tra i migliori insegnanti di inglese al mondo (con un seguito di più di 220.000 iscritti su suo canale YouTube), ci ha portato a prendere la decisione di riprogettare YES! Inglese dalle fondamenta.

Ed è così che abbiamo lanciato ufficialmente i nuovissimi Corsi di YES! Inglese!

“Ok Andrè, voglio iniziare subito!”

Immagino che tu non veda l’ora di metterti in gioco e scoprire l’intero mondo di YES! ma, come tutti i percorsi che si rispettino, anche quello per padroneggiare la lingua inglese è fatto di piccoli steps… Il primo è proprio il Test di ingresso gratuito ? "Come Andrè? Devo mettermi a fare un test?" Niente paura, il Test dura circa 10 minuti, ti fornirà una visione estremamente precisa del tuo livello di inglese e ti aiuterà ad individuare quelle aree in cui sei più carente e quindi su cui far maggiore attenzione. Inoltre, in base al punteggio che totalizzerai, ti guideremo nella scelta del singolo corso di YES! Inglese più in linea al tuo livello e ai tuoi obiettivi di apprendimento.

Da quanto tempo ti stai ripetendo di voler imparare l’inglese ma ogni volta trovi una scusa diversa per non farlo? Smetti di procrastinare e fai il primo passo verso il raggiungimento del tuo obiettivo! Clicca sul bottone rosso qui sotto, guarda il breve video introduttivo e inizia subito il Test.

INIZIA IL TEST 》

  See you soon :) [post_title] => Vuoi avere un inglese fluente? Evita questi 2 errori [post_excerpt] => Vuoi avere un inglese fluente? Allora non puoi permetterti questi 2 errori. Da anni infatti le scuole d'inglese ci consigliano 2 strategie per apprendere l'inglese che in realtà si sono dimostrate totalmente inutili. Scopri quali sono. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => inglese-fluente [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-13 11:40:05 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 09:40:05 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=16389 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 79 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 13352 [post_author] => 3 [post_date] => 2014-07-14 01:10:59 [post_date_gmt] => 2014-07-14 00:10:59 [post_content] => Vuoi scoprire come studiare bene e velocemente? Sei arrivato nel posto giusto. In questo articolo troverai alcune delle migliori strategie per imparare a studiare meglio e portare a casa quegli agognati 30 e lode. A volte vengo contattato da studenti universitari che mi chiedono come studiare bene e più velocemente.

No, ho mentito: quello che mi chiedono davvero è qualche trucchetto per studiare male e senza perderci troppo tempo!

Certo non sono così diretti e spudorati, ma la sostanza non cambia:

"Andrea, tra 3 giorni ho un esame universitario e devo memorizzare 1.600 pagine, come posso fare: il tuo metodo di studio può aiutarmi?!"

No cocco mio, il mio metodo per studiare non può aiutarti.

Se ti sei grattato la uallera finora, non può aiutarti neanche San Gennaro!

Studiare bene e velocemente richiede impegno

"Non amo studiare. Odio studiare. Amo apprendere. Apprendere è meraviglioso."

Natalie Portman.

Inutile girarci intorno, se vuoi ridurre drasticamente le tue ore di studio non puoi continuare ad affrontare l'università "à la cazz di can". 

Studiare bene e velocemente significa innanzitutto aumentare in modo vertiginoso la qualità delle (poche) ore che trascorrerai sui libri.

Diciamocelo, leggere svogliatamente un capitolo rispondendo nel frattempo ai messaggi di WhatsApp, Facebook o dei piccioni viaggiatori è molto più comodo del doversi concentrare unicamente sui propri libri di testo.

Ripetere meccanicamente una definizione con l'entusiasmo di un bradipo nano delle Ande è molto più facile del dover riflettere su quanto si sta studiando.

Evidenziare indiscriminatamente l'intero paragrafo come farebbe un imbianchino fatto di LSD è molto più banale del dover sottolineare unicamente i concetti chiave.

Studiare bene e velocemente richiede impegno.

Se stavi cercando metodi per studiare più velocemente con qualche soluzione fast-food per i tuoi problemi, mi spiace ma sei nel posto sbagliato: per le pillole magiche o le promesse sensazionalistiche, devi provare il secondo blog a destra.

Se al contrario hai finalmente deciso di impegnarti per dare una raddrizzata al tuo percorso universitario e capire una volta per tutte come si studia in maniera efficace, continua a leggere.

In questo articolo scoprirai 5 tecniche di studio infallibili:

Come studiare bene e velocemente con la pre-lettura

Se i tuoi esami universitari prevedono tomi da 500, 800 o addirittura 1.000 pagine, riuscire a raddoppiare o triplicare la tua velocità di lettura ti consentirebbe di risparmiare parecchie ore di studio.

Il problema è che c'è molta confusione (e molte leggende metropolitane) su cosa sia davvero la lettura veloce e su come si possano studiare tante pagine in poco tempo.

Per quella che è la mia esperienza, raggiungere le 600-800 parole al minuto (un lettore medio arriva a 200-250 pam), con il 100% di comprensione del testo, richiede innanzitutto tanta, ma davvero tanta, pratica.

Per iniziare puoi partire da queste 3 tecniche di lettura veloce (nel post linkato trovi anche una nuova applicazione per divorare gli articoli online).

Non è il caso però di scoraggiarsi.

Esistono infatti strategie di lettura veloce che ti aiuteranno a migliorare la qualità (e la rapidità) del tuo studio fin dalla loro prima applicazione: sto parlando della pre-lettura.

Ecco come funziona:

  • Ancora prima di iniziare a studiare, cerca di familiarizzare con il libro di testo (o con gli appunti del libro):
    • Leggi rapidamente l'indice del capitolo.
    • Sfoglia le pagine del capitolo cercando semplicemente di prendere dimestichezza con la struttura delle sezioni.
    • Leggi i titoli delle sezioni principali e il primo e l'ultimo paragrafo di ogni sezione (max 2-3 righe di testo).
  • Poniti poi queste 2 semplici domande:
    • Quali sono i concetti chiave che voglio apprendere grazie a questo capitolo? (se hai letto l'indice e le sezioni principali, ti saranno abbastanza chiari).
    • Questo capitolo è fondamentale per la mia preparazione, oppure no? (questa domanda ti aiuta a fare chiarezza sul livello di dettaglio con cui dovrai studiare).

That's it.

Inizialmente potresti considerare la pre-lettura un'inutile perdita di tempo: in realtà ti porterà via al massimo 5-7 minuti per ogni capitolo, ma applicandola costantemente scoprirai come il tuo studio diverrà molto più scorrevole arrivando a farti risparmiare più di 1 ora del tuo tempo, ma soprattutto sarai in grado di assorbire i diversi concetti con maggiore facilità, sfruttando ad esempio il principio della Piramide dello Studio.

Vediamo ora la tecnica #2:

Come studiare bene e più rapidamente grazie alla tecnica sniper

Tecnica di studio sniperI tiratori scelti (i cosiddetti sniper) e i gamers di mezzo mondo, utilizzano spesso l'espressione:

"One shot, one kill. No luck, just skill."

Che tradotto significa: "Un colpo, un bersaglio. Niente fortuna, solo abilità" (tu, giocatore di CoD, smetti di galvanizzarti! ;-).

Citazioni belliche a parte, c'è un atteggiamento mentale che ti sta costando fin troppe ore di studio: la convinzione che per essere davvero preparato devi leggere e ripetere meccanicamente il tuo materiale di studio fino alla nausea. Si tratta di una cavalfiorata!

In uno dei contenuti bonus della mia guida APP - Autostima Passo Passo ho inserito un semplice test che dimostra come la nostra autostima (quello che crediamo di noi stessi) possa influenzare profondamente le nostre capacità di studio.

Non fraintendermi, non ti sto suggerendo di diventare un pallone gonfiato per eccellere all'università.

Il messaggio che vorrei trasmetterti è che devi iniziare a fidarti delle tue abilità mentali.

Registrare le lezioni del Prof., scrivere riassuntini ultra-dettagliati o ripetere a pappagallo il materiale di studio fino allo sfinimento, sono tutte strategie di studio fallimentari.

La ragione è molto semplice: più "stampelle mentali" fornisci al tuo cervello e più il tuo cervello si impigrisce.

La nostra mente è infatti uno degli strumenti più efficienti inventati dalla natura, questo significa che non è disposta a sprecare attenzione, memoria o energia a meno che non sia assolutamente indispensabile.

In fondo, perché dovrebbe ricordare una definizione al primo colpo se l'abbiamo abituata ad avere altre 178 occasioni per memorizzarla?!

Questo comportamento è legato in parte al famoso effetto Zeigarnik: il tuo cervello si dimentica automaticamente di qualcosa a meno che non abbia un motivo davvero importante per ricordarlo.

Se continui ad utilizzare degli "aiutini", la tua mente non saprà mai come apprendere e come memorizzare velocemente.

Ok André, ho capito: cosa devo fare per stimolare la mia memoria e "tenerla sulle spine"?!

Chiediti... con quanta attenzione leggeresti il capitolo del tuo libro di testo se avessi un'unica possibilità irripetibile di visionare quel materiale?

Intendiamoci bene, non ha senso estremizzare.

Probabilmente una sola lettura non ti sarà sufficiente, anche se la pre-lettura ti aiuterà molto in questo senso, ma se vuoi imparare a studiare bene e velocemente devi adottare la filosofia "One shot. One kill".

Le tue risorse mentali sono preziose, ogni volta che ti siedi di fronte ad un libro di testo devi farlo come se fosse per te l'unica occasione per apprendere quello che stai studiando.

Elimina le distrazioni, assumi l'atteggiamento dello sniper ed inizia ogni sessione utilizzando una di queste 5 tecniche di concentrazione.

Potrebbero interessarti: Come studiare storia

Come imparare meglio grazie alle mappe concettuali

Se vuoi davvero apprendere come studiare bene e velocemente devi stamparti a fuoco in fronte che la rielaborazione è la fase cruciale dello studio.

Senza rielaborazione non c'è vero apprendimento e senza apprendimento la memorizzazione diventa un'attività meccanica, alquanto inutile e dispendiosa.

Tra i migliori strumenti di rielaborazione vi sono senza dubbio le mappe concettuali.

La tecnica di studio delle mappe mi è stata insegnata per la prima volta alle scuole medie, dal mio insegnante di musica.

Da allora sono state le mie fedeli compagne di studio riuscendo a farmi studiare senza ripetere troppe volte.

Se non le hai mai utilizzate puoi trovare indicazioni semplici e pratiche per capire come studiare più velocemente con le mappe concettuali in questo post.

Come ripetere seguendo la regola della scuola materna

Oggi voglio però parlarti di un'altra strategia di rielaborazione estremamente efficace e che può essere utilizzata sia prima di redigere le tue mappe, sia in fase di ripetizione: la regola della scuola materna.

"Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna."

A. Einstein.

Se solo metà delle citazioni attribuite ad Einstein fossero vere, il Fisico tedesco doveva saperla davvero lunga.

Continuare a ripetere meccanicamente un paragrafo nella speranza che rimanga "appiccicato" alla tua memoria, come una pallina da tennis lanciata contro un muro, è un'impresa vana.

Per apprendere (e memorizzare) un concetto devi essere in grado di rielaborarlo a parole tue. Meglio ancora: devi essere in grado di spiegarlo ad un bambino della scuola materna (o alla nonna di Einstein).

L'idea di fondo è quella di riuscire a ridurre un concetto complesso ai suoi minimi termini, comprendere insomma quali sono gli ingredienti essenziali e come interagiscono tra loro: questo vale per una formula di chimica, come per un teorema di matematica, per un principio giuridico, come per un concetto medico.

Per applicare nella pratica la regola della scuola materna, ti consiglio di utilizzare le similitudini.

Secondo il dizionario della lingua italiana:

"Una similitudine è una figura retorica che consiste nell'instaurare un paragone, un rapporto di somiglianza fra due cose o concetti."

Utilizzando in modo appropriato le similitudini per rielaborare ciò che studi, riuscirai a collegare concetti nuovi ad idee a te familiari, ovvero idee che hai già appreso in passato e le cui strutture neurali sono ben consolidate nel tuo cervello.

Sfruttare questa figura retorica per studiare nuovi concetti è un po' come andare a vivere all'estero e trovare finalmente un ristorante che cucini il tuo piatto preferito: ti senti un po' più vicino a casa e ciò che ti sembrava fino a quel momento alieno, inizia a sembrarti più familiare.

(Indovina un po'?! Ho appena utilizzato una similitudine...).

Come ricordare ciò che studi con la tecnica dei loci di Cicerone

Cicerone, il più grande oratore della storia antica imparava i suoi celebri discorsi a memoria. Difficile da credere, vero? Eppure, il suo metodo è ancora oggi una delle mnemotecniche più note ed efficaci per schematizzare ed imparare in poco tempo concetti e nozioni, e ricordarli in un ordine ben preciso. Ti sei mai chiesto, ad esempio, perché quando si parla spesso utilizziamo espressioni come “in primo luogo” o “in ultima instanza”? Bene, queste erano espressioni usate dallo stesso Cicerone per memorizzare in fretta i suoi pensieri con la tecnica dei loci, anche detta Palazzo della Memoria. Luoghi, stanze, palazzi. Ma che c’entrano con le infallibili tecniche di studio di cui stiamo parlando in questo articolo? C’entrano, eccome. Vediamo in che modo. Cicerone scriveva nel paragrafo XXXIV del “De Oratore”, che nell’esercizio di imparare a memoria
“non mi dispiace affatto che voi usiate, (...) anche codesto metodo che (...) cerca di legare la memoria a immagini e luoghi determinati”.
La mnemotecnica di Cicerone consiste, quindi, nel trasformare ogni concetto e nozione che vuoi memorizzare, ad un’immagine. Per poi, associarla ad immagini di luoghi che per te sono familiari (stanze, strade, piazze o qualsiasi altro luogo ti pare). Il grande Cicerone, ad esempio, quando doveva ricordare le sue celebri orazioni, era solito assegnare ad ogni colonna dell’edificio in cui avrebbe parlato una parte del suo discorso che già era collegata ad un’immagine esistente nella sua memoria. In questo modo, al momento di parlare, avrebbe guardato in direzione di questa o quella colonna, per ricordare ciò che doveva pronunciare. Ora, a te sicuramente non servirà per proferire lunghe orazioni in senato come faceva Cicerone, ma ti potrebbe tornare utile per tenere a mente i concetti del tuo prossimo esame di giurisprudenza o se devi ricordare le formule per una verifica di matematica.

Fidati di me! Già dalla prossima sessione di studio che affronterai, inizia a mettere in pratica tutto quello che hai imparato con le tecniche di memoria presenti in questo articolo e vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare.

Studio efficace e rapido: risposta alle domande comuni

Molti utenti scrivono o lasciano commenti chiedendo consigli e trucchi per riuscire a passare un compito in classe, un’interrogazione o un esame universitario. Ecco alcune risposte alle domande più comuni:
  • Quale metodo mi consigli per studiare per una verifica? Sintetizza i concetti che hai appreso nelle settimane precedenti alla verifica con mappe o riassunti. Ma sforzati di creare anche dei collegamenti concettuali tra i vari argomenti, senza limitarti all’apprendimento mnemonico.
  • Credi che possa prepararmi in 3 giorni per un esame? Dipende. Dal tipo di esame, innanzitutto. Se speri di passare l’esame di diritto penale studiandolo in 72 ore, rischi una cocente bocciatura. Per esami più piccoli e semplici, in tre giorni potrebbe essere fattibile.
  • Queste strategie per tutte le materie e corsi di studio? Certo! Queste tecniche di memoria ti saranno utili per qualsiasi cosa tu intenda studiare, che sia matematica, storia,  filosofia, geografia o per la preparazione degli esami di medicina o giurisprudenza. Ma, è necessario che tu abbia un metodo di studio valido. Se ti manca quello, anche la più efficace tecnica di studio non ti aiuterebbe.

Consigli Finali

Per studiare bene devi eliminare ogni distrazione e seguire uno stile di vita equilibrato Prima di concludere questo nostro articolo sulle tecniche per studiare bene e più velocemente, vorrei lasciarti altri preziosi consigli per uno studio efficace e proficuo. Ma ricorda: è sempre l’organizzazione del tempo che dedichi allo studio ad essere fondamentale. Con una tabella di marcia precisa e tanta buona volontà, sarai in grado di raggiungere gli obiettivi di studio che ti sei prefissato. Ma, ecco quello che puoi fare in più:
10 consigli finali per studiare bene
  1. Elimina le distrazioni: metti lo smartphone in modalità aereo o spegnilo del tutto, così non avrai la tentazione di controllare notifiche e social;
  2. Leggi ad alta voce: come dimostra uno studio di MacLeod e Ozubko del 2010 secondo cui può "aiutare gli studenti ad apprendere più velocemente della lettura silenziosa".
  3. Prendi appunti a mano: scrivere a mano invece che col proprio computer (fonti: Mueller, Oppenheimer, 2014) aiuta ad elaborare, riformulare e fissare meglio le informazioni;
  4. Spiega l’argomento che studi a qualcuno che non lo conosce: usa parole semplici, così sarà più facile ricordarlo poi;
  5. Fai i riassunti: riassumendo in concetti elementari quello che hai appena sottolineato sarà molto più semplice riuscire a memorizzarli;
  6. Studia più argomenti al giorno: distribuisci più materie o argomenti durante la giornata, così il tuo cervello si allenerà ad apprendere e memorizzare meglio e più velocemente, dedicando ad esempio 1 ora a studiare fisica, 1 ora a filosofia e 1 a storia dell'arte;
  7. Crea un gruppo di studio: il lavoro in gruppo è sempre molto produttivo per l’apprendimento, purché ti scelga compagni di studio motivati nello studio quanto te;
  8. Fai pause regolarmente: staccare per un po’ dai libri migliora la produttività e aumenta la concentrazione;
  9. Scegli un ambiente di studio illuminato e areato, per facilitare la concentrazione;
  10. Non fare le ore piccole davanti ai libri: un sonno regolare aiuta ad essere più riposati al mattino.

Conclusioni

Mi piacerebbe salutarti con un altro concetto davvero importantissimo: tutte le tecniche di miglioramento dello studio, di  memorizzazione e di lettura veloce che imparerai, potranno esserti estremamente utili durante tutto il tuo percorso accademico ma, senza un metodo chiaro e comprovato, difficilmente riuscirai a ottenere il cambiamento sostanziale che vorresti.

So a che stai pensando: “ Andrè, è da sempre che sento parlare di questo fantomatico metodo di studio ma, a dire il vero, mi sembra tutto un pò troppo fumoso…"

Non ti sto parlando di un metodo generale, ma di quel metodo calibrato sul tuo stile cognitivo!

“Come? Stile Cognitivo?

Proprio così, ognuno di noi ha le proprie predisposizioni e credere di poter imparare tutti nello stesso modo è a dir poco insensato.

Il primo passo per migliorare la qualità del tuo studio è quello di individuare il tuo stile cognitivo e, sulla base di questo, adottare poi le migliori tecniche di studio per te.

Se vuoi individuare il tuo stile cognitivo, le tecniche di studio più adatte a te e capire come sviluppare il tuo personale piano di apprendimento, ho preparato un test gratuito. Lo puoi completare in meno di 5 minuti cliccando il pulsante nel box qui sotto.

Buon Test!

Approfondimenti

Ecco un elenco di approfondimenti, risorse e app utili da consultare ed utilizzare, che ti aiuteranno a studiare meglio: [post_title] => Come studiare bene e velocemente: 5 strategie infallibili [post_excerpt] => Riuscire a studiare bene e velocemente può sembrare una contraddizione in termini. In realtà l'unico modo per studiare meno è quello di studiare meglio. In questo articolo leggerai 3 tecniche di studio che daranno la svolta al tuo percorso accademico. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-studiare-bene-e-velocemente [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/imparare-a-studiare/ http://www.efficacemente.com/2011/04/3-tecniche-di-lettura-veloce/ http://www.efficacemente.com/studio/mappe-concettuali-il-miglior-metodo-per-orientarsi-nello-studio/ [post_modified] => 2021-11-02 20:29:52 [post_modified_gmt] => 2021-11-02 19:29:52 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=13352 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 80 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 19 [max_num_pages] => 4 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => 1 [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => 1 [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 268439a206b593fc4a40974dfd4bcc6d [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
Studio
Studio

Come studiare bene e velocemente: 5 strategie infallibili

Riuscire a studiare bene e velocemente può sembrare una contraddizione in termini. In realtà l'unico modo per studiare meno è quello di studiare meglio. In questo articolo leggerai 3 tecniche di studio che daranno la svolta al tuo percorso accademico.

80
13 min
80
13 min
Inglese
Inglese

Come Imparare l’Inglese Senza Studiare

I corsi tradizionali di inglese ti hanno fatto venire l'orchite? Ecco come puoi imparare l'inglese senza studiare e divertendoti.

103
10 min
103
10 min
Studio
Studio

Metodo di studio universitario: l’errore fatale degli studenti mediocri

Un percorso accademico difficilmente può essere affrontato senza un metodo di studio universitario che si rispetti. In questo nuovo articolo di EfficaceMente ti spiego qual è l'errore #1 che devi evitare per sviluppare il tuo metodo e quali sono le tecniche alternative a tua disposizione.

58
9 min
58
9 min
Autostima
Autostima

5 Azioni pratiche per sviluppare l’autostima di un supereroe

Avere una maggior autostima e fiducia in sé stessi non ci rende automaticamente dei supereroi, ma rappresenta il primo passo per affrontare al meglio le sfide di tutti i giorni e i nostri obiettivi più ambiziosi.

143
3 min
143
3 min
Inglese
Inglese

Vuoi avere un inglese fluente? Evita questi 2 errori

Vuoi avere un inglese fluente? Allora non puoi permetterti questi 2 errori. Da anni infatti le scuole d'inglese ci consigliano 2 strategie per apprendere l'inglese che in realtà si sono dimostrate totalmente inutili. Scopri quali sono.

79
6 min
79
6 min
Loading...
Loading...
Loading...
Loading...
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [page] => 
            [pagename] => archivio
            [ignore_sticky_posts] => 1
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [page] => 0
            [pagename] => archivio
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
            [order] => DESC
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [queried_object] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 11927
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2014-02-21 11:32:50
            [post_date_gmt] => 2014-02-21 10:32:50
            [post_content] => Qui puoi trovare tutti gli articoli del Blog in ordine cronologico. Scegli il titolo che ti ispira e clicca sul link: buona lettura.

Ps. Sapevi che ho creato Vivere EfficaceMente?

"Vivere EfficaceMente" è la collana nata per offrirti una nuova modalità di fruizione degli articoli più apprezzati del blog.

Ogni volume raccoglie i migliori articoli di EfficaceMente su una specifica tematica, riorganizzati secondo una precisa sequenza che ti accompagnerà passo passo nel tuo percorso di miglioramento personale.

In versione ebook o cartacea, i volumi della collana "Vivere EfficaceMente" sono il nuovo must-read per tutti gli appassionati di crescita personale.


            [post_title] => Questo è l'Archivio di EfficaceMente
            [post_excerpt] => 
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => closed
            [post_password] => 
            [post_name] => archivio
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2020-08-19 19:21:28
            [post_modified_gmt] => 2020-08-19 17:21:28
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://www.efficacemente.com/?page_id=11927
            [menu_order] => 0
            [post_type] => page
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 0
            [filter] => raw
        )

    [queried_object_id] => 11927
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  WHERE 1=1  AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish')  ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 28767
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2021-11-25 21:11:28
                    [post_date_gmt] => 2021-11-25 20:11:28
                    [post_content] => 

Ti vedo. E soprattutto ti sento.

Stai aprendo questo articolo abbandonato sulla sedia della tua scrivania, con la testa pesante, una gran voglia di niente e contemporaneamente il pensiero ossessivo di tutte le cose da fare che ti dà un filo d’angoscia e non ti permette di concentrarti.

Fuochino?!

Già.

Siamo esseri umani perennemente stressati, perennemente connessi, perennemente confusi da un mare di stimoli diversi, e, quindi, perennemente e profondamente stanchi.

Ma stanchi dentro.

Tant’è vero che quasi ogni volta che parlo con una persona, a prescindere da età, lavoro e condizione personale, a un certo punto salta fuori la questione del:

“Se solo fossi meno stanco…”

Ed è qui che arriva questo nuovo articolo dedicato ai +Efficaci sul "come riposare" EfficaceMente.

Perché non è vero che basta mangiare bene e dormire a sufficienza per sentirsi riposati.

Esistono infatti ben quattro tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno per rigenerarci davvero:

  1. Il riposo fisico.
  2. Il riposo mentale.
  3. Il riposo relazionale.
  4. Il riposo emotivo.

Partiamo dal riposo fisico, quello più scontato... o forse no?

Riposo fisico: no, non è solo questione di buon sonno

Certo, se fai le ore piccole ogni santa notte, fumi come una ciminiera, non ti muovi se non per spostarti dal letto al divano, e mangi la qualunque, non mi sorprenderei, fossi in te, se non sprizzi proprio di energie!

Ma, ahimè, anche chi cura molto la propria alimentazione, fa una buona attività fisica e dorme almeno 7 ore a notte molto spesso si sente scarico fisicamente.

La spiegazione sta nel fatto che ci sono due tipi importanti di riposo fisico: uno passivo e uno attivo.

Il riposo passivo

Per riposo passivo si intende quello più classico, cioè tutti i momenti in cui lasciamo che il nostro corpo recuperi le forze “spegnendosi”: il sonno notturno, i pisolini, gli attimi in cui ci stendiamo, chiudiamo gli occhi e, anche se non dormiamo a tutti gli effetti, ci permettiamo un rilassamento profondo.

Ripassa questo articolo: ci troverai dei consigli per rendere il tuo sonno più efficace.

Il riposo attivo

Il riposo fisico attivo invece è un’altra cosa. Ma è altrettanto importante.

Sotto questo nome rientrano le attività che ti rigenerano mentre le eserciti.

Dei buoni esempi sono lo yoga, gli esercizi di respirazione, lo stretching, il massaggio terapeutico.

O anche una camminata in mezzo alla natura, una nuotata o un giro in bicicletta.

Si tratta di attività "dolci", non impegnative, che, migliorando la flessibilità del nostro corpo e agendo sulla circolazione sanguigna, ci faranno sentire più ritemprati e sereni.

E a proposito di riposo fisico e movimento, per chi invece è un maniaco del fitness, è importante non dimenticare il recupero post-allenamento.

Se esageri con la quantità di attività sportiva senza mai dare al tuo corpo il tempo di recuperare, puoi andare incontro a una situazione di fatica e stanchezza cronica – oltre ad annullare i benefici dei tuoi work-out.

Ormai lo sanno anche i bambini dell'asilo: i nostri muscoli si sviluppano proprio nei giorni di recupero.

Passiamo ora a vedere un altro importantissimo tipo di riposo, ovvero quello mentale.

Riposo mentale. Come imparare a rilassare davvero la tua mente

Quando senti qualcuno dire che tutto parte dalla nostra testa, sappi che nel 90% dei casi ha ragione.

La stanchezza mentale ti può far sentire uno straccio per settimane di fila.

E non parlo solo di difficoltà di concentrazione, poca memoria e irritabilità.

La stanchezza mentale si ripercuote immediatamente sul fisico, diventando mancanza di energia fisica, insonnia o fatica a prendere sonno, lentezza nel recupero dopo una malattia di stagione e via dicendo.

Per questo è fondamentale trovare il modo di ristorarci in maniera costante anche a livello mentale.

Ecco 5 consigli per rilassare la tua mente, espressi in altrettante parole chiave di facile memorizzazione (tanto per non affaticare la tua mente)

1) Pause

La prima attenzione che ti consiglio di avere è semplice ma estremamente efficace.

Fai pause con regolarità mentre lavori.

Chi utilizza la tecnica del pomodoro ha già sperimentato quanto possa essere efficace alternare momenti di massimo focus a brevi pause rigeneranti. Se ancora non la conosci, qui trovi tutti i dettagli su questa fantastica strategia di gestione del tempo.

E se il tuo lavoro non ti permette di programmare pause con precisione, ogni tot minuti, organizzati in maniera tale da staccare completamente i pensieri da quello che fai per un po’, appena puoi.

L’importante è il "completamente".

Se rimani sempre ancorato a quello che stai facendo, ti ritroverai a distrarti sempre di più e a saltellare come un grillo dal report che devi consegnare a Instagram: ecco, questo è un pessimo modo di rilassarti, anzi, non ti aiuta a rilassarti affatto.

2) Taccuini

Un ottimo compagno di viaggio per assicurarti di non stressare troppo la mente è un taccuino da portare nella giacca.

Quando ti viene un’idea ma non è il momento per svilupparla, quando rischi di dimenticarti degli impegni importanti, quando senti che si affastellano diversi pensieri, prendi il taccuino e scrivici sopra quello che ti viene in mente.

Così avrai la tranquillità di aver messo al sicuro un’informazione importante e potrai liberare la mente per la cosa che devi fare in quel momento.

Se non vuoi portare in giro un nuovo oggetto che potresti perdere, puoi usare anche una nota sul tuo smartphone.

Personalmente io ho creato una nota intitolata "Next" (prossime cose da fare), sincronizzata su tutti i miei dispositivi.

Ogni volta che mi viene in mente un'idea o un'attività da fare, la scrivo immediatamente dentro questa nota, anche se sono le due di notte e ho avuto questa idea durante una "pausa bagno notturna" (la scrivo sull'iPod che tengo in camera: niente smartphone quando dormo).

Un'altra semplice regola che mi sono dato per sfruttare al meglio i benefici del taccuino (digitale nel mio caso) è quella di "svuotare" la nota Next entro la sera del giorno successivo, inserendo le varie attività a calendario o comunque chiudendo tutti gli eventuali "open loop" (espressione che ben conoscono i corsisti di Crea Tempo).

3) Non-sense

Da quando prendiamo in mano il cellulare alla mattina, per la nostra mente comincia un autentico bombardamento sensoriale. Veniamo invasi di immagini, colori, suoni, luci, parole e sollecitazioni di ogni tipo.

E la cosa prosegue mentre lavoriamo.

Naturale che già dopo quattro ore di una vita simile la nostra povera mente dia forfait.

Perché è vero che come esseri umani siamo abituati ad adattarci a tutto, ma dopo l’ennesimo "video che non puoi assolutamente non vedere", anche la mente del nativo digitale che più digitale non si può, in realtà alza bandiera bianca.

Ecco perché ti consiglio di regalare al tuo cervello dei momenti di calma, dieta mediatica e deprivazione sensoriale.

Qualche esempio?

  • A metà giornata chiudi gli occhi e tienili così per due minuti.
  • Quando ti metti in macchina, non accendere subito la radio, non ascoltare musica, notiziari, podcast. Apri il finestrino e respira un po’ d’aria.
  • Fai una passeggiata in silenzio.
  • Quando mangi non guardare il telefono o una serie. Goditi appieno il tuo pasto.
  • A fine giornata scollega i dispositivi elettronici entro una certa ora.

4) Bellezza

È scientificamente provato: la bellezza ci fa bene.

Che si tratti di un quadro, di un paesaggio naturale particolarmente intenso, di determinati colori o forme, tutto quello che la natura o l’arte ci offrono ha un profondo effetto rigenerante sulla nostra mente.

In pratica:

  1. Troviamo nuove idee.
  2. Diventiamo più flessibili.
  3. Ci vengono in mente in maniera immediata le soluzioni ai problemi.
  4. Aumenta il nostro entusiasmo e la nostra energia propositiva.

Pensa semplicemente a quante buone ispirazioni ti vengono quando cammini in mezzo alla natura o stai guardando un bel film e a quanto la tua fantasia si "rattrappisca" invece se ti trovi in uno di quegli uffici spogli e grigi, fatti di spazi tutti uguali.

5) Piante

Ricollegandoci al discorso precedente, abbiamo capito che la natura ha un effetto rigenerante sulla nostra mente e sulle nostre capacità creative.

Quando, per ovvi motivi, non puoi evadere fisicamente, puoi comunque assicurarti la tua dose di verde in questi modi:

  • Sistemando la scrivania vicino a una finestra.
  • Aggiungendo una o più piante nel luogo dove lavori.
  • Utilizzando il colore verde, stampe a tema vegetale per gli oggetti che ti circondano (cartelline, quaderni, salvaschermo del computer).

Passiamo ora a veder il riposo relazionale. Una tipologia di riposo meno conosciuta, ma altrettanto essenziale.

Riposo relazionale. Mantieni il tuo equilibrio con gli altri

Tutti abbiamo provato la sensazione di esaurimento che ci danno alcune persone (stai pensando proprio a quella persona, eh?!).

Dopo essere stati in loro compagnia ci ritroviamo più stanchi che se avessimo fatto una riunione di tre ore.

Di solito sono:

  • Gli ipercritici.
  • Quelli per cui non fai o non sei mai abbastanza.
  • I perennemente negativi.
  • I lamentosi.
  • Gli invidiosi.
  • Gli ossessivi.

L’ideale sarebbe non avere a che fare con persone di questo tipo, perché ti succhiano letteralmente le energie.

Ma sono realista e so che spesso, purtroppo, alcuni di questi personaggi devono far parte delle persone con cui ti relazioni.

Se si tratta di persone importanti della tua vita che non puoi escludere, il mio consiglio è quello, per lo meno, di compensare i rapporti che hai con loro con persone che invece siano positive per te.

Persone che condividono i tuoi interessi, che ti stimano e ti sostengono, che siano attive, propositive e felici.

E, soprattutto se ci tieni, metti in conto di fare presente alle persone che ti esauriscono il loro atteggiamento negativo.

Esprimiti con tatto ma con decisione: farai bene anche a loro.

Perché le relazioni sociali dovrebbero ristorarci a vicenda, non esaurirci.

E questo ci porta alla quarta e ultima tipologia di riposo...

Riposo emozionale. Prenditi cura delle tue emozioni

Se ti senti solo, invisibile anche se non ti mancano i contatti sociali, e se in certi giorni le tue emozioni negative prendono il sopravvento, è segno che hai bisogno di un meritato riposo emotivo.

Altri sintomi?

  • Mancanza di motivazione,
  • Difficoltà a stare concentrato,
  • Senso di astrazione dalle situazioni,
  • Ipersensibilità.

Queste sensazioni sono tipiche delle persone tanto gentili e disponibili verso il mondo esterno quanto sorde ai propri bisogni, gusti e stati emotivi.

A lungo andare, mettere da parte le tue necessità e far finta di niente è pericoloso: ti condanna non solo a una condizione di vita statica e insoddisfacente ma anche a una vera sofferenza emotiva.

Reprimere le proprie emozioni negative ha lo stesso effetto.

Quello che devi fare è trovare il modo per assicurarti un giusto riposo emotivo, perché, attenzione: è facile che dalla stanchezza emotiva derivi anche quella fisica.

Ecco alcuni consigli per sentirti meglio:

  1. Metti dei paletti. Se essere così disponibile e altruista ti ha portato a scaricarti, vuol dire che hai superato il tuo limite personale. All’ennesima richiesta rispondi semplicemente di no.
  2. Concentrati su quello che ti piace. Anche se pensi sia inutile/infantile/egoista. Accontentare i tuoi bisogni ti restituirà l’energia che spendi nel mondo.
  3. Dai sfogo alle emozioni. Puoi parlare con una persona di cui ti fidi, scrivere quello che senti, fare attività fisica, scrivere un commento qui sotto ;)
  4. Soprattutto quando ti senti ignorato e provi un senso di profonda, intima, solitudine, pensa che fai parte di qualcosa di enorme, tanto da dare le vertigini. Se te la senti, prega, o medita, o semplicemente alimenta dentro di te quel senso di appartenenza e scopo che ristorerà il tuo spirito. E di conseguenza anche le tue emozioni.

Bene, mi auguro che questo nuovo articolo di approfondimento premium ti sia stato utile.

Ora sono curioso... da dove inizierai la tua rigenerazione? Dal riposo fisico, mentale, relazionale o emotivo?

A presto.

Andrea Giuliodori.

[post_title] => Come riposare: le 4 tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno [post_excerpt] => Come riposare per sentirsi davvero pieni di energia? Abbiamo bisogno di 4 tipi di riposo. Li scopriamo in questo articolo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-riposare [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-11-26 19:00:14 [post_modified_gmt] => 2021-11-26 18:00:14 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=28767 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 8 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 28524 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-11-14 19:11:09 [post_date_gmt] => 2021-11-14 18:11:09 [post_content] => In questo articolo voglio presentarti la più efficace tecnica di allenamento mentale per affrontare le prove importanti della vita. Seguimi! Immagina questa scena... sono settimane che ti stai preparando senza sosta per:
  • Quell'esame universitario.
  • Quella gara sportiva.
  • Quel lancio del nuovo prodotto della tua azienda.
  • Quell'importante presentazione di lavoro.
È la sera prima della grande prova. Hai i nervi a fior di pelle, una stanchezza atavica, e vorresti solo staccare, ma non fai che pensare a tutto quello che potrebbe andare storto l'indomani. Ti addormenti a fatica, hai un sonno agitato e la mattina successiva ti svegli con la stessa energia e vitalità di un gatto investito in tangenziale. Vorresti mangiare qualcosa per colazione, ma il tuo stomaco è un groviglio di nervi. Non ne puoi più. Desideri solo che questa tortura passi. Vuoi lasciarti alle spalle tutta questa pressione e tornare finalmente a ritmi più umani. Dopo ore che sembrano interminabili, il momento della tua performance finalmente arriva... Va di me**da! 🤬 Settimane di preparazione, stress e orari impossibili e ti ritrovi con un pugno di mosche. E tutto per colpa della tua mente! Quella bastardona trova sempre il modo di autosabotarti nei momenti più importanti della tua vita! Possibile che non esista un modo per affrontare queste situazioni semplicemente con un po' di focus e serenità e non con tutto questo sovraccarico di ansie inutili?!

La pillola magica

Se sei un lettore storico di EfficaceMente, sai come la penso a proposito di pillole magiche & co. Se ambiamo a realizzare obiettivi ambiziosi nella nostra vita, dobbiamo essere disposti a pagare un prezzo, a fare sacrifici. Obiettivi e sacrifici Questo però non significa che dobbiamo pagare un prezzo più alto del necessario! Essere Efficaci significa proprio riuscire ad ottenere i risultati che desideriamo, pagando il giusto prezzo, in termini di energie, tempo e risorse (né troppe, né troppe poche). Questa è la filosofia di miglioramento personale che condivido con i miei lettori da più di 13 anni e che caratterizza la spina dorsale anche di tutti i nostri (per)corsi avanzati. Insomma, strategie pratiche, dimostrate ed efficaci, per ottenere il massimo risultato dal tuo sudato impegno. Ma torniamo alle nostre gare, prove e prestazioni...
  • Avere una sana dose di adrenalina in circolo prima di un'importante gara, esame o prova è normale (anzi è funzionale alla nostra performance). Avere un livello di ansia quasi debilitante è inutile e controproducente.
  • Essere focalizzati sulla sfida che ci aspetta per gran parte del tempo è normale. Essere ossessionati da tutto ciò che potrebbe andare storto è pericoloso e futile.
  • Avere periodi di squilibrio nella propria vita, fatti di intenso lavoro, allenamento e preparazione è normale. Vivere perennemente in uno stato di agitazione anche per le prove più semplici e poco impegnative è controindicato e infruttuoso.
Come possiamo dunque affrontare le sfide della nostra vita con un atteggiamento mentale efficace, senza farci risucchiare da emozioni e pensieri auto-sabotanti?

I due allenamenti

Il primo punto da comprendere è che ogni prova richiede due tipi di preparazione, due tipi di "allenamento":
  1. L'allenamento di contenuto.
  2. L'allenamento mentale.
Se la prova che devi affrontare è un esame universitario particolarmente tosto, l'allenamento di contenuto sarà l'apprendimento vero e proprio della materia, supportato magari da un metodo di studio efficace. Se invece la prova che devi affrontare è una gara sportiva, l'allenamento di contenuto sarà l'insieme di preparazione atletica, allenamento muscolare, dieta, etc. In entrambi questi esempi, però, se dimentichiamo di affiancare la seconda tipologia di allenamento, l'allenamento mentale, ci ritroveremo molto probabilmente nella situazione descritta all'inizio di questo articolo. In altre parole... siamo fregati! Ora, esistono mille diverse tipologie di training mentale: ...e chi più ne ha, più ne metta. Ma se dovessi dirti qual è stata la tecnica di allenamento mentale più efficace in assoluto nella mia esperienza, la pillola magica che uso prima di qualsiasi sfida importante, e che sistematicamente mi aiuta a ritrovare focus e serenità, beh non potrei non citarti la tecnica della transizione cardiaca (o heart shift). È una tecnica che sto sperimentando da ormai 7 mesi, con enormi benefici. Avevo pensato di condividerla in esclusiva con i partecipanti all'edizione 2022 di 365 - Un anno epico, durante una delle 52 settimane del nuovo (per)corso, quella dedicata al raggiungimento dello stato di picco per la precisione. Ma ci tenevo a condividere questa specifica strategia con tutti i lettori, perché penso possa essere di beneficio a molti. Tra l'altro vuoi sapere il bello? Richiede solo 3 minuti... Vediamola 😉

La più efficace tecnica di allenamento mentale (secondo me): la transizione cardiaca (o heart shift)

stato di picco transizione cardiaca La tecnica della transizione cardiaca è stata ideata dalla Dott.ssa Leah Lagos, psicologa specializzata in benessere e performance e autrice del bestseller "Heart Breath Mind". Questa metodica di allenamento mentale è stata sviluppata dalla Lagos per aiutare i propri clienti (spesso sportivi professionisti) a modificare rapidamente il proprio atteggiamento mentale e il proprio stato fisiologico in vista di un'importante prova. Ecco come funziona.
 

Raggiungi il tuo stato di picco in 15 respiri

La tecnica della transizione cardiaca permette di modificare il nostro ritmo cardiaco e di conseguenza il nostro stato fisiologico generale attraverso un particolare ritmo di respirazione noto come "respiro di Dio". Nello specifico sono previste tre serie, da cinque respirazioni ognuna (totale: 15 respiri), in cui praticare delle particolari azioni che vedremo nel dettaglio nei prossimi paragrafi. Partiamo però dal "respiro di Dio" (o "respiro della coerenza cardiaca"). In estrema sintesi la respirazione coerente consiste nel regolare inspirazione e espirazione in modo tale da inalare per 5,5 secondi dal naso ed esalare per 5,5 secondi dalla bocca. Per tutti i dettagli su come praticare al meglio questa particolare tecnica di respirazione e quali strumenti utilizzare per assicurarti di seguire il giusto ritmo, ti rimando a questa newsletter pubblicata qualche mese fa (se sei già registrato ad EfficaceMente, assicurati di effettuare l'accesso per leggere questo contenuto, altrimenti registrati: è gratis). Ok, ora che sappiamo come funziona il "respiro di Dio", vediamo cosa devi fare di preciso nelle tre fasi della tecnica della transizione cardiaca che ti aiuteranno a ritrovare calma, lucidità e focus prima di una performance.

Respiri 1-5: libera il cuore

Questa prima fase che va dal primo al quinto respiro è pensata per aiutare il tuo sistema nervoso autonomo a lasciare andare le emozioni e le sensazioni negative (ansia, stress, preoccupazione, etc.) che possono dominarti nei giorni e nelle ore precedenti alla tua grande sfida. Come spiegato, tutti e 15 i respiri che caratterizzano l'esercizio della transizione cardiaca devono essere svolti al ritmo di "coerenza", ovvero con ispirazioni di 5,5 secondi ed espirazioni di 5,5 secondi. Non ci sono pause all'inizio o alla fine di ogni ciclo di respiro. Per questi primi 5 respiri (che dureranno un totale di circa un minuto), procedi in questo modo:
  • Durante l'inspirazione cerca di creare una connessione a livello fisiologico con il tuo stressor. Mi raccomando, questo non è un esercizio meramente mentale: devi sentire lo stress, l'ansia e la paura per la prova che ti aspetta a livello fisico. I muscoli del tuo petto sono tesi? Hai un nodo allo stomaco quando pensi a quell'esame o a quella gara? Se ti concentri sul tuo cuore, che "forma" ha lo stress che provi per questa prestazione? Quando inali per 5,5 secondi cerca di concentrarti su queste sensazioni sgradevoli.
  • Durante l'espirazione, invece, lascia completamente andare queste emozioni. Se può esserti utile, usa questa similitudine: quando inspiri è come se ti "aggrappassi" a queste sensazioni negative; quando espiri è come se lasciassi andare la presa. I tuoi muscoli si rilassano, senti una sensazione di piacevole calore al livello del tuo stomaco, i pensieri negativi lasciano il tuo corpo attraverso l'aria che esce dalla tua bocca.
Come detto, la prima fase della transizione cardiaca ha una durata di 5 respiri. Inspira dunque il tuo stressor 5 volte e lascialo andare 5 volte.

Respiri 6-10: libera la mente

respirazione allenamento mentale Nei successivi 5 respiri libereremo la nostra mente. Dal respiro 6 al respiro 10, sposta la tua attenzione dallo stressor alla sensazione dell'aria fresca che entra dalle tue narici durante l'inspirazione. Durante l'espirazione, invece, continua a lasciare andare le sensazioni sgradevoli che dovessero essere ancora presenti (ricordi la similitudine della mano che smette di stringere la presa?). Questa seconda fase della tecnica della transizione cardiaca si basa sui principi della meditazione mindfulness e ci aiuta ad "abbassare il volume" del nostro chiacchiericcio mentale, spostando la nostra attenzione sulle sensazioni fisiche del respiro all'altezza delle nostre narici. Anche questa seconda fase ha una durata di circa un minuto (5,5 secondi per l'ispirazione + 5,5 secondi per l'espirazione, il tutto ripetuto x 5 volte = 55 secondi).

Respiri 11-15: ritrova lo stato di picco

È negli ultimi 5 respiri della transizione cardiaca che avviene il vero e proprio heart shift. Dal respiro 11 al 15, dopo esserci lasciati alle spalle le sensazioni e le emozioni sgradevoli che ci hanno accompagnato in questo periodo pre-performance, ci connetteremo con quello che è lo stato fisiologico e mentale ideale per la nostra prova. Immagina come vuoi sentirti durante la tua grande prova: vuoi essere pervaso dall'eccitazione? Vuoi essere calmo, composto e concentrato? Vuoi sentirti forte, sicuro e determinato? Immagina nei dettagli il tuo stato di picco, ma non limitarti a "pensarlo", devi proprio sentire quelle sensazioni a livello viscerale. Nello specifico, durante gli ultimi 5 respiri della transizione cardiaca, dovrai connetterti con il tuo stato di picco durante l'inspirazione e continuare a praticare l'arte di lasciare andare durante l'espirazione. - Questi sono i 15 respiri della transizione cardiaca. Questo semplice esercizio di allenamento mentale ti aiuterà a ritrovare la serenità e la concentrazione di cui hai bisogno per esprimere al meglio le settimane (o addirittura, i mesi) di allenamento e preparazione. Per aiutarti a mettere in pratica da subito questa tecnica e ad ottenere i massimi benefici, devo giusto svelarti gli ultimi dettagli. Sai come si dice: il diavolo si nasconde nei dettagli!

Cosa devi sapere per ottenere il massimo dalla tecnica di allenamento mentale della transizione cardiaca

dettagli allenamento mentale Fin qui abbiamo visto perché è importante allenarsi anche mentalmente (ed emotivamente) prima di una gara, un esame, una presentazione di lavoro, un pitch per la tua startup, etc. Ti ho inoltre presentato e spiegato il funzionamento della tecnica dell'heart shift della dott.ssa Leah Lagos. Per sfruttarla come si deve, dobbiamo però ancora vedere:
  • Il momento esatto in cui praticare la transizione cardiaca.
  • Quando invece non ha senso applicarla (anzi rischia quasi di essere controproducente).
  • Se e quante volte va ripetuta.
  • Quali app o strumenti utilizzare per seguire il giusto ritmo di respirazione.
  • E altri dettagli (es. devi tenere gli occhi chiusi o aperti durante questo esercizio? Cosa fare se all'inizio hai difficoltà a connetterti con le sensazioni sgradevoli o con lo stato di picco? E così via!).
Per evitare di farti tornare su questo articolo ogni volta che praticherai l'heart shift, ho pensato di riassumere cosa devi fare di preciso nelle tre fasi e tutti gli altri dettagli citati qui sopra in un semplice file pdf di una pagina, così lo puoi tranquillamente stampare e tenere al tuo fianco ogni volta che praticherai l'esercizio. Come ti accennavo, questa tecnica sarebbe dovuta essere una delle nuove "sfide giornaliere" di 365 - Un anno epico (ed. 2022). Ogni anno accompagno un numero selezionato di lettori di EfficaceMente in un percorso quotidiano progettato per aiutarli a realizzare i loro obiettivi annuali più ambiziosi. Ogni mattina, all'alba, invio agli iscritti di 365 la sfida del giorno, ovvero una strategia, un esercizio o un compito specifico che li aiuti a rafforzare concretamente una specifica competenza (autostima, focus, forza di volontà, etc.) e ad accelerare il raggiungimento dei loro traguardi annuali. I partecipanti hanno inoltre accesso ad un gruppo riservato dove si respira ogni anno una straordinaria aria di entusiasmo, voglia di fare e aiutare gli altri partecipanti. Chi si iscrive a 365, infatti, desidera migliorare la propria vita e circondarsi di persone che hanno lo stesso obiettivo e gli stessi valori non ha prezzo. Come ogni anno le iscrizioni apriranno le prime settimane di dicembre e si partirà tutti insieme il 1° di gennaio 2022. Per dare un assaggio di cosa significa partecipare a questo (per)corso unico e iniziare finalmente a trasformare la propria vita giorno dopo giorno, per tutto il mese di dicembre condivido gratuitamente con tutti i lettori che lo desiderano un PRE-corso di preparazione a 365, in cui condivido le migliori pratiche e strategie per prepararsi al nuovo anno e definire efficacemente i propri obiettivi personali e professionali. Per il 2022 ho riprogettato dalle fondamenta sia il (per)corso annuale di sfide giornaliere, sia il PRE-corso di preparazione gratuito di dicembre. Una delle novità sono i contenuti speciali che condivideremo già queste settimane con gli iscritti alla lista di attesa di 365. Il file pdf con il riassunto di come applicare la tecnica della transizione cardiaca e gli errori da non fare è il primo di questi contenuti speciali. Altri ne arriveranno i prossimi lunedì. Iscriviti ora gratuitamente alla lista di attesa di 365 - 2022 e scarica subito il pdf da stampare e utilizzare per il tuo allenamento mentale. Completa il form qui sotto per averlo:
Ps. Naturalmente l'iscrizione alla lista di attesa non ti impegna alla partecipazione al corso annuale. Considera infatti che i posti che mettiamo a disposizione ogni anno tendono a sparire rapidamente. Ho comunque piacere di averti in lista di attesa sia che tu sia un futuro partecipante di 365, sia che tu decida solamente di sfruttare tutti i contenuti gratuiti che condivideremo in queste settimane. Pps. Sei già iscritto alla lista di attesa di 365 - Un anno epico ed. 2022? Ricontrolla la newsletter che hai ricevuto il 15/11, nel tuo caso il link per scaricare subito il PDF è già presente in quell'email. A presto.

Andrea Giuliodori.

[post_title] => Allenamento mentale: prepararsi ad una sfida con la tecnica della transizione cardiaca (heart shift) [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => allenamento-mentale [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-11-14 20:58:02 [post_modified_gmt] => 2021-11-14 19:58:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=28524 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 9 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 27919 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-10-21 21:15:06 [post_date_gmt] => 2021-10-21 19:15:06 [post_content] =>

In questo nuovo articolo dedicato ai nostri lettori +Efficaci voglio scoprire insieme a te il potere del decluttering e come sfruttarlo a tuo vantaggio per dare una bella sterzata alla tua vita.

Scenario tipico: ti sei impegnato molto per il tuo lavoro e senti di non aver ottenuto il riconoscimento che meriti.

Cominci a fare sempre di più eppure le cose non cambiano, anzi, sei solo più esaurito.

Oppure: vivi una vita socialmente pienissima, passi da un aperitivo a una festa di compleanno, da un matrimonio a una gita in montagna, ma quando ti fermi ti prende una stretta al cuore e un senso di ansia e solitudine che non riesci a spiegarti.

Oppure, ancora, senti che la tua relazione ha dei momenti di impasse e prendi ad affannarti e a fare di tutto per evitare la rottura.

Con il risultato di contagiare l’affanno anche al tuo partner e peggiorare la situazione.

Ecco, quando la vita ti sembra troppo incasinata, stagnante insoddisfacente, quando senti che accumuli delusioni, incomprensioni e rapporti che non fanno per te, significa che è arrivato il momento di fare decluttering.

Aspetta, aspetta Andre’! Declu-che???

Decluttering: fare pulizia fuori e dentro di sé

Molti lettori e lettrici ne avranno sicuramente sentito parlare: la celeberrima autrice giapponese Marie Kondo ne ha fatto la chiave del suo lavoro (vedi il suo libro-caso editoriale, Il magico potere del riordino).

Non si può non parlare di decluttering e riordino senza citarla, ma in questo articolo cercheremo di andare un po' oltre i già noti principi della Kondo.

Innanzitutto chiariamo cos'è il decluttering.

Il decluttering (o riordino) è l'insieme delle pratiche che ci consente di eliminare  dalla nostra casa (ma anche dai nostri dispositivi digitali) gli oggetti/contenuti che non riteniamo più utili o benefici per noi.

Questa pratica, se fatta efficacemente, può avere molteplici benefici:

  • Calma e serenità: immagina di stare in un ambiente spazioso, pulito, ordinato, dove puoi lavorare con agio e trovare subito quello che cerchi. La sola idea non ti fa sentire già più tranquillo? 😃
  • Energia: quando sei circondato dal disordine e dal caos, oltre a vivere un sottile, perenne e spesso inconscio stato di irritazione, finisci anche per essere deprivato delle migliori energie; come se la tua mente percepisse un lieve e costante senso di minaccia. Non appena il contesto cambia, anche il tuo stato energetico si adegua.
  • Chiarezza: non appena elimini il superfluo e ti circondi solo di cose che ti danno sensazioni positive e che ritieni utili per te, non solo il tuo spazio diventa più ordinato, ma lo diventa anche la tua mente, donandoti un impareggiabile senso di lucidità.

In generale, il decluttering beneficerà tanto i tuoi ambienti domestici, quanto il tuo ambiente (leggi: stato) mentale.

E allora scopriamo come fare decluttering nella nostra vita!

I 7 passi chiave per un decluttering efficace

Vediamo i 7 passi necessari per fare ordine nei tuoi ambienti e nella tua vita.

1. Obiettivi chiari

Prima di iniziare con il decluttering vero e proprio, cerca di visualizzare l'ambiente ideale in cui vorresti vivere.

Totalmente minimalista, neutro e versatile, oppure ricco ed estremamente personalizzato?

A questo proposito, permettimi un inciso: decluttering e minimalismo (te ne avevo parlato in questo articolo di approfondimento) non sono necessariamente la stessa cosa. Anzi:

  • Se il minimalismo ha come obiettivo finale quello di farti concentrare solo ed esclusivamente su ciò che è essenziale nella tua vita (e nei tuoi spazi), a volte arrivando a degli estremi che non necessariamente condivido,
  • il decluttering ha come scopo primario quello di aiutarti a circondarti di ciò che ami e che ti trasmette vibe positive.

Certo, è vero: ciò che è essenziale è anche ciò che ci fa star bene, ma i due insiemi non sempre si intersecano perfettamente.

Ok, chiarito questo punto, andiamo avanti.

2. Prenditi tempo

C’è chi ci dedica un pomeriggio e chi un intero fine settimana.

L’importante è che tu scelga intenzionalmente di dedicare del tempo a fare ordine nella tua vita.

Non vale la pena iniziare un decluttering di fretta e furia: finiresti per non farlo in maniera corretta.

3. Stanza o categoria

Per riordinare, puoi procedere per categoria, come suggerisce Marie Kondo (quindi selezionare, prima, i vestiti di tutta la casa, poi tutti i libri, tutti i documenti, tutti gli accessori e tutti gli oggetti di valore sentimentale), oppure per stanza.

Onestamente nella mia esperienza io non ho notato tutta questa differenza abissale nell'applicare il primo o il secondo approccio.

In alcuni casi mi era più comodo sistemare una singola area alla volta della mia casa, in altri ho ragionato per categoria.

Anche perché, diciamocelo, non è che uno tiene i propri vestiti sparsi qua e là per la casa: di solito la maggior parte è concentrata in una zona ben precisa.

Scegli il metodo che ti sembra più giusto per le tue esigenze, ma soprattutto scegli il metodo con cui pensi che partirai subito, senza fare troppe resistenze!

4. Estrai

Per prima cosa, tira fuori ogni oggetto dal posto in cui lo conservi.

Estrai tutti i vestiti dall’armadio, tutte le carte dal cassetto, l’intero contenuto dello zaino.

In questo modo avrai una visione chiara e complessiva e potrai anche renderti conto della quantità di cose che possiedi (o che ti possiede, come direbbe Tyler Durden in Fight Club).

5. Ti serve? Ti piace?

Prendi in esame un oggetto dopo l’altro e domandati:

  • l’ho utilizzato nell’ultimo anno? Quante volte?
  • Mi piace?
  • Mi serve, oggettivamente?

Rispondi con sincerità a queste domande e presta attenzione anche alle sensazioni che provi.

Per esempio, se pensi che un oggetto potrebbe servirti, ma solo a guardarlo ti trasmette delle sensazioni negative (e non ti è costato un occhio della testa! 😅), non hai ragione di tenerlo.

Spoiler: nel 95% dei casi, quando pensiamo che una cosa potrebbe servirci e la conserviamo, in realtà non la riprendiamo più in mano fino alla fine dei tempi.

"Ma sì, lo tengo, non si sa mai..." è la scusa di chi ha paura di lasciare andare le cose.

Altra nota a margine: se ti devi impegnare per indossare un capo d’abbigliamento o per mettere mano a un oggetto, è un buon segno che lo devi buttare. 

6. Incerto?

Durante questa fase è probabile che in certi casi tu sia sicurissimo del destino di un oggetto e in altri decisamente meno.

Quando sei incerto se buttare o tenere degli oggetti, ecco una buona soluzione: puoi sistemarli in una scatola separata dal resto, metterla su un ripiano alto e darti un po’ di tempo.

Puoi decidere, ad esempio, di riprenderla in mano dopo sei mesi o un anno.

Se in quel lasso di tempo senti il bisogno di quegli oggetti, oppure, trascorso il tempo, ti piace l’idea di ricominciare a usarli, allora tienili.

Se ti sei accorto che in quel periodo non ne hai mai avuto bisogno, allora sei ufficialmente autorizzato a sbarazzartene.

7. Elimina

Verosimilmente ti troverai con una catasta di robe che non vuoi più in casa.

È il momento di eliminarle.

Se ti fa impressione l’idea di buttarle e se molte sono in buono stato (per esempio quei vestiti di una taglia sbagliata che hanno ancora il cartellino attaccato…), puoi e devi scegliere soluzioni più sostenibili.

Puoi ad esempio regalarle a parenti o amici che possono apprezzarle (quest’ultimo punto è molto importante, altrimenti obbligherai anche loro a sessioni indefesse di decluttering!), oppure darle in beneficienza.

Dopo il decluttering...

Spesso gli articoli di approfondimento sul decluttering terminano qui.

Ma visto che siamo su EfficaceMente e tu sei un +Efficace, andiamo + in profondità 😉.

Una volta terminata l’opera di selezione ed eliminazione ti ritroverai circondato solo da oggetti che ti servono e ti piacciono. Niente di meglio!

Ora si tratta di trovare a ognuno una giusta collocazione.

Se vuoi conservare a lungo la sensazione di leggerezza intelligente, ecco alcuni consigli per evitare che il caos si rimpossessi di te e della tua casa.

A. Riduci le superfici dove puoi appoggiare le cose

È un fatto. Più posto hai, più tenderai a riempirlo (è un po' come la Legge di Parkinson).

Se quindi occupi qualche mensola con qualcosa di essenziale e leggero, per esempio una pianta, eviterai di sovraffollarlo di depliant, riviste e mazzi di chiavi.

Meno tavolini sistemi in giro per casa, meno rischierai di ritrovarli in preda al disordine!

B. Un posto unico

Un'altra ottima strategia per tenere sempre tutto in ordine è stabilire un'unica collocazione per una precisa categoria di oggetti.

Questo significa, per esempio, che terrai in uno stesso luogo tutti gli oggetti elettronici – e non un caricabatterie in camera, una spina in salotto e le cuffiette nel bagno.

In generale ricorda:

"Un posto per ogni cosa, ogni cosa al suo posto."

C. Controlla il flusso delle cose nuove

Dopo tutta la fatica fatta per riordinare, non vorrai mica ricominciare tutto da capo, vero?!?

La cosa migliore che puoi fare per risolvere (o comunque minimizzare) il problema del disordine è quello di agire sui tuoi eventuali acquisti impulsivi.

Ecco un po’ di indicazioni da tenere a mente...

Spesso comperiamo oggetti non tanto perché ci servano davvero, ma per avere una piccola gratificazione, una scarica di dopamina che ci faccia stare bene al momento (basta notare il successo di piattaforme come Amazon durante i lockdown!).

Prova a notare se ti capita di cadere spesso nella trappola degli acquisti impulsivi.

In questo caso, ti consiglio di prendere coscienza di che cosa c’è dietro il desiderio di fare acquisti:

  • Insoddisfazione?
  • Noia?
  • Rabbia?
  • Preoccupazione?
  • Solitudine?

Indaga, cerca di capire cosa fa scattare il desiderio di accumulare nuovi oggetti e trova delle soluzioni alternative per prenderti cura di quell'emozione.

Qualche spunto? A seconda del tipo di stimolo: attività fisica, meditazione, riposo, lettura, un pomeriggio con gli amici, un passatempo artistico, sono ottime alternative.

    E se l'idea del decluttering mi fa venire l'ansia?

    Punto primo, non preoccuparti: sono molte le persone che si trovano in difficoltà all'idea di dover rimettere in ordine i propri spazi e la propria vita.

    Ognuno di noi ne conosce una... magari da moooolto vicino.

    I motivi sono vari.

    In primis, a bloccarci potrebbe essere un forte legame affettivo con gli oggetti di cui ci circondiamo, a cui spesso si unisce la paura di pentirsi di aver buttato qualcosa.

    Alla base di questo timore c'è naturalmente qualcosa di più profondo, ovvero... la paura di cambiare e di non avere più il controllo della nostra vita.

    Mantenere e accumulare oggetti è un forma di evitamento che mettiamo in atto per non fare i conti con quelle che potrebbero essere le conseguenze di un cambio di vita radicale (ogni cambiamento, anche il più positivo, ha un prezzo).

    Ecco allora alcuni consigli finali (e molto concreti) per un decluttering graduale che ti permetta di gestire al meglio questo cambiamento:

    • 1 oggetto. Se noti che fai resistenza ad iniziare il tuo decluttering, prendi un impegno più semplice: liberati di un solo oggetto al giorno (ma fallo ogni giorno). Se pensi sia troppo poco, una via di mezzo potrebbe essere quella di dedicare 15 minuti al giorno al decluttering.
    • 20 euro. Sempre per chi teme di pentirsi delle pulizie, un'altra strategia interessante è quella di partire dagli oggetti di minor valore, diciamo oggetti che al massimo ti sono costati 20 euro.
    • Geometrica. Altra strategia molto efficace per un decluttering graduale è quella della crescita geometrica (o esponenziale). Per un intero mese procedi come segue: il primo giorno liberati di un oggetto, il secondo di due, il terzo di tre e così via. Ehi, è un modo per rendere il decluttering più divertente e meno ansiogeno, magari non serve neanche arrivare a liberarti di 30 oggetti in un solo giorno a fine mese. Buon senso, sempre buon senso 😉
    • 90-90. L'ultima strategia fantasiosa di decluttering che voglio proporti è quella nota come 90-90. In questo caso devi semplicemente concentrarti sugli oggetti che non hai usato da 90 giorni e che non pensi di usare nei prossimi 90 giorni. Questi saranno i primi a lasciare i tuoi spazi e la tua vita!

    Bene, mi auguro davvero che userai questo articolo premium come una guida per fare ordine fuori e dentro di te.

    Fammi sapere nei commenti se hai messo in opera alcuni di questi consigli e vuoi condividere altre tecniche di decluttering con la community dei +Efficaci.

    A presto.

    Andrea Giuliodori.

    [post_title] => Il magico potere del decluttering [post_excerpt] => La vita che vivi non ti soddisfa? Cambiala. Il decluttering ti insegna a selezionare ed eliminare per mettere ordine fuori e dentro di te. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => decluttering [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-10-29 10:19:41 [post_modified_gmt] => 2021-10-29 08:19:41 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27919 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 6 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 28271 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-09-12 21:11:53 [post_date_gmt] => 2021-09-12 19:11:53 [post_content] =>

    Imparare dormendo, magari imparare l'inglese dormendo, è il sogno proibito di ognuno di noi. Ma è davvero possibile? Scopriamolo in questo articolo di EfficaceMente.

    Reuben Rabinovitch è un ragazzo polacco protagonista di un fatto singolare.

    Una notte dopo che i suoi genitori si sono dimenticati la radio accesa, ascolta nel sonno un programma inglese.

    La mattina successiva, appena sveglio, scopre di ricordare tutto quello che ha sentito e riesce a recitare l’intero programma, senza errori.

    Venuti a conoscenza di questo fatto, i vertici del governo del suo paese scoprono l’ipnopedia, ovvero una tecnica di apprendimento di informazioni che agisce durante il sonno.

    Colpiti dall'efficacia di questo metodo, pensano subito di utilizzarla per influenzare le masse.

    Se hai letto "Il Mondo Nuovo" dello scrittore britannico Aldous Huxley, avrai sicuramente riconosciuto questo passaggio sul giovane Rabinovitch e l'ipnopedia.

    Ma cosa c’è di reale in questa storia?

    Possiamo davvero imparare una lingua nel sonno o è solo la trovata di un un geniale scrittore di fantascienza?

    Ipnopedia: imparare dormendo

    Per rispondere subito alla prima domanda, sì: l’ipnopedia esiste ed è conosciuta anche come sleep learning, sleep teaching o sonno tattico.

    È una tecnica mnemonica che mira a sfruttare l'apprendimento notturno.

    Il funzionamento è semplice: di notte si fanno ascoltare nozioni e frasi ripetute a uno studente, senza risvegliarlo, e questi dovrebbe memorizzare il tutto inconsciamente e senza fatica.

    Ohhh, là! Questo sì che è un metodo di studio che mi piace. Così ti voglio Andre’.

    Quindi adesso, se ho capito bene, mollo tutto, avvio una registrazione sul mio smartphone, mi spalmo sul divano e magicamente avrò memorizzato l'intero esame di diritto privato per domani, giusto?!

    Non proprio...

    Ma l’ipnopedia funziona davvero?

    Già a partire dagli anni ’40 questa tecnica ebbe una grande fortuna. Applicata in corsi di apprendimento di ogni genere, era diventata una delle tecniche più di moda dell’epoca.

    Peccato che, nel 1956, dopo i loro studi di elettroencefalografia, i ricercatori Simon ed Emmons conclusero che si trattava di una bufala: se uno studente pensava di imparare una nuova lezione, mai letta prima, ascoltandone una registrazione dormendo, al risveglio avrebbe avuto una brutta sorpresa.

    In altre parole, le nuove informazioni ascoltate nel sonno non possono essere processate dal cervello e di conseguenza non possono neanche essere memorizzate.

    Ma quindi, è tutto da buttare?

    No, e qui arriva il bello...

    Studi più recenti hanno dimostrato come l'ipnopedia, con le dovute attenzioni, può essere uno strumento di studio estremamente efficace.

    Apprendere durante il sonno: la ricerca svizzera del 2014

    Alcuni anni fa, dei ricercatori svizzeri delle Università di Friburgo e Zurigo hanno messo a confronto due gruppi di madrelingua tedeschi che non conoscevano l’olandese.

    Hanno chiesto a ciascun componente dei due gruppi di imparare una serie di vocaboli in questa nuova lingua.

    E così hanno fatto fino alle 10 di sera.

    Poi, al primo gruppo è stato chiesto di continuare a studiare i nuovi vocaboli mentre al secondo è stato permesso di andare a dormire.

    Inoltre, a questo secondo gruppo, durante il sonno è stata fatta ascoltare una registrazione dei vocaboli olandesi studiati durante il giorno.

    Dopo qualche ora, il secondo gruppo è stato svegliato e intorno alle 2 di notte tutti i partecipanti al test sono stati sottoposti a una verifica di apprendimento (bastardi eh questi ricercatori tedeschi?!)

    Qual è stato il risultato?

    Il gruppo che aveva ascoltato le registrazioni durante il sonno ha totalizzato punteggi nettamente superiori rispetto al gruppo rimasto a studiare fino a tarda sera, e questo anche dopo aver epurato i risultati da fattori confondenti come:

    • La tendenza del nostro cervello a consolidare le informazioni apprese di giorno durante il sonno.
    • La maggior stanchezza del primo gruppo che non era andato a dormire.
    • ...e così via.

    Come sfruttare lo sleep learning efficacemente

    L'esperimento dei ricercatori svizzeri del 2014 ha dimostrato come l'apprendimento durante il sonno non sia una mera fantasia fantascientifica, ma può avere delle applicazioni reali – con particolare riferimento all'apprendimento delle lingue straniere.

    Altre ricerche hanno confermato l'efficacia dello sleep learning.

    È necessario però tenere a mente alcuni accorgimenti per applicare questa strategia efficacemente:

    1. Non puoi usare l'ipnopedia per apprendere nuove nozioni, ma solo per consolidare nozioni già apprese durante il giorno. Da questo punto di vista, ad esempio, l'apprendimento notturno può funzionare particolarmente bene per ripassare i vocaboli di una nuova lingua e memorizzarli a lungo termine.
    2. Le registrazioni audio vanno ascoltate in una particolare fase del sonno, nello specifico, durante la fase di sonno profondo (non-REM) che generalmente sperimentiamo nella prima metà della notte. Se vai a dormire intorno alle 11:00, per esempio, (e non hai problemi di insonnia) il miglior momento per mandare le registrazioni audio è tra mezzanotte e le due del mattino. E mi raccomando, non sparare il volume a palla. Comunque non preoccuparti, più avanti ti spiego esattamente come farlo.

    Per riassumere, se è vero che l'ipnopedia non ti permette di assorbire magicamente l'intero scibile umano mentre dormi, neanche fossi Neo di Matrix, rispettando, però, queste condizioni ti aiuta a consolidare (e memorizzare a lungo termine) quello che hai studiato, permettendoti di risparmiare lunghi ripassi e ripetizioni.

    Ma vediamo come applicare questa metodologia nel dettaglio per imparare l'inglese dormendo!

    Imparare l'inglese dormendo: istruzioni per l'uso

    Intendiamoci, il sonno è sacro: nessuno ti sta obbligando a studiare anche mentre dormi. Ci mancherebbe.

    Però se sei curioso di mettere alla prova l'ipnopedia, ecco alcuni consigli pratici per imparare l'inglese dormendo.

    • Scegli il materiale che vuoi consolidare e memorizzare a lungo termine. Ecco alcuni esempi:
      • La lista dei verbi irregolari inglesi.
      • Idiomi tipici.
      • Vocaboli legati al tuo settore di studio / lavoro.
      • False friends.
      • etc.
    • Quando studi questi materiali durante il giorno, registrati o, ancor meglio, cerca delle registrazioni fatte da madrelingua di questi contenuti, così da poter migliorare anche la pronuncia.
    • Utilizzando un software di editing audio (o tuo cugino smanettone) crea un file audio che all'inizio abbia circa un'ora di silenzio, a cui poi seguirà la registrazione dei verbi, vocaboli o idiomi inglesi che vuoi memorizzare per sempre. Questo ti servirà per assicurarti che la traccia audio parlata parta quando ti sei ormai addormentato.
    • A questo punto, carica l'audio sul tuo cellulare e la sera, prima di andare a dormire, metti il tuo smartphone in modalità aereo in modo da prevenire l'emissione di onde elettromagnetiche mentre sei a letto.
    • Fai partire la traccia audio (che inizialmente sarà silenziosa) e vai regolarmente a dormire. That's it!
    Alcune raccomandazioni e precisazioni:
    • All'inizio naturalmente non sentirai nulla. Abbiamo inserito un'ora di silenzio proprio per questo. Se ricordi, l'ipnopedia funziona al meglio se le registrazioni partono quando sei nella fase di sonno profondo.
    • Verifica che l'audio del tuo dispositivo sia impostato a un volume medio-basso! Non vogliamo che l'avvio della registrazione ti svegli nel cuore della notte.
    • Ripeti questo esercizio per 5 notti di seguito e vedi cosa succede 😉

    Se hai capito come gira il fumo, naturalmente puoi utilizzare questa metodologia non solo per imparare l'inglese dormendo, ma anche per consolidare l'apprendimento di altre materie.

    Ma tornando all'apprendimento dell'inglese, per i nostri corsisti di YES! Inglese abbiamo pensato a  tutto noi.

    Nello specifico abbiamo realizzato un audio ad alta qualità, con tutte le caratteristiche necessarie per utilizzarlo in modalità di "sleep learning" per memorizzare definitivamente il listone di verbi irregolari inglesi.

    E a proposito di YES! Inglese...

    Se non ne hai mai sentito parlare, YES! è l'innovativo corso sviluppato in partnership con Fluentify, start-up specializzata nell'apprendimento dell'inglese online, e il master teacher Christian Saunders.

    Il corso include decine di video-lezionistrategie di meta-learning (tecniche per velocizzare l’apprendimento) e sessioni live in cui potrai allenare il tuo inglese seguito direttamente da un Tutor madrelingua certificato.

    Insomma un vero e proprio percorso personalizzato realizzato sulla base dei più recenti studi scientifici sull’apprendimento delle lingue, di contenuti coinvolgenti come una serie Netflix e che ti permette di fare pratica con sessioni di tutoring individuali.

    In vista della nuova apertura delle iscrizioni a YES! Inglese, lunedì 20 settembre, insieme a Christian Saunders (il tuo futuro teacher) abbiamo realizzato un mini-corso gratuito dove ti aiuteremo ad eliminare i 10 errori (poco conosciuti) che ti stanno impedendo di portare il tuo inglese al prossimo livello.

    Si tratta di 10 lezioni video e testuali che condivideremo con gli iscritti alla lista di attesa a partire da mercoledì 15 settembre e fino a venerdì 24.

    In ogni lezione analizzeremo un errore diverso, vedremo come "correggerlo" e ti forniremo consigli utili e strategie pratiche per migliorare il tuo inglese.

    Clicca il pulsante qui sotto e completa il form per partecipare al pre-corso gratuito:

     

    SCOPRI IL MINI-CORSO 》

     

    Ovviamente la partecipazione al mini-corso non vincola in alcun modo alla partecipazione ai corsi avanzati di YES! Inglese.

    Ci vediamo il 15 settembre. 😉

     

    Andrea Giuliodori.

    [post_title] => Imparare l'inglese dormendo si può: ecco i segreti dello sleep learning [post_excerpt] => Imparare dormendo è solo un sogno? In questo articolo vediamo come sfruttare la tecnica dello sleep learning per irrobustire il tuo inglese. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => imparare-inglese-dormendo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-09-15 10:54:46 [post_modified_gmt] => 2021-09-15 08:54:46 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=28271 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 10 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 27472 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-09-02 18:11:30 [post_date_gmt] => 2021-09-02 16:11:30 [post_content] =>

    Immagina questa scena... sei alla tua scrivania, o ancor meglio, comodo comodo sul divano, prendi uno dei tuoi tomi universitari, o quel manuale di aggiornamento che devi studiare per il lavoro, lo sfogli rapidamente e… TAAAAC: hai assorbito tutte le nozioni neanche fossi Neo di Matrix che impara il Kung Fu con uno spinotto piantato nel cervello.

    A quel punto alzi gli occhi, guardi il tuo gatto e dici: "I know Diritto Privato" ("conosco Diritto Privato").

    conosco Diritto Privato

    Pensa che goduria!

    Invece no, mannaggia a li piscitti, ti tocca sudare per ore sopra quei libri e spesso, mentre leggi, ti tocca anche ripartire da capo perché il tuo cervello se ne va in sciopero ogni tre pagine.

    Come uscirne? Come ottenere il massimo dalle tue letture? In definitiva... come ricordare quello che leggi?

    Ecco, in questo articolo riservato ai +Efficaci non troverai marca e modello dello spinotto cerebrale di Matrix, in compenso però scoprirai strategie e tecniche inedite per riuscire finalmente a ricordare quello che leggi, che si tratti di un libro universitario, di un manuale di lavoro o di quel libro di crescita personale che ti riprometti di leggere e praticare da una vita 😉

    Partiamo.

    Se vuoi ricordare quello che leggi, devi innanzitutto capire come funziona il tuo cervello...

    Prima di svelarti le tecniche super-cazzute per diventare l'Eletto di Tor Vergata e riuscire a ricordare anche la lista degli ingredienti dello shampoo che leggi mentre sei seduto sul water (ti ho beccato, eh?!), dobbiamo aver chiari alcuni meccanismi chiave dell'apprendimento umano.

    Nello specifico, per ricordare quello che leggiamo abbiamo bisogno della RAI. No, non quella RAI, questa... RAI:

    1. Riattivazione.
    2. Associazione.
    3. Interesse.

    RIATTIVAZIONE: fai uscire il tuo cervello dalla modalità a "risparmio energetico"

    come ricordare quello che leggi: RIATTIVAZIONE

    Uno degli scopi primari del nostro cervello è quello di risparmiare energie. Sempre.

    In altre parole, se non segnaliamo a Mr. Brain che quello che stiamo per leggere è importante, lui attaccherà il pilota automatico e noi ci ritroveremo a fine capitolo senza avere la più pallida idea di cosa diamine abbiamo letto nell'ultima mezz'ora.

    Ancora prima di iniziare a leggere dobbiamo dunque riattivare il nostro cervello e uno dei metodi più efficaci per farlo è senza dubbio la pre-lettura:

    • sfoglia rapidamente l'indice del libro e le pagine dei primi capitoli,
    • soffermati qualche istante sui titoli dei paragrafi principali,
    • cerca di capire qual è la struttura del libro e come sono organizzate le informazioni.

    In generale, lo scopo della pre-lettura è aiutarti a farti un'idea generale del materiale che stai per affrontare e farlo è come dire al tuo cervello: "oh, ninì, sveglia che dobbiamo assorbire queste informazioni".

    Ps. Mi raccomando, non devi dedicare mezz'ora alla pre-lettura, bastano pochi minuti di "riscaldamento".

    ASSOCIAZIONE: metti il libro in relazione ai tuoi obiettivi

    Per quale motivo sto leggendo questo libro?

    Ricordi? La nostra mente non ne vuole proprio sapere di sprecare energie a caso. Per funzionare efficacemente ha dunque bisogno di uno scopo.

    Porti questa semplice domanda ("Per quale motivo sto leggendo questo libro?") ti aiuterà a ricordare perché stai facendo quello che stai facendo.

    Insomma, perché stai leggendo quel tomo di Diritto Privato?

    • Perché vuoi diventare un bravo avvocato e combattere le ingiustizie di questo Paese?
    • Perché vuoi aiutare le persone a difendere i loro diritti?
    • Perché hai subito in prima persona dei torti e vuoi che non accada mai più?

    Come direbbe il buon Simon Sinek: start with why, inizia dal perché.

    Associa sempre le tue letture a chiari obiettivi, sì, fallo anche quando leggi gli ingredienti dello shampoo al cesso: se non altro prendi l'abitudine! 😉

    INTERESSE: per ricordare quello che leggi, impara ad amare quello che leggi

    Come ricordare quello che leggi: Heidi

    Lo so, lo so, a volte ci troviamo a dover leggere dei mapazzoni che toglierebbero la voglia di vivere anche ad Heidi e alle sue caprette, ma anche nella lettura più sfrangi-maroni possiamo sempre trovare una scintilla di interesse.

    Abbiamo visto nel punto precedente come collegare una lettura ad un perché abbastanza forte possa aiutarci a vederla sotto una nuova luce.

    Detto questo, se ti ritrovi spesso a leggere materiale che in fondo non ti cattura davvero, è arrivato il momento di cambiare radicalmente approccio.

    In questo caso ci viene in aiuto il buon Naval:

    "Inizia a leggere quello che ami finché non inizierai ad amare la lettura".

    Naval Ravikant.

    Impara dunque ad abbandonare senza il minimo senso di colpa quelle letture che non accendono il tuo entusiasmo (sì, naturalmente vale anche per questo articolo se non ti sta piacendo).

    Se vuoi diventare un lettore davvero efficace, non puoi costringerti a leggere. Leggere deve innanzitutto essere un piacere, un qualcosa che non vedi l'ora di fare.

    Impara dunque a leggere libri che ti tengano incollato pagina dopo pagina. Ti capita solo con romanzetti rosa di Danielle Steel? Chissefrega, parti da quelli!

    Quando la lettura sarà diventata una seconda pelle per te, potrai affrontare anche quelle letture che reputi più "nutrienti" per la tua mente, ma che non sempre sei riuscito a digerire in passato.

    Ok, ora che conosciamo i 3 meccanismi chiave del nostro cervello che ci aiutano a ricordare quello che leggiamo, è arrivato il momento di passare a tattiche pratiche da applicare fin dalla tua prossima sessione di lettura.

    Continua a leggere...

    Come ricordare quello che leggi grazie a queste 7 tecniche super-cazzute

    1. Crea il tuo "Fortino della Lettura"

    Il fortino della lettura

    Leggere può essere davvero qualcosa di magico, oserei dire... sacro.

    Attraverso le pagine di un buon libro i più grandi pensatori della storia umana sussurrano alla nostra mente per l'eternità, condividendo tutto il loro sapere.

    Ecco, ora immagina di avere davanti a te Socrate, Virginia Woolf, Dante e mentre loro ti stanno raccontando con passione concetti che hanno fatto la storia della cultura, tu alzi il ditino e dici:

    "Scusate signori (e signore): mi ha appena scritto Ermenegildo su Whatsapp. Ah ah ah, guardate che meme mi ha girato. Riderissimo!".

    meme idiota

    Ecco, se vuoi davvero assorbire le tue letture e ricordare quello che leggi, devi dare a questo momento la sacralità che merita.

    Ed eliminare le distrazioni è senza dubbio il pre-requisito #1 per una sessione di lettura proficua.

    Ti dirò di più, crea una sorta di "Fortino della Lettura", ovvero uno spazio della tua casa (ma può essere anche un luogo esterno come una biblioteca) che ti aiuti naturalmente a concentrarti.

    Nel tuo "Fortino della Lettura" lo smartphone è vietato, il silenzio è d'oro e un ordine rilassante domina gli spazi.

    Crea queste condizioni e le probabilità di ricordare quanto stai leggendo saranno da subito più alte. Ma soprattutto ti godrai i tuoi momenti di lettura molto di più.

    Prova e se non dovesse funzionare, beh, io... cielo messa tuta.

    2. Lascia andare i tuoi "Bisogna"

    Ti ricordi la newsletter di qualche tempo fa sulle regole segrete?

    Ecco alcune tipiche "regole segrete" dei lettori alle prime armi:

    • "Bisogna sempre finire un libro una volta che si è iniziato".
    • "Bisogna leggere ogni singola pagina, anche le note alla nuova edizione".
    • "Bisogna...".

    Ecco, tutti questi "Bisogna" che ci portiamo dietro dall'infanzia non fanno altro che farci odiare la lettura.

    Non solo.

    Se è tutto un dovere, se è tutto importante, il nostro cervello non capirà mai su cosa deve concentrarsi e cosa deve memorizzare (ricordi? Il suo obiettivo è sempre quello di risparmiare calorie).

    Inizia dunque ad abbandonare i tuoi "Bisogna"; di un libro o di un manuale leggi con la massima attenzione solo quello che cattura davvero la tua attenzione e sorvola senza pietà tutto il resto.

    La pre-lettura, di cui abbiamo parlato ad inizio articolo, ti aiuterà anche ad intuire quali sono i passaggi importanti e quali invece sono dei semplici riempitivi usati dall'autore per arrivare alle 50.000 parole concordate con l'Editore!

    3. Sottolinea come Dio comanda

    Laura aveva un rapporto morboso con i suoi evidenziatori. Laura evidenziava anche i numeri delle pagine dei libri che i Prof ci davano da studiare al Liceo. Laura e i suoi ca*zo di libri con le pagine fluo mi fanno ancora venire gli incubi di notte!

    Non essere come Laura.

    Ancora una volta, se evidenzi tutto, considerando tutto importante, allora significa che nulla è davvero importante e il tuo cervello non ti aiuterà a ricordare un beneamato ciuffolo.

    Impara a sottolineare come Dio comanda.

    Puoi utilizzare la strategia che spiego nel dettaglio in "Studia meno, Studia meglio"; in generale per ricordare quello che leggi (e ricordare solo quello che conta davvero) usa l'evidenziatore come se dovessi pagare ogni centimetro di carta che sottolinei con esso.

    Meno è meglio.

    4. Riscrivilo a parole tue

    Una delle migliori abitudini che ho instaurato nel mio percorso di crescita personale è stata quella di NON iniziare un nuovo libro di self-help finché non avessi fatto una breve sintesi di quello che avevo appreso dall'ultimo libro letto.

    E non una sintesi qualunque, ma un riassunto a parole mie dei passaggi più importanti di quel libro, spesso in forma grafica (una mappa concettuale per intenderci).

    Chissà, magari un giorno condividerò questo tesoretto di mappe e sintesi dei migliori libri di crescita personale.

    Per il momento, però, per ricordare quello che leggi, impara a fare un breve riassunto di quello che leggi.

    Puoi farlo anche al termine di ogni capitolo e no, non devi stare a riscrivere TUTTO il capitolo, bastano anche poche parole e concetti chiave elencati con dei bullet point! L'importante è che siano parole tue e non dei beceri "copia & incolla" di quanto scritto dall'autore.

    5. Connetti i puntini (e se necessario, crea nuovi puntini)

    connetti i puntini

    In fin dei conti il nostro cervello non è altro che una rete di neuroni connessi tra loro.

    Non dobbiamo dunque sorprenderci se ricordiamo meglio facendo connessioni tra le informazioni.

    Se vuoi davvero capire come ricordare quello che leggi, la tecnica del "connettere i puntini" è fondamentale.

    In poche parole, ogni volta che leggi qualcosa che vuoi ricordare, cerca sempre di connetterlo ad un concetto o un'informazione che già conosci.

    Può essere una connessione anche assurda o scherzosa.

    Un esempio?

    Se ti dico RAI, cosa ti viene in mente ora che hai letto questo articolo?

    ...esatto, ti viene in mente la Radiotelevisione Italiana ma anche i tre meccanismi chiave attraverso cui il nostro cervello ricorda quello che legge: Riattivazione, Associazione e Interesse.

    I due concetti non hanno un legame diretto, ma creando una connessione con un qualcosa che già conoscevi ho cercato di aiutarti a ricordare questi nuovi elementi.

    Se poi vuoi essere davvero un pro e fare tuo un nuovo argomento a cui tieni particolarmente, non ti limitare a connettere i puntini. Creane di nuovi!

    Esponiti agli stessi argomenti attraverso "canali" diversi:

    • Leggi un libro sul tema.
    • Approfondisci gli articoli di un blog che lo tratta.
    • Guarda dei video su YouTube sempre sullo stesso argomento.
    • Ascolta dei podcast.

    Insomma, stimola la tua mente con "modalità di comunicazione" diverse sullo stesso tema e la probabilità di ricordarlo aumenteranno esponenzialmente.

    6. Esci dalla tua Torre di Avorio

    Torre d'Avorio

    Appena leggi qualcosa che ti piace o ti colpisce, mettilo subito in pratica.

    E questo vale anche per questo articolo.

    C'è una strategia che ha stuzzicato particolarmente i tuoi neuroni? Applicala, e applicala oggi stesso, alla tua prossima lettura.

    Troppo spesso rimaniamo nelle nostre "Torri di Avorio", ingurgitiamo informazioni su informazioni, senza mai uscire là fuori a metterle in pratica.

    Questa, oltre ad essere una colossale perdita di tempo è anche la tecnica perfetta per NON ricordare tutto quello che cerchiamo di stipare nella nostra testolina.

    Al contrario, nel momento in cui traduciamo un'informazione letta, in un'informazione sperimentata sulla nostra pelle, quella ci si stampa a fuoco nella mente.

    Quando leggi del materiale, fallo sempre con l'intenzione di portarti a casa almeno un elemento che potrai applicare nella tua vita.

    7. "Chi sa fare... insegna"

    Te lo ricordavi diversamente, vero?!

    Beh, a me il detto originale "Chi sa fare, fa. Chi non sa fare, insegna" non ha mai convinto del tutto.

    L'unico modo per insegnare qualcosa (e farlo bene), infatti, è aver compreso a fondo l'argomento di cui si parla.

    ...e questo può tornarci decisamente utile anche quando vogliamo ricordare quello che leggiamo.

    Ecco come: la prossima volta che affronti una lettura che vuoi salvare nel tuo hard drive biologico, fallo con l'idea che dovrai poi spiegare quanto appreso ad un tuo conoscente.

    E qui c'è il trucco...

    NON è indispensabile che tu poi faccia davvero la lezioncina al tuo conoscente. Quello che conta è che tu affronti la lettura con l'idea di dover insegnare quanto studiato.

    Questo semplice cambio di mindset ti aiuterà ad attivare quelle parti del tuo cervello utili a comprendere e memorizzare il materiale che leggerai.

    Prima di salutarci...

    Ok, mettiamo subito in pratica quanto appreso in questo articolo premium.

    Prima di salutarci rispondi a queste semplici domande: ti aiuteranno a cristallizzare nella tua memoria quanto letto:

    • Quali sono le tre parole che si nascondono dietro l'acronimo RAI? (Riatti... poi?).
    • Di cosa parlavamo nel paragrafo con il meme "cielo messa tuta"? (Non ti sarai mica... distratto?!)
    • È necessario leggere anche la prefazione di un libro per ricordarne i concetti chiave?
    • Chi è Laura e perché mi dà ancora gli incubi?
    • Come riscriveresti la quarta strategia su "come ricordare quello che leggi" a parole tue?
    • Hai già ascoltato la versione audio di questo articolo? Prova ad utilizzare questo secondo "canale comunicativo" per ricordare ancor meglio i concetti che abbiamo visto.
    • Quale delle 7 strategie per ricordare quello che leggi metterai in pratica entro stasera?
    • È necessario insegnare quanto letto per memorizzarlo al meglio o basta l'idea di volerlo fare?

    E adesso prova a dimenticarti questo articolo! 😃

    Ci leggiamo nei commenti. Fammi sapere se questo articolo ti è stato utile!

    A presto.

    Andrea Giuliodori.

    [post_title] => Come ricordare quello che leggi (anche se hai una pessima memoria) [post_excerpt] => Più studi meno ti sembra di imparare? Per ricordare quello che leggi con efficacia ecco diversi consigli da applicare tutti i giorni. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-ricordare-quello-che-leggi [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-10-14 16:34:34 [post_modified_gmt] => 2021-10-14 14:34:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27472 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 41 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 28767 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-11-25 21:11:28 [post_date_gmt] => 2021-11-25 20:11:28 [post_content] =>

    Ti vedo. E soprattutto ti sento.

    Stai aprendo questo articolo abbandonato sulla sedia della tua scrivania, con la testa pesante, una gran voglia di niente e contemporaneamente il pensiero ossessivo di tutte le cose da fare che ti dà un filo d’angoscia e non ti permette di concentrarti.

    Fuochino?!

    Già.

    Siamo esseri umani perennemente stressati, perennemente connessi, perennemente confusi da un mare di stimoli diversi, e, quindi, perennemente e profondamente stanchi.

    Ma stanchi dentro.

    Tant’è vero che quasi ogni volta che parlo con una persona, a prescindere da età, lavoro e condizione personale, a un certo punto salta fuori la questione del:

    “Se solo fossi meno stanco…”

    Ed è qui che arriva questo nuovo articolo dedicato ai +Efficaci sul "come riposare" EfficaceMente.

    Perché non è vero che basta mangiare bene e dormire a sufficienza per sentirsi riposati.

    Esistono infatti ben quattro tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno per rigenerarci davvero:

    1. Il riposo fisico.
    2. Il riposo mentale.
    3. Il riposo relazionale.
    4. Il riposo emotivo.

    Partiamo dal riposo fisico, quello più scontato... o forse no?

    Riposo fisico: no, non è solo questione di buon sonno

    Certo, se fai le ore piccole ogni santa notte, fumi come una ciminiera, non ti muovi se non per spostarti dal letto al divano, e mangi la qualunque, non mi sorprenderei, fossi in te, se non sprizzi proprio di energie!

    Ma, ahimè, anche chi cura molto la propria alimentazione, fa una buona attività fisica e dorme almeno 7 ore a notte molto spesso si sente scarico fisicamente.

    La spiegazione sta nel fatto che ci sono due tipi importanti di riposo fisico: uno passivo e uno attivo.

    Il riposo passivo

    Per riposo passivo si intende quello più classico, cioè tutti i momenti in cui lasciamo che il nostro corpo recuperi le forze “spegnendosi”: il sonno notturno, i pisolini, gli attimi in cui ci stendiamo, chiudiamo gli occhi e, anche se non dormiamo a tutti gli effetti, ci permettiamo un rilassamento profondo.

    Ripassa questo articolo: ci troverai dei consigli per rendere il tuo sonno più efficace.

    Il riposo attivo

    Il riposo fisico attivo invece è un’altra cosa. Ma è altrettanto importante.

    Sotto questo nome rientrano le attività che ti rigenerano mentre le eserciti.

    Dei buoni esempi sono lo yoga, gli esercizi di respirazione, lo stretching, il massaggio terapeutico.

    O anche una camminata in mezzo alla natura, una nuotata o un giro in bicicletta.

    Si tratta di attività "dolci", non impegnative, che, migliorando la flessibilità del nostro corpo e agendo sulla circolazione sanguigna, ci faranno sentire più ritemprati e sereni.

    E a proposito di riposo fisico e movimento, per chi invece è un maniaco del fitness, è importante non dimenticare il recupero post-allenamento.

    Se esageri con la quantità di attività sportiva senza mai dare al tuo corpo il tempo di recuperare, puoi andare incontro a una situazione di fatica e stanchezza cronica – oltre ad annullare i benefici dei tuoi work-out.

    Ormai lo sanno anche i bambini dell'asilo: i nostri muscoli si sviluppano proprio nei giorni di recupero.

    Passiamo ora a vedere un altro importantissimo tipo di riposo, ovvero quello mentale.

    Riposo mentale. Come imparare a rilassare davvero la tua mente

    Quando senti qualcuno dire che tutto parte dalla nostra testa, sappi che nel 90% dei casi ha ragione.

    La stanchezza mentale ti può far sentire uno straccio per settimane di fila.

    E non parlo solo di difficoltà di concentrazione, poca memoria e irritabilità.

    La stanchezza mentale si ripercuote immediatamente sul fisico, diventando mancanza di energia fisica, insonnia o fatica a prendere sonno, lentezza nel recupero dopo una malattia di stagione e via dicendo.

    Per questo è fondamentale trovare il modo di ristorarci in maniera costante anche a livello mentale.

    Ecco 5 consigli per rilassare la tua mente, espressi in altrettante parole chiave di facile memorizzazione (tanto per non affaticare la tua mente)

    1) Pause

    La prima attenzione che ti consiglio di avere è semplice ma estremamente efficace.

    Fai pause con regolarità mentre lavori.

    Chi utilizza la tecnica del pomodoro ha già sperimentato quanto possa essere efficace alternare momenti di massimo focus a brevi pause rigeneranti. Se ancora non la conosci, qui trovi tutti i dettagli su questa fantastica strategia di gestione del tempo.

    E se il tuo lavoro non ti permette di programmare pause con precisione, ogni tot minuti, organizzati in maniera tale da staccare completamente i pensieri da quello che fai per un po’, appena puoi.

    L’importante è il "completamente".

    Se rimani sempre ancorato a quello che stai facendo, ti ritroverai a distrarti sempre di più e a saltellare come un grillo dal report che devi consegnare a Instagram: ecco, questo è un pessimo modo di rilassarti, anzi, non ti aiuta a rilassarti affatto.

    2) Taccuini

    Un ottimo compagno di viaggio per assicurarti di non stressare troppo la mente è un taccuino da portare nella giacca.

    Quando ti viene un’idea ma non è il momento per svilupparla, quando rischi di dimenticarti degli impegni importanti, quando senti che si affastellano diversi pensieri, prendi il taccuino e scrivici sopra quello che ti viene in mente.

    Così avrai la tranquillità di aver messo al sicuro un’informazione importante e potrai liberare la mente per la cosa che devi fare in quel momento.

    Se non vuoi portare in giro un nuovo oggetto che potresti perdere, puoi usare anche una nota sul tuo smartphone.

    Personalmente io ho creato una nota intitolata "Next" (prossime cose da fare), sincronizzata su tutti i miei dispositivi.

    Ogni volta che mi viene in mente un'idea o un'attività da fare, la scrivo immediatamente dentro questa nota, anche se sono le due di notte e ho avuto questa idea durante una "pausa bagno notturna" (la scrivo sull'iPod che tengo in camera: niente smartphone quando dormo).

    Un'altra semplice regola che mi sono dato per sfruttare al meglio i benefici del taccuino (digitale nel mio caso) è quella di "svuotare" la nota Next entro la sera del giorno successivo, inserendo le varie attività a calendario o comunque chiudendo tutti gli eventuali "open loop" (espressione che ben conoscono i corsisti di Crea Tempo).

    3) Non-sense

    Da quando prendiamo in mano il cellulare alla mattina, per la nostra mente comincia un autentico bombardamento sensoriale. Veniamo invasi di immagini, colori, suoni, luci, parole e sollecitazioni di ogni tipo.

    E la cosa prosegue mentre lavoriamo.

    Naturale che già dopo quattro ore di una vita simile la nostra povera mente dia forfait.

    Perché è vero che come esseri umani siamo abituati ad adattarci a tutto, ma dopo l’ennesimo "video che non puoi assolutamente non vedere", anche la mente del nativo digitale che più digitale non si può, in realtà alza bandiera bianca.

    Ecco perché ti consiglio di regalare al tuo cervello dei momenti di calma, dieta mediatica e deprivazione sensoriale.

    Qualche esempio?

    • A metà giornata chiudi gli occhi e tienili così per due minuti.
    • Quando ti metti in macchina, non accendere subito la radio, non ascoltare musica, notiziari, podcast. Apri il finestrino e respira un po’ d’aria.
    • Fai una passeggiata in silenzio.
    • Quando mangi non guardare il telefono o una serie. Goditi appieno il tuo pasto.
    • A fine giornata scollega i dispositivi elettronici entro una certa ora.

    4) Bellezza

    È scientificamente provato: la bellezza ci fa bene.

    Che si tratti di un quadro, di un paesaggio naturale particolarmente intenso, di determinati colori o forme, tutto quello che la natura o l’arte ci offrono ha un profondo effetto rigenerante sulla nostra mente.

    In pratica:

    1. Troviamo nuove idee.
    2. Diventiamo più flessibili.
    3. Ci vengono in mente in maniera immediata le soluzioni ai problemi.
    4. Aumenta il nostro entusiasmo e la nostra energia propositiva.

    Pensa semplicemente a quante buone ispirazioni ti vengono quando cammini in mezzo alla natura o stai guardando un bel film e a quanto la tua fantasia si "rattrappisca" invece se ti trovi in uno di quegli uffici spogli e grigi, fatti di spazi tutti uguali.

    5) Piante

    Ricollegandoci al discorso precedente, abbiamo capito che la natura ha un effetto rigenerante sulla nostra mente e sulle nostre capacità creative.

    Quando, per ovvi motivi, non puoi evadere fisicamente, puoi comunque assicurarti la tua dose di verde in questi modi:

    • Sistemando la scrivania vicino a una finestra.
    • Aggiungendo una o più piante nel luogo dove lavori.
    • Utilizzando il colore verde, stampe a tema vegetale per gli oggetti che ti circondano (cartelline, quaderni, salvaschermo del computer).

    Passiamo ora a veder il riposo relazionale. Una tipologia di riposo meno conosciuta, ma altrettanto essenziale.

    Riposo relazionale. Mantieni il tuo equilibrio con gli altri

    Tutti abbiamo provato la sensazione di esaurimento che ci danno alcune persone (stai pensando proprio a quella persona, eh?!).

    Dopo essere stati in loro compagnia ci ritroviamo più stanchi che se avessimo fatto una riunione di tre ore.

    Di solito sono:

    • Gli ipercritici.
    • Quelli per cui non fai o non sei mai abbastanza.
    • I perennemente negativi.
    • I lamentosi.
    • Gli invidiosi.
    • Gli ossessivi.

    L’ideale sarebbe non avere a che fare con persone di questo tipo, perché ti succhiano letteralmente le energie.

    Ma sono realista e so che spesso, purtroppo, alcuni di questi personaggi devono far parte delle persone con cui ti relazioni.

    Se si tratta di persone importanti della tua vita che non puoi escludere, il mio consiglio è quello, per lo meno, di compensare i rapporti che hai con loro con persone che invece siano positive per te.

    Persone che condividono i tuoi interessi, che ti stimano e ti sostengono, che siano attive, propositive e felici.

    E, soprattutto se ci tieni, metti in conto di fare presente alle persone che ti esauriscono il loro atteggiamento negativo.

    Esprimiti con tatto ma con decisione: farai bene anche a loro.

    Perché le relazioni sociali dovrebbero ristorarci a vicenda, non esaurirci.

    E questo ci porta alla quarta e ultima tipologia di riposo...

    Riposo emozionale. Prenditi cura delle tue emozioni

    Se ti senti solo, invisibile anche se non ti mancano i contatti sociali, e se in certi giorni le tue emozioni negative prendono il sopravvento, è segno che hai bisogno di un meritato riposo emotivo.

    Altri sintomi?

    • Mancanza di motivazione,
    • Difficoltà a stare concentrato,
    • Senso di astrazione dalle situazioni,
    • Ipersensibilità.

    Queste sensazioni sono tipiche delle persone tanto gentili e disponibili verso il mondo esterno quanto sorde ai propri bisogni, gusti e stati emotivi.

    A lungo andare, mettere da parte le tue necessità e far finta di niente è pericoloso: ti condanna non solo a una condizione di vita statica e insoddisfacente ma anche a una vera sofferenza emotiva.

    Reprimere le proprie emozioni negative ha lo stesso effetto.

    Quello che devi fare è trovare il modo per assicurarti un giusto riposo emotivo, perché, attenzione: è facile che dalla stanchezza emotiva derivi anche quella fisica.

    Ecco alcuni consigli per sentirti meglio:

    1. Metti dei paletti. Se essere così disponibile e altruista ti ha portato a scaricarti, vuol dire che hai superato il tuo limite personale. All’ennesima richiesta rispondi semplicemente di no.
    2. Concentrati su quello che ti piace. Anche se pensi sia inutile/infantile/egoista. Accontentare i tuoi bisogni ti restituirà l’energia che spendi nel mondo.
    3. Dai sfogo alle emozioni. Puoi parlare con una persona di cui ti fidi, scrivere quello che senti, fare attività fisica, scrivere un commento qui sotto ;)
    4. Soprattutto quando ti senti ignorato e provi un senso di profonda, intima, solitudine, pensa che fai parte di qualcosa di enorme, tanto da dare le vertigini. Se te la senti, prega, o medita, o semplicemente alimenta dentro di te quel senso di appartenenza e scopo che ristorerà il tuo spirito. E di conseguenza anche le tue emozioni.

    Bene, mi auguro che questo nuovo articolo di approfondimento premium ti sia stato utile.

    Ora sono curioso... da dove inizierai la tua rigenerazione? Dal riposo fisico, mentale, relazionale o emotivo?

    A presto.

    Andrea Giuliodori.

    [post_title] => Come riposare: le 4 tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno [post_excerpt] => Come riposare per sentirsi davvero pieni di energia? Abbiamo bisogno di 4 tipi di riposo. Li scopriamo in questo articolo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-riposare [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-11-26 19:00:14 [post_modified_gmt] => 2021-11-26 18:00:14 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=28767 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 8 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 610 [max_num_pages] => 122 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => 1 [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => 1 [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 64186ecf89b2d92dc781228df452ae42 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
    +Efficace Benessere
    +Efficace Benessere

    Come riposare: le 4 tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno

    Come riposare per sentirsi davvero pieni di energia? Abbiamo bisogno di 4 tipi di riposo. Li scopriamo in questo articolo.

    8
    9 min
    8
    9 min
    Mente
    Mente

    Allenamento mentale: prepararsi ad una sfida con la tecnica della transizione cardiaca (heart shift)

    In questo articolo voglio presentarti la più efficace tecnica di allenamento mentale per affrontare le prove importanti della vita. Seguimi! Immagina questa scena… sono settimane che ti stai preparando senza sosta per: Quell’esame universitario. Quella gara sportiva. Quel lancio del nuovo prodotto della tua azienda. Quell’importante presentazione di lavoro. È la sera prima della grande […]

    9
    9 min
    9
    9 min
    +Efficace Benessere
    +Efficace Benessere

    Il magico potere del decluttering

    La vita che vivi non ti soddisfa? Cambiala. Il decluttering ti insegna a selezionare ed eliminare per mettere ordine fuori e dentro di te.

    6
    10 min
    6
    10 min
    Inglese
    Inglese

    Imparare l’inglese dormendo si può: ecco i segreti dello sleep learning

    Imparare dormendo è solo un sogno? In questo articolo vediamo come sfruttare la tecnica dello sleep learning per irrobustire il tuo inglese.

    10
    7 min
    10
    7 min
    +Efficace Studio
    +Efficace Studio

    Come ricordare quello che leggi (anche se hai una pessima memoria)

    Più studi meno ti sembra di imparare? Per ricordare quello che leggi con efficacia ecco diversi consigli da applicare tutti i giorni.

    41
    11 min
    41
    11 min
    Loading...
    Loading...
    Loading...
    Loading...
    WP_Query Object
    (
        [query] => Array
            (
                [page] => 
                [pagename] => archivio
                [ignore_sticky_posts] => 1
                [meta_query] => Array
                    (
                        [0] => Array
                            (
                                [key] => _em_articolo_premium
                                [compare] => =
                                [value] => 1
                            )
    
                    )
    
            )
    
        [query_vars] => Array
            (
                [page] => 0
                [pagename] => archivio
                [ignore_sticky_posts] => 1
                [meta_query] => Array
                    (
                        [0] => Array
                            (
                                [key] => _em_articolo_premium
                                [compare] => =
                                [value] => 1
                            )
    
                    )
    
                [error] => 
                [m] => 
                [p] => 0
                [post_parent] => 
                [subpost] => 
                [subpost_id] => 
                [attachment] => 
                [attachment_id] => 0
                [name] => 
                [page_id] => 0
                [second] => 
                [minute] => 
                [hour] => 
                [day] => 0
                [monthnum] => 0
                [year] => 0
                [w] => 0
                [category_name] => 
                [tag] => 
                [cat] => 
                [tag_id] => 
                [author] => 
                [author_name] => 
                [feed] => 
                [tb] => 
                [paged] => 0
                [meta_key] => 
                [meta_value] => 
                [preview] => 
                [s] => 
                [sentence] => 
                [title] => 
                [fields] => 
                [menu_order] => 
                [embed] => 
                [category__in] => Array
                    (
                    )
    
                [category__not_in] => Array
                    (
                    )
    
                [category__and] => Array
                    (
                    )
    
                [post__in] => Array
                    (
                    )
    
                [post__not_in] => Array
                    (
                    )
    
                [post_name__in] => Array
                    (
                    )
    
                [tag__in] => Array
                    (
                    )
    
                [tag__not_in] => Array
                    (
                    )
    
                [tag__and] => Array
                    (
                    )
    
                [tag_slug__in] => Array
                    (
                    )
    
                [tag_slug__and] => Array
                    (
                    )
    
                [post_parent__in] => Array
                    (
                    )
    
                [post_parent__not_in] => Array
                    (
                    )
    
                [author__in] => Array
                    (
                    )
    
                [author__not_in] => Array
                    (
                    )
    
                [suppress_filters] => 
                [cache_results] => 1
                [update_post_term_cache] => 1
                [lazy_load_term_meta] => 1
                [update_post_meta_cache] => 1
                [post_type] => 
                [posts_per_page] => 5
                [nopaging] => 
                [comments_per_page] => 10
                [no_found_rows] => 
                [order] => DESC
            )
    
        [tax_query] => WP_Tax_Query Object
            (
                [queries] => Array
                    (
                    )
    
                [relation] => AND
                [table_aliases:protected] => Array
                    (
                    )
    
                [queried_terms] => Array
                    (
                    )
    
                [primary_table] => wp_posts
                [primary_id_column] => ID
            )
    
        [meta_query] => WP_Meta_Query Object
            (
                [queries] => Array
                    (
                        [0] => Array
                            (
                                [key] => _em_articolo_premium
                                [compare] => =
                                [value] => 1
                            )
    
                        [relation] => OR
                    )
    
                [relation] => AND
                [meta_table] => wp_postmeta
                [meta_id_column] => post_id
                [primary_table] => wp_posts
                [primary_id_column] => ID
                [table_aliases:protected] => Array
                    (
                        [0] => wp_postmeta
                    )
    
                [clauses:protected] => Array
                    (
                        [wp_postmeta] => Array
                            (
                                [key] => _em_articolo_premium
                                [compare] => =
                                [value] => 1
                                [compare_key] => =
                                [alias] => wp_postmeta
                                [cast] => CHAR
                            )
    
                    )
    
                [has_or_relation:protected] => 
            )
    
        [date_query] => 
        [queried_object] => WP_Post Object
            (
                [ID] => 11927
                [post_author] => 3
                [post_date] => 2014-02-21 11:32:50
                [post_date_gmt] => 2014-02-21 10:32:50
                [post_content] => Qui puoi trovare tutti gli articoli del Blog in ordine cronologico. Scegli il titolo che ti ispira e clicca sul link: buona lettura.
    
    Ps. Sapevi che ho creato Vivere EfficaceMente?
    
    "Vivere EfficaceMente" è la collana nata per offrirti una nuova modalità di fruizione degli articoli più apprezzati del blog.
    
    Ogni volume raccoglie i migliori articoli di EfficaceMente su una specifica tematica, riorganizzati secondo una precisa sequenza che ti accompagnerà passo passo nel tuo percorso di miglioramento personale.
    
    In versione ebook o cartacea, i volumi della collana "Vivere EfficaceMente" sono il nuovo must-read per tutti gli appassionati di crescita personale.
    
    
                [post_title] => Questo è l'Archivio di EfficaceMente
                [post_excerpt] => 
                [post_status] => publish
                [comment_status] => open
                [ping_status] => closed
                [post_password] => 
                [post_name] => archivio
                [to_ping] => 
                [pinged] => 
                [post_modified] => 2020-08-19 19:21:28
                [post_modified_gmt] => 2020-08-19 17:21:28
                [post_content_filtered] => 
                [post_parent] => 0
                [guid] => http://www.efficacemente.com/?page_id=11927
                [menu_order] => 0
                [post_type] => page
                [post_mime_type] => 
                [comment_count] => 0
                [filter] => raw
            )
    
        [queried_object_id] => 11927
        [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
      ( wp_postmeta.meta_key = '_em_articolo_premium' AND wp_postmeta.meta_value = '1' )
    ) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
        [posts] => Array
            (
                [0] => WP_Post Object
                    (
                        [ID] => 28767
                        [post_author] => 3
                        [post_date] => 2021-11-25 21:11:28
                        [post_date_gmt] => 2021-11-25 20:11:28
                        [post_content] => 

    Ti vedo. E soprattutto ti sento.

    Stai aprendo questo articolo abbandonato sulla sedia della tua scrivania, con la testa pesante, una gran voglia di niente e contemporaneamente il pensiero ossessivo di tutte le cose da fare che ti dà un filo d’angoscia e non ti permette di concentrarti.

    Fuochino?!

    Già.

    Siamo esseri umani perennemente stressati, perennemente connessi, perennemente confusi da un mare di stimoli diversi, e, quindi, perennemente e profondamente stanchi.

    Ma stanchi dentro.

    Tant’è vero che quasi ogni volta che parlo con una persona, a prescindere da età, lavoro e condizione personale, a un certo punto salta fuori la questione del:

    “Se solo fossi meno stanco…”

    Ed è qui che arriva questo nuovo articolo dedicato ai +Efficaci sul "come riposare" EfficaceMente.

    Perché non è vero che basta mangiare bene e dormire a sufficienza per sentirsi riposati.

    Esistono infatti ben quattro tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno per rigenerarci davvero:

    1. Il riposo fisico.
    2. Il riposo mentale.
    3. Il riposo relazionale.
    4. Il riposo emotivo.

    Partiamo dal riposo fisico, quello più scontato... o forse no?

    Riposo fisico: no, non è solo questione di buon sonno

    Certo, se fai le ore piccole ogni santa notte, fumi come una ciminiera, non ti muovi se non per spostarti dal letto al divano, e mangi la qualunque, non mi sorprenderei, fossi in te, se non sprizzi proprio di energie!

    Ma, ahimè, anche chi cura molto la propria alimentazione, fa una buona attività fisica e dorme almeno 7 ore a notte molto spesso si sente scarico fisicamente.

    La spiegazione sta nel fatto che ci sono due tipi importanti di riposo fisico: uno passivo e uno attivo.

    Il riposo passivo

    Per riposo passivo si intende quello più classico, cioè tutti i momenti in cui lasciamo che il nostro corpo recuperi le forze “spegnendosi”: il sonno notturno, i pisolini, gli attimi in cui ci stendiamo, chiudiamo gli occhi e, anche se non dormiamo a tutti gli effetti, ci permettiamo un rilassamento profondo.

    Ripassa questo articolo: ci troverai dei consigli per rendere il tuo sonno più efficace.

    Il riposo attivo

    Il riposo fisico attivo invece è un’altra cosa. Ma è altrettanto importante.

    Sotto questo nome rientrano le attività che ti rigenerano mentre le eserciti.

    Dei buoni esempi sono lo yoga, gli esercizi di respirazione, lo stretching, il massaggio terapeutico.

    O anche una camminata in mezzo alla natura, una nuotata o un giro in bicicletta.

    Si tratta di attività "dolci", non impegnative, che, migliorando la flessibilità del nostro corpo e agendo sulla circolazione sanguigna, ci faranno sentire più ritemprati e sereni.

    E a proposito di riposo fisico e movimento, per chi invece è un maniaco del fitness, è importante non dimenticare il recupero post-allenamento.

    Se esageri con la quantità di attività sportiva senza mai dare al tuo corpo il tempo di recuperare, puoi andare incontro a una situazione di fatica e stanchezza cronica – oltre ad annullare i benefici dei tuoi work-out.

    Ormai lo sanno anche i bambini dell'asilo: i nostri muscoli si sviluppano proprio nei giorni di recupero.

    Passiamo ora a vedere un altro importantissimo tipo di riposo, ovvero quello mentale.

    Riposo mentale. Come imparare a rilassare davvero la tua mente

    Quando senti qualcuno dire che tutto parte dalla nostra testa, sappi che nel 90% dei casi ha ragione.

    La stanchezza mentale ti può far sentire uno straccio per settimane di fila.

    E non parlo solo di difficoltà di concentrazione, poca memoria e irritabilità.

    La stanchezza mentale si ripercuote immediatamente sul fisico, diventando mancanza di energia fisica, insonnia o fatica a prendere sonno, lentezza nel recupero dopo una malattia di stagione e via dicendo.

    Per questo è fondamentale trovare il modo di ristorarci in maniera costante anche a livello mentale.

    Ecco 5 consigli per rilassare la tua mente, espressi in altrettante parole chiave di facile memorizzazione (tanto per non affaticare la tua mente)

    1) Pause

    La prima attenzione che ti consiglio di avere è semplice ma estremamente efficace.

    Fai pause con regolarità mentre lavori.

    Chi utilizza la tecnica del pomodoro ha già sperimentato quanto possa essere efficace alternare momenti di massimo focus a brevi pause rigeneranti. Se ancora non la conosci, qui trovi tutti i dettagli su questa fantastica strategia di gestione del tempo.

    E se il tuo lavoro non ti permette di programmare pause con precisione, ogni tot minuti, organizzati in maniera tale da staccare completamente i pensieri da quello che fai per un po’, appena puoi.

    L’importante è il "completamente".

    Se rimani sempre ancorato a quello che stai facendo, ti ritroverai a distrarti sempre di più e a saltellare come un grillo dal report che devi consegnare a Instagram: ecco, questo è un pessimo modo di rilassarti, anzi, non ti aiuta a rilassarti affatto.

    2) Taccuini

    Un ottimo compagno di viaggio per assicurarti di non stressare troppo la mente è un taccuino da portare nella giacca.

    Quando ti viene un’idea ma non è il momento per svilupparla, quando rischi di dimenticarti degli impegni importanti, quando senti che si affastellano diversi pensieri, prendi il taccuino e scrivici sopra quello che ti viene in mente.

    Così avrai la tranquillità di aver messo al sicuro un’informazione importante e potrai liberare la mente per la cosa che devi fare in quel momento.

    Se non vuoi portare in giro un nuovo oggetto che potresti perdere, puoi usare anche una nota sul tuo smartphone.

    Personalmente io ho creato una nota intitolata "Next" (prossime cose da fare), sincronizzata su tutti i miei dispositivi.

    Ogni volta che mi viene in mente un'idea o un'attività da fare, la scrivo immediatamente dentro questa nota, anche se sono le due di notte e ho avuto questa idea durante una "pausa bagno notturna" (la scrivo sull'iPod che tengo in camera: niente smartphone quando dormo).

    Un'altra semplice regola che mi sono dato per sfruttare al meglio i benefici del taccuino (digitale nel mio caso) è quella di "svuotare" la nota Next entro la sera del giorno successivo, inserendo le varie attività a calendario o comunque chiudendo tutti gli eventuali "open loop" (espressione che ben conoscono i corsisti di Crea Tempo).

    3) Non-sense

    Da quando prendiamo in mano il cellulare alla mattina, per la nostra mente comincia un autentico bombardamento sensoriale. Veniamo invasi di immagini, colori, suoni, luci, parole e sollecitazioni di ogni tipo.

    E la cosa prosegue mentre lavoriamo.

    Naturale che già dopo quattro ore di una vita simile la nostra povera mente dia forfait.

    Perché è vero che come esseri umani siamo abituati ad adattarci a tutto, ma dopo l’ennesimo "video che non puoi assolutamente non vedere", anche la mente del nativo digitale che più digitale non si può, in realtà alza bandiera bianca.

    Ecco perché ti consiglio di regalare al tuo cervello dei momenti di calma, dieta mediatica e deprivazione sensoriale.

    Qualche esempio?

    • A metà giornata chiudi gli occhi e tienili così per due minuti.
    • Quando ti metti in macchina, non accendere subito la radio, non ascoltare musica, notiziari, podcast. Apri il finestrino e respira un po’ d’aria.
    • Fai una passeggiata in silenzio.
    • Quando mangi non guardare il telefono o una serie. Goditi appieno il tuo pasto.
    • A fine giornata scollega i dispositivi elettronici entro una certa ora.

    4) Bellezza

    È scientificamente provato: la bellezza ci fa bene.

    Che si tratti di un quadro, di un paesaggio naturale particolarmente intenso, di determinati colori o forme, tutto quello che la natura o l’arte ci offrono ha un profondo effetto rigenerante sulla nostra mente.

    In pratica:

    1. Troviamo nuove idee.
    2. Diventiamo più flessibili.
    3. Ci vengono in mente in maniera immediata le soluzioni ai problemi.
    4. Aumenta il nostro entusiasmo e la nostra energia propositiva.

    Pensa semplicemente a quante buone ispirazioni ti vengono quando cammini in mezzo alla natura o stai guardando un bel film e a quanto la tua fantasia si "rattrappisca" invece se ti trovi in uno di quegli uffici spogli e grigi, fatti di spazi tutti uguali.

    5) Piante

    Ricollegandoci al discorso precedente, abbiamo capito che la natura ha un effetto rigenerante sulla nostra mente e sulle nostre capacità creative.

    Quando, per ovvi motivi, non puoi evadere fisicamente, puoi comunque assicurarti la tua dose di verde in questi modi:

    • Sistemando la scrivania vicino a una finestra.
    • Aggiungendo una o più piante nel luogo dove lavori.
    • Utilizzando il colore verde, stampe a tema vegetale per gli oggetti che ti circondano (cartelline, quaderni, salvaschermo del computer).

    Passiamo ora a veder il riposo relazionale. Una tipologia di riposo meno conosciuta, ma altrettanto essenziale.

    Riposo relazionale. Mantieni il tuo equilibrio con gli altri

    Tutti abbiamo provato la sensazione di esaurimento che ci danno alcune persone (stai pensando proprio a quella persona, eh?!).

    Dopo essere stati in loro compagnia ci ritroviamo più stanchi che se avessimo fatto una riunione di tre ore.

    Di solito sono:

    • Gli ipercritici.
    • Quelli per cui non fai o non sei mai abbastanza.
    • I perennemente negativi.
    • I lamentosi.
    • Gli invidiosi.
    • Gli ossessivi.

    L’ideale sarebbe non avere a che fare con persone di questo tipo, perché ti succhiano letteralmente le energie.

    Ma sono realista e so che spesso, purtroppo, alcuni di questi personaggi devono far parte delle persone con cui ti relazioni.

    Se si tratta di persone importanti della tua vita che non puoi escludere, il mio consiglio è quello, per lo meno, di compensare i rapporti che hai con loro con persone che invece siano positive per te.

    Persone che condividono i tuoi interessi, che ti stimano e ti sostengono, che siano attive, propositive e felici.

    E, soprattutto se ci tieni, metti in conto di fare presente alle persone che ti esauriscono il loro atteggiamento negativo.

    Esprimiti con tatto ma con decisione: farai bene anche a loro.

    Perché le relazioni sociali dovrebbero ristorarci a vicenda, non esaurirci.

    E questo ci porta alla quarta e ultima tipologia di riposo...

    Riposo emozionale. Prenditi cura delle tue emozioni

    Se ti senti solo, invisibile anche se non ti mancano i contatti sociali, e se in certi giorni le tue emozioni negative prendono il sopravvento, è segno che hai bisogno di un meritato riposo emotivo.

    Altri sintomi?

    • Mancanza di motivazione,
    • Difficoltà a stare concentrato,
    • Senso di astrazione dalle situazioni,
    • Ipersensibilità.

    Queste sensazioni sono tipiche delle persone tanto gentili e disponibili verso il mondo esterno quanto sorde ai propri bisogni, gusti e stati emotivi.

    A lungo andare, mettere da parte le tue necessità e far finta di niente è pericoloso: ti condanna non solo a una condizione di vita statica e insoddisfacente ma anche a una vera sofferenza emotiva.

    Reprimere le proprie emozioni negative ha lo stesso effetto.

    Quello che devi fare è trovare il modo per assicurarti un giusto riposo emotivo, perché, attenzione: è facile che dalla stanchezza emotiva derivi anche quella fisica.

    Ecco alcuni consigli per sentirti meglio:

    1. Metti dei paletti. Se essere così disponibile e altruista ti ha portato a scaricarti, vuol dire che hai superato il tuo limite personale. All’ennesima richiesta rispondi semplicemente di no.
    2. Concentrati su quello che ti piace. Anche se pensi sia inutile/infantile/egoista. Accontentare i tuoi bisogni ti restituirà l’energia che spendi nel mondo.
    3. Dai sfogo alle emozioni. Puoi parlare con una persona di cui ti fidi, scrivere quello che senti, fare attività fisica, scrivere un commento qui sotto ;)
    4. Soprattutto quando ti senti ignorato e provi un senso di profonda, intima, solitudine, pensa che fai parte di qualcosa di enorme, tanto da dare le vertigini. Se te la senti, prega, o medita, o semplicemente alimenta dentro di te quel senso di appartenenza e scopo che ristorerà il tuo spirito. E di conseguenza anche le tue emozioni.

    Bene, mi auguro che questo nuovo articolo di approfondimento premium ti sia stato utile.

    Ora sono curioso... da dove inizierai la tua rigenerazione? Dal riposo fisico, mentale, relazionale o emotivo?

    A presto.

    Andrea Giuliodori.

    [post_title] => Come riposare: le 4 tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno [post_excerpt] => Come riposare per sentirsi davvero pieni di energia? Abbiamo bisogno di 4 tipi di riposo. Li scopriamo in questo articolo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-riposare [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-11-26 19:00:14 [post_modified_gmt] => 2021-11-26 18:00:14 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=28767 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 8 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 27919 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-10-21 21:15:06 [post_date_gmt] => 2021-10-21 19:15:06 [post_content] =>

    In questo nuovo articolo dedicato ai nostri lettori +Efficaci voglio scoprire insieme a te il potere del decluttering e come sfruttarlo a tuo vantaggio per dare una bella sterzata alla tua vita.

    Scenario tipico: ti sei impegnato molto per il tuo lavoro e senti di non aver ottenuto il riconoscimento che meriti.

    Cominci a fare sempre di più eppure le cose non cambiano, anzi, sei solo più esaurito.

    Oppure: vivi una vita socialmente pienissima, passi da un aperitivo a una festa di compleanno, da un matrimonio a una gita in montagna, ma quando ti fermi ti prende una stretta al cuore e un senso di ansia e solitudine che non riesci a spiegarti.

    Oppure, ancora, senti che la tua relazione ha dei momenti di impasse e prendi ad affannarti e a fare di tutto per evitare la rottura.

    Con il risultato di contagiare l’affanno anche al tuo partner e peggiorare la situazione.

    Ecco, quando la vita ti sembra troppo incasinata, stagnante insoddisfacente, quando senti che accumuli delusioni, incomprensioni e rapporti che non fanno per te, significa che è arrivato il momento di fare decluttering.

    Aspetta, aspetta Andre’! Declu-che???

    Decluttering: fare pulizia fuori e dentro di sé

    Molti lettori e lettrici ne avranno sicuramente sentito parlare: la celeberrima autrice giapponese Marie Kondo ne ha fatto la chiave del suo lavoro (vedi il suo libro-caso editoriale, Il magico potere del riordino).

    Non si può non parlare di decluttering e riordino senza citarla, ma in questo articolo cercheremo di andare un po' oltre i già noti principi della Kondo.

    Innanzitutto chiariamo cos'è il decluttering.

    Il decluttering (o riordino) è l'insieme delle pratiche che ci consente di eliminare  dalla nostra casa (ma anche dai nostri dispositivi digitali) gli oggetti/contenuti che non riteniamo più utili o benefici per noi.

    Questa pratica, se fatta efficacemente, può avere molteplici benefici:

    • Calma e serenità: immagina di stare in un ambiente spazioso, pulito, ordinato, dove puoi lavorare con agio e trovare subito quello che cerchi. La sola idea non ti fa sentire già più tranquillo? 😃
    • Energia: quando sei circondato dal disordine e dal caos, oltre a vivere un sottile, perenne e spesso inconscio stato di irritazione, finisci anche per essere deprivato delle migliori energie; come se la tua mente percepisse un lieve e costante senso di minaccia. Non appena il contesto cambia, anche il tuo stato energetico si adegua.
    • Chiarezza: non appena elimini il superfluo e ti circondi solo di cose che ti danno sensazioni positive e che ritieni utili per te, non solo il tuo spazio diventa più ordinato, ma lo diventa anche la tua mente, donandoti un impareggiabile senso di lucidità.

    In generale, il decluttering beneficerà tanto i tuoi ambienti domestici, quanto il tuo ambiente (leggi: stato) mentale.

    E allora scopriamo come fare decluttering nella nostra vita!

    I 7 passi chiave per un decluttering efficace

    Vediamo i 7 passi necessari per fare ordine nei tuoi ambienti e nella tua vita.

    1. Obiettivi chiari

    Prima di iniziare con il decluttering vero e proprio, cerca di visualizzare l'ambiente ideale in cui vorresti vivere.

    Totalmente minimalista, neutro e versatile, oppure ricco ed estremamente personalizzato?

    A questo proposito, permettimi un inciso: decluttering e minimalismo (te ne avevo parlato in questo articolo di approfondimento) non sono necessariamente la stessa cosa. Anzi:

    • Se il minimalismo ha come obiettivo finale quello di farti concentrare solo ed esclusivamente su ciò che è essenziale nella tua vita (e nei tuoi spazi), a volte arrivando a degli estremi che non necessariamente condivido,
    • il decluttering ha come scopo primario quello di aiutarti a circondarti di ciò che ami e che ti trasmette vibe positive.

    Certo, è vero: ciò che è essenziale è anche ciò che ci fa star bene, ma i due insiemi non sempre si intersecano perfettamente.

    Ok, chiarito questo punto, andiamo avanti.

    2. Prenditi tempo

    C’è chi ci dedica un pomeriggio e chi un intero fine settimana.

    L’importante è che tu scelga intenzionalmente di dedicare del tempo a fare ordine nella tua vita.

    Non vale la pena iniziare un decluttering di fretta e furia: finiresti per non farlo in maniera corretta.

    3. Stanza o categoria

    Per riordinare, puoi procedere per categoria, come suggerisce Marie Kondo (quindi selezionare, prima, i vestiti di tutta la casa, poi tutti i libri, tutti i documenti, tutti gli accessori e tutti gli oggetti di valore sentimentale), oppure per stanza.

    Onestamente nella mia esperienza io non ho notato tutta questa differenza abissale nell'applicare il primo o il secondo approccio.

    In alcuni casi mi era più comodo sistemare una singola area alla volta della mia casa, in altri ho ragionato per categoria.

    Anche perché, diciamocelo, non è che uno tiene i propri vestiti sparsi qua e là per la casa: di solito la maggior parte è concentrata in una zona ben precisa.

    Scegli il metodo che ti sembra più giusto per le tue esigenze, ma soprattutto scegli il metodo con cui pensi che partirai subito, senza fare troppe resistenze!

    4. Estrai

    Per prima cosa, tira fuori ogni oggetto dal posto in cui lo conservi.

    Estrai tutti i vestiti dall’armadio, tutte le carte dal cassetto, l’intero contenuto dello zaino.

    In questo modo avrai una visione chiara e complessiva e potrai anche renderti conto della quantità di cose che possiedi (o che ti possiede, come direbbe Tyler Durden in Fight Club).

    5. Ti serve? Ti piace?

    Prendi in esame un oggetto dopo l’altro e domandati:

    • l’ho utilizzato nell’ultimo anno? Quante volte?
    • Mi piace?
    • Mi serve, oggettivamente?

    Rispondi con sincerità a queste domande e presta attenzione anche alle sensazioni che provi.

    Per esempio, se pensi che un oggetto potrebbe servirti, ma solo a guardarlo ti trasmette delle sensazioni negative (e non ti è costato un occhio della testa! 😅), non hai ragione di tenerlo.

    Spoiler: nel 95% dei casi, quando pensiamo che una cosa potrebbe servirci e la conserviamo, in realtà non la riprendiamo più in mano fino alla fine dei tempi.

    "Ma sì, lo tengo, non si sa mai..." è la scusa di chi ha paura di lasciare andare le cose.

    Altra nota a margine: se ti devi impegnare per indossare un capo d’abbigliamento o per mettere mano a un oggetto, è un buon segno che lo devi buttare. 

    6. Incerto?

    Durante questa fase è probabile che in certi casi tu sia sicurissimo del destino di un oggetto e in altri decisamente meno.

    Quando sei incerto se buttare o tenere degli oggetti, ecco una buona soluzione: puoi sistemarli in una scatola separata dal resto, metterla su un ripiano alto e darti un po’ di tempo.

    Puoi decidere, ad esempio, di riprenderla in mano dopo sei mesi o un anno.

    Se in quel lasso di tempo senti il bisogno di quegli oggetti, oppure, trascorso il tempo, ti piace l’idea di ricominciare a usarli, allora tienili.

    Se ti sei accorto che in quel periodo non ne hai mai avuto bisogno, allora sei ufficialmente autorizzato a sbarazzartene.

    7. Elimina

    Verosimilmente ti troverai con una catasta di robe che non vuoi più in casa.

    È il momento di eliminarle.

    Se ti fa impressione l’idea di buttarle e se molte sono in buono stato (per esempio quei vestiti di una taglia sbagliata che hanno ancora il cartellino attaccato…), puoi e devi scegliere soluzioni più sostenibili.

    Puoi ad esempio regalarle a parenti o amici che possono apprezzarle (quest’ultimo punto è molto importante, altrimenti obbligherai anche loro a sessioni indefesse di decluttering!), oppure darle in beneficienza.

    Dopo il decluttering...

    Spesso gli articoli di approfondimento sul decluttering terminano qui.

    Ma visto che siamo su EfficaceMente e tu sei un +Efficace, andiamo + in profondità 😉.

    Una volta terminata l’opera di selezione ed eliminazione ti ritroverai circondato solo da oggetti che ti servono e ti piacciono. Niente di meglio!

    Ora si tratta di trovare a ognuno una giusta collocazione.

    Se vuoi conservare a lungo la sensazione di leggerezza intelligente, ecco alcuni consigli per evitare che il caos si rimpossessi di te e della tua casa.

    A. Riduci le superfici dove puoi appoggiare le cose

    È un fatto. Più posto hai, più tenderai a riempirlo (è un po' come la Legge di Parkinson).

    Se quindi occupi qualche mensola con qualcosa di essenziale e leggero, per esempio una pianta, eviterai di sovraffollarlo di depliant, riviste e mazzi di chiavi.

    Meno tavolini sistemi in giro per casa, meno rischierai di ritrovarli in preda al disordine!

    B. Un posto unico

    Un'altra ottima strategia per tenere sempre tutto in ordine è stabilire un'unica collocazione per una precisa categoria di oggetti.

    Questo significa, per esempio, che terrai in uno stesso luogo tutti gli oggetti elettronici – e non un caricabatterie in camera, una spina in salotto e le cuffiette nel bagno.

    In generale ricorda:

    "Un posto per ogni cosa, ogni cosa al suo posto."

    C. Controlla il flusso delle cose nuove

    Dopo tutta la fatica fatta per riordinare, non vorrai mica ricominciare tutto da capo, vero?!?

    La cosa migliore che puoi fare per risolvere (o comunque minimizzare) il problema del disordine è quello di agire sui tuoi eventuali acquisti impulsivi.

    Ecco un po’ di indicazioni da tenere a mente...

    Spesso comperiamo oggetti non tanto perché ci servano davvero, ma per avere una piccola gratificazione, una scarica di dopamina che ci faccia stare bene al momento (basta notare il successo di piattaforme come Amazon durante i lockdown!).

    Prova a notare se ti capita di cadere spesso nella trappola degli acquisti impulsivi.

    In questo caso, ti consiglio di prendere coscienza di che cosa c’è dietro il desiderio di fare acquisti:

    • Insoddisfazione?
    • Noia?
    • Rabbia?
    • Preoccupazione?
    • Solitudine?

    Indaga, cerca di capire cosa fa scattare il desiderio di accumulare nuovi oggetti e trova delle soluzioni alternative per prenderti cura di quell'emozione.

    Qualche spunto? A seconda del tipo di stimolo: attività fisica, meditazione, riposo, lettura, un pomeriggio con gli amici, un passatempo artistico, sono ottime alternative.

      E se l'idea del decluttering mi fa venire l'ansia?

      Punto primo, non preoccuparti: sono molte le persone che si trovano in difficoltà all'idea di dover rimettere in ordine i propri spazi e la propria vita.

      Ognuno di noi ne conosce una... magari da moooolto vicino.

      I motivi sono vari.

      In primis, a bloccarci potrebbe essere un forte legame affettivo con gli oggetti di cui ci circondiamo, a cui spesso si unisce la paura di pentirsi di aver buttato qualcosa.

      Alla base di questo timore c'è naturalmente qualcosa di più profondo, ovvero... la paura di cambiare e di non avere più il controllo della nostra vita.

      Mantenere e accumulare oggetti è un forma di evitamento che mettiamo in atto per non fare i conti con quelle che potrebbero essere le conseguenze di un cambio di vita radicale (ogni cambiamento, anche il più positivo, ha un prezzo).

      Ecco allora alcuni consigli finali (e molto concreti) per un decluttering graduale che ti permetta di gestire al meglio questo cambiamento:

      • 1 oggetto. Se noti che fai resistenza ad iniziare il tuo decluttering, prendi un impegno più semplice: liberati di un solo oggetto al giorno (ma fallo ogni giorno). Se pensi sia troppo poco, una via di mezzo potrebbe essere quella di dedicare 15 minuti al giorno al decluttering.
      • 20 euro. Sempre per chi teme di pentirsi delle pulizie, un'altra strategia interessante è quella di partire dagli oggetti di minor valore, diciamo oggetti che al massimo ti sono costati 20 euro.
      • Geometrica. Altra strategia molto efficace per un decluttering graduale è quella della crescita geometrica (o esponenziale). Per un intero mese procedi come segue: il primo giorno liberati di un oggetto, il secondo di due, il terzo di tre e così via. Ehi, è un modo per rendere il decluttering più divertente e meno ansiogeno, magari non serve neanche arrivare a liberarti di 30 oggetti in un solo giorno a fine mese. Buon senso, sempre buon senso 😉
      • 90-90. L'ultima strategia fantasiosa di decluttering che voglio proporti è quella nota come 90-90. In questo caso devi semplicemente concentrarti sugli oggetti che non hai usato da 90 giorni e che non pensi di usare nei prossimi 90 giorni. Questi saranno i primi a lasciare i tuoi spazi e la tua vita!

      Bene, mi auguro davvero che userai questo articolo premium come una guida per fare ordine fuori e dentro di te.

      Fammi sapere nei commenti se hai messo in opera alcuni di questi consigli e vuoi condividere altre tecniche di decluttering con la community dei +Efficaci.

      A presto.

      Andrea Giuliodori.

      [post_title] => Il magico potere del decluttering [post_excerpt] => La vita che vivi non ti soddisfa? Cambiala. Il decluttering ti insegna a selezionare ed eliminare per mettere ordine fuori e dentro di te. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => decluttering [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-10-29 10:19:41 [post_modified_gmt] => 2021-10-29 08:19:41 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27919 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 6 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 27472 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-09-02 18:11:30 [post_date_gmt] => 2021-09-02 16:11:30 [post_content] =>

      Immagina questa scena... sei alla tua scrivania, o ancor meglio, comodo comodo sul divano, prendi uno dei tuoi tomi universitari, o quel manuale di aggiornamento che devi studiare per il lavoro, lo sfogli rapidamente e… TAAAAC: hai assorbito tutte le nozioni neanche fossi Neo di Matrix che impara il Kung Fu con uno spinotto piantato nel cervello.

      A quel punto alzi gli occhi, guardi il tuo gatto e dici: "I know Diritto Privato" ("conosco Diritto Privato").

      conosco Diritto Privato

      Pensa che goduria!

      Invece no, mannaggia a li piscitti, ti tocca sudare per ore sopra quei libri e spesso, mentre leggi, ti tocca anche ripartire da capo perché il tuo cervello se ne va in sciopero ogni tre pagine.

      Come uscirne? Come ottenere il massimo dalle tue letture? In definitiva... come ricordare quello che leggi?

      Ecco, in questo articolo riservato ai +Efficaci non troverai marca e modello dello spinotto cerebrale di Matrix, in compenso però scoprirai strategie e tecniche inedite per riuscire finalmente a ricordare quello che leggi, che si tratti di un libro universitario, di un manuale di lavoro o di quel libro di crescita personale che ti riprometti di leggere e praticare da una vita 😉

      Partiamo.

      Se vuoi ricordare quello che leggi, devi innanzitutto capire come funziona il tuo cervello...

      Prima di svelarti le tecniche super-cazzute per diventare l'Eletto di Tor Vergata e riuscire a ricordare anche la lista degli ingredienti dello shampoo che leggi mentre sei seduto sul water (ti ho beccato, eh?!), dobbiamo aver chiari alcuni meccanismi chiave dell'apprendimento umano.

      Nello specifico, per ricordare quello che leggiamo abbiamo bisogno della RAI. No, non quella RAI, questa... RAI:

      1. Riattivazione.
      2. Associazione.
      3. Interesse.

      RIATTIVAZIONE: fai uscire il tuo cervello dalla modalità a "risparmio energetico"

      come ricordare quello che leggi: RIATTIVAZIONE

      Uno degli scopi primari del nostro cervello è quello di risparmiare energie. Sempre.

      In altre parole, se non segnaliamo a Mr. Brain che quello che stiamo per leggere è importante, lui attaccherà il pilota automatico e noi ci ritroveremo a fine capitolo senza avere la più pallida idea di cosa diamine abbiamo letto nell'ultima mezz'ora.

      Ancora prima di iniziare a leggere dobbiamo dunque riattivare il nostro cervello e uno dei metodi più efficaci per farlo è senza dubbio la pre-lettura:

      • sfoglia rapidamente l'indice del libro e le pagine dei primi capitoli,
      • soffermati qualche istante sui titoli dei paragrafi principali,
      • cerca di capire qual è la struttura del libro e come sono organizzate le informazioni.

      In generale, lo scopo della pre-lettura è aiutarti a farti un'idea generale del materiale che stai per affrontare e farlo è come dire al tuo cervello: "oh, ninì, sveglia che dobbiamo assorbire queste informazioni".

      Ps. Mi raccomando, non devi dedicare mezz'ora alla pre-lettura, bastano pochi minuti di "riscaldamento".

      ASSOCIAZIONE: metti il libro in relazione ai tuoi obiettivi

      Per quale motivo sto leggendo questo libro?

      Ricordi? La nostra mente non ne vuole proprio sapere di sprecare energie a caso. Per funzionare efficacemente ha dunque bisogno di uno scopo.

      Porti questa semplice domanda ("Per quale motivo sto leggendo questo libro?") ti aiuterà a ricordare perché stai facendo quello che stai facendo.

      Insomma, perché stai leggendo quel tomo di Diritto Privato?

      • Perché vuoi diventare un bravo avvocato e combattere le ingiustizie di questo Paese?
      • Perché vuoi aiutare le persone a difendere i loro diritti?
      • Perché hai subito in prima persona dei torti e vuoi che non accada mai più?

      Come direbbe il buon Simon Sinek: start with why, inizia dal perché.

      Associa sempre le tue letture a chiari obiettivi, sì, fallo anche quando leggi gli ingredienti dello shampoo al cesso: se non altro prendi l'abitudine! 😉

      INTERESSE: per ricordare quello che leggi, impara ad amare quello che leggi

      Come ricordare quello che leggi: Heidi

      Lo so, lo so, a volte ci troviamo a dover leggere dei mapazzoni che toglierebbero la voglia di vivere anche ad Heidi e alle sue caprette, ma anche nella lettura più sfrangi-maroni possiamo sempre trovare una scintilla di interesse.

      Abbiamo visto nel punto precedente come collegare una lettura ad un perché abbastanza forte possa aiutarci a vederla sotto una nuova luce.

      Detto questo, se ti ritrovi spesso a leggere materiale che in fondo non ti cattura davvero, è arrivato il momento di cambiare radicalmente approccio.

      In questo caso ci viene in aiuto il buon Naval:

      "Inizia a leggere quello che ami finché non inizierai ad amare la lettura".

      Naval Ravikant.

      Impara dunque ad abbandonare senza il minimo senso di colpa quelle letture che non accendono il tuo entusiasmo (sì, naturalmente vale anche per questo articolo se non ti sta piacendo).

      Se vuoi diventare un lettore davvero efficace, non puoi costringerti a leggere. Leggere deve innanzitutto essere un piacere, un qualcosa che non vedi l'ora di fare.

      Impara dunque a leggere libri che ti tengano incollato pagina dopo pagina. Ti capita solo con romanzetti rosa di Danielle Steel? Chissefrega, parti da quelli!

      Quando la lettura sarà diventata una seconda pelle per te, potrai affrontare anche quelle letture che reputi più "nutrienti" per la tua mente, ma che non sempre sei riuscito a digerire in passato.

      Ok, ora che conosciamo i 3 meccanismi chiave del nostro cervello che ci aiutano a ricordare quello che leggiamo, è arrivato il momento di passare a tattiche pratiche da applicare fin dalla tua prossima sessione di lettura.

      Continua a leggere...

      Come ricordare quello che leggi grazie a queste 7 tecniche super-cazzute

      1. Crea il tuo "Fortino della Lettura"

      Il fortino della lettura

      Leggere può essere davvero qualcosa di magico, oserei dire... sacro.

      Attraverso le pagine di un buon libro i più grandi pensatori della storia umana sussurrano alla nostra mente per l'eternità, condividendo tutto il loro sapere.

      Ecco, ora immagina di avere davanti a te Socrate, Virginia Woolf, Dante e mentre loro ti stanno raccontando con passione concetti che hanno fatto la storia della cultura, tu alzi il ditino e dici:

      "Scusate signori (e signore): mi ha appena scritto Ermenegildo su Whatsapp. Ah ah ah, guardate che meme mi ha girato. Riderissimo!".

      meme idiota

      Ecco, se vuoi davvero assorbire le tue letture e ricordare quello che leggi, devi dare a questo momento la sacralità che merita.

      Ed eliminare le distrazioni è senza dubbio il pre-requisito #1 per una sessione di lettura proficua.

      Ti dirò di più, crea una sorta di "Fortino della Lettura", ovvero uno spazio della tua casa (ma può essere anche un luogo esterno come una biblioteca) che ti aiuti naturalmente a concentrarti.

      Nel tuo "Fortino della Lettura" lo smartphone è vietato, il silenzio è d'oro e un ordine rilassante domina gli spazi.

      Crea queste condizioni e le probabilità di ricordare quanto stai leggendo saranno da subito più alte. Ma soprattutto ti godrai i tuoi momenti di lettura molto di più.

      Prova e se non dovesse funzionare, beh, io... cielo messa tuta.

      2. Lascia andare i tuoi "Bisogna"

      Ti ricordi la newsletter di qualche tempo fa sulle regole segrete?

      Ecco alcune tipiche "regole segrete" dei lettori alle prime armi:

      • "Bisogna sempre finire un libro una volta che si è iniziato".
      • "Bisogna leggere ogni singola pagina, anche le note alla nuova edizione".
      • "Bisogna...".

      Ecco, tutti questi "Bisogna" che ci portiamo dietro dall'infanzia non fanno altro che farci odiare la lettura.

      Non solo.

      Se è tutto un dovere, se è tutto importante, il nostro cervello non capirà mai su cosa deve concentrarsi e cosa deve memorizzare (ricordi? Il suo obiettivo è sempre quello di risparmiare calorie).

      Inizia dunque ad abbandonare i tuoi "Bisogna"; di un libro o di un manuale leggi con la massima attenzione solo quello che cattura davvero la tua attenzione e sorvola senza pietà tutto il resto.

      La pre-lettura, di cui abbiamo parlato ad inizio articolo, ti aiuterà anche ad intuire quali sono i passaggi importanti e quali invece sono dei semplici riempitivi usati dall'autore per arrivare alle 50.000 parole concordate con l'Editore!

      3. Sottolinea come Dio comanda

      Laura aveva un rapporto morboso con i suoi evidenziatori. Laura evidenziava anche i numeri delle pagine dei libri che i Prof ci davano da studiare al Liceo. Laura e i suoi ca*zo di libri con le pagine fluo mi fanno ancora venire gli incubi di notte!

      Non essere come Laura.

      Ancora una volta, se evidenzi tutto, considerando tutto importante, allora significa che nulla è davvero importante e il tuo cervello non ti aiuterà a ricordare un beneamato ciuffolo.

      Impara a sottolineare come Dio comanda.

      Puoi utilizzare la strategia che spiego nel dettaglio in "Studia meno, Studia meglio"; in generale per ricordare quello che leggi (e ricordare solo quello che conta davvero) usa l'evidenziatore come se dovessi pagare ogni centimetro di carta che sottolinei con esso.

      Meno è meglio.

      4. Riscrivilo a parole tue

      Una delle migliori abitudini che ho instaurato nel mio percorso di crescita personale è stata quella di NON iniziare un nuovo libro di self-help finché non avessi fatto una breve sintesi di quello che avevo appreso dall'ultimo libro letto.

      E non una sintesi qualunque, ma un riassunto a parole mie dei passaggi più importanti di quel libro, spesso in forma grafica (una mappa concettuale per intenderci).

      Chissà, magari un giorno condividerò questo tesoretto di mappe e sintesi dei migliori libri di crescita personale.

      Per il momento, però, per ricordare quello che leggi, impara a fare un breve riassunto di quello che leggi.

      Puoi farlo anche al termine di ogni capitolo e no, non devi stare a riscrivere TUTTO il capitolo, bastano anche poche parole e concetti chiave elencati con dei bullet point! L'importante è che siano parole tue e non dei beceri "copia & incolla" di quanto scritto dall'autore.

      5. Connetti i puntini (e se necessario, crea nuovi puntini)

      connetti i puntini

      In fin dei conti il nostro cervello non è altro che una rete di neuroni connessi tra loro.

      Non dobbiamo dunque sorprenderci se ricordiamo meglio facendo connessioni tra le informazioni.

      Se vuoi davvero capire come ricordare quello che leggi, la tecnica del "connettere i puntini" è fondamentale.

      In poche parole, ogni volta che leggi qualcosa che vuoi ricordare, cerca sempre di connetterlo ad un concetto o un'informazione che già conosci.

      Può essere una connessione anche assurda o scherzosa.

      Un esempio?

      Se ti dico RAI, cosa ti viene in mente ora che hai letto questo articolo?

      ...esatto, ti viene in mente la Radiotelevisione Italiana ma anche i tre meccanismi chiave attraverso cui il nostro cervello ricorda quello che legge: Riattivazione, Associazione e Interesse.

      I due concetti non hanno un legame diretto, ma creando una connessione con un qualcosa che già conoscevi ho cercato di aiutarti a ricordare questi nuovi elementi.

      Se poi vuoi essere davvero un pro e fare tuo un nuovo argomento a cui tieni particolarmente, non ti limitare a connettere i puntini. Creane di nuovi!

      Esponiti agli stessi argomenti attraverso "canali" diversi:

      • Leggi un libro sul tema.
      • Approfondisci gli articoli di un blog che lo tratta.
      • Guarda dei video su YouTube sempre sullo stesso argomento.
      • Ascolta dei podcast.

      Insomma, stimola la tua mente con "modalità di comunicazione" diverse sullo stesso tema e la probabilità di ricordarlo aumenteranno esponenzialmente.

      6. Esci dalla tua Torre di Avorio

      Torre d'Avorio

      Appena leggi qualcosa che ti piace o ti colpisce, mettilo subito in pratica.

      E questo vale anche per questo articolo.

      C'è una strategia che ha stuzzicato particolarmente i tuoi neuroni? Applicala, e applicala oggi stesso, alla tua prossima lettura.

      Troppo spesso rimaniamo nelle nostre "Torri di Avorio", ingurgitiamo informazioni su informazioni, senza mai uscire là fuori a metterle in pratica.

      Questa, oltre ad essere una colossale perdita di tempo è anche la tecnica perfetta per NON ricordare tutto quello che cerchiamo di stipare nella nostra testolina.

      Al contrario, nel momento in cui traduciamo un'informazione letta, in un'informazione sperimentata sulla nostra pelle, quella ci si stampa a fuoco nella mente.

      Quando leggi del materiale, fallo sempre con l'intenzione di portarti a casa almeno un elemento che potrai applicare nella tua vita.

      7. "Chi sa fare... insegna"

      Te lo ricordavi diversamente, vero?!

      Beh, a me il detto originale "Chi sa fare, fa. Chi non sa fare, insegna" non ha mai convinto del tutto.

      L'unico modo per insegnare qualcosa (e farlo bene), infatti, è aver compreso a fondo l'argomento di cui si parla.

      ...e questo può tornarci decisamente utile anche quando vogliamo ricordare quello che leggiamo.

      Ecco come: la prossima volta che affronti una lettura che vuoi salvare nel tuo hard drive biologico, fallo con l'idea che dovrai poi spiegare quanto appreso ad un tuo conoscente.

      E qui c'è il trucco...

      NON è indispensabile che tu poi faccia davvero la lezioncina al tuo conoscente. Quello che conta è che tu affronti la lettura con l'idea di dover insegnare quanto studiato.

      Questo semplice cambio di mindset ti aiuterà ad attivare quelle parti del tuo cervello utili a comprendere e memorizzare il materiale che leggerai.

      Prima di salutarci...

      Ok, mettiamo subito in pratica quanto appreso in questo articolo premium.

      Prima di salutarci rispondi a queste semplici domande: ti aiuteranno a cristallizzare nella tua memoria quanto letto:

      • Quali sono le tre parole che si nascondono dietro l'acronimo RAI? (Riatti... poi?).
      • Di cosa parlavamo nel paragrafo con il meme "cielo messa tuta"? (Non ti sarai mica... distratto?!)
      • È necessario leggere anche la prefazione di un libro per ricordarne i concetti chiave?
      • Chi è Laura e perché mi dà ancora gli incubi?
      • Come riscriveresti la quarta strategia su "come ricordare quello che leggi" a parole tue?
      • Hai già ascoltato la versione audio di questo articolo? Prova ad utilizzare questo secondo "canale comunicativo" per ricordare ancor meglio i concetti che abbiamo visto.
      • Quale delle 7 strategie per ricordare quello che leggi metterai in pratica entro stasera?
      • È necessario insegnare quanto letto per memorizzarlo al meglio o basta l'idea di volerlo fare?

      E adesso prova a dimenticarti questo articolo! 😃

      Ci leggiamo nei commenti. Fammi sapere se questo articolo ti è stato utile!

      A presto.

      Andrea Giuliodori.

      [post_title] => Come ricordare quello che leggi (anche se hai una pessima memoria) [post_excerpt] => Più studi meno ti sembra di imparare? Per ricordare quello che leggi con efficacia ecco diversi consigli da applicare tutti i giorni. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-ricordare-quello-che-leggi [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-10-14 16:34:34 [post_modified_gmt] => 2021-10-14 14:34:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27472 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 41 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 27426 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-06-24 21:11:25 [post_date_gmt] => 2021-06-24 19:11:25 [post_content] => In questo articolo parleremo della paura di quello che pensano gli altri, ma soprattutto trarremo ispirazione dalla letteratura per superarla.

      Ti capita di non fare delle scelte perché in disaccordo con quelle del tuo partner o della tua famiglia?

      Sul lavoro ti vengono delle idee particolarmente originali ma eviti di proporle perché non vuoi correre il pericolo di sentirti giudicato dai tuoi colleghi?

      Ti piacerebbe scegliere uno stile diverso dai dettami della moda ma poi finisci per vestirti come al solito, per non farti notare troppo?

      Se queste situazioni ti sono familiari, allora sappi che sei caduto in un errore che accomuna la maggioranza delle persone: ti preoccupi troppo di quello che pensano gli altri.

      Una paura che non si addice proprio ad un +Efficace. Scopriamo come liberarcene!

      Perché ti preoccupi di quello che pensano gli altri?

      È una cosa che capita spesso, fin da bambini: c’è un gruppo a cui teniamo, quello degli amici, dei compagni di classe, della squadra dove giochiamo, che apprezza qualcosa, o sceglie di fare qualcosa, e noi invece la pensiamo in tutt’altra maniera.

      Però, per paura che ci escludano o prendano in giro, ci adattiamo e uniformiamo la nostra volontà a quella del gruppo.

      Questo istinto a conformarsi alla maggioranza ha radici antiche: fa parte di una delle eredità dei nostri antenati, che dovevano stare in gruppo per sopravvivere quando le condizioni ambientali erano particolarmente pericolose.

      Entro certi limiti, anche oggi la considerazione degli altri è un’attenzione sana: mitigando il nostro egoismo ci permette di andare d’accordo con le persone a cui teniamo e di farle stare bene.

      Quando diventa problematica?

      Nel momento in cui è eccessiva e, da attenzione, si trasforma in paura cominciando a impedirci di vivere come vorremmo.

      È in questo frangente che l’esigenza continua di conformarci diventa conformismo.

      Quando la paura del giudizio diventa conformismo: le conseguenze 

      Adattarsi costantemente a quello che la maggioranza pensa, vuole o fa ci porta a perdere il nostro valore individuale:

      • Non facciamo le esperienze che desideriamo.
      • Reprimiamo bisogni, curiosità, desideri.
      • Non frequentiamo le persone giuste per noi.
      • Smettiamo di osare nel lavoro e nella vita privata.
      • Non cresciamo, non miglioriamo.
      • Perdiamo la capacità di decidere.
      • Lasciamo che crescano dentro di noi frustrazioni, rimpianti, infelicità, aggressività.

      In più, paradossalmente, veniamo apprezzati meno dagli altri, che in realtà amano e stimano chi ha idee proprie ed è capace di difenderle anche contro il parere della maggioranza.

      Ricorda: più ti preoccupi di quello che pensano gli altri meno piaci agli altri

      Lo so, lo so, sembra contro-intuitivo: tu ti impegni al massimo per piacere agli altri, non prendi una decisione che sia una in disaccordo col gruppo a cui tieni e poi arriva Sempronio (il cugino di Caio), con le sue idee rivoluzionarie e spesso anche con un atteggiamento da st***zo, e tutti sembrano innamorarsi di lui!

      Ti chiedi com’è possibile, visto che non ha fatto altro che ignorare le esigenze degli altri.

      Eppure è proprio così.

      Gli esseri umani, sotto sotto, sono animali istintivi, che tendono a riconoscere, rispettare e ammirare chi ha un carattere alpha, chi ha carisma (parleremo proprio di carisma in uno dei prossimi articoli di approfondimento).

      Non c'è nulla di più attraente de:

      • La capacità di sostenere le proprie idee e le conseguenze delle proprie idee con sicurezza.
      • Il coraggio di scegliere soluzioni diverse da quelle della massa, di intraprendere percorsi inesplorati.
      • La sicurezza e il rispetto di sé.

      In sintesi: nessuno ama gli zerbini, se non quando hanno bisogno di "pulirsi le scarpe".

      È arrivato quindi il momento di scegliere chi vuoi essere nella vita:
      • Mr. / Mrs. "orecchie basse e compiacere tutti".
      o...
      • Te stessa / stesso.

      Realizzarti, esprimere appieno la tua personalità e le tue idee forse ti inimicherà qualcuno, ma avrà anche il vantaggio di aiutarti ad attirare le persone giuste per te nella tua vita.

      Vediamo allora 5 soluzioni abbinate a 5 classici della letteratura mondiale per smettere di avere paura di quello che pensano gli altri!

      5 soluzioni letterarie per fregarsene del giudizio degli altri

      1. Fai pace con l’assurdità dei punti di vista - Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello

      «Che fai?» mia moglie mi domandò, vedendomi insolitamente indugiare davanti allo specchio. «Niente» le risposi, «mi guardo qua, dentro il naso, in questa narice. Premendo, avverto un certo dolorino.» Mia moglie sorrise e disse: «Credevo ti guardassi da che parte ti pende.» Mi voltai come un cane a cui qualcuno avesse pestato la coda: «Mi pende? A me? Il naso?» E mia moglie, placidamente: «Ma sì, caro. Guardatelo bene: ti pende verso destra.»

      Luigi Pirandello.

      Questo è l’inizio del celebre ‘Uno, nessuno e centomila’ di Pirandello, dove il protagonista, che ha sempre creduto di avere un bel naso, un giorno si sente dire queste parole dalla moglie.

      Da lì, comincia ossessivamente a guardarsi il naso, a tormentarsi, a farlo notare agli altri, finché un giorno, per caso, un conoscente non gli fa notare un difetto di attaccatura dei capelli.

      È questo l’inizio della storia folle di Vitangelo Moscarda, che, catturato dall’assurdità del mondo, proseguirà con un climax di azioni paradossali volte a far cambiare la considerazione che gli altri hanno di lui, con l’unico risultato di peggiorare notevolmente le cose.

      Il capolavoro di Pirandello parla proprio di questo: della nevrosi della considerazione degli altri e delle conseguenze che comporta se portata all’estremo.

      Se siamo sempre preoccupati di quello che pensano gli altri, da uno diventiamo centomila, e contemporaneamente nulla e nessuno.

      Perché ognuno vede gli altri alla propria maniera, a seconda delle proprie personali nevrosi ed esperienze, e di fronte a questo caleidoscopio di punti di vista, la realtà oggettiva sparisce.

      Il pericolo è quindi quello di perderci completamente.

      Ripensare a questa storia è interessante quando ci scopriamo a prestare troppa attenzione al giudizio degli altri: ricordati che non saprai mai davvero che cosa sta pensando chi ti sta davanti.

      • Tu magari credi che giudichi il tuo taglio di capelli e invece sta ripensando a quello che gli ha detto il capo mezz'ora prima.
      • Tu sei convinto che stia facendo considerazioni su quello che dici e invece magari è concentrato sulla tua voce che gli ricorda quella di suo cugino di secondo grado che gli rubava la merenda.

      Insomma, dal momento che non potrai mai sapere con sicurezza quali saranno i particolari giudicati dal resto del mondo, piuttosto che perdere te stesso rincorrendo i possibili difetti o immaginando strane soluzioni per superare il problema, alla maniera di Vitangelo Moscarda, rilassati e fregatene beatamente di cosa stanno pensando gli altri di te.

      2. Datti meno importanza: gli altri non sono così interessati a te – La Vertigine di Giovanni Pascoli

      Uomini, se in voi guardo, il mio spavento cresce nel cuore. Io senza voce e moto voi vedo immersi nell’eterno vento; voi vedo, fermi i brevi piedi al loto, ai sassi, all’erbe dell’aerea terra, abbandonarvi e pender giù nel vuoto.

      Giovanni Pascoli.

      Magari tu sei lì, agitato alla prospettiva di fare un discorso in pubblico, pensando a cosa dirà la gente se fai un errore, se hai un’incertezza nella voce, o se fai dei movimenti strani con le mani.

      E naturalmente, più ci pensi, più la tua agitazione sale.

      Indovina un po'?!

      Quasi tutte le persone che ti ascolteranno in realtà saranno prese da altri pensieri: chi penserà ad un problema di lavoro, chi a quando potrà mangiare qualcosa o schiacciare un pisolino, chi sognerà la prossima vacanza all’estero, chi semplicemente sarà intento a flirtare con la collega seduta affianco.

      Insomma, stai sicuro che i movimenti delle tue mani non sono nella lista delle priorità del tuo pubblico.

      Tante ansie e difficoltà derivano dalla mania che abbiamo di osservarci e tenerci in considerazione in maniera davvero eccessiva.

      La verità, però, è che noi non siamo così importanti: se ci consideriamo dalla prospettiva di Pascoli e della sua poesia, siamo un punto infinitesimale in tutto l’Universo.

      Degli uomini ‘penduli’, sospesi su un enorme ‘baratro di stelle’.

      E questo non deve terrorizzarti, al contrario: prenderne consapevolezza è profondamente liberatorio.

      Se ti senti bloccato dalla paura di quello che pensano gli altri, ristabilisci le giuste proporzioni e pensa a qualcosa di più grande, più interessante e più degno di nota sia delle nostre seghe mentali, sia di chi ti osserva e ascolta.

      3. Non potrai andare bene a tutti – I promessi sposi di Alessandro Manzoni

      "Giacché è uno dei vantaggi di questo mondo quello di potere odiare ed essere odiati senza conoscersi."

      Alessandro Manzoni.

      Te lo dico subito: rassegnati.

      Se sei una di quelle persone che vorrebbero essere amate da tutti e vivere d’amore e d’accordo con l’intero genere umano, è ora di fare i conti con la realtà.

      Puoi essere semplice, modesto, rispettoso come il Renzo Manzoniano, non fare male a una mosca, eppure starai sempre sulle palle a qualcuno! Garantito!

      Questa è una delle grandi verità della vita.

      E non perché tu faccia o non faccia qualcosa di grave, ma per motivi che semplicemente saranno sempre fuori dal tuo controllo.

      (O il fatto di essere fidanzato con Lucia. Quello anche non aiuta).

      Fai pace con questa cosa e sentiti libero di cominciare ad agire come ti senti.

      I promessi sposi è la storia perfetta da ripassare per ricordarci che, per quanto correttamente ci si possa comportare, per quanto educati e irreprensibili si possa essere, ci saranno sempre dei motivi imperscrutabili per cui qualcuno potrà avercela con noi.

      4. Un po’ di sana cattiveria ogni giorno – Fight Club di Chuck Palahniuk

      "E poi è successo qualcosa, mi lasciai andare perduto nell'oblio... oscuro, silenzioso, completo. Trovai la libertà, perdere ogni speranza era la libertà."

      Chuck Palahniuk.

      Chi vive intrappolato nella preoccupazione di ciò che pensano gli altri di solito corrisponde all’identikit della brava persona che piuttosto che mettere a disagio qualcuno preferisce reprimere se stesso.

      Il problema è che quello che reprimiamo tende ad accumularsi e a esplodere, spesso nei momenti meno adatti.

      Reprimere le tue frustrazioni lavorative, ad esempio, ti può portare a sfogarti in terribili sfuriate casalinghe o a somatizzare in temibili disturbi psico-somatici (proprio come il protagonista di Fight Club).

      Insomma, per compiacere gli altri, finiamo col trattare male i pochi a cui teniamo davvero – prima di tutto noi stessi.

      In questi casi, quindi, la soluzione "Fight Club" è la migliore: devi allenarti a essere ogni giorno un po’ più egoista, cinico, arrogante, menefreghista, ambizioso, aggressivo.

      • I tuoi colleghi vanno a mangiare in pizzeria ma tu vuoi farti la tua pausa pranzo da solo per poter fare una telefonata? Fallo.
      • Vuoi indossare un cappotto di un colore che non piace alla tua compagna? Mettilo comunque.
      • In famiglia ti dicono spesso ‘pensa cosa direbbe Tizio se tu… pensa che cosa farebbe Caio se tu… ‘? Tu lasciali dire e poi agisci come ritieni giusto.
      Un po' di sano egoismo a piccole dosi (e ripeto, "a piccole dosi") è il migliore antidoto al risentimento e alla frustrazione che infestano la nostra società.

      5. La maggioranza ha sempre torto – L’arte di ignorare il giudizio degli altri di Arthur Schopenhauer

      "Ci sarebbe un solo modo di liberarci di quella così diffusa follia: riconoscerla apertamente come tale, e a quel fine convincersi che, nella loro maggioranza, le opinioni della gente sono, solitamente, del tutto false, distorte, errate e assurde, e dunque, in sé, non meritano alcuna attenzione."

      Arthur Schopenhauer.

      Di solito a scuola, a casa, da piccoli, sentiamo dire questa frase: "La maggioranza ha sempre ragione".

      Anzi, mi correggo, questa frase è troppo sfacciata. In realtà spesso ci viene ripetuta questa variante:  "Ci sarà un motivo per cui tutti fanno questo o quello…".

      E così cominciamo a credere che se venti persone pensano in un certo modo e due hanno un’idea opposta, i più saggi debbano essere necessariamente i primi venti, perché sono così tanti.

      Nulla di più sbagliato.

      Non c’è un motivo per cui tutti fanno questo o quello. O meglio, sì, c’è, ma il più delle volte è sbagliato.

      Le idee della maggioranza si formano spesso:

      • Per inerzia. Seguono un'abitudine, una tradizione, una moda senza farsi domande.
      • Per debolezza. Decidono di prendere per buona, acriticamente, l’opinione di un personaggio famoso, si fidano ciecamente dei media, del sentito dire, del pettegolezzo, della pubblicità.
      • Per simpatia/antipatia irrazionali.

      Capirai quindi che questi non sono requisiti per un giudizio da tenere in gran considerazione…

      Oltre al libro del filosofo Schopenhauer, c’è un bel discorso di Paul Rulkens che ti invito a prendere in considerazione su questo tema:

      Mi sono ispirato a lui per il titolo di questo paragrafo - si chiama proprio "La maggioranza ha sempre torto" - e spiega come discostarsi dal modo di pensare dei più sia necessario per fare qualcosa di buono, sano e innovativo nella propria vita e nel proprio lavoro.

      ...e no, credere alle teorie del complotto non fa di te una persona speciale, anzi è un'ulteriore conferma di quanto spiegato in questo passaggio.

      I cospirazionisti rappresentano infatti la maggioranza assoluta se si prende come riferimento le persone che hanno una bassa istruzione e un quoziente intellettivo limitato.

      Per concludere...

      Bene, mi auguro che queste ispirazioni letterarie ti possano spingere a riappropriarti della tua vita e a prendere le decisioni migliori per te, senza paura.

      Il punto però è che sapere "in teoria" che non dobbiamo preoccuparci troppo di quello che pensano gli altri, cambierà poco nella tua vita.

      Ti invito quindi a scegliere anche un solo concetto di questo articolo di approfondimento, ma iniziare a metterlo in pratica da subito, da oggi stesso.

      Ricorda, se vuoi davvero diventare un +Efficace, sarà solo la pratica costante a fare la differenza.

      E come sempre, se hai dubbi o vuoi condividere la tua esperienza con gli altri abbonati, scrivimi nei commenti.

      Ci rileggiamo presto,

      Andrea Giuliodori.

      [post_title] => Hai paura di quello che pensano gli altri? Usa queste 5 strategie letterarie [post_excerpt] => Se ti preoccupi troppo di quello che pensano gli altri perdi te stesso. Impara come combattere la paura del giudizio con queste 5 ispirazioni. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => paura-di-quello-che-pensano-gli-altri [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-06-24 20:53:18 [post_modified_gmt] => 2021-06-24 18:53:18 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27426 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 2 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 26965 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-06-08 20:09:39 [post_date_gmt] => 2021-06-08 18:09:39 [post_content] =>

      Le domande (quelle giuste) possono avere un potere enorme. Scopriamo insieme le 14 domande che ti aiuteranno a plasmare la tua vita ideale.

      Noi tutti, almeno una volta nella vita, ci siamo chiesti:
      “Ma perché è capitato proprio adesso, proprio a me?”

      E se anche tu non ti sei mai posto questa precisa domanda, forse hai usato varianti del tipo...

      • “Perché l'universo ce l'ha con me?”
      • "Ma perché capitano sempre tutte a me?”
      • “Cosa ho fatto di sbagliato nella vita per meritarmi questo?”
      • ...

      Ecco, questo tipo di domande, soprattutto se ripetute con una certa frequenza, possono essere deleterie.

      Fortunatamente, però, esistono anche domande che ci migliorano la vita e ci aiutano a plasmarla così come l'abbiamo sempre desiderata. In questo nuovo contenuto dedicato ai +Efficaci ho raccolto in esclusiva le 14 domande più potenti per migliorare la tua esistenza. Vediamole insieme.
      “Se avessi solo un’ora per risolvere un problema e la mia vita dipendesse da questo, userei i primi 55 minuti per formulare la giusta domanda, perché, una volta trovata, potrei risolvere il problema in meno di 5 minuti.”

      A. Einstein

      1. La domanda per quando la vita ti sbatte a terra

      “Cosa posso trarne di buono?”

      Quando si attraversa un periodo particolarmente difficile è del tutto naturale chiederci perché il destino, l'universo o Dio stesso si stiano accanendo contro di noi.

      Questo tipo di domanda però ci porterà inevitabilmente a rimuginare su tutte le nostre sfortune e le nostre scelte sbagliate.

      È dunque preferibile spostare la nostra attenzione altrove e chiederci piuttosto cosa possiamo trarre di buono da questa terribile esperienza.

      Sì, lo so, agli inizi, quando vediamo tutto "nero", anche solo porci questa domanda da pensiero positivo spicciolo, ci sembra un insulto.

      Questo accade perché non siamo abituati ad allenare questo percorso neuronale così diverso diverso (e migliore) da quelli che battiamo costantemente.

      Se però ci sforziamo di porci questa domanda ("cosa posso trarne di buono"), lentamente emergeranno davanti a noi scenari a cui non avevamo mai pensato e così...

      • La perdita di una persona cara può trasformarsi nell'occasione per onorarne l'esistenza portando avanti un progetto a cui teneva particolarmente.
      • Una malattia debilitante può trasformarsi nell'occasione per assaporare i piccoli piaceri della vita e dare maggiore attenzione alla nostra salute e al nostro benessere in futuro.
      • La perdita del lavoro può trasformarsi nell'occasione per reinventarci e trovare finalmente quella libertà finanziaria che agogniamo da tanto tempo.

      Smettila dunque di chiederti "perché è capitato proprio a me?" e inizia a chiederti "visto che è capitato proprio a me, cosa posso trarne di buon?"

      2. La domanda per quando ti senti bloccato

      “Cosa mi impedisce di fare quello che desidero?”

      Se ancora non hai raggiunto i tuoi obiettivi (o non stai agendo per raggiungerli), questa è la domanda giusta per te.

      Prendi un foglio di carta, e rispondi a questa domanda: "cosa mi impedisce di fare quello che desidero?".

      Datti la libertà di rispondere e di farlo con estrema sincerità. Nessuno ti guarda. Nessuno ti giudica.

      Vai a fondo, cerca di capire cos'è che ti blocca davvero e cerca di farlo superando le risposte più banali e superficiali ("mi manca il tempo", "mi mancano i soldi", etc.).

      Magari scoprirai che, in fondo, non te ne frega poi così tanto di quell'obiettivo. Va benissimo così.

      O forse scoprirai che hai paura di avere successo, perché raggiungere quell'agognata meta può significare che alcune persone nella tua vita inizieranno a vederti in modo diverso.

      Continua a scavare, scopri i tuoi reali blocchi e poi affrontali.

      3. La domanda per quando devi scegliere che strada prendere

      “Cos'è per me il successo?”

      Se qualcuno ti parla di successo, qual è la prima immagine che ti viene in mente?

      È un'immagine che ti piace o che, sotto sotto, un po' disprezzi?

      Se non sappiamo cosa significa per noi "successo", o, peggio ancora, ne abbiamo un'idea pregiudiziale, difficilmente potremmo raggiungerlo. Di conseguenza ci condanneremo a vivere nella frustrazione e nel risentimento.

      Chiediti dunque cosa significa (davvero) per te successo?

      • È avere una famiglia felice?
      • È avere un milione di € in banca?
      • È avere un impatto positivo sul mondo?
      • È inventare una cura per il cancro?
      • È vivere in modo semplice, in mezzo alla natura?

      Non ti accontentare però della prima risposta che ti salterà in mente, trova piuttosto una risposta che risuona davvero con chi sei nel tuo intimo. Quella sarà la tua reale definizione di successo.

      4. La domanda per quando ti lamenti troppo

      “Cosa mi fa indignare?”

      Cosa succede nella tua quotidianità o nel mondo, che ti innervosisce, ti intristisce o ti fa inca***re?

      • È il comportamento dei politici?
      • È l’inquinamento?
      • Sono le reazioni dei tuoi suoceri?
      • È la superficialità con cui la gente tratta questioni che ritieni importanti?
      • Sono i balletti dei TikToker?

      Ora che ci hai pensato, e che probabilmente ne hai parlato con gli amici, ne hai scritto sui social, hai fatto 'na capa tanta ai tuoi colleghi e ti sei fatto cattivo il fegato, è il momento di osare un passo in più!

      Rifletti su cosa puoi fare tu di concreto per contrastare quello che ti fa indignare. C'è qualcosa nella tua sfera del controllo che ti consentirebbe di migliorare la situazione da subito?

      5. La domanda per quando hai esaurito le energie

      “Mi diverto?”

      Il tuo percorso di vita non può essere solo una maratona fatta di doveri, necessità, obblighi e digiuni intermittenti 😃

      Il rischio, infatti, è che se anche raggiungerai i tuoi obiettivi, sarai così spento e ingrigito che non ti godrai la vittoria.

      Se ti senti "svuotato" in questo periodo, chiediti cosa ti fa divertire davvero e perché non stai coltivando questa tua parte più bambina.
      • Come puoi rendere più piacevole anche i compiti più gravosi?
      • Come puoi soddisfare un tuo piccolo desiderio oggi?
      • Come puoi rendere più bello ed esteticamente appagante quello che stai facendo?

      Ricorda: divertirsi è un dovere!

      6. La domanda per quando hai paura

      “Perché no?”

      La prossima volta che ti trovi in una situazione in cui senti che stai per rinunciare a qualcosa che ti fa battere il cuore, chiediti perché non dovresti farla.

      No, sul serio, cosa succederebbe di così catastrofico se affrontassi questa tua paura?

      Scrivi tutte le conseguenze peggiori che potrebbe avere quell’azione. Sono tutte così terribili? C'è qualcosa che potresti fare per mitigare alcune di queste paure?

      Se in fin dei conti anche lo scenario peggiore non è così spaventoso come ti immaginavi, forse è il tempo di buttarti davvero...

      7. La domanda per quando non sai quello che vuoi

      “A cosa ho pensato di più negli ultimi mesi?”

      La società in cui viviamo, con tutti i suoi condizionamenti e i suoi modelli preconfezionati ci porta spesso a confonderci su quello che desideriamo nel nostro intimo.

      Ed è così che ci ritroviamo a vivere momenti di incertezza o vera crisi esistenziale in cui sentiamo di non essere felici e vorremmo semplicemente che le cose cambiassero.

      In questi casi è utile fare mente locale e chiederti a cosa hai pensato più e più volte nell'ultimo periodo. Questi pensieri ricorrenti, se negativi, ti aiutano a capire da cosa vuoi allontanarti; se positivi, ti aiutano a capire cosa vorresti di più nella tua vita.

      8. La domanda per quando vuoi conoscerti profondamente

      “Quali sono le persone con cui sto meglio?”

      Nella vita abbiamo contatti sociali con persone di ogni tipo, ma sono poche quelle con cui abbiamo da subito un’affinità speciale, con cui ci sentiamo liberi, e che abbiamo l'impressione di conoscere da sempre.

      Ecco, le qualità, le virtù, gli atteggiamenti e i comportamenti di queste persone in realtà dicono molto anche su noi stessi. Ci aiutano infatti a capire quali sono i nostri valori e talenti non ancora espressi. Insomma, le persone che ci piacciono ci indicano chi possiamo e vogliamo diventare.

      9. La domanda per quando devi eliminare qualcosa nella vita

      “Cosa mi stanca?”

      "Tutto, Andre’, tutto! Il mio ideale al momento è passare sette giorni sul divano a guardare quel punto preciso lì sul soffitto…"

      Ecco, non intendevo esattamente questo.

      Questa è la domanda da porsi quando senti di dover cambiare qualcosa nella tua vita e non sai bene cosa.

      Concentrati e pensa a cosa succhia le tue energie senza restituirti nulla in cambio – o comunque troppo poco.

      Una volta che avrai trovato quel o quegli elementi, avrai individuato i rami secchi da tagliare per far crescere meglio la tua pianta.

      10. La domanda per ristabilire le tue priorità

      “Sto seguendo la mia agenda o quella di qualcun altro?"

      Hai mai avuto l'impressione che la tua vita sia un susseguirsi di impegni che poco hanno a che fare con i tuoi obiettivi personali? Sì, certo, la pagnotta sul piatto dobbiamo pur mettercela e spesso, per avere uno stipendio a fine mese, dobbiamo vendere il nostro tempo per soddisfare gli obiettivi altrui. Ma è sempre così? Davvero è impossibile per noi cambiare lavoro o reinventarci? E nella vita privata? Facciamo lo stesso errore? Diciamo sì a tutti, tranne che a noi stessi? Di tanto in tanto, fermati e chiediti se nella tua vita stai lavorando ai tuoi sogni o se stai vivendo un incubo per costruire il sogno di qualcun altro.

      11. La domanda per quando ti senti sopraffatto dagli impegni

      “Come sarebbe se fosse facile?"

      Troppo spesso ci complichiamo la vita da soli. Da bravi appassionti di crescita personale siamo convinti che per "valere", le attività che facciamo per raggiungere i nostri obiettivi devono essere per forza difficili e faticose. Ma chi l'ha detto? Tra le 14 domande di questo articolo esclusivo, questa è quella che personalmente trovo più potente in assoluto. Ogni volta che mi ritrovo a rimandare un'attività o che sento un senso di repulsa per un certo impegno, mi chiedo esattamente questo: "come sarebbe se fosse facile?". Smettila di reinventarti la ruota ogni santa volta. Esiste una via più facile per ottenere lo stesso risultato. Il primo passo per trovarla è immaginarla.

      12. La domanda per sapere cosa è importante per te

      “Cosa non vorrei dimenticare mai?”

      Domandati questo, e avrai una risposta quanto mai precisa su quello che è o è stato significativo per te, che ti ha condizionato, nel bene e nel male, che costituisce le fondamenta della tua vita.

      Potrai inoltre capire quali di questi ricordi sono funzionali per te, e decidere se continuare a conservare queste memorie o abbandonarle.

      13. La domanda per cavalcare finalmente la tua passione

      “Che cosa non posso più fare?”

      Questa domanda, un po’ a trabocchetto, ti metterà di fronte agli occhi un tuo grande desiderio.

      Noi esseri umani siamo piuttosto strani: capita che attendiamo anni prima di investire le energie in qualcosa che ci appassiona – per difficoltà pratiche, perché pensiamo di non avere tutti i numeri per farlo, per pigrizia e per ennemila altre ragioni.

      Eppure, abbiamo la sotterranea sensazione che a un certo punto perderemo un treno prezioso.

      Ponendoti direttamente questa domanda, risveglierai delle sensazioni potenti sulle opportunità che hai lasciato ad ammuffire nel cassetto.

      Sfrutta la forza dei rimpianti, prima ancora che diventino tali. Questo ti darà finalmente l'energia per cavalcare le tue passioni..

      14. La domanda per questo preciso istante

      “Cosa sto aspettando?”

      Mi auguro sinceramente che le domande viste fin qui ti abbiamo aiutato a mettere a fuoco la tua vita ideale.

      Se così è stato... cosa stai aspettando?
      • Non aspettare il momento buono – non è mai il momento buono.
      • Non aspettare di essere libero da altri impegni.
      • Non aspettare che tutto sia perfetto.
      • Non lasciare che sia qualcun altro a prendersi i tuoi desideri – perché ti garantisco che lo farà.

      Fai quel primo passo. Anche piccolo. Vai incontro alla tua vita.

      Chiudi questo articolo e comincia adesso.

      Buona fortuna.

      Andrea Giuliodori.

      [post_title] => 14 domande potenti per vivere la tua vita ideale [post_excerpt] => Scopri 14 domande potenti e decisive da porti per capirti profondamente, prendere buone decisioni e vivere pienamente la tua vita. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => domande-potenti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-06-09 17:43:54 [post_modified_gmt] => 2021-06-09 15:43:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26965 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 24 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 28767 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-11-25 21:11:28 [post_date_gmt] => 2021-11-25 20:11:28 [post_content] =>

      Ti vedo. E soprattutto ti sento.

      Stai aprendo questo articolo abbandonato sulla sedia della tua scrivania, con la testa pesante, una gran voglia di niente e contemporaneamente il pensiero ossessivo di tutte le cose da fare che ti dà un filo d’angoscia e non ti permette di concentrarti.

      Fuochino?!

      Già.

      Siamo esseri umani perennemente stressati, perennemente connessi, perennemente confusi da un mare di stimoli diversi, e, quindi, perennemente e profondamente stanchi.

      Ma stanchi dentro.

      Tant’è vero che quasi ogni volta che parlo con una persona, a prescindere da età, lavoro e condizione personale, a un certo punto salta fuori la questione del:

      “Se solo fossi meno stanco…”

      Ed è qui che arriva questo nuovo articolo dedicato ai +Efficaci sul "come riposare" EfficaceMente.

      Perché non è vero che basta mangiare bene e dormire a sufficienza per sentirsi riposati.

      Esistono infatti ben quattro tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno per rigenerarci davvero:

      1. Il riposo fisico.
      2. Il riposo mentale.
      3. Il riposo relazionale.
      4. Il riposo emotivo.

      Partiamo dal riposo fisico, quello più scontato... o forse no?

      Riposo fisico: no, non è solo questione di buon sonno

      Certo, se fai le ore piccole ogni santa notte, fumi come una ciminiera, non ti muovi se non per spostarti dal letto al divano, e mangi la qualunque, non mi sorprenderei, fossi in te, se non sprizzi proprio di energie!

      Ma, ahimè, anche chi cura molto la propria alimentazione, fa una buona attività fisica e dorme almeno 7 ore a notte molto spesso si sente scarico fisicamente.

      La spiegazione sta nel fatto che ci sono due tipi importanti di riposo fisico: uno passivo e uno attivo.

      Il riposo passivo

      Per riposo passivo si intende quello più classico, cioè tutti i momenti in cui lasciamo che il nostro corpo recuperi le forze “spegnendosi”: il sonno notturno, i pisolini, gli attimi in cui ci stendiamo, chiudiamo gli occhi e, anche se non dormiamo a tutti gli effetti, ci permettiamo un rilassamento profondo.

      Ripassa questo articolo: ci troverai dei consigli per rendere il tuo sonno più efficace.

      Il riposo attivo

      Il riposo fisico attivo invece è un’altra cosa. Ma è altrettanto importante.

      Sotto questo nome rientrano le attività che ti rigenerano mentre le eserciti.

      Dei buoni esempi sono lo yoga, gli esercizi di respirazione, lo stretching, il massaggio terapeutico.

      O anche una camminata in mezzo alla natura, una nuotata o un giro in bicicletta.

      Si tratta di attività "dolci", non impegnative, che, migliorando la flessibilità del nostro corpo e agendo sulla circolazione sanguigna, ci faranno sentire più ritemprati e sereni.

      E a proposito di riposo fisico e movimento, per chi invece è un maniaco del fitness, è importante non dimenticare il recupero post-allenamento.

      Se esageri con la quantità di attività sportiva senza mai dare al tuo corpo il tempo di recuperare, puoi andare incontro a una situazione di fatica e stanchezza cronica – oltre ad annullare i benefici dei tuoi work-out.

      Ormai lo sanno anche i bambini dell'asilo: i nostri muscoli si sviluppano proprio nei giorni di recupero.

      Passiamo ora a vedere un altro importantissimo tipo di riposo, ovvero quello mentale.

      Riposo mentale. Come imparare a rilassare davvero la tua mente

      Quando senti qualcuno dire che tutto parte dalla nostra testa, sappi che nel 90% dei casi ha ragione.

      La stanchezza mentale ti può far sentire uno straccio per settimane di fila.

      E non parlo solo di difficoltà di concentrazione, poca memoria e irritabilità.

      La stanchezza mentale si ripercuote immediatamente sul fisico, diventando mancanza di energia fisica, insonnia o fatica a prendere sonno, lentezza nel recupero dopo una malattia di stagione e via dicendo.

      Per questo è fondamentale trovare il modo di ristorarci in maniera costante anche a livello mentale.

      Ecco 5 consigli per rilassare la tua mente, espressi in altrettante parole chiave di facile memorizzazione (tanto per non affaticare la tua mente)

      1) Pause

      La prima attenzione che ti consiglio di avere è semplice ma estremamente efficace.

      Fai pause con regolarità mentre lavori.

      Chi utilizza la tecnica del pomodoro ha già sperimentato quanto possa essere efficace alternare momenti di massimo focus a brevi pause rigeneranti. Se ancora non la conosci, qui trovi tutti i dettagli su questa fantastica strategia di gestione del tempo.

      E se il tuo lavoro non ti permette di programmare pause con precisione, ogni tot minuti, organizzati in maniera tale da staccare completamente i pensieri da quello che fai per un po’, appena puoi.

      L’importante è il "completamente".

      Se rimani sempre ancorato a quello che stai facendo, ti ritroverai a distrarti sempre di più e a saltellare come un grillo dal report che devi consegnare a Instagram: ecco, questo è un pessimo modo di rilassarti, anzi, non ti aiuta a rilassarti affatto.

      2) Taccuini

      Un ottimo compagno di viaggio per assicurarti di non stressare troppo la mente è un taccuino da portare nella giacca.

      Quando ti viene un’idea ma non è il momento per svilupparla, quando rischi di dimenticarti degli impegni importanti, quando senti che si affastellano diversi pensieri, prendi il taccuino e scrivici sopra quello che ti viene in mente.

      Così avrai la tranquillità di aver messo al sicuro un’informazione importante e potrai liberare la mente per la cosa che devi fare in quel momento.

      Se non vuoi portare in giro un nuovo oggetto che potresti perdere, puoi usare anche una nota sul tuo smartphone.

      Personalmente io ho creato una nota intitolata "Next" (prossime cose da fare), sincronizzata su tutti i miei dispositivi.

      Ogni volta che mi viene in mente un'idea o un'attività da fare, la scrivo immediatamente dentro questa nota, anche se sono le due di notte e ho avuto questa idea durante una "pausa bagno notturna" (la scrivo sull'iPod che tengo in camera: niente smartphone quando dormo).

      Un'altra semplice regola che mi sono dato per sfruttare al meglio i benefici del taccuino (digitale nel mio caso) è quella di "svuotare" la nota Next entro la sera del giorno successivo, inserendo le varie attività a calendario o comunque chiudendo tutti gli eventuali "open loop" (espressione che ben conoscono i corsisti di Crea Tempo).

      3) Non-sense

      Da quando prendiamo in mano il cellulare alla mattina, per la nostra mente comincia un autentico bombardamento sensoriale. Veniamo invasi di immagini, colori, suoni, luci, parole e sollecitazioni di ogni tipo.

      E la cosa prosegue mentre lavoriamo.

      Naturale che già dopo quattro ore di una vita simile la nostra povera mente dia forfait.

      Perché è vero che come esseri umani siamo abituati ad adattarci a tutto, ma dopo l’ennesimo "video che non puoi assolutamente non vedere", anche la mente del nativo digitale che più digitale non si può, in realtà alza bandiera bianca.

      Ecco perché ti consiglio di regalare al tuo cervello dei momenti di calma, dieta mediatica e deprivazione sensoriale.

      Qualche esempio?

      • A metà giornata chiudi gli occhi e tienili così per due minuti.
      • Quando ti metti in macchina, non accendere subito la radio, non ascoltare musica, notiziari, podcast. Apri il finestrino e respira un po’ d’aria.
      • Fai una passeggiata in silenzio.
      • Quando mangi non guardare il telefono o una serie. Goditi appieno il tuo pasto.
      • A fine giornata scollega i dispositivi elettronici entro una certa ora.

      4) Bellezza

      È scientificamente provato: la bellezza ci fa bene.

      Che si tratti di un quadro, di un paesaggio naturale particolarmente intenso, di determinati colori o forme, tutto quello che la natura o l’arte ci offrono ha un profondo effetto rigenerante sulla nostra mente.

      In pratica:

      1. Troviamo nuove idee.
      2. Diventiamo più flessibili.
      3. Ci vengono in mente in maniera immediata le soluzioni ai problemi.
      4. Aumenta il nostro entusiasmo e la nostra energia propositiva.

      Pensa semplicemente a quante buone ispirazioni ti vengono quando cammini in mezzo alla natura o stai guardando un bel film e a quanto la tua fantasia si "rattrappisca" invece se ti trovi in uno di quegli uffici spogli e grigi, fatti di spazi tutti uguali.

      5) Piante

      Ricollegandoci al discorso precedente, abbiamo capito che la natura ha un effetto rigenerante sulla nostra mente e sulle nostre capacità creative.

      Quando, per ovvi motivi, non puoi evadere fisicamente, puoi comunque assicurarti la tua dose di verde in questi modi:

      • Sistemando la scrivania vicino a una finestra.
      • Aggiungendo una o più piante nel luogo dove lavori.
      • Utilizzando il colore verde, stampe a tema vegetale per gli oggetti che ti circondano (cartelline, quaderni, salvaschermo del computer).

      Passiamo ora a veder il riposo relazionale. Una tipologia di riposo meno conosciuta, ma altrettanto essenziale.

      Riposo relazionale. Mantieni il tuo equilibrio con gli altri

      Tutti abbiamo provato la sensazione di esaurimento che ci danno alcune persone (stai pensando proprio a quella persona, eh?!).

      Dopo essere stati in loro compagnia ci ritroviamo più stanchi che se avessimo fatto una riunione di tre ore.

      Di solito sono:

      • Gli ipercritici.
      • Quelli per cui non fai o non sei mai abbastanza.
      • I perennemente negativi.
      • I lamentosi.
      • Gli invidiosi.
      • Gli ossessivi.

      L’ideale sarebbe non avere a che fare con persone di questo tipo, perché ti succhiano letteralmente le energie.

      Ma sono realista e so che spesso, purtroppo, alcuni di questi personaggi devono far parte delle persone con cui ti relazioni.

      Se si tratta di persone importanti della tua vita che non puoi escludere, il mio consiglio è quello, per lo meno, di compensare i rapporti che hai con loro con persone che invece siano positive per te.

      Persone che condividono i tuoi interessi, che ti stimano e ti sostengono, che siano attive, propositive e felici.

      E, soprattutto se ci tieni, metti in conto di fare presente alle persone che ti esauriscono il loro atteggiamento negativo.

      Esprimiti con tatto ma con decisione: farai bene anche a loro.

      Perché le relazioni sociali dovrebbero ristorarci a vicenda, non esaurirci.

      E questo ci porta alla quarta e ultima tipologia di riposo...

      Riposo emozionale. Prenditi cura delle tue emozioni

      Se ti senti solo, invisibile anche se non ti mancano i contatti sociali, e se in certi giorni le tue emozioni negative prendono il sopravvento, è segno che hai bisogno di un meritato riposo emotivo.

      Altri sintomi?

      • Mancanza di motivazione,
      • Difficoltà a stare concentrato,
      • Senso di astrazione dalle situazioni,
      • Ipersensibilità.

      Queste sensazioni sono tipiche delle persone tanto gentili e disponibili verso il mondo esterno quanto sorde ai propri bisogni, gusti e stati emotivi.

      A lungo andare, mettere da parte le tue necessità e far finta di niente è pericoloso: ti condanna non solo a una condizione di vita statica e insoddisfacente ma anche a una vera sofferenza emotiva.

      Reprimere le proprie emozioni negative ha lo stesso effetto.

      Quello che devi fare è trovare il modo per assicurarti un giusto riposo emotivo, perché, attenzione: è facile che dalla stanchezza emotiva derivi anche quella fisica.

      Ecco alcuni consigli per sentirti meglio:

      1. Metti dei paletti. Se essere così disponibile e altruista ti ha portato a scaricarti, vuol dire che hai superato il tuo limite personale. All’ennesima richiesta rispondi semplicemente di no.
      2. Concentrati su quello che ti piace. Anche se pensi sia inutile/infantile/egoista. Accontentare i tuoi bisogni ti restituirà l’energia che spendi nel mondo.
      3. Dai sfogo alle emozioni. Puoi parlare con una persona di cui ti fidi, scrivere quello che senti, fare attività fisica, scrivere un commento qui sotto ;)
      4. Soprattutto quando ti senti ignorato e provi un senso di profonda, intima, solitudine, pensa che fai parte di qualcosa di enorme, tanto da dare le vertigini. Se te la senti, prega, o medita, o semplicemente alimenta dentro di te quel senso di appartenenza e scopo che ristorerà il tuo spirito. E di conseguenza anche le tue emozioni.

      Bene, mi auguro che questo nuovo articolo di approfondimento premium ti sia stato utile.

      Ora sono curioso... da dove inizierai la tua rigenerazione? Dal riposo fisico, mentale, relazionale o emotivo?

      A presto.

      Andrea Giuliodori.

      [post_title] => Come riposare: le 4 tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno [post_excerpt] => Come riposare per sentirsi davvero pieni di energia? Abbiamo bisogno di 4 tipi di riposo. Li scopriamo in questo articolo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-riposare [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-11-26 19:00:14 [post_modified_gmt] => 2021-11-26 18:00:14 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=28767 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 8 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 6 [max_num_pages] => 2 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => 1 [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => 1 [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => bd07405e759b0333ae5a07fe3421c191 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
      +Efficace Benessere
      +Efficace Benessere

      Come riposare: le 4 tipologie di riposo di cui tutti noi abbiamo bisogno

      Come riposare per sentirsi davvero pieni di energia? Abbiamo bisogno di 4 tipi di riposo. Li scopriamo in questo articolo.

      8
      9 min
      8
      9 min
      +Efficace Benessere
      +Efficace Benessere

      Il magico potere del decluttering

      La vita che vivi non ti soddisfa? Cambiala. Il decluttering ti insegna a selezionare ed eliminare per mettere ordine fuori e dentro di te.

      6
      10 min
      6
      10 min
      +Efficace Studio
      +Efficace Studio

      Come ricordare quello che leggi (anche se hai una pessima memoria)

      Più studi meno ti sembra di imparare? Per ricordare quello che leggi con efficacia ecco diversi consigli da applicare tutti i giorni.

      41
      11 min
      41
      11 min
      +Efficace Relazioni
      +Efficace Relazioni

      Hai paura di quello che pensano gli altri? Usa queste 5 strategie letterarie

      Se ti preoccupi troppo di quello che pensano gli altri perdi te stesso. Impara come combattere la paura del giudizio con queste 5 ispirazioni.

      2
      10 min
      2
      10 min
      +Efficace Crescita Personale
      +Efficace Crescita Personale

      14 domande potenti per vivere la tua vita ideale

      Scopri 14 domande potenti e decisive da porti per capirti profondamente, prendere buone decisioni e vivere pienamente la tua vita.

      24
      9 min
      24
      9 min
      Loading...
      Loading...
      Loading...
      Loading...

      Diventa +Efficace.

      Scopri le funzionalità premium di EfficaceMente e ricevi subito l’esclusiva raccolta cartacea +E.