EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

169.078
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Come vincere la PIGRIZIA: il principio di resistenza

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori - aggiornato il 12 marzo 2018 Home » Gestione del tempo 14 commenti

Non molti conoscono le vere cause della nostra pigrizia. Prenderne consapevolezza può aiutarti a combattere la pigrizia.

pigrizia

“La pigrizia non è altro che l’abitudine di riposarsi prima di diventare stanchi.”

Jules Renard.

Un recente studio condotto presso lo University College di Londra ha messo in evidenza una sconvolgente realtà:

siamo pigri, dannatamente pigri! :-D

Beh, in realtà non c’è nulla di sconvolgente: la pigrizia è del tutto naturale. Anzi, la natura stessa è pigra.

Pensa all’acqua, all’elettricità o al tuo gatto: scelgono sempre il percorso di minor resistenza.

Ciò che ho trovato particolarmente interessante dello studio inglese non sono state quindi le sue conclusioni (ovvie), quanto piuttosto le motivazioni, individuate dai ricercatori, alla base di questa nostra innata pigrizia.

Insomma, c’è una ragione ben precisa se preferiamo il divano alla palestra, il dolce all’insalata o Netflix all’esame di Diritto Privato e questa ragione non necessariamente è quella che molti si aspettano…

L’esperimento sulla pigrizia

esperimento sulla pigrizia

L’esperimento condotto dai ricercatori inglesi è stato alquanto ingegnoso.

I partecipanti sono stati messi di fronte ad uno schermo a cui era collegata una leva, simile ad un joystick.

Sullo schermo è stata poi proiettata una “nuvola” di puntini, che poteva spostarsi o verso destra o verso sinistra. Tutto quello che dovevano fare i partecipanti era muovere la leva (il joystick) nella stessa direzione in cui stava andando la nuvola di puntini in quel momento.

Come potrai immaginare, la totalità dei partecipanti è riuscita a portare a termine il semplice compito che gli era stato assegnato.

Questo finché, a loro insaputa, i ricercatori non hanno introdotto una piccola variante.

La leva usata dai partecipanti infatti era truccata e nel corso dell’esperimento, ad un certo punto, diventava leggermente più dura ogni volta che il partecipante iniziava a spostarla nella direzione in cui stava andando la “nuvola” dei puntini.

Risultato?

La stragrande maggioranza dei partecipanti ha iniziato a muovere il joystick nella direzione opposta rispetto al verso delle immagini mostrate sullo schermo.

Tra l’altro questo cambio comportamentale è avvenuto completamente a livello subconscio.

Addirittura la quasi totalità delle persone, al termine dell’esperimento, ha affermato con sicurezza di aver sempre mosso la leva nella direzione della nuvola di puntini, come da istruzioni ricevute.

In pratica il cervello dei partecipanti li ha ingannati pur di fargli prendere il sentiero di minor resistenza.

Per spiegare questo fenomeno, i ricercatori hanno fatto ricorso a questa interessante metafora…

L’inganno della mela più vicina

pigrizia mela

Immagina di essere in un frutteto e di dover raccogliere delle mele.

Probabilmente le sceglieresti in base alla loro dimensione, alla loro forma e al loro colore, giusto?

Sbagliato!

La verità è che la tua decisione probabilmente sarebbe influenzata anche dalla posizione delle mele: il tuo cervello insomma ti spingerebbe a credere che le mele che sono più facili da raggiungere sono anche le più belle e succose.

A quanto pare la fiaba della volpe e l’uva è più reale di quanto pensassimo.

In definitiva, siamo per natura pigri, tendiamo naturalmente a scegliere il percorso di minor resistenza, non perché sia quello corretto o più adatto a noi, ma perché il nostro cervello ci inganna, rendendo questo percorso più attraente di quello che realmente è.

Insomma, l’obiettivo primario del nostro cervello è farci risparmiare energie, non farci rincorrere gli obiettivi per noi più importanti. E pur di non farci faticare troppo il cervello è disposto a creare una realtà immaginaria (leggi: “scuse”).

Perché ricorda: lo scopo della tua mente è la tua sopravvivenza, non la tua felicità.

Prendere finalmente consapevolezza di questo ennesimo bias cognitivo può fare un’enorme differenza nella nostra vita. Ma vediamo perché…

Vincere la pigrizia grazie al principio di resistenza

Quello che non ti ho ancora detto, infatti, è che una minoranza dei partecipanti dello studio londinese ha continuato a muovere la leva nella direzione giusta, anche se questo comportava far più fatica.

Ecco, questi “eroi” possono insegnarci qualcosa; possono insegnarci che, a volte, per raggiungere le vette a cui aspiriamo non dobbiamo rifuggire la resistenza che inevitabilmente incontreremo, ma piuttosto dobbiamo andarle incontro.

Questo è quello che chiamo il principio di resistenza.

Lo abbiamo visto, è nella nostra natura scegliere il percorso più facile e anni di condizionamenti e distrazioni a buon mercato non hanno fatto altro che rafforzare questa nostra predisposizione naturale alla pigrizia.

Eppure la resistenza può essere un’eccezionale maestra, una bussola che può guidarci nella realizzazione dei nostri sogni.

Tutto quello che dobbiamo fare è iniziare a guardarla con occhi nuovi.

Invece di cadere nell’antico inganno del nostro cervello e considerare gli immancabili ostacoli e le ineluttabili difficoltà come i segnali di un percorso sbagliato, dovremmo imparare a vedere queste resistenze come la conferma che siamo sulla strada giusta. Dovremmo abbracciarle senza esitazione.

Citando Steven Pressfield, uno dei miei autori preferiti:

“Quando decidiamo di creare qualcosa – arte, commercio, scienza, amore – o di diventare una versione più alta e nobile di noi stessi, noi scateniamo nell’universo una reazione uguale e contraria. Questa reazione è la Resistenza. La resistenza è una forza attiva, intelligente e maligna – instancabile, implacabile e inesauribile – il cui unico scopo è impedirci di diventare la migliore versione di noi stessi e di raggiungere i nostri obiettivi più ambiziosi. L’universo non ci è indifferente. È attivamente ostile. […] Non potremo mai eliminare la Resistenza. Non andrà mai via. Ma possiamo superarla in astuzia e arruolare tra le nostre fila alleati altrettanto potenti.”

Steven Pressfield.

Ecco, molti para-guru amano raccontarci la storiella dell’Universo pronto ad esaudire ogni nostro desiderio a patto di crederci “forte, forte, forte”.

Personalmente ho sempre preferito non prendermi in giro (e non prendere in giro i miei lettori).

A volte, la realtà semplicemente è spiacevole. A volte, per realizzare i nostri obiettivi dobbiamo fare cose che non ci va di fare. A volte, dobbiamo smettere di ingannarci e alzare il fondoschiena.

Oggi non credere a tutto quello che ti racconterà la tua mente: ti sta mentendo.

Non scegliere la strada più facile, scegli la strada giusta.

Rimandi sempre tutto a domani?

Iscriviti alla newsletter e scarica l'estratto di Start! La guida per smettere di procrastinare

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Start! la guida pratica per sconfiggere la procrastinazione.

INVIAMI L'ESTRATTO 》
Già 169078 iscritti
Sarai dei nostri?

14 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Michele Renzullo

    Grandioso, non avevo mai pensato ad una spiegazione darwiniana per capire come è programmata la mente. 2 Domande Andrea:
    1. “Perché ricorda: lo scopo della tua mente è la tua sopravvivenza, non la tua felicità”. Questa citazione è tua? Se non è tua, citeresti la fonte per approfondimenti?
    2. Ci sono scenari quando conviene essere pigri? Cioè, la pigrizia serve a farci riposare e a farci ricaricare le batterie (se tu osservi il comportamento di un leone è significativo). Se tutto il nostro tempo lo impieghiamo in modo produttivo, non solo rischiamo il collasso, ma non diamo spazio alla creatività (il sano ozio creativo).

    Michele

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Giuliodori

      Ciao Michele,
      grazie.

      Rispondo alle tue domande:

      1. Ne parlano diversi psicologi evoluzionisti. Ho ritrovato questo messaggio anche in un libro del Prof. Daniel Gilbert che ho letto recentemente.

      2. Non voleva essere assolutamente questo il messaggio dell’articolo. La nostra mente ci spinge a risparmiare energie per ottime ragioni: prenderne consapevolezza però può aiutarci per affrontare al meglio ciò che desideriamo davvero ottenere.

      Rispondi
  2. Avatar di Diego Dalla Sega

    Diego Dalla Sega

    ha detto:

    Leggere il lunedì spunti su Pigrizia e Resistenza è quasi illuminante!!!
    Grazie Andrea, rielaboro e posto!!!
    Un abbraccio e buona settimana :D

    Rispondi
  3. Avatar di Lorenzo Orsini

    Lorenzo Orsini

    ha detto:

    articolo breve ma che riesce a darmi la motivazione per perseguire i miei obiettivi. sono stati mesi difficili, ho chiuso una storia che mi ha lasciato delle ferite e non nascondo che la rincorsa ai miei obiettivi qualche volta si è fermata. l’importante è riconoscere gli errori e fare le cose meglio di ieri. grazie Andrea per questo nuovo articolo e per non avere usato troppe parole. Ora sotto con il prossimo esame :)

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Giuliodori

      Ciao Lorenzo, mi spiace per la tua storia: la vita non è mai lineare.

      Ti auguro il meglio per i tuoi obiettivi (e le tue relazioni).

      Rispondi
  4. Avatar di Teddy

    Teddy

    ha detto:

    Wow bellissimo articolo, molto interessante! Bravissimo come sempre Andrea! 😊

    Rispondi
  5. Avatar di Vincent Van Vega

    Vincent Van Vega

    ha detto:

    Carino

    Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Sono rimasti 199 posti per partecipare a Crea Tempo