61
4 min

Una applicazione pratica della Legge di Parkinson per gestire al meglio il tuo tempo riuscendo a fare il doppio delle cose in metà del tempo.

Gestione del tempo

Ogni dottrina umana ha i suoi principi basilari: ci sono le leggi della termodinamica, le leggi di Keplero… le leggi di Murphy! ;-)

Anche il mondo dell’efficacia e della produttività ha i propri comandamenti.

In questo articolo voglio parlarti di uno di questi comandamenti, e di come puoi sfruttarlo per fare il doppio delle cose in metà del tempo.

La legge di Parkinson

“Il lavoro si espande fino ad occupare tutto il tempo disponibile; più è il tempo e più il lavoro sembra importante e impegnativo.”

Cyril N. Parkinson

Una sorta di legge di Parkinson “de noartri” dice più semplicemente:

“Più tempo avrai, più ne sprecherai.”

Probabilmente questi principi non ti suonano completamente nuovi.

Quella volta all’università, quando hai scoperto di avere una settimana in più per preparare l’esame, hai studiato comunque fino a mezzanotte anche l’ultimo giorno (tra l’altro, senza questo metodo di studio efficace). E di quella bolletta ti ricordi? sapevi della scadenza da 2 mesi, eppure hai rischiato di pagare la penale. Per non parlare di quel progetto al lavoro, la scadenza è stata prorogata, ma tu sei più incasinato di prima!

Ma se è vero che più tempo abbiamo, più ne sprechiamo, è anche vero il contrario: quando il tempo scarseggia, tendiamo a lavorare per priorità e con maggiore efficacia.

– tempo = + motivazione

Una scadenza ravvicinata ci costringe a focalizzarci sugli obiettivi che dobbiamo raggiungere: il rischio di non riuscire a completare il lavoro, e le possibili conseguenze negative, ci motiva.

Pensando al binomio “il bastone e la carota”, la scarsità di tempo è sicuramente un “bastone”, e quindi un tipo di motivazione poco apprezzabile, ma il punto è che… funziona. Se sei un procrastinatore incallito, sai benissimo che una scadenza imminente a volte è l’unico sprone che ti spinge ad agire.

Vediamo allora come possiamo utilizzare la legge di Parkinson per imparare a fare di più con meno tempo.

Applicazioni pratiche

Mentre stavo pensando a quale potesse essere l’esempio pratico più efficace per dimostrarti quali risultati si possono ottenere volgendo la legge di Parkinson a proprio vantaggio, mi sono accorto che la stavo applicando senza accorgermene.

Il conto alla rovescia sul mio iPhone segna 5′ 22” (21”… 20”… 19”). Quando l’ho attivato prima di iniziare a scrivere questo articolo era impostato su 30′ 00”.

Quando devi completare un’attività, prova ad utilizzare questa applicazione pratica della legge di Parkinson:

  • immagina quanto tempo potresti impiegare per completare un’attività
  • dividi per 2 il tempo immaginato
  • imposta un timer ben visibile con la nuova scadenza
  • VIA!!!

Avere una scadenza sfidante per completare un’attività ti da l’impulso ad agire immediatamente e ti permette di focalizzarti sul tuo obiettivo senza perderti in distrazioni.

Un consiglio: attento a non esagerare! scadenze impossibili rischiano di essere controproducenti. Se decidi di scrivere la Divina Commedia in 3 minuti, l’unico risultato che avrai ottenuto è quello di non essere riuscito a rispettare la tua scadenza; più demotivato di prima, imposterai un’altra scadenza impossibile, cadendo in un circolo vizioso che ti porterà solamente a perdere tempo e motivazione.

Conto alla rovescia dell’iPhone: 0′ 48”.

Per una volta predico bene e razzolo… bene!

Utilizzi anche tu trucchi interessanti per applicare la legge di Parkinson a tuo vantaggio? che aspetti?! scrivili nei commenti!

P.S

Se invece quello che stai cercando è un metodo più strutturato per gestire il tuo tempo, ho creato un video-corso avanzato in cui spiego nel dettaglio le migliori strategie da mettere in pratica, si chiama Crea Tempo.

Crea Tempo ha un obiettivo molto chiaro…

Darti un metodo, il metodo L.E.V.A. (Libera, Eleva, Valuta, Agisci), che ti consenta di:

  • Recuperare 20h a settimana da poter dedicare ai tuoi sogni, alle tue ambizioni, alle tue passioni, alle persone che ami e al tuo relax.
  • Raddoppiare la tua produttività personale (2x).

In vista dell’imminente riapertura delle iscrizioni di quest’anno, ho deciso di condividere con i lettori di EfficaceMente un instant course gratuito di 10 lezioni via email in 10 giorni.

Il mini-corso si chiama “60 minute challenge” e ha come obiettivo quello di aiutarti a recuperare 60 minuti al giorno da dedicare a te stesso, ai tuoi sogni e ai tuoi cari.

Nelle 10 mini-lezioni scopriremo insieme 10 vampiri del nostro tempo e come poterli sconfiggere; imparerai quelle tecniche pratiche che ti consentiranno di ottenere più tempo sin da subito. Non male, eh?😉

Se vuoi partecipare alla Challenge devi semplicemente cliccare sul bottone arancio qui sotto.

P.S  Se ti registrerai oggi inoltre riceverai subito il PDF con il programma delle 10 lezioni dell’instant course e un video Bonus esclusivo preso direttamente dal corso avanzato di Crea Tempo!

 

ISCRIVITI ALLA 60 MINUTE CHALLENGE 》

Foto di prettywar-stl

Commenta

LoSpagnolo

Fantastico Articolo :D Io AMO questo blog :D

Andrea

Grazie per il feedback LoSpagnolo! Sul serio.

Andrea.

perditempo

………Quella volta all’università, quando hai scoperto di avere una settimana in più per preparare l’esame, hai studiato comunque fino a mezzanotte anche l’ultimo giorno….

quanta verità in queste parole!!!
Io cmq il tuo metodo lo usavo già…solo ke poi appunto non rispetto la scandeza e ne fisso mille altri…e poi se ho scadenze mi prendeeee…l’aaansiaaaaa…
consigli?

Andrea

Come detto nell’altro commento, se le scadenze ti spaventano, fissane di così ridicolmente facili che non potrai che rispettarle. Ottenuta una piccola vittoria, prova con qualcosina di leggermente più sfidante, fintanto che i muscoli della tua disciplina non saranno ben allenati.

L’unico modo per rapportarsi alle proprie paure ed ansie è affrontarle: un cm alla volta.

Mi raccomando, torna a raccontarmi come è andata! ;-)

elena

mmm però.. buona idea…
io sono una di quelle che in presenza di scadenze si fa venire l’ansia e a volte si blocca al punto di non combinare nulla…

vediamo di allenare “i muscoli dell’autoisciplina”..proviamo=)

ksng

veramente interessante, ottimo articolo!

Andrea

Fammi sapere se funziona anche per te questa strategia ;-)

Andrea

emi

io rendo meglio sotto scadenza ,ma sono stufa di arrivare sempre all’ultimo secondo.
proverò questo sistema ???

Carica altri commenti

Registrati gratis per continuare a leggere. Iscrivendoti riceverai anche l’esclusiva newsletter del lunedì di EfficaceMente

Sono già registrato
Altri lettori trovano interessante