EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

108.876
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Il golf e l’importanza della pratica deliberata

Riflessioni sul golf e l’importanza del fare pratica, ma non una pratica qualsiasi…

pratica deliberata

“La pratica rende perfetti.”

Detto popolare.

La scorsa settimana sono stato con un mio amico al campo pratica golf. Non che sia un giocatore esperto… anzi. In tutto avrò giocato a golf non più di qualche ora, anzi a dirla tutta, dopo la mia prima lezione a Tenerife, nelle Canarie, questa è stata la seconda volta in assoluto che ho messo piede in un campo pratica golf.

Eppure il golf è uno sport (anche se molti non lo considerano tale) che mi affascina tremendamente: l’eleganza dei campi da gioco, l’attrezzatura tecnica, la coordinazione dei movimenti richiesti, l’importanza del focus mentale e della concentrazione; tutti elementi che fanno di questa pratica un mix per me molto attraente.

Ma perché oggi ti dovrei annoiare parlandoti del mio pomeriggio passato a colpire palline? (beh… almeno quando le prendevo!)

Le ore trascorse a cercare di migliorare il mio swing ed i miei colpi sul green, mi hanno fatto riflettere sull’importanza della pratica, ma non una pratica qualsiasi, bensì la pratica deliberata.

La mia fissa per la pratica

Il concetto di pratica è un concetto che mi è molto caro: nel 2008, dovendo scegliere la frase che potesse descrivere brevemente le tematiche trattate da EfficaceMente, optai per: “Crescita Personale: esempi pratici“.

Stessa solfa per la mia prima guida digitale: “Start! La guida pratica per sconfiggere la procrastinazione“.

Per non parlare poi dell’abuso sfacciato che faccio dell’aggettivo “pratico” nei miei numerosi articoli.

In pratica Andre… c’hai la fantasia di un contabile di una ditta di onoranze funebri!

Questa fissa per la pratica nasce dalla convinzione che qualsiasi tecnica di crescita personale, ed in generale, qualsiasi strategia per il successo sia assolutamente inutile se non viene sperimentata e messa… in pratica.

Siamo alla continua ricerca della “pillola magica”, di quella tecnica che ci faccia svoltare, di quella strategia dal nome ammiccante che ci rivoluzioni la vita. Personalmente credo che i fondamentali siano piuttosto semplici, quasi banali: a fare la differenza tra chi ce la fà e chi rimane mediocre è la volontà di mettersi in azione quotidianamente, di agire senza sosta, insomma… di fare continuamente pratica.

Ma esiste pratica e pratica.

Darsi da fare, lavorare duro, essere impegnati, non garantiscono necessariamente il raggiungimento di risultati. L’unica pratica che conta è la pratica deliberata.

La pratica deliberata

Non più di qualche settimana fa ti ho parlato di un saggio di Malcolm Gladwell intitolato “Fuoriclasse. Storia naturale del successo“, in cui si afferma che chiunque può diventare un vero professionista nel suo campo, a patto che faccia almeno 10.000 ore di pratica.

In quell’articolo ho dimenticato di fare cenno ad un elemento essenziale: Gladwell non parla semplicemente di 10.000 ore di pratica, ma di 10.000 ore di pratica deliberata.

Aridaje… ma che è sta pratica deliberata?! Non sarà mica qualcosa che ha a che fare con gli uffici pubblici?! Io non porto pratiche da nessuna parte: che sia chiaro!

La pratica deliberata, o deliberate practice come è definita originalmente nel saggio di Gladwell, è un termine coniato dallo psicologo K. Anders Ericsson per sottolineare la qualità della pratica, piuttosto che la quantità. Secondo gli studi del Dott. Ericsson a differenziare i veri fuoriclasse non è la quantità di volte in cui è stata ripetuta una determinata attività, ma piuttosto il modo in cui è stato realizzato ogni singolo allenamento.

Nello specifico, la pratica deliberata è contraddistinta da 2 elementi chiave:

  • la capacità di individuare gli ingredienti base del successo per quella specifica disciplina, ovvero quelle competenze, che una volta acquisite e perfezionate ti permetteranno di competere ai massimi livelli.
  • la volontà di fare pratica sfidando continuamente i propri limiti, ovvero allargando ad ogni allenamento il recinto della propria zona di comfort.

Durante la mia permanenza nel campo pratica golf, ho potuto sperimentare in prima persona questi concetti.

Trovare gli ingredienti del successo

Per una buona oretta, nonostante i pazienti consigli del mio amico, di fatto stavo colpendo la pallina da golf esattamente come un contadino colpirebbe una zolla di terra: un disastro!

Il punto è che continuavo a praticare il mio swing, ma lo facevo in modo errato. Insomma, non avevo ancora individuato gli ingredienti di un buon colpo.

Osservandomi dall’esterno, il mio amico aveva notato che tenevo le braccia troppo distanti dal corpo: questa semplice osservazione mi ha aiutato a migliorare notevolmente i successivi colpi.

Questo principio si applica ai più disparati ambiti della nostra vita.

Se vuoi diventare un professionista in quello che fai, inizia con l’individuare gli ingredienti del successo delle persone che si contraddistinguono nel tuo campo. Quali sono le loro competenze più forti? Cosa li distingue dal resto delle persone? Che cosa hanno allenato per una vita intera?

Non accontentarti della classica risposta: il talento! è molto meno importante di quanto tu creda.

Sfidare i propri limiti

Se sei riuscito ad individuare le competenze, le qualità e le abilità che dovrai allenare, sarai giunto solo a metà dell’opera.

Come abbiamo visto, la pratica deliberata prevede che ci si metta in gioco ad ogni allenamento, sfidando continuamente i nostri limiti. Questo significa innanzitutto conoscere i propri limiti, accettarli (per il momento) e superarli con determinazione e forza di volontà (ti consiglio di leggerti questo articolo per migliorare la tua forza di volontà).

Tornando all’esempio del golf, in questo sport esiste un concetto molto semplice per individuare i nostri limiti, ovvero il nostro attuale livello: l’handicap.

L’handicap viene utilizzato per per consentire a giocatori meno esperti di poter competere ad “armi pari” con giocatori più bravi. La ratio dietro il concetto di handicap è molto semplice: si suppone che più un giocatore è bravo, meno saranno i colpi di cui avrà bisogno per chiudere ogni buca. Fissato un numero standard di colpi per chiudere ogni buca, l’handicap, specifico per ogni giocatore, indicherà i colpi di vantaggio a disposizione per chiudere quella buca.

Come potresti utilizzare il concetto di handicap in altri ambiti?

Spesso, quando siamo alle prime armi, tendiamo a demotivarci di fronte agli scarsi risultati o, ancor peggio, ci poniamo obiettivi troppo ambiziosi che non fanno altro che generarci frustrazione.

Riconoscere ed accettare il nostro attuale livello di handicap ci può essere estremamente utile per concentrarci su obiettivi sfidanti, ma alla nostra portata, ma soprattutto ci permette di trarre soddisfazione anche dai piccoli successi, innescando un circolo virtuoso fatto di: azione – successo – motivazione. (per scoprire cos’è e quali sono le caratteristiche di un obiettivo A.M.B.I.Z.I.O.S.O., leggi qui).

Per concludere

Che si tratti di diventare un novello Tiger Woods, di creare la tua prima attività in grado di generare reddito passivo, o più semplicemente (!?!) superare quel dannato esame mattone; ricorda che tutto ciò su cui devi concentrarti è la pratica, o meglio, la pratica deliberata:

  • Individua cosa devi fare e come devi farlo per avere successo.
  • Sfida continuamente la tua zona di comfort, andando sempre un cm più in là di quelli che pensavi fossero i tuoi limiti.

Ti auguro una settimana intensa, produttiva, e piena di soddisfazioni ;-)

Foto di JD Hancock.

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 108.876 iscritti
Sarai dei nostri?
  • serena

    Uh, che belli questi articoli con analogie sportive :-)
    anche se io sono di quelli che non han mai considerato il golf come sport ;-) però dai, se sostituisco golf con la danza classica l’esempio è conservato ;-) e anzi, si aggiunge quella componente dolorosa e di sacrificio (unita a quella di precisione e concentrazione) che forse nel golf non si viene a creare molto…

    Buona giornata e settimana Andrea! :-)

    • Frank

      Anzitutto complimenti per il blog i tuoi articoli sono sempre ricchi di spunti per riflessioni in un epoca dove è molto importante approfondire e conoscere i propri limiti per cercare di superarli. Sono un ex giocatore professionista di golf ora imprenditore e mi sono sentito in “dovere” di intervenire. Concordo con Silvia, il golf a livello amatoriale è spesso da considerare un gioco, tuttavia sopratutto in età avanzata se si prende l’abitudine di fare 18 buche con sacca a spalle è un attività fisica che ti fa fare 10 km al giorno e ti impegna sia fisicamente che mentalmete molto più di quello che si possa pensare, diverso ovviamente sarebbe praticare 50 palline e poi giocare in car.Il sacrificio a livello agonistico c’è’ ed è molto alto si pensi che normalmente un professionista si allena 10 ore al giorno, uguale durante i tornei dove entra in gioco la gestione dello stress.

      Trovo questo articolo molto ben fatto, assolutamente utile a ogni livello di golfista, il concetto di pratica deliberata è una chiave di successo, non esiste la pillola magica, ed è meglio praticare poco ma bene che viceversa.Per eseguire un buon movimento sono importantissimi i fondamentali, molti libri sono stati scritti a riguardo nel golf e sono gli stessi da 50 anni:Grip, posizione, allineamento, equilibrio. Per una buona pratica è necessaria una buona routine. Infine ti consiglierei di fare qualche lezione perchè una non corretta impostazione del tuo swing sarà molto difficile da mettere a posto un domani;)

      • Ciao Frank,
        ti ringrazio molto per il tuo intervento: puntuale, approfondito, e di valore.

        Per quanto riguarda il maestro, si, assolutamente, seguirò il tuo consiglio.

        A presto,
        Andrea.

    • Ciao Serena,
      ti dirò… dopo 4 ore di campo pratica, il giorno dopo avevo le spalle a pezzi e ti assicuro che faccio attività sportiva regolare.

      Detto questo, il pomeriggio passato sul campo pratica mi ha dato lo spunto per questo articolo, ma se sostituisci golf con qualsiasi altro sport agonistico o qualsiasi altro obiettivo ambizioso, la sostanza non cambia: la pratica deliberata è essenziale.

      Buona giornata ;-)

  • C’è una cosa del golf che piace anche a me: le location dei campi.
    Detto questo: giusto fare pratica, ma non solo da sgobboni, come spesso è successo a me. In modo intelligente, “deliberato”.

    • Il campo pratica dove sono andato qui a Milano si trova nel bel mezzo dell’ippodromo, vicino piazzale lotto: la cosa curiosa è che ogni mezzora circa, suona la campanella e tu devi interrompere perché c’è la corsa dei cavalli. Potrebbe sembrare una scocciatura, ma in realtà è un modo per fare pausa e per godersi uno spettacolo diverso.

  • Alessandro

    Ciao Andrea, bellissimo articolo, e non soltanto perché sono un grande appassionato di golf! :-)
    Un altro ambito in cui la pratica è fondamentale è lo studio del pianoforte. Proprio recentemente ho ricominciato a suonare, spinto dalla voglia di suonare un pezzo che, visto la prima volta su youtube eseguito alla perfezione, sembrava qualcosa di irraggiungibile. Ebbene, dopo diverse settimane di pratica, ora so che le difficoltà tecniche che parevano insuperabili in realtà non lo sono, e che praticando ancora potrò davvero avvicinarmi all’esecuzione dell’autore.
    Per rispondere a Serena, il golf è uno sport, eccome se lo è! Ti dico solo che lo swing (il movimento con il quale si colpisce la pallina) mette in movimento tutti i muscoli del corpo: prova a fare 20/30 colpi in campo pratica…Certo è vero dire che si tratta di uno sport dove la tecnica (che deve essere affinata con la PRATICA) prevale sull’aspetto fisico, questo sì.
    Buona settimana!

    • Ecco… uno strumento musicale è un qualcosa che non ho mai praticato e se dovessi scegliere, opterei sicuramente per il piano.

      Amo ascoltare pezzi di pianoforte, sopratutto quando devo lavorare in autonomia o quando scrivo un articolo. Questo ad esempio è stato scritto sulle note dell’album Una Mattina di Ludovico Einaudi :-)

  • da golfista non potevo non commentare ;)

    tutto vero quello che scrivi, ed aggiungo che a differenza della maggior parte degli altri sport, nel golf non esiste un colpo che vale meno degli altri (ad es: nel tennis puoi vincere una partita facendo meno punti del tuo avversario)!! Quindi l’aspetto mentale è fondamentale, ed ognuno lo applica in modo personale: ad es. su 18 buche alcuni si concentrano solamente nei circa 30 sec necessari per effettuare il colpo, mentre altri devono rimanere concentrati per il maggior tempo possibile.

    Per quanto riguarda la pratica molti dilettanti (per molto tempo anche io ;)) focalizzano la maggior parte del loro allenamento sul gioco lungo, quando più del 50% dei colpi vengono effettuati intorno e sul green (gioco corto)!

    con poche accortezze qualsiasi persona può arrivare ad avere un handicap 10.

    • Ciao Markux,
      non mi aspettavo veramente di avere tutti questi appassionati di golf tra i miei lettori. Grazie per il tuo intervento.

      Andrea.

  • Ciao Andrea,
    bello questo articolo è stato interessante leggere la comparazione che fai tra il golf e il miglioramento personale!

    Questo concetto che tu chiami pratica deliberata è praticamente una sfaccettatura del modellamento della PNL. Questa infatti dice: se vuoi riuscire a fare quello che non sai fare, osserva le persone che eccellono in quella cosa, trova la loro sintassi mentale ( schemi di pensiero) e pratica le stesse azioni fino a che nn avrai duplicato la loro capacità.

    Non so se mi sono spiegato…

    Ovviamente per poter replicare correttamente i pensieri e le azioni che portano al successo, bisogna inevitabilmente uscire dalla propria zona di comfort e mettersi in gioco consapevoli di poter commettere errori durante il percorso.

    Ti saluto

    Gianluca

    • Ciao Gianluca,
      si ho sentito spesso parlare di modellamento, shaping, sia in testi di PNL, sia da parte di Tony Robbins.

      Come scritto nell’articolo però, spesso gli appassionati di crescita personale si fermano alle “strategie” dimenticando che i risultati si costruiscono con la pratica.

      Anche nel caso della pratica deliberata di Ericsson, la fase di modellamento è sicuramente indispensabile, ma la costante azione volta a superare i propri limiti e la propria zona di comfort è forse la parte ancor più importante.

      A presto,
      Andrea.

  • Si Andrea sono pienamente d’accordo con te, ma se fai caso, chi eccelle in un determinato settore ha sempre un grande punto di riferimento su cui si basa, e oltre all’infinita pratica alle spalle per raggiungere quel grado di successo, alla fine riesce a duplicare esattamente lo stesso tipo di raggionamento e schema di pensiero del soggetto preso come modello.

    Forse stiamo dicendo la stessa cosa ma assegnando semplicemente una priorità diversa alle varie componenti. :)

    Ad ogni modo, buona giornata.

    Gianluca

  • ghe

    Ciao Andrea!
    Non ho mai commentato un tuo articolo, nonostante legga spesso e volentieri il tuo blog.
    Ti scrivo solo per farti i miei complimenti per ciò che scrivi, e per come lo scrivi.
    Un saluto.
    Stai bene.

    • Grazie del commento allora ghe!
      A presto,
      Andrea.

  • E io ribatto al tuo articolo: la pratica deliberata è il primo passo! :P

    Secondo me la cosa più importante in assoluto è che la pratica derivi dalla passione. Se faccio qualcosa che mi piace, fare pratica deliberata verrà naturale. Non solo, ma sarò anche costante nell’apprendimento e migliorerò sempre di più col tempo, senza accorgermene.

    Nel tuo esempio, pratichi il golf perché ti piace. Ed è per questo che migliorerai. Insomma, tengo acceso Rai Sport Sat e aspetto di vederti al Major Championship.

    Dirai: vabbè ovvio, se non mi piace qualcosa non la faccio e chiusa lì. Ma non è così banale. “Non mi piace disegnare, ma voglio imparare lo stesso perché vorrei essere un artista”, o cose del genere, sono la norma. Lo stesso processo di apprendimento deve essere un piacere, non solo l’obiettivo finale, altrimenti non si va a da nessuna parte!

  • Federico

    ciao Andrea,
    bell’articolo però secondo me la pratica si serve moltissimo ma se uno non ha il talento naturale per un qualcosa non diventerà mai un campione.Anche se uno facesse 10000 ore di pratica deliberata se non è portato non diventerà un fenomeno.Se bastasse un po’ di pratica per essere come Messi e Nadal…

    • @Federico mica ci sono solo quei campioni (o alieni ;)) , l’esempi più lampanti sono Oriali, Gattuso, i fratelli Molinari nel golf… PS: Nadal poi è proprio il campione creato dal duro lavoro, contro il talento puro che invece è Federer (ma anche lui si fa un mazzo tanto).

      Oltretutto Andrea diceva proprio che non contano il numero di ore di allenamento, ma ancora di più conta la qualità dell’allenamento ed aggiungo anche un programma a medio/lungo termine

  • Marco

    Ciao Andrea,
    come sempre ottimo articolo, credo che oltre a tutto quello che hai detto, la pratica all’inizio di qualsiasi impresa, sia utile per capire se realmente quello che avevamo in mente è così anche nella realtà, per NON finire ad immaginare una cosa e ritrovarsi a passare le giornate a fare altro, mi viene in mente un avvocato che sogna Perry Mason e poi finisce tra mille scartoffie di divorzi e liti condominiali, oppure l’architetto che sogna grandi opere e poi si ritrova a disegnare rotonde, per non parlare dell’imprenditoria tradizionale, dove la maggior parte delle risorse si impegnano in “grane” burocratiche/amministrative, ecco la pratica ci dà quella visione reale di ciò che abbiamo sognato/immaginato !

    un saluto.

  • Federico

    ciao Andrea,
    scusami per la domanda che nn c’entra molto con l’argomento ma è vero che con un po’ di pratica con il metodo golfera si può ricordare qualsiasi cosa dopo averla letta o sentita una sola volta?grazie in anticipo

  • Pepo

    Ciao Andrea,
    consapevolezza e passione, due cose che nel golf così come nella vita aiutano molto.
    Ti faccio i miei complimenti per come leghi due grandi Way of Life quali i fondamenti piennellistici e del pensare positivo, con la grande energia e il nutrire l’autostima che permeano il mio gioco preferito che è appunto il Golf.
    Mi piace la tua visione ed il tuo progetto e comincerò a seguirti con grande interesse.
    Buona vita y Suerte,
    Pepo

    • Grazie Pepo,
      ne approfitto per darti il benvenuto.

      A presto,
      Andrea.

  • Valentino

    Innazitutto mi sento molto offeso perhè sono molto creativo pur essendo contabile di una ditta di onoranze funebri….. scherzo.Leggo con piacere ogni tuo articolo da quando iniziasti il blog e approfitto di questo spazio per farti i complimenti per il tuo entusiamante lavoro.

    • Ciao Valentino… e ci hai messo 4 anni a scrivere il tuo primo commento?! Ahaha, grazie mille, buona giornata.

      Andrea.

  • carlo

    Ciao,piacere Carlo,è da diverso tempo che leggo questo blog,definirlo utile ed interessante sarebbe davvero riduttivo.A mio parere questo è fra i migliori articoli che abbia letto e devo dire che in linea di massima ho sempre messo in atto questo modo di agire tanto da raggiungere i miei obiettivi,volevo diventare pianista e insegnante di pianoforte e ci sono riuscito…Adesso però mi frullano in testa nuovi obiettivi,sento e penso ogni giorno assiduamente di avere un forte desiderio di farmi una famiglia..può apparire sciocco detto in questi termini,però sentendomi già abbastanza realizzato nel lavoro sarei falso se dicessi che desidero migliorare dal punto di vista lavorativo,ma ho il pensiero fisso della famiglia…Io credo moltissimo che il miglioramento personale dal punto di vista del lavoro e dell’instruzione dipenda molto da noi stessi,ma per quanto riguarda nei rapporti affettivi con gli altri mi sento veramente deluso,Non trovo la persona giusta con cui costruire un rapporto solido e questo per me è motivo enorme di frustrazione,è l’unica sfera della vita in cui non riesco a realizzarmi e non capisco il motivo,Mi piacerebbe avere un parere su questa mia condizione,grazie in anticipo un caro saluto ;)

    • Ciao Carlo,
      in realtà questo post non ha avuto molto successo, ma detto tra noi è uno di quelli a cui tengo maggiormente.
      Per quanto riguarda la sfera affettiva, è un argomento in cui non mi cimento spesso, non perché non la ritenga importante per la propria crescita personale, anzi… è che non mi sento proprio di dare lezioni a nessuno a riguardo. Però da qualche anno ho compreso che anche in questa sfera conta molto come ci poniamo e cosa facciamo: non è solo questione di fortuna, destino, etc. Contano molto i luoghi che frequentiamo, conta molto il modo in cui ci poniamo di fronte alle altre persone (aperto, schietto, sincero, etc.), conta molto l’opinione che abbiamo di noi stessi (la famosa autostima, che può essere altissima ad esempio nella vita professionale, e bassissima nelle relazioni).

      Spero dia averti dato qualche spunto.
      Andrea.

      • sabner

        che abbia avuto successo o meno, per me questo è un ottimo articolo per i 2 consigli da applicare in un abito in cui si vuole diventare esperti:
        1) trova gli ingredienti del successo
        2) supera i tuoi limiti

      • carlo

        Ciao Andrea grazie mille per la risposta . . . Volevo farti anche i complimenti per un articolo veramente interessantissimo che ho appena letto ovvero quello sul fabbro di spade,é a mio avviso il migliore che abbia letto fino ad ora spulciando il blog,ancora non sono pratico e ci sono tante cose da leggere..però mi sono rivisto davvero tanto in questo articolo e posso garantire che è sacrosanto…Ho passato gli ultimi dieci anni della mia vita stando al pianoforte 8 ore al giorno avendo grandissime soddisfazioni e ho trovato anche il giusto compromesso con i piaceri e i divertimenti della vita,posso garantire che è un articolo formidabile,Un carissimo saluto,a presto =)

    • Ciao Carlo, il tuo commento mi ha molto colpito. Andrea, come sempre, dà delle linee guida utilissime e direi che non manca niente. Essenziale ma completo :). Mi permetto di aggiungere qualche sfumatura, dal mio punto di vista, se vuoi considerarla. Non è frequente trovare un uomo che esprima in modo così genuino il proprio desiderio di avere “successo” nel realizzare una famiglia. Questo tuo desiderio e anche la tua capacità di esprimerlo sono sicuramente dei punti di forza. Non solo: il desiderio di avere una famiglia è legittimo (anche per un uomo!) ed è perfino molto virile. Allo stesso tempo, per attrarre la persona giusta è importante non essere troppo fissati nell’idea di attrarla. Se si è troppo concentrati su quel desiderio, si rischia di trasformarlo in bisogno ossessivo e un comportamento bisognoso allontana le persone interessanti e fa correre il rischio di attrarre perditempo e persone poco amorevoli e insincere. Quindi che fare? Considerare che l’ambito sentimentale non funziona come quello lavorativo, dato che al centro delle relazioni ci sono le altre persone con la loro emotività, i loro desideri e i loro bisogni. Una bella combinazione di fattori, tenendo conto che in una relazione si è in due.. Quindi, calma e gesso: le persone non si raggiungono come si raggiungono gli obiettivi professionali, con l’impegno, la volontà e il duro lavoro. Le persone si raggiungono con la comprensione, la disponibilità e anche il compromesso. La comprensione degli altri parte dalla consapevolezza di sé, cioè dalla conoscenza e dall’accettazione amorevole di quel che si è e si vuole. Questo è il punto di partenza: accettare se stessi per intero e uscire per il mondo soddisfatti di quello che si è. Questo sì che attrae le persone giuste.

      • carlo

        Ciao Ilaria grazie mille per il tuo commento e per il tuo interessamento al mio articolo,da ciò che hai scritto ho dedotto che mi hai letteralmente preso per un disperato ahahahahahah,Ironizzo comunque ci tenevo a precisare che l’ultima cosa che faccio è dare l’impressione alle persone con cui esco di sentire profondamente questo bisogno,anzi onestamente cerco sempre di prendere le situazioni sentimentali o avventure o frequentazioni(free)dimostrando il massimo della serietà ma nello stesso tempo facendomi vedere con i piedi di piombo,non sono il tipo che si fa vedere appiccicoso,morboso o cose del genere,ma nello stesso tempo non intendo minimamente censurare o soffocare i miei sogni,anche se ho solo 23 anni ho il desiderio profondo di un rapporto stabile e di una convivenza e non intendo per niente e nessuno andare contro ciò che penso,mi terrò in piedi sui miei principi qualunque siano le conseguenze,Il problema è anche che non riesco a trovare persone della mia età che abbiamo la capacità di ragionare veramente,mi capitano tantissime occasioni,ma scavando un pò sul loro cercello mi rendo conto che ci sono troppe persone che hanno veramente poco da offrire al prossimo…cmq come dici tu non è una cosa semplicissima,non è questione solo di duro lavoro o di volontà per realizzare questo sogno,è un sogno più complesso di quanto si possa immaginare…

  • Carlo, potrai anche non crederci ma non ti ho preso per niente per un disperato. Comunque sei ancora piuttosto giovane qualche speranza ce l’hai ancora (scherzo, eh, sia sul “piuttosto” giovane sia sul “qualche speranza”). Un saluto cordiale.

    • carlo

      Ciao Ilaria,menomale eheheh,come si dice la speranza è l’ultima a morire,un carissimo saluto anche a te.

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide