EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

170.657
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Come concentrarsi al meglio nello studio: 5 consigli

Avatar di Roberto Rais di Roberto Rais - aggiornato l'1 novembre 2018 Home » Studio Ancora nessun commento

Ti piacerebbe imparare a concentrarti al meglio durante lo studio? In questo articolo ho raccolto le migliori strategie per eliminare una volta per tutte quelle maledette distrazioni che sembrano non voler darti pace.

concentrazione

“Se un problema necessita di assoluta concentrazione, simultaneamente interverrà una distrazione assolutamente irresistibile.”

Arthur Bloch.

Ti sei finalmente deciso a preparare un esame che stai rimandando da mesi. Questa sessione di studio è importantissima. Ti siedi, inizi a leggere il libro ma… il cellulare squilla, la televisione trasmette il tuo programma preferito, ti senti improvvisamente affamato e fuori dalla finestra dei bambini giocano a pallone.

Insomma, un mix micidiale di situazioni che hanno un unico comune denominatore: ti impediranno di studiare bene e velocemente!

Ma come puoi migliorare lo studio e aumentare la produttività evitando le distrazioni?

Come trovare la migliore concentrazione?

Ho voluto riassumere alcuni consigli infallibili che ti suggerisco di tenere a mente. Vediamoli insieme.

Creati l’ambiente giusto

concentrazione

Non esiste l’ambiente perfetto, un luogo magico pronto all’uso per studiare bene. Quello che puoi fare è creartene uno super personalizzato!

Ma cosa significa nel concreto?

Sei sei a casa, guardati intorno e cerca una zona tranquilla. Nella migliore delle ipotesi dovrebbe essere la tua camera (si spera!), oppure molti studenti preferiscono il soggiorno. L’importante è che non ci siano potenziali distrazioni come TV accesa, il tuo cane, il cellulare, il PC con mille finestre aperte e così via.

Fatto? Bene, ora procurati una sedia comoda (ma non troppo, non vorrai mica addormentarti?), un tavolo spazioso privo di oggetti inutili e una buona illuminazione.

Sul tavolo metti subito tutto l’occorrente per lo studio, in modo da non doverti alzare di continuo perché ti manca qualcosa. Per lo stesso motivo metti sul tavolo anche degli snack salutari, della frutta e della verdura, e dell’abbondante acqua naturale.

Ecco che hai creato le condizioni giuste per iniziare lo studio focalizzato da “sniper” di cui Andrea ha parlato in questo approfondimento su come studiare bene e velocemente.

Dovresti studiare in una zona della tua casa silenziosa e luminosa, priva di rumori, suoni, odori e distrazioni visive. Questo non significa che dovrai studiare ininterrottamente per delle ore: potrai infatti cedere alle distrazioni quando sarà il caso di staccare un po’.

L’importante è non esagerare e trovare il giusto equilibrio.

Preferisci studiare in biblioteca o comunque fuori casa? Le regole non cambiano. Cerca di ritagliarti un’area riservata con meno distrazioni possibili e completa il quadro con i consigli che ti darò fra poco.

Mantieni la concentrazione

concentrazione

Ipotizzando che tu sia davvero determinato a immergerti in una lunga sessione di studio, quello che devi fare è conservare il miglior livello di concentrazione possibile. Ma come fare?

Conservare la giusta concentrazione non è mai semplice, visto e considerato che le fonti di distrazione sono dappertutto.

Questo però non significa che non puoi adottare qualche semplice trucco che ti porterà a risultati davvero notevoli, in tempi non biblici!

Ecco quello che puoi fare.

  • Programmare le singole sessioni di studio. Non limitarti a sederti sulla sedia e ad aprire il libro: scegli esattamente su cosa ti concentrerai nella tua prossima sessione di studio. Ancor meglio: usa la tecnica del pomodoro e decidi quante pagine portare a termine entro il prossimo “pomodoro”.
  • Valutare il cambio della materia di studio se la noia ti assale: spesso variare il libro o l’argomento può permettere al tuo cervello di ricaricarsi.
  • Integrare il tuo piano di studio con un programma che preveda altre attività. Guai a pensare che lo studio debba essere la tua unica ragione di vita: pianifica la giornata in maniera tale  di avere tempo anche per i tuoi amici, il tuo sport preferito, un’uscita al cinema, la famiglia, e così via. Pensi non sia possibile? Devi assolutamente leggerti la storia di Gian Mario: in un recente articolo ha svelato le 5 strategie che ha usato per laurearsi con 110 e lode, in 2 anni e 10 mesi, senza rinunciare a lavoro, sport e svago.
  • Usare la tecnica del foglio bianco per le idee. Moltissimi studenti si distraggono e perdono la concentrazione perché durante la lettura vengono assaliti da pensieri di ogni tipo e temono di smarrirli per strada. In questo modo i pensieri rimangono nella mente durante lo studio, nuocendo all’apprendimento. Tieni invece un foglio bianco vicino per annotare tutto ciò che ti viene in mente mentre stai studiando.
  • Premiarti. Un piccolo premio spesso è la migliore strategia per mantenere la motivazione elevata. Prova a premiare il tuo impegno con delle piccole o grandi gratificazioni, darai una bella scossa alla tua motivazione!
  • Cambiare metodo. Se il metodo che stai seguendo (sempre che tu ce l’abbia) non ti convince e non ti porta i risultati sperati, prova a variarlo!

Per approfondire le strategie di concentrazione più avanzate, ti consiglio questo articolo di approfondimento di Andrea.

Ritrova la concentrazione (se l’hai persa)

concentrazione

Ma cosa possiamo fare se la concentrazione sembra essere irrimediabilmente persa?

Se la tua mente ha iniziato a vagare e non riesci più ad acciuffarla, non scoraggiarti. Ci sono infatti alcune semplici strategie particolarmente adatte per ripristinare il giusto mood.

La prima cosa che ti consiglio di fare è ascoltare il tuo corpo.

Non puoi pensare che la tua energia e la tua propensione allo studio siano al 100% in qualsiasi momento della giornata. Cerca di instaurare delle sane abitudini, sperimenta e cerca di capire quando e come puoi rendere al meglio in tutto ciò che fai.

Per esempio quando non hai energia e ti senti stanco… dormi. Non ha senso stressare il tuo corpo, è molto più importante sfruttare i benefici del sonno. Non solo ti permetterà di regolare gli ormoni ed elaborare meglio le informazioni, ma ti aiuterà anche a recuperare le energie.

Un altro modo per ripristinare la concentrazione e le energie è mangiare sano. Se hai un’alimentazione salutare, anche la tua mente sarà in forma e ben predisposta allo studio. Mangia frutta, verdura, cereali integrali, carni magre e frutta secca, evitando cibi troppo pesanti, raffinati, privi di nutrienti.

Ancora, ti consiglio di impegnarti con gradualità e dando priorità alle cose più difficili. Se non sei concentrato, prova a dire alla tua mente che vuoi assolutamente studiare per altri 10 minuti. Dopo 10 minuti, potresti aver ritrovato la giusta motivazione per proseguire nello studio. Provare per credere!

Inizia con i compiti più difficili: una volta superato lo scoglio più arduo, la strada ti sembrerà in discesa.

Usa la tecnica della pre-lettura

concentrazione

Un altro suggerimento che ti consiglio di tenere a mente per migliorare la tua concentrazione nello studio è quello di usare la tecnica della pre-lettura, di cui Andrea ha parlato in altri articoli su come studiare bene e velocemente.

Si tratta di un piccolo cambiamento nelle tue abitudini che porterà grandi benefici!

Prima di affrontare un libro particolarmente voluminoso o gli appunti che hai faticosamente preso a lezione, cerca di avere un’idea chiara del mostro che dovrai affrontare.

Leggi prima l’indice dei capitoli, le introduzioni e le conclusioni, crea una mappa mentale in cui i collegamenti tra i vari argomenti siano ben solidi.

Con questo percorso preliminare eviterai quel fastidioso senso di smarrimento e sarai più motivato.

Pianifica ogni mossa!

concentrazione

L’ultimo suggerimento che voglio lasciarti è uno dei più importanti: pianifica ogni mossa!

Cerca di realizzare un piano di studio che ti guidi nei giorni e nelle settimane di formazione, evitando di concentrare tutto l’impegno a ridosso dell’esame. Spalma invece le ore che vuoi dedicare alla formazione da qui al momento della prova finale e programma anche il tempo per ripassare.

Certo è praticamente impossibile per chiunque rispettare un piano al 100%, e di questo devi tenere conto; ma avere un piano di studio ti aiuterà ad affrontare le tue giornate di studio con molto più relax e focus.

Se non hai la più pallida idea di come pianificare i tuoi esami, ti rimando a pag. 212 di “Studia meno, Studia meglio v2.0 (Sm2)“.

Il metodo spiegato da Andrea per organizzare lo studio ha già aiutato più di 15.000 studenti universitari a preparare i propri esami EfficaceMente (anche 6 in contemporanea) ;-)

concentrazione

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Noi ci rileggiamo presto. Roberto.

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla newsletter e scarica l'estratto di Studia meno, Studia meglio

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Studia meno, Studia meglio, la guida per dare il doppio degli esami in metà del tempo.

INVIAMI L'ESTRATTO 》
Già 170657 iscritti
Sarai dei nostri?

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide