EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

175.936
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Come memorizzare un mazzo di carte (e perché dovresti imparare)

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori Home » Studio 50 commenti

Al termine di questo articolo imparerai come memorizzare un mazzo di carte, ma soprattutto scoprirai perché questo esercizio è così importante (indizio: non ha nulla a che fare con la tua memoria!)

come memorizzare un mazzo di carte

“La felicità non è altro che una buona salute e una pessima memoria.”

Albert Schweitzer.

Fermi tutti! Questa André ce la devi spiegare!

Per anni ci hai scartavetrato gli zebedei con la storia che memorizzare un mazzo di 52 carte o un numero di 727.434 cifre era roba da fenomeni da baraccone, del tutto inutile per chi studia all’università, e oggi te ne esci con un articolo intitolato: “Come memorizzare un mazzo di carte“?!

Mr. Coerenza, eh?!

Come spiego all’interno di “Studia meno, Studia meglio (Sm2)” pensare di dover diventare un campione di memoria per essere uno studente efficace è come allenarsi al Monopoly per diventare un imprenditore di successo.

Vediamo di non confondere passatempi da nerd con la vita reale.

Ti dirò di più… io ho una pessima memoria (i miei amici mi ci prendono in giro da anni!)

Eppure sono riuscito a laurearmi alla Facoltà di Ingegneria in meno di 5 anni e col massimo dei voti.

Non solo.

Le tecniche di studio che ho ideato e di cui parlo in Sm2 hanno aiutato più di 11.000 studenti universitari a raggiungere lo stesso risultato.

Insomma, Metodo batte Memoria ogni singolo giorno della settimana.

Perché allora un articolo sul come memorizzare un mazzo di carte?!

Beh, innanzitutto perché è un trucchetto divertente da fare con i tuoi amici! :-D

Ma, cosa ben più importante, perché per impararlo dovrai esercitare un’abilità fondamentale per il tuo successo (nello studio e nella vita in generale).

…un’abilità infinitamente più importante della banale memoria.

L’attentional control (ovvero il controllo dell’attenzione)

memorizzare-un-mazzo-di-carte-controllo-della-attenzione

L’attentional control, o “controllo dell’attenzione” in italiano, è la capacità di un individuo di concentrarsi su una specifica attività (ignorandone deliberatamente altre) per un tempo sufficientemente lungo.

Con la diffusione massiccia dei social media e di contenuti digitali sempre più brevi, sempre più trash e sempre più “usa e getta” (vedi Snapchat), questa abilità sta letteralmente sparendo nelle nuove generazioni.

E probabilmente la stai perdendo anche tu.

Pensaci: quando è stata l’ultima volta che sei rimasto concentrato su un’unica attività (utile) per più di 30 minuti?

Cristo santo, probabilmente non riuscirai neanche a completare la lettura di questo articolo senza distrarti!

Eh già… siamo sempre più assenti.

Viviamo la nostra vita in superficie, inondati quotidianamente dall’overload informativo e incapaci di andare in profondità, di raggiungere quel livello di eccellenza indispensabile per realizzare degli obiettivi davvero ambiziosi.

In passato ti ho già proposto numerosi esercizi e strategie per migliorare la tua concentrazione: dalla tecnica del mandarino alla tecnica del cuore (e molte altre ancora).

Oggi vedremo come migliorare il tuo controllo dell’attenzione, imparando a memorizzare un mazzo di carte! Ecco le istruzioni dettagliate.

Come memorizzare un mazzo di carte: istruzioni pratiche

“I ricordi non sono la chiave del passato, ma del futuro.”

Corrie Ten Boom.

Ok André, tutto molto interessante, ma mi sono perso un passaggio: cosa diamine significa nella pratica memorizzare un mazzo di carte?!

Ooops, avevo dato per scontato questo piccolo aspetto!

L’obiettivo del nostro esercizio è il seguente: partendo da un mazzo di carte da poker, mescolato, dovrai memorizzare in pochi minuti l’esatto ordine delle 52 carte.

Per intenderci: dopo averlo memorizzato, puoi dare il mazzo di carte ad un tuo amico e chiedergli di estrarre le singole carte senza mostrartele.

Tu naturalmente dovrai essere in grado di “prevedere” quale carta verrà estratta di volta in volta, utilizzando solo la tua memoria.

Tutto chiaro? Iniziamo!

Passo #1: la passeggiata

memorizzare-un-mazzo-di-carte-passeggiata

Parte dell’esercizio che vedremo oggi si bassa sulla tecnica dei loci (te ne avevo già parlato in questo articolo).

Per preparaci a memorizzare un mazzo di carte, dovremo quindi innanzitutto costruire nella nostra mente un’immagine estremamente chiara di 5 stanze della nostra casa.

Visualizza te stesso mentre passeggi in queste stanze, seguendo un preciso percorso.

Puoi ad esempio partire dal:

  • corridoio d’ingresso,
  • andare nel soggiorno,
  • poi in cucina,
  • passare poi in una camera da letto
  • e infine andare in bagno.

Cerca di avere un’immagine quanto più vivida possibile di queste 5 stanze e degli oggetti presenti al loro interno.

Nello specifico, per ogni stanza dovrai individuare almeno 10 oggetti.

Ti consiglio di immaginare oggetti di grandi dimensioni: meglio un tavolo, piuttosto che una graffetta!

Stabiliti 10 oggetti per ognuna delle 5 stanze, decidi un ordine sequenziale con cui osservare mentalmente ognuno di questi oggetti.

Per intenderci: quando entri nel corridoio, il primo oggetto che immaginerai potrebbe essere lo zerbino, poi il portaombrelli, subito dopo l’attaccapanni, e così via.

Decidi l’ordine degli oggetti per tutte e 5 le stanze.

Così facendo avrai una sequenza di 50 oggetti (10 oggetti x 5 stanze).

Immagina altri 2 oggetti, magari in giardino, così da ottenere i 52 oggetti a cui potremo poi collegare le 52 carte del nostro mazzo…

Mi raccomando: ripassa mentalmente la tua “passeggiata” tra le varie stanze, finché non avrai memorizzato la sequenza dei 52 oggetti (1. zerbino 2. portaombrelli 3. attaccapanni 4. … 50. lavandino 51. annaffiatoio 52. rasaerba).

Bene, vediamo il passo #2…

Passo #2: le persone memorabili

memorizzare-un-mazzo-di-carte-cuore-spezzato

La seconda parte del nostro esercizio consiste nell’associare una persona memorabile ad ognuna delle 52 carte del mazzo.

Non so… potresti associare quella ragazza / ragazzo che ti ha spezzato il cuore al 2 di Picche, Pablo Picasso al Re di Quadri, Margherita Hack alla Regina di Fiori e così via.

Esercitati in questo secondo passaggio finché non sarai in grado di prendere una carta a caso dal mazzo e ricordare immediatamente la persona memorabile che le hai associato.

Ps. prima di iniziare questa seconda parte dell’esercizio, ti consiglio di mettere in pratica il trucco della memoria immediata.

Passo #3: lo show

memorizzare-un-mazzo-di-carte-show

I due passaggi che abbiamo visto finora devono essere completati una sola volta.

Nel momento in cui li avrai perfezionati, ovvero avrai costruito la tua sequenza di 52 oggetti e individuato i 52 personaggi memorabili da collegare alle singole carte, potrai ripetere il “trucchetto” tutte le volte che vorrai.

In questo terzo ed ultimo passaggio impareremo invece come memorizzare un mazzo di carte vero e proprio!

Che lo show abbia inizio! ;-)

Estrai la prima carta

Prendi un mazzo di carte da poker, mescolalo per benino e poi estrai la prima carta.

A questa carta naturalmente corrisponderà uno dei tuoi personaggi famosi.

Ipotizziamo ad esempio che la prima carta sia proprio quel 2 di Picche a cui avevi associato la fidanzatina del liceo che ti ha spezzato il cuore.

Associala al primo oggetto

Dovrai ora associare mentalmente questa prima carta al primo oggetto che compare nella tua “passeggiata” (ricordi? Le 5 stanze, i 10 oggetti, etc.). Nel nostro caso lo zerbino.

Come si effettua questa associazione mnemonica?

Beh, naturalmente utilizzando uno dei principi della formula segreta della memoria: le emozioni!

Per creare l’associazione tra carta (ovvero persona memorabile) e oggetto andremo a creare nella nostra mente un’immagine buffa o comunque un’immagine che abbia una forte carica emotiva.

Potresti ad esempio immaginare la fidanzatina bastarda mentre ti chiede umilmente perdono, strisciando ai tuoi piedi come uno… zerbino.

(Prima che il PdB – Partito dei Buonisti – si scandalizzi per questa immagine, ci tengo a precisare che creare un’immagine “forte” è parte essenziale dell’esercizio).

Ripeti il procedimento per tutte le carte

Completata la prima associazione tra personaggio memorabile e oggetto, dovrai ripetere lo stesso procedimento per tutte le altre 51 carte.

Se ad esempio la seconda carta è una Regina di Fiori (la nostra Margherita Hack), puoi immaginare la scienziata sbucare dal portaombrelli (il secondo oggetto).

Se la terza carta è un Re di Quadri (Pablo Picasso), puoi immaginare il pittore spagnolo mentre appende uno dei suoi famosi quadri all’attaccapanni.

E così via per tutte le altre carte che estrarrai dal mazzo.

Per essere sicuri che le associazioni si cementino per benino nella tua mente, terminati i 10 oggetti di una stanza, ripeti mentalmente i link personaggio-oggetto un paio di volte, e solo dopo passa alla “stanza” successiva.

Vai in scena!

Terminato il lavoro di associazione sei pronto ad andare in scena!

Dai il mazzo di carte al tuo amico (naturalmente mantenendo l’ordine originale) e inizia a ripetere a memoria, senza bisogno di guardare il mazzo, la sequenza di estrazione delle singole carte: 2 di Picche, Regina di Fiori, Re di Quadri, etc.

Per riuscirci non dovrai fare altro che ripercorrere mentalmente le tue 5 stanze ed i rispettivi 10 oggetti (+2) a cui avevi associato le 52 carte.

That’s it!

La prima volta naturalmente impiegherai diverso tempo per completare l’intero esercizio.

Con la pratica e il tempo, però, potresti riuscire a raggiungere quel livello di attentional control necessario per memorizzare un intero mazzo in pochissimi minuti.

Sì, ma… a che serve memorizzare un mazzo di carte?!

memorizzare-un-mazzo-di-carte-focus

Come spiegato nell’introduzione di questo articolo, lo scopo principale di questo “trucchetto” non è quello di impressionare i tuoi amici o diventare un campione di memoria (a meno che questa non sia la tua massima aspirazione nella vita).

La verità è che questo esercizio, e in particolare modo le tecniche della “passeggiata” e delle “persone memorabili“, sono una vera e propria palestra mentale per il tuo controllo dell’attenzione.

Come scoprirai esercitandoti, queste attività mentali richiedono un livello di concentrazione a cui non siamo più abituati.

Insomma questo divertente giochino ti aiuterà a togliere un po’ di ragnatele da alcune parti del tuo cervello che hai smesso di utilizzare da troppo tempo!

Beh… a patto naturalmente che tu lo metta in pratica!

Che aspetti: prendi un mazzo di carte ed inizia ad allenarti ;-)

Ti auguro una settimana vissuta in profondità. Andrea.

Ps. se sei arrivato fin qui, ti rubo altri 27 secondi per un annuncio molto importante. Se sei uno studente universitario DEVI leggerlo ;-)

Annunciazione!

Nelle prossime settimane completerò la nuova edizione del mio manuale “Studia meno, Studia meglio (Sm2)“.

Nel corso degli anni avevamo già fatto piccole correzioni ed aggiustamenti al manuale, ma questa nuova versione “2.0” è stata completamente rivista e riscritta, dalla prima all’ultima pagina.

Nuove sezioni, aggiornamento di quelle ormai superate, tecniche e contenuti completamente inediti e mai apparsi qui nel Blog.

Questo però significa che il prezzo della nuova edizione sarà inevitabilmente più alto

…a meno che.

Beh, a meno che tu non decida di acquistare oggi la versione attuale di “Studia meno, Studia meglio (Sm2)” (al prezzo attuale).

Il giorno della pubblicazione della nuova edizione, invierò infatti in omaggio (a gratise!) la nuova edizione a tutti quelli che avranno acquistato una copia di Sm2 prima di quella data (naturalmente anche i clienti storici).

Insomma, se acquisti oggi Studia meno, Studia meglio avrai le 2 edizioni pagando solo il prezzo di quella vecchia (e questo non è un trucco di magia).

Puoi andare alla pagina di acquisto e scaricare ora la tua copia di Sm2 cliccando il pulsante arancione qui sotto:

VOGLIO LA MIA COPIA DI SM2 》

A presto.

Foto di Vasilchenko Nikita

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla newsletter e scarica l'estratto di Studia meno, Studia meglio

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Studia meno, Studia meglio, la guida per dare il doppio degli esami in metà del tempo.

INVIAMI L'ESTRATTO 》
Già 175936 iscritti
Sarai dei nostri?

50 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Giuseppe Cubello

    Giuseppe Cubello

    ha detto:

    Come al solito geniale.

    Ma io che ho Sm2 da tempo immemore avrò pure la mia bella e nuova edizione oppure sono nel gruppo dei “fregati”? :D

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Argentini

      Andrea Argentini

      ha detto:

      la nuova edizione a tutti quelli che avranno acquistato una copia di Sm2 prima di quella data (naturalmente anche i clienti storici). cit. :-P

      Rispondi
      • Avatar di Giuseppe Cubello

        Giuseppe Cubello

        ha detto:

        Però c’è prima: Beh, a meno che tu non decida di acquistare oggi la versione attuale di “Studia meno, Studia meglio (Sm2)” (al prezzo attuale).

        Non vorrei si riferisse a chi acquista da questo momento in poi.. Speriamo che hai ragione! :D

      • Avatar di Andrea Giuliodori

        Ciao Giuseppe, nel rileggere l’articolo ieri sera ho aggiunto la frase “(naturalmente anche i clienti storici)”, proprio perché fosse chiaro che la nuova edizione sarà sbloccata gratuitamente a TUTTI i clienti che hanno acquistato Sm2 dal giorno della sua pubblicazione nel novembre 2012 fino al giorno della pubblicazione della nuova edizione :)

        La nuova versione sarà disponibile nel vostro account nell’area riservata e riceverete un’email il giorno in cui uscirà Sm2 2.0 :)

      • Avatar di Giuseppe Cubello

        Giuseppe Cubello

        ha detto:

        Ciao Andrea, grazie. :)

        Sei un BIG!

  2. Avatar di fdf75

    fdf75

    ha detto:

    Suggerimento: al posto degli oggetti si potrebbe pensare che nelle stanze ci sono dei soggetti che fanno qualcosa ed associare i personaggi a quei soggetti. Es. in una stanza c’è un tavolo in cui 4 giocano a poker ed un tavolo da 6 che gioca a tombola; in un’altra sono in 10 e non si può dire cosa fanno ma fanno molto! ;D

    Rispondi
  3. Avatar di Alessandro Castellano

    Grazie per questa strategia interessante, Andrea.

    Condivido appieno la necessità di allenare la capacità di concentrazione e di mantenere il focus; capacità che purtroppo è messa sempre di più a dura prova dalle mille distrazioni di oggi.

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Giuliodori

      Guarda il lato positivo: là fuori c’è una massa crescente di decerebrati che vivono in un perenne stato di distrazione.

      Chi avrà la determinazione di coltivare giorno dopo giorno il proprio focus avrà un vantaggio competitivo immenso, sia nella propria vita privata, sia soprattutto in quella professionale.

      Rispondi
      • Avatar di Alessandro Castellano

        Sì, è vero. Infatti a volte mi meraviglio di come alcune persone si arrendano facilmente quando c’è la necessità di usare la concentrazione.

  4. Avatar di sergio sicari
    sergio sicari ha detto:

    Grande Andrea.
    E’ proprio vero quanto dici sull’ overload informativo.
    Spesso apro sul browser diverse tab con le cose che ho trovato interessante nella mia email o nei miei social, ecc …
    Mi occupo di sviluppo web di professione, quindi ti lascio immaginare la quantità di tab che posso avere aperto ogni giorno sul mio browser.
    Una di questa tab stamattina era questo post del tuo blog che leggo con interesse ad un pò.
    Ammetto che la prima volta che ho iniziato a leggere non sono neanche arrivato alla frase:
    “Cristo santo, probabilmente non riuscirai neanche a completare la lettura di questo articolo senza distrarti!”. Mi ero fermato poco sopra.
    Fortunatamente dopo un pò sono tornato sulla tab e la lettura di quella frase mi ha convinto a completare la lettura dell’ articolo :D.
    Proverò sicuramente a fare quest’ esercizio. Grande

    Rispondi
  5. Avatar di Andrea

    Andrea

    ha detto:

    Ciao Andrea, ma tu hai fatto ingegneria oppure ingegneria gestionale? Probabilmente sai cosa intendo dire!
    Buona giornata!

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Giuliodori

      No non lo so Andrea: cosa intendi dire?

      Rispondi
      • Avatar di Nick Porta

        Nick Porta

        ha detto:

        Mi sa che intende quello che bene o male pensano tutti gli ingegneri…ovvero che ing. gestionale è quella più facile. Lo si sente dire spesso…poi non so se sia un pregiudizio o che…

      • Avatar di Andrea Giuliodori

        Sì sì, avevo capito Nick: grazie della spiegazione :-D

        Quando ho frequentato Ingegneria Gestionale io, visto che era appena entrato in vigore il nuovo ordinamento e Gestionale era un corso relativamente nuovo, i vari Prof. avevano ben pensato di farci fare esattamente gli stessi esami di Ingegneria Meccanica (vecchio ordinamento) con in aggiunta degli esami specifici di economia e organizzazione aziendale.

        Detto questo, un piccolo suggerimento: potete continuare a raccontarvi la storiella che gli altri riescano meglio di voi all’università perché il vostro corso è più difficile, perché c’è quel professore bastardo che avete solo voi, perché l’università della vostra città è notoriamente impossibile, perché __________ (completare con scusa a piacere).

        Oppure, vi assumete il 100% della responsabilità del vostro percorso universitario e decidete di acquisire tecniche e strategie davvero efficaci.

        Ps. 11.000 studenti universitari, di QUALSIASI facoltà, di QUALSIASI città universitaria, che hanno applicato con successo le strategie di Sm2 credo che siano un campione statisticamente valido e fin qui ci arriva anche un Ingegnere Gestionale :-D

      • Avatar di Nick Porta

        Nick Porta

        ha detto:

        Hahaha sicuramente hai ragione Andrea per quanto riguarda le scuse.
        Io non faccio ingegneria, ma ho parecchi amici che la frequentano…e so che prendono per il c*** quelli di gestionale e dicono sempre che sono economi mancati e non ingegneri :P
        Però ovviamente se non ci sei dentro non credo che puoi dare un giudizio vero e proprio. Secondo me la difficoltà delle facoltà è molto soggettiva e molto influenzata da vari fattori. Non si può fae di tutta un erba un fascio :D

      • Avatar di Andrea

        Andrea

        ha detto:

        Non era assolutamente una critica, anzi sono abbastanza sicuro che se tu avessi fatto un altro tipo di ingegneria i tuoi articoli non sarebbero così validi! Ps. ho già letto e riletto sm2, e sono un ing. informatico :D

  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide