Ecco i migliori articoli di EfficaceMente sulla Crescita Personale.

Decidere di investire sulla propria crescita personale significa intraprendere un percorso arduo ed interminabile, ma ad ogni tappa apprezzerai il valore della tua scelta.

“Quando non siamo più in grado di cambiare una situazione, siamo chiamati a cambiare noi stessi.”

Viktor Frankl.

Nel mondo dello sviluppo personale aleggia da decenni una leggenda metropolitana dura a morire: basta un libro o un corso di formazione per avere una sorta di folgorazione che cambierà la nostra vita in un lampo.
Ovviamente le cose non stanno così. La crescita personale, quella vera, è un processo di miglioramento lento su cui dobbiamo lavorare giorno dopo giorno.

Per avere un metodo di studio efficace, non basta imparare qualche tecnicuccia di memoria.
Non smetteremo di essere dei procrastinatori incalliti o dei frignoni con bassa autostima dal giorno alla notte.
Per avere un inglese fluente non basta una vacanza studio di un paio di settimane.

Per creare un solido percorso di crescita personale bisogna partire dalle buone abitudini e concentrarsi sui piccoli progressi: poche cose importanti, ogni giorno, eliminando il resto.

Puoi iniziare il tuo percorso di crescita personale da qui: in questa sezione del blog ho raccolto le migliori strategie pratiche per accompagnarti in questo impegnativo ma meraviglioso viaggio.

Troverai consigli per affrontare i cambiamenti, superare gli ostacoli più insidiosi e avere maggior consapevolezza di te stesso.

Qualunque sia il tuo obiettivo o l’area della vita in cui senti di dover dare una svolta, qui troverai le strategie adatte per affrontare questo percorso.

Articoli di categoria
Più Letti
Ultimi
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => crescita-personale
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => crescita-personale
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 678
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => crescita-personale
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => crescita-personale
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (150)
) AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_categoria' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12162
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2014-03-11 01:10:35
                    [post_date_gmt] => 2014-03-11 00:10:35
                    [post_content] => Se ancora non hai capito cosa fare nella vita, lascia stare i viaggi spirituali in India: dai una risposta a queste 10 domande ed inizia a realizzare il tuo sogno oggi stesso.

La settimana scorsa ti ho parlato di quanto sia importante non arrendersi mai, non mollare la presa e continuare a lottare, sempre e comunque.

Sì, belle parole, ma lottare per cosa?

Tecniche anti-procrastinazione, stratagemmi di produttività personale e trucchi per la gestione del tempo sono del tutto inutili se non abbiamo la più pallida idea di cosa fare nella vita.

Senza una stella polare che ci guidi lungo la traversata, rischiamo di andare alla deriva, o ancor peggio di ormeggiare nel primo porto lungo la via, dimenticando che la nostra esistenza può riservarci molto più di qualche caraffa di birra in una squallida osteria.

Avere uno scopo nella vita ci permette di superare qualsiasi ostacolo, ci aiuta a capire cos'è importante e cosa invece ci sta rubando solo tempo ed energie, ci consente di ritrovare la motivazione anche nei giorni più bui.

Già in passato ti ho proposto due esercizi pratici per trovare il tuo scopo. Questo è fondamentale per capire come essere se stessi nella vita di tutti i giorni.

I tanti commenti e le email dei lettori mi hanno fatto capire che serviva qualcosa di più, un articolo che potesse dissipare quella nebbia che spesso ci avvolge...

"nel mezzo del casin di nostra vita" (cit.).

Ho deciso allora di condividere con te 10 domande, domande che mi sono posto nel corso degli anni e che mi hanno aiutato (e mi stanno aiutando) a dare la giusta direzione alla mia esistenza. Mi auguro che possano dimostrarsi per te altrettanto potenti.

 

Cosa voglio fare nella vita?

Magari è successo poco prima di scegliere l'università, forse è stato al termine di quell'importante storia di amore, oppure lo fai ogni mattina  prima di smarcare il cartellino per un lavoro che odi.

Poco importa.

Molti di noi si sono posti almeno una volta la fatidica domanda: "cosa voglio fare nella vita?".

Il mitico Corrado Guzzanti direbbe:

"La risposta è dentro di te, epperò è sbagliata."

Quelo.

Io sono un po' più ottimista: se ancora non hai trovato la risposta a questa domanda è perché non hai cercato abbastanza bene.

Per guidarti in questa ricerca ho preparato per te 10 domande per capire cosa vuoi fare nella vita. 

Prendi carta e penna o, come ho fatto io a suo tempo, crea una nuova nota in Evernote.

Ricorda: non esistono risposte giuste o sbagliate, esistono solo le tue risposte.

Scrivile di getto, non permettere alla tua parte razionale di prendere il sopravvento.

Alcune delle risposte che troverai non saranno una novità per te, ma altre potrebbero davvero accendere una lampadina.

Ecco le 10 domande che ho preparato per te:

  1. Per cosa sei disposto a soffrire oggi? Ammettilo non te lo aspettavi un inizio così. I para-guru ci chiedono sempre di pensare a cosa ci renderà felici, a cosa ci farà stare bene, a cosa ci darà piacere. Queste sono domande semplici. Chiediti invece per cosa sei disposto a soffrire, a fare sacrifici, a lottare con le unghie e con i denti, perché sono queste le cose davvero importanti nella tua vita.
  2. Come ti immagini la tua vita tra 5 anni? Siamo così presi dalle nostre routines quotidiane, che non ci concediamo mai il tempo per visualizzare (e costruire) il futuro dei nostri sogni. Prenditi 5 minuti, scrivi nei minimi dettagli quella che sarà la tua vita tra 5 anni. Chi sei? Quali obiettivi hai raggiunto? Quali ostacoli hai superato? Chi c'è al tuo fianco? Dove vivi? Che emozioni provi? Com'è la tua giornata tipo? Definisci la tua nuova realtà e poi, ogni giorno, visualizza te stesso mentre la raggiungi (mi raccomando, quando fai le tue visualizzazioni, non commettere questo errore).
"Se non sai dove stai andando, non ci arriverai mai."

Lewis Carroll.

  1. Cosa faresti se non avessi paura? La paura è un meccanismo evolutivo che ci ha salvato le chiappe più e più volte nel corso dei millenni; ma oggi, che non dobbiamo più lottare contro bestie selvagge o altri pericoli della natura, la paura si dimostra spesso un freno irrazionale che non ci consente di vivere appieno la nostra vita. Se vuoi capire cosa fare nella tua vita, togli la variabile della paura dall'equazione: un ottimo modo per farlo è utilizzare la tecnica del "come se".
  2. Cosa faresti se fossi sicuro di non poter fallire? Tra le paure che ci paralizzano, la paura del fallimento è una delle più potenti: in cosa ti lanceresti, oggi stesso, se fossi certo di non poter fare fiasco?
  3. Quali sono i tuoi 3 più grandi talenti? "Guadagna grazie alle tue passioni", "Trasforma ciò che ami nella tua fonte di reddito", "Fai soldi con i tuoi hobbies": internet è tappezzato di annunci di questo tipo, io stesso ho scritto un articolo in cui spiego come creare un reddito passivo grazie alle proprie passioni. In quel post però dico anche una cosina che molti dimenticano: "lo scopo della tua vita è il punto di intersezione tra le tue più grandi passioni ed i più grandi bisogni del mondo". Non basta essere appassionato di qualcosa per farne lo scopo della propria vita, devi anche dimostrare un oggettivo talento in ciò che vuoi fare. Chiediti allora quali sono i tuoi talenti più grandi, in cosa gli altri ti riconoscono capacità inusuali, per quali tue abilità uniche una persona sarebbe disposta a tirare fuori dei soldi dal portafoglio.
  4. Se ti rimanesse un'ora di vita, come la spenderesti? Navigando su Facebook? Seriously? Ti auguro una vita lunga e piena di soddisfazioni (e dai, smettila di ravanarti!), ma la verità è che ognuno di noi se ne va in giro con un'etichetta invisibile in cui è stampata la propria data di scadenza. Forse è un'immagine sgradevole, ma per quanto tu possa esserne infastidito, non potrai mai cambiare questa semplice verità. Prenderne consapevolezza, al contrario, può aiutarti a comprendere cosa vuoi davvero fare della tua vita. Se ti serve un'altra spintina, ti consiglio di leggere la lettera di Seneca a Lucilio.
  5. Quando è stata l'ultima volta che ti sei sentito vivo? Riesci a ricordare cosa stavi facendo l'ultima volta che hai provato un'irrefrenabile sensazione di felicità? Se non hai ancora trovato la tua direzione nella vita, questi momenti di contentezza sono le "molliche di pane" che ti aiuteranno a trovare la giusta strada. Un consiglio: nel mio diario personale ho una pagina speciale in cui da anni raccolgo i momenti più felici della mia vita. Rileggerli di tanto in tanto mi ha aiutato a capire cosa davvero volessi fare negli anni a venire. Ps. se non riesci a ricordare l'ultima volta che sei stato felice, forse dovresti iniziare ad applicare un po' più spesso la Legge del Camion della Spazzatura.
  6. Quali sono le 5 cose per te più importanti? Hai presente quei film post-apocalittici in cui la Terra è stata colpita da un virus/asteroide/attacco alieno ed i pochi sopravvissuti si ritrovano a vivere come ai tempi dei cavernicoli? Bene, se accadesse davvero, quali sarebbero le 5 cose che ti mancherebbero di più? Queste 5 cose sono molto probabilmente le costanti della tua vita: qualunque cosa deciderai di fare, tienile bene a mente Ps. no, la Nutella non è tra le risposte accettabili.
  7. Quale lavoro saresti disposto a fare anche gratis? Per 2 anni e mezzo ho dedicato gran parte del mio tempo libero ad EfficaceMente, senza guadagnarci un euro: questo perché i soldi, per quanto possa adorare farli, non sono l'unica motivazione che mi hanno spinto a creare il blog. Oh, ma che buon samaritano che sei André: mi è scesa una lacrimuccia. Te lo scordi che io lavori a gratise! Tu quale lavoro saresti disposto a fare ogni giorno, con sacrificio, se sapessi che non c'è nessuno stipendio che ti aspetta a fine mese? Questa domanda è la migliore risposta che posso dare a tutte le persone che sono tormentate dal famigerato: "non so che lavoro fare". Stesso discorso vale se sei uno studente e non sai che università scegliere: chiediti per quali materie sei disposto a studiare 10 ore al giorno, nei weekend e quando i tuoi amici se la spassano al mare. Beh, a dirla tutta, applicando il metodo Sm2 potresti riuscire a preparare il doppio degli esami in metà del tempo, ma anche il migliore dei metodi di studio richiede impegno e pratica costante: per quale corso universitario sei disposto a mettere questo impegno?
  8. Chi è la persona che ammiri di più al mondo? Ognuno di noi ha i suoi modelli di riferimento, ovvero persone la cui vita rappresenta una continua fonte di ispirazione. Questi modelli possono dirci molto su chi siamo e su chi vogliamo diventare. Cerca di capire cosa ammiri così tanto di questa persona e capirai cosa vuoi davvero raggiungere nella tua vita.

Sei riuscito a dare una risposta a queste 10 domande? Mi auguro di sì, ma se anche non ci fossi riuscito subito, spero che le risposte che troverai ti aiutino finalmente a capire cosa desideri davvero, perché quando lo capirai diventerai inarrestabile.

Ah dimenticavo... per quello che vale, vorrei salutarti con questo spezzone del film "Lo strano caso di Benjamin Button". Buona settimana. Andrea.

 
  [post_title] => 10 Domande per capire cosa fare nella vita [post_excerpt] => Se ancora non hai capito cosa fare nella vita, lascia stare i viaggi spirituali in India! Fuggire non è la soluzione alla nebbia che hai in testa. Dai una risposta a queste 10 domande, trova la tua strada ed inizia a realizzare il tuo sogno oggi stesso. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => cosa-fare-nella-vita [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2012/05/reddito-passivo/ http://www.efficacemente.com/gestione-tempo/morire-ogni-giorno/ http://www.efficacemente.com/imparare-a-studiare [post_modified] => 2021-10-27 00:09:29 [post_modified_gmt] => 2021-10-26 22:09:29 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=12162 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 143 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 18965 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-12-26 01:10:39 [post_date_gmt] => 2016-12-26 00:10:39 [post_content] => 52 libri consigliati per la tua crescita personale.  

Nel corso degli anni ho parlato spesso di libri consigliati qui su EfficaceMente, soprattutto testi inerenti la crescita personale (ma non solo).

Da un po' di tempo però, diversi lettori mi stanno chiedendo una lista definitiva e aggiornata di quelli che considero i migliori libri di crescita personale, insomma quei libri da leggere assolutamente se si desidera intraprendere un percorso di formazione.

Ho pensato allora di dedicare l'ultimo articolo del 2016 proprio a questa lista di libri consigliati.

Ne ho inseriti 52: un libro a settimana, come consigliato in questo famoso articolo (Ps. prima di scandalizzarti: è una semplice provocazione per invitarti a leggere di più :-)).

Vuoi intraprendere un percorso di crescita personale? Ecco i libri consigliati

Questa lista di libri consigliati non segue un particolare ordine e non necessariamente tutti i titoli che troverai rientrano nella definizione classica di manuali di self-help.

Ho però immaginato alcune categorie per aiutarti a navigare tra questi testi.

Ti consiglio quindi di leggere questo articolo dall'inizio alla fine e poi soffermarti su quei titoli che ti ispireranno di più. Spesso ho trovato i libri migliori proprio così ;-)

Iniziamo dagli imperdibili.

Ps. alcuni di questi libri sono disponibili solo in lingua inglese. Sono anni ormai che leggo questo tipo di manuali solo in lingua originale: trovi i titoli migliori ed eviti traduzioni di me...lma.

Se per l'inglese non sei proprio negato, ti consiglio di cimentarti nei testi in lingua originale!

I 10 libri di crescita personale imperdibili

  1. Come trattare gli altri e farseli amici - Dale Carnegie. È stato il mio primo libro di crescita personale in assoluto: letto a 18 anni dopo averlo ricevuto in regalo da un imprenditore durante uno stage. Più passano gli anni e più rimane attuale. Da leggere.
  2. Le 7 regole per avere successo - Stephen R. Covey. Non ricordo se è stato il secondo o il terzo manuale che ho letto sul tema, diciamo che comunque mi è andata molto bene, perché il libro di Covey è un altro pilastro per tutti gli appassionati di formazione.
  3. The slight edge - Jeff Olson. Questo libro, non ancora tradotto in italiano, è senza dubbio il mio libro di personal development preferito degli ultimi 5 anni. Mentirei se dicessi che la sua filosofia delle piccole azioni quotidiane non ha influenzato il mio (per)corso annuale #365 - Un anno epico.
  4. Pensa e arricchisci te stesso - Napoleon Hill. Hill è stato un autore per certi versi controverso e onestamente non mi sento di sposare ogni singola pagina di "Think and grow rich" (titolo originale in inglese), ma rimane comunque uno dei capisaldi dello sviluppo personale e bisogna leggerlo, anche fosse solo per capire come sono nati decine di altri testi sullo stesso filone.
  5. Psicocibernetica - Maxwell Maltz. Scritto nel 1960 dal chirurgo estetico Maltz, il libro è in parte superato (es. abitudini che si possono formare in 21 giorni, etc.), ne consiglio però la lettura a chiunque si avvicini al mondo della formazione.
  6. Autostrada per la ricchezza - M.J. DeMarco. Il miglior libro sulla crescita finanziaria degli ultimi anni. Punto.
  7. Il monaco che vendette la sua Ferrari - Robin Sharma. Ho il timore che se leggessi oggi il best-seller di Sharma ne rimarrei terribilmente deluso, eppure rimane uno dei miei primi 5 libri di crescita personale e non potevo non includerlo in questa categoria.
  8. La via del guerriero di pace - Dan Millman. Sicuramente non un manuale "tecnico", ma mi sento di consigliarlo a chi è in cerca di ispirazione in questo periodo.
  9. Il potere di adesso - Eckhart Tolle. Santone? Guru? Forse, fatto sta che ricordo ancora come mi sono sentito dopo aver letto "The power of now" ed era una bella sensazione.
  10. 4 ore alla settimana - Tim Ferriss. Se non fosse stato per il libro di Ferriss probabilmente EfficaceMente non sarebbe neanche nato; quindi nonostante la traduzione italiana sia pessima (e la versione inglese non sia scritta tanto meglio), nonostante gli 11 anni dalla data di pubblicazione si inizino a sentire, "4-hour work week" è un libro che bisogna leggere.

Libri consigliati di psicologia

Inutile negare lo stretto legame che esiste tra crescita personale e psicologia. Ecco i testi di alcuni dei più noti psicologi e psicoterapeuti che voglio includere in questo articolo.

  1. Come smettere di Farsi le seghe mentali e godersi la vita - Giulio Cesare Giacobbe. Imperdibile!
  2. Alla ricerca delle coccole perdute - Giulio Cesare Giacobbe. Altro libricino dello psicoterapeuta genovese che chiunque dovrebbe leggere.
  3. La paura è una sega mentale - Giulio Cesare Giacobbe. Chiudo il trio di libri di G.C.G con questo testo dedicato alla paura: una delle peggiori nemiche della nostra crescita personale.
  1. Intelligenza emotiva - Daniel Goleman. Devo confessarti che non sono un grande amante di Goleman, ma ci sono almeno 3-4 milioni di persone a cui vorrei consigliare questo suo libro!
  2. Psicosoluzioni - Giorgio Nardone. Chi mi segue da diversi anni sa quanto apprezzi il Prof. Nardone. Questo e il successivo sono due dei suoi testi che non potevano mancare nella mia lista dei libri consigliati.
  3. Psicotrappole - Giorgio Nardone. Da leggere in coppia con il precedente.
  4. Resisto dunque sono - Pietro Trabucchi. Quando sento certi personaggi da avanspettacolo parlare di resilienza, immagino Trabucchi che si mette le mani nei capelli. Leggi questo libro e scopri cosa sia la vera resilienza.
  5. Perseverare è umano - Pietro Trabucchi. Un'ottima "seconda parte" del primo libro sulla resilienza di Trabucchi.
  6. Grit - Angela Duckworth. Un libro dedicato ad un tema a me caro... la tigna!
  7. Quiet - Susan Cain. I miei lettori più affezionati lo sanno bene: non amo la crescita personale urlata, fatta di luci da palco, paillettes e corse sulla carbonella. Sono orgogliosamente introverso e questo libro può aiutarti a capire che non c'è nulla di sbagliato in te se a volte ami startene per i fatti tuoi ;-)
libri-consigliati-quiet-susan-cain

Produttività personale e gestione del tempo

In questa lista di libri consigliati di EfficaceMente non poteva naturalmente mancare la categoria produttività personale.

Ecco alcuni libri che ti aiuteranno a fare il doppio delle cose in metà del tempo (beh, più o meno).

  1. Riconquista il tuo tempo - Andrea Giuliodori. Ok, mettere il proprio libro in una lista di libri consigliati è un po' una poracciata... ma a leggere le decine di recensioni lasciate su Amazon, sembrerebbe che valga davvero la pena leggerselo ;-)
  2. Una cosa sola - Gary Keller. Quando capirai che il multitasking è il peggiore nemico della tua produttività, inizierai a lavorare in maniera davvero efficace.
  3. Dritto al sodo - Greg McKeown. Non ero sicurissimo se inserire il libro di McKeown in questa categoria. Mi saprai dire se ho fatto la scelta giusta dopo che lo avrai letto ;-)
  4. The 12 week year - Brian P. Moran. Un'idea tanto semplice quanto efficace. Uno dei libri di produttività personale che più ho apprezzato negli ultimi anni.
  5. Le 4 discipline dell'Execution - Sean Covey. Non ero a conoscenza della versione italiana di questo libro del figlio di Stephen Covey, finché non l'ho cercato su Amazon. Spero che la traduzione del resto del libro non sia pessima come quella che hanno fatto per il titolo! Detto questo, il libro offre un sistema di efficacia particolarmente indicato per i team di lavoro. Molto interessante.
  6. The power of full engagement - Tony Schwartz. Se pensi che per essere più efficace devi imparare a gestire meglio il tuo tempo, sei fuori strada...
  7. Deep work - Cal Newport. In quest'era di distrazioni digitali il libro di Cal Newport ti aiuterà a ritrovare focus e concentrazione.
  8. Il principio 80/20 - Richard Koch. Koch è uno di quei personaggi che ammiro profondamente. A differenza dei classici formatori da palco che prima di scoprirsi dei guru illuminati vendevano aspirapolveri porta a porta, Koch è un ex-consulente di direzione, diventato uno dei più importanti investitori in UK grazie al suo fondo di Private Equity. Un personaggio i cui consigli vanno ascoltati con attenzione.
  9. Smartcuts - Shane Snow. Se vuoi scoprire come ragazzini di 20-25 anni riescano a creare imperi partendo da startup innovative, il libro di Snow può svelarti i loro segreti di produttività personale. Per un'anteprima sui concetti chiave del testo, leggi questo mio articolo.
  10. Detto, fatto - David Allen. Considero per molti versi macchinoso e ormai superato il metodo GTD, motivo per cui lo metto per ultimo in questa categoria. Se però vuoi imparare a lavorare in maniera efficace, questo è uno dei testi che non puoi non leggere.
libri-consigliati-detto-fatto-david-allen

Biografie

Le biografie non rientrano propriamente nella definizione di manuali di self-help, anzi.

Sono però fermamente convinto che conoscere nei dettagli la vita di personaggi fuori dal comune, spesso sia più utile di un semplice libro di crescita personale. Ecco alcune delle mie biografie preferite:

  1. Elon Musk - Ashlee Vance. C'è poco da fare, Musk è un genio poliedrico e leggere la sua biografia non potrà non ispirarti a pensare in grande. Consigliatissimo.
  2. Titan: the life of John D. Rockfeller - Ron Chernow. Personaggio molto controverso, Rockfeller è stato nel XIX secolo l'uomo più ricco del mondo, con un patrimonio stimato di 395 miliardi di dollari (se rivalutato ai nostri giorni). Una delle migliori biografie su uno dei più grandi "titani" dell'industria moderna.
  3. Steve Jobs - Walter Isaacson. Su Jobs sono stati scritti decine di libri, ma la biografia di Isaacson rimane senza dubbio la migliore.
  4. Tutta la mia vita - Arnold Schwarzenegger. La storia del muratore austriaco che divenne governatore della California. Imperdibile.

Libri consigliati sul tema meditazione

La pratica meditativa è una delle migliori abitudini che abbia acquisito negli anni.

Esistono molti libri sul tema, ma non tutti meritano. Ecco i miei preferiti:

  1. Manuale di meditazione - Claudio Lamparelli. Libro poco conosciuto di un ottimo autore italiano. Io lo considero il più pratico per chi vuole iniziare a meditare.
  2. Libera la mente - Andy Puddicombe. Il libro di Puddicombe non lo definirei un vero e proprio capolavoro, ma il fondatore dell'app Headspace è un personaggio che sul tema meditazione si è ritagliato un ruolo importante.
  3. Dovunque tu vada, ci sei già - Jon Kabat-Zinn. Kabat-Zinn è senza dubbio il precursore del movimento mindfulness che tanto si è sviluppato in occidente negli ultimi anni e, cosa che non guasta, è uno studioso rigoroso. I suoi libri meritano di essere letti.
  4. Spegni il fuoco della rabbia - Thich Nhat Hanh. Non so se fa lo stesso effetto a tutti, ma a me basta leggere uno dei libri del monaco vietnamita per ritrovare la serenità. Prova e fammi sapere ;-)
libri-consigliati-spegni-il-fuoco-della-rabbia

Altri libri di crescita personale (e non solo) che ti consiglio di leggere

Questi ultimi libri non saprei categorizzarli in maniera precisa, ma ognuno di essi mi ha lasciato qualcosa e ci tenevo ad inserirli in questa lista definitiva di libri consigliati di EfficaceMente.

  1. Hagakure. Il libro segreto dei samurai - Yamamoto Tsunetomo. C'è stato un periodo in cui leggevo e rileggevo una pagina al giorno di questo libro. Ne sono letteralmente innamorato.
  2. The subtle art of not giving a f*ck - Mark Manson. Libro recentissimo scritto da uno dei migliori blogger americani di sviluppo personale in circolazione.
  3. The obstacle is the way - Ryan Holiday. Gli antichi principi della filosofia stoica applicati alla frenetica vita moderna.
  4. Lettere a Lucilio - Seneca. Che c'entra un autore romano di 2.000 anni fa con la crescita personale? C'entra, c'entra. Leggiti ad esempio questa lettera sul tempo.
  5. Il gabbiano Johnatan Livingston - Richard Bach. Romanzo breve. Storia che ti ricorderà l'infanzia. Lo puoi leggere in una sera.
libri-consigliati-il-gabbiano-johnatan-livingston
  1. Le armi della persuasione - Robert Cialdini. Se sei curioso di capire quali sono le leve in grado di influenzare le decisioni delle persone, il libro di Cialdini è un must.
  2. Walden ovvero vita nei boschi - Henry David Thoreau. Walden è il resoconto di due anni di vita solitaria che Henry D. Thoreau trascorse fra il luglio del 1845 e il settembre del 1847 nella campagna del Massachusetts. Un libro vecchio quasi di due secoli, ma tremendamente attuale.
  3. So good they can't ignore you - Cal Newport. Un altro ottimo testo del Prof. Newport. Oddio, ad essere sinceri i suoi libri non sono scritti benissimo: li trovo un po' frammentari. Eppure propongono sempre idee innovative e argomentazioni molto solide. Da leggere.
  4. La dittatura delle abitudini - Charles Duhigg. Se vuoi capire come si formano le abitudini, come si possono sradicare quelle negative ed instaurare quelle positive, il libro di Duhigg è, a mio avviso, uno dei migliori testi sull'argomento.
  5. The art of learning - Josh Waitzkin. Bambino prodigio, campione di scacchi, cintura nera di Jiu-Jitsu brasiliano. Se c'è qualcuno che può insegnarti come si raggiunge l'eccellenza in una determinata disciplina, quello è Waitzkin.
  6. The defining decade - Mag Jay. Un libro che dovrebbe essere reso obbligatorio per tutti gli studenti al quinto anno di superiori. Se hai meno di 30 anni, leggilo.
  7. Chi ha spostato il mio formaggio - Spencer Johnson. Libricino semplice semplice, ma che è in grado di insegnarti una lezione molto importante sul cambiamento. Da leggere durante un viaggio in treno (o aereo).
  8. Non conta volere, ma volere contare - Paul Arden. Arden è stato a lungo il Direttore della Saatchi & Saatchi, una delle più importanti Advertising Company al mondo. Mi capitò di leggere questo libro per caso e ne rimasi subito folgorato. Brillante.
  9. Soldi: domina il gioco - Tony Robbins. Ho da sempre avuto un rapporto di "odio e amore" nei confronti del guru americano per eccellenza: Tony Robbins. A 20 anni ho adorato i suoi audio-corsi, che ascoltavo regolarmente ogni mattina mentre correvo. I suoi libri invece non mi hanno mai fatto impazzire, ma una lista di libri consigliati sulla crescita personale senza un testo di Robbins nun se po' vede'. Voglio allora chiudere questa carrellata con l'ultimo best-seller di Robbins, dedicato ai soldi e come gestirli al meglio per raggiungere la libertà finanziaria. Principi da conoscere e applicare.

Conclusioni

Bene, mi auguro di aver finalmente risposto alla fatidica domanda che spesso mi fanno i miei lettori: "Andrea, che libri mi consigli per iniziare?".

Naturalmente questa è la mia lista e quasi sicuramente avrò tralasciato qualche libro che tu consideri imperdibile.

Se è così, aggiungi pure titolo e autore nei commenti di questo articolo: te ne sarei davvero grato.

Per il resto... tempo di iniziare a leggere, ma soprattutto... tempo di iniziare ad applicare!

Ci rileggiamo nel nuovo anno.

Andrea.

[post_title] => Libri consigliati: 52 libri di crescita personale da leggere assolutamente [post_excerpt] => I libri sono stati senza dubbio i più importanti mentori durante il mio percorso di crescita personale. Ho pensato allora di raccogliere in questo articolo una "lista definitiva" di libri consigliati per tutti gli appassionati di formazione. Buona lettura! [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => libri-consigliati [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2013/12/morire-ogni-giorno/ http://www.efficacemente.com/2012/04/resilienza/ [post_modified] => 2021-08-13 10:20:24 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 08:20:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=18965 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 103 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 24938 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-01-13 01:10:53 [post_date_gmt] => 2020-01-13 00:10:53 [post_content] => Stai cercando delle frasi belle sulla vita? In questo articolo ho raccolto per te 100 aforismi di alcune delle menti più brillanti della storia, aforismi che ti accompagneranno e ti ispireranno nel tuo percorso di miglioramento personale.  

C'è chi colleziona francobolli, c'è chi colleziona monete, io colleziono... parole.

Da ormai quasi 20 anni ho l'abitudine di raccogliere e custodire gelosamente le frasi più belle che trovo nelle mie letture (libri di crescita personale, filosofia, letteratura, poesia, scienza).

Ne ho ormai collezionate a centinaia e ogni volta che ho bisogno di ispirazione sfoglio il mio archivio di frasi belle.

Farlo è un toccasana per l'anima.

In questo articolo di EfficaceMente ho raccolto per te 100 citazioni inedite della mia collezione.

Insomma, non le solite frasette da baci Perugina acchiappa like, ma riflessioni profonde scritte da saggi, artisti, poeti, guerrieri e statisti; frasi che esplorano la natura umana e parlano di:

  • Consapevolezza.
  • Coraggio.
  • Ispirazione.
  • Azione.
  • Ribellione.

Ti avverto: alcune di esse non sono immediate, e ti richiederanno alcuni attimi di riflessione. Ma il loro valore è anche in questo. Ho evitato volutamente di accompagnarle con una loro interpretazione, proprio perché voglio che queste parole decantino nella tua mente.

A volte una di queste frasi ti colpirà a livello viscerale, anche se non saprai bene il perché. Quando accadrà, concediti del tempo. Assorbi queste parole e se ne sarai incuriosito, esplorane il significato nelle tue ricerche.

Quando una frase ti colpirà, non sarà mai per caso, e la sua esplorazione ti darà indizi importanti su ciò di cui hai bisogno in questo momento della tua vita.

Detto questo, in alcuni casi mi sono permesso di linkarti degli articoli di EfficaceMente che possano darti una prima interpretazione :)

Spero sinceramente che queste frasi illuminino le tue giornate come le hanno illuminate a me per anni.

Iniziamo.

Frasi belle sulla consapevolezza

frasi sulla consapevolezza

Gran parte della nostra sofferenza deriva da una scarsa consapevolezza. A volte viviamo le nostre giornate in maniera ripetitiva, in superficie, persi tra i meandri dei nostri pensieri. Ritrovare consapevolezza è un po' come tornare a vedere la vita in technicolor.

Ecco alcune delle migliori frasi che ti ricorderanno questa semplice verità:
1. "Niente senza gioia."

Loris Malaguzzi.

2. "Vediamo il mondo in maniera errata e diciamo che esso ci inganna."

Rabindranath Tagore.

3. "Prima di valutare se una risposta è esatta si deve valutare se la domanda è corretta."

Immanuel Kant.

4. "Chi guarda fuori sogna; chi guarda dentro si desta."

Carl Gustav Jung.

5. "Se le porte della percezione venissero pulite, ogni cosa apparirebbe all’uomo com’è: infinita."

William Blake.

6. "Con le tue parole crei un mondo intorno a te."

Proverbio Navajo.

7. "Non ereditiamo la terra dai nostri antenati. La prendiamo in prestito dai nostri figli."

Proverbio dei nativi americani.

8. "Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare."

Arthur Conan Doyle.

9. "Spostati dal mio sole."

Diogene di Sinope ad Alessandro Magno, che gli chiedeva cosa desiderasse.

10. "I pensieri sono fattori efficaci dell’universo."

Novalis.

11. "La conoscenza è ciò che rimane nella memoria quando avete dimenticato tutto."

Édouard Herriot.

12. "Perché vedi il fuscello nell’occhio di tuo fratello e non vedi la trave nel tuo?"

Vangelo di Matteo.

13. "Il carattere è la metà del destino."

Raoul La Grasserie.

14. "Quando cammini, cammina. Quando mangi, mangia."

Detto Zen.

15. "Il tetto s’è bruciato: ora posso vedere la luna."

Mizuta Masahide.

16. "Un giorno sarai grande abbastanza da ricominciare a leggere le favole."

Clive Staples Lewis.

17. "È inutile sguainare la spada per tagliare l’acqua; l’acqua continuerà a scorrere."

Li bai.

18. "Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto."

Vangelo di Giovanni.

19. "Il pomeriggio conosce cose che il mattino nemmeno sospettava."

James Hillman.

20. "Maturare come l’albero, che non incalza i suoi succhi e sta sereno nelle tempeste di primavera senz’apprensione che l’estate non possa venire. Ché l’estate viene."

Rainer Maria Rilke.

21. "La discussione è inferiore al silenzio."

Liou Kia Hway.

22. "Credo che un filo d’erba non sia da meno del lavoro quotidiano delle stelle."

Walt Whitman.

23. "In un cuore colmo c’è spazio per tutto."

Antonio Porchia.

24. "Per la mente illuminata il mondo arde e scintilla di luce."

Ralph Waldo Emerson.

25. "Come egli pensa nel suo cuore, così egli è."

Proverbi 23, 7.

26. "Non sprecare lacrime nuove per vecchi dolori."

Euripide.

27. "Non puoi sconfiggere i fiumi, se nuoti contro l'impeto dell'onda."

Ovidio.

28. "E non saremo domani quelli che fummo, né quelli che siamo."

Ovidio.

29. "Quando hai fretta, cammina lentamente."

Proverbio cinese.

30. "Il senso della vita è dare senso alla vita."

Rudolf Steiner.

31. "Qualunque cosa diciamo, parliamo sempre di noi stessi."

Alison Bechdel.

32. "Il fuoco non ha più fumo quando è diventato fiamma."

Rumi.

33. "Il caso favorisce la mente preparata."

Louis Pasteur.

34. "Se c’è soluzione, perché ti preoccupi? Se non c’è soluzione, perché ti preoccupi?"

Aristotele.

35. "L’acqua, la insegna la sete."

Emily Dickinson.

Aforismi sul coraggio

frasi sul coraggio

Se la consapevolezza è la chiave per tornare a vivere appieno, il coraggio è l'ingrediente necessario per vivere una vita di cui essere orgogliosi. Vediamo allora le riflessioni di contemporanei e grandi della storia su questo "ingrediente".

36. "Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando distogli gli occhi dalla meta."

Henry Ford.

37. "Se non si è disposti a sacrificare l’usuale, ci si dovrà accontentare dell’ordinario."

Jim Rohn.

38. "Che cosa sarebbe la vita se non avessimo il coraggio di tentare qualcosa?"

Vincent Van Gogh.

39. "Il cielo appartiene all’impetuoso che non lo attende."

Lou Andreas-Salomè.

40. "In un mondo che cambia in fretta, l’unica strategia che fallisce di sicuro è non correre rischi."

Mark Zuckerberg.

41. "Il coraggio non è assenza di paura, ma l’idea che qualcosa d’altro sia più importante della paura."

Mia Thermopolis.

42. "Il coraggio è la capacità di rinunciare a ciò che ci è familiare."

Raymond Lindquist.

43. "Dove c’è pericolo cresce anche ciò che salva."

Friedrich Hölderlin.

44. "Trattate tutta la vita come un’esperienza ai confini della morte, perché è di quello che si tratta."

David Miller.

45. "Desideri deboli portano a risultati deboli, così come un piccolo fuoco produce una piccola quantità di calore."

Napoleon Hill.

46. "Morire non è nulla. Non vivere è spaventoso."

Victor Hugo.

47. "Signore, fa che io possa sempre desiderare più di quanto riesca a realizzare."

Michelangelo Buonarroti.

48. "Vivere è lasciare il segno, non ottenere un introito."

Kevin Kruse.

49. "Se ti spaventa, vale la pena provarci."

Seth Godin.

50. "Non conta quanti anni abbiamo vissuto, ma quanto abbiamo vissuto ogni anno."

Abraham Lincoln.

51. "Non aver paura di lasciare il buono per il meglio."

John D. Rockfeller.

52. "Un elemento essenziale dell’arte è il rischio. Se non rischi come potrai creare qualcosa di autenticamente bello che non è mai stato visto prima?"

Francis Ford Coppola.

53. "Non riesco a capire perché le persone siano spaventate dalle nuove idee. A me spaventano quelle vecchie."

John Cage.

54. "Il serpente che non può lasciarsi dietro la propria pelle deve morire. Così succede alla mente che non sa cambiare le proprie opinioni. Smette di essere una mente."

Friedrich Nietzsche.

55. "Picchiate pure finché vi pare ma mi resterà ancora un po’ di faccia per sorridervi."

Jack London.

56. "So qual è la sua droga. È quella sua maledetta volontà."

Jack London.

Frasi belle per la tua ispirazione

frasi belle ispirazione

A volte tutto ciò di cui abbiamo bisogno è solo un raggio di ispirazione. Ecco alcune frasi in grado di illuminarti la giornata.

57. "Se lo ami ti ama, se lo cerchi ti sta cercando, se lo trovi ti ha trovato."

Nuruddin.

58. "Se i miei diavoli devono lasciarmi, temo che anche i miei angeli prenderanno il volo."

Rainer Maria Rilke.

59. "Il nostro primo insegnante è il nostro cuore."

Proverbio Cheyenne.

60. "Perché un Dio ha designato a ciascuno il suo cammino."

Johann Wolfgang von Goethe.

61. "Io chiudo gli occhi per poter vedere."

Paul Gauguin.

62. "La cosa più bella che possiamo provare è il senso del mistero. Esso è la sorgente di tutta la vera arte e di tutta la scienza."

Albert Einstein.

63. "C’è una voce che non usa parole. Ascoltala."

Rumi.

64. "È una ben povera memoria quella che funziona solo all’indietro."

Lewis Carrol.

65. "Non si volta chi a stella è fisso."

Leonardo da Vinci.

66. "Lasciati attirare in silenzio dalla strana forza di ciò che ami. Non ti condurrà alla deriva."

Rumi.

67. "Non c’è niente come un sogno per creare il futuro."

Victor Hugo.

68. "Siamo quello che siamo e dove siamo, perché prima lo abbiamo immaginato."

Dan Curtis.

69. "Se una cosa ti entusiasma, falla. Se ti prosciuga, smetti di farla."

Derek Sivers.

70. "Se creo qualcosa con il cuore, molto facilmente funzionerà; se uso la testa sarà molto difficile."

Marc Chagall.

71. "L’intelletto cerca, il cuore trova."

George Sand.

72. "Un’intuizione è la creatività che cerca di dirti qualcosa."

Fritjof Capra.

Citazioni per metterti in azione

citazioni per metterti in azione Qual è uno degli aggettivi che uso di più nei miei articoli? Esatto... "pratico". EfficaceMente è nato per offrirti esempi pratici di crescita personale. Non poteva dunque mancare un gruppo di frasi belle che ti spingano all'azione. Eccole!
73. "Oggi mi comporterò come se fosse il giorno in cui sarò ricordato."

Dr Seuss.

74. "C’è solo un modo per evitare le critiche. Non fare nulla, non dire nulla e non essere nulla."

Aristotele.

75. "Se facessimo tutti ciò che siamo capaci di fare, resteremmo esterrefatti."

Thomas Edison.

76. "L’uomo che muove una montagna inizia spostando piccole pietre."

Confucio.

77. "Trasformare la distanza in vicinanza; il disagio in comodità; la fame in sazietà."

Sun-tsu.

78. "Un sovrano illuminato fa progetti, un buon comandante li coltiva."

Sun-tsu.

79. "Le persone di successo hanno paure, dubbi, preoccupazioni. Solo che questi non li fermano."

T. Harv Eker.

80. "Sbagliate il cento per cento dei colpi che non tirate mai."

Wayne Gretzky.

81. "Quel che mi piace dell'esperienza è che si tratta di una cosa così onesta. Potete fare un mucchio di svolte sbagliate; ma tenete gli occhi aperti e non vi sarà permesso di spingervi troppo lontano prima che appaia il cartello giusto."

Clive Staples Lewis.

82. "Assai acquista chi perdendo impara."

Michelangelo Buonarroti.

83. "Non impari a camminare seguendo delle regole. Impari facendolo e cadendo."

Richard Branson.

84. "Troveremo una strada. Oppure la costruiremo."

Annibale.

85. "Non aspettare di vivere."

Seneca.

86. "Faccio sempre ciò che non so fare, in maniera da imparare come farlo."

Pablo Picasso.

87. "Non cercare, trova."

Pablo Picasso.

88. "Agisci come se le tue azioni potessero fare la differenza. La fanno."

William James.

89. "Ora non è tempo per pensare a ciò che non hai. Pensa a quello che puoi fare con quello che hai."

Ernest Hemingway.

Frasi belle sulla ribellione

Vorrei concludere questa raccolta tratta dalla mia collezione di frasi per la crescita personale con 10 citazioni dedicate alla ribellione.

Spesso infatti ci adagiamo su una vita che non ci appartiene: tempo di ribellarci. 90. "Non datemi consigli, so sbagliare da me."

Pittigrilli.

91. "Il guaio delle comodità moderne è che sono tanto scomode."

Henry Ford.

92. "Se udite una voce che vi dice ‘non sapete dipingere’, dipingete comunque, e quella voce verrà messa a tacere."

Vincent Van Gogh.

93. "Se limiti le tue azioni nella vita alle cose in cui nessuno possa trovare eventuali difetti non combinerai molto."

Lewis Carrol.

94. "Solo chi osa spingersi lontano può scoprire fin dove è possibile andare."

Thomas Stearns Eliot.

95. "Qualsiasi sciocco può formulare una regola, e qualsiasi sciocco la osserverà."

Henry David Thoreau.

96. "Verrai ricordato per le regole che avrai infranto."

Douglas MacArthur.

97. "Se in un primo momento l’idea non è assurda, allora non c’è nessuna speranza che si realizzi."

Albert Einstein.

98. "Se avessimo saputo che cosa stavamo facendo non l’avremmo chiamata ricerca, giusto?"

Albert Einstein.

99. "Studiate accanitamente quel che più vi interessa nel modo più indisciplinato, irriverente e originale possibile."

Richard Feynman.

100. "Curatevi di ciò che pensano gli altri e sarete sempre loro prigionieri."

Lao Tsu.

Bene. Questa raccolta termina qui. Mi auguro ti sia stata di ispirazione.

C'è qualche frase che ti ha fatto saltare un battito? Quale? Sono curioso, condividila nei commenti o condividi pure una tua personale citazione preferita. Sarò felice di leggerla.

Ps. Se questo contenuto ti è piaciuto e lo hai trovato di valore, mi aiuti a diffonderlo a quante più persone possibili? Te ne sarei davvero grato. Puoi usare i pulsanti di condivisione che trovi qui sotto.

Se invece sei un nuovo lettore di EfficaceMente e questo contenuto ti è stato di ispirazione, puoi iscriverti alla newsletter gratuita del lunedì compilando il form qui sotto. Più di 200.000 Efficaci ricevono ogni settimana una breve email dal sottoscritto e questi messaggi di puro contenuto sono considerati tra i migliori contenuti di sviluppo personale oggi disponibili in Italia.

Spero di averti presto tra i nostri iscritti. Ecco il form:

Ti auguro una splendida settimana,

Andrea Giuliodori.

[post_title] => Frasi belle: le 100 migliori citazioni per la tua crescita personale [post_excerpt] => Stai cercando delle frasi belle sulla vita? Ho raccolto per te 100 aforismi che ti accompagneranno nel tuo percorso di crescita personale. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => frasi-belle [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-27 12:02:03 [post_modified_gmt] => 2021-08-27 10:02:03 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=24938 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 71 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 24634 [post_author] => 3 [post_date] => 2019-11-18 01:10:03 [post_date_gmt] => 2019-11-18 00:10:03 [post_content] => Hai le idee confuse e non sai cosa vuoi? Questo articolo ti aiuterà a fare chiarezza dentro di te e a riprendere in mano la tua vita.  

Sai che cosa trova la maggior parte delle persone quando guarda dentro di sé?

Che cosa, Andrè, quei 5 euri che ho perso l'estate scorsa?!

Quello che trovano le persone – e anche tu, se sei in un momento di stallo in cui non sai bene dove indirizzare la tua vita - sono essenzialmente 3 cose.

Te le elenco:
  1. Confusione: non sai cosa vuoi, non hai chiaro il percorso che vuoi intraprendere e di conseguenza non stabilisci né obiettivi né priorità.
  2. Distrazione: la tua attenzione si disperde in migliaia di piccoli rivoli irrilevanti.
  3. Disorganizzazione: i tuoi pensieri sono privi di ordine e rallentano qualsiasi tua azione.

Insomma, una selva oscura.

Il tutto condito da un senso di insoddisfazione, magari misto a un pizzico di stanchezza e ansia, questo perché ti accorgi che il tempo continua a scorrere inarrestabile, ma la tua vita, invece, non si muove di mezzo millimetro. Fuochino?!

Cosa possiamo fare quando ci troviamo in mezzo a questa "selva oscura"? Da dove possiamo partire per fare chiarezza nella nostra vita?

In passato ti ho già suggerito diverse strategie pratiche per...

Quello che ti voglio proporre oggi, però, è un metodo diverso dal solito, un metodo attraverso il quale andremo più in profondità, un metodo che oserei definire... divino! ;-) Curioso? Seguimi.

Fare chiarezza con la Divina Commedia

fare chiarezza con la divina commedia
"Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura ché la diritta via era smarrita."

Ti ricordi la Divina Commedia? Tranquillo, niente interrogazioni: non serve che ripeschi l'antologia delle superiori!

Oltre a essere l'opera più celebre della letteratura italiana, la Divina Commedia è il racconto del viaggio di un uomo che, "nel mezzo del cammin" della vita, non trova più la (sua) strada.

A circondarlo una selva oscura, con il suo intrico pauroso.

Ma dietro la guida autorevole e saggia di Virgilio e ispirato dall'amore per Beatrice, passando attraverso i gironi dell’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso, Dante scopre le più grandi verità, trova risposta alle sue domande e la sua visione si fa mano a mano più lucida e luminosa.

La Divina Commedia è poesia sublime, ma anche filosofia profonda, ricerca dei significati fondamentali del percorso umano.

Ho pensato quindi di proporti un "viaggio" che ricalchi le tappe dantesche e ti aiuti a fare chiarezza su dove vuoi andare nella tua vita :)

Per ognuna delle tre cantiche, troverai una serie di domande a cui rispondere.

Questi quesiti, insieme agli esercizi di scrittura espressiva del pre-corso gratuito di #365 - Un anno epico, saranno come lenti focali grazie alle quali svilupperai una visione cristallina per il nuovo anno (e oltre).

NOTA: ti consiglio di rispondere a queste domande per iscritto, usando carta e penna, così da poter poi riguardare le tue riflessioni nel loro insieme. E mi raccomando: scrivi le tue risposte d'istinto, senza stare a razionalizzare troppo.

Ti premetto che non tutte le domande necessariamente si adattano a te e alla tua situazione specifica, ma è sufficiente che una soltanto ti faccia scattare una scintilla dentro perché questo post sia valso il tuo tempo.

Se è tutto chiaro iniziamo a ritrovare il senso della nostra vita scendendo tra i gironi dei dannati...

 

Immaginare il nostro INFERNO per ritrovare la strada del nostro paradiso

fare chiarezza: inferno

Il primo luogo che Dante deve visitare è il regno del male e degli eterni tormenti.

Lì conosce le pene dei dannati e le colpe che li hanno portati a vivere dolori senza fine tra le fiamme, i ghiacci e la morsa dei diavoli. L'Inferno è dunque la raffigurazione delle nostre peggiori sofferenze, è tutto ciò che di terribile può accaderci.

Per riprendere il controllo della nostra vita partiremo proprio dal nostro inferno personale.

Riflettendo su ciò che odiamo, su ciò che ci spaventa e su ciò che di sbagliato c'è nella nostra vita, possiamo infatti intuire con precisione ciò che amiamo, ciò che vogliamo realizzare e ciò che ci attrae.

Rispondi dunque a queste domande:

  1. Se non cambierai nulla nella tua vita, qual è il peggior scenario in cui rischi di trovarti tra qualche anno?
  2. Quali sono le cattive abitudini che ti stanno condizionando negativamente?
  3. Quali sono le tue peggiori paure?
  4. Cos'è che non ti piace del mondo e delle persone che ti circondano? Cosa puoi fare per migliorarlo?
  5. Per cosa sei disposto a soffrire? Quali sono quelle passioni o attività che ami a tal punto che attraverseresti anche l'inferno per coltivarle?
  6. Se dovessi perdere tutti i tuoi cari, se fossi completamente solo, cosa faresti?
  7. Nei momenti più bui della tua vita, cos'è che ti ha permesso di resistere e risorgere?

    Intendiamoci, scopo di questa prima parte del nostro "viaggio" non è certo quello di farti deprimere o disperare. Come detto, a volte abbiamo bisogno di immaginare il peggio ed esplorare le parti più buie della nostra esistenza, per ritrovare la luce e dirigerci verso di essa con ritrovata speranza.

    Una volta attraversato il nostro inferno personale, saremo infatti pronti ad accedere al purgatorio.

    Imparare ad accettare l'attesa del PURGATORIO

    fare chiarezza: purgatorio

    In Purgatorio le anime che devono espiare le loro colpe trascorrono un tempo indefinito prima di poter salire in Paradiso.

    Se pensiamo alla nostra esistenza terrena il Purgatorio non è altro che quel susseguirsi di giorni, uno identico all'altro, che caratterizza la gran parte della nostra vita.

    Tendiamo a sottovalutare questi periodi di attesa e di... "accumulo". Eppure essi rappresentano il terreno in cui germogliano piante rigogliose o erbacce infestanti.

    Fare chiarezza sulla nostra vita significa dunque capire come siamo disposti ad investire questi lunghi periodi. Ecco la lista di domande utili per riflettere su questa tappa del nostro viaggio dantesco:

    1. Immagina di ritrovarti in un luogo in cui dovrai trascorrere anni e anni della tua vita. Si tratta di un luogo neutro, in cui però devi necessariamente rimanere e aspettare prima della tua grande occasione: come metteresti a frutto questo tempo? A quali attività ti dedicheresti perché non sia sprecato? Di chi vorresti la compagnia per alleviare la noia dell'attesa?
    2. Quali attività ti fanno perdere la cognizione del tempo?
    3. Se non avessi limiti di tempo, a cosa ti dedicheresti?
    4. Premesso che tutti noi siamo attratti dal risultato finale, qual è un obiettivo che ameresti rincorrere e di cui ti gusteresti il viaggio?
    5. Se ti ritrovassi in un'isola deserta (o in Purgatorio), senza segnale cellulare e Wi-Fi, in che modo daresti significato e valore al tuo tempo?
    6. Qual è un settore, un ambito o una materia, che potresti studiare all'infinito?
    7. A quali persone e a quali cause saresti disposto a donare una fetta importante del tuo tempo?

      Se saremo in grado di investire saggiamente (in obiettivi, progetti e attività) il tempo che trascorreremo nel nostro Purgatorio, questo ci aprirà la strada per il nostro Paradiso.

      "La passione è il risultato dell’azione, non la sua causa."

      Cal Newport.

      Ritrovare il senso della vita nella Grazia del nostro Paradiso

      fare chiarezza: paradiso

      Dopo aver osservato i dannati e visitato gli spiriti penitenti del Purgatorio, Dante arriva nel luogo di eterna beatitudine, pienezza ed entusiasmo in cui le anime possono contemplare Dio e vivono nella Grazia. I Beati abitano in cieli che diventano sempre più luminosi e chiari.

      Tornando alla nostra metafora, la Grazia (che, prosaicamente, è chiamata anche flow o flusso) è una bussola straordinariamente efficace per aiutarci a fare chiarezza e ad orientare la nostra vita.

      In generale, imparare ad interpretare le nostre emozioni, saperle leggere e saperci ascoltare meglio, è un modo utile per trovare la nostra strada. A tal proposito, ti propongo dunque l'ultima serie di quesiti:

      1. Cos'è che ti fa stare bene, ti porta al settimo cielo, ti illumina?
      2. Quali attività, invece di stancarti, ti restituiscono una sensazione di energia e di calore (anche fisico) quando le compi?
      3. Se avessi tutte le ricchezze di questo mondo e non dovessi preoccuparti dei soldi, quali attività continueresti a fare?
      4. Quali attività ti fanno sentire grato?
      5. Cosa ti consentirebbe di coltivare maggiormente la bellezza nella tua vita?
      6. Se potessi scegliere 5 persone da frequentare di più per crescere e migliorarti, chi sarebbero?
      7. Quali progetti ti aiutano a sviluppare la tua fantasia e la tua creatività?

          Il Paradiso in terra lo puoi trovare in ciò che fai con gioia e piacere, in ciò che ti fa sentire realizzato e apprezzato,  in ciò che ti fa crescere e ti dà energia positiva.

          Certo, anche queste attività all'apparenza "perfette" ti richiederanno tigna, impegno e determinazione, ma quando abbiamo fatto chiarezza nella nostra vita e sappiamo di essere finalmente sulla strada giusta, gli inevitabili sacrifici sono vissuti come sfide e non come imposizioni.

          Non staremo però forse dimenticando qualcuno?!

          ...e Beatrice?

          Dante e Beatrice

          Mi auguro che almeno una delle 21 domande che ti ho proposto per aiutarti a fare chiarezza nella tua vita abbia suscitato in te un punto di vista diverso, un'intuizione inaspettata o un'idea che sei riuscito finalmente a mettere a fuoco.

          Questa prima scintilla sarà il tuo GPS, il tuo faro, la tua... Beatrice.

          Non lasciarla morire tra le mille distrazioni della giornata.

          Continua a coltivarla, ravvivala, finché non riuscirai a far esplodere il fuoco del cambiamento.

          Se lo desideri, poi, possiamo continuare insieme questo lavoro di "diradamento della nebbia".

          Come? Attraverso 365 – Un anno epico! “André, di che si tratta?” 365 è un corso annuale a pagamento che intraprendo ogni anno con 1.000 nuovi partecipanti. Mille corsisti che guido quotidianamente attraverso un innovativo metodo di goal-setting e sfide giornaliere di crescita personale per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi più ambiziosi. Testimonianza Clementina Sasso Come ogni anno, le iscrizioni al corso avanzato apriranno la seconda settimana di dicembre, ma a partire dal 1°Dicembre metteremo a disposizione di tutti i lettori che si iscriveranno alla lista di attesa un PRE-corso gratuito che sarà erogato per l’intero mese. Il pre-corso gratuito è parte integrante di 365 e sarà composto da 31 sfide quotidiane attraverso le quali ti guiderò nel definire con chiarezza la persona che intendi diventare e i tuoi obiettivi per il 2022. Se vuoi scoprire il metodo #365 e capire come poter trasformare il 2022 nel tuo nuovo anno epico, ti basterà compilare il breve form di seguito. Sei pronto a vivere il tuo miglior anno di sempre? Iscriviti alla Lista di Attesa e iniziamo a costruire insieme il tuo 2022!
           

          Ti auguro una splendida settimana.

          Andrea Giuliodori.

          [post_title] => Fare chiarezza nella tua vita con il metodo Dante Alighieri [post_excerpt] => Sei confuso? Non sai cosa vuoi? Impara come fare chiarezza dentro di te seguendo Dante tra Inferno, Purgatorio e Paradiso. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => fare-chiarezza [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-13 10:21:26 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 08:21:26 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=24634 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 45 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 10184 [post_author] => 3 [post_date] => 2013-09-16 01:10:26 [post_date_gmt] => 2013-09-16 00:10:26 [post_content] => Consigli pratici per liberarti dall'invidia e realizzare i tuoi obiettivi. Invidia
          "L'invidia è la ladra della gioia."

          Theodore Roosevelt.

          Nel post di questa settimana mi piacerebbe trattare un argomento inedito, all'apparenza slegato dai temi "classici" del blog: l'invidia. Già, che ci azzecca l'invidia con le migliori strategie per realizzare i tuoi obiettivi? Molto più di quanto potresti immaginare...

          Proprio nell'articolo della scorsa settimana parlavamo di fiducia in sé stessi. L'invidia è legata a doppio filo con l'autostima. Come un incantesimo malvagio, l'invidia ci costringe ad un continuo confronto tra noi e gli altri, o meglio, tra ciò che non va nella nostra vita e l'immagine distorta e superficiale della vita altrui. Da questo confronto ossessivo ed impari usciamo inevitabilmente sminuiti, frustrati, sconfitti. Ma l'invidia può essere vinta, o meglio, può essere messa al nostro servizio...

          Cos'è l'invidia

          Per sconfiggere il nostro nemico dobbiamo innanzitutto conoscerlo a fondo. Nel saggio "Umano, troppo umano", Nietzsche afferma che l'invidia è il frutto di un desiderio che non può essere soddisfatto, o meglio, utilizzando le parole del grande filosofo tedesco:

          "L'invida nasce quando uno è desideroso, ma non ha prospettive."

          Friedrich Nietzsche.

          E come reagisce l'invidioso quando non può appagare i suoi desideri? Li denigra e denigra chiunque sia riuscito a realizzarli. Insomma, la solita vecchia storia della volpe e l'uva. L'invidia dunque, a parità della procrastinazione, è l'ennesimo meccanismo di difesa messo in atto dalla nostra mente. Svalutare ciò che non riusciamo ad ottenere o ciò che gli altri hanno ottenuto è una sorta di autoinganno, utilizzato dalla nostra mente per preservare il nostro ego.

          'Mazza André come sei eruttito stamattina! Io però con tutte 'ste pippe psicologggiche mi perdo un po': andiamo sul concreto va...

          Il modo migliore (e più concreto) per comprendere l'invidia e quanto possa rovinarci la vita, è quello di indagare la mentalità dell'invidioso.

          Psicologia dell'invidioso

          invidiosoTutti noi conosciamo almeno un invidioso D.O.C. Molto spesso lo conosciamo così bene che ce lo ritroviamo allo specchio ogni mattina.

          L'invidioso D.O.C. passa le giornate a rimuginare su ciò che gli altri hanno e lui non può avere. L'insoddisfazione perenne è il sentimento che infesta la sua mente. Il successo altrui gli provoca sfiammate di rabbia e rancore. Egli ha scarso interesse per i propri obiettivi; gli interessano soltanto gli obiettivi degli altri. In definitiva, i suoi traguardi non hanno mai un valore intrinseco; il loro valore nasce sempre dal confronto con i traguardi altrui. Esiste un meme di un ragazzino asiatico che esprime magistralmente questa mentalità; riprende una celebre frase dello scrittore statunitense Gore Vidal:

          "Non è sufficiente che io abbia successo. Gli altri devono fallire."

          Gore Vidal.

          La verità è che dietro questo livore si nasconde un individuo con una bassa autostima, un individuo che odia gli altri, ma soprattutto odia sé stesso e la sua inadeguatezza. Bel quadretto, eh?! Naturalmente ognuno di noi ha sperimentato l'invidia in diverse sfumature ed in diverse situazioni. Insomma, non siamo tutti esseri spregevoli pronti a godere delle sconfitte altrui... eppure, poca o tanta, l'invidia è per noi sempre fonte di frustrazione. Come possiamo superare questo sentimento così controproducente?

          L'invidia buona

          Come ben articolato nel manuale "Terapia della gelosia e dell'invidia", non esiste soltanto l'invidia cattiva. L'essere umano è in grado di provare anche una forma di invidia buona, che potremmo definire ammirazione. Questa forma di invidia positiva non solo non ha effetti collaterali, ma anzi può rappresentare un vero e proprio catalizzatore per il nostro successo.

          Il segreto dunque non è non provare invidia per il successo altrui, ma piuttosto far leva su questo sentimento per realizzare i nostri sogni. L'invidioso "buono" non auspica dunque il fallimento degli altri, al contrario il suo mantra è: "se lui ci è riuscito, posso riuscirci anche io".

          Ma per sconfiggere l'invidia negativa, non basta cambiare atteggiamento mentale: è necessario un passettino in più, un passettino ben noto ai lettori di EfficaceMente... l'azione.

          Come eliminare l'invidia

          Gran parte degli effetti negativi dell'invidia nascono dai sogni e dalle aspirazioni disilluse. Sogniamo, ci illudiamo, facciamo spericolati voli pindarici, per poi schiantarci di fronte alla dura realtà. Ancora frastornati e doloranti ci lecchiamo le ferite e per salvaguardare il nostro ego iniziamo ad invidiare gli altri ed i loro successi.

          André, mi stai quindi suggerendo di smettere di sognare? Di accontentarmi di quello che ho e continuare per la mia strada con lo sguardo basso? Azz... che grande motivatore che sei!

          Sognare ed aspirare ad obiettivi ambiziosi può essere un'inesauribile fonte di energia, ma affinché l'acqua di questa fonte non si avveleni, dobbiamo imparare ad avere i piedi ben saldati per terra; dobbiamo imparare ad agire incessantemente; dobbiamo imparare a smettere di procrastinare.

          Sì, ma... come?

          Agire senza una direzione, tanto per tenerci occupati, non è certo una soluzione. Il primo vero atto per superare l'invidia e realizzare i nostri sogni (fregandocene dei risultati altrui) consiste in una piena e totale assunzione di responsabilità. Non è la prima volta che te ne parlo, ma questa lezione può fare davvero la differenza. Responsabilità significa letteralmente: capacità di dare risposta. L'invidioso affibbia la responsabilità della propria situazione sempre agli altri, agli eventi e alla sfortuna, privandosi di fatto della "capacità di dare risposta". Per superare l'invidia dobbiamo dunque assumerci appieno la responsabilità dei risultati che abbiamo ottenuto finora. Solo in questo modo riotterremo il controllo sulla nostra vita. Solo in questo modo smetteremo di preoccuparci di ciò che stanno ottenendo gli altri, focalizzandoci invece su ciò che vogliamo ottenere noi. Solo in questo modo saremo davvero liberi di realizzarci completamente.

          Adesso scegli: puoi continuare a piangerti addosso, ad inveire contro il mondo e ad invidiare gli altri. Oppure decidi di focalizzarti su ciò che puoi controllare, prendendo finalmente consapevolezza che, nel bene e nel male, tu sei l'unico artefice della tua vita.

          "Non perdere tempo con l'invidia: a volte sei in testa, a volte resti indietro. La corsa è lunga e, alla fine, è solo con te stesso."

          The Big Kahuna.

          Buona settimana ;-) Andrea.

          [post_title] => Come Evitare che l'Invidia ti Rovini la Vita [post_excerpt] => Consigli pratici per liberarti dall'invidia e realizzare i tuoi obiettivi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => invidia [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-13 10:21:51 [post_modified_gmt] => 2021-08-13 08:21:51 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=10184 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 117 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 12162 [post_author] => 3 [post_date] => 2014-03-11 01:10:35 [post_date_gmt] => 2014-03-11 00:10:35 [post_content] => Se ancora non hai capito cosa fare nella vita, lascia stare i viaggi spirituali in India: dai una risposta a queste 10 domande ed inizia a realizzare il tuo sogno oggi stesso.

          La settimana scorsa ti ho parlato di quanto sia importante non arrendersi mai, non mollare la presa e continuare a lottare, sempre e comunque.

          Sì, belle parole, ma lottare per cosa?

          Tecniche anti-procrastinazione, stratagemmi di produttività personale e trucchi per la gestione del tempo sono del tutto inutili se non abbiamo la più pallida idea di cosa fare nella vita.

          Senza una stella polare che ci guidi lungo la traversata, rischiamo di andare alla deriva, o ancor peggio di ormeggiare nel primo porto lungo la via, dimenticando che la nostra esistenza può riservarci molto più di qualche caraffa di birra in una squallida osteria.

          Avere uno scopo nella vita ci permette di superare qualsiasi ostacolo, ci aiuta a capire cos'è importante e cosa invece ci sta rubando solo tempo ed energie, ci consente di ritrovare la motivazione anche nei giorni più bui.

          Già in passato ti ho proposto due esercizi pratici per trovare il tuo scopo. Questo è fondamentale per capire come essere se stessi nella vita di tutti i giorni.

          I tanti commenti e le email dei lettori mi hanno fatto capire che serviva qualcosa di più, un articolo che potesse dissipare quella nebbia che spesso ci avvolge...

          "nel mezzo del casin di nostra vita" (cit.).

          Ho deciso allora di condividere con te 10 domande, domande che mi sono posto nel corso degli anni e che mi hanno aiutato (e mi stanno aiutando) a dare la giusta direzione alla mia esistenza. Mi auguro che possano dimostrarsi per te altrettanto potenti.

           

          Cosa voglio fare nella vita?

          Magari è successo poco prima di scegliere l'università, forse è stato al termine di quell'importante storia di amore, oppure lo fai ogni mattina  prima di smarcare il cartellino per un lavoro che odi.

          Poco importa.

          Molti di noi si sono posti almeno una volta la fatidica domanda: "cosa voglio fare nella vita?".

          Il mitico Corrado Guzzanti direbbe:

          "La risposta è dentro di te, epperò è sbagliata."

          Quelo.

          Io sono un po' più ottimista: se ancora non hai trovato la risposta a questa domanda è perché non hai cercato abbastanza bene.

          Per guidarti in questa ricerca ho preparato per te 10 domande per capire cosa vuoi fare nella vita. 

          Prendi carta e penna o, come ho fatto io a suo tempo, crea una nuova nota in Evernote.

          Ricorda: non esistono risposte giuste o sbagliate, esistono solo le tue risposte.

          Scrivile di getto, non permettere alla tua parte razionale di prendere il sopravvento.

          Alcune delle risposte che troverai non saranno una novità per te, ma altre potrebbero davvero accendere una lampadina.

          Ecco le 10 domande che ho preparato per te:

          1. Per cosa sei disposto a soffrire oggi? Ammettilo non te lo aspettavi un inizio così. I para-guru ci chiedono sempre di pensare a cosa ci renderà felici, a cosa ci farà stare bene, a cosa ci darà piacere. Queste sono domande semplici. Chiediti invece per cosa sei disposto a soffrire, a fare sacrifici, a lottare con le unghie e con i denti, perché sono queste le cose davvero importanti nella tua vita.
          2. Come ti immagini la tua vita tra 5 anni? Siamo così presi dalle nostre routines quotidiane, che non ci concediamo mai il tempo per visualizzare (e costruire) il futuro dei nostri sogni. Prenditi 5 minuti, scrivi nei minimi dettagli quella che sarà la tua vita tra 5 anni. Chi sei? Quali obiettivi hai raggiunto? Quali ostacoli hai superato? Chi c'è al tuo fianco? Dove vivi? Che emozioni provi? Com'è la tua giornata tipo? Definisci la tua nuova realtà e poi, ogni giorno, visualizza te stesso mentre la raggiungi (mi raccomando, quando fai le tue visualizzazioni, non commettere questo errore).
          "Se non sai dove stai andando, non ci arriverai mai."

          Lewis Carroll.

          1. Cosa faresti se non avessi paura? La paura è un meccanismo evolutivo che ci ha salvato le chiappe più e più volte nel corso dei millenni; ma oggi, che non dobbiamo più lottare contro bestie selvagge o altri pericoli della natura, la paura si dimostra spesso un freno irrazionale che non ci consente di vivere appieno la nostra vita. Se vuoi capire cosa fare nella tua vita, togli la variabile della paura dall'equazione: un ottimo modo per farlo è utilizzare la tecnica del "come se".
          2. Cosa faresti se fossi sicuro di non poter fallire? Tra le paure che ci paralizzano, la paura del fallimento è una delle più potenti: in cosa ti lanceresti, oggi stesso, se fossi certo di non poter fare fiasco?
          3. Quali sono i tuoi 3 più grandi talenti? "Guadagna grazie alle tue passioni", "Trasforma ciò che ami nella tua fonte di reddito", "Fai soldi con i tuoi hobbies": internet è tappezzato di annunci di questo tipo, io stesso ho scritto un articolo in cui spiego come creare un reddito passivo grazie alle proprie passioni. In quel post però dico anche una cosina che molti dimenticano: "lo scopo della tua vita è il punto di intersezione tra le tue più grandi passioni ed i più grandi bisogni del mondo". Non basta essere appassionato di qualcosa per farne lo scopo della propria vita, devi anche dimostrare un oggettivo talento in ciò che vuoi fare. Chiediti allora quali sono i tuoi talenti più grandi, in cosa gli altri ti riconoscono capacità inusuali, per quali tue abilità uniche una persona sarebbe disposta a tirare fuori dei soldi dal portafoglio.
          4. Se ti rimanesse un'ora di vita, come la spenderesti? Navigando su Facebook? Seriously? Ti auguro una vita lunga e piena di soddisfazioni (e dai, smettila di ravanarti!), ma la verità è che ognuno di noi se ne va in giro con un'etichetta invisibile in cui è stampata la propria data di scadenza. Forse è un'immagine sgradevole, ma per quanto tu possa esserne infastidito, non potrai mai cambiare questa semplice verità. Prenderne consapevolezza, al contrario, può aiutarti a comprendere cosa vuoi davvero fare della tua vita. Se ti serve un'altra spintina, ti consiglio di leggere la lettera di Seneca a Lucilio.
          5. Quando è stata l'ultima volta che ti sei sentito vivo? Riesci a ricordare cosa stavi facendo l'ultima volta che hai provato un'irrefrenabile sensazione di felicità? Se non hai ancora trovato la tua direzione nella vita, questi momenti di contentezza sono le "molliche di pane" che ti aiuteranno a trovare la giusta strada. Un consiglio: nel mio diario personale ho una pagina speciale in cui da anni raccolgo i momenti più felici della mia vita. Rileggerli di tanto in tanto mi ha aiutato a capire cosa davvero volessi fare negli anni a venire. Ps. se non riesci a ricordare l'ultima volta che sei stato felice, forse dovresti iniziare ad applicare un po' più spesso la Legge del Camion della Spazzatura.
          6. Quali sono le 5 cose per te più importanti? Hai presente quei film post-apocalittici in cui la Terra è stata colpita da un virus/asteroide/attacco alieno ed i pochi sopravvissuti si ritrovano a vivere come ai tempi dei cavernicoli? Bene, se accadesse davvero, quali sarebbero le 5 cose che ti mancherebbero di più? Queste 5 cose sono molto probabilmente le costanti della tua vita: qualunque cosa deciderai di fare, tienile bene a mente Ps. no, la Nutella non è tra le risposte accettabili.
          7. Quale lavoro saresti disposto a fare anche gratis? Per 2 anni e mezzo ho dedicato gran parte del mio tempo libero ad EfficaceMente, senza guadagnarci un euro: questo perché i soldi, per quanto possa adorare farli, non sono l'unica motivazione che mi hanno spinto a creare il blog. Oh, ma che buon samaritano che sei André: mi è scesa una lacrimuccia. Te lo scordi che io lavori a gratise! Tu quale lavoro saresti disposto a fare ogni giorno, con sacrificio, se sapessi che non c'è nessuno stipendio che ti aspetta a fine mese? Questa domanda è la migliore risposta che posso dare a tutte le persone che sono tormentate dal famigerato: "non so che lavoro fare". Stesso discorso vale se sei uno studente e non sai che università scegliere: chiediti per quali materie sei disposto a studiare 10 ore al giorno, nei weekend e quando i tuoi amici se la spassano al mare. Beh, a dirla tutta, applicando il metodo Sm2 potresti riuscire a preparare il doppio degli esami in metà del tempo, ma anche il migliore dei metodi di studio richiede impegno e pratica costante: per quale corso universitario sei disposto a mettere questo impegno?
          8. Chi è la persona che ammiri di più al mondo? Ognuno di noi ha i suoi modelli di riferimento, ovvero persone la cui vita rappresenta una continua fonte di ispirazione. Questi modelli possono dirci molto su chi siamo e su chi vogliamo diventare. Cerca di capire cosa ammiri così tanto di questa persona e capirai cosa vuoi davvero raggiungere nella tua vita.

          Sei riuscito a dare una risposta a queste 10 domande? Mi auguro di sì, ma se anche non ci fossi riuscito subito, spero che le risposte che troverai ti aiutino finalmente a capire cosa desideri davvero, perché quando lo capirai diventerai inarrestabile.

          Ah dimenticavo... per quello che vale, vorrei salutarti con questo spezzone del film "Lo strano caso di Benjamin Button". Buona settimana. Andrea.

           
            [post_title] => 10 Domande per capire cosa fare nella vita [post_excerpt] => Se ancora non hai capito cosa fare nella vita, lascia stare i viaggi spirituali in India! Fuggire non è la soluzione alla nebbia che hai in testa. Dai una risposta a queste 10 domande, trova la tua strada ed inizia a realizzare il tuo sogno oggi stesso. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => cosa-fare-nella-vita [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2012/05/reddito-passivo/ http://www.efficacemente.com/gestione-tempo/morire-ogni-giorno/ http://www.efficacemente.com/imparare-a-studiare [post_modified] => 2021-10-27 00:09:29 [post_modified_gmt] => 2021-10-26 22:09:29 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=12162 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 143 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 10 [max_num_pages] => 2 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 75a0a8bb3f0f8008088f6d0845bca1d9 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          10 Domande per capire cosa fare nella vita

          Se ancora non hai capito cosa fare nella vita, lascia stare i viaggi spirituali in India! Fuggire non è la soluzione alla nebbia che hai in testa. Dai una risposta a queste 10 domande, trova la tua strada ed inizia a realizzare il tuo sogno oggi stesso.

          143
          6 min
          143
          6 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          Libri consigliati: 52 libri di crescita personale da leggere assolutamente

          I libri sono stati senza dubbio i più importanti mentori durante il mio percorso di crescita personale. Ho pensato allora di raccogliere in questo articolo una "lista definitiva" di libri consigliati per tutti gli appassionati di formazione. Buona lettura!

          103
          11 min
          103
          11 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          Frasi belle: le 100 migliori citazioni per la tua crescita personale

          Stai cercando delle frasi belle sulla vita? Ho raccolto per te 100 aforismi che ti accompagneranno nel tuo percorso di crescita personale.

          71
          11 min
          71
          11 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          Fare chiarezza nella tua vita con il metodo Dante Alighieri

          Sei confuso? Non sai cosa vuoi? Impara come fare chiarezza dentro di te seguendo Dante tra Inferno, Purgatorio e Paradiso.

          45
          8 min
          45
          8 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          Come Evitare che l’Invidia ti Rovini la Vita

          Consigli pratici per liberarti dall'invidia e realizzare i tuoi obiettivi.

          117
          4 min
          117
          4 min
          Loading...
          Loading...
          Loading...
          Loading...
          WP_Query Object
          (
              [query] => Array
                  (
                      [category_name] => crescita-personale
                      [ignore_sticky_posts] => 1
                      [post__not_in] => Array
                          (
                              [0] => 13352
                              [1] => 3348
                              [2] => 16712
                              [3] => 10042
                              [4] => 3378
                              [5] => 13000
                              [6] => 16389
                              [7] => 9944
                              [8] => 3593
                              [9] => 21034
                              [10] => 21236
                              [11] => 21388
                              [12] => 12162
                              [13] => 10440
                              [14] => 21222
                              [15] => 1830
                              [16] => 10104
                              [17] => 9092
                              [18] => 21315
                              [19] => 14716
                              [20] => 11229
                              [21] => 20229
                              [22] => 23483
                          )
          
                  )
          
              [query_vars] => Array
                  (
                      [category_name] => crescita-personale
                      [ignore_sticky_posts] => 1
                      [post__not_in] => Array
                          (
                              [0] => 13352
                              [1] => 3348
                              [2] => 16712
                              [3] => 10042
                              [4] => 3378
                              [5] => 13000
                              [6] => 16389
                              [7] => 9944
                              [8] => 3593
                              [9] => 21034
                              [10] => 21236
                              [11] => 21388
                              [12] => 12162
                              [13] => 10440
                              [14] => 21222
                              [15] => 1830
                              [16] => 10104
                              [17] => 9092
                              [18] => 21315
                              [19] => 14716
                              [20] => 11229
                              [21] => 20229
                              [22] => 23483
                          )
          
                      [error] => 
                      [m] => 
                      [p] => 0
                      [post_parent] => 
                      [subpost] => 
                      [subpost_id] => 
                      [attachment] => 
                      [attachment_id] => 0
                      [name] => 
                      [pagename] => 
                      [page_id] => 0
                      [second] => 
                      [minute] => 
                      [hour] => 
                      [day] => 0
                      [monthnum] => 0
                      [year] => 0
                      [w] => 0
                      [tag] => 
                      [cat] => 678
                      [tag_id] => 
                      [author] => 
                      [author_name] => 
                      [feed] => 
                      [tb] => 
                      [paged] => 0
                      [meta_key] => 
                      [meta_value] => 
                      [preview] => 
                      [s] => 
                      [sentence] => 
                      [title] => 
                      [fields] => 
                      [menu_order] => 
                      [embed] => 
                      [category__in] => Array
                          (
                          )
          
                      [category__not_in] => Array
                          (
                          )
          
                      [category__and] => Array
                          (
                          )
          
                      [post__in] => Array
                          (
                          )
          
                      [post_name__in] => Array
                          (
                          )
          
                      [tag__in] => Array
                          (
                          )
          
                      [tag__not_in] => Array
                          (
                          )
          
                      [tag__and] => Array
                          (
                          )
          
                      [tag_slug__in] => Array
                          (
                          )
          
                      [tag_slug__and] => Array
                          (
                          )
          
                      [post_parent__in] => Array
                          (
                          )
          
                      [post_parent__not_in] => Array
                          (
                          )
          
                      [author__in] => Array
                          (
                          )
          
                      [author__not_in] => Array
                          (
                          )
          
                      [suppress_filters] => 
                      [cache_results] => 1
                      [update_post_term_cache] => 1
                      [lazy_load_term_meta] => 1
                      [update_post_meta_cache] => 1
                      [post_type] => 
                      [posts_per_page] => 5
                      [nopaging] => 
                      [comments_per_page] => 10
                      [no_found_rows] => 
                      [order] => DESC
                  )
          
              [tax_query] => WP_Tax_Query Object
                  (
                      [queries] => Array
                          (
                              [0] => Array
                                  (
                                      [taxonomy] => category
                                      [terms] => Array
                                          (
                                              [0] => crescita-personale
                                          )
          
                                      [field] => slug
                                      [operator] => IN
                                      [include_children] => 1
                                  )
          
                          )
          
                      [relation] => AND
                      [table_aliases:protected] => Array
                          (
                              [0] => wp_term_relationships
                          )
          
                      [queried_terms] => Array
                          (
                              [category] => Array
                                  (
                                      [terms] => Array
                                          (
                                              [0] => crescita-personale
                                          )
          
                                      [field] => slug
                                  )
          
                          )
          
                      [primary_table] => wp_posts
                      [primary_id_column] => ID
                  )
          
              [meta_query] => WP_Meta_Query Object
                  (
                      [queries] => Array
                          (
                          )
          
                      [relation] => 
                      [meta_table] => 
                      [meta_id_column] => 
                      [primary_table] => 
                      [primary_id_column] => 
                      [table_aliases:protected] => Array
                          (
                          )
          
                      [clauses:protected] => Array
                          (
                          )
          
                      [has_or_relation:protected] => 
                  )
          
              [date_query] => 
              [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND wp_posts.ID NOT IN (13352,3348,16712,10042,3378,13000,16389,9944,3593,21034,21236,21388,12162,10440,21222,1830,10104,9092,21315,14716,11229,20229,23483) AND ( 
            wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (150)
          ) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
              [posts] => Array
                  (
                      [0] => WP_Post Object
                          (
                              [ID] => 26965
                              [post_author] => 3
                              [post_date] => 2021-06-08 20:09:39
                              [post_date_gmt] => 2021-06-08 18:09:39
                              [post_content] => 

          Le domande (quelle giuste) possono avere un potere enorme. Scopriamo insieme le 14 domande che ti aiuteranno a plasmare la tua vita ideale.

          Noi tutti, almeno una volta nella vita, ci siamo chiesti:
          “Ma perché è capitato proprio adesso, proprio a me?”

          E se anche tu non ti sei mai posto questa precisa domanda, forse hai usato varianti del tipo...

          • “Perché l'universo ce l'ha con me?”
          • "Ma perché capitano sempre tutte a me?”
          • “Cosa ho fatto di sbagliato nella vita per meritarmi questo?”
          • ...

          Ecco, questo tipo di domande, soprattutto se ripetute con una certa frequenza, possono essere deleterie.

          Fortunatamente, però, esistono anche domande che ci migliorano la vita e ci aiutano a plasmarla così come l'abbiamo sempre desiderata. In questo nuovo contenuto dedicato ai +Efficaci ho raccolto in esclusiva le 14 domande più potenti per migliorare la tua esistenza. Vediamole insieme.
          “Se avessi solo un’ora per risolvere un problema e la mia vita dipendesse da questo, userei i primi 55 minuti per formulare la giusta domanda, perché, una volta trovata, potrei risolvere il problema in meno di 5 minuti.”

          A. Einstein

          1. La domanda per quando la vita ti sbatte a terra

          “Cosa posso trarne di buono?”

          Quando si attraversa un periodo particolarmente difficile è del tutto naturale chiederci perché il destino, l'universo o Dio stesso si stiano accanendo contro di noi.

          Questo tipo di domanda però ci porterà inevitabilmente a rimuginare su tutte le nostre sfortune e le nostre scelte sbagliate.

          È dunque preferibile spostare la nostra attenzione altrove e chiederci piuttosto cosa possiamo trarre di buono da questa terribile esperienza.

          Sì, lo so, agli inizi, quando vediamo tutto "nero", anche solo porci questa domanda da pensiero positivo spicciolo, ci sembra un insulto.

          Questo accade perché non siamo abituati ad allenare questo percorso neuronale così diverso diverso (e migliore) da quelli che battiamo costantemente.

          Se però ci sforziamo di porci questa domanda ("cosa posso trarne di buono"), lentamente emergeranno davanti a noi scenari a cui non avevamo mai pensato e così...

          • La perdita di una persona cara può trasformarsi nell'occasione per onorarne l'esistenza portando avanti un progetto a cui teneva particolarmente.
          • Una malattia debilitante può trasformarsi nell'occasione per assaporare i piccoli piaceri della vita e dare maggiore attenzione alla nostra salute e al nostro benessere in futuro.
          • La perdita del lavoro può trasformarsi nell'occasione per reinventarci e trovare finalmente quella libertà finanziaria che agogniamo da tanto tempo.

          Smettila dunque di chiederti "perché è capitato proprio a me?" e inizia a chiederti "visto che è capitato proprio a me, cosa posso trarne di buon?"

          2. La domanda per quando ti senti bloccato

          “Cosa mi impedisce di fare quello che desidero?”

          Se ancora non hai raggiunto i tuoi obiettivi (o non stai agendo per raggiungerli), questa è la domanda giusta per te.

          Prendi un foglio di carta, e rispondi a questa domanda: "cosa mi impedisce di fare quello che desidero?".

          Datti la libertà di rispondere e di farlo con estrema sincerità. Nessuno ti guarda. Nessuno ti giudica.

          Vai a fondo, cerca di capire cos'è che ti blocca davvero e cerca di farlo superando le risposte più banali e superficiali ("mi manca il tempo", "mi mancano i soldi", etc.).

          Magari scoprirai che, in fondo, non te ne frega poi così tanto di quell'obiettivo. Va benissimo così.

          O forse scoprirai che hai paura di avere successo, perché raggiungere quell'agognata meta può significare che alcune persone nella tua vita inizieranno a vederti in modo diverso.

          Continua a scavare, scopri i tuoi reali blocchi e poi affrontali.

          3. La domanda per quando devi scegliere che strada prendere

          “Cos'è per me il successo?”

          Se qualcuno ti parla di successo, qual è la prima immagine che ti viene in mente?

          È un'immagine che ti piace o che, sotto sotto, un po' disprezzi?

          Se non sappiamo cosa significa per noi "successo", o, peggio ancora, ne abbiamo un'idea pregiudiziale, difficilmente potremmo raggiungerlo. Di conseguenza ci condanneremo a vivere nella frustrazione e nel risentimento.

          Chiediti dunque cosa significa (davvero) per te successo?

          • È avere una famiglia felice?
          • È avere un milione di € in banca?
          • È avere un impatto positivo sul mondo?
          • È inventare una cura per il cancro?
          • È vivere in modo semplice, in mezzo alla natura?

          Non ti accontentare però della prima risposta che ti salterà in mente, trova piuttosto una risposta che risuona davvero con chi sei nel tuo intimo. Quella sarà la tua reale definizione di successo.

          4. La domanda per quando ti lamenti troppo

          “Cosa mi fa indignare?”

          Cosa succede nella tua quotidianità o nel mondo, che ti innervosisce, ti intristisce o ti fa inca***re?

          • È il comportamento dei politici?
          • È l’inquinamento?
          • Sono le reazioni dei tuoi suoceri?
          • È la superficialità con cui la gente tratta questioni che ritieni importanti?
          • Sono i balletti dei TikToker?

          Ora che ci hai pensato, e che probabilmente ne hai parlato con gli amici, ne hai scritto sui social, hai fatto 'na capa tanta ai tuoi colleghi e ti sei fatto cattivo il fegato, è il momento di osare un passo in più!

          Rifletti su cosa puoi fare tu di concreto per contrastare quello che ti fa indignare. C'è qualcosa nella tua sfera del controllo che ti consentirebbe di migliorare la situazione da subito?

          5. La domanda per quando hai esaurito le energie

          “Mi diverto?”

          Il tuo percorso di vita non può essere solo una maratona fatta di doveri, necessità, obblighi e digiuni intermittenti 😃

          Il rischio, infatti, è che se anche raggiungerai i tuoi obiettivi, sarai così spento e ingrigito che non ti godrai la vittoria.

          Se ti senti "svuotato" in questo periodo, chiediti cosa ti fa divertire davvero e perché non stai coltivando questa tua parte più bambina.
          • Come puoi rendere più piacevole anche i compiti più gravosi?
          • Come puoi soddisfare un tuo piccolo desiderio oggi?
          • Come puoi rendere più bello ed esteticamente appagante quello che stai facendo?

          Ricorda: divertirsi è un dovere!

          6. La domanda per quando hai paura

          “Perché no?”

          La prossima volta che ti trovi in una situazione in cui senti che stai per rinunciare a qualcosa che ti fa battere il cuore, chiediti perché non dovresti farla.

          No, sul serio, cosa succederebbe di così catastrofico se affrontassi questa tua paura?

          Scrivi tutte le conseguenze peggiori che potrebbe avere quell’azione. Sono tutte così terribili? C'è qualcosa che potresti fare per mitigare alcune di queste paure?

          Se in fin dei conti anche lo scenario peggiore non è così spaventoso come ti immaginavi, forse è il tempo di buttarti davvero...

          7. La domanda per quando non sai quello che vuoi

          “A cosa ho pensato di più negli ultimi mesi?”

          La società in cui viviamo, con tutti i suoi condizionamenti e i suoi modelli preconfezionati ci porta spesso a confonderci su quello che desideriamo nel nostro intimo.

          Ed è così che ci ritroviamo a vivere momenti di incertezza o vera crisi esistenziale in cui sentiamo di non essere felici e vorremmo semplicemente che le cose cambiassero.

          In questi casi è utile fare mente locale e chiederti a cosa hai pensato più e più volte nell'ultimo periodo. Questi pensieri ricorrenti, se negativi, ti aiutano a capire da cosa vuoi allontanarti; se positivi, ti aiutano a capire cosa vorresti di più nella tua vita.

          8. La domanda per quando vuoi conoscerti profondamente

          “Quali sono le persone con cui sto meglio?”

          Nella vita abbiamo contatti sociali con persone di ogni tipo, ma sono poche quelle con cui abbiamo da subito un’affinità speciale, con cui ci sentiamo liberi, e che abbiamo l'impressione di conoscere da sempre.

          Ecco, le qualità, le virtù, gli atteggiamenti e i comportamenti di queste persone in realtà dicono molto anche su noi stessi. Ci aiutano infatti a capire quali sono i nostri valori e talenti non ancora espressi. Insomma, le persone che ci piacciono ci indicano chi possiamo e vogliamo diventare.

          9. La domanda per quando devi eliminare qualcosa nella vita

          “Cosa mi stanca?”

          "Tutto, Andre’, tutto! Il mio ideale al momento è passare sette giorni sul divano a guardare quel punto preciso lì sul soffitto…"

          Ecco, non intendevo esattamente questo.

          Questa è la domanda da porsi quando senti di dover cambiare qualcosa nella tua vita e non sai bene cosa.

          Concentrati e pensa a cosa succhia le tue energie senza restituirti nulla in cambio – o comunque troppo poco.

          Una volta che avrai trovato quel o quegli elementi, avrai individuato i rami secchi da tagliare per far crescere meglio la tua pianta.

          10. La domanda per ristabilire le tue priorità

          “Sto seguendo la mia agenda o quella di qualcun altro?"

          Hai mai avuto l'impressione che la tua vita sia un susseguirsi di impegni che poco hanno a che fare con i tuoi obiettivi personali? Sì, certo, la pagnotta sul piatto dobbiamo pur mettercela e spesso, per avere uno stipendio a fine mese, dobbiamo vendere il nostro tempo per soddisfare gli obiettivi altrui. Ma è sempre così? Davvero è impossibile per noi cambiare lavoro o reinventarci? E nella vita privata? Facciamo lo stesso errore? Diciamo sì a tutti, tranne che a noi stessi? Di tanto in tanto, fermati e chiediti se nella tua vita stai lavorando ai tuoi sogni o se stai vivendo un incubo per costruire il sogno di qualcun altro.

          11. La domanda per quando ti senti sopraffatto dagli impegni

          “Come sarebbe se fosse facile?"

          Troppo spesso ci complichiamo la vita da soli. Da bravi appassionti di crescita personale siamo convinti che per "valere", le attività che facciamo per raggiungere i nostri obiettivi devono essere per forza difficili e faticose. Ma chi l'ha detto? Tra le 14 domande di questo articolo esclusivo, questa è quella che personalmente trovo più potente in assoluto. Ogni volta che mi ritrovo a rimandare un'attività o che sento un senso di repulsa per un certo impegno, mi chiedo esattamente questo: "come sarebbe se fosse facile?". Smettila di reinventarti la ruota ogni santa volta. Esiste una via più facile per ottenere lo stesso risultato. Il primo passo per trovarla è immaginarla.

          12. La domanda per sapere cosa è importante per te

          “Cosa non vorrei dimenticare mai?”

          Domandati questo, e avrai una risposta quanto mai precisa su quello che è o è stato significativo per te, che ti ha condizionato, nel bene e nel male, che costituisce le fondamenta della tua vita.

          Potrai inoltre capire quali di questi ricordi sono funzionali per te, e decidere se continuare a conservare queste memorie o abbandonarle.

          13. La domanda per cavalcare finalmente la tua passione

          “Che cosa non posso più fare?”

          Questa domanda, un po’ a trabocchetto, ti metterà di fronte agli occhi un tuo grande desiderio.

          Noi esseri umani siamo piuttosto strani: capita che attendiamo anni prima di investire le energie in qualcosa che ci appassiona – per difficoltà pratiche, perché pensiamo di non avere tutti i numeri per farlo, per pigrizia e per ennemila altre ragioni.

          Eppure, abbiamo la sotterranea sensazione che a un certo punto perderemo un treno prezioso.

          Ponendoti direttamente questa domanda, risveglierai delle sensazioni potenti sulle opportunità che hai lasciato ad ammuffire nel cassetto.

          Sfrutta la forza dei rimpianti, prima ancora che diventino tali. Questo ti darà finalmente l'energia per cavalcare le tue passioni..

          14. La domanda per questo preciso istante

          “Cosa sto aspettando?”

          Mi auguro sinceramente che le domande viste fin qui ti abbiamo aiutato a mettere a fuoco la tua vita ideale.

          Se così è stato... cosa stai aspettando?
          • Non aspettare il momento buono – non è mai il momento buono.
          • Non aspettare di essere libero da altri impegni.
          • Non aspettare che tutto sia perfetto.
          • Non lasciare che sia qualcun altro a prendersi i tuoi desideri – perché ti garantisco che lo farà.

          Fai quel primo passo. Anche piccolo. Vai incontro alla tua vita.

          Chiudi questo articolo e comincia adesso.

          Buona fortuna.

          Andrea Giuliodori.

          [post_title] => 14 domande potenti per vivere la tua vita ideale [post_excerpt] => Scopri 14 domande potenti e decisive da porti per capirti profondamente, prendere buone decisioni e vivere pienamente la tua vita. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => domande-potenti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-06-09 17:43:54 [post_modified_gmt] => 2021-06-09 15:43:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26965 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 24 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 27368 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-04-18 21:11:47 [post_date_gmt] => 2021-04-18 19:11:47 [post_content] => La raccolta completa dei 24 principi etici basati su biologia, mitologia, religione, letteratura e ricerca scientifica del Prof. Jordan Peterson. Se dovessi nominare l'autore che più ha influenzato il mio percorso di crescita personale negli ultimi 5 anni, sceglierei senza dubbio lo psicologo clinico e professore universitario canadese Jordan Peterson. In un Occidente in crisi d'identità e in una società sempre più liquida, Peterson ci ricorda quei valori e quei principi profondi che hanno guidato l'essere umano per millenni. Valori che troppo spesso diamo per scontati o che, peggio, siamo pronti a sacrificare nel nome del "politicamente corretto". Le sue innumerevoli lezioni su Youtube e le sue conversazioni fiume come ospite nei podcast internazionali di maggior successo sono state viste e ascoltate centinaia di milioni di volte, rendendolo in pochi anni uno degli intellettuali più influenti in Occidente. È dunque facile perdersi nello sterminato materiale condiviso dall'ex Professore di Harvard negli ultimi 5 anni. Fortunatamente, a partire dal 2018, il Prof. Peterson ha pubblicato due libri:
          1. 12 rules for life: an antidote to chaos (tradotto in italiano in "12 regole per la vita - un antidoto al caos").
          2. Beyond order: 12 more rules for life (non ancora disponibile in italiano... e di questo parleremo più avanti).
          In questi due testi sono raccolti i 24 principi cardine del Peterson-Pensiero. Avendo recentemente completato la lettura del secondo testo ("Beyond Order"), ho pensato di condividere con i lettori di EfficaceMente la lista completa delle 24 regole, accompagnate da un mio breve commento. Si tratta di una sintesi-promemoria che ho realizzato per me stesso e che spero possa dimostrarsi utile anche a te 😉 Che sia ben inteso però... sintetizzare porta inevitabilmente a semplificare. Ogni capitolo dei due libri di Peterson è infatti un breve trattato di teologia, biologia, filologia e psicologia messe insieme. Lungi da me quindi voler banalizzare le parole di Peterson. Se mai avrai questa impressione nei prossimi minuti, sarà una ragione in più per leggere la versione estesa di queste regole che trovi nei libri originali. Chiarito questo punto, iniziamo con la prima sequenza di 12 regole tratte dal primo libro di Peterson:

          1. Stai diritto, con le spalle bene indietro

          Mantenere una postura diritta non è solo un buon consiglio "fisioterapico". Affrontare la vita a testa alta e con la schiena dritta significa assumersi le proprie responsabilità. Significa non aver paura di esprimere il proprio pensiero. Significa avere il coraggio di vivere appieno, consci dei rischi, ma mai paralizzati da essi. La postura a cui fa riferimento Peterson è una postura metafisica, ma tirar fuori il petto e raddrizzare le nostre spalle è un gesto fisico in grado di innescare un nuovo atteggiamento mentale. Ci aiuta infatti a cambiare la percezione che abbiamo di noi stessi, ma aiuta anche il mondo a vederci con occhi nuovi.

          2. Tratta te stesso come fai con chi si affida a te

          A volte siamo i nostri peggiori carnefici. Il paradosso infatti è che come esseri umani riusciamo a provare molta più empatia per gli altri (o addirittura per gli animali), di quanto facciamo per noi stessi. A volte dovremmo semplicemente mettere a tacere il nostro Io iper-critico e iniziare a prenderci cura di noi stessi come faremmo con il nostro migliore amico/amica.

          3. Scegli amici che vogliono il meglio per te

          Le persone che frequenti ti rendono una persona migliore o peggiore? Non è una domanda difficile e dentro di te sai già la risposta. Se le tue attuali cerchie sociali sono terreno fertile per abitudini distruttive atteggiamenti negativi o, in generale, ti portano a pensare, comportarti e vivere al di sotto del tuo reale potenziale, hai la responsabilità di cambiare frequentazioni. Ne va della tua vita.

          4. Confrontati con chi eri ieri invece di paragonarti a qualcun altro

          Compararci continuamente con la vita filtrata ed editata che milioni di altre persone stanno postando in questo momento sui propri canali social ci porta inevitabilmente a provare invidia, ansia da prestazione e senso di inadeguatezza. Non possiamo però comparare pagina 100 del "libro della vita" di un'altra persona, con la pagina 1 (o 10) del nostro "libro". In generale le vite di due persone, per quanto simili, non sono mai davvero confrontabili. Se proprio vogliamo confrontarci con qualcuno, quel qualcuno dovrebbe essere chi eravamo ieri o l'anno scorso. Siamo cresciuti, maturati e migliorati rispetto a lui o lei? Questo è l'unico vero termine di paragone che dovremmo avere.

          5. Non permettere che i tuoi figli facciano qualcosa che te li farà piacere di meno

          È facile recriminare o dare la colpa ai nostri figli per ciò che in loro non ci piace. Prima perché "sono solo bambini", più avanti perché "l'adolescenza è un'età difficile". È innegabile che il mestiere del genitore sia uno dei più difficili e, nell'assenza di prove generali, lo si impara spesso sulla pelle dei propri figli. Ricorda però che sei tu l'adulto, non loro. Se tu non sopporti le loro azioni o atteggiamenti, pensa quanto potranno farlo persone a loro estranee che non li amano quanto te. E quali consequenze ciò potrà avere nella loro vita adulta. Definisci regole chiare. Il ruolo del genitore non è quello di essere l'amicone dei propri figli, bensì di fornirgli una guida solida e gli strumenti per diventare adulti maturi, funzionanti e bene accetti all'interno della società. Crescere degli individui che apprezzi, rispetti e ammiri (oltre che ad amare, come ogni genitore) è quello che in inglese definiremmo un win-win-win: per te genitore, per la società e soprattutto per i tuoi stessi figli.

          6. Fa che casa tua sia in perfetto ordine prima di criticare il resto del mondo

          "Siamo governati da una manica di incompetenti!" "Il mio capo non capisce una mazza!" "Colpa dell'Europa!" "Il capitalismo sta distruggendo il mondo!" A leggere certi commenti alle news del momento sui social si ha spesso l'impressione che l'Italia sia un paese di 60 milioni di individui che il lunedì si svegliano allenatori della Nazionale, il martedì virologi, il mercoledì esperti di geo-politica e il giovedì economisti premi Nobel. E chi più, chi meno, siamo tutti colpevoli di questo atteggiamento. Insomma, siamo sempre pronti a criticare (dalla poltrona di casa) chi ha responsabilità di governo o decisionali, ma difficilmente abbiamo dimostrato nel nostro piccolo di essere riusciti a far funzionare ciò che è sotto il nostro controllo: dalla nostra forma fisica al nostro lavoro, dalla nostra famiglia al nostro conto in banca. Il diritto di criticare va guadagnato con il sudore dei risultati.

          7. Ricerca ciò che ha significato, non il vantaggio personale

          "Cosa distingue una persona di successo? La capacità di sacrificarsi" Su EfficaceMente ti parlo da anni di gratificazione immediata e del perché il sacrificio di rinunciare a ciò che ti rende appagato oggi, può renderti più felice domani. La domanda centrale diventa allora questa: che cosa dobbiamo sacrificare per liberarci della sofferenza? Secondo Peterson la risposta sta nel ricercare ciò che ha un significato intrinseco, ciò che dà senso alla vita anche nei momenti più duri, rifuggendo invece ciò che è solo veloce, istantaneo o conveniente. Costruire solide fondamenta costa molta più fatica, tempo ed energie che nascondere la polvere sotto il tappeto o passare la patata bollente a qualcun altro (a volte il te stesso del futuro). Eppure è il modo migliore per assicurarti un cambiamento e un benessere sostenibile e duraturo nel tempo.

          8. Dì la verità, o almeno non mentire

          “Non si dicono le bugie” è una cantilena che ci accompagna sin da bambini. Quasi mai però ci viene spiegato il perché. Secondo Peterson, nella bugia non nascondiamo solamente un lato della realtà, ma anche un lato della nostra personalità. Rendiamo torbida una parte di noi stessi, rinunciando ad offrire al mondo quel contributo unico ed autentico che abbiamo da dare. In quella menzogna, in quel maldestro tentativo di preservare l’immagine che vorremmo proiettare di noi stessi, perdiamo l’opportunità di costruire chi siamo realmente. Non manchiamo solamente di rivelarci agli altri ma, cosa che più conta, l'occasione di rivelarci a noi stessi. Una piccola bugia dopo un'altra, costruiamo un muro di menzogne che diventa una maschera fra noi e il mondo. Dire la verità, a noi stessi e agli altri, rafforza invece il nostro carattere e l'intera società.

          9. Pensa sempre che la persona con cui parli può sapere qualcosa che tu non sai

          Si dice che la vita sia troppo breve per imparare solo dai propri errori; il saggio impara anche da quelli altrui. Ascoltando le storie e le esperienze degli altri puoi apprendere quelle lezioni senza pagare lo scotto di dover affrontare gli stessi problemi e sofferenze. Per una volta una scorciatoia che vale la pena prendere 😉 Attenzione, però: l'ascolto attivo significa trasformare la tua mente in una tela bianca. Che non vuol dire gettare lo spirito critico fuori dalla porta. Ma usare le parole e le esperienze altrui come finestre su un nuovo mondo, invece che come uno specchio per confermare le tue verità, idee o interpretazioni. Ascolta senza interrompere, senza pensare alla tua risposta, e rispettando l'esperienza e la prospettiva dell'altro. E soprattutto non rimanere aggrappato a ciò che conosci, usa invece ogni interazione come un'esplorazione reciproca di territori ancora ignoti. È così che espandi i tuoi confini (e la tua mente).

          10. Parla con precisione

          Come accade anche nelle relazioni coniugali, le piccole cose (abitudini fastidiose, gestione della casa, dei figli o delle finanze...) tendono ad ingigantirsi quando non vengono affrontate sul momento, trasformando piccoli sassi in montagne di incomprensioni e litigi. Evitare queste conversazioni impedisce di affrontare le cause che stanno alla radice dei problemi. E indovina un po'? La realtà non può essere cambiata ignorandola. Il rimedio? Sii quanto più specifico e sincero possibile nel dare un nome a ciò che è per te causa di fastidio o sofferenza e ammettine l'esistenza. È solo quando i problemi vengono portati alla luce che è possibile risolverli e spostarsi dal caos all'ordine. Pensa a ciò che dici e poi dì ciò che pensi. Che sia con gli altri o, a maggior ragione, con te stesso.

          11. Lascia in pace i ragazzi che fanno skate

          Viviamo in una società in cui al concetto di genitorialità corrisponde sempre più lo sforzo di evitare ai propri figli ogni tipo di disagio, pericolo o rischio. Quando un adolescente è impegnato con lo skate, la bici o altre attività considerate pericolose dall'atteggiamento protettivo dei genitori, suggerir loro di fare altro è invece la cosa più pericolosa che possiamo fare. Perché non prepara il futuro adulto ai pericoli del mondo, a vivere in maniera indipendente e a trovare la propria strada. Come avevo scritto anni fa nella storia della farfalla:
          "Attraverso le difficoltà la natura ci rende più forti e degni di realizzare i nostri sogni.”
          Lascia in pace i ragazzi che fanno skate: devono vivere le loro cadute, le loro escoriazioni e ossa rotte. Sono spesso le uniche lezioni che sono disposti ad ascoltare.

          12. Se incontri un gatto per strada, fermati ad accarezzarlo

          L'ultima regola del primo libro di Peterson nasce dalla sua osservazione di un gatto randagio e da un parallelo che ne fa con le nostre vite. Navigare i mari della nostra esistenza assomiglia un po' al tentativo di un gatto randagio di arrivare a fine giornata. Ci sono svariate difficoltà da superare, questo è certo, ma la vera domanda è: cosa farai per adattarti ai periodi di mare mosso? In tempi difficili, è importante riconoscere le ancore a cui aggrapparci e le oasi felici in cui ristorarci. Che si tratti di un bagliore di luce nel buio, o della dolcezza che regala accarezzare un gatto o un cane, ricordati di ciò che conta davvero e afferra ogni occasione per rendere la tua vita più leggera e luminosa. Bene, vediamo ora le altre 12 regole etiche contenute nell'ultimo best-seller del dott. Peterson: "Beyond order - 12 more rules for life". Come detto, il libro, uscito recentemente, non è ancora stato tradotto in lingua italiana, non posso quindi garantirti che il testo delle regole sarà lo stesso che ritroverai nella traduzione ufficiale, ma abbiamo fatto del nostro meglio per rispettare le parole e il significato scelto dallo psicologo clinico canadese, sempre molto attento alla precisione del linguaggio. Partiamo. Altre 12 regole per la vita

          13. Non denigrare le istituzioni sociali o le conquiste creative

          L'equilibrio tra ordine e caos è uno dei temi centrali del Peterson-Pensiero. Gli stessi due testi pubblicati in questi anni, rappresentano uno l'ordine (il libro bianco delle prime 12 regole), l'altro il caos (il nuovo libro nero delle altre 12 regole). In quest'ottica lo psicologo canadese plaude quegli individui altamente creativi che sono in grado di mostrare alla società nuovi paradigmi: dagli artisti, agli imprenditori disruptive, dagli scienziati, ai paladini dei diritti civili. Al contempo però Peterson mette in guardia da chi è pronto a smantellare le istituzioni sociali tradizionali con troppa facilità. Tali istituzioni esistono però una ragione e se sono sopravvissute per decenni o addirittura millenni è perché sono in grado di svolgere determinate funzioni sociali in maniera molto efficace. La regola 13 può essere applicata anche alla sfera personale. È importante infatti esporci continuamente a nuove idee, nuovi progetti, nuove esperienze, nuove persone. Ma è altrettanto importante dare struttura alle nostre giornate attraverso sane abitudini, una buona organizzazione del nostro tempo e, in generale, quei comportamenti che ci consiglierebbe nostra nonna.

          14. Immagina chi potresti essere e poi mira risolutamente verso quella direzione

          Troppo spesso, assorbiti dal tran tran quotidiano, smettiamo di immaginare chi potremmo diventare "da grandi". Ed è così che arriviamo alla fine delle nostre giornate esausti, ma incapaci di ricordare cosa abbiamo davvero realizzato e verso quale direzione ci siamo mossi. In questo capitolo del nuovo libro, Peterson sottolinea come ogni essere umano sia in parte natura (DNA, geni, etc.) e in parte cultura (storia, religione, mitologia), c'è un passaggio in particolar modo che mi ha colpito:
          "Impariamo a vedere il mondo e ad agire come gli eroi delle storie che sono in grado di catturarci. Queste storie fanno affiorare capacità scritte in profondità nel nostro DNA, capacità che potrebbero però rimanere dormienti se non opportunamente sviluppate. Siamo dunque avventurieri, amanti, leader, artisti e ribelli che attendono di essere risvegliati, e il primo passo per rendercene conto è vedere il riflesso di tutto ciò che possiamo essere negli occhi dei nostri eroi."
          Ecco, troppo spesso ci dimentichiamo degli eroi che sonnecchiano dentro di noi, arrendendoci ad una vita mediocre che ci va troppo spesso stretta. Dobbiamo tornare ad immaginare chi possiamo davvero diventare nella nostra vita e dedicarci anima e corpo a rendere realtà questa immagine.

          15. Non nascondere ciò che non desideri nella nebbia

          L'evitamento è una delle più classiche strategie che mettiamo in atto come esseri umani di fronte ad un problema o ad una paura (la famosa procrastinazione di cui parlo da anni ai miei lettori, rientra proprio in questo ambito) A volte siamo talmente turbati a livello inconscio da una situazione che evitiamo quasi del tutto di identificarla. Il suggerimento di Peterson è quello di diradare la nebbia ad ogni costo e scoprire se effettivamente si nascondono delle rocce appuntite. In alcuni casi scopriremo che non c'è nulla e che quindi non abbiamo nulla di cui temere. In altri casi, invece, le rocce appuntite sono effettivamente lì ad attenderci, ma riuscire finalmente a vederle ci consente di evitarle. In generale, nel momento in cui smettiamo di ignorarli e decidiamo di dare un nome ai nostri problemi, di fatto stiamo dando a noi stessi il potere di risolverli.

          16. Ricorda che l'opportunità si nasconde laddove le responsabilità sono state tralasciate

          Leggevo l'altro giorno la storia di un "millennial" (aggettivo ormai abusato) diventato contadino. Questa persona raccontava con entusiasmo le sfide del lavorare la terra secondo i dettami bio e la soddisfazione di un ritrovato contatto con la natura. Tra l'altro la sua azienda agricola stava riscuotendo un notevole successo. Ecco, di fronte ad una disoccupazione giovanile galoppante, che difficilmente migliorerà nel post-pandemia, questa storia mi ha ricordato la 16° regola del dott. Peterson:

          "Laddove le persone hanno smesso di assumersi le proprie responsabilità, si nascondono grandi opportunità."

          In altre parole, se siamo disposti a farci carico, con dedizione, di impegni che altre persone in questo momento stanno scansando o stanno affrontando in maniera approssimativa, possiamo costruirci una carriera e una vita piena di soddisfazioni.

          17. Non fare ciò che odi

          Collegata alla regola precedente, è importante ricordare che assumersi responsabilità che altri tendono a scansare non significa costringerci a fare cose che odiamo. Come ricordo spesso ai miei lettori, è inevitabile dover affrontare attività pallossissime e odiosissime anche nel percorso verso i nostri sogni più brillanti. Questo però non significa che dobbiamo accettare l'idea di dedicare la nostra vita ad una carriera o, in generale, ad attività che in fondo disprezziamo. Fatti guidare dalle tue emozioni nella scelta dei tuoi progetti e poi usa la tua disciplina per portarli a termine.

          18. Abbandona l'ideologia

          Ho aperto questo articolo affermando che Peterson è stato uno degli autori che più ha influenzato il mio percorso di crescita personale negli ultimi 5 anni. Non per questo apprezzo ogni sua idea o affermazione e, come già successo in passato, non escludo che in un futuro possa rivedere la mia posizione sull'autore canadese. Al contempo però, molte delle critiche che vengono spesso rivolte a Peterson nascono da pregiudizi ideologici di una determinata parte politica o gruppo d'interesse. Ad ascoltare queste persone si ha l'impressione che ripetano frasi, buzzwords e concetti già preconfezionati, come se, sposando una determinata ideologia, avessero deciso di delegare la propria libertà di pensiero e critica. Ed è questo il pericolo delle ideologie: trovare una risposta (la stessa e spesso sbagliata) a qualsiasi problema del mondo, il che equivale a non affrontare davvero nessun problema. Abbandona l'ideologia. Non prendere una posizione pregiudiziale senza aver prima approfondito da solo, letto con i tuoi occhi e ascoltato con le tue orecchie.

          19. Impegnati più che puoi su almeno una cosa e guarda cosa succede

          L'uva deve essere schiacciata per produrre il vino. I semi crescono nell'oscurità. I diamanti si formano sotto un'enorme pressione. Le olive devono essere frantumate per fare l'olio. Nulla di valore viene creato senza un'adeguata dose di stress. Se vuoi realizzarti nella tua vita, inizia con l'impegnarti, ma impegnarti davvero, su un progetto, un obiettivo o un'abitudine, e vedi cosa accade. Potresti innescare un circolo virtuoso di cambiamenti che stravolgerà in bene la tua vita.

          20. Cerca di rendere più bella possibile una stanza della tua casa

          Secondo Peterson la bellezza non ha una mera funzione estetica, ma può rappresentare una forte spinta a migliorare il mondo che ci circonda. Nello specifico, questa regola contenuta nel nuovo libro si ricollega al principio 6 già visto in precedenza ("Fa che casa tua sia in perfetto ordine prima di criticare il resto del mondo"). Se ci impegniamo a tenere quanto più in ordine possibile anche una singola stanza della nostra casa, e siamo soddisfatti e orgogliosi di come abbiamo preso controllo di questa piccola area della nostra vita, questo probabilmente ci ispirerà ad introdurre nuovi cambiamenti, cambiamenti che gradualmente potranno toccare sfere sempre più importanti. L'ordine e la bellezza possono dunque diventare dei veri e propri strumenti di miglioramento personale.

          21. Se i vecchi ricordi ti turbano ancora, annotali attentamente e per intero

          Sia che siamo stati vittime o carnefici nel nostro passato, non possiamo permettere a questi ricordi di continuare a perseguitarci. Sulla base della propria esperienza clinica, lo psicologo canadese suggerisce di scrivere (e descrivere) quanto più nel dettaglio possibile questi ricordi. L'atto della scrittura ci aiuterà infatti a dare un senso a questi ricordi, ma anche a privarli di parte della loro energia emotiva nel passaggio su carta. In generale, avere nero su bianco i ricordi che ci turbano è il primo passaggio per affrontarli.

          22. Organizzati e impegnati con dedizione per mantenere il romanticismo nella tua relazione

          Anni di film romantici targati Hollywood ci hanno convinto che là fuori esista la nostra unica anima gemella, il partner perfetto che darà un senso alla nostra vita e con cui finalmente "vivremo felici e contenti". La realtà, però, è un po' diversa. Con ogni probabilità, su 7 miliardi di individui, ci sono molte più anime gemelle di quante vorremmo ammettere e, con ogni probabilità, ci sarà sempre (o quasi) un partner migliore del tuo partner attuale. Ma il vero amore non nasce dall'incontro di due persone, ma piuttosto dal loro:
          • confronto.
          • scontro.
          • conforto.
          • dialogo.
          • inciampo.
          • ...
          Insomma l'amore è ciò che costruiamo con l'altro o l'altra e Peterson invita i suoi lettori ad alimentare con impegno e costanza il romanticismo in una coppia, che sia attraverso "appuntamenti", cene galanti o momenti di completa attenzione.

          23. Non permettere a te stesso di diventare risentito, falso o arrogante

          A volte, la vita, le altre persone o la società intera possono ferirci e spezzarci in modi tanto inaspettati, quanto ingiusti. Ciò che diventiamo dopo questi "traumi", però, è una nostra scelta. Se decidiamo di abbandonarci al risentimento renderemo noi stessi e il mondo un posto peggiore.

          24. Sii grato nonostante le tue sofferenze

          Dire ad una persona che soffre di essere grato alla vita può apparire come uno "schiaffo". Il messaggio che Peterson vuole dare con questa 24° regola, però, è diverso e nulla ha a che fare con l'ingenua gratitudine di fronte alle disgrazie. Così come amiamo i nostri cari nonostante i loro difetti (o forse proprio per via di essi), possiamo amare la vita nonostante le inevitabili sofferenze. Sono infatti proprio quelle sofferenze a rendere ancor più speciali i momenti di felicità, benessere e successo. La nostra vita viene definita dai contrasti che viviamo e muore nel piattume di un'esistenza priva di difficoltà. -- Bene, termina qui questo articolo dedicato ai 24 principi del Peterson-Pensiero. Mi auguro sinceramente che tu abbia tratto valore da queste regole, ma soprattutto mi auguro che tu possa iniziare ad applicarle nella tua vita. Non mi resta che augurarti una buona continuazione.

          Andrea Giuliodori.

          [post_title] => 24 regole per la vita [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => regole-per-la-vita [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-06-17 15:11:47 [post_modified_gmt] => 2021-06-17 13:11:47 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27368 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 68 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 27184 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-03-21 20:11:51 [post_date_gmt] => 2021-03-21 19:11:51 [post_content] =>

          Un articolo per capire il valore della moderazione e le strategie pratiche per portarla nella tua vita.

          Fammi indovinare.

          Anche tu, almeno una volta negli ultimi anni, al supermercato ti sei detto: ‘no, i biscotti non li compro sennò ne mangio dodici alla volta’.

          Altro che la porzione consigliata sulla confezione.

          Hai comprato solo le cose sane e salutari e te ne sei andato a casa orgoglioso di te.

          Poi hai mangiato dodici coste di sedano una dopo l’altra.

          Oppure, dopo aver comprato i biscotti, ti sei costretto ad allenamenti estenuanti per bruciare le calorie di troppo!

          Sbaglio, o abbiamo qualche problemino di moderazione?

          Tutta colpa dei nostri avi...

          Perché la moderazione ci viene così difficile?

          La risposta a questa domanda viene dai nostri antenati.

          Il nostro cervello e le nostre emozioni risentono ancora oggi di retaggi ancestrali.

          I primi uomini erano portati all’eccesso perché per loro costituiva la differenza tra la vita e la morte.

          Abbuffarsi quando il cibo era disponibile voleva dire immagazzinare risorse utili per non morire di fame negli inevitabili periodi di carestia.

          Indulgere alla pigrizia in determinati momenti si traduceva in una necessaria ricarica delle batterie fisiche dopo aver cacciato, pescato, o viaggiato a piedi coprendo lunghe distanze.

          In qualche modo ci portiamo dietro questo ricordo impresso nei nostri geni ed è il motivo per cui facciamo così tanta fatica a seguire la via del giusto mezzo.

          Ed è così che oscilliamo continuamente tra eccesso e difetto, tra il divorare l’intero pacco di biscotti e il bandire dalla nostra vita qualsiasi zucchero presente in natura!

          Questo fondamentalismo radicale è il metodo che la maggior parte di noi adotta per eliminare le cattive abitudini dalla propria vita.

          Niente più dolci. Niente più grassi. Niente più carne rossa. Niente più caramelle gommose. Niente alcol. Niente più serie tv. Niente più social.

          Ma tutti questi niente, non necessariamente ci fanno bene, ma soprattutto, raramente funzionano.

          L'eccesso chiama eccesso

          Alcune delle cose che ti proponi di eliminare dalla tua vita possono essere meno distruttive di quello che credi.

          Le serie Netflix non sono il male, anzi, alcune sono dei veri capolavori cinematografici in grado di intrattenerci e farci riflettere.

          Eh no, che che ne dica l'ultimo para-guru delle diete cheto-paleo-vegan-cazzi-e-mazzi, anche la peggiore delle schifezze alimentari del McDonald's, mangiata una volta ogni morte di Papa avrà zero impatto sulla tua salute nel lungo termine.

          Viceversa, la rimozione totale e radicale di qualcosa dalle tue giornate, nel 99% dei casi, porta a un eccesso in senso opposto.

          Dipendenza da internet? Dopo 10 giorni di astinenza dai social ci sono buone probabilità che ci passerai un'intera domenica attaccato.

          È come se visceralmente il nostro cervello si ribellasse ai divieti e ci punisse con un desiderio aumentato di quello che dovremmo abbandonare.

          Qual è dunque l'alternativa?

          La Metriotes aristotelica

          Per la Grecia antica l’equilibrio era un valore molto prezioso.

          Sul frontone del tempio di Apollo a Delfi si trovavano iscritte due massime della saggezza greca; una celeberrima, l’altra ingiustamente dimenticata.

          Gnòthi seauthòn – conosci te stesso (la più famosa e di cui ti ho parlato in questo articolo).

          e

          Medèn ágan – nulla di troppo

          Se la prima punta l’attenzione sulla giusta consapevolezza di se stessi, la seconda spinge alla moderazione in tutti i sensi: fisici, emotivi, mentali.

          L'una è intimamente legata all’altra.

          Se ti conosci e ti rispetti, sai anche fino a che punto puoi e devi arrivare. Se sai chi sei, sai anche quando fermarti.

          A tal proposito il filosofo Aristotele parlò spesso ai suoi allievi di “metriotes”, o giusto mezzo.

          Per il filosofo nulla è buono o cattivo in senso assoluto, ma dipende dalla ‘dose’ della caratteristica presa in esame.

          Una quantità troppo bassa di coraggio porta alla vigliaccheria ed è negativa. Così come una quantità eccessiva dello stesso coraggio è ugualmente negativa: porta all’incoscienza e al rischio.

          Il vero coraggio dunque è nel giusto mezzo.

          E lo stesso vale per molte altre virtù, abitudini e comportamenti.

          Ma in una società moderna, spesso influenzata da algoritmi social che premiano solo gli eccessi, come possiamo tornare a coltivare la moderazione?

          Come coltivare la moderazione

          Salute, felicità, successo.

          Se c’è un principio alla base di questi tre campi che tutti noi desideriamo migliorare nella nostra vita, è proprio la moderazione.

          Ho pensato allora di condividere con te alcuni consigli pratici (nel classico stile di EfficaceMente) per abituarti alla moderazione.

          1. A piccole porzioni

          Non sto parlando solo di cibo: vale per qualsiasi ‘vizio’ tu abbia.

          Se ritieni di passare troppo tempo su internet, invece di chiudere i tuoi account, dedica ai social solo una piccola finestra di tempo quotidiana.

          All’inizio puoi usare un timer per essere sicuro di non sforare.

          Invece di spendere mezzo stipendio non appena ne hai la possibilità o, all’opposto, di negarti qualsiasi sfizio, decidi di darti una soglia di spesa.

          Invece di negarti completamente la possibilità di mangiare dolci, coltivando così una futura abbuffata, prendi quantità più piccole del solito.

          Una pallina di gelato. Due quadratini di cioccolata.

          Secondo la ricerca Blue Zone di Dan Buettner, gli abitanti dell'isola giapponese di Okinawa sono tra i più longevi al mondo. Oltre alla socializzazione regolare e uno stile di vita attivo, prima di ogni pasto, al posto del nostro ‘buon appetito’ si dicono:

          "Hara Hachi Bu ( 腹八分)".

          che si traduce in:

          "Mangia finché non sei pieno solo all'80%".

          2. Sgarri e ricadute

          Dopo una settimana di attività fisica regolare, un giorno di pigrizia totale non ti condannerà.

          Così come mangiare dolci solo in occasione delle feste può essere un modo per non incorrere nel rischio di abbuffarsi dopo un periodo di privazioni.

          Allo stesso modo, accetta la possibilità di fare errori e commettere sgarri in particolari circostanze.

          Una moderata quota di indulgenza nei confronti di te stesso ti ricondurrà più facilmente alla moderazione.

          Al contrario, se ti metti in croce per qualsiasi sgarro o ricaduta, il paradosso è che molto probabilmente utilizzerai sistemi di coping non proprio salutari, proprio per placare i tuoi sensi di colpa.

          3. Goditi il momento

          Quante volte nella vita siamo davvero concentrati su quello che facciamo?

          Quando mangi, mangia. Quando ti rilassi, rilassati. Quando parli al telefono con un amico, parla al telefono con il tuo amico.

          Rallenta i ritmi. Assapora il momento. Goditelo a pieno.

          4. Scopri cosa c’è sotto

          Se ci fai caso, dietro a diverse tendenze all’eccesso c’è in realtà qualcos’altro:

          Quando ti scopri a esagerare, per eccesso o per difetto, può essere che tu stia ignorando delle esigenze profonde o che tu stia ignorando dei bisogni.

          Presta attenzione ai tuoi stati d’animo, quando hai comportamenti non equilibrati, e rifletti sulle azioni che invece potresti compiere per andare incontro alle tue esigenze in maniera più sana.

          Quando viviamo una vita piena di significato e passione, siamo decisamente più impermeabili alle ossessioni, alle oscillazioni tra estremi, più sereni e padroni di noi stessi.

          5. Esplicita

          La società ci ha educato a reprimere i nostri desideri.

          E questo è il modo migliore per far esplodere un rapporto non equilibrato con questi desideri.

          Torniamo al concetto di “metriotes”: una giusta dose di autocontrollo è sanissima, ma se continui a soffocare i tuoi bisogni, presto esploderai:

          • Se necessario spendi una parola in più per chiarire un concetto o un discorso;
          • fai domande anche quando pensi che possano essere stupide;
          • di’ se qualcosa non ti sta bene;
          • fai valere i tuoi diritti in maniera decisa ma non aggressiva (se vuoi saperne di più sull’assertività, ne ho parlato anche qui).

          La gran parte degli attriti che si creano tra le persone affondano le proprie radici nei non-detti, nelle incomprensioni, nelle cose date per scontate.

          Una buona comunicazione ti metterà al riparo da molti stati d’animo spiacevoli e dagli eccessi conseguenti.

          6. Pratica il minimalismo

          Possedere di più, ottenere più riconoscimenti, guadagnare più follower su Instagram, avere più stimoli, essere più ricchi.

          Questo tipo di obiettivo ti porta automaticamente a coltivare una mentalità “bulimica”, a sentirti preso in una ruota vorticosa fatta di continue insoddisfazioni che ti vota all’eccesso.

          Se i tuoi scopi sono di questo genere ti consiglio di approfondire la filosofia del minimalismo.

          Lo psicologo Marvin Zuckerman, esperto di genetica del comportamento, ha affermato che:

          "Anche quello che all’inizio era davvero eccitante alla centesima occasione diventa scontato. Ecco quindi che abbiamo bisogno di qualcosa di ancora più eccitante, di ancora più nuovo."

          Marvin Zuckerman.

          Più stimoli riceviamo, meno divertimento ne traiamo. O, addirittura, cadiamo nell'effetto opposto.

          Gli scienziati parlano di una curva a campana.

          Gli effetti di un'esperienza specifica sono sempre più positivi fino a quando non si raggiunge la massima eccitazione. Da quel momento, gli effetti diventano improvvisamente man mano sempre più negativi.

          Come quando da bambino ti abbuffavi di cioccolata. Ti sentivi la persona più felice del mondo, prima di provare nausea e non volerli più vedere…

          Per essere profondamente felici è meglio togliere più che aggiungere. Facci caso.

          7. Sii più forte delle circostanze

          O tutto, o niente.

          Questo mantra fa parte di una mentalità estremista che non vede vie di mezzo tra il fallimento e il successo stratosferico.

          Le persone che cadono facilmente negli eccessi spesso sono anche quelle che impiegano tutte le proprie energie all’inizio di un progetto e poi mollano fragorosamente alla prima risposta negativa dall’esterno (passando ad un nuovo progetto, dove ripeteranno il medesimo errore).

          Questa è sicuramente un altro ambito della nostra vita in cui serve “metriotes”.

          Equilibrio è anche assorbire i colpi negativi e adattarsi costantemente alle circostanze, trovando le soluzioni migliori per avere successo a lungo termine.

          Moderazione è saper modulare la propria energia e i propri sforzi in vista di un obiettivo più grande.

          Una vita moderata non è una vita piatta, priva di passioni.

          Al contrario: è la condizione giusta per poter vivere appieno la vita che immagini per te, nutrendo costantemente i tuoi interessi e facendoti nutrire da loro.

          Andrea Giuliodori.

           

          Ps. A proposito di "metriotes" e moderazione, il mondo della crescita personale ne avrebbe decisamente bisogno.

          Promesse mirabolanti, routine "miracolose", cultura del successo e della positività a tutti i costi. La formazione è la patria degli eccessi "vuoti". Con EfficaceMente da ormai quasi 13 anni sto cercando di portare avanti una filosofia di sviluppo personale più moderata, concreta, solida. Per questo motivo, in vista dell'unica riapertura annuale di Protocollo CHANGE - il metodo per cambiare abitudini in modo naturale, radicale e permanente - ho pensato di mettere a disposizione di tutti gli iscritti alla lista di attesa un mini-corso di preparazione gratuito dedicato alla morning routine. Troppi para-guru promuovono routine mattutine "miracolose", spesso troppo estreme e prive di qualunque fondamento scientifico o attenzione alle esigenze delle singole persone. Nelle 10 mini-lezioni dell'instant course gratuito "La tua Morning Routine Perfetta" vedremo invece una serie di indicazioni pratiche grazie alle quali potrai costruire la tua routine mattutina cucita su misura su di te. Nel mini-corso ti darò anche qualche anteprima del corso avanzato Protocollo CHANGE, ideato con la consulenza scientifica del dott. Andrea Fiorenza, corso che ha già aiutato centinaia di lettori di EfficaceMente ad abbandonare la fame nervosa, smettere di fumare, allenarsi con costanza o, appunto, formare finalmente la buona abitudine della routine mattutina: testimonianza CHANGE Prima però cerchiamo di capire qual è la routine mattutina più adatta a noi! Per iscriverti gratuitamente alla lista di attesa di Protocollo CHANGE e ricevere le 10 lezioni del mini-corso "La mia Morning Routine Perfetta" completa il form qui sotto. La prima mini-lezione gratuita sarà inviata mercoledì 24 marzo:
          Ti aspetto dall'altra parte.

          Andrea.

          [post_title] => Metriotes: come imparare l'arte della moderazione [post_excerpt] => La moderazione ci viene difficile, eppure è una condizione necessaria per vivere una buona vita e raggiungere i nostri scopi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => moderazione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-06-07 03:16:24 [post_modified_gmt] => 2021-06-07 01:16:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27184 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 37 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 26685 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-11-29 20:54:58 [post_date_gmt] => 2020-11-29 19:54:58 [post_content] =>

          Riscopri in questo articolo il valore profondo della speranza e impara a riportarla nella tua vita anche nei periodi più bui.

          Lo so cosa stai pensando:

          Dai, Andre! Non è certo questo l’anno per parlare di speranza!

          Già, con una pandemia in corso di cui ancora facciamo fatica a vedere una fine, le distanze, le limitazioni, l’economia in difficoltà e i piccoli o grandi problemi personali che toccano tutti noi, la parola speranza sembra quasi fuori luogo.

          Ma forse è proprio per questo che dovremmo parlarne...

          Che cos’è la speranza?

          "Ed in eterno trasalisce il cuore,

          come bandiera ad albero di nave,

          fra l’umano rimpianto e la speranza,

          questa dolce memoria del futuro."

          Vladislav Chodasevic.

          Nelle società antiche la speranza era venerata come una dea (nel culto della Spes romana, ad esempio).

          La stessa leggenda del vaso di Pandora racconta di quando la donna scoperchiò il vaso che non doveva in nessun modo aprire, facendo uscire tutti i mali che si disseminarono nel mondo. Eppure gli Dei, impietositi, lasciarono agli uomini proprio la speranza.

          Come emozione è stata riconosciuta relativamente tardi (i primi psicologi non la inserivano accanto alle emozioni "forti" come paura, rabbia, gioia, perché i suoi effetti sulla fisiologia umana sembravano più impalpabili).

          E spesso è stata bistrattata, come un sentimento inutile o addirittura nocivo, che ci porterebbe fuori strada annebbiandoci e separandoci dalla realtà.

          In realtà, la speranza è un'emozione preziosissima, in grado di cambiare radicalmente la nostra vita.

          Personalmente la definirei una miccia.

          Da lontano sembra un umile cordoncino senza importanza, ma se sei capace di accenderla, quella miccia darà vita a cariche esplosive di ogni tipo, scatenando un’energia immensa.

          I fuochi d'artificio naturalmente sono le tue passioni, i tuoi sogni, i tuoi progetti.

          Senza la miccia della speranza, però, per quanto grandi possano essere questi tuoi desideri, rischiano di rimanere freddi ed inerti.

          Ma non tutte le micce sono uguali, molte fanno cilecca. Lo stesso accade alla speranza quando non è... autentica.

          Speranza autentica vs. finta speranza: riconosci la miccia giusta

          Nel tempo si sono diffusi diversi equivoci, che hanno contribuito a trasformare la speranza nel rifugio degli inconcludenti.

          • Se sogni ad occhi aperti senza pensare a come agire, non è vera speranza.
          • Se aspetti e stai immobile, non è vera speranza.
          • Se sei concentrato unicamente su te stesso senza considerare la realtà, non è vera speranza.

          L'autentica speranza ha quattro caratteristiche ben precise:

          1. È propulsiva: dà energia e spinge all’azione.
          2. È espansiva: ampia gli orizzonti e genera creatività.
          3. È appassionata: non si accontenta di tranquille rassicurazioni.
          4. È concreta: non si appoggia  su fragili illusioni.

          Il filosofo Giuseppe Goisis, con una delle definizioni che trovo più belle, ne parla così:

          "La speranza è la bruciante passione per il possibile".

          Giuseppe Goisis.

          Ma è davvero così importante avere speranza?

          Perché la speranza è importante

           

          L’affetto dello sperare si espande, allarga gli uomini invece di restringerli, non si sazia mai di sapere che cosa internamente li fa tendere a uno scopo e che cosa all'esterno può essere loro alleato. Il lavoro di questo affetto vuole uomini che si gettino attivamente nel nuovo che si va formando e cui essi stessi appartengono.

          Ernst Bloch.

          In un certo senso, è semplice spiegare l'importanza della speranza.

          Non puoi fare nulla senza.

          Qualsiasi obiettivo o desiderio tu abbia, se non speri di poterlo realizzare, non inizierai mai a rincorrerlo.

          La speranza è la condizione imprescindibile per realizzare qualunque cosa.

          Se ci accingiamo a compiere un’attività e non nutriamo la giusta dose di speranza, ci verranno a mancare le energie, il nostro impegno sarà fiacco e discontinuo e il risultato sarà sicuramente deludente.

          La speranza è uno dei coefficienti più potenti della motivazione.

          • È il motore che ci permette di procedere verso i nostri obiettivi.
          • È quello che ci fa decidere di perseverare anche quando non vediamo risultati.
          • È la qualità che rende più facili le cose difficili.
          Ma la speranza non è solo la benzina dei nostri desideri, è anche un nutriente per la nostra anima.

          La speranza come integratore di salute e del benessere fisico

          La speranza ci condiziona talmente tanto da interagire con la nostra fisiologia.

          Lo psichiatra Karl Menninger, alla fine degli anni '50, studiò per primo gli effetti che la speranza ha sul nostro benessere psico-fisico.

          Diversi studi, inoltre, hanno dimostrato come la speranza contribuisca positivamente ai processi di guarigione dei nostri organi, come se questa emozione, accendendosi, potesse bruciare ciò che ci fa male.

          Molto suggestiva a tal proposito, è la storia dell'infarto dell'attore Martin Sheen.

          Durante le riprese di Apocalypse Now, un venerdì notte in cui si trovava da solo sul set, si sentì male. Al mattino ebbe un infarto e cadde a terra. Usò le forze che gli erano rimaste per trascinarsi e cercare aiuto.

          Quando finalmente lo raggiunsero gli uomini della troupe, Martin vide i loro volti sconvolti dall’angoscia e pensò che non ce l’avrebbe fatta.

          Anche quando arrivò al pronto soccorso, le espressioni di infermieri e medici continuavano a trasmettergli l’impressione che la situazione fosse gravissima, e lui cominciò a perdere sempre più le forze.

          Finché non vide sua moglie Janet.

          Non appena lui aprì gli occhi, lei gli sorrise e gli disse che era solo un film.

          Quel sorriso, quella fiducia e quella serenità diedero a Martin Sheen la convinzione che la situazione non fosse irrecuperabile e che ce l'avrebbe potuta fare.

          Da quel momento, cominciò a migliorare, e, infine, si salvò.

          Fu la speranza che gli fu infusa dalla moglie a salvarlo? Non lo sappiamo, ma di sicuro è ciò di cui è convinto Sheen.

          Cosa fare dunque quando la speranza in una vita migliore viene a mancare?

          E quando ci sentiamo senza speranza?

          Qui alla frontiera cadono le foglie, e benché i vicini siano tutti barbari e tu, tu sia a mille miglia di distanza, sul tavolo ci sono sempre due tazze.

          Anonimo (dinastia Tang, 618-906).

          Capita che la vita ci porti ad affrontare momenti di difficoltà, più o meno, grandi che fanno vacillare le nostre speranze.

          In questi frangenti ci sentiamo spenti, piatti, come marionette senza sostegno.

          I nostri "fuochi d'artificio" (passioni, desideri e progetti) se ne stanno in un angolo: freddi e inerti.

          È proprio in questi momenti che è fondamentale mantenere viva la miccia della speranza.

          Come fare?

          Ecco 6 spunti da mettere in pratica nei periodi più difficili (ogni riferimento al 2020 è puramente casuale).

           6 segreti per riaccendere il fuoco della speranza

          1. Cerca la terza porta

          Alex Banayan è il più giovane autore di bestseller a tema business della storia americana.

          Forbes e Business Insider lo hanno inserito nelle loro liste degli under 30 più influenti al mondo.

          Nel suo libro: "La terza porta. Viaggio alla scoperta dell’arte di farcela", racconta di come il segreto del successo suo, e di tanti personaggi influenti, sia paragonabile all’entrata in una discoteca affollata.

          Ci sono tre porte.

          La prima è quella canonica, dove si crea una fila infinita di gente che aspetta di entrare, e forse non entrerà mai.

          La seconda è l’accesso dei VIP, da cui è impossibile passare se non sei un privilegiato.

          La terza porta è quella che ti crei tu, con la tua inventiva: puoi trovare una finestra da cui introdurti, puoi entrare dalle cucine, puoi far finta di essere un ragazzo che lavora lì e così via.

          Se le cose in un ambito non hanno funzionato oppure se lo scenario, come in questo periodo, è cambiato, non puoi continuare a tentare con lo stesso approccio.

          La terza porta rappresenta tutti quei percorsi alternativi che puoi utilizzare per raggiungere i tuoi obiettivi.

          Prova con qualcosa di nuovo. Fai quello che non hai mai fatto prima.

          Creati una lista di strategie, meglio se paradossali, che potresti utilizzare per avvicinarti al tuo scopo.

          2. Tifa (per te)

          Probabilmente tifi o hai tifato una squadra del cuore, oppure segui qualche star in particolare.

          Be’, ti invito a fare lo stesso per te.

          Celebra le tue vittorie, premiati quando hai fatto passi avanti, rallegrati anche dei progressi più piccoli.

          Non limitarti a darti una metaforica "pacchetta sulla spalla": libera la tua gioia e la tua soddisfazione con forza.

          Più intensa è l'emozione positiva che proverai, più consoliderai l’abitudine a perseverare, ad avere fiducia e speranza.

          Proprio in quest'ottica, l'altro giorno ho chiesto ai corsisti di 365 - Un anno epico (edizione 2020) di pubblicare nel nostro gruppo riservato un apprezzamento sincero a sé stessi per come hanno affrontato quest'anno. Ne è uscito fuori un post ricco di ispirazione, energia e speranza, ingredienti fondamentali per affrontare il 2021.

          corsisti 365 2020

          3. Coltiva l'elasticità

          Chi perde facilmente la speranza spesso ha una mentalità molto rigida (nota anche come fixed mindset): pensa che le cose non cambino, che le proprie abilità non possano crescere e che il risultato ottenuto in un certo ambito sia immutabile.

          Di conseguenza, vive una sorta di paralisi negativa.

          Per uscirne è necessario sviluppare un forte Locus of Control interno, ovvero coltivare la convinzione di poter dominare gli eventi (o perlomeno il modo in cui reagiamo ad essi).

          Questo accade quando ci assumiamo la piena responsabilità dei nostri successi e insuccessi. Dove per "responsabilità" non si intende "colpa", ma piuttosto la capacità di "rispondere" a ciò che ci accade (respons-abilità).

          Se siamo convinti di poter affrontare qualsiasi evento, la speranza fiorirà naturalmente in noi.

          4. Diffondi speranza

          Quante volte ti è capitato di ricevere la telefonata di un amico o un’amica che attraversava un periodo buio e cercava un po’ di sostegno?

          Forse non ci hai mai pensato, ma anche questa è un’occasione, magari meno immediata di altre, per aumentare la nostra familiarità con la speranza.

          Quando siamo vicini ad una persona cara e alimentiamo la sua fiducia nel futuro, automaticamente aumentiamo anche la nostra.

          Mi raccomando, qui il consiglio non è quello di perdersi in un buco nero emotivo del frignone di turno.

          Qui stiamo parlando di sostegno sincero ad una persona in difficoltà.

          Percepire l’effetto positivo che le nostre parole e i nostri gesti possono avere sugli altri ci infonde gioia e – appunto – la convinzione che il futuro ci riserverà delle buone sorprese.

          Quindi, sii generoso di attenzioni: in questi mesi non ti mancheranno sicuramente le opportunità ;)

          5. Accedi ad una dimensione superiore

          Come esseri umani è insito in noi un profondo bisogno di spiritualità, di credere a qualcosa o qualcuno che sia più grande di noi.

          • Per alcuni, quel qualcuno è Dio.
          • Per altri, l'Universo o la Natura.
          • Per altri ancora, quel qualcosa è una causa che hanno deciso di sposare.

          Il raccoglimento interiore, espresso sotto forma di preghiera, meditazione o un profondo stato di concentrazione è lo strumento attraverso cui possiamo accedere a questa dimensione superiore.

          Ne beneficeranno il nostro ottimismo, la nostra autostima, la nostra capacità di adattamento e naturalmente la nostra speranza in un futuro migliore.

          Impara a ritagliarti ogni giorno questi momenti di silenzio per te stesso.

          6. Non aspettarti che "andrà tutto bene"

          Coltivare la speranza non vuol dire credere in un futuro idilliaco, senza il minimo problema, una sorta di ovatta rosa dove sprofondare e dimenticarci di tutto.

          Per questo lo slogan "Andrà tutto bene", che ha campeggiato su tanti balconi nei mesi passati, in realtà ha avuto un effetto contrario a quello atteso.

          Il divario tra quello slogan e la realtà che ci siamo trovati ad affrontare è stato ed è tuttora troppo profondo.

          Di fronte a messaggi così insensatamente ottimisti, eleviamo automaticamente una barriera difensiva, che ci porta paradossalmente a perdere fiducia nel futuro.

          La vera speranza è sempre radicata nella realtà e per nutrirla dobbiamo ammettere che NON andrà tutto bene, consapevoli però che se ci rimbocchiamo le maniche, le cose inizieranno ad "andare meglio".

          Ecco "Andrà meglio, se mi impegnerò a cambiare le cose" forse funziona meno come slogan, ma è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

          Come iniziare a cambiare le cose per il 2021

          Spero davvero che questo articolo ti abbia ispirato a riaccendere la miccia della speranza.

          Tra limitazioni, incertezze e paure, il 2020 è stato un anno difficile per molti.

          Le cose però stanno per cambiare e nel 2021 torneremo ad una graduale normalità, una normalità però che risentirà delle profonde cicatrici sociali ed economiche di questo anno pandemico.

          Se vogliamo realizzare i nostri obiettivi e prosperare nel nuovo anno, dobbiamo dunque reinventarci; ma soprattutto dobbiamo mettere da parte una volta e per tutte rimandite, incostanza e scarsa fiducia in noi stessi.

          Dal 2015, grazie al percorso annuale 365 - Un anno epico accompagno quotidianamente un gruppo selezionato di lettori di EfficaceMente proprio nella realizzazione dei loro progetti più ambiziosi (laurea, dieta, cambio di carriera, aumento di fatturato).

          Assistere ai successi dei miei corsisti anche in questo 2020 così disastrato è stata una profonda soddisfazione:

          Testimonianza Eli Eli Testimonianza Claudio Ivaldi Testimonianza Marco Marzano

          In vista dell'apertura delle iscrizioni all'edizione 2021 del corso 365 (mercoledì 9 dicembre), metteremo a disposizione di tutti i lettori di EfficaceMente un PRE-corso gratuito: 31 sfide quotidiane che ti accompagneranno dall'1 al 31 dicembre.

          Grazie a queste sfide potrai farti un'idea di cosa ti aspetta all'interno del corso annuale a pagamento (che parte il 1° gennaio), ma soprattutto potrai acquisire un metodo estremamente efficace per fare chiarezza nella tua vita ed individuare con precisione quelle che sono le tue vere priorità per il nuovo anno.

          Il PRE-corso gratuito inizierà martedì 1° dicembre, per scoprire tutti i dettagli ed iscriverti gratuitamente, clicca il pulsante qui sotto:

          VAI 》

          Ti auguro una settimana in cui poter ritrovare la tua speranza per un futuro migliore.

          Andrea Giuliodori.

          [post_title] => Speranza: 6 modi per riaccenderla (anche nei periodi più bui) [post_excerpt] => Che cos'è davvero la speranza? Perché è fondamentale per la nostra vita? Lo vediamo in questo articolo, insieme a 9 segreti per irrobustirla. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => speranza [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-11-29 21:22:09 [post_modified_gmt] => 2020-11-29 20:22:09 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26685 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 19 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 26080 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-09-13 19:11:39 [post_date_gmt] => 2020-09-13 17:11:39 [post_content] =>

          In questo articolo vedremo insieme che cosa sono le affermazioni positive, se effettivamente funzionano e come puoi usarle per raggiungere i tuoi obiettivi.

          Le affermazioni positive sono da decenni tra i cavalli di battaglia preferiti di guru e para-guru di crescita personale.

          Ma funzionano davvero?

          Se mi segui da un po' saprai che uno degli obiettivi che mi sono prefissato con EfficaceMente è quello di individuare, testare e proporre ai miei lettori le migliori strategie di miglioramento personale oggi disponibili.

          Farlo significa innanzitutto cercare di separare la troppa fuffa che gira nell'industria della formazione, da ciò che ha un impatto reale, concreto e positivo sulla nostra vita.

          Purtroppo le affermazioni positive, per come sono state proposte dai vari coach e urlatori da palco, rientrano in gran parte tra quelle che tecnicamente si chiamano: "minchiate un tanto al chilo".

          Va be' Andre', dai, questa settimana è andata bene: articolo breve, praticamente è finito qua, giusto?!

          Beh, in realtà non tutto è perduto...

          Cosa sono le affermazioni positive

          Per affermazioni positive intendiamo delle frasi che rappresentano un obiettivo, uno stato emotivo che si vuole raggiungere o il tipo di persona che si vuole diventare, e, attraverso la loro ripetizione regolare, possono provocare dei cambiamenti rilevanti sul nostro stato psicofisiologico.

          Il problema è che ripetere a pappagallo delle frasette pre-confezionate propinateci dal para-guru di turno, spesso si dimostra una totale perdita di tempo.

          Anzi, peggio ancora, può avere addirittura effetti controproducenti a causa del fenomeno psicologico noto come "dissonanza cognitiva".

          Quando le affermazioni positive rischiano di farti stare peggio

          Se, di punto in bianco, inizi a ripeterti affermazioni positive che sono completamente avulse rispetto alla realtà che stai vivendo in questo momento, non farai altro che creare un profondo senso di contraddizione nella tua mente (la cosiddetta dissonanza cognitiva appunto).

          Visto che il nostro cervello non tollera questa incoerenza, indovina chi prevarrà in questo conflitto tra pensieri positivi pre-confezionati che provi a ripeterti meccanicamente e le tue convinzioni inconsce ormai radicate da anni?

          Esatto, vinceranno sempre e solo le tue convinzioni negative, anzi, ne usciranno addirittura rafforzate!

          Come possiamo evitarlo? Come possiamo mettere le affermazioni positive a nostro servizio?

          Il fatto che certe convinzioni negative governino la nostra vita è la dimostrazione stessa che quello che ci ripetiamo ogni santo giorno determina effettivamente la nostra realtà.

          Il segreto per far funzionare le affermazioni positive è dunque capire cos'è che rende le affermazioni negative che ci ripetiamo inconsciamente da anni, così efficaci.

          Scopriamolo...

           

          Sfrutta le tue affermazioni negative inconsce per crearti affermazioni positive efficaci

          signorina Rottermeier

          Ma bravo, hai fatto l’ennesima c*****a!

          “Non ce la farò mai, è troppo difficile…”

          “Basta, mollo perché tanto non valgo niente.”

          “Mi sento da schifo”.

          “Sono stufo. Non ci provo neanche.

          Ti suonano familiari queste frasi?

          Questi sono i pensieri negativi che ti ripeti in continuazione come una sadica signorina Rottermaier ogni volta che qualcosa non va alla perfezione nella tua vita.

          Ma cosa ancor più grave, finisci quasi sempre per credere a queste affermazioni negative e, secondo il meccanismo della profezia che si auto-avvera, le trasformi nella tua realtà.

          Cos'è dunque che rende così efficaci questi pensieri negativi?

          Iniziamo con la cattiva notizia.

          Per nostra natura, sfortunatamente noi esseri umani tendiamo a dare molta più rilevanza ai pensieri negativi rispetto a quelli positivi.

          Questo è un noto meccanismo evolutivo che ci ha fatto sopravvivere nella Savana ("a pensar male si fa peccato, ma a volte ci si azzecca"), ma che purtroppo non contribuisce in alcun modo alla nostra felicità.

          Questo significa che per far funzionare le affermazioni positive, dovremo necessariamente fare uno sforzo cosciente.

          Chiarito questo punto, vediamo cosa rende certi nostri pensieri negativi così predominanti e come possiamo sfruttare queste stesse caratteristiche a nostro vantaggio.

          Le 3 caratteristiche chiave dei pensieri che condizionano davvero la nostra vita

          All'interno del manuale Autostima Passo Passo (APP) trovi un approfondimento molto dettagliato sul dialogo interiore e come esso condizioni la fiducia in noi stessi e la nostra vita. Ai fini di questo articolo, ti condivido quelle che sono le 3 caratteristiche che rendono un pensiero estremamente potente e capace di governare le nostre giornate (nel bene e nel male):

          1. Ripetizione. Certi pensieri negativi si radicano nella nostra mente perché li abbiamo ripetuti centinaia di volte nel corso della nostra vita. Questo significa che affinché le nostre affermazioni positive diventino anch'esse efficaci, dovremo ripeterle con costanza (maggiori dettagli su questo punto più avanti).
          2. Plausibilità. Le nostre convinzioni negative hanno effetto su di noi perché sono... plausibili. In altre parole, ci crediamo perché in passato abbiamo avuto esperienze di vita che ci hanno confermato certi pensieri. Per far sì che anche le nostre affermazioni positive funzionino, non possiamo dunque sparare frasette "magiche" campate per aria, dobbiamo costruire delle affermazioni che si basino su dei dati di realtà, o comunque su esperienze del nostro passato in cui abbiamo avuto atteggiamenti vincenti.
          3. Emozione. Infine certe affermazioni negative funzionano perché sono quasi sempre accompagnate da emozioni negative altrettanto potenti. Stesso principio va dunque applicato alle nostre affermazioni positive: affinché funzionino, non possiamo ripeterle meccanicamente, ma dobbiamo recitarle cercando di far leva su emozioni coerenti con quanto ci stiamo ripetendo.

          Bene, finora abbiamo visto perché le affermazioni positive non funzionano o addirittura possono essere contro-producenti se usate nella maniera sbagliata.

          Abbiamo però scoperto anche quelle che sono le 3 caratteristiche che permettono ad un pensiero di influenzare davvero la nostra realtà e se sono valide per le nostre convinzioni negative, lo sono altrettanto per quelle positive.

          Se ti sono chiare queste premesse, qui di seguito trovi una lista di ben 187 affermazioni positive, suddivise in diversi ambiti.

          Mi raccomando, usale con intelligenza:

          • Prendi ispirazione da queste frasi e riadattale alla tua realtà.
          • Non selezionare affermazioni completamente in contrasto con la tua attuale situazione.
          • Seleziona non più di 3-5 affermazioni su cui focalizzarti inizialmente.

          Al termine dell'articolo ti fornirò ulteriori indicazioni su come usare al meglio queste affermazioni positive (quando, quante volte, etc.) e come crearne di tue.

          Affermazioni positive per essere più sicuri di sé

          La sicurezza in se stessi è il motore delle proprie azioni e del raggiungimento dei propri obiettivi.

          Sai bene che una buona autostima è indispensabile per realizzare i tuoi desideri nei diversi ambiti: lavorativo, personale, familiare (qui trovi anche i miei aforismi preferiti in merito).

          Se vivi un momento di incertezza, o la tua autostima non è alle stelle, ecco alcune affermazioni positive che potrebbero fare al tuo caso:

          1. Ho in me tutto quello che mi serve per avere successo.
          2. Posso essere il migliore per fare questo lavoro.
          3. Non ho paura di sbagliarmi.
          4. La felicità è alla mia portata.
          5. Parlo con fiducia e sicurezza.
          6. Risponderò di no quando non avrò tempo o voglia di fare qualcosa.
          7. Ho il coraggio di essere diverso.
          8. Posso realizzare ogni mio desiderio.
          9. Mi sento a mio agio anche fuori dalla mia zona di comfort.
          10. Mi merito che i miei sogni si realizzino.
          11. Qualunque cosa succeda, io posso farcela.
          12. La mia forza è più grande di qualsiasi difficoltà.
          13. Ogni giorno divento più forte.
          14. Mi stupisco di fronte a tutto ciò che il mio corpo e la mia mente sono capaci di fare.
          15. Sono la persona che desidero essere.
          16. Conosco il mio valore.
          17. Scelgo chi diventare.
          18. Strizzo l’occhio alle sfide.
          19. Ho il potere di cambiare la mia storia personale.
          20. Uso i miei sbagli come trampolini di lancio verso il mio successo.
          21. Ho il coraggio di dire di no.
          22. Gli ostacoli sono solo sfide da superare.
          23. Io mi rispetto.
          24. Io rispetto i miei limiti e sono grato per i miei talenti.
          25. Ho tutto quello che mi serve per rendere speciale la mia giornata.
          26. Mi circondo di persone positive.
          27. Mi amo e mi stimo così come sono.
          28. Non ho niente da dimostrare a nessuno.
          29. Mi impegno al 100% per raggiungere i miei obiettivi.
          30. Sono in grado di gestire qualsiasi cosa accada.
          31. Ho dentro di me il potere di cambiare.
          32. Sono capace di prendere decisioni.
          33. Ho il pieno controllo della mia vita.
          34. Mi adatto facilmente ai cambiamenti.
          35. Mi impegno a migliorare la mia vita.
          36. Ho piena fiducia nelle mie decisioni.

          Affermazioni positive per amarsi di più

          Amarsi, conoscersi e rispettare con serenità le proprie caratteristiche, senza forzarle, porterà anche gli altri ad avere un atteggiamento di rispetto e affetto nei nostri confronti.

          1. Smetto di scusarmi per come sono fatto.
          2. Sono in pace con tutto quello che mi è successo nella vita.
          3. Il mio corpo è bello, sano ed esprime la mia anima.
          4. Sono stabile, tranquillo e concentrato.
          5. Ho tutto quello di cui ho bisogno.
          6. Sono fortunato.
          7. Inseguo i miei desideri, non quelli degli altri.
          8. Sono pieno di ottime idee.
          9. Baso le mie decisioni sulla mia bussola interiore.
          10. Non ho bisogno di nessun altro per essere felice.
          11. Quando mi prendo cura di me mi prendo cura del mondo.
          12. Io sono importante.
          13. Sarò assertivo quando avrò bisogno di esserlo.
          14. L’universo cospira a favore del mio successo.
          15. Io controllo le mie paure, non sono loro a controllare me.
          16. Io sono completo anche da solo.
          17. Mi assumo la responsabilità di chi sono, nel bene e nel male.
          18. Io scelgo me stesso.
          19. Manterrò la mia posizione e mi difenderò.
          20. Io credo in me.
          21. Onoro gli impegni che prendo con me stesso.
          22. Non c’è una decisione sbagliata.
          23. Io creo la mia vita esattamente come la desidero per me.
          24. Sono libero da preoccupazioni.
          25. Io posso dire no agli altri per dire sì a me stesso.
          26. Ho il diritto di rilassarmi e stare bene.

          Affermazioni positive per raggiungere i propri obiettivi

          Se non è la prima volta che leggi EfficaceMente, saprai benissimo quanto consideri importanti gli obiettivi e quanto spinga sulla loro corretta definizione.

          Certo che però non è sufficiente stabilire bene degli scopi, se poi intimamente siamo convinti di non poterli raggiungere e ci trasformiamo nei nostri peggiori nemici, attraverso la procrastinazione e altri auto-sabotaggi.

          Le affermazioni positive che seguono ti aiuteranno a lavorare su questo aspetto, sostituendo uno scetticismo di cui spesso non sei consapevole con una giusta convinzione nelle tue capacità.

          1. Posso trovare entusiasmo nel portare avanti il mio lavoro con eccellenza.
          2. Sono attento e concentrato su quello che devo fare.
          3. Sono in grado di concentrarmi su tutto quello che desidero.
          4. La mia mente è piena di energia, lucida e focalizzata sul raggiungimento dei miei obiettivi.
          5. Concentro tutti i miei sforzi su quello che voglio realizzare nella mia vita.
          6. Posso entrare nello stato di flow ogni volta che lo desidero.
          7. Affronterò le situazioni critiche con calma e coraggio. Troverò soluzioni anche nei momenti difficili.
          8. Seguirò il ritmo della mia musica. Sarò me stesso, non la persona che gli altri vogliono che io sia.
          9. Oggi farò un grande passo verso il raggiungimento dei miei obiettivi.
          10. Tutte le resistenze al raggiungimento dei miei obiettivi sono svanite.
          11. So dove sto andando. Devo solo agire per arrivarci.
          12. Mi libero dal dubbio e dal pessimismo che mi impediscono di raggiungere i miei obiettivi.
          13. Visualizzo con chiarezza il raggiungimento dei miei obiettivi.
          14. Vedo con chiarezza gli ostacoli che si frappongono tra me e il mio obiettivo. E li aggiro, muovendomi sopra di loro, sotto di loro, attraverso o intorno a loro.
          15. La mia pianificazione, le mie azioni e la mia dedizione mi porteranno a realizzare i miei desideri.
          16. I miei obiettivi quotidiani mi permetteranno di raggiungere i miei obiettivi a lungo termine.
          17. Vivo nel presente, senza mai soffermarmi sul passato, e agisco per garantirmi un futuro meraviglioso.
          18. Trasformerò i miei sogni in obiettivi, i miei obiettivi in obiettivi più piccoli, i miei obiettivi più piccoli in azioni, e ogni giorno compirò una di queste azioni.
          19. Sono disposto a esplorare territori nuovi e sconosciuti.
          20. Raggiungerò tutti i miei obiettivi.
          21. I miei obiettivi sono semplici da raggiungere.
          22. Se compirò le azioni corrette i clienti sceglieranno me.
          23. I miei obiettivi sono sempre più vicini.
          24. Le mie priorità sono chiare. Mi impegno a completare per prime le cose più importanti.
          25. Stabilisco solo obiettivi che contano.
          26. Se il perché è abbastanza forte, troverò il mio come.
          27. La mia mente è come acqua. Cambierò e mi adatterò ogni volta che sarà necessario.
          28. Il successo è nel mio futuro.

          Affermazioni positive per sviluppare la tua indipendenza

          Quante volte ci capita di imputare a cause esterne un risultato negativo? Diamo colpe a destra e a manca: alla famiglia, alla salute, alla forma fisica, al tempo.

          Campione di questa specialità è il proverbiale ‘frignone’ (ma spero che non sia il tuo caso! Ad ogni modo, questo è il test per verificare se appartieni alla categoria ;-) ).

          È importante essere consapevoli che nella maggior parte dei casi, i risultati che otteniamo dipendono unicamente da noi.

          Ecco una lista di affermazioni positive che ce lo ricorda:

          1. Devo contare su me stesso.
          2. La responsabilità del successo o del fallimento è nelle mie mani.
          3. Io sono la mia più grande possibilità di successo.
          4. Non accetterò nient’altro se non il meglio.
          5. Non dipendo da nessuno all'infuori di me.
          6. Mi assumo la piena responsabilità dei miei successi e dei miei fallimenti.
          7. Mi attiverò per scoprire gli ostacoli al mio successo.
          8. La consapevolezza mi aiuterà a ottenere il massimo dal mio tempo.

          Affermazioni positive per migliorare sul lavoro

          Qualunque sia il tuo obiettivo lavorativo - una promozione, un cambio professionale, un salto di qualità - queste affermazioni positive ti aiuteranno ad aumentare la tua energia, la tua produttività e la tua creatività.

          1. Non lavorerò più duramente. Lavorerò con più intelligenza.
          2. Ho un’influenza positiva sugli altri, e mi circondo di persone simili a me.
          3. Il mio tempo è il bene più prezioso. Lo proteggo con attenzione.
          4. L’equilibrio è la chiave. Unirò impegno e rispetto per le mie necessità e i miei tempi.
          5. Io vado sempre avanti.
          6. Sono circondato da energia positiva.
          7. Sono un ottimo lavoratore. Ogni azienda è fortunata ad avermi.
          8. La mia carriera sarà quella che ho sempre sognato.
          9. Quando dico ‘no’ al lavoro sbagliato, mi avvicino alla carriera perfetta per me.
          10. Il mio reddito continuerà ad aumentare.
          11. Il lavoro giusto per me può offrirmi grandi opportunità economiche e di crescita.
          12. Ho l’istinto dell’imprenditore. Riconosco e colgo le opportunità quando si presentano.
          13. Mi assumo la piena responsabilità del mio lavoro.
          14. Impiego le mie energie migliori per la mia carriera, la mia salute e la mia famiglia. Tutto il resto è secondario.
          15. Preferisco essere un leader più che un capo, per i miei colleghi, e faccio in modo che abbiano sempre più successo.
          16. Ogni volta che faccio un colloquio, trasmetto energia e sicurezza.
          17. Il lavoro che cerco mi sta cercando.
          18. Sono pronto per i miei colloqui, comunico con sicurezza e avrò successo.
          19. Ogni cambiamento di lavoro è un’opportunità per costruire la carriera dei miei sogni. Scelgo una splendida carriera.
          20. Mi merito un lavoro che mi corrisponda e mi piaccia, e sono pronto per trovarlo.
          21. La mia determinazione mi farà trovare il lavoro che preferisco.
          22. Ho tutto quello di cui ho bisogno per crearmi le mie opportunità.
          23. Confido nel mio intuito.
          24. Il successo mi viene incontro attraverso le giuste opportunità.
          25. Il mio nuovo progetto di business continua a crescere.
          26. Quando le opportunità arriveranno sarò pronto a coglierle.
          27. Il denaro investito mi ritorna moltiplicato.
          28. Ogni giorno è ricco di nuove possibilità e nuove idee.
          29. Godo di un’ottima stabilità finanziaria.
          30. Le convinzioni limitanti non hanno potere su di me. Sono ottimista e di larghe vedute.
          31. Sono naturalmente organizzato.
          32. Se applico le giuste strategie i miei clienti ideali mi vengono incontro.
          33. La mia passione per gli affari porta risultati concreti.
          34. Io controllo la mia giornata, non lascio che sia la mia giornata a controllarmi.
          35. Mi creo delle fantastiche opportunità di business.
          36. Io sono il mio unico limite.
          37. Mi circondo di persone positive che credono in me.
          38. Sono sempre felice di esplorare nuove opportunità di business.
          39. Quando ho bisogno di supporto, attiro senza sforzo le persone e le risorse perfette per me.
          40. Le mie ambizioni sono in linea con i miei valori.
          41. Lavoro con persone carismatiche che condividono il mio entusiasmo.
          42. Attraverso il mio successo, creo opportunità di successo anche per gli altri.
          43. Mi viene naturale trovare soluzioni.
          44. Le giuste circostanze mi si presentano nei momenti migliori.
          45. Mi fido della mia intuizione che mi fa prendere sempre le decisioni più sagge.
          46. Incontro mentori brillanti che condividono le loro esperienze con me.
          47. Ascolto con pazienza e comunico con efficacia.
          48. Mi sento bene anche quando sono sotto pressione.
          49. Mi sono impostato degli standard elevati e sono sempre all’altezza delle mie aspettative.
          50. Penso in grande e sogno in grande, senza riserve.
          51. Vivo al pieno delle mie potenzialità.
          52. Rendo il mondo un posto migliore attraverso un’influenza positiva e potente.
          53. Sono orgoglioso e grato per il mio successo finanziario.
          54. Sto vivendo il mio sogno.
          55. Sono orgoglioso di come i miei talenti contribuiscano alla bellezza del mondo.
          56. Ho risultati positivi.
          57. Festeggio con gioia ogni traguardo raggiunto.
          58. Ogni giorno scopro nuovi affascinanti percorsi da seguire.
          59. Oggi mi godo il mio lavoro e sono ottimista circa il futuro.
          60. Il mio conto bancario continua a crescere.
          61. Ho tutto il denaro necessario per accontentare i miei bisogni.
          62. Ho diverse fonti di reddito.

          Affermazioni positive contro le preoccupazioni e la paura

          In quante situazioni i nostri timori ci ostacolano?

          Ecco le affermazioni positive che ti aiuteranno a sostituire ansia e preoccupazioni con una calma fiducia.

          1. I miei timori diminuiscono mano a mano che vivo la mia vita con coraggio.
          2. Ho il controllo delle mie emozioni.
          3. Non sono solo.
          4. I miei pensieri sono calmi e pieni di gioia.
          5. Sono perfettamente al sicuro. Mi fido della vita e di me stesso.
          6. La mia vita è un’avventura.
          7. La vita desidera solo il meglio per me.
          8. Mi godo il meglio della vita.
          9. Sono forte.
          10. Mi sento a mio agio con le altre persone.
          11. Seguo i miei sogni con determinazione.
          12. Sono in armonia con me stesso.
          13. Non ci sono ostacoli che io non possa superare.
          14. Mi piace conoscere nuove persone.
          15. Sono naturalmente calmo.

          Affermazioni positive per le donne

          Conciliare famiglia, figli, lavoro e interessi personali oggi non è affatto semplice. In diverse situazioni le donne sono indubbiamente sottoposte a stress maggiori rispetto a noi uomini.

          Queste affermazioni positive sono pensate per loro.

          1. Abbastanza va benissimo.
          2. Mi do il permesso di rallentare.
          3. Mi prendo il tempo per mettermi al primo posto.
          4. Domando supporto se ne ho bisogno.
          5. Sono soddisfatta.
          6. Rispetto i miei tempi.
          7. Posso farcela.
          8. Ci sono già riuscita, ci riuscirò ancora.
          9. Non penso ai "cosa sarebbe successo se…?".
          10. Non vivo esclusivamente in relazione al mio bambino.
          11. Accetto i complimenti perché me li merito.
          12. Sono piena di energia.

          Bene, mi auguro che tu abbia trovato in questa lista di 187 mantra almeno 3-5 affermazioni che ti abbiano acceso una scintilla dentro. Se non è successo, non preoccuparti, ho la soluzione per te.

          Ho infatti preparato un contenuto extra per gli iscritti alla newsletter gratuita di EfficaceMente in cui spiego nel dettaglio come trovare e definire correttamente le proprie affermazioni personalizzate.

          Non solo, in questo breve documentino che riceverai in omaggio appena iscritto trovi anche una serie di istruzioni sul momento ideale della giornata in cui ripetere le tue affermazioni, la frequenza, etc.

          Per scaricarlo completa il form qui sotto che ti permette di iscriverti gratis alla nostra newsletter del lunedì (una delle più apprezzate del web):

            Ah, scrivimi nei commenti quali ti sono piaciute di più, oppure quali vuoi suggerire agli altri lettori. Una buonissima settimana di affermazioni positive e a presto!

          Andrea Giuliodori.

          [post_title] => Affermazioni positive: 187 mantra per sentirti bene e raggiungere i tuoi obiettivi [post_excerpt] => Affermazioni positive: cosa sono, come funzionano e perché sono così utili per la tua vita personale, le tue passioni e il tuo lavoro. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => affermazioni-positive [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-10-26 21:50:36 [post_modified_gmt] => 2021-10-26 19:50:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26080 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 48 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 26965 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-06-08 20:09:39 [post_date_gmt] => 2021-06-08 18:09:39 [post_content] =>

          Le domande (quelle giuste) possono avere un potere enorme. Scopriamo insieme le 14 domande che ti aiuteranno a plasmare la tua vita ideale.

          Noi tutti, almeno una volta nella vita, ci siamo chiesti:
          “Ma perché è capitato proprio adesso, proprio a me?”

          E se anche tu non ti sei mai posto questa precisa domanda, forse hai usato varianti del tipo...

          • “Perché l'universo ce l'ha con me?”
          • "Ma perché capitano sempre tutte a me?”
          • “Cosa ho fatto di sbagliato nella vita per meritarmi questo?”
          • ...

          Ecco, questo tipo di domande, soprattutto se ripetute con una certa frequenza, possono essere deleterie.

          Fortunatamente, però, esistono anche domande che ci migliorano la vita e ci aiutano a plasmarla così come l'abbiamo sempre desiderata. In questo nuovo contenuto dedicato ai +Efficaci ho raccolto in esclusiva le 14 domande più potenti per migliorare la tua esistenza. Vediamole insieme.
          “Se avessi solo un’ora per risolvere un problema e la mia vita dipendesse da questo, userei i primi 55 minuti per formulare la giusta domanda, perché, una volta trovata, potrei risolvere il problema in meno di 5 minuti.”

          A. Einstein

          1. La domanda per quando la vita ti sbatte a terra

          “Cosa posso trarne di buono?”

          Quando si attraversa un periodo particolarmente difficile è del tutto naturale chiederci perché il destino, l'universo o Dio stesso si stiano accanendo contro di noi.

          Questo tipo di domanda però ci porterà inevitabilmente a rimuginare su tutte le nostre sfortune e le nostre scelte sbagliate.

          È dunque preferibile spostare la nostra attenzione altrove e chiederci piuttosto cosa possiamo trarre di buono da questa terribile esperienza.

          Sì, lo so, agli inizi, quando vediamo tutto "nero", anche solo porci questa domanda da pensiero positivo spicciolo, ci sembra un insulto.

          Questo accade perché non siamo abituati ad allenare questo percorso neuronale così diverso diverso (e migliore) da quelli che battiamo costantemente.

          Se però ci sforziamo di porci questa domanda ("cosa posso trarne di buono"), lentamente emergeranno davanti a noi scenari a cui non avevamo mai pensato e così...

          • La perdita di una persona cara può trasformarsi nell'occasione per onorarne l'esistenza portando avanti un progetto a cui teneva particolarmente.
          • Una malattia debilitante può trasformarsi nell'occasione per assaporare i piccoli piaceri della vita e dare maggiore attenzione alla nostra salute e al nostro benessere in futuro.
          • La perdita del lavoro può trasformarsi nell'occasione per reinventarci e trovare finalmente quella libertà finanziaria che agogniamo da tanto tempo.

          Smettila dunque di chiederti "perché è capitato proprio a me?" e inizia a chiederti "visto che è capitato proprio a me, cosa posso trarne di buon?"

          2. La domanda per quando ti senti bloccato

          “Cosa mi impedisce di fare quello che desidero?”

          Se ancora non hai raggiunto i tuoi obiettivi (o non stai agendo per raggiungerli), questa è la domanda giusta per te.

          Prendi un foglio di carta, e rispondi a questa domanda: "cosa mi impedisce di fare quello che desidero?".

          Datti la libertà di rispondere e di farlo con estrema sincerità. Nessuno ti guarda. Nessuno ti giudica.

          Vai a fondo, cerca di capire cos'è che ti blocca davvero e cerca di farlo superando le risposte più banali e superficiali ("mi manca il tempo", "mi mancano i soldi", etc.).

          Magari scoprirai che, in fondo, non te ne frega poi così tanto di quell'obiettivo. Va benissimo così.

          O forse scoprirai che hai paura di avere successo, perché raggiungere quell'agognata meta può significare che alcune persone nella tua vita inizieranno a vederti in modo diverso.

          Continua a scavare, scopri i tuoi reali blocchi e poi affrontali.

          3. La domanda per quando devi scegliere che strada prendere

          “Cos'è per me il successo?”

          Se qualcuno ti parla di successo, qual è la prima immagine che ti viene in mente?

          È un'immagine che ti piace o che, sotto sotto, un po' disprezzi?

          Se non sappiamo cosa significa per noi "successo", o, peggio ancora, ne abbiamo un'idea pregiudiziale, difficilmente potremmo raggiungerlo. Di conseguenza ci condanneremo a vivere nella frustrazione e nel risentimento.

          Chiediti dunque cosa significa (davvero) per te successo?

          • È avere una famiglia felice?
          • È avere un milione di € in banca?
          • È avere un impatto positivo sul mondo?
          • È inventare una cura per il cancro?
          • È vivere in modo semplice, in mezzo alla natura?

          Non ti accontentare però della prima risposta che ti salterà in mente, trova piuttosto una risposta che risuona davvero con chi sei nel tuo intimo. Quella sarà la tua reale definizione di successo.

          4. La domanda per quando ti lamenti troppo

          “Cosa mi fa indignare?”

          Cosa succede nella tua quotidianità o nel mondo, che ti innervosisce, ti intristisce o ti fa inca***re?

          • È il comportamento dei politici?
          • È l’inquinamento?
          • Sono le reazioni dei tuoi suoceri?
          • È la superficialità con cui la gente tratta questioni che ritieni importanti?
          • Sono i balletti dei TikToker?

          Ora che ci hai pensato, e che probabilmente ne hai parlato con gli amici, ne hai scritto sui social, hai fatto 'na capa tanta ai tuoi colleghi e ti sei fatto cattivo il fegato, è il momento di osare un passo in più!

          Rifletti su cosa puoi fare tu di concreto per contrastare quello che ti fa indignare. C'è qualcosa nella tua sfera del controllo che ti consentirebbe di migliorare la situazione da subito?

          5. La domanda per quando hai esaurito le energie

          “Mi diverto?”

          Il tuo percorso di vita non può essere solo una maratona fatta di doveri, necessità, obblighi e digiuni intermittenti 😃

          Il rischio, infatti, è che se anche raggiungerai i tuoi obiettivi, sarai così spento e ingrigito che non ti godrai la vittoria.

          Se ti senti "svuotato" in questo periodo, chiediti cosa ti fa divertire davvero e perché non stai coltivando questa tua parte più bambina.
          • Come puoi rendere più piacevole anche i compiti più gravosi?
          • Come puoi soddisfare un tuo piccolo desiderio oggi?
          • Come puoi rendere più bello ed esteticamente appagante quello che stai facendo?

          Ricorda: divertirsi è un dovere!

          6. La domanda per quando hai paura

          “Perché no?”

          La prossima volta che ti trovi in una situazione in cui senti che stai per rinunciare a qualcosa che ti fa battere il cuore, chiediti perché non dovresti farla.

          No, sul serio, cosa succederebbe di così catastrofico se affrontassi questa tua paura?

          Scrivi tutte le conseguenze peggiori che potrebbe avere quell’azione. Sono tutte così terribili? C'è qualcosa che potresti fare per mitigare alcune di queste paure?

          Se in fin dei conti anche lo scenario peggiore non è così spaventoso come ti immaginavi, forse è il tempo di buttarti davvero...

          7. La domanda per quando non sai quello che vuoi

          “A cosa ho pensato di più negli ultimi mesi?”

          La società in cui viviamo, con tutti i suoi condizionamenti e i suoi modelli preconfezionati ci porta spesso a confonderci su quello che desideriamo nel nostro intimo.

          Ed è così che ci ritroviamo a vivere momenti di incertezza o vera crisi esistenziale in cui sentiamo di non essere felici e vorremmo semplicemente che le cose cambiassero.

          In questi casi è utile fare mente locale e chiederti a cosa hai pensato più e più volte nell'ultimo periodo. Questi pensieri ricorrenti, se negativi, ti aiutano a capire da cosa vuoi allontanarti; se positivi, ti aiutano a capire cosa vorresti di più nella tua vita.

          8. La domanda per quando vuoi conoscerti profondamente

          “Quali sono le persone con cui sto meglio?”

          Nella vita abbiamo contatti sociali con persone di ogni tipo, ma sono poche quelle con cui abbiamo da subito un’affinità speciale, con cui ci sentiamo liberi, e che abbiamo l'impressione di conoscere da sempre.

          Ecco, le qualità, le virtù, gli atteggiamenti e i comportamenti di queste persone in realtà dicono molto anche su noi stessi. Ci aiutano infatti a capire quali sono i nostri valori e talenti non ancora espressi. Insomma, le persone che ci piacciono ci indicano chi possiamo e vogliamo diventare.

          9. La domanda per quando devi eliminare qualcosa nella vita

          “Cosa mi stanca?”

          "Tutto, Andre’, tutto! Il mio ideale al momento è passare sette giorni sul divano a guardare quel punto preciso lì sul soffitto…"

          Ecco, non intendevo esattamente questo.

          Questa è la domanda da porsi quando senti di dover cambiare qualcosa nella tua vita e non sai bene cosa.

          Concentrati e pensa a cosa succhia le tue energie senza restituirti nulla in cambio – o comunque troppo poco.

          Una volta che avrai trovato quel o quegli elementi, avrai individuato i rami secchi da tagliare per far crescere meglio la tua pianta.

          10. La domanda per ristabilire le tue priorità

          “Sto seguendo la mia agenda o quella di qualcun altro?"

          Hai mai avuto l'impressione che la tua vita sia un susseguirsi di impegni che poco hanno a che fare con i tuoi obiettivi personali? Sì, certo, la pagnotta sul piatto dobbiamo pur mettercela e spesso, per avere uno stipendio a fine mese, dobbiamo vendere il nostro tempo per soddisfare gli obiettivi altrui. Ma è sempre così? Davvero è impossibile per noi cambiare lavoro o reinventarci? E nella vita privata? Facciamo lo stesso errore? Diciamo sì a tutti, tranne che a noi stessi? Di tanto in tanto, fermati e chiediti se nella tua vita stai lavorando ai tuoi sogni o se stai vivendo un incubo per costruire il sogno di qualcun altro.

          11. La domanda per quando ti senti sopraffatto dagli impegni

          “Come sarebbe se fosse facile?"

          Troppo spesso ci complichiamo la vita da soli. Da bravi appassionti di crescita personale siamo convinti che per "valere", le attività che facciamo per raggiungere i nostri obiettivi devono essere per forza difficili e faticose. Ma chi l'ha detto? Tra le 14 domande di questo articolo esclusivo, questa è quella che personalmente trovo più potente in assoluto. Ogni volta che mi ritrovo a rimandare un'attività o che sento un senso di repulsa per un certo impegno, mi chiedo esattamente questo: "come sarebbe se fosse facile?". Smettila di reinventarti la ruota ogni santa volta. Esiste una via più facile per ottenere lo stesso risultato. Il primo passo per trovarla è immaginarla.

          12. La domanda per sapere cosa è importante per te

          “Cosa non vorrei dimenticare mai?”

          Domandati questo, e avrai una risposta quanto mai precisa su quello che è o è stato significativo per te, che ti ha condizionato, nel bene e nel male, che costituisce le fondamenta della tua vita.

          Potrai inoltre capire quali di questi ricordi sono funzionali per te, e decidere se continuare a conservare queste memorie o abbandonarle.

          13. La domanda per cavalcare finalmente la tua passione

          “Che cosa non posso più fare?”

          Questa domanda, un po’ a trabocchetto, ti metterà di fronte agli occhi un tuo grande desiderio.

          Noi esseri umani siamo piuttosto strani: capita che attendiamo anni prima di investire le energie in qualcosa che ci appassiona – per difficoltà pratiche, perché pensiamo di non avere tutti i numeri per farlo, per pigrizia e per ennemila altre ragioni.

          Eppure, abbiamo la sotterranea sensazione che a un certo punto perderemo un treno prezioso.

          Ponendoti direttamente questa domanda, risveglierai delle sensazioni potenti sulle opportunità che hai lasciato ad ammuffire nel cassetto.

          Sfrutta la forza dei rimpianti, prima ancora che diventino tali. Questo ti darà finalmente l'energia per cavalcare le tue passioni..

          14. La domanda per questo preciso istante

          “Cosa sto aspettando?”

          Mi auguro sinceramente che le domande viste fin qui ti abbiamo aiutato a mettere a fuoco la tua vita ideale.

          Se così è stato... cosa stai aspettando?
          • Non aspettare il momento buono – non è mai il momento buono.
          • Non aspettare di essere libero da altri impegni.
          • Non aspettare che tutto sia perfetto.
          • Non lasciare che sia qualcun altro a prendersi i tuoi desideri – perché ti garantisco che lo farà.

          Fai quel primo passo. Anche piccolo. Vai incontro alla tua vita.

          Chiudi questo articolo e comincia adesso.

          Buona fortuna.

          Andrea Giuliodori.

          [post_title] => 14 domande potenti per vivere la tua vita ideale [post_excerpt] => Scopri 14 domande potenti e decisive da porti per capirti profondamente, prendere buone decisioni e vivere pienamente la tua vita. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => domande-potenti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-06-09 17:43:54 [post_modified_gmt] => 2021-06-09 15:43:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26965 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 24 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 120 [max_num_pages] => 24 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => be2cae79404857403d71a34ea530579e [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
          +Efficace Crescita Personale
          +Efficace Crescita Personale

          14 domande potenti per vivere la tua vita ideale

          Scopri 14 domande potenti e decisive da porti per capirti profondamente, prendere buone decisioni e vivere pienamente la tua vita.

          24
          9 min
          24
          9 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          24 regole per la vita

          La raccolta completa dei 24 principi etici basati su biologia, mitologia, religione, letteratura e ricerca scientifica del Prof. Jordan Peterson. Se dovessi nominare l’autore che più ha influenzato il mio percorso di crescita personale negli ultimi 5 anni, sceglierei senza dubbio lo psicologo clinico e professore universitario canadese Jordan Peterson. In un Occidente in crisi […]

          68
          13 min
          68
          13 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          Metriotes: come imparare l’arte della moderazione

          La moderazione ci viene difficile, eppure è una condizione necessaria per vivere una buona vita e raggiungere i nostri scopi.

          37
          10 min
          37
          10 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          Speranza: 6 modi per riaccenderla (anche nei periodi più bui)

          Che cos'è davvero la speranza? Perché è fondamentale per la nostra vita? Lo vediamo in questo articolo, insieme a 9 segreti per irrobustirla.

          19
          11 min
          19
          11 min
          Crescita Personale
          Crescita Personale

          Affermazioni positive: 187 mantra per sentirti bene e raggiungere i tuoi obiettivi

          Affermazioni positive: cosa sono, come funzionano e perché sono così utili per la tua vita personale, le tue passioni e il tuo lavoro.

          48
          17 min
          48
          17 min
          Loading...
          Loading...
          Loading...
          Loading...