Ecco i migliori articoli di EfficaceMente sulla Gestione del Tempo.

Migliorare la gestione del tempo significa migliorare la gestione della nostra vita. In altre parole, il tempo è la nostra risorsa più importante e, se non sai gestirla, non puoi essere efficace.

Qualunque sia il tuo obiettivo, che si tratti di studiare meglio per rimanere in pari con gli esami,  imparare l’inglese per arrivare preparato a quel viaggio di lavoro così importante, smettere di procrastinare… abbiamo sempre e comunque 24 ore a disposizione, e dobbiamo essere in grado di ottimizzarle.

In un periodo storico in cui siamo bombardati di informazioni, imparare ad evitare le distrazioni e concentrarsi sui nostri obiettivi sembra una vera e propria impresa. Oltretutto, questo non fa bene neanche alla nostra autostima.

Ecco perché spesso parlare di ottimizzazione del tempo a noi italiani sembra un’espressione ansiogena, ma in realtà stiamo parlando di tutt’altro.

Ottimizzare e gestire il tempo non vuol dire diventare dei cyborg perfetti in grado di incastrare ogni singolo impegno al millesimo di secondo.

Vuol dire innanzitutto renderci conto che è arrivato il momento di riprenderci il nostro tempo, perché sprecarlo vuol dire sprecare la nostra esistenza.

Ecco perché ho deciso di dedicare un’intera sezione del blog alla gestione del tempo.

Troverai le migliori strategie per aumentare la produttività, combattere la pigrizia e l’apatia, evitare le distrazioni, e molto altro.

Perché ricorda:

“Molto tempo abbiamo, eppure molto ne sprechiamo.”

Seneca.

Articoli di categoria
Più Letti
Ultimi
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => gestione-tempo
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => gestione-tempo
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 19
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => gestione-tempo
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => gestione-tempo
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (34)
) AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_categoria' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14716
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2015-01-12 01:10:01
                    [post_date_gmt] => 2015-01-12 00:10:01
                    [post_content] => Se pensi di sapere già tutto sulla tecnica del pomodoro... devi leggere questo articolo.

La tecnica del pomodoro è forse la strategia di gestione del tempo di cui ti ho parlato più spesso qui su EfficaceMente. Il primo accenno risale addirittura a questo articolo del febbraio 2009. Eppure non esiste nell'intero archivio del blog un post in cui spieghi nel dettaglio questo sistema di time management.

In fin dei conti, la tecnica in sé è piuttosto banale nella sua applicazione, ciò nonostante sono in pochi quelli che riescono a sfruttarne il potenziale al 100%. Se non hai idea di cosa caspita sia questa tecnica "ortofrutticola" o hai già provato ad applicarla, ma con risultati al di sotto delle tue aspettative, questo post fa per te. Continua a leggere.

Cos'è la tecnica del pomodoro?

La tecnica del pomodoro è un metodo di gestione del tempo ideato alla fine degli anni '80 da Francesco Cirillo, sviluppatore software ed imprenditore di origini italiane.

timer tecnica del pomodoro

Il nome deriva da quei timer a forma di pomodoro, spesso utilizzati in cucina per tenere sott'occhio i tempi di cottura. Fu proprio uno di questi timer a "salvare" i risultati accademici del giovane Cirillo.

Terminata l'euforia degli esami del primo anno, l'autore si trovò infatti a fronteggiare un periodo di scarsa produttività e grande confusione mentale. Ogni giorno si recava all'università, seguiva le lezioni, studiacchiava, ma tornava comunque a casa con quella deprimente sensazione di aver solo perso tempo.

Sounds familiar?

Stanco di questo andazzo, un giorno Cirillo decise di fare una semplice scommessa con sé stesso: "voglio vedere se riesco a studiare senza distrazioni e con la massima concentrazione per 10 minuti". Prese dunque un timer da cucina a forma di pomodoro ed iniziò a studiare. Al primo tentativo perse la scommessa, ma comprese che quel primo passo era stato fatto nella giusta direzione. Da quel giorno continuò a perfezionare questo approccio, sia nello studio, sia nel lavoro, fino ad arrivare a definire quella che oggi conosciamo come la Tecnica del Pomodoro.

Questa storiella mi ha strappato una lacrimuccia André! Però ancora non mi hai spiegato in cosa cavolo consiste sta' tecnica!

Come detto, la tecnica del pomodoro non ha nulla di fantascientifico e per essere applicata prevede 5 semplici passi:

  • Scegli un'attività da completare.
  • Imposta il timer a 25 minuti (più avanti c'è anche una mia riflessione sull'utilizzo delle app).
  • Lavora sulla tua attività senza distrazioni finché il timer non avrà suonato.
  • Prenditi una pausa di 5 minuti.
  • Ogni 4 "pomodori" prenditi una pausa più lunga di 15-30 minuti.

That's it! Semplice ed efficace. Nonostante la sua immediatezza, però, non tutti riescono ad ottenere il massimo dalla tecnica del pomodoro. Esistono infatti alcuni accorgimenti di cui devi essere consapevole per applicare al meglio questa metodologia. Applicando per anni questo stratagemma, io ne ho individuati 5.

 

5 consigli per applicare la tecnica del pomodoro EfficaceMente

Come avrai forse letto in qualche mio post, da ormai qualche anno ho abbandonato la tecnica del pomodoro a favore dei cicli ultradiani (cfr. "tecnica del melone"). Rimango tuttavia un grande fan della metodologia di Cirillo: è stata per me fondamentale per battere la rimandite e la considero imprescindibile per chiunque voglia riprendere il controllo del proprio tempo.

Ho utilizzato la tecnica del pomodoro per quasi tutto il mio percorso accademico e nei primi anni da consulente di direzione. In questo lungo periodo di sperimentazione ho individuato 5 elementi essenziali per applicarla EfficaceMente.

1. Non diventare un "collezionista" di pomodori

Dopo qualche settimana di applicazione della tecnica sarà per te naturale ragionare in termini di pomodori: "oggi ho fatto 10 pomodori", "ieri non ho fatto neanche un pomodoro", etc.

Il rischio è che il pomodoro da "mezzo" si trasformi in "fine". Per evitare di diventare un semplice "collezionista" di pomodori - che lavora tanto, ma conclude poco - devi imparare a collegare i tuoi pomodori giornalieri ad attività ben definite. Vediamo come fare.

Ad inizio giornata definisci una lista di attività che intendi completare ed ordinala per priorità. Di fianco ad ognuna di queste attività disegna tanti quadratini quanti sono i pomodori che stimi siano necessari per completare quello specifico compito. Per ogni pomodoro che avrai portato a termine, metti una "X" di fianco alla relativa attività. Ecco un esempio:

esempio tecnica del pomodoro

Questa applicazione della tecnica del pomodoro ha notevoli vantaggi:

  • Grazie alla stima dei pomodori ti rendi immediatamente conto di quante e quali attività riuscirai a completare realisticamente entro la fine della giornata.
  • Il confronto quotidiano tra pomodori stimati e pomodori effettivi ti insegna a diventare un pianificatore migliore (ricordi il famoso errore del 34% nella pianificazione dello studio?).
  • Ogni pomodoro è finalizzato al completamento di un'attività specifica. Questo ti consente di mantenere elevata motivazione e concentrazione.

2. Impara a gestire le interruzioni

Le prime volte che applicherai la tecnica del pomodoro proverai sulla tua pelle quanto lunghi possano essere 25 minuti privi di qualsivoglia distrazione (Internet, Whatsapp, Facebook, TV, etc.). Inutile girarci attorno: fallirai. Forse arriverai a 10 minuti, forse a 15 minuti, ma difficilmente porterai a termine l'intero pomodoro senza cedere alle tentazioni almeno una volta. Non preoccuparti: fa parte dell'allenamento.

Per aiutarti a migliorare concentrazione e focus esistono un paio di stratagemmi per gestire le interruzioni interne (distrazioni) e quelle esterne (colleghi, parenti, partner, etc.):

  • Ogni volta che stai per cedere ad una distrazione durante un pomodoro, prendi il foglio dove hai segnato le tue attività da completare e scrivi cosa vorresti fare, es.: "voglio controllare l'e-mail". Poi torna a lavorare. Mettendo nero su bianco la distrazione, di fatto la depotenzierai. Se in generale ti distrai molto facilmente, ti consiglio di esercitarti con queste 3 tecniche di autocontrollo.
"Acquisiamo la forza delle tentazioni a cui siamo in grado di resistere."

R. W. Emerson.

  • Per quanto riguarda le interruzioni esterne, come ad esempio quelle perpetrate da colleghi, partner o familiari, Cirillo suggerisce il meccanismo "informa, negozia e richiama", che consiste nel: 1) informare la persona che ci sta interrompendo che stiamo lavorando ad altro 2) negoziare velocemente un altro momento per discutere la questione 3) richiamare la persona che ci ha interrotto.

Andrè, ma io le richieste dei miei colleghi non le posso mica gestire così: sono tutte urgenti!

Stoca...stico! A meno che tu non sia un medico del pronto soccorso, difficilmente esistono interruzioni che non possano essere rimandate di 25 minuti. Se non riesci a dire "no" alle altre persone, non hai un problema di gestione del tempo, hai un problema di assertività.

3. Non cadere nella trappola del "ancora 2 minuti..."

Se all'inizio i pomodori ti sembreranno troppo luuunghi, dopo un po' di pratica, inizierai a trovarli maledettamente brevi! Ti capiterà infatti di sentire il timer terminare proprio nel bel mezzo del lavoro e la tua reazione naturale sarà quella di pensare... "ancora 2 minuti, finisco quello che sto facendo, e mi prendo una pausa".

Nulla di strano, vero? Peccato che sia l'approccio sbagliato per utilizzare la tecnica del pomodoro.

Quando i 25 minuti sono terminati devi mollare quanto stai facendo, senza la minima esitazione. Prolungare un pomodoro porta infatti a creare dei diabolici meccanismi mentali di compensazione: "ho lavorato 34 minuti, fammi prendere 12 minuti di pausa anziché 5" e a quel punto la pausa si dilata a non finire e tutti i tuoi buoni propositi vanno a farsi friggere.

Non solo. Per quanto possa sembrare contro-intuitivo, interrompere un'attività a metà dell'opera è uno straordinario metodo di produttività personale e ti aiuta a ricominciare il nuovo pomodoro con la giusta carica. Per approfondire questo punto, leggi questo brano di Hemingway.

4. Sfrutta le pause in modo intelligente

Le pause brevi e quelle lunghe rappresentano parte integrante della metodologia di Cirillo.

La prima cosa che noterai è che 5 minuti passano davvero in fretta e se li utilizzi male rischi di mettere a repentaglio tutti gli altri benefici della tecnica del pomodoro. Ecco una lista delle cose da NON fare durante le pause tra un pomodoro e l'altro (soprattutto quelle brevi):

  • controllare i messaggi sullo smartphone.
  • controllare o rispondere ad email.
  • accedere a Facebook o altri social.
  • continuare a pensare al lavoro da fare.
  • impegnarsi in attività complesse.

Come approfittare dunque delle pause per ottenere i maggiori benefici? Cirillo suggerisce attività molto semplici come: bere un bicchiere d'acqua, prendere un caffè, fare dello stretching e così via.

Per quella che è la mia esperienza, se intendi utilizzare la tecnica del pomodoro per lo studio o comunque per un lavoro sedentario, il modo migliore per resettare la tua concentrazione è quello di sfruttare le pause per fare un po' di movimento o comunque un'attività manuale.

Alza il culo, vatti a fare un giro! Se studi o lavori a casa, carica la lavatrice, lava i piatti o fai qualsiasi altra faccenda casalinga. Gli americani, che hanno un acronimo per tutto, utilizzano il termine NEAT (non-exercise activity thermogenesis) per indicare appunto l'insieme delle attività non riconducibili ad un'attività sportiva specifica, ma che sono comunque in grado di mantenere attivo il nostro metabolismo e bruciare calorie.

Usa delle attività NEAT per staccare completamente. Per le pause lunghe poi, ricorda...

"Una bella camminata di 5km è molto più efficace per un uomo infelice di tutte le medicine e gli psicologi del mondo."

Paul Dudley White.

5. Non utilizzare delle app dedicate

Lo ammetto, ho speso più di qualche euro e più di qualche ora a sperimentare decine di app per smartphone (e desktop) dedicate alla tecnica del pomodoro. Te ne ho anche consigliate alcune in questo articolo.

Di recente però sto testando un approccio app-free per i miei cicli ultradiani e sto notando numerosi benefici che si applicano perfettamente anche a chi utilizza la tecnica del pomodoro.

Le app dedicate alla tecnica del pomodoro di fatto automatizzano tutta una serie di passaggi: impostazione del timer, pause, attività completate, etc. Grandioso! Peccato che quanto più queste attività sono svolte in modo automatico, tanto più noi ci ritroviamo a "rincorrere i pomodori". Non dobbiamo infatti sottovalutare l'importanza di "caricare" manualmente il timer: questo gesto, che ci ruba non più di 2-3 secondi, di fatto è una dichiarazione esplicita al nostro cervello del fatto che ci stiamo impegnando a lavorare su una specifica attività.

Il mio consiglio quindi è quello di utilizzare il timer integrato nel tuo smartphone o meglio ancora un buon vecchio timer meccanico ;-)

Ricapitolando...

Se vuoi utilizzare la tecnica del pomodoro EfficaceMente:

  1. Non diventare un "collezionista" di pomodori.
  2. Impara a gestire le interruzioni.
  3. Non cadere nella trappola del "ancora 2 minuti...".
  4. Sfrutta le pause in modo intelligente.
  5. Non utilizzare delle app dedicate.

L'articolo finisce qui, ma prima di salutarti vorrei fare una scommessa con te...

La scommessa dei #240Pomodori

Come visto nell'introduzione di questo post, la tecnica del pomodoro è nata grazie ad una scommessa fatta dall'autore a sé stesso. Per questo mi piacerebbe che facessimo una scommessa anche io e te: ti propongo la scommessa dei #240Pomodori.

Se accetti, nei prossimi 30 giorni dovrai completare 240 pomodori di studio/lavoro senza distrazioni. Se fai sul serio, prendi un impegno pubblico nella sezione commenti di questo articolo.

Per l'occasione ho pensato di preparare una tabella per tenere traccia dei pomodori completati quotidianamente (ti consiglio di darti un obiettivo di 12 pomodori al giorno). Puoi scaricare la tua copia iscrivendoti ora attraverso il form qui sotto.

 

L'obiettivo di EfficaceMente è fornirti i migliori strumenti per essere più efficace nello studio, nel lavoro e nella vita. Mi auguro che questo post abbia mantenuto le promesse. Fammi sapere cosa ne pensi. Alla prossima settimana.

Andrea Giuliodori.

Foto di play4smee

[post_title] => Tecnica del pomodoro: 5 cose che non sai [post_excerpt] => Se non conosci la tecnica del pomodoro non sei un vero lettore di EfficaceMente! Scherzi a parte, ti ho parlato spesso di questa metodologia di gestione del tempo, ma sono certo che ci sono almeno 5 cose che non sai su questa tecnica. Scopri di cosa si tratta. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => tecnica-del-pomodoro [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2009/02/time-management-3-tecniche-che-dovresti-provare/ [post_modified] => 2021-10-23 17:32:59 [post_modified_gmt] => 2021-10-23 15:32:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=14716 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 165 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 20229 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-09-04 01:10:29 [post_date_gmt] => 2017-09-03 23:10:29 [post_content] => Capire come organizzare il tempo è una delle abilità chiave per avere successo nella vita. In questo articolo ti svelerò le 8 cose che le persone super-produttive fanno in modo diverso da tutti gli altri.  
"La cattiva notizia è che il tempo vola. La buona notizia è che tu sei il pilota."

Michael Altshuler.

Studio. Lavoro. Casa. Passioni.

Quando cerchiamo di conciliare tutto sembriamo dei giocolieri con troppe palline tra le mani. O peggio ancora, siamo così sopraffatti dagli impegni che finiamo inevitabilmente per perdere tempo in inutili distrazioni, distrazioni che a malapena alleviano la nostra crescente ansia.

Non è forse così?

Pensaci. Quando è stata l'ultima volta che sei tornato a casa soddisfatto dopo una giornata di lavoro super-produttiva?

Ah sì, giusto, è successo vener... MAI!

Il punto è che viviamo in questo circolo vizioso fatto di stress, impegni senza fine e scarse soddisfazioni e come criceti corriamo all'impazzata dentro la nostra ruota di plastica, senza arrivare mai davvero da nessuna parte.

Deve esistere un modo migliore per organizzare il nostro tempo. Deve esistere un modo migliore per vivere la nostra vita professionale (e non solo).

Prova ne sono i risultati di quelle persone che sembrano avere giornate da 48 ore. Persone super-produttive che per qualche ragione inspiegabile sono in grado di realizzare in poche settimane progressi che a noi comuni mortali richiederebbero anni interi.

Qual è il loro segreto? Come diamine ci riescono?

In questo articolo cercherò di rispondere proprio a questi interrogativi.

Ps. Ricordati di arrivare fino alla fine: al termine del post c'è una sorpresa speciale per te.

"Qual è il tuo segreto numero uno per organizzare il tempo?"

Questa è la domanda che Kevin Kruse, esperto di produttività personale, ha fatto negli ultimi 2 anni a:

  • 7 miliardari (tra cui il nostro amico Mark Cuban).
  • 13 campioni olimpici.
  • 29 studenti eccellenti di università americane dell'Ivy League (Harvard, Stanford, MIT, etc.).
  • 239 imprenditori con attività multi-milionarie.

Insomma un "campioncino" di persone eccellenti, ma soprattutto persone super-produttive!

Le loro risposte?

Naturalmente ogni professionista ha il suo piccolo sporco segreto per organizzare il tempo, eppure, analizzando le centinaia di risposte ottenute in questi due anni di ricerca, Kruse ha notato degli "schemi ricorrenti": abitudini, scelte, routine quotidiane che sembrano accomunare questi leader nei rispettivi settori.

Nello specifico sono almeno 8 le cose che le persone super-produttive fanno diversamente da tutti gli altri.

Che ne dici, ti va di scoprirle?

Le persone super-produttive danno valore ad ogni minuto

organizzare-il-tempo-minuto

1. Le persone di successo hanno 1.440 buone ragioni per non perdere tempo

Puoi perdere soldi e rifarti in un secondo momento, ma ogni minuto che perdi è irrecuperabile.

Questa ossessione per il tempo sembra contraddistinguere tutte le persone intervistate da Mr. Kruse.

La ginnasta olimpica Shannon Miller arriva addirittura a programmare le proprie giornate al minuto.

Probabilmente non abbiamo bisogno di arrivare a questi estremi, ma è importante avere la consapevolezza che ogni giorno abbiamo a disposizione 1.440 minuti nuovi di zecca e che è nostra responsabilità farli fruttare al meglio.

2. Lavorano sulle loro attività più importanti almeno 2 ore ogni mattina

Tutti noi abbiamo giornate stra-incasinate, ma quante delle attività che portiamo avanti ogni giorno sono davvero importanti? Quante ci permettono di fare reali progressi? Quante avranno un impatto sulla nostra vita da qui a 5 anni?

Chi sa organizzare il tempo in maniera efficace si pone questa domanda ogni santo giorno e conosce molto bene la risposta.

La conosce talmente bene da dedicare a queste attività almeno 2 ore al giorno ogni mattina.

Prova a pensarci: dove sarai tra un anno, se ogni giorno dedicherai almeno 2 ore al mattino alle attività più importanti per il tuo studio, il tuo lavoro, il tuo business?

Senza andare troppo lontano nel tempo: dove sarai tra 3 mesi se adotterai questa semplice abitudine?

Ti consiglio di iniziare una #sfida90901 per scoprirlo ;-)

3. NON usano le famigerate to-do list (liste di cose da fare)

La to-do list è generalmente il primo strumento che viene suggerito dagli espherti per organizzare il tempo.

Sono nati addirittura dei sistemi di produttività personale completamente fondati su liste, simbolini grafici e taccuini vari.

Le to-do list chilometriche e in generale questi sistemi cervellotici di organizzazione delle attività sono l'ideale per chi ama spendere ore a fare i ghirigori sui suoi taccuini, ma difficilmente ti renderanno più produttivo.

Non è un caso che la maggioranza dei nostri intervistati d'eccellenza abbiano ammesso di NON utilizzare una to-do list.

Le liste di cose da fare hanno infatti un terribile difetto...

Si trasformano spesso in "liste di cose che non riuscirò mai a fare"! E tutte quelle attività che rimangono sulla nostra lista per giorni interi non fanno altro che generare stress, a causa del famoso effetto Zeigarnik.

Chi è davvero super-produttivo preferisce di gran lunga utilizzare il proprio calendario per pianificare le attività.

Nel momento in cui fissiamo dei blocchi di tempo nel nostro calendario, sappiamo subito cosa saremo in grado di fare in una giornata e cosa invece deve essere tralasciato.

Le persone di successo "viaggiano nel tempo"

organizzare-il-tempo-viaggio

4. La maggioranza degli intervistati usa questo trucco per smettere di procrastinare

Chi ha letto Start! il manuale anti-procrastinazione, sa bene che "Io presente" e "Io futuro" sono molto più simili di quanto vorremmo pensare.

In generale noi facciamo troppo affidamento sul nostro "Io futuro", considerandolo una specie di super-eroe in grado di recuperare zilioni di ore di lavoro rimandate, allenamenti mai fatti e diete mai rispettate!

La verità è che il nostro "Io futuro" ci somiglia molto, anzi probabilmente sarà più stanco, stressato e demotivato.

La gran parte delle persone intervistate da Kevin Kruse è consapevole di questo inganno mentale e si assicura, nel presente, di adottare tutte le contro-misure necessarie affinché l'Io futuro rispetti gli impegni presi.

Un esempio? Se intraprendono una dieta si assicurano di aver eliminato da ogni scompartimento della cucina tutti i cibi spazzatura.

5. Non fanno quasi mai straordinari

Ricordo ancora i "lunghi" quando lavoravo come consulente di direzione, ovvero quelle giornate di lavoro che iniziavano alle 8 del mattino e terminavano alle 8 di sera... del giorno dopo.

Li odiavo. Come odiavo anche i weekend passati in ufficio.

Li odiavo perché come appassionato di produttività personale sapevo perfettamente che queste tirate lavorative erano assolutamente controproducenti.

E che che ne dicessero i miei capi di allora, a quanto pare avevo ragione.

Le persone super-produttive hanno un'etica del lavoro ferrea, ma sanno bene che la produttività personale ha un picco e che ogni minuto che spendiamo a lavorare quando ormai abbiamo superato quel picco è un minuto di lavoro sprecato.

Molto meglio staccare, rigenerarsi e ripartire con energie fresche il giorno dopo.

(Su questo tema ti consiglio di approfondire il concetto di stress-recovery routine di cui ti ho parlato in questo articolo).

6. Hanno un taccuino sempre a portata di mano

Richard Branson ha affermato in più occasioni che senza il suo fidato taccuino probabilmente non sarebbe riuscito a creare quell'impero chiamato Virgin.

Il punto è che la maggior parte delle persone considera il proprio cervello un magazzino, quando in realtà è un sofisticato elaboratore di idee e soluzioni.

Non è dunque un caso che diversi intervistati utilizzino un taccuino per catturare idee, riflessioni, appunti e per liberare rapidamente la propria mente.

Le persone intervistate da Kruse sanno che organizzare il tempo è una chimera

organizzare il tempo energia

7. Hanno imparato a gestire la propria energia

Si parla quasi sempre di gestire il tempo, organizzare il tempo, ma alla fine, come abbiamo visto, abbiamo tutti 1.440 minuti al giorno.

Quello che possiamo davvero gestire è quindi il nostro livello di energia.

Imprenditori, atleti e studenti di successo sanno perfettamente quanto sia importante gestire le proprie riserve di energia e non perdono occasione per rimpinguarle con una buona dose di sonno, cibo sano e sport.

(Se vuoi approfondire il tema "energia", leggi questo articolo: "Sei sempre stanco? Le 4 forme di energia che devi imparare a gestire").

8. Usano la regola del "singolo tocco"

Sei di quelli che controllano la propria email sullo smartphone tutto il giorno? O magari inizi un'attività, la interrompi dopo pochi minuti, per trascinartela dietro per giornate intere?

Nulla di più sbagliato!

Ogni volta che iniziamo un'attività, senza avere la volontà o la possibilità di smarcarla o portarla a termine, stiamo sprecando tempo.

Pensa all'esempio dell'email.

Magari leggi un messaggio di lavoro sullo smartphone mentre sei fermo al semaforo, naturalmente non riesci a rispondere, intanto però si insinuano nella tua mente 27 possibili risposte. Arrivi in ufficio, riapri l'email, inizi a scrivere una risposta, ma sei interrotto da un collega. Ritorni dal pranzo, riapri la stessa email per l'ennesima volta, la devi rileggere e spendi un'altra mezz'ora per dare finalmente una risposta.

Quanto tempo avresti risparmiato, se avessi "toccato" quell'email una sola volta, magari in un momento in cui eri sicuro di poterti ritagliare 15 minuti per una risposta ben ponderata?

Ecco, le persone che sanno organizzare il proprio tempo evitano questo errore come la peste e si impongono la regola del "singolo tocco":

"Ogni attività va svolta il numero minore di volte (possibilmente una) e nel momento più adatto."

Non limitarti ad organizzare il tempo... Crea Tempo

organizzare-il-tempo-crea-tempo

Mi auguro tu abbia trovato come sempre spunti utili per la tua produttività personale in questo articolo.

Come promesso, prima di salutarti, ho una sorpresa per te.

A brevissimo riapriremo ufficialmente le iscrizioni al video-corso avanzato di Crea Tempo. Crea Tempo ha un obiettivo molto chiaro… Darti un metodo, il metodo L.E.V.A. (Libera, Eleva, Valuta, Agisci), che ti consenta di:
  • Recuperare 20h a settimana da poter dedicare ai tuoi sogni, alle tue ambizioni, alle tue passioni, alle persone che ami e al tuo relax.
  • Raddoppiare la tua produttività personale (2x).
Proprio in vista dell'imminente riapertura, ho deciso di realizzare per tutti i lettori di EfficaceMente un instant course gratuito di 10 lezioni in 10 giorni: "60 Minute Challenge". Scopriremo insieme quali sono i 10 vampiri del tuo tempo, ovvero tutte quelle cattive abitudini che ti succhiano via energia e risorse che potresti invece dedicare ai tuoi interessi personali. Alla fine di questo percorso gratuito, se metterai in pratica quanto appreso, sarai capace di guadagnare 60 minuti in più ogni giorno... Mica male, eh? 😜 Se vuoi partecipare alla "60 Minute Challenge" ti basterà cliccare sul bottone arancio qui sotto e registrarti al form di iscrizione. P.S Se ti registrerai oggi inoltre riceverai subito il programma delle 10 lezioni dell'instant course e un video Bonus esclusivo preso direttamente dal corso avanzato di Crea Tempo! Cosa stai aspettando? Partecipa subito alla "challenge", mettiti in gioco e scopri quanto 60 minuti in più al giorno possano fare la differenza...

ISCRIVITI ALLA 60 MINUTE CHALLENGE 》

P.P.S Ti voglio ricordare inoltre che la partecipazione alla Challenge dei 60 minuti è completamente gratis e non ti vincolerà in alcun modo all'acquisto del corso avanzato di Crea Tempo. Un saluto,

Andrea.

[post_title] => Come organizzare il tempo: le 8 cose che le persone super-produttive fanno Diversamente dagli Altri [post_excerpt] => Capire come organizzare il tempo è una delle abilità chiave per avere successo nella vita. In questo articolo ti svelerò le 8 cose che le persone super-produttive fanno in modo diverso da tutti gli altri. La #3 ti spiazzerà decisamente. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => organizzare-il-tempo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-13 11:30:10 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 09:30:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=20229 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 18 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 14161 [post_author] => 3 [post_date] => 2014-11-10 01:10:42 [post_date_gmt] => 2014-11-10 00:10:42 [post_content] => In questo articolo troverai le 10 migliori app da scaricare per aumentare la tua efficacia personale. app da scaricare
"Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia."

A.C. Clarke.

Gli smartphone sono croce e delizia di qualsiasi appassionato di crescita personale. Croce perché quel concentrato di tecnologia che ci portiamo ogni giorno in tasca può essere una vera e propria arma di distrazione di massa (ti consiglio questo post sulla dipendenza da telefonino). Delizia perché oggi esistono app da scaricare che possono davvero permetterci di essere più organizzati, più intelligenti, più... efficaci!

L'articolo di oggi è dedicato proprio a queste applicazioni. Ho selezionato per te le migliori app per il tuo percorso di crescita personale; le ho inoltre suddivise per categoria e per ogni categoria ho indicato la mia scelta personale e delle ottime alternative (iOS, Android, gratis a pagamento, etc.). Se già stai utilizzando app con funzioni simili, aggiungi pure la tua applicazione preferita nei commenti.

Per ogni app ho indicato tra parentesi le piattaforme su cui è disponibile, il prezzo e la presenza di eventuali abbonamenti per funzioni "pro". Mi auguro davvero tu possa trovare le migliori applicazioni per realizzare i tuoi obiettivi. Iniziamo!

1. App per svegliarsi bene la mattina

In uno dei precedenti articoli di EfficaceMente ti ho consigliato le 5 migliori strategie per svegliarsi bene la mattina. La strategia #1 consisteva nell'utilizzare una sveglia intelligente, ovvero un'app in grado di registrare i tuoi movimenti a letto e svegliarti nel momento ideale (durante una fase di sonno leggero). Interrompere il nostro riposo durante le fasi di sonno profondo può essere infatti traumatico e spesso ha effetti negativi per l'intera giornata. Cerchiamo di capire come evitarlo utilizzando la tecnologia.

app sveglia intelligenteLa mia scelta. Per quanto mi riguarda, in questo caso ho trovato una soluzione ancor più efficace rispetto ad una semplice app. Da ormai un anno e mezzo utilizzo un simulatore d'alba, che non è altro che una lampada-sveglia che riproduce le varie tonalità luminose dell'alba e mi aiuta a svegliarmi in modo graduale (e naturale). Prima di acquistarlo la mia app di riferimento era Sleep Cycle (iOS, Android - 0,99€).

Le alternative. Recentemente Runtastic, l'azienda software specializzata in app per la salute, ha lanciato Sleep Better. L'applicazione può essere scaricata gratuitamente, ma in realtà la maggior parte delle funzioni sono disponibili nella versione pro a pagamento (iOS, Android - 4,99€). Tra queste funzioni evolute la più interessante riguarda la possibilità di individuare le attività giornaliere che influenzano la qualità del nostro sonno.

Nota bene: quando utilizzi queste app, metti lo smartphone in "modalità aereo".

2. App per la meditazione guidata

La pratica meditativa è stata una delle abitudini su cui ho lavorato maggiormente negli ultimi anni e che mi ha permesso di ottenere benefici all'apparenza impercettibili, ma che sono ormai profondamente radicati nella mia mente. Se la meditazione ti incuriosisce, ti consiglio di leggere questo mio post introduttivo sull'argomento: "Come meditare: la mia esperienza pratica". Passiamo ora all'app consigliata.

app per la meditazione guidataLa mia scelta. Personalmente ho sempre disdegnato l'utilizzo di app o meditazioni guidate, preferendo di gran lunga una pratica essenziale. Tuttavia, recentemente mi sono appassionato ad un'app realizzata da Andy Puddicombe, conosciuto grazie ad una conferenza TED (ne parleremo più avanti). Andy ha dedicato 10 anni della propria vita allo studio della meditazione presso un monastero tibetano. Insomma non è proprio l'ultimo arrivato.

L'applicazione che ha creato si chiama Headspace (iOS, Android - Gratis + Abbonamento) e mette a disposizione un'intera libreria di meditazioni guidate (in inglese), organizzate per "Series": percorsi meditativi incentrati su argomenti specifici (salute, relazioni, performance, etc.). Le prime 10 sessioni della "Series" Foundation sono gratuite, per accedere al resto della libreria è necessario creare un account su Headspace.com e pagare un abbonamento mensile che ha un prezzo compreso tra i 5 e i 10€ (a seconda del piano scelto). Non ti regalano nulla, ma hai il vantaggio di essere guidato nella tua pratica da uno dei massimi esperti mondiali sul tema.

Le alternative. Esistono centinaia di app sulla meditazione. Tra le alternative di maggior successo, un'ottima app da scaricare è Calm (iOS, Android - Gratis + Acquisti in-app).

3. App per formare abitudini

Uno dei segreti per formare nuove abitudini è senza dubbio quello di tener traccia dei propri progressi. Motivo per cui ho recentemente creato il calendario ufficiale per la #sfida90901 (se non lo hai ancora scaricato o non sai cosa sia una #sfida90901, leggiti questo post). Ma vediamo l'app di questa categoria.

app per formare abitudiniLa mia scelta. Per segnare i miei progressi ho scelto Persistence (iOS - 1,79€). Si tratta di un'app semi-sconosciuta, realizzata da un piccolo sviluppatore indipendente, ma è l'unica che mi permette di tracciare i miei obiettivi e le mie abitudini in modo efficace. Come ho ripetuto spesso nei miei post, non possiamo avere il controllo diretto sui risultati (es. perdere 5kg), ma solo sui progressi (es. allenarsi 5 volte a settimana).

Per quanto mi riguarda, ogni anno decido a priori quanti "progressi" intendo fare. Riprendendo l'esempio dell'attività fisica, il mio obiettivo per quest'anno è quello di completare 200 allenamenti. Grazie a Persistence ho la possibilità di definire questi obiettivi annuali e registrare i progressi, tenendo conto degli scostamenti.

Le alternative. Tra le app più conosciute ed apprezzate sul tema abitudini, vi è sicuramente Coach.me (iOS, Android - Gratis). L'applicazione è evoluta molto nel corso degli anni e il fondatore della società che sta dietro Coach.me, Tony Stubblebine, è un vero e proprio esperto di behavioral science (scienza del comportamento). Un'altra ottima app di cui hanno parlato i lettori nel gruppo Facebook di EfficaceMente è HabitBull (Android - Gratis). Come detto, fammi pure sapere le tue preferite nei commenti.

4. App per la lettura veloce

Se hai già dato un'occhiata al post "Perché dovresti leggere 52 libri all'anno" conosci bene il mio amore per la lettura. Anche se non amo leggere libri sugli smartphone o sui tablet, quando sono in treno, sui mezzi o in fila alle poste mi piace utilizzare l'iPhone per scorrere il mio feed RSS e gli articoli di blog e siti che seguo quotidianamente. Ecco l'app che utilizzo:

app per la lettura veloceLa mia scelta. Da qualche mese a questa parte ho scoperto un'ottima strategia per cogliere due piccioni con una fava. Sto parlando di Outread (iOS - 2,69€), un'applicazione di lettura veloce che mi permette di completare rapidamente il mio elenco di lettura. Outread infatti ti aiuta ad applicare una delle migliori strategie di lettura veloce, quella che ho definito la tecnica dell'occhio di lince. In pratica l'app evidenzia in modo sequenziale, e ad una velocità che puoi modificare, una parola o un'insieme di parole, "costringendoti" a mantenere un elevato ritmo di lettura. Una delle chicche di Outread è la possibilità di collegare l'app ad applicazioni come Pocket, Instapaper, Readability.

Le alternative. Diretti competitor di Outread sono A Faster Reader (Android - Gratis) e Velocity (iOS - 2,99€).

"Ho preso lezioni di lettura veloce e ora leggo Guerra e Pace in 20 minuti. Parla della Russia."

W. Allen.

5. App per le cose da fare

In una lista di app efficaci, non possono mancare le applicazioni per gestire la propria to-do list.

app per le cose da fareLa mia scelta. Per molti anni sono stato un fan sfegatato di Remember The Milk; da circa un anno ho però deciso di passare a Todoist (iOS, Android - Gratis + Abbonamento Pro).  Todoist ha un'interfaccia pulita ed in alcuni casi offre funzioni più avanzate di RTM. Devo dire che trovo particolarmente interessante la funzione di gamification "Karma" che ti permette di guadagnare "punti" ogni volta che completi un'attività.

Le alternative. La lista di app per le to-do list è infinita: ti cito giusto Any.do (iOS, Android - Gratis + Acquisti in-app) che ha riscosso particolare apprezzamento nella comunità degli appassionati di produttività personale e Wunderlist (iOS, Android - Gratis + Abbonamento Pro), considerata una delle applicazioni per elenchi di attività più completa sul mercato.

6. App per la gestione del tempo

Avere una lista di cose da fare non basta per essere produttivi, quelle attività bisogna completarle! Come sai sono un estimatore della tecnica del pomodoro, anche se da ormai qualche anno sono passato al livello successivo con la tecnica del melone.

Senti... "fruttivendolo", spiegami quali sono le migliori app da scaricare per applicare 'sta tecnica del pomodoro: meglio iniziare con verdure più digeribili!

app per la gestione del tempoLa mia scelta. Quando utilizzavo i famosi "pomodori" (25' minuti di studio/lavoro e 5' di pausa) la mia app preferita era Pomodoro (iOS - 1,79€). Semplice, pulita, efficace. Le statistiche giornaliere sono un bel plus.

Le alternative. La tecnica del pomodoro ha avuto un così grande successo che nei vari store ci sono talmente tante app del pomodoro che sembra di essere nel magazzino della Cirio. Tra le più utilizzate dai lettori di EfficaceMente c'è Pomodoro Challenge Timer (Android - Gratis) e 30/30 (iOS - Gratis + Acquisti in-app). Qualsiasi app sceglierai, ricordati: la tecnologia non potrà mai sostituire la tua determinazione.

7. App per rilassarsi

Tempo di rilassarsi, tutte queste app sulla produttività e la gestione del tempo mi hanno generato stress. Vediamo ora alcune applicazioni per staccare la spina e riposarsi.

app per rilassarsiLa mia scelta. Svegliandomi presto la mattina, a volte mi capita di dormire poche ore di notte. In questi casi cerco sempre di fare un sonnellino di circa 30' nel pomeriggio: insomma faccio la famosa siesta spagnola. In questi casi per rilassarmi velocemente utilizzo un'app che trovo davvero ben fatta: Pzizz (iOS, Android - Gratis). Nello specifico, per il sonnellino utilizzo il modulo "Power Nap"; esiste anche il modulo "Sleep", ideale per addormentarsi la sera.

Le alternative. Un'ottima alternativa per rilassare la mente è Ambiance (iOS, Android - 2,69€), un'applicazione in grado di riprodurre qualsiasi suono tu riesca ad immaginare (no, quello no!). Io adoro il ticchettio della pioggia e i tuoni in lontananza. Qual è il tuo suono preferito?

"Il miglior momento per rilassarsi è quando non abbiamo neanche un momento per farlo."

S.J. Harris.

8. App per allenare il cervello

Ci sono opinioni discordanti sull'efficacia dei così detti brain training, ovvero quei giochini in grado di potenziare le nostre abilità mentali. Io li trovo comunque divertenti. Mettiamola così: se non servono a nulla, meglio 10 minuti spesi così, che su Facebook. Ecco quello che sto utilizzando recentemente.

app per allenare il cervelloLa mia scelta. Peak (iOS - Gratis + Acquisti in-app) è un'app davvero curata. Trovo molto interessante l'idea di poter decidere i propri obiettivi di miglioramento "mentale", come ad esempio: imparare in fretta concetti complicati o memorizzare elenchi dettagliati. La stra-consiglio a tutti i lettori della mia guida Studia meno, Studia meglio.

Le alternative. Diversi anni fa mi ero innamorato di Lumosity, sicuramente un'ottima alternativa, ma la versione gratuita è un po' scarna e gli abbonamenti sono salati. Se conosci altre ottime app per allenare il cervello, suggeriscile pure nei commenti.

9. App per nutrire la mente

La mente non va solo allenata, va anche... nutrita. Come sai sono un promotore della dieta mediatica, ma dieta non significa digiuno. Amo fornire alla mia mente informazioni di qualità, informazioni utili, stimolanti, innovative. Il mio smartphone è uno dei principali canali per queste informazioni, e questa è l'app che utilizzo maggiormente:

app per nutrire la menteLa mia scelta. Se non conosci le conferenze TED, ti consiglio caldamente di scaricare l'app ufficiale (iOS, Android - Gratis). Ogni giorno troverai una nuova presentazione di 10-20 minuti tenuta dai più rinomati scienziati, studiosi, artisti e personalità di spicco a livello mondiale. Gli argomenti trattati possono spaziare dalla fisica quantistica, alla robotica, dall'arte alla musica. Che darei per sostituire i TG con le conferenze TED ;-)

Le alternative. Più che alternative, parlerei di app che utilizzo quotidianamente per informarmi. Prima fra tutte l'app ufficiale di Apple per i Podcast. Se hai un dispositivo Android puoi utilizzare Pocket Cast (Android - 2,99€).

Questo post è stato davvero lungo e pregno! Mi auguro tu abbia trovato almeno una chicca interessante ed utile per migliorarti e migliorare la tua vita. A me non resta che augurarti buona settimana. Andrea.

Ps. Andre', ma l'app non erano 10?!

Ho parlato della decima app gratuita nell'email riservata agli iscritti di EfficaceMente.

Io la sto utilizzando da una settimana e sono S-C-O-N-V-O-L-T-O dai dati che sto ottenendo.

Se in futuro non vuoi perderti le chicche che riservo agli iscritti della newsletter gratuita di EfficaceMente, iscriviti usando il pulsantone qui sotto:

Foto tratta da Google Immagini. [post_title] => Le 10 migliori app da scaricare per essere più efficace [post_excerpt] => Gli smartphone possono essere delle vere e proprie armi di distrazione di massa. Ma ci sono alcune app che possono aiutarti ad essere più produttivi, più concentrati, più efficaci. Ho preparato per te una selezione di queste app. Scopri quali sono. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => app-da-scaricare [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2014/04/48-ore/ http://www.efficacemente.com/2011/04/3-tecniche-di-lettura-veloce/ [post_modified] => 2021-08-13 11:29:47 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 09:29:47 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=14161 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 180 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 53 [post_author] => 3 [post_date] => 2008-10-08 21:43:00 [post_date_gmt] => 2008-10-08 19:43:00 [post_content] => Una applicazione pratica della Legge di Parkinson per gestire al meglio il tuo tempo riuscendo a fare il doppio delle cose in metà del tempo. Gestione del tempo

Ogni dottrina umana ha i suoi principi basilari: ci sono le leggi della termodinamica, le leggi di Keplero... le leggi di Murphy! ;-)

Anche il mondo dell'efficacia e della produttività ha i propri comandamenti.

In questo articolo voglio parlarti di uno di questi comandamenti, e di come puoi sfruttarlo per fare il doppio delle cose in metà del tempo.

La legge di Parkinson

"Il lavoro si espande fino ad occupare tutto il tempo disponibile; più è il tempo e più il lavoro sembra importante e impegnativo."

Cyril N. Parkinson

Una sorta di legge di Parkinson "de noartri" dice più semplicemente:

"Più tempo avrai, più ne sprecherai."

Probabilmente questi principi non ti suonano completamente nuovi.

Quella volta all'università, quando hai scoperto di avere una settimana in più per preparare l'esame, hai studiato comunque fino a mezzanotte anche l'ultimo giorno (tra l'altro, senza questo metodo di studio efficace). E di quella bolletta ti ricordi? sapevi della scadenza da 2 mesi, eppure hai rischiato di pagare la penale. Per non parlare di quel progetto al lavoro, la scadenza è stata prorogata, ma tu sei più incasinato di prima!

Ma se è vero che più tempo abbiamo, più ne sprechiamo, è anche vero il contrario: quando il tempo scarseggia, tendiamo a lavorare per priorità e con maggiore efficacia.

- tempo = + motivazione

Una scadenza ravvicinata ci costringe a focalizzarci sugli obiettivi che dobbiamo raggiungere: il rischio di non riuscire a completare il lavoro, e le possibili conseguenze negative, ci motiva.

Pensando al binomio "il bastone e la carota", la scarsità di tempo è sicuramente un "bastone", e quindi un tipo di motivazione poco apprezzabile, ma il punto è che... funziona. Se sei un procrastinatore incallito, sai benissimo che una scadenza imminente a volte è l'unico sprone che ti spinge ad agire.

Vediamo allora come possiamo utilizzare la legge di Parkinson per imparare a fare di più con meno tempo.

Applicazioni pratiche

Mentre stavo pensando a quale potesse essere l'esempio pratico più efficace per dimostrarti quali risultati si possono ottenere volgendo la legge di Parkinson a proprio vantaggio, mi sono accorto che la stavo applicando senza accorgermene.

Il conto alla rovescia sul mio iPhone segna 5' 22'' (21''... 20''... 19''). Quando l'ho attivato prima di iniziare a scrivere questo articolo era impostato su 30' 00''.

Quando devi completare un'attività, prova ad utilizzare questa applicazione pratica della legge di Parkinson:

  • immagina quanto tempo potresti impiegare per completare un'attività
  • dividi per 2 il tempo immaginato
  • imposta un timer ben visibile con la nuova scadenza
  • VIA!!!

Avere una scadenza sfidante per completare un'attività ti da l'impulso ad agire immediatamente e ti permette di focalizzarti sul tuo obiettivo senza perderti in distrazioni.

Un consiglio: attento a non esagerare! scadenze impossibili rischiano di essere controproducenti. Se decidi di scrivere la Divina Commedia in 3 minuti, l'unico risultato che avrai ottenuto è quello di non essere riuscito a rispettare la tua scadenza; più demotivato di prima, imposterai un'altra scadenza impossibile, cadendo in un circolo vizioso che ti porterà solamente a perdere tempo e motivazione.

Conto alla rovescia dell'iPhone: 0' 48''.

Per una volta predico bene e razzolo... bene!

Utilizzi anche tu trucchi interessanti per applicare la legge di Parkinson a tuo vantaggio? che aspetti?! scrivili nei commenti!

P.S Se invece quello che stai cercando è un metodo più strutturato per gestire il tuo tempo, ho creato un video-corso avanzato in cui spiego nel dettaglio le migliori strategie da mettere in pratica, si chiama Crea Tempo. Crea Tempo ha un obiettivo molto chiaro… Darti un metodo, il metodo L.E.V.A. (Libera, Eleva, Valuta, Agisci), che ti consenta di:
  • Recuperare 20h a settimana da poter dedicare ai tuoi sogni, alle tue ambizioni, alle tue passioni, alle persone che ami e al tuo relax.
  • Raddoppiare la tua produttività personale (2x).
In vista dell’imminente riapertura delle iscrizioni di quest’anno, ho deciso di condividere con i lettori di EfficaceMente un instant course gratuito di 10 lezioni via email in 10 giorni.

Il mini-corso si chiama “60 minute challenge” e ha come obiettivo quello di aiutarti a recuperare 60 minuti al giorno da dedicare a te stesso, ai tuoi sogni e ai tuoi cari.

Nelle 10 mini-lezioni scopriremo insieme 10 vampiri del nostro tempo e come poterli sconfiggere; imparerai quelle tecniche pratiche che ti consentiranno di ottenere più tempo sin da subito. Non male, eh?😉 Se vuoi partecipare alla Challenge devi semplicemente cliccare sul bottone arancio qui sotto. P.S  Se ti registrerai oggi inoltre riceverai subito il PDF con il programma delle 10 lezioni dell’instant course e un video Bonus esclusivo preso direttamente dal corso avanzato di Crea Tempo!  

ISCRIVITI ALLA 60 MINUTE CHALLENGE 》

Foto di prettywar-stl

[post_title] => Come applicare la Legge di Parkinson [post_excerpt] => Una applicazione pratica della Legge di Parkinson per gestire al meglio il tuo tempo riuscendo a fare il doppio delle cose in metà del tempo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-applicare-la-legge-di-parkinson [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/index.php/efficacia/3/efficacia-3-definizioni-che-non-ti-aspetti/ http://www.efficacemente.com/index.php/offrimi-un-caffe/ http://www.efficacemente.com/index.php/2008/10/efficacia-3-definizioni-che-non-ti-aspetti/ http://www.efficacemente.com/crescita-personale/efficacia-3-definizioni-che-non-ti-aspetti/ [post_modified] => 2021-08-13 11:29:54 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 09:29:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=53 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 61 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 23726 [post_author] => 3 [post_date] => 2019-06-17 01:10:57 [post_date_gmt] => 2019-06-16 23:10:57 [post_content] => Probabilmente non è la prima volta che senti parlare di "minimalismo", ma sai cos'è il "minimalismo digitale"? Scopriamolo in questo nuovo articolo di approfondimento di EfficaceMente. minimalismo digitale

In una recente intervista, alla domanda "qual è la sua idea di lusso?", Brunello Cucinelli, considerato il Re del cashmere, nonché uno degli imprenditori italiani più illuminati, ha dato una risposta a mio avviso bellissima:

"Il vero lusso è vivere una vita che sia segreta al tuo smartphone. Che non deve sapere se vado a passeggiare nel bosco o se sono a Camogli a parlare ad un convegno. Questo è il lusso che eleva l'animo umano, che lo avvicina alla grande bellezza".

In un'epoca in cui le tecnologie digitali sono diventate sempre più invasive, il vero lusso non è più dunque quello di possedere l'ultimo modello di smartphone, ma evitare di esserne posseduti.

Saremo davvero ricchi (di tempo e di vita) solo se impareremo a proteggere i nostri spazi mentali da questi dispositivi e da questi algoritmi progettati a tavolino per assorbire completamente la nostra attenzione e rivenderla al miglior offerente.

Attenzione però, non fraintendermi: non è un rifiuto radicale della tecnologia quello che ti sto proponendo.

Non sono certo un neo-luddista! Anzi, abbracciare le nuove tecnologie, quando queste erano ancora considerate "roba da nerd", ha contribuito enormemente al raggiungimento di molti miei obiettivi.

Da anni però suggerisco ai miei lettori di ripensare consapevolmente il proprio rapporto con la tecnologia e abbracciare una nuova filosofia che consenta loro di prendere il meglio dagli avanzamenti tecnologici dei nostri tempi, senza rimanere triturati tra i loro ingranaggi infernali.

A questa filosofia, uno dei miei autori preferiti ha dato un nome molto efficace: minimalismo digitale.

In questo articolo scopriremo cos'è il "minimalismo digitale" e perché adottarlo può letteralmente cambiarti la vita.

Cos'è il "minimalismo digitale" (e perché te ne dovrebbe fregare qualcosa)

L'autore a cui ti accennavo qualche riga fa è il Prof. Cal Newport, che è una sorta di contraddizione vivente...

Newport di giorno insegna Computer Science in una delle più prestigiose università americane, la Georgetown University, e di notte scrive articoli e saggi su come difendersi da quegli stessi algoritmi, che, come ricercatore, ha contribuito (in parte) a sviluppare.

Curioso poi che il suo TEDx sia intitolato emblematicamente: "quit social media" ("cancellati dai social"), ma è proprio grazie a questi ultimi e al tam tam digitale se ha raggiunto le 6 milioni di visualizzazioni.

Come detto, il Prof. Newport sembra essere una contraddizione vivente, ma come presto scoprirai, queste apparenti contraddizioni in realtà trovano la loro perfetta sintesi in quella filosofia di vita che nel suo ultimo saggio ha chiamato appunto: "minimalismo digitale".

Se, come abbiamo visto in questo mio precedente articolo...

"Il minimalismo è la ricerca consapevole di ciò che porta gioia nella nostra vita e l'eliminazione volontaria di tutto il resto."

Secondo Newport, il minimalismo digitale è invece:

"Una filosofia di utilizzo della tecnologia che prevede la scelta accurata di un numero ristretto di attività digitali (app, siti, servizi online) che siano in linea con i nostri valori e l'eliminazione volontaria di tutto il resto."

Insomma, niente social detox o diete mediatiche estemporanee, a cui spesso seguono malsane... abbuffate digitali, ma piuttosto un vero e proprio cambio di paradigma nel nostro rapporto con la tecnologia.

Invece di essere perennemente connessi, nel timore di perderci qualcosa di interessante (la famosa FOMO: fear of missing out), la filosofia del minimalismo digitale capovolge il nostro punto di vista e ci sprona a selezionare con cura quelle attività online e quei servizi digitali che creano reale valore nella nostra vita, sbarazzandoci di tutto ciò che potrebbe essere potenzialmente utile e interessante, ma che nella stragrande maggioranza dei casi assorbe semplicemente il nostro tempo e la nostra attenzione.

Nell'omonimo libro, il Prof. Newport spiega nel dettaglio come diventare dei provetti minimalisti digitali, non ti farò quindi spoiler (anche perché, a proposito del libro, ti svelerò un piccolo segreto a fine articolo).

Vorrei però condividere con te i 9 pilastri su cui si fonda questa nuova filosofia di utilizzo della tecnologia.

Se comprenderai questi principi base, capirai perché oggi è così importante abbracciare il minimalismo digitale...

I 9 pilastri del minimalismo digitale

i 9 pilastri del minimalismo digitale

Quello che molti non sanno è che il libro "Minimalismo digitale" nasce da un esperimento condotto dallo stesso Newport con 1.600 dei suoi follower, esperimento finalizzato ad eliminare la dipendenza da smartphone e social e ritrovare un nuovo "equilibrio digitale" in 30 giorni.

I dettagli e i risultati dell'esperimento sono ripresi all'interno del saggio; nell'articolo originale del 2016 in cui Newport ha presentato il concetto di minimalismo digitale e ha invitato i suoi lettori a partecipare all'esperimento è presente tuttavia anche una sorta di "manifesto", in cui vengono elencati i 9 principi base di questa filosofia.

Ho trovato questo "manifesto" molto interessante e ho pensato di riprendere per i miei lettori quei 9 punti che hanno dato vita al movimento del minimalismo digitale. Eccoli:

1. Rimanere tagliati fuori non sempre è un male

App come Facebook o Instagram sono state volutamente progettate per generare la famosa FOMO (Fear Of Missing Out - paura di rimanere tagliati fuori), a cui ti accennavo qualche paragrafo fa.

Ogni singola notifica che ricevi da queste app o che trovi all'interno delle app stesse è pensata per spingerti a controllare cos'è accaduto di nuovo dall'ultima volta che hai utilizzato questi servizi.

I cerchietti colorati attorno alle nuove stories di Instagram, le notifiche rosse che ti segnalano nuovi commenti o cuoricini, i numeretti sopra l'icona dei messaggi per avvertirti di nuove comunicazioni, ogni singolo dettaglio (inclusi i colori e il layout) è stato progettato per generare in te l'irresistibile voglia di controllare cosa ti sei perso nei 10 minuti in cui non eri incollato al tuo smartphone.

Naturalmente queste aziende non sono così zelanti perché temono che tu perda il messaggio della tua amica Laura.

No, a Mark Zuckerberg non gliene frega niente delle tue amicizie o delle tue relazioni: il suo unico obiettivo è aumentare il tempo che trascorri su suoi servizi, perché più tempo ci passi, più lui può rivendere questa tua attenzione agli inserzionisti pubblicitari.

Non farti infinocchiare, scegli deliberatamente di "rimanere tagliato fuori": togli le notifiche dalle tue app.

2. Meno è meglio

minimalismo digitale: meno è meglio

Siamo stati spinti a pensare che se un servizio online o un'app possono darci un qualche beneficio (anche marginale), allora non possiamo farne a meno!

Potremmo definire questo approccio il... massimalismo digitale: scarico la qualunque, mi iscrivo a qualsiasi sito, perché chissà, magari un giorno mi può tornare utile o magari ogni 4 anni postano qualcosa di interessante.

Ci ritroviamo così ingorgati in un pantano di informazioni e aggiornamenti di bassa qualità, che ci rallentano e ci stressano e in cui difficilmente scorgeremo ciò che ci interessa davvero.

Il minimalista digitale al contrario, applicando alla lettera il principio di Pareto, sceglie di rinunciare in maniera consapevole all'80% del "rumore digitale", selezionando con cura quel 20% di servizi, applicazioni e attività online in grado di dargli il massimo valore e qualità della vita.

3. Concentrati sui valori per te essenziali

Molti di noi sono (senza saperlo) dei massimalisti digitali perché in realtà non hanno chiari quali siano i valori e i principi guida della loro vita.

Ti sei mai chiesto cos'è davvero importante per te?

Prova allora a fare questo esperimento: vai a questo articolo e seleziona dalla lista di valori che troverai all'interno, i 5 per te più importanti in assoluto.

Una volta individuati, scorri rapidamente le schermate del tuo smartphone e chiediti quali app riflettono davvero questi tuoi valori essenziali.

...e poi elimina tutte le altre.

4. Ciò che merita emerge

minimalismo digitale: linkedin

Ipotizziamo che nell'esperimento precedente tu abbia scelto, tra i tuoi valori essenziali, la Realizzazione professionale e che per raggiungerla tu abbia bisogno di stare sui social.

A questo punto, come minimalista digitale dovresti chiederti: "devo necessariamente trascorrere le mie giornate a consultare e a postare su TUTTI i social networks inventati negli ultimi 10 anni o, per la mia professione, è sufficiente che mi focalizzi solo su... che so, LinkedIn?!"

Il punto è che non tutte le tue attività online portano gli stessi risultati e le migliori, generalmente, tendono a distinguersi parecchio dalle altre.

Concentra i tuoi sforzi su queste attività e liberati senza rimorso delle altre.

5. Il rumore digitale è stressante

minimalismo digitale: calma

Controllare settecentorgici app, rispondere a 27.000 messaggini e passare da una finestra del browser all'altra tutto il santo giorno ha un impatto sulla nostra salute mentale.

Tendiamo ad ignorarlo perché... così fan tutti, ma nel momento in cui abbracciamo la filosofia del minimalismo digitale, trascorrendo il minimo tempo indispensabile online e solo su app e siti che creano per noi reale valore, improvvisamente ci accorgiamo di quanto più tranquille siano le nostre giornate e di quanto più tempo ci ritroviamo ad avere.

6. L'attenzione è una risorsa scarsa e fragile

Non è il tempo la risorsa per noi più importante, ma l'attenzione.

...e l'attenzione è una risorsa scarsa e fragile: ne abbiamo infatti un certo ammontare (limitato) ogni giorno e perderla è facile come estrarre il nostro smartphone dalla tasca.

Impara a difenderla come se ne andasse della tua stessa vita, perché ciò a cui dai attenzione È la tua vita.

"La tua vita è ciò a cui dai attenzione."

7. Le migliori attività online sono quelle che ci fanno vivere meglio offline

Recentemente ho letto questa interessante citazione:

"Il vero problema dell'umanità è che abbiamo: emozioni paleolitiche, istituzioni medievali e tecnologie futuristiche."

E. O. Wilson.

Il punto è proprio questo: il nostro cervello non si è ancora adattato alla rivoluzione tecnologica e non è un caso se dopo una giornata trascorsa a smanettare col nostro smartphone e a consumare informazioni e video online, ci sentiamo nervosi e stanchi.

Se scegliamo di intraprendere la via del minimalismo digitale dobbiamo quindi essere consapevoli che spesso le app e i servizi digitali che creano reale valore nella nostra vita sono quelli che ci aiutano a vivere meglio nel mondo reale.

Alcuni esempi? Le app di navigazione, le app per tracciare i nostri allenamenti, le app per tradurre da una lingua all'altra, etc.

8. Sospetta di quegli strumenti che risolvono problemi che non esistevano prima dell'avvento degli strumenti stessi

minimalismo digitale: snapchat

Le app che sfruttano il GPS del nostro telefonino risolvono un problema antico come l'umanità: aiutarci ad andare da un punto A ad un punto B.

Ma un'app nata per inviare messaggi che scompaiono dopo essere stati letti (Snapchat), quale problema esistenziale risolve? Nessuno, se non un problema marginale nato proprio con l'avvento delle app di messaggistica.

Se vuoi diventare un minimalista digitale, fai particolarmente attenzione a questa tipologia di app.

9. La creatività batte il consumo ogni singolo giorno della settimana

L'essere umano, nel suo profondo, è un artigiano.

Insomma ciò che ci dà reale soddisfazione è impegnare il nostro tempo e le nostre energie per creare qualcosa di originale.

Ecco perché le attività online che creano maggior valore nella nostra vita sono quelle che ci permettono di costruire qualcosa di utile e non quelle che ci spingono semplicemente a consumare.

Scrivere questo articolo, tra ricerche & co., mi ha richiesto circa 10 ore di lavoro, ma sono 10 ore che sento di aver speso bene e vederlo pubblicato mi dà soddisfazione (e spero si dimostri utile per te). Ma se avessi impegnato quelle stesse 10 ore navigando senza meta tra Facebook, Instagram e Youtube, probabilmente non avrei provato le stesse emozioni positive.

Scegli di investire il tuo tempo online per creare e non semplicemente per consumare.

Per concludere... (dovevo svelarti un piccolo segreto, giusto?)

minimalismo digitale: libri

Sono 13 anni che su EfficaceMente (tra le altre cose) condivido decine tra i migliori testi di crescita personale.

Il fatto che in questo articolo parli di un libro che dovresti assolutamente leggere dunque non è un novità.

Questa volta però, il libro in questione è diverso da tutti gli altri suggeriti in precedenza...

Mi è stato proposto di diventare Direttore di Collana della ROI Edizioni, una casa editrice nata da pochi anni, ma che ha già portato in Italia libri di autori come Seth Godin, Satya Nadella (CEO di Microsoft), Marco De Veglia, Filippo Ongaro e tanti altri ancora.

La collana in questione si chiama "Ottantaventi" (in omaggio al buon Vilfredo Pareto) e ha come obiettivo quello di pubblicare 3 nuovi libri all'anno dedicati alla crescita e all'efficacia personale.

...e questo per me è un piccolo sogno che si realizza.

Spesso infatti, la maggior parte dei libri che suggerisco sono disponibili solo in lingua inglese, un ostacolo per diversi miei lettori.

Come Responsabile della Collana "Ottantaventi" potrò finalmente portare sul mercato italiano alcuni dei miei libri preferiti, libri che in alcuni casi mi hanno letteralmente cambiato la vita.

...e come avrai ormai intuito, Minimalismo Digitale del Prof. Cal Newport è il primo dei libri che ho personalmente selezionato per la mia Collana.

Non vedo l'ora che tu lo legga e mi faccia sapere nelle recensioni di Amazon in che modo ti avrà aiutato a migliorare la tua vita.

Il libro è presente nelle migliori librerie nazionali, ma lo puoi ordinare anche su Amazon, usando il link qui sotto.

ORDINALO SU AMAZON 》

Spero che questo nuovo progetto ti piacerà e ti sarà utile!

A presto.

Andrea Giuliodori.

[post_title] => Minimalismo digitale: ritrovare focus in un mondo sempre più distratto [post_excerpt] => Probabilmente non è la prima volta che senti parlare di "minimalismo", ma sai cos'è il "minimalismo digitale"? Scopriamolo in questo nuovo articolo di approfondimento di EfficaceMente. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => minimalismo-digitale [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-09-27 18:09:00 [post_modified_gmt] => 2021-09-27 16:09:00 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23726 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 43 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 14716 [post_author] => 3 [post_date] => 2015-01-12 01:10:01 [post_date_gmt] => 2015-01-12 00:10:01 [post_content] => Se pensi di sapere già tutto sulla tecnica del pomodoro... devi leggere questo articolo.

La tecnica del pomodoro è forse la strategia di gestione del tempo di cui ti ho parlato più spesso qui su EfficaceMente. Il primo accenno risale addirittura a questo articolo del febbraio 2009. Eppure non esiste nell'intero archivio del blog un post in cui spieghi nel dettaglio questo sistema di time management.

In fin dei conti, la tecnica in sé è piuttosto banale nella sua applicazione, ciò nonostante sono in pochi quelli che riescono a sfruttarne il potenziale al 100%. Se non hai idea di cosa caspita sia questa tecnica "ortofrutticola" o hai già provato ad applicarla, ma con risultati al di sotto delle tue aspettative, questo post fa per te. Continua a leggere.

Cos'è la tecnica del pomodoro?

La tecnica del pomodoro è un metodo di gestione del tempo ideato alla fine degli anni '80 da Francesco Cirillo, sviluppatore software ed imprenditore di origini italiane.

timer tecnica del pomodoro

Il nome deriva da quei timer a forma di pomodoro, spesso utilizzati in cucina per tenere sott'occhio i tempi di cottura. Fu proprio uno di questi timer a "salvare" i risultati accademici del giovane Cirillo.

Terminata l'euforia degli esami del primo anno, l'autore si trovò infatti a fronteggiare un periodo di scarsa produttività e grande confusione mentale. Ogni giorno si recava all'università, seguiva le lezioni, studiacchiava, ma tornava comunque a casa con quella deprimente sensazione di aver solo perso tempo.

Sounds familiar?

Stanco di questo andazzo, un giorno Cirillo decise di fare una semplice scommessa con sé stesso: "voglio vedere se riesco a studiare senza distrazioni e con la massima concentrazione per 10 minuti". Prese dunque un timer da cucina a forma di pomodoro ed iniziò a studiare. Al primo tentativo perse la scommessa, ma comprese che quel primo passo era stato fatto nella giusta direzione. Da quel giorno continuò a perfezionare questo approccio, sia nello studio, sia nel lavoro, fino ad arrivare a definire quella che oggi conosciamo come la Tecnica del Pomodoro.

Questa storiella mi ha strappato una lacrimuccia André! Però ancora non mi hai spiegato in cosa cavolo consiste sta' tecnica!

Come detto, la tecnica del pomodoro non ha nulla di fantascientifico e per essere applicata prevede 5 semplici passi:

  • Scegli un'attività da completare.
  • Imposta il timer a 25 minuti (più avanti c'è anche una mia riflessione sull'utilizzo delle app).
  • Lavora sulla tua attività senza distrazioni finché il timer non avrà suonato.
  • Prenditi una pausa di 5 minuti.
  • Ogni 4 "pomodori" prenditi una pausa più lunga di 15-30 minuti.

That's it! Semplice ed efficace. Nonostante la sua immediatezza, però, non tutti riescono ad ottenere il massimo dalla tecnica del pomodoro. Esistono infatti alcuni accorgimenti di cui devi essere consapevole per applicare al meglio questa metodologia. Applicando per anni questo stratagemma, io ne ho individuati 5.

 

5 consigli per applicare la tecnica del pomodoro EfficaceMente

Come avrai forse letto in qualche mio post, da ormai qualche anno ho abbandonato la tecnica del pomodoro a favore dei cicli ultradiani (cfr. "tecnica del melone"). Rimango tuttavia un grande fan della metodologia di Cirillo: è stata per me fondamentale per battere la rimandite e la considero imprescindibile per chiunque voglia riprendere il controllo del proprio tempo.

Ho utilizzato la tecnica del pomodoro per quasi tutto il mio percorso accademico e nei primi anni da consulente di direzione. In questo lungo periodo di sperimentazione ho individuato 5 elementi essenziali per applicarla EfficaceMente.

1. Non diventare un "collezionista" di pomodori

Dopo qualche settimana di applicazione della tecnica sarà per te naturale ragionare in termini di pomodori: "oggi ho fatto 10 pomodori", "ieri non ho fatto neanche un pomodoro", etc.

Il rischio è che il pomodoro da "mezzo" si trasformi in "fine". Per evitare di diventare un semplice "collezionista" di pomodori - che lavora tanto, ma conclude poco - devi imparare a collegare i tuoi pomodori giornalieri ad attività ben definite. Vediamo come fare.

Ad inizio giornata definisci una lista di attività che intendi completare ed ordinala per priorità. Di fianco ad ognuna di queste attività disegna tanti quadratini quanti sono i pomodori che stimi siano necessari per completare quello specifico compito. Per ogni pomodoro che avrai portato a termine, metti una "X" di fianco alla relativa attività. Ecco un esempio:

esempio tecnica del pomodoro

Questa applicazione della tecnica del pomodoro ha notevoli vantaggi:

  • Grazie alla stima dei pomodori ti rendi immediatamente conto di quante e quali attività riuscirai a completare realisticamente entro la fine della giornata.
  • Il confronto quotidiano tra pomodori stimati e pomodori effettivi ti insegna a diventare un pianificatore migliore (ricordi il famoso errore del 34% nella pianificazione dello studio?).
  • Ogni pomodoro è finalizzato al completamento di un'attività specifica. Questo ti consente di mantenere elevata motivazione e concentrazione.

2. Impara a gestire le interruzioni

Le prime volte che applicherai la tecnica del pomodoro proverai sulla tua pelle quanto lunghi possano essere 25 minuti privi di qualsivoglia distrazione (Internet, Whatsapp, Facebook, TV, etc.). Inutile girarci attorno: fallirai. Forse arriverai a 10 minuti, forse a 15 minuti, ma difficilmente porterai a termine l'intero pomodoro senza cedere alle tentazioni almeno una volta. Non preoccuparti: fa parte dell'allenamento.

Per aiutarti a migliorare concentrazione e focus esistono un paio di stratagemmi per gestire le interruzioni interne (distrazioni) e quelle esterne (colleghi, parenti, partner, etc.):

  • Ogni volta che stai per cedere ad una distrazione durante un pomodoro, prendi il foglio dove hai segnato le tue attività da completare e scrivi cosa vorresti fare, es.: "voglio controllare l'e-mail". Poi torna a lavorare. Mettendo nero su bianco la distrazione, di fatto la depotenzierai. Se in generale ti distrai molto facilmente, ti consiglio di esercitarti con queste 3 tecniche di autocontrollo.
"Acquisiamo la forza delle tentazioni a cui siamo in grado di resistere."

R. W. Emerson.

  • Per quanto riguarda le interruzioni esterne, come ad esempio quelle perpetrate da colleghi, partner o familiari, Cirillo suggerisce il meccanismo "informa, negozia e richiama", che consiste nel: 1) informare la persona che ci sta interrompendo che stiamo lavorando ad altro 2) negoziare velocemente un altro momento per discutere la questione 3) richiamare la persona che ci ha interrotto.

Andrè, ma io le richieste dei miei colleghi non le posso mica gestire così: sono tutte urgenti!

Stoca...stico! A meno che tu non sia un medico del pronto soccorso, difficilmente esistono interruzioni che non possano essere rimandate di 25 minuti. Se non riesci a dire "no" alle altre persone, non hai un problema di gestione del tempo, hai un problema di assertività.

3. Non cadere nella trappola del "ancora 2 minuti..."

Se all'inizio i pomodori ti sembreranno troppo luuunghi, dopo un po' di pratica, inizierai a trovarli maledettamente brevi! Ti capiterà infatti di sentire il timer terminare proprio nel bel mezzo del lavoro e la tua reazione naturale sarà quella di pensare... "ancora 2 minuti, finisco quello che sto facendo, e mi prendo una pausa".

Nulla di strano, vero? Peccato che sia l'approccio sbagliato per utilizzare la tecnica del pomodoro.

Quando i 25 minuti sono terminati devi mollare quanto stai facendo, senza la minima esitazione. Prolungare un pomodoro porta infatti a creare dei diabolici meccanismi mentali di compensazione: "ho lavorato 34 minuti, fammi prendere 12 minuti di pausa anziché 5" e a quel punto la pausa si dilata a non finire e tutti i tuoi buoni propositi vanno a farsi friggere.

Non solo. Per quanto possa sembrare contro-intuitivo, interrompere un'attività a metà dell'opera è uno straordinario metodo di produttività personale e ti aiuta a ricominciare il nuovo pomodoro con la giusta carica. Per approfondire questo punto, leggi questo brano di Hemingway.

4. Sfrutta le pause in modo intelligente

Le pause brevi e quelle lunghe rappresentano parte integrante della metodologia di Cirillo.

La prima cosa che noterai è che 5 minuti passano davvero in fretta e se li utilizzi male rischi di mettere a repentaglio tutti gli altri benefici della tecnica del pomodoro. Ecco una lista delle cose da NON fare durante le pause tra un pomodoro e l'altro (soprattutto quelle brevi):

  • controllare i messaggi sullo smartphone.
  • controllare o rispondere ad email.
  • accedere a Facebook o altri social.
  • continuare a pensare al lavoro da fare.
  • impegnarsi in attività complesse.

Come approfittare dunque delle pause per ottenere i maggiori benefici? Cirillo suggerisce attività molto semplici come: bere un bicchiere d'acqua, prendere un caffè, fare dello stretching e così via.

Per quella che è la mia esperienza, se intendi utilizzare la tecnica del pomodoro per lo studio o comunque per un lavoro sedentario, il modo migliore per resettare la tua concentrazione è quello di sfruttare le pause per fare un po' di movimento o comunque un'attività manuale.

Alza il culo, vatti a fare un giro! Se studi o lavori a casa, carica la lavatrice, lava i piatti o fai qualsiasi altra faccenda casalinga. Gli americani, che hanno un acronimo per tutto, utilizzano il termine NEAT (non-exercise activity thermogenesis) per indicare appunto l'insieme delle attività non riconducibili ad un'attività sportiva specifica, ma che sono comunque in grado di mantenere attivo il nostro metabolismo e bruciare calorie.

Usa delle attività NEAT per staccare completamente. Per le pause lunghe poi, ricorda...

"Una bella camminata di 5km è molto più efficace per un uomo infelice di tutte le medicine e gli psicologi del mondo."

Paul Dudley White.

5. Non utilizzare delle app dedicate

Lo ammetto, ho speso più di qualche euro e più di qualche ora a sperimentare decine di app per smartphone (e desktop) dedicate alla tecnica del pomodoro. Te ne ho anche consigliate alcune in questo articolo.

Di recente però sto testando un approccio app-free per i miei cicli ultradiani e sto notando numerosi benefici che si applicano perfettamente anche a chi utilizza la tecnica del pomodoro.

Le app dedicate alla tecnica del pomodoro di fatto automatizzano tutta una serie di passaggi: impostazione del timer, pause, attività completate, etc. Grandioso! Peccato che quanto più queste attività sono svolte in modo automatico, tanto più noi ci ritroviamo a "rincorrere i pomodori". Non dobbiamo infatti sottovalutare l'importanza di "caricare" manualmente il timer: questo gesto, che ci ruba non più di 2-3 secondi, di fatto è una dichiarazione esplicita al nostro cervello del fatto che ci stiamo impegnando a lavorare su una specifica attività.

Il mio consiglio quindi è quello di utilizzare il timer integrato nel tuo smartphone o meglio ancora un buon vecchio timer meccanico ;-)

Ricapitolando...

Se vuoi utilizzare la tecnica del pomodoro EfficaceMente:

  1. Non diventare un "collezionista" di pomodori.
  2. Impara a gestire le interruzioni.
  3. Non cadere nella trappola del "ancora 2 minuti...".
  4. Sfrutta le pause in modo intelligente.
  5. Non utilizzare delle app dedicate.

L'articolo finisce qui, ma prima di salutarti vorrei fare una scommessa con te...

La scommessa dei #240Pomodori

Come visto nell'introduzione di questo post, la tecnica del pomodoro è nata grazie ad una scommessa fatta dall'autore a sé stesso. Per questo mi piacerebbe che facessimo una scommessa anche io e te: ti propongo la scommessa dei #240Pomodori.

Se accetti, nei prossimi 30 giorni dovrai completare 240 pomodori di studio/lavoro senza distrazioni. Se fai sul serio, prendi un impegno pubblico nella sezione commenti di questo articolo.

Per l'occasione ho pensato di preparare una tabella per tenere traccia dei pomodori completati quotidianamente (ti consiglio di darti un obiettivo di 12 pomodori al giorno). Puoi scaricare la tua copia iscrivendoti ora attraverso il form qui sotto.

 

L'obiettivo di EfficaceMente è fornirti i migliori strumenti per essere più efficace nello studio, nel lavoro e nella vita. Mi auguro che questo post abbia mantenuto le promesse. Fammi sapere cosa ne pensi. Alla prossima settimana.

Andrea Giuliodori.

Foto di play4smee

[post_title] => Tecnica del pomodoro: 5 cose che non sai [post_excerpt] => Se non conosci la tecnica del pomodoro non sei un vero lettore di EfficaceMente! Scherzi a parte, ti ho parlato spesso di questa metodologia di gestione del tempo, ma sono certo che ci sono almeno 5 cose che non sai su questa tecnica. Scopri di cosa si tratta. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => tecnica-del-pomodoro [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2009/02/time-management-3-tecniche-che-dovresti-provare/ [post_modified] => 2021-10-23 17:32:59 [post_modified_gmt] => 2021-10-23 15:32:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=14716 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 165 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 10 [max_num_pages] => 2 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 111c2003c4e3ee927b023e528a431ca3 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Tecnica del pomodoro: 5 cose che non sai

Se non conosci la tecnica del pomodoro non sei un vero lettore di EfficaceMente! Scherzi a parte, ti ho parlato spesso di questa metodologia di gestione del tempo, ma sono certo che ci sono almeno 5 cose che non sai su questa tecnica. Scopri di cosa si tratta.

165
9 min
165
9 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Come organizzare il tempo: le 8 cose che le persone super-produttive fanno Diversamente dagli Altri

Capire come organizzare il tempo è una delle abilità chiave per avere successo nella vita. In questo articolo ti svelerò le 8 cose che le persone super-produttive fanno in modo diverso da tutti gli altri. La #3 ti spiazzerà decisamente.

18
8 min
18
8 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Le 10 migliori app da scaricare per essere più efficace

Gli smartphone possono essere delle vere e proprie armi di distrazione di massa. Ma ci sono alcune app che possono aiutarti ad essere più produttivi, più concentrati, più efficaci. Ho preparato per te una selezione di queste app. Scopri quali sono.

180
11 min
180
11 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Come applicare la Legge di Parkinson

Una applicazione pratica della Legge di Parkinson per gestire al meglio il tuo tempo riuscendo a fare il doppio delle cose in metà del tempo.

61
4 min
61
4 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Minimalismo digitale: ritrovare focus in un mondo sempre più distratto

Probabilmente non è la prima volta che senti parlare di "minimalismo", ma sai cos'è il "minimalismo digitale"? Scopriamolo in questo nuovo articolo di approfondimento di EfficaceMente.

43
10 min
43
10 min
Loading...
Loading...
Loading...
Loading...
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => gestione-tempo
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => gestione-tempo
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 19
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
            [order] => DESC
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => gestione-tempo
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => gestione-tempo
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND wp_posts.ID NOT IN (13352,3348,16712,10042,3378,13000,16389,9944,3593,21034,21236,21388,12162,10440,21222,1830,10104,9092,21315,14716,11229,20229,23483) AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (34)
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 27133
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2021-02-14 18:48:39
                    [post_date_gmt] => 2021-02-14 17:48:39
                    [post_content] => Ci sono momenti della nostra vita che ci fanno realizzare quanto la nostra vita sia davvero breve. Prenderne consapevolezza può essere l'inizio della nostra vera vita.
"Abbiamo due vite e la seconda inizia quando ci rendiamo conto di averne soltanto una".

Confucio.

Sin dai tempi di Confucio e Seneca l'essere umano si è interrogato sulla brevità della vita.

Con la recente scomparsa di mia Mamma è stato inevitabile anche per me fare certe riflessioni.

E per quanto dolorose, queste riflessioni hanno portato con sé anche intuizioni preziose su come voglio vivere davvero la mia vita.

Nello specifico ci sono due intuizioni che voglio condividere con i miei lettori, chissà che non aiutino anche te a fare un "cambio di passo".

Intendiamoci, in questo articolo non troverai "la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto" (cit.).

Probabilmente, sei già arrivato anche tu a certe conclusioni, perlomeno ad un livello razionale.

A volte però abbiamo bisogno che qualcuno ce le torni a ricordare, prima che sia la vita a costringerci a fare i conti con esse.

Partiamo dalla prima intuizione...

1) Sì, la vita è breve. Più breve di quanto realizziamo (e a tutte le età)

20 anni

Se sei nel pieno dei tuoi 20 anni, l'età che l'autrice Mag Jay chiama "The Defining Decade", hai davanti a te appena una manciata di anni per vivere alcune delle esperienze più formative della tua vita e prendere decisioni che influenzeranno profondamente il resto della tua esistenza.

Se poi sottraiamo a questa tua decade "formativa" almeno un paio d'anni per via dei limiti imposti dalla pandemia globale, questo periodo così intenso della tua vita è ancora più breve di quanto potresti immaginare.

30 anni

Se sei nei tuoi 30 anni e sei diventato genitore per la prima volta (o lo diventerai a breve), ogni anno di vita del tuo piccolino sarà unico: per tradurlo in numeri (da fottuto ingegnere quale solo), questo significa che potrai vivere solo 52 fine settimana con tuo figlio o tua figlia di 2 anni.

Non uno in più.

Se poi hai avuto la fortuna di assistere alla magia del Natale attraverso gli occhi di un bambino, sappi che potrai assistere a quello stupore, all'attesa per Babbo Natale e alla trepidazione per i regali per non più di 7-8 volte nella tua vita di genitore.

40 anni

Se sei nei tuoi 40 anni e hai la fortuna di avere entrambi i tuoi genitori ancora in vita, ma magari per lavoro hai scelto di vivere lontano (colpevole!), in media, tra feste, compleanni e altre occasioni, avrai in totale non più di 60-70 giorni effettivi da trascorrere ancora insieme a loro (circa due mesi).

A volte, senza preavviso, la vita te ne concederà meno. Dannatamente meno.

Per concludere, qualsiasi sia la tua età, se vuoi la mazzata finale, quel genio di Tim Urban ha pensato di mettere la brevità della nostra esistenza nero su bianco, in uno schemino tanto semplice quanto disarmante.

Eccola lì la nostra vita in tutta la sua limitatezza, un migliaio di pallini che rappresentano ognuno un mese di vita di un essere umano che ha la fortuna di arrivare a 90 anni:

La tua vita in mesi

Lo so, lo so non leggi certo EfficaceMente per farti deprimere ancor di più. Per quello bastano e avanzano i Telegiornali.

Eppure questa prima intuizione sull'intrinseca brevità della vita, mi ha portato alla seconda e più importante intuizione...

2) Non ho più tempo per le stronzate (e neanche tu)

Riunioni inutili. Persone che ti vomitano addosso i loro problemi emotivi irrisolti. Burocrazia asfissiante. Liti evitabili. Abitudini che ti creano dipendenza svuotandoti dentro. Paure ingiustificate. Competizione dell'apparenza sociale e social. Incompetenza disarmante. Promesse a te stesso puntualmente disattese. Ignoranza prepotente.

Siamo talmente assorbiti nei ruoli che abbiamo imparato ad interpretare nella nostra vita, da non accorgerci di quante stronzate stiamo tollerando per proteggere l'immagine che di noi vogliamo dare al mondo.

Nello specifico esistono due tipologie di stronzate:

  • Quelle che siamo costretti a subire.
  • Quelle che scegliamo di subire (più o meno consapevolmente).

Le stronzate che siamo costretti a subire

Fatica da Zoom

A meno che tu non decida di ritirarti in un Eremo in mezzo alle montagne e vivere di preghiere e doni della terra, per stare in società dovrai sempre tollerare un certo numero di stronzate, soprattutto legate al tuo lavoro.

Quel "certo numero" però è sotto il tuo controllo più di quanto potresti immaginare, a patto però che tu sia in grado di crearti...

Un'alternativa

Dopo la laurea in Ingegneria sono entrato come stagista in una nota società di consulenza.

Era il novembre del 2007 e ad ottobre del 2008 (nel pieno della grande crisi finanziaria) ho registrato il dominio e pubblicato il primo articolo di EfficaceMente.

All'epoca non avrei mai immaginato che quel "progettino personale" si sarebbe trasformato in una vera e propria azienda internazionale con fatturati milionari, ma dopo 11 mesi nel mondo del lavoro una cosa mi era chiara...

Se non vuoi essere costretto a tollerare le stronzate di capi frustrati e clienti inaciditi fino alla pensione, devi lavorare da subito ad un'alternativa.

Scopo di questa alternativa deve essere quello di farti raggiungere quanto prima la "posizione del fottiti".

E intendiamoci, crearsi un'alternativa non vuol dire necessariamente diventare imprenditore o lasciare il posto fisso.

  • Se sei un libero professionista, questo può significare sbarazzarti di clienti tossici o creare nuove tipologie di servizi che fatturino indipendentemente dal tuo tempo.
  • Se sei un dipendente (e intendi rimanerlo), puoi crearti un'alternativa acquisendo nuove competenze che ti permettano di scegliere un posto e un datore di lavoro stronzate-free.

In generale, crearsi un'alternativa vuol dire rendere la tua vita e la tua professione quanto più:

  • Flessibili. Ovvero hai un elevato grado di controllo sul tuo tempo.
  • Indipendenti. Ovvero il tuo lavoro e la tua vita non sono legati a doppio filo con un luogo geografico, una Stato, un numero limitato di clienti, etc.
  • Antifragili. Ovvero riesci a prosperare grazie ai cambiamenti, invece di subirne le conseguenze.

Sì, lo so a livello teorico sembra tutto così facile, ma poi a livello pratico ci scontriamo inevitabilmente con i tanti limiti che si sono sommati negli anni nella nostra vita.

Per iniziare a minimizzare il numero di stronzate che sei costretto a subire però, il primo passo è... creare il tempo necessario per creare la tua alternativa.

Ma di questo parleremo più avanti.

Vediamo ora la seconda tipologia di stronzate.

Su queste sì che possiamo intervenire da subito e farlo ci aiuterà a trovare i primi scampoli di tempo per ridurre anche la prima tipologia.

Le stronzate che scegliamo di subire

social media

Le stronzate che si insinuano nelle nostre giornate e che in qualche modo scegliamo di subire sono in assoluto le più subdole.

Un esempio?

Il tempo che sprechiamo sui social media, magari in feroci discussioni sulla uallera giapponese che intavoliamo con perfetti sconosciuti o a consumare trilioni di stories, reels e meme spazzatura.

Secondo un recente studio, in media trascorreremo 6 anni e 8 mesi della nostra vita a scrollare i social media.

6 ANNI E 8 MESI (let it sink in).

Riesci ad immaginare come sarebbe la tua vita se avessi 6 anni e 8 mesi da dedicare per intero ad un tuo sogno, uno qualsiasi?!

Indovina, ce li hai, devi solo disinstallare quel ca**o di app dal tuo telefonino.

E vuoi sapere il colmo?!

Prima di completare questo stesso paragrafo mi sono interrotto per controllare un messaggio su... Instagram!

Io, l'autore di "Riconquista il tuo tempo", quello che da anni smarona i suoi lettori con i rischi della dipendenza da social media!

Ma il punto è proprio questo: la lotta contro questi giganti del tech è una lotta impari.

Siamo noi e la nostra limitata forza di volontà contro team di ingegneri che lavorano 24 al giorno, 7 giorni su 7, per succhiarci fino all'ultimo istante di attenzione.

Con il migliorare dell'hardware, sempre più immersivo, e dei software, sempre più sofisticati, ci troveremo a fronteggiare nuovi servizi e nuovi social che ci renderanno completamente dipendenti in poche sessioni.

Ecco perché per liberarci delle stronzate che si insinuano furtive nelle nostre giornate, dobbiamo imparare a dedicare attivamente tempo a ciò che conta davvero nella nostra vita.

Ma per farlo dobbiamo innanzitutto capire cos'è che conta davvero nella nostra vita.

Per quanto mi riguarda, in questi tre mesi trascorsi nelle Marche ho realizzato con ancor più forza che fare attività sportiva in mezzo alla natura è una di quelle cose che contano davvero per me, motivo per cui sto iniziando a coltivare hobby e passioni che mi permettano di farlo con maggiore costanza.

Quando hai qualcosa che ti attira veramente, qualcosa a cui tieni e che ti fa stare bene, il tempo per le stronzate tende a ridursi drasticamente.

Per concludere (senza sprecare altra tua vita...)

treno

Sì, la vita è breve. Fottutamente breve. Era bene ribadirlo.

E purtroppo ne spendiamo buona parte in stronzate. Stronzate che ci vengono imposte e che dobbiamo tollerare (fino ad un certo punto) e stronzate che più o meno consciamente scegliamo di subire. E anche questo era bene ribadirlo.

Perché nonostante ne siamo consapevoli (almeno razionalmente), continuiamo a dare per scontato che avremo tempo.

Ci raccontiamo che avremo tempo per...

  • Scrivere quel libro.
  • Fare quel viaggio con i nostri genitori.
  • Avviare quel nostro progetto.
  • Dire a quella persona speciale cosa proviamo davvero.

...finché la vita, in tutta la sua brutale onestà un giorno ci ricorda che il treno è ormai passato.

Ma oggi sei ancora in tempo.

Elimina senza pietà quante più stronzate possibili dalla tua vita. Non aspettare a dedicare tempo a ciò che conta davvero. Assapora ogni istante di vita ben vissuta.

La vita è breve e prenderne consapevolezza è un dono.

Andrea Giuliodori.

Post Scriptum

Ti avevo promesso di parlarti più avanti di come creare tempo nella tua vita, tempo da dedicare alla tua alternativa (o a qualsiasi altra cosa ti faccia star bene).

Nell'articolo ho cercato di fornirti una chiara direzione a riguardo, ma qui su EfficaceMente, negli ultimi 12 anni mi sono impegnato a condividere con i miei lettori consigli pratici e strategie concrete per aiutarli a realizzare i loro obiettivi.

A tal proposito, in vista dell'apertura delle iscrizioni al nostro video-corso avanzato Crea Tempo, ho deciso di condividere con tutti i lettori del blog un instant course gratuito chiamato "60 minute challenge".

60 minute challenge

Si tratta di 10 brevi lezioni erogate direttamente via email in cui scopriremo insieme i "10 vampiri del nostro tempo" (e come sconfiggerli).

...e visto che questo è un articolo a basso contenuto di stronzate, sì, il mini-corso gratuito sarà anche un modo per me per presentarti il corso avanzato a pagamento, di cui apriremo le iscrizioni a brevissimo.

Nel consueto stile di EfficaceMente, però, ogni singola lezione del instant course gratuito ti fornirà una tonnellata di valore, ma soprattutto ti fornirà strumenti concreti per liberare almeno 60 minuti al giorno da dedicare alla tua "alternativa" o a qualsiasi altro hobby o progetto personale.

Per partecipare gratuitamente alla "60 minute challenge" non devi fare altro che iscriverti usando il form qui sotto. E no, tranquillo, l'iscrizione al mini-corso non ti impegna ad iscriverti anche al video-corso avanzato a pagamento 😉

Inserisci il tuo nome e la tua email qui sotto per partecipare alla "60 minute challenge":

Se non riesci a visualizzare il form puoi iscriverti alla "60 minute challenge" direttamente da questa pagina (clicca qui). Pps. (l'ultimo, promesso) Per caso l'uso eccessivo del termine "stronzate" in questo articolo ti ha infastidito?

Beh, diciamo che è stato in parte voluto.

Se sei arrivato fin qui, vorrei farti riflettere su un'ultima cosa: la nostra vita è troppo breve per sprecarla a sentirci offesi.

Buona settimana.

"Mi hanno accusato di essere volgare. Beh, penso che sia una stronzata!"

Mel Brooks.

[post_title] => La vita è troppo breve per fare questa cosa [post_excerpt] => Ci sono momenti della nostra vita che ci fanno realizzare quanto la nostra vita sia davvero breve. Prenderne consapevolezza può essere l'inizio della nostra vera vita. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => vita-breve [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-13 11:34:19 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 09:34:19 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27133 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 87 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 23726 [post_author] => 3 [post_date] => 2019-06-17 01:10:57 [post_date_gmt] => 2019-06-16 23:10:57 [post_content] => Probabilmente non è la prima volta che senti parlare di "minimalismo", ma sai cos'è il "minimalismo digitale"? Scopriamolo in questo nuovo articolo di approfondimento di EfficaceMente. minimalismo digitale

In una recente intervista, alla domanda "qual è la sua idea di lusso?", Brunello Cucinelli, considerato il Re del cashmere, nonché uno degli imprenditori italiani più illuminati, ha dato una risposta a mio avviso bellissima:

"Il vero lusso è vivere una vita che sia segreta al tuo smartphone. Che non deve sapere se vado a passeggiare nel bosco o se sono a Camogli a parlare ad un convegno. Questo è il lusso che eleva l'animo umano, che lo avvicina alla grande bellezza".

In un'epoca in cui le tecnologie digitali sono diventate sempre più invasive, il vero lusso non è più dunque quello di possedere l'ultimo modello di smartphone, ma evitare di esserne posseduti.

Saremo davvero ricchi (di tempo e di vita) solo se impareremo a proteggere i nostri spazi mentali da questi dispositivi e da questi algoritmi progettati a tavolino per assorbire completamente la nostra attenzione e rivenderla al miglior offerente.

Attenzione però, non fraintendermi: non è un rifiuto radicale della tecnologia quello che ti sto proponendo.

Non sono certo un neo-luddista! Anzi, abbracciare le nuove tecnologie, quando queste erano ancora considerate "roba da nerd", ha contribuito enormemente al raggiungimento di molti miei obiettivi.

Da anni però suggerisco ai miei lettori di ripensare consapevolmente il proprio rapporto con la tecnologia e abbracciare una nuova filosofia che consenta loro di prendere il meglio dagli avanzamenti tecnologici dei nostri tempi, senza rimanere triturati tra i loro ingranaggi infernali.

A questa filosofia, uno dei miei autori preferiti ha dato un nome molto efficace: minimalismo digitale.

In questo articolo scopriremo cos'è il "minimalismo digitale" e perché adottarlo può letteralmente cambiarti la vita.

Cos'è il "minimalismo digitale" (e perché te ne dovrebbe fregare qualcosa)

L'autore a cui ti accennavo qualche riga fa è il Prof. Cal Newport, che è una sorta di contraddizione vivente...

Newport di giorno insegna Computer Science in una delle più prestigiose università americane, la Georgetown University, e di notte scrive articoli e saggi su come difendersi da quegli stessi algoritmi, che, come ricercatore, ha contribuito (in parte) a sviluppare.

Curioso poi che il suo TEDx sia intitolato emblematicamente: "quit social media" ("cancellati dai social"), ma è proprio grazie a questi ultimi e al tam tam digitale se ha raggiunto le 6 milioni di visualizzazioni.

Come detto, il Prof. Newport sembra essere una contraddizione vivente, ma come presto scoprirai, queste apparenti contraddizioni in realtà trovano la loro perfetta sintesi in quella filosofia di vita che nel suo ultimo saggio ha chiamato appunto: "minimalismo digitale".

Se, come abbiamo visto in questo mio precedente articolo...

"Il minimalismo è la ricerca consapevole di ciò che porta gioia nella nostra vita e l'eliminazione volontaria di tutto il resto."

Secondo Newport, il minimalismo digitale è invece:

"Una filosofia di utilizzo della tecnologia che prevede la scelta accurata di un numero ristretto di attività digitali (app, siti, servizi online) che siano in linea con i nostri valori e l'eliminazione volontaria di tutto il resto."

Insomma, niente social detox o diete mediatiche estemporanee, a cui spesso seguono malsane... abbuffate digitali, ma piuttosto un vero e proprio cambio di paradigma nel nostro rapporto con la tecnologia.

Invece di essere perennemente connessi, nel timore di perderci qualcosa di interessante (la famosa FOMO: fear of missing out), la filosofia del minimalismo digitale capovolge il nostro punto di vista e ci sprona a selezionare con cura quelle attività online e quei servizi digitali che creano reale valore nella nostra vita, sbarazzandoci di tutto ciò che potrebbe essere potenzialmente utile e interessante, ma che nella stragrande maggioranza dei casi assorbe semplicemente il nostro tempo e la nostra attenzione.

Nell'omonimo libro, il Prof. Newport spiega nel dettaglio come diventare dei provetti minimalisti digitali, non ti farò quindi spoiler (anche perché, a proposito del libro, ti svelerò un piccolo segreto a fine articolo).

Vorrei però condividere con te i 9 pilastri su cui si fonda questa nuova filosofia di utilizzo della tecnologia.

Se comprenderai questi principi base, capirai perché oggi è così importante abbracciare il minimalismo digitale...

I 9 pilastri del minimalismo digitale

i 9 pilastri del minimalismo digitale

Quello che molti non sanno è che il libro "Minimalismo digitale" nasce da un esperimento condotto dallo stesso Newport con 1.600 dei suoi follower, esperimento finalizzato ad eliminare la dipendenza da smartphone e social e ritrovare un nuovo "equilibrio digitale" in 30 giorni.

I dettagli e i risultati dell'esperimento sono ripresi all'interno del saggio; nell'articolo originale del 2016 in cui Newport ha presentato il concetto di minimalismo digitale e ha invitato i suoi lettori a partecipare all'esperimento è presente tuttavia anche una sorta di "manifesto", in cui vengono elencati i 9 principi base di questa filosofia.

Ho trovato questo "manifesto" molto interessante e ho pensato di riprendere per i miei lettori quei 9 punti che hanno dato vita al movimento del minimalismo digitale. Eccoli:

1. Rimanere tagliati fuori non sempre è un male

App come Facebook o Instagram sono state volutamente progettate per generare la famosa FOMO (Fear Of Missing Out - paura di rimanere tagliati fuori), a cui ti accennavo qualche paragrafo fa.

Ogni singola notifica che ricevi da queste app o che trovi all'interno delle app stesse è pensata per spingerti a controllare cos'è accaduto di nuovo dall'ultima volta che hai utilizzato questi servizi.

I cerchietti colorati attorno alle nuove stories di Instagram, le notifiche rosse che ti segnalano nuovi commenti o cuoricini, i numeretti sopra l'icona dei messaggi per avvertirti di nuove comunicazioni, ogni singolo dettaglio (inclusi i colori e il layout) è stato progettato per generare in te l'irresistibile voglia di controllare cosa ti sei perso nei 10 minuti in cui non eri incollato al tuo smartphone.

Naturalmente queste aziende non sono così zelanti perché temono che tu perda il messaggio della tua amica Laura.

No, a Mark Zuckerberg non gliene frega niente delle tue amicizie o delle tue relazioni: il suo unico obiettivo è aumentare il tempo che trascorri su suoi servizi, perché più tempo ci passi, più lui può rivendere questa tua attenzione agli inserzionisti pubblicitari.

Non farti infinocchiare, scegli deliberatamente di "rimanere tagliato fuori": togli le notifiche dalle tue app.

2. Meno è meglio

minimalismo digitale: meno è meglio

Siamo stati spinti a pensare che se un servizio online o un'app possono darci un qualche beneficio (anche marginale), allora non possiamo farne a meno!

Potremmo definire questo approccio il... massimalismo digitale: scarico la qualunque, mi iscrivo a qualsiasi sito, perché chissà, magari un giorno mi può tornare utile o magari ogni 4 anni postano qualcosa di interessante.

Ci ritroviamo così ingorgati in un pantano di informazioni e aggiornamenti di bassa qualità, che ci rallentano e ci stressano e in cui difficilmente scorgeremo ciò che ci interessa davvero.

Il minimalista digitale al contrario, applicando alla lettera il principio di Pareto, sceglie di rinunciare in maniera consapevole all'80% del "rumore digitale", selezionando con cura quel 20% di servizi, applicazioni e attività online in grado di dargli il massimo valore e qualità della vita.

3. Concentrati sui valori per te essenziali

Molti di noi sono (senza saperlo) dei massimalisti digitali perché in realtà non hanno chiari quali siano i valori e i principi guida della loro vita.

Ti sei mai chiesto cos'è davvero importante per te?

Prova allora a fare questo esperimento: vai a questo articolo e seleziona dalla lista di valori che troverai all'interno, i 5 per te più importanti in assoluto.

Una volta individuati, scorri rapidamente le schermate del tuo smartphone e chiediti quali app riflettono davvero questi tuoi valori essenziali.

...e poi elimina tutte le altre.

4. Ciò che merita emerge

minimalismo digitale: linkedin

Ipotizziamo che nell'esperimento precedente tu abbia scelto, tra i tuoi valori essenziali, la Realizzazione professionale e che per raggiungerla tu abbia bisogno di stare sui social.

A questo punto, come minimalista digitale dovresti chiederti: "devo necessariamente trascorrere le mie giornate a consultare e a postare su TUTTI i social networks inventati negli ultimi 10 anni o, per la mia professione, è sufficiente che mi focalizzi solo su... che so, LinkedIn?!"

Il punto è che non tutte le tue attività online portano gli stessi risultati e le migliori, generalmente, tendono a distinguersi parecchio dalle altre.

Concentra i tuoi sforzi su queste attività e liberati senza rimorso delle altre.

5. Il rumore digitale è stressante

minimalismo digitale: calma

Controllare settecentorgici app, rispondere a 27.000 messaggini e passare da una finestra del browser all'altra tutto il santo giorno ha un impatto sulla nostra salute mentale.

Tendiamo ad ignorarlo perché... così fan tutti, ma nel momento in cui abbracciamo la filosofia del minimalismo digitale, trascorrendo il minimo tempo indispensabile online e solo su app e siti che creano per noi reale valore, improvvisamente ci accorgiamo di quanto più tranquille siano le nostre giornate e di quanto più tempo ci ritroviamo ad avere.

6. L'attenzione è una risorsa scarsa e fragile

Non è il tempo la risorsa per noi più importante, ma l'attenzione.

...e l'attenzione è una risorsa scarsa e fragile: ne abbiamo infatti un certo ammontare (limitato) ogni giorno e perderla è facile come estrarre il nostro smartphone dalla tasca.

Impara a difenderla come se ne andasse della tua stessa vita, perché ciò a cui dai attenzione È la tua vita.

"La tua vita è ciò a cui dai attenzione."

7. Le migliori attività online sono quelle che ci fanno vivere meglio offline

Recentemente ho letto questa interessante citazione:

"Il vero problema dell'umanità è che abbiamo: emozioni paleolitiche, istituzioni medievali e tecnologie futuristiche."

E. O. Wilson.

Il punto è proprio questo: il nostro cervello non si è ancora adattato alla rivoluzione tecnologica e non è un caso se dopo una giornata trascorsa a smanettare col nostro smartphone e a consumare informazioni e video online, ci sentiamo nervosi e stanchi.

Se scegliamo di intraprendere la via del minimalismo digitale dobbiamo quindi essere consapevoli che spesso le app e i servizi digitali che creano reale valore nella nostra vita sono quelli che ci aiutano a vivere meglio nel mondo reale.

Alcuni esempi? Le app di navigazione, le app per tracciare i nostri allenamenti, le app per tradurre da una lingua all'altra, etc.

8. Sospetta di quegli strumenti che risolvono problemi che non esistevano prima dell'avvento degli strumenti stessi

minimalismo digitale: snapchat

Le app che sfruttano il GPS del nostro telefonino risolvono un problema antico come l'umanità: aiutarci ad andare da un punto A ad un punto B.

Ma un'app nata per inviare messaggi che scompaiono dopo essere stati letti (Snapchat), quale problema esistenziale risolve? Nessuno, se non un problema marginale nato proprio con l'avvento delle app di messaggistica.

Se vuoi diventare un minimalista digitale, fai particolarmente attenzione a questa tipologia di app.

9. La creatività batte il consumo ogni singolo giorno della settimana

L'essere umano, nel suo profondo, è un artigiano.

Insomma ciò che ci dà reale soddisfazione è impegnare il nostro tempo e le nostre energie per creare qualcosa di originale.

Ecco perché le attività online che creano maggior valore nella nostra vita sono quelle che ci permettono di costruire qualcosa di utile e non quelle che ci spingono semplicemente a consumare.

Scrivere questo articolo, tra ricerche & co., mi ha richiesto circa 10 ore di lavoro, ma sono 10 ore che sento di aver speso bene e vederlo pubblicato mi dà soddisfazione (e spero si dimostri utile per te). Ma se avessi impegnato quelle stesse 10 ore navigando senza meta tra Facebook, Instagram e Youtube, probabilmente non avrei provato le stesse emozioni positive.

Scegli di investire il tuo tempo online per creare e non semplicemente per consumare.

Per concludere... (dovevo svelarti un piccolo segreto, giusto?)

minimalismo digitale: libri

Sono 13 anni che su EfficaceMente (tra le altre cose) condivido decine tra i migliori testi di crescita personale.

Il fatto che in questo articolo parli di un libro che dovresti assolutamente leggere dunque non è un novità.

Questa volta però, il libro in questione è diverso da tutti gli altri suggeriti in precedenza...

Mi è stato proposto di diventare Direttore di Collana della ROI Edizioni, una casa editrice nata da pochi anni, ma che ha già portato in Italia libri di autori come Seth Godin, Satya Nadella (CEO di Microsoft), Marco De Veglia, Filippo Ongaro e tanti altri ancora.

La collana in questione si chiama "Ottantaventi" (in omaggio al buon Vilfredo Pareto) e ha come obiettivo quello di pubblicare 3 nuovi libri all'anno dedicati alla crescita e all'efficacia personale.

...e questo per me è un piccolo sogno che si realizza.

Spesso infatti, la maggior parte dei libri che suggerisco sono disponibili solo in lingua inglese, un ostacolo per diversi miei lettori.

Come Responsabile della Collana "Ottantaventi" potrò finalmente portare sul mercato italiano alcuni dei miei libri preferiti, libri che in alcuni casi mi hanno letteralmente cambiato la vita.

...e come avrai ormai intuito, Minimalismo Digitale del Prof. Cal Newport è il primo dei libri che ho personalmente selezionato per la mia Collana.

Non vedo l'ora che tu lo legga e mi faccia sapere nelle recensioni di Amazon in che modo ti avrà aiutato a migliorare la tua vita.

Il libro è presente nelle migliori librerie nazionali, ma lo puoi ordinare anche su Amazon, usando il link qui sotto.

ORDINALO SU AMAZON 》

Spero che questo nuovo progetto ti piacerà e ti sarà utile!

A presto.

Andrea Giuliodori.

[post_title] => Minimalismo digitale: ritrovare focus in un mondo sempre più distratto [post_excerpt] => Probabilmente non è la prima volta che senti parlare di "minimalismo", ma sai cos'è il "minimalismo digitale"? Scopriamolo in questo nuovo articolo di approfondimento di EfficaceMente. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => minimalismo-digitale [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-09-27 18:09:00 [post_modified_gmt] => 2021-09-27 16:09:00 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23726 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 43 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 22244 [post_author] => 18 [post_date] => 2018-12-20 08:11:19 [post_date_gmt] => 2018-12-20 07:11:19 [post_content] =>

Ti sei mai chiesto se sia possibile migliorare la tua produttività grazie ad alcune app?

Ebbene, la risposta è positiva: se vuoi essere più produttivo nello studio, nel lavoro e nella vita, esistono tantissimi software che possono fare al caso tuo, e in questo articolo ne vedremo 16.

produttività-app  
"Scova ciò che funziona per te, e sfruttalo fino al midollo."

Mark Twain.

Vorrei iniziare con una premessa molto importante: come ho già ricordato in questo articolo sugli errori che stanno distruggendo la tua produttività, il punto di partenza per migliorare questo aspetto non è riempire di app il tuo laptop o il tuo smartphone.

Il primo passo è quello di smettere di procrastinare e sviluppare un metodo personale per affrontare ogni progetto con la giusta organizzazione.

Soltanto dopo aver sviluppato un metodo coerente con i tuoi obiettivi e le tue esigenze potrai scegliere un'app per la produttività che ti aiuti a ottimizzare il tutto.

Ma adesso passiamo alla ciccia, vediamo le 16 app che ho selezionato per te.

Toggl

produttività-toggl

Toggl è un software molto semplice che permette di tenere traccia del tempo che dedichi alle attività lavorative. Esatto, fa una cosa sola, ma fondamentale per la tua produttività.

Tracciare il tempo permette di renderti conto di quanto tempo dedichi alle tue attività, e questa è la base per capire come organizzare al meglio il lavoro e individuare i punti su cui devi migliorare.

Inoltre ti aiuta ad evitare le distrazioni: con Toggl non si scherza, il tempo tracciato è quello che dedichi davvero alle attività lavorative, se ti distrai un attimo per controllare facebook o lo smartphone, devi stoppare il timer. Sembra insignificante, ma questa frazione di secondo è più che sufficiente per decidere se hai davvero bisogno di una pausa, o stai solo cedendo alle tue tentazioni. Provare per credere!

Hours

produttività-hours

Per certi versi simile a Toggl, anche Hours è un'app che permette di comprendere quali sono le attività che assorbono maggiormente il tuo tempo.

Puoi personalizzare il software impostando dei promemoria e dei timer per capire quanto stai lavorando su determinati progetti, o ancora fissare degli obiettivi temporali che prevedono vere e proprie sfide all’ultimo secondo.

SelfControl

produttività-selfcontrol

SelfControl è un'app per iOS che ti permette di bloccare tutti quei siti web che potrebbero distrarti durante le tue sessioni di lavoro. Ti basta impostare un timer, creare la tua black list e premere start. Pochi semplici gesti che possono davvero rivoluzionare la gestione del tuo tempo.

Trello

produttività-trello

Se ti è già capitato di lavorare online con altre persone, probabilmente conosci già Trello, un’app di gestione che ti permette di tenere traccia di tutti i progetti e le attività in corso.

Puoi creare una bacheca per ogni progetto e condividerla facilmente con i tuoi collaboratori. Assegnare le attività, monitorarle e dare feedback è molto semplice e intuitivo. Come se non bastasse, è completamente gratuito.

Strides

produttività-strides

Strides è un'app che permette di fissare i tuoi obiettivi e le tue abitudini tenendone traccia giorno dopo giorno.

Se ti piace porti obiettivi sempre più sfidanti e stai cercando di creare la tua routine perfetta, quest'app fa proprio al caso tuo.

Noisli

produttività-Noisli

Per migliorare la nostra produttività è molto importante imparare a creare le condizioni ideali per favorire la concentrazione. Per esempio ci sono persone che amano lavorare nel silenzio più assoluto, non possono fare a meno dei rumori della natura, altre ancora preferiscono accompagnarsi con un sottofondo musicale.

Ebbene,a questo proposito consiglio di provare Noisli. Si tratta di un'app che ha l’obiettivo di migliorare la concentrazione e aumentare la produttività attraverso la riproduzione di un elenco di suoni che favoriscono la focalizzazione sul lavoro.

Dalla pioggia al fuoco del caminetto, puoi facilmente creare il tuo mix preferito, la ricetta acustica per trovare il giusto focus.

HiBox

produttività-hibox

Se sei alla ricerca di uno strumento per semplificare le relazioni con i tuoi collaboratori, HiBox è un'ottima possibilità.

HiBox include chat, sistemi di gestione delle attività, di sharing dei file e tanto altro ancora, in un’unica piattaforma.

Non dovrai più passare da un software all'altro o rimbalzare tra diversi sistemi di messaggistica, e questo può portare molti benefici per la tua produttività e quella del tuo team.

Focus Booster

produttività-focus booster

Se non sei nuovo su questo blog, sicuramente conosci la tecnica del pomodoro.

Forse però non sei mai riuscito a implementarla nelle tue abitudini e sfruttare le sue enormi potenzialità.

Se questo è il tuo caso, ti consiglio di provare Focus Booster. Si tratta di un'app che si basa proprio su questa tecnica per aiutarti a mantenere la concentrazione e gestire le distrazioni. Potrai registrare le tue sessioni direttamente sui tuoi fogli di lavoro e tenere traccia del tuo ritmo e dei progressi in modo semplice e divertente.

Articoli che potrebbero interessarti: Produttività: 11 modi per aumentarla Produttività personale: 11 trucchi che dovresti conoscere

Writeroom

produttività-writeroom

Se lavori molto con la scrittura e usi il Mac, ti consiglio di provare Writeroom.

Lo scopo è quello di creare un ambiente per la scrittura completamente privo di distrazioni, bloccando ogni parte dello schermo al di fuori dell'area di lavoro, costringendoti a concentrarti solo sul documento. Un ottimo rimedio (gratis) contro la tentazione di guardare email, notifiche o chat.

SaneBox

produttività-sanebox

La gestione della posta è in assoluto una delle attività che assorbono più tempo durante il lavoro. Dal momento che ormai è diventato uno strumento imprescindibile, è bene adottare poche semplici regole per evitare che la gestione delle email influenzi negativamente la tua produttività.

Oltre a rinnovare il consiglio di organizzare la lettura e la gestione delle risposte in alcune finestre temporali quotidiane (ti consiglio dalle 2 alle 4, a seconda della tipologia di lavoro), ci sono alcune app che potrebbero darti una mano, come SaneBox.

SaneBox è uno strumento molto semplice da usare, che ti aiuta a organizzare le email all’interno di diverse cartelle dividendole in base alla priorità. In questo modo la tua casella di posta diventerà molto più ordinata e semplice da consultare.

Forest

produttività-forest

Abbiamo già parlato di Forest in alcuni articoli dedicati allo studio. Si tratta di un'app semplice, divertente e molto efficace per migliorare focus e concentrazione.

Utilizzarla è molto semplice: imposti un timer personalizzato in base alla durata della sessione di lavoro e non tocchi il cellulare finché non hai terminato. Se uscirai dall’app per fare qualcos’altro, l’albero morirà. Un metodo molto pratico per allontanare le distrazioni e… far crescere una foresta (virtuale).

Any.do

produttività-anydo

Any.do è molto più di una semplice agenda o una to-do list, è un vero e proprio assistente personale che puoi usare per integrare i tuoi progetti lavorativi con gli impegni personali.

Disponibile per smartphone, desktop e web, ha un’ottima sincronizzazione che ti permetterà di operare da qualsiasi dispositivo, senza perdere traccia dell’evoluzione delle tue incombenze.

Asana

produttività-asana

Simile a Trello, Asana è una piattaforma che ti permette di gestire al meglio il lavoro con un team, senza bisogno di usare le email.

Puoi creare gruppi di lavoro, assegnare progetti e monitorare le evoluzioni dei vari compiti in modo puntuale, comodo e personalizzato.

Evernote

produttività-evernote

Ho già citato Evernote in un articolo in cui ho parlato di 5 risorse per migliorare i risultati all'università, per questo non potevo non consigliarla in una lista di app per la produttività.

Evernote è uno strumento utilissimo per organizzare il tuo materiale, prendere appunti, gestirli in maniera integrata su più dispositivi, creare liste di cose da fare e tanto altro ancora. Una vera e propria suite di strumenti che ti consiglio di provare!

Hootsuite

produttività-hootsuite

Se il tuo lavoro comprende la gestione di diversi account sui social media, Hootsuite è certamente uno strumento da provare. Si tratta di una delle app più conosciute per la gestione dei profili sui principali social network, che ti consente di condividere e programmare i tuoi contenuti su diversi canali usando un’unica piattaforma.

IFTTT

produttività-IFTTT

IFTTT sta per “If this then that”. Ovvero, se (succede) questo, allora (fai succedere) quello. In poche parole si tratta di uno strumento che ti permette di creare dei collegamenti di causa – effetto tra diverse applicazioni compatibili.

Gli esempi di utilizzo di questa applicazione sono davvero infiniti, poiché decine sono le app con le quali può dialogare, da Pinterest a Instagram, dalla suite Google a Facebook, da Twitter a Spotify.

Terminiamo questa lunga lista riprendendo la premessa che ti ho fatto all'inizio. Prima di attaccarti al cellulare e iniziare a scaricare a più non posso, valuta bene quali sono le tue esigenze e le tue priorità.

Le applicazioni non sono la soluzione, ma degli strumenti per applicare un metodo di gestione del tempo.

Non sai da dove cominciare? Allora ti consiglio di dare un’occhiata a Crea Tempo, il corso in cui Andrea illustra nel dettaglio il Metodo LEVA, il metodo che lui stesso applica da anni per gestire il suo tempo e raggiungere i suoi obiettivi.

Obiettivo del corso? Aiutarti a recuperare 20 ore a settimana e raddoppiare la tua produttività ;)

A presto, Roberto.

[post_title] => Le migliori app per aumentare la tua produttività [post_excerpt] => Quali sono le migliori app per la tua produttività? Scopriamo insieme alcuni dei software più utili per massimizzare i risultati! [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => le-migliori-app-per-aumentare-la-tua-produttivita [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-15 11:25:32 [post_modified_gmt] => 2018-12-15 10:25:32 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=22244 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 22242 [post_author] => 18 [post_date] => 2018-12-10 08:11:27 [post_date_gmt] => 2018-12-10 07:11:27 [post_content] =>

Sei alla ricerca di nuove strategie per aumentare la tua produttività? In questo articolo vedremo gli errori che devi assolutamente evitare per riuscire ad essere più produttivo.

produttività
"Il segreto? Non dare le priorità alle cose che hai programmato ma impara a programmare (e quindi prima a riconoscere) le tue priorità."

Stephen Covey.

Sei totalmente immerso in un progetto che potrebbe cambiare la tua carriera? Il capo ti ha affidato un lavoro molto importante con scadenze impossibili? Oppure vuoi laurearti in tempo e stai cercando di migliorare il tuo metodo di studio?

Sono tutte situazioni molto comuni. Così come è molto comune la sensazione di non riuscire a raggiungere un obiettivo nei modi e nei tempi preventivati.

Insomma, può capitare che l’entusiasmo iniziale si spenga, che i primi intoppi vengano a galla, che quel progetto che tanto ti appassionava sia diventato un'immane seccatura.

Ma cosa è successo?

Probabilmente la tua produttività non sta funzionando come dovrebbe e questo ti impedisce di raggiungere i risultati che ti aspettavi.

In questo articolo ho cercato di fare il punto sugli errori più frequenti che distruggono la produttività di molte persone. Conoscerli ti permetterà di cambiare le tue abitudini e diventare più produttivo ed efficace.

Scopriamoli insieme!

Non sfrutti i momenti “giusti”

produttività

Non siamo robot, pertanto non possiamo pretendere di avere un rendimento costante tutta la giornata, tanto meno tutta la settimana. Questo vuol dire che dobbiamo imparare a sfruttare i momenti di massima energia.

Se hai bisogno di una base di partenza, secondo alcuni studi l’energia oscilla durante tutto il giorno. In particolare, in media la mattina si tende ad avvertire la stanchezza ogni 90 minuti, mentre di sera si manifesta su per giù in due occasioni: alle 16.30 e alle 23.30.

Ricapitolando, l'ideale sarebbe riuscire a mantenere il focus sulle attività che dobbiamo portare a termine in mezzo ai momenti in cui si manifestano questi cali di energia.

Programma quindi le attività che richiedono una maggiore concentrazione nelle fasi di picco energetico e pianifica quelle più semplici e meno impegnative di conseguenza.

Ti fai ossessionare dalle email

produttività

Le email?  Hanno rivoluzionato il nostro modo di comunicare, rendendolo più semplice, snello, efficace.

Tuttavia, per molti rischiano di diventare una vera e propria ossessione. Sto parlando di quelle persone che usano le email per tutte le comunicazioni, si aspettano sempre risposte immediate e arrivano a sentirsi frustrate quando colleghi, clienti o collaboratori non rispondono subito.

La verità è che tenere sempre aperta la casella di posta e scattare ad ogni notifica non solo è molto stressante, ma ci rende facile preda delle distrazioni, i killer della produttività.

Inoltre ricorda una cosa molto importante: il multitasking NON esiste.

Mi spiego meglio, ciò che definiamo multitasking è un continuo rimbalzare da un’attività all’altra che porta a un unico risultato: allungare i tempi per terminare una singola task e rischiare seriamente di abbassare la qualità del lavoro.

Passare freneticamente da un'attività all'altra ci costringe a riprendere continuamente i filo di quello che stavamo facendo, e questo ha un costo enorme per la nostra produttività personale.

Cerca quindi di decidere in quali momenti della giornata dedicarti alle email. Potrebbero essere le 8 del mattino, vicino alla pausa pranzo o al termine della giornata lavorativa.

Non hai un elenco di cose da fare

produttività

Tenere un elenco delle attività che devi svolgere ti permette di arrivare al risultato finale in modo più semplice. È come avere una sorta di mappa che, passo dopo passo, ti guida verso la meta evitando quel fastidioso senso di smarrimento e disorganizzazione.

Insomma, non avere un elenco di cose da fare è una cattiva abitudine che ti suggerisco di abbandonare quanto prima: una buona to do list ti sarà infatti molto utile per tenere sotto controllo tutte le tue attività.

Tuttavia, è bene che tu sappia che c’è una cosa peggiore di non avere una lista di cose fare: averne una confusa e disorganizzata!

Una to do list troppo lunga con un elenco di attività scritte a casaccio rischierà di confonderti ancora di più e aumentare la frustrazione.

Cerca quindi di individuare le priorità, stabilire delle scadenze e fare una stima del tempo necessario a completare un'attività. Se vuoi indicazioni puntuali, leggi l'articolo di Andrea su come organizzare la to do list.

Lavori nel luogo sbagliato

produttività

Ti sei mai fermato un attimo a osservare il luogo in cui studi o lavori?

Prova a guardare la scrivania, la sedia, la stanza. Fai caso all'illuminazione, a quali sono le potenziali distrazioni e i rumori che ti circondano.

Fatto? Ora chiediti: quando lavoro sono realmente comodo? Ho tutto a portata di mano o sono costretto ad alzarmi per prendere documenti, penne o altro? L’illuminazione mi garantisce una buona visibilità o le fonti di luce sono fastidiose? È un luogo silenzioso o rumoroso? Ci sono fonti di distrazione?

Sono sicuro che troverai degli elementi che puoi modificare per migliorare la tua produttività.

Cerca di optare per una zona sufficientemente silenziosa e ben illuminata, con una sedia comoda e una scrivania ampia. E mi raccomando, se ti è possibile elimina tutte le fonti distrazione.

Vuoi fare tutto da solo

produttività

Quella di “fare tutto da solo” è una delle abitudini più diffuse soprattutto tra i professionisti.

Le ragioni sono le più disparate: eccessivo perfezionismo, paura di non avere tutto sotto controllo, incapacità di valutare la mole di lavoro...

Ebbene, sappi che uno dei killer della produttività è proprio l'incapacità di delegare.

Prova invece a considerare l'idea di collaborare con altre persone, magari partendo da piccole attività che non richiedono necessariamente il tuo intervento.

Man mano che guadagnerai fiducia nei confronti degli altri, inizierai anche ad apprezzare le straordinarie potenzialità della collaborazione.

In particolare se sei un libero professionista o un imprenditore, capire quali attività puoi automatizzare o delegare sarà una vera e propria svolta per la tua carriera: ti permetterà di crescere professionalmente e raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi.

Procrastini (ancora, e ancora!)

produttività

Eccoci arrivati ad uno dei grandi nemici della produttività: la procrastinazione.

A volte procrastiniamo perché cerchiamo la perfezione, altre volte perché ci soffermiamo troppo sull’analisi del problema, o magari perché abbiamo paura del cambiamento.

In ogni caso devi fare una cosa. Combatti la procrastinazione con l’arma più potente che hai a disposizione: l’azione. Cerca sempre di andare avanti con il tuo progetto anche a piccoli passi. Scoprirai con piacere che anche la più piccola delle azioni può smuoverti dalle sabbie mobili più dense!

Dai troppo peso agli strumenti

produttività

Questo è forse l'errore più insidioso. Molto spesso le persone si focalizzano troppo sui mezzi, trascurando totalmente il metodo.

Mi spiego meglio. Quando vogliamo aumentare la nostra produttività spesso iniziamo a leggere tutti i libri possibili sulla gestione del tempo, scaricare app a più non posso o provare calendari e agende sempre diversi. Ti ho beccato vero?

La verità è che è inutile svuotare la sezione "produttività" del tuo smartphone se poi non abbiamo un metodo.

Valuta prima quali sono le tue reali esigenze. Cosa ti rende poco produttivo? Le troppe distrazioni sul lavoro? Bassi livelli di energia? O forse non sai come individuare le priorità? Insomma, le applicazioni non sono la soluzione, ma sono degli strumenti che ti permettono di applicare un metodo di gestione del tempo. Se non sai da che parte cominciare, ti consiglio di dare un'occhiata a Crea Tempo, il corso in cui Andrea illustra nel dettaglio il Metodo LEVA, il metodo che lui stesso applica da anni per gestire il suo tempo e che gli ha permesso di raggiungere i suoi obiettivi. Obiettivo del corso? Aiutarti a recuperare 20 ore a settimana e raddoppiare la tua produttività ;)

A presto, Roberto.

[post_title] => 7 errori che stanno distruggendo la tua produttività (e come evitarli) [post_excerpt] => Perché a volte non riusciamo a spingere la nostra produttività al massimo? Proviamo a scoprirlo, individuando alcuni errori da evitare... [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => 7-errori-che-stanno-distruggendo-la-tua-produttivita-come-evitarli [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-08 08:56:13 [post_modified_gmt] => 2018-12-08 07:56:13 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=22242 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 2 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 20885 [post_author] => 3 [post_date] => 2018-06-11 01:10:55 [post_date_gmt] => 2018-06-10 23:10:55 [post_content] => La dipendenza da smartphone sta diventando un problema serio per milioni di persone. Nel mio primo TEDx racconto come è stata progettata a tavolino nelle stanze segrete della Silicon Valley e quali strategie pratiche possiamo adottare per difenderci. dipendenza da smartphone
"La differenza tra la tecnologia e la schiavitù e che gli schiavi sono perfettamente consapevoli di non essere liberi."

Nassim Nicholas Taleb.

Amo i TED talks.

Da quando li ho scoperti, una decina di anni fa, ne ho "divorati" a centinaia, raccogliendo in ognuno di essi sempre qualche spunto interessante.

Potrai quindi immaginare la mia emozione quando sono stato invitato a tenere il mio primo TEDx.

Per settimane ho pensato a quale argomento avrei voluto affrontare su un palco così importante e alla fine ho deciso di trattare in quei famosi 18 minuti di intervento un tema a me molto caro: la dipendenza da smartphone.

A partire dal 2008 infatti i nostri amati smartphone ci hanno permesso di accedere a servizi e funzionalità fino ad allora inimmaginabili, ma al contempo ci hanno reso sempre più schiavi della tecnologia.

Basta prendere un qualsiasi mezzo pubblico o camminare per strada per osservare decine e decine di persone (di ogni età) con il collo piegato e lo sguardo fisso sullo schermo del proprio cellulare.

Come siamo arrivati a questo punto? Quanto è grave la situazione? Come possiamo riprendere il controllo del nostro tempo?

Sono proprio queste le domande a cui ho cercato di rispondere nel mio TEDx.

Buona visione!

3 tecniche di Difesa Personale Digitale (DPD™) per combattere la dipendenza da smartphone

Bene, mi auguro che il mio TEDx ti sia piaciuto! Se condividi il messaggio che ho cercato di trasmettere nel mio intervento, ti chiedo di condividerlo con i tuoi contatti: sono sicuro sarà utile a molte persone.

Ma prima di salutarti...

La trascrizione del TEDx talk

Una cosa che avevo intuito da "spettatore" dei TED talks è che questi brevi interventi sono in realtà il frutto di una lunga preparazione.

Ma solo come speaker mi sono davvero reso conto quanto certosina sia questa preparazione e ne approfitto per ringraziare tutto il team di TEDx Pescara per il supporto che mi hanno dato prima, durante e dopo l'intervento.

Particolare attenzione è stata data allo "script" (il testo) dell'intervento.

Ho pensato quindi di condividerlo con te qui sotto:

Il testo del mio intervento

Iniziamo con una semplice domanda:

Quanti di voi controllano lo smartphone come prima cosa appena svegli? Quanti lo fanno come ultima cosa prima di andare a dormire? Quanti lo fanno durante la notte?

Vi siete mai chiesti perché controlliamo il nostro cellulare così spesso, fino a 76 volte al giorno secondo una recente ricerca? Insomma cos’è che rende il nostro smartphone così irresistibile?

La ricerca sui piccioni

dipendenza-da-smartphone-piccione

Negli anni ‘70, Michael Zeiler, un ricercatore della Emory University di Atlanta, ha condotto un interessante esperimento con dei piccioni.

Ha preso alcuni di questi volatili e li ha messi in una gabbia, all'interno del quale era presente un pulsante e ha poi testato due scenari

  • Nel primo scenario, ogni volta che i piccioni premevano il pulsante col becco, venivano premiati con del cibo.
  • Nel secondo scenario invece, quando i piccioni premevano il pulsante col becco, venivano premiati solo nel 50 o 70% dei casi.

Secondo voi in quale dei due scenari i piccioni hanno premuto il pulsante con maggior frequenza?

Ecco, dagli studi di Zeiler è emerso un comportamento alquanto peculiare dei piccioni, un comportamento che è proprio anche degli esseri umani.

Se sappiamo con certezza che otterremo un certo premio, compiendo una determinata azione, tenderemo a ripetere questa azione con regolarità, ma ad intervalli piuttosto lunghi.

Se al contrario, ripetendo quell’azione, il premio alcune volte arriva e altre no, iniziamo ad agire in maniera compulsiva.

Questo perché quando il premio è imprevedibile, ogni volta che lo otteniamo, abbiamo un rush di dopamina (il famoso ormone del piacere) che è molto più grande rispetto alla dopamina rilasciata dai premi prevedibili.

In altre parole: i premi imprevedibili generano dipendenza.

Come il meccanismo dei premi imprevedibili è sfruttato dall'industria ludica e da quella tecnologica

E non è un caso che questo meccanismo psicologico sia ampiamente sfruttato da due industrie molto floride:

  • L'industria del gioco.
  • E l’industria del tech.

Ecco, non vedo in sala persone con in tasca una slot machine o un tavolo da Blackjack, scommetto però che tutti, tecnici compresi, hanno uno di questi:

Gli smartphone oggi sono l’equivalente di quel pulsante usato dai piccioni nell’esperimento di Zeiler, sono la slot machine dell'industria tecnologica.

Se li controlliamo appena svegli, prima di andare a dormire e decine di altre volte durante il giorno è perché queste mattonelle elettroniche e le app che le popolano, sono piene zeppe di meccanismi a premio imprevedibile.

Funzionalità progettate per creare dipendenza

dipendenza-da-smartphone-pollice

Pensate ad esempio la funzione “mi piace”.

È stata introdotta da Facebook nel 2008 e poi si è diffusa a macchia d’olio in tutti gli altri siti.

Questa funzione è un classico esempio di meccanismo a premio imprevedibile in grado di generare dipendenza.

Una dipendenza, che come è stato dimostrato da un team congiunto di ricercatori dell’Università cinese di Beibei e dell’Università della Southern California, comporta delle vere e proprie alterazioni anatomiche del nostro cervello.

Ogni volta che postiamo un nuovo contenuto infatti non sappiamo quanto successo avrà: siamo nella stessa situazione di quel piccione che preme il pulsante ma non è sicuro se riceverà il cibo oppure no. Noi premiamo il pulsante “pubblica” e non sappiamo se riceveremo l’approvazione degli altri oppure no.

Ogni post sui social network si trasforma quindi in una scommessa ad alto rischio: se i “mi piace” (o i cuoricini) o le visualizzazioni scarseggiano, la nostra autostima ne risente, ma se otteniamo un numero elevato di interazioni positive, avremo un rush di dopamina in grado di renderci ogni volta sempre più dipendenti dai nostri telefonini.

Eppure la funzione “mi piace” è solo un esempio delle funzioni usate dalle aziende tech per tenerci incollati ad uno schermo.

Esistono infatti interi team di ingegneri il cui unico scopo è quello di progettare, sviluppare e perfezionare funzionalità che sfruttino le nostre vulnerabilità psicologiche e ci spingano ad utilizzare questi servizi sempre più frequentemente e per sempre più tempo.

Dite che sto esagerando?

Le lacrime da coccodrillo dei Guru del Tech

Va beh, facciamo un indovinello. Secondo voi chi ha pronunciato queste parole?
"Il sito è stato progettato per sfruttare le vulnerabilità umane. Il ragionamento alla base dello sviluppo di determinate funzioni è stato il seguente: ‘in che modo possiamo consumare quanto più tempo ed attenzione possibili dei nostri utenti?”

Sicuramente delle parole di fuoco. Secondo voi chi le ha pronunciate in una recente intervista?

  • Maurizio Crozza mentre imita Mauro Corona.
  • Un ricercatore di qualche università sconosciuta, in cerca di facile pubblicità.
  • Il primo Presidente di Facebook.
Vi do un indizio: non è stato Maurizio Crozza.

La risposta vincente è la “C” (la terza): queste parole sono state pronunciate da Sean Parker, il primo presidente di Facebook, insomma, un insider a tutti gli effetti.

Sean Parker tra l’altro non è l’unico a pronunciare parole di fuoco su certe tattiche adottate dalle aziende tecnologiche per creare dipendenza nei propri utenti.

Sempre più spesso stanno emergendo interviste di ex dirigenti di aziende della Silicon Valley, pentiti del lavoro fatto negli ultimi 10 anni. Eppure questi dirigenti pentiti non sembrano offrirci una soluzione efficace al problema.

Intervistato da un giornalista, un altro dirigente di Facebook ha detto testualmente:

“Io purtroppo non ho una soluzione. La mia unica soluzione è non usare questi strumenti. Ai miei figli non è permesso utilizzare quella merda”.

Chamath Palihapitiya.

Ecco, noi non siamo degli ex-dirigenti multi-milionari della Silicon Valley. C’è chi gli smartphone e i social li utilizza per lavorare e c’è chi semplicemente non vuole rinunciare al piacere di utilizzare la tecnologia o rimanere in contatto con i propri amici.

Se non possiamo aspettarci una soluzione da chi il problema lo ha creato, come possiamo difenderci da questi meccanismi che sfruttano le nostre vulnerabilità psicologiche? Come possiamo evitare di diventare dei piccioni addestrati e riprendere finalmente il controllo del nostro tempo e della nostra attenzione?

Una soluzione per la dipendenza da smartphone: anzi tre

dipendenza-da-smartphone-judo

Negli ultimi 10 anni ho condiviso con miei lettori centinaia di strategie pratiche ed efficaci per riprendere in mano il proprio tempo. Tra l’altro ex-judoka ho sempre avuto un debole per le arti marziali.

Per questo oggi vorrei proporvi delle vere e proprie tecniche di Difesa Personale Digitale.

Dei semplici stratagemmi per contrastare i meccanismi utilizzati dalle aziende del tech per rubarci il tempo e l’attenzione.

Ne vedremo tre.

Iniziamo dalla prima tecnica, la più immediata. La potete mettere in pratica subito, appena terminato questo talk.

Usa il tuo smartphone in modalità bianco e nero

Uno dei meccanismi più subdoli messi in atto dalle aziende della Silicon Valley per tenerci incollati ai nostri telefonini è quello di utilizzare dei colori sgargianti che eccitino il nostro cervello.

Icone giallo fluo, notifiche rosso fuoco, schermi da zilioni di colori: la parola d’ordine è quella consumare l’attenzione del consumatore conquistando i suoi occhi.

Tristan Harris, un ex ingegnere di Google che per anni ha lavorato in uno di quei team che progettavano funzioni acchiappa-attenzione, ci suggerisce una soluzione tanto semplice quanto efficace per contrastare l’effetto “albero di natale” dei nostri telefonini.

Utilizzare gli smartphone in modalità bianco e nero.

Si tratta di una funzione nascosta tra i meandri delle impostazioni, ma se cercate su Google (ironia della sorte) “android in bianco e nero” o “iphone in bianco e nero”, troverete tutte le indicazioni per attivarla.

Vi anticipo subito che utilizzare il telefonino in modalità bianco e nero è alquanto strano, e non è detto che dobbiate farlo per tutto il tempo, se però vi ritrovate ad usare un po’ troppo spesso il vostro smartphone, attivatela dopo questo talk e vedete cosa succede.

Bene, passiamo alla tecnica numero due.

Elimina tutte le notifiche

Questa probabilmente la conoscete già, ma scommetto che in pochi la applicano davvero. Vediamo se darvi un nuovo punto di vista può aiutarvi a metterla in pratica.

La seconda strategia che voglio proporvi consiste nello sbarazzarsi delle notifiche push.

E intendo tutte le notifiche push: email, messaggini, social, disattivate le notifiche istantanee di tutte le vostre app.

Le notifiche push sono infatti l’ennesimo esempio di meccanismo a premio imprevedibile che crea dipendenza.

Ogni volta che ne riceviamo una siamo attratti come api dal miele e interrompiamo il flusso dei nostri pensieri e il nostro lavoro pur di controllarle.

Così facendo stiamo di fatto permettendo ad un’app, ad un collega o a chiunque altro di dettare l’agenda della nostra giornata.

Eliminare tutte le notifiche significa dunque riprendere il controllo del nostro tempo e controllare il telefonino solo nei nostri tempi.

E siamo arrivati alla terza ed ultima tecnica di Difesa Personale Digitale.

Riscopri il piacere di immergerti nella noia

dipendenza-da-smartphone-sala-di-attesa

Questa è una tecnica da cintura nera, richiede decisamente più allenamento, ma farla nostra significa imparare davvero a sfruttare la tecnologia e non ad esserne sfruttati.

Vediamola.

Qualche mese fa ero nella sala di attesa del mio dentista, a Londra. Eravamo in tre. Tutti e tre al cellulare naturalmente.

Quando ne ho preso consapevolezza, ho provato a fare qualcosa che non facevo da tempo: ho messo lo smartphone in tasca e mi sono semplicemente immerso nella noia e nella frustrazione dell’attesa.

È stato come rinascere.

Negli ultimi anni, abbiamo sviluppato questa tendenza a voler riempire qualsiasi tempo morto della nostra vita e lo smartphone sembra essere il tappa-buchi ideale.

Di fatto siamo ormai diventati incapaci di tollerare qualsiasi emozione negativa e appena se ne presenta una, la reprimiamo immergendoci nei nostri schermi e nelle nostre app succhia-tempo preferite.

Così facendo però abbiamo smesso di ascoltarci, di conoscerci.

Persi in questi feed infiniti che continuiamo a scrollare alla ricerca della prossima iniezione di dopamina, ci stiamo dimenticando di assaporare la nostra vita.

Eppure la noia, una delle funzioni negative che tendiamo a reprimere, ha una sua precisa funzione evoluzionistica. La natura non lascia mai nulla al caso.

Il vuoto ci permette di ricaricare le pile e alimenta la nostra creatività.

Come detto in un recente convegno dal premio Pulitzer Thomas Friedman:

“Quando premi il pulsante pausa di uno smartphone, questo si ferma. Ma quando premi il pulsante pausa di un essere umano, questo si avvia.”

Oggi più che mai è di fondamentale importanza saper creare e difendere questi momenti di vuoto e rigenerazione, momenti che danno al nostro corpo e alla nostra mente la possibilità di prendere fiato, riflettere, crescere.

Certo non è facile. Per anni siamo stati condizionati dai vari meccanismi a premio imprevedibile utilizzati dalle aziende tech.

Se però vogliamo tornare ad assaporare la nostra vita, dobbiamo almeno provarci. Di certo non mancheranno le occasioni per sperimentare questa terza tecnica di difesa personale digitale.

La prossima volta che vi ritroverete in una sala di attesa, in fila o magari tra un TED talk ed un altro, invece di agire meccanicamente, come piccioni addestrati, provate ad osservare l’impulso che avrete di tirar fuori la vostra mattonella elettronica e scegliete di non cedere a questo impulso.

Immergetevi piuttosto nella noia, accettatela, usatela come un balsamo lenitivo per il vostro corpo e la vostra mente.

Osservate chi vi sta attorno, perdetevi nei dettagli dell’ambiente.

Perché solo se avremo la forza di riprendere il controllo del nostro tempo e della nostra attenzione, potremo riscoprire la nostra umanità e la gentilezza che ci circonda.

Grazie.

Conclusioni

Come detto, mi auguro che questo intervento ti sia piaciuto, ma soprattutto che ti sia stato utile e che sarà utile a tutti i contatti con cui deciderai di condividerlo.

Se poi vuoi approfondire queste tematiche, ho dedicato un intero capitolo (il quarto) del mio nuovo libro "Riconquista il tuo tempo" proprio ai rischi della tecnologia e alle migliori strategie per contrastarli e riprendere in mano il nostro tempo.

Grazie come sempre per la tua attenzione e ci rileggiamo al prossimo articolo o alla prossima newsletter.

Andrea.

[post_title] => Dipendenza da smartphone: 3 tecniche di Difesa Personale Digitale (DPD™) [post_excerpt] => La dipendenza da smartphone sta diventando un problema serio per milioni di persone. Nel mio primo TEDx racconto come è stata progettata a tavolino nelle stanze segrete della Silicon Valley e quali strategie pratiche possiamo adottare per difenderci. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => dipendenza-da-smartphone [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-10-05 10:51:36 [post_modified_gmt] => 2018-10-05 08:51:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=20885 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 23 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 27133 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-02-14 18:48:39 [post_date_gmt] => 2021-02-14 17:48:39 [post_content] => Ci sono momenti della nostra vita che ci fanno realizzare quanto la nostra vita sia davvero breve. Prenderne consapevolezza può essere l'inizio della nostra vera vita.
"Abbiamo due vite e la seconda inizia quando ci rendiamo conto di averne soltanto una".

Confucio.

Sin dai tempi di Confucio e Seneca l'essere umano si è interrogato sulla brevità della vita.

Con la recente scomparsa di mia Mamma è stato inevitabile anche per me fare certe riflessioni.

E per quanto dolorose, queste riflessioni hanno portato con sé anche intuizioni preziose su come voglio vivere davvero la mia vita.

Nello specifico ci sono due intuizioni che voglio condividere con i miei lettori, chissà che non aiutino anche te a fare un "cambio di passo".

Intendiamoci, in questo articolo non troverai "la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto" (cit.).

Probabilmente, sei già arrivato anche tu a certe conclusioni, perlomeno ad un livello razionale.

A volte però abbiamo bisogno che qualcuno ce le torni a ricordare, prima che sia la vita a costringerci a fare i conti con esse.

Partiamo dalla prima intuizione...

1) Sì, la vita è breve. Più breve di quanto realizziamo (e a tutte le età)

20 anni

Se sei nel pieno dei tuoi 20 anni, l'età che l'autrice Mag Jay chiama "The Defining Decade", hai davanti a te appena una manciata di anni per vivere alcune delle esperienze più formative della tua vita e prendere decisioni che influenzeranno profondamente il resto della tua esistenza.

Se poi sottraiamo a questa tua decade "formativa" almeno un paio d'anni per via dei limiti imposti dalla pandemia globale, questo periodo così intenso della tua vita è ancora più breve di quanto potresti immaginare.

30 anni

Se sei nei tuoi 30 anni e sei diventato genitore per la prima volta (o lo diventerai a breve), ogni anno di vita del tuo piccolino sarà unico: per tradurlo in numeri (da fottuto ingegnere quale solo), questo significa che potrai vivere solo 52 fine settimana con tuo figlio o tua figlia di 2 anni.

Non uno in più.

Se poi hai avuto la fortuna di assistere alla magia del Natale attraverso gli occhi di un bambino, sappi che potrai assistere a quello stupore, all'attesa per Babbo Natale e alla trepidazione per i regali per non più di 7-8 volte nella tua vita di genitore.

40 anni

Se sei nei tuoi 40 anni e hai la fortuna di avere entrambi i tuoi genitori ancora in vita, ma magari per lavoro hai scelto di vivere lontano (colpevole!), in media, tra feste, compleanni e altre occasioni, avrai in totale non più di 60-70 giorni effettivi da trascorrere ancora insieme a loro (circa due mesi).

A volte, senza preavviso, la vita te ne concederà meno. Dannatamente meno.

Per concludere, qualsiasi sia la tua età, se vuoi la mazzata finale, quel genio di Tim Urban ha pensato di mettere la brevità della nostra esistenza nero su bianco, in uno schemino tanto semplice quanto disarmante.

Eccola lì la nostra vita in tutta la sua limitatezza, un migliaio di pallini che rappresentano ognuno un mese di vita di un essere umano che ha la fortuna di arrivare a 90 anni:

La tua vita in mesi

Lo so, lo so non leggi certo EfficaceMente per farti deprimere ancor di più. Per quello bastano e avanzano i Telegiornali.

Eppure questa prima intuizione sull'intrinseca brevità della vita, mi ha portato alla seconda e più importante intuizione...

2) Non ho più tempo per le stronzate (e neanche tu)

Riunioni inutili. Persone che ti vomitano addosso i loro problemi emotivi irrisolti. Burocrazia asfissiante. Liti evitabili. Abitudini che ti creano dipendenza svuotandoti dentro. Paure ingiustificate. Competizione dell'apparenza sociale e social. Incompetenza disarmante. Promesse a te stesso puntualmente disattese. Ignoranza prepotente.

Siamo talmente assorbiti nei ruoli che abbiamo imparato ad interpretare nella nostra vita, da non accorgerci di quante stronzate stiamo tollerando per proteggere l'immagine che di noi vogliamo dare al mondo.

Nello specifico esistono due tipologie di stronzate:

  • Quelle che siamo costretti a subire.
  • Quelle che scegliamo di subire (più o meno consapevolmente).

Le stronzate che siamo costretti a subire

Fatica da Zoom

A meno che tu non decida di ritirarti in un Eremo in mezzo alle montagne e vivere di preghiere e doni della terra, per stare in società dovrai sempre tollerare un certo numero di stronzate, soprattutto legate al tuo lavoro.

Quel "certo numero" però è sotto il tuo controllo più di quanto potresti immaginare, a patto però che tu sia in grado di crearti...

Un'alternativa

Dopo la laurea in Ingegneria sono entrato come stagista in una nota società di consulenza.

Era il novembre del 2007 e ad ottobre del 2008 (nel pieno della grande crisi finanziaria) ho registrato il dominio e pubblicato il primo articolo di EfficaceMente.

All'epoca non avrei mai immaginato che quel "progettino personale" si sarebbe trasformato in una vera e propria azienda internazionale con fatturati milionari, ma dopo 11 mesi nel mondo del lavoro una cosa mi era chiara...

Se non vuoi essere costretto a tollerare le stronzate di capi frustrati e clienti inaciditi fino alla pensione, devi lavorare da subito ad un'alternativa.

Scopo di questa alternativa deve essere quello di farti raggiungere quanto prima la "posizione del fottiti".

E intendiamoci, crearsi un'alternativa non vuol dire necessariamente diventare imprenditore o lasciare il posto fisso.

  • Se sei un libero professionista, questo può significare sbarazzarti di clienti tossici o creare nuove tipologie di servizi che fatturino indipendentemente dal tuo tempo.
  • Se sei un dipendente (e intendi rimanerlo), puoi crearti un'alternativa acquisendo nuove competenze che ti permettano di scegliere un posto e un datore di lavoro stronzate-free.

In generale, crearsi un'alternativa vuol dire rendere la tua vita e la tua professione quanto più:

  • Flessibili. Ovvero hai un elevato grado di controllo sul tuo tempo.
  • Indipendenti. Ovvero il tuo lavoro e la tua vita non sono legati a doppio filo con un luogo geografico, una Stato, un numero limitato di clienti, etc.
  • Antifragili. Ovvero riesci a prosperare grazie ai cambiamenti, invece di subirne le conseguenze.

Sì, lo so a livello teorico sembra tutto così facile, ma poi a livello pratico ci scontriamo inevitabilmente con i tanti limiti che si sono sommati negli anni nella nostra vita.

Per iniziare a minimizzare il numero di stronzate che sei costretto a subire però, il primo passo è... creare il tempo necessario per creare la tua alternativa.

Ma di questo parleremo più avanti.

Vediamo ora la seconda tipologia di stronzate.

Su queste sì che possiamo intervenire da subito e farlo ci aiuterà a trovare i primi scampoli di tempo per ridurre anche la prima tipologia.

Le stronzate che scegliamo di subire

social media

Le stronzate che si insinuano nelle nostre giornate e che in qualche modo scegliamo di subire sono in assoluto le più subdole.

Un esempio?

Il tempo che sprechiamo sui social media, magari in feroci discussioni sulla uallera giapponese che intavoliamo con perfetti sconosciuti o a consumare trilioni di stories, reels e meme spazzatura.

Secondo un recente studio, in media trascorreremo 6 anni e 8 mesi della nostra vita a scrollare i social media.

6 ANNI E 8 MESI (let it sink in).

Riesci ad immaginare come sarebbe la tua vita se avessi 6 anni e 8 mesi da dedicare per intero ad un tuo sogno, uno qualsiasi?!

Indovina, ce li hai, devi solo disinstallare quel ca**o di app dal tuo telefonino.

E vuoi sapere il colmo?!

Prima di completare questo stesso paragrafo mi sono interrotto per controllare un messaggio su... Instagram!

Io, l'autore di "Riconquista il tuo tempo", quello che da anni smarona i suoi lettori con i rischi della dipendenza da social media!

Ma il punto è proprio questo: la lotta contro questi giganti del tech è una lotta impari.

Siamo noi e la nostra limitata forza di volontà contro team di ingegneri che lavorano 24 al giorno, 7 giorni su 7, per succhiarci fino all'ultimo istante di attenzione.

Con il migliorare dell'hardware, sempre più immersivo, e dei software, sempre più sofisticati, ci troveremo a fronteggiare nuovi servizi e nuovi social che ci renderanno completamente dipendenti in poche sessioni.

Ecco perché per liberarci delle stronzate che si insinuano furtive nelle nostre giornate, dobbiamo imparare a dedicare attivamente tempo a ciò che conta davvero nella nostra vita.

Ma per farlo dobbiamo innanzitutto capire cos'è che conta davvero nella nostra vita.

Per quanto mi riguarda, in questi tre mesi trascorsi nelle Marche ho realizzato con ancor più forza che fare attività sportiva in mezzo alla natura è una di quelle cose che contano davvero per me, motivo per cui sto iniziando a coltivare hobby e passioni che mi permettano di farlo con maggiore costanza.

Quando hai qualcosa che ti attira veramente, qualcosa a cui tieni e che ti fa stare bene, il tempo per le stronzate tende a ridursi drasticamente.

Per concludere (senza sprecare altra tua vita...)

treno

Sì, la vita è breve. Fottutamente breve. Era bene ribadirlo.

E purtroppo ne spendiamo buona parte in stronzate. Stronzate che ci vengono imposte e che dobbiamo tollerare (fino ad un certo punto) e stronzate che più o meno consciamente scegliamo di subire. E anche questo era bene ribadirlo.

Perché nonostante ne siamo consapevoli (almeno razionalmente), continuiamo a dare per scontato che avremo tempo.

Ci raccontiamo che avremo tempo per...

  • Scrivere quel libro.
  • Fare quel viaggio con i nostri genitori.
  • Avviare quel nostro progetto.
  • Dire a quella persona speciale cosa proviamo davvero.

...finché la vita, in tutta la sua brutale onestà un giorno ci ricorda che il treno è ormai passato.

Ma oggi sei ancora in tempo.

Elimina senza pietà quante più stronzate possibili dalla tua vita. Non aspettare a dedicare tempo a ciò che conta davvero. Assapora ogni istante di vita ben vissuta.

La vita è breve e prenderne consapevolezza è un dono.

Andrea Giuliodori.

Post Scriptum

Ti avevo promesso di parlarti più avanti di come creare tempo nella tua vita, tempo da dedicare alla tua alternativa (o a qualsiasi altra cosa ti faccia star bene).

Nell'articolo ho cercato di fornirti una chiara direzione a riguardo, ma qui su EfficaceMente, negli ultimi 12 anni mi sono impegnato a condividere con i miei lettori consigli pratici e strategie concrete per aiutarli a realizzare i loro obiettivi.

A tal proposito, in vista dell'apertura delle iscrizioni al nostro video-corso avanzato Crea Tempo, ho deciso di condividere con tutti i lettori del blog un instant course gratuito chiamato "60 minute challenge".

60 minute challenge

Si tratta di 10 brevi lezioni erogate direttamente via email in cui scopriremo insieme i "10 vampiri del nostro tempo" (e come sconfiggerli).

...e visto che questo è un articolo a basso contenuto di stronzate, sì, il mini-corso gratuito sarà anche un modo per me per presentarti il corso avanzato a pagamento, di cui apriremo le iscrizioni a brevissimo.

Nel consueto stile di EfficaceMente, però, ogni singola lezione del instant course gratuito ti fornirà una tonnellata di valore, ma soprattutto ti fornirà strumenti concreti per liberare almeno 60 minuti al giorno da dedicare alla tua "alternativa" o a qualsiasi altro hobby o progetto personale.

Per partecipare gratuitamente alla "60 minute challenge" non devi fare altro che iscriverti usando il form qui sotto. E no, tranquillo, l'iscrizione al mini-corso non ti impegna ad iscriverti anche al video-corso avanzato a pagamento 😉

Inserisci il tuo nome e la tua email qui sotto per partecipare alla "60 minute challenge":

Se non riesci a visualizzare il form puoi iscriverti alla "60 minute challenge" direttamente da questa pagina (clicca qui). Pps. (l'ultimo, promesso) Per caso l'uso eccessivo del termine "stronzate" in questo articolo ti ha infastidito?

Beh, diciamo che è stato in parte voluto.

Se sei arrivato fin qui, vorrei farti riflettere su un'ultima cosa: la nostra vita è troppo breve per sprecarla a sentirci offesi.

Buona settimana.

"Mi hanno accusato di essere volgare. Beh, penso che sia una stronzata!"

Mel Brooks.

[post_title] => La vita è troppo breve per fare questa cosa [post_excerpt] => Ci sono momenti della nostra vita che ci fanno realizzare quanto la nostra vita sia davvero breve. Prenderne consapevolezza può essere l'inizio della nostra vera vita. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => vita-breve [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-13 11:34:19 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 09:34:19 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27133 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 87 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 42 [max_num_pages] => 9 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => df2ee8e601fca0609b0109007ec8f8bd [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

La vita è troppo breve per fare questa cosa

Ci sono momenti della nostra vita che ci fanno realizzare quanto la nostra vita sia davvero breve. Prenderne consapevolezza può essere l'inizio della nostra vera vita.

87
9 min
87
9 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Minimalismo digitale: ritrovare focus in un mondo sempre più distratto

Probabilmente non è la prima volta che senti parlare di "minimalismo", ma sai cos'è il "minimalismo digitale"? Scopriamolo in questo nuovo articolo di approfondimento di EfficaceMente.

43
10 min
43
10 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Le migliori app per aumentare la tua produttività

Quali sono le migliori app per la tua produttività? Scopriamo insieme alcuni dei software più utili per massimizzare i risultati!

8 min
8 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

7 errori che stanno distruggendo la tua produttività (e come evitarli)

Perché a volte non riusciamo a spingere la nostra produttività al massimo? Proviamo a scoprirlo, individuando alcuni errori da evitare...

2
5 min
2
5 min
Gestione Del Tempo
Gestione Del Tempo

Dipendenza da smartphone: 3 tecniche di Difesa Personale Digitale (DPD™)

La dipendenza da smartphone sta diventando un problema serio per milioni di persone. Nel mio primo TEDx racconto come è stata progettata a tavolino nelle stanze segrete della Silicon Valley e quali strategie pratiche possiamo adottare per difenderci.

23
10 min
23
10 min
Loading...
Loading...
Loading...
Loading...