EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

188.228
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Comunicazione efficace: come migliorare una conversazione in 4 minuti

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori - aggiornato il 3 Giugno 2019 Home » Relazioni 37 commenti

Vuoi scoprire i segreti della comunicazione efficace? Non hai bisogno di un corso, esercizi realizzati negli anni ’90 o tecniche strampalate. Ecco dei semplici accorgimenti per migliorare qualsiasi conversazione in meno di 4 minuti (il tempo di leggere questo articolo).

La qualità delle nostre relazioni è direttamente proporzionale alla qualità delle nostre conversazioni.

Non ne sei convinto? Prova a pensarci… con chi ami trascorrere il tuo tempo? Chi ti sta più simpatico tra i tuoi amici? Chi inviteresti al tuo matrimonio anche se non è tuo cugino di terzo grado?

Eh già, le persone con cui amiamo dialogare sono anche le persone con cui abbiamo maggiore affinità.

Al che una domanda sorge spontanea… sei anche tu una di queste persone con cui è piacevole conversare?

No?

Fammi indovinare…

  • Quando ti trovi in una conversazione, soprattutto con una persona che hai conosciuto per la prima volta (o conosci ancora poco), ti senti impacciato e non sai bene di cosa parlare.
  • Dopo le domande di rito, seguono spesso silenzi imbarazzanti tra te e il tuo interlocutore.
  • Hai spesso l’impressione che le tue conversazioni rimangano in superficie e hai difficoltà ad entrare davvero in contatto con le persone.

Fuochino? ;-)

Se ti sei ritrovato almeno una volta in una di queste situazioni, scopriamo insieme alcune tecniche di comunicazione efficace in grado di migliorare drasticamente le tue conversazioni.

Ma prima una breve premessa…

Vuoi comunicare efficacemente? Impara a fare domande (quelle giuste)

comunicazione efficace: domande

Le domande sono uno degli strumenti comunicativi più potenti a nostra disposizione.

Porci le giuste domande può letteralmente cambiarci la vita.

Porre le giuste domande può cambiare la qualità delle nostre conversazioni.

Vediamo allora quali sono le migliori domande che puoi fare durante una chiacchierata per entrare subito in sintonia col tuo interlocutore.

Sviluppa una comunicazione efficace grazie a queste 9 domande

Ok, direi che ci abbiamo girato intorno abbastanza, non voglio di certo perderti in questa nostra… “conversazione a distanza”. Ecco le 9 domande che miglioreranno per sempre le tue conversazioni:

1. Smettila di fare interrogatori

Una comunicazione efficace con gli altri è innanzitutto una comunicazione “ricca”.

Se costringi il tuo interlocutore (la ragazza/o di cui ti sei invaghito, il cliente che vorresti conquistare, il conoscente di cui vorresti sapere di più) a rispondere a monosillabi, credimi, la vostra conversazione non andrà molto lontano!

Le domande “secche” che prevedono una risposta del tipo “sì / no” possono essere un buon punto di partenza per rompere il ghiaccio, ma se continui a fare queste domande, magari anche a ritmo serrato, metterai l’altra persona sulle difensive e la vostra comunicazione ne risentirà.

Scegli piuttosto domande aperte, domande che permettano all’altra persona di aprirsi (appunto) e intavolare con te un vero dialogo.

Esempio: non chiedere “Ti piace la musica”, chiedi invece “Quale artista ti piace? Perché proprio questo artista?”.

2. Usa il “Perché?” (almeno 3 volte)

Quando ero bambino i miei ad un certo punto mi hanno regalato un libro intitolato “Perché? Perché?”: dovevo essere davvero un rompiballe di prima categoria! :-D

Eppure quella semplice parola, il “Perché”, può migliorare di molto le nostre conversazioni.

Se non vuoi limitarti a delle chiacchierate superficiali e vuoi andare in profondità con chi ti sta di fronte, dimostra sincera curiosità: chiedi il perché delle sue risposte.

Esempio: se il tuo interlocutore ti dice di amare Gigi D’Alessio per i testi delle sue canzoni, chiedigli “Perché ami i suoi testi? Quali sono dei passaggi che ami particolarmente”, se ti risponde di essere legato ad un passaggio in particolare, ovvero “Le domeniche d’agosto quanta neve che cadrà”, chiedigli… no vabbé, fuggi! :-D Battute a parte, chiedere “Perché?” (in maniera curiosa e non pressante) è uno dei modi migliori per approfondire una conversazione.

3. Fai domande precise

Domande precise portano l’interlocutore a dare risposte ricche e dettagliate.

La prossima volta che vedi un collega dopo il weekend, non chiedergli come sia andato il finesettimana, chiedigli qual è stata l’attività più divertente che ha fatto.

Ancora una volta, se applicherai i consigli di questo articolo in maniera meccanica e forzata, renderai le tue conversazioni molto, ma molto imbarazzanti. Prendi invece spunto da queste indicazioni per migliorare in maniera naturale le tue doti di comunicazione efficace.

4. Parla di emozioni e reazioni

Se parli con una persona della sua attività lavorativa o di una sua passione, non fargli domande generiche del tipo: “com’è essere un avvocato?“. Sono domande generiche e difficili da rispondere. Concentrati piuttosto sulle emozioni e sulle reazioni della persona: “qual è la cosa che ti ha stupito di più da quando sei avvocato?“, “qual è una cosa che non ti saresti mai aspettato prima di intraprendere la carriera di medico?”.

Parla al cuore delle persone, non le mettere in difficoltà con domande insipide.

5. Sii sempre curioso

Spesso le conversazioni tra persone più che uno scambio coinvolgente assomigliano ad una gara in cui ognuno degli interlocutori passa il tempo ad aspettare il suo turno, pensando a qualcosa di intelligente e brillante da dire, e ignorando di fatto quello che stanno dicendo gli altri.

Lo fanno in molti, ma fidati: si percepisce.

Impara invece ad essere curioso: dopo aver posto una domanda, ascolta la risposta con sincera attenzione. Ti sorprenderai di quante nuove cose puoi scoprire e questo farà nascere in te nuovi interrogativi, rendendo la conversazione divertente e mai noiosa.

… e poi ricorda, come disse Dale Carnegie: le persone amano parlare di se stesse, più glielo fai fare e più ti adoreranno.

6. Impara le lezioni apprese dalle altre persone

Una comunicazione efficace è una comunicazione su due vie.

Nei punti precedenti abbiamo visto come usare le domande per mettere a proprio agio l’interlocutore e avere una conversazione coinvolgente e profonda.

Ma queste conversazioni devono arricchire anche te, altrimenti il rischio è che si trasformino in un gioco di comunicazione fine a se stesso.

Uno dei modi migliori per rendere la conversazione frizzante e carpire quanti più segreti possibile da un interlocutore particolarmente stimolante è quello di chiedere a questa persona quali lezioni abbia imparato da una determinata circostanza o esperienza.

Spesso siamo talmente incentrati su noi stessi che dimentichiamo che altre persone probabilmente hanno già affrontato sfide simili alle nostre e la loro esperienza può insegnarci molto: basta chiedere, basta chiedere quali lezioni hanno appreso.

7. Fatti raccontare una storia

comunicazione efficace: storia

Gli esseri umani vivono di storie.

Fin dall’antichità le storie sono state il nostro strumento comunicativo preferito per trasmettere la conoscenza.

Se vuoi avere una conversazione interessante, dai la possibilità al tuo interlocutore di raccontarti una storia.

Se stai parlando con un ragazzo o una ragazza che ti piace, non limitarti a chiedergli cosa faccia nella vita, chiedigli piuttosto di raccontarti la cosa più assurda che gli sia capitata da quando lavora.

Raccontare storie è quanto di più naturale esista per ogni essere umano: farlo ci mette a nostro agio e crea empatia con le persone con cui stiamo dialogando.

8. Prendi spunto dai bambini

Qualche paragrafo fa ti ho raccontato di che razza di bambino rompiballe ero da piccolo con tutti i miei “Perché? Perché?”, ma i bambini possono insegnarci qualcos’altro…

I bambini non hanno paura di fare domande (apparentemente) stupide.

Noi adulti invece ci facciamo sempre un sacco di seghe mentali e se il nostro interlocutore dice qualcosa che non capiamo, abbozziamo un sorriso e passiamo avanti: pessimo errore!

Se non hai capito qualcosa, semplicemente chiedi a chi ti sta di fronte di rispiegartela, magari come la rispiegherebbe ad un bambino di 4 anni.

9. Usa questa domanda bonus

Se ti ritrovi a parlare con un esperto e vuoi trarre il massimo dalla conversazione, devi assolutamente usare questa domanda bonus:

“Qual è la domanda che non ti fa mai nessuno e che invece reputi fondamentale per avere successo nel tuo campo?”

Questa domanda farà sentire importante il tuo interlocutore, ma cosa ancor più… importante, ti aprirà un mondo!

Molti di noi sono convinti di sapere già tutto di un argomento, ma solo nel momento in cui ci viene proposto un punto di vista a cui non avevamo mai pensato e di cui ignoravamo totalmente l’esistenza, ampliamo davvero la nostra conoscenza.

Lascia che sia l’esperto di turno a trovare per te le domande più intelligenti a cui vorrebbe rispondere.

Conclusioni

Bene, mi auguro che i consigli pratici visti in questo articolo ti aiutino davvero ad avere conversazioni più ricche e coinvolgenti.

Se anche tu hai consigli per una comunicazione efficace, sarò curioso di leggerli nei commenti.

A presto!

Andrea Giuliodori.

Questi li hai già letti?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 188228 iscritti
Sarai dei nostri?

37 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Alessio
    Alessio ha detto:

    Ciao Andrea, grazie per i continui spunti interessanti.
    Proveró subito ad applicarli, magari migliorando io stesso nell’arte della conversazione riuscirò anche a “distrarre” il mio interlocutore dal cellulare. 😂
    Ti auguro una buona settimana. 😄

    Rispondi
  2. Avatar di Alexander
    Alexander ha detto:

    Ciao Andrea,
    Quale è la domanda che vorresti sentirti dire e nessuno ti ha mai posto ?

    Rispondi
    • Avatar di Giorgio
      Giorgio ha detto:

      Ciao Andrea,
      in questo articolo è distillato il meglio di un libro che ho letto 4 anni fa, ma non son mai riuscito ad applicarlo con successo.
      Nel contesto lavorativo quando ho provato domande del genere mi è stato risposto “ma che problemi hai?”.
      Magari son scemi loro, ma non è molto bello ricevere questa risposta.
      Sembra che i miei colleghi preferiscano la domanda “come è andato il finesettimana?” a “qual è stata l’attività più divertente che hai fatto?”, per raccontare a grandi linee quello che vogliono.

      Rispondi
      • Avatar di Andrea Giuliodori

        Ciao Giorgio, non è un caso che abbia ripetuto più volte nell’articolo questo concetto: “Ancora una volta, se applicherai i consigli di questo articolo in maniera meccanica e forzata, renderai le tue conversazioni molto, ma molto imbarazzanti. Prendi invece spunto da queste indicazioni per migliorare in maniera naturale le tue doti di comunicazione efficace.”

        Se hai avuto quel feedback dai tuoi colleghi non sono loro ad aver problemi o ad essere scemi, semplicemente hai rivolto queste domande in maniera meccanica e loro hanno percepito una forzatura. Studia il principio, ma adattalo alle situazioni.

    • Avatar di Andrea Giuliodori

      Ciao Alex, nell’ambito dello sviluppo di business online spesso mi fanno domande su questo o quell’altro canale (devo fare un video al giorno? Aprire un blog nel 2019 ha senso? Come faccio crescere il mio profilo Instagram?). Noto insomma molta attenzione allo strumento e poca al contenuto. Sicuramente oggi ci sono strumenti / mezzi che funzionano meglio di altri e tra 5 anni ce ne saranno altri ancora, ma supporre che lo strumento determini il risultato è un errore. Mi piacerebbe quindi che mi chiedessero: quali sono i contenuti più utili per conquistare un pubblico fedele? Al che risponderei: se mi dai 2.000€ te lo dico :-D No scherzo, in realtà ne ho parlato spesso in delle video-interviste / podcast che trovate su Youtube!

      Rispondi
      • Avatar di Alexander
        Alexander ha detto:

        Ciao Andrea, in realtà avevo inteso la domanda in senso più lato: magari anche fuori dal contesto di creare un business online, quale è la domanda che ti piacerebbe ti ponessero ?
        E c’è una persona particolare che vorresti che ti ponesse questa domanda ?

      • Avatar di Alexander
        Alexander ha detto:

        Ne aggiungo un’altra che mi è venuta l’altro giorno guardando un video a proposito degli archetipi KWML durante il passaggio in cui parlava della grandiosità: tu hai un seguito molto numeroso e mi immagino che in una posizione del genere ci possa essere il rischio di montarsi la testa. Tu che cosa fai per rimanere con i piedi per terra ?

    • Avatar di Patrick
      Patrick ha detto:

      Ciao Alexander, seguivo spesso il tuo blog ma non riesco più a trovarlo. Avrei piacere di rileggerti. Mi potresti inviare i link per seguirti ? Grazie

      Rispondi
      • Avatar di Alexander Reif
        Alexander Reif ha detto:

        Ciao Patrick,
        Si chiama Strategie Vincenti è ancora online, ma non l’ho più aggiornato.
        Il mio focus si è spostato su come creare Relazioni Autentiche, ho aperto un blog con tale nome, ma sto facendo fatica a pubblicare con costanza.
        Entrambi i blog sono facilmente individuabili su Google immettendo le parole chiave che ho messo in maiuscolo.

  3. Avatar di Luca
    Luca ha detto:

    Direi illuminante. Ciò che hai scritto è stato un buon approfondimento (bella la 9° domanda!) su quanto già faccio per mestiere.
    Essendo un commerciale B2C è per me fondamentale l’empatia, che creo proprio con le domande aperte.
    Vero, quando lo impari e lo sfrutti nella vita di tutti i giorni, allarghi tranquillamente la conversazione con chi più ti aggrada.
    Grazie per questo bell’articolo!

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Giuliodori

      Grazie a te del commento Luca :)

      Rispondi
      • Avatar di Caterina
        Caterina ha detto:

        Buongiorno Andrea, ti seguo da un po’ ma non ho mai commentato😅 ma oggi direi che questa modalità ci sta un botto😁!

        Lascia perdere i saluti.

        Dimmi!
        Quante volte hai riso di gusto oggi?
        E quante volte sei stato sull’orlo di piangere?
        (Ma varrà davvero la pena piangere?)

        Raccontami!
        Ti sobbalza mai il cuore?
        La voce ti si blocca mai in gola?
        E il petto ti si dilata mai all’infinito?

        Quali versi vibrano nella tua anima?
        Quali silenzi cullano i tuoi pensieri?
        In quali sorrisi è abbracciata la tua felicità?
        E ora, sì proprio ora, sei felice?

        Cosa ti tiene sveglio la notte?
        E cosa ti fa addormentare come un bambino?
        Quanta giovinezza ti arde ancora dentro?
        La vedo, sai? Brucia nei tuoi occhi!

        Quante cose interessanti da chiedere.
        Ma non le chiediamo mai.
        Le accartocciamo come un foglio scarabocchiato
        e non andiamo mai oltre al ‘Ciao! Come stai?’

        Pensieri dal mio diario quasi-poetico.
        Buon lunedì a tutti

  4. Avatar di Antonello
    Antonello ha detto:

    Ciao Andrea, sono d’accordo con te su porre domande aperte e di far raccontare delle storie, vero che a tutti piace parlare di di se. Ho qualche riserva suul’utilizzo del perché, lo sento legato ad un interrogatorio piuttosto che a sapere di più sul mio interlocutore. Penso che sia più opportuno porre domande con come, cosa e quando, utilizzando meno I perché. Che ne pensi ?

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Giuliodori

      Sì, conosco la “teoria” a cui fai riferimento e concordo con te sul fatto che sia importante evitare interrogatori, ma anche in questo caso ritengo il principio del “perché” corretto: qui l’idea è di andare in profondità. Non necessariamente dobbiamo usare la parolina “perché”, possiamo ottenere lo stesso risultato attraverso altre vie ;-)

      Rispondi
  5. Avatar di edoardo
    edoardo ha detto:

    ottimo post e ottima la prima richiesta di Alexander

    Rispondi
    • Avatar di Andrea Giuliodori

      Grazie Edoardo!

      Rispondi
      • Avatar di Mary
        Mary ha detto:

        Inutile girarci attorno, gli articoli sul blog di Ser Giuliodori sono i migliori e danno un senso al sito!
        Anche stavolta ottimo articolo!

      • Avatar di Andrea Giuliodori

        Ahahah, grazie Mary!

  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

Come sarebbe la tua vita se credessi di più in te stesso? Scoprilo

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide