EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

31.195 Iscritti
Iscriviti! Riceverai i nuovi post e le Pillole di Efficacia
Subito in regalo per te gli estratti delle mie Guide

Migliorare la memoria: 3 tecniche efficaci

15 febbraio 2010 Home » Apprendimento 32 commenti

3 semplici tecniche per migliorare la memoria nello studio e nel lavoro.

Migliorare la memoria

“La memoria è lo scriba dell’anima.”

Aristotele.

Twittami

Migliorare la memoria, memorizzare qualsiasi testo in poche ore, è il desiderio inconffessato di migliaia di studenti: quali risultati riusciresti a raggiungere migliorando la tua memoria? Come sarebbero le tue giornate di studio se ricordassi ogni passaggio dei libri di testo ad una prima lettura?

Dopo aver letto questo articolo, forse non riuscirai a memorizzare un libro di 200 pagine in 40 minuti, ma ti garantisco che avrai a disposizione 3 potenti mnemotecniche per rendere efficaci le tue prossime sessioni di studio.

La tecnica dei loci

Ideata più di 2.000 anni fa dal grande oratore romano Marco Tullio Cicerone (si… quello delle versioni di latino!), la tecnica dei loci o tecnica delle stanze è una mnemotecnica associativa estremamente utile per memorizzare lunghi discorsi da tenere in pubblico o i passaggi complicati di una dimostrazione.

La tecnica, il cui nome deriva dal termine latino locus, loci, ovvero luogo,  si basa sulla capacità innata della nostra mente di associare diverse idee o immagini tra di loro: nello specifico, la tecnica dei loci ci aiuta ad associare le cose che vogliamo ricordare ad immagini di luoghi per noi familiari.

La prossima volta che devi studiare e memorizzare un lungo capitolo del tuo libro di testo, prova a fare un elenco delle parole e dei concetti chiave che vuoi ricordare; associa ogni concetto ad una stanza di casa tua o di un edificio che conosci bene (magari le aule dell’Università). Crea associazioni fantasiose ed insolite: potresti ad esempio sfruttare il nome di un mobile o di un quadro presente nella stanza.

Quando devi ripassare il capitolo appena studiato o sei davanti al professore, immagina di ripercorrere le diverse stanze nell’ordine desiderato e riporta alla mente i concetti chiave che hai associato ad ogni luogo: non perderai più il filo del discorso o un passaggio della dimostrazione.

Le parole di velcro

Spesso dobbiamo studiare termini complessi, mai sentiti prima e difficili da memorizzare: in questo caso una delle tecniche di memorizzazione più efficaci è quella delle parole di velcro.

Il velcro è un prodotto commerciale in nylon, molto utilizzato negli anni ’80 per la chiusura di scarpe sportive, e che recentemente è tornato di gran moda. Grazie alla forte aderenza che si crea tra lo strato peloso e lo strato di tessuto con uncini, il velcro garantisce una chiusura salda ed è stato addirittura utilizzato dagl astronauti della Nasa.

Ok, ok… ma che ci azzecca il velcro con le tecniche di memorizzazione?

Le parole di velcro sono semplici parole da associare ai concetti che vogliamo ricordare, sfruttandone la rima. Ecco alcuni esempi di parole di velcro da associare a dei numeri:

  • uno-nessuno
  • due-bue
  • tre-viva il re
  • quattro-ratto
  • cinque-vince
  • sei-asino che sei
  • sette-magliette
  • otto-botto
  • nove-piove
  • dieci-yeti

Così, ad esempio, per ricordare il pin del tuo bancomat (9153) puoi creare una semplice storiella: “Piove: nessuno vince. Viva il re!”.

La prossima volta che dovrai memorizzare numeri o concetti complessi, crea le tue parole di velcro da associare in rima: non riuscirai più a dimenticare le storielle assurde che ne verranno fuori.

Gli acronimi

Per gli americani la praticità è un comandamento assoluto: non è quindi un caso se l’inglese è la lingua che vanta il maggior numero di acronimi.

Termini come ASAP (as soon as possible) LOL (laughing out loud) AKA (as known as), sono ormai entrati nel nostro linguaggio comune. Ma anche noi italiani con i vari TVB (ti vorrei bastonare), TVUKDB (ti voglio un kassonetto di bene), etc. abbiamo ormai scoperto il fascino degli acronimi.

Tornando seri, gli acronimi possono essere strumenti estremamente efficaci per memorizzare liste e concetti chiave.

Quando ti troverai a dover ricordare numerose liste di parole e concetti, prova a seguire questi semplici passi:

  • Elenca le iniziali dei nomi o delle parole di ogni elemento che vuoi ricordare.
  • Riorganizza e sposta le lettere fino a formare una parola o le prime lettere delle parole di una frase.
  • Usa parecchia fantasia (la memorizzazione ne gioverà).
  • Se ti mancano vocali o consonanti, puoi aggiungerne q.b. (quanto basta ;-).

Cosa ne pensi di queste tecniche per migliorare la memoria? Ed ora non dimenticare:

  1. PP (PassaParola usando uno dei social buttons qui sotto).
  2. IGANDE (Iscriviti gratis alla newsletter di EfficaceMente)
  3. CALGADA, da non confondere con CAGA… (continua a leggere gli articoli dell’archivio).

Ps. (acronimo di Post scriptum) Non saranno 3 tecnicucce di memoria a salvare la tua carriera universitaria: se hai deciso che è arrivato il momento di darle una svolta, devi adottare un metodo di studio efficace. Durante il mio percorso universitario, io ho utilizzato con successo i principi del metodo AMO. Non sai cos’è il metodo AMO?! Ma dove sei vissuto negli ultimi anni?! Scherzo, se ti va di capire di cosa si tratta, clicca qui.

Foto di amanky

Problemi con gli Esami?

Non perdere neanche un articolo. Iscriviti alla Newsletter!

Già 31.195 iscritti
Sarai dei nostri?

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Studia meno, Studia meglio, la guida per dare il doppio degli esami in metà del tempo.

32 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Giovanni Volpe
    Giovanni Volpe ha detto:

    Questo post è di particolare utilità per incrementare le capacità della memoria.

    Per coloro che desiderano approfondire l’argomento, propongo la lettura del libro di Gianni Golfera, “La Memoria Emotiva“.

    Rispondi
  2. Avatar di Andrea
    ha detto:

    Ciao Giovanni,
    grazie del commento.

    Mi sono permesso di inserire il link al libro di Golfera per chi fosse interessato.

    Andrea.

    Rispondi
    • Avatar di Vito
      Vito ha detto:

      Salve Andrea,
      sono Vito uno studente universitario di primo anno. Ho notato i vostri suggerimenti riguardo ai metodi di studio in particolare quello degli acronimi e la tecnica dei loci.
      Da oggi li metterò in pratica sperando in una buona acquisizione di vocaboli.
      Nel mio piano di studi ho molte materie giuridiche e anche alcune di economia qualche aiuto in piu’?
      Anche riguardo a sottolineare con colori diversi non sò potrebbe aiutarmi nel memorizzare ? Grazie in anticipo

      Rispondi
  3. Avatar di Valentina
    Valentina ha detto:

    ciao Andrea,
    grazie per questi suggerimenti. Tempo fa avevo provato ad adottare queste tecniche ma ho notato che avevo più difficoltà a “sciogliere” le parole-simbolo che creavo per sostituire le cifre da ricordare, piuttosto che ricordare la sequenza numerica stessa. Insomma ho più facilità a ricordare 9153 piuttosto “Piove: nessuno vince. Viva il re!”. Al momento le operazioni on line con la carta di credito le faccio senza nessun ausilio (sono 16 cifre, più 3 di controllo e data di scadenza).

    Però ho a casa parecchi libri sull’argomento (che devo ancora leggere) e potrei trovare suggerimenti utili per ricordare altre informazioni.

    ciao, buona giornata

    Valentina

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Ciao Valentina.
      Naturalmente le tecniche di cui parlo nel blog non sono diktat: è importante impararle ed utilizzarle con la giusta flessibilità.

      Grazie del commento.

      Andrea.

      Rispondi
  4. Avatar di Biancamora
    Biancamora ha detto:

    Penso che sui numeri dipenda molto da che testa si ha…
    Anch’io ricordo più facilmente lunghe serie numeriche piuttosto che fantasiose frasette…
    Però interessanti veri consigli!
    Continuo come sempre a seguirti e a… Promuoverti! ;)

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Grazie mille per il commento Biancamora.

      Andrea.

      Rispondi
  5. Avatar di Massimiliano
    Massimiliano ha detto:

    Ciao Andrea,

    complimento per l’articolo: sempre scritto in maniera divertente e costruttiva.
    Ho scoperto di usare quelle tecniche dei loci e velcro in maniera inconsapevole…mi è stato utile per scoprire che non sono matto :D
    Ti saluto,

    Massimiliano

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Ottimo: spero ti siano state utili.

      Andrea.

      Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

Commenta con il tuo profilo Facebook!

Iscriviti! Riceverai i nuovi post e le Pillole di Efficacia
Subito in regalo per te gli estratti delle mie Guide