EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

32.798 Iscritti
Iscriviti! Riceverai i nuovi post e le Pillole di Efficacia
Subito in regalo per te gli estratti delle mie Guide

Gestione del tempo: esempi pratici

Migliorare la gestione del proprio tempo significa migliorare la gestione della propria vita. Un articolo con esempi pratici di time management.

gestione del tempo

“Possiamo migliorare solo ciò che riusciamo a misurare.”

Lord Kelvin

Sai che ti dico, la gestione del tempo è una panzana!

Non importa quanto tu sia organizzato, efficiente ed efficace: una giornata avrà sempre e solo 24 ore. Tutto ciò che possiamo gestire siamo noi stessi ed il modo in cui spendiamo il tempo a nostra disposizione.

Non sarà un nuovo calendario, la to-do list di ultima generazione o una diavoleria elettronica a migliorare le tue capacità di time management. Soltanto lavorando sul modo in cui affronti gli impegni riuscirai a diventare un maestro nella gestione del tempo. Eccoti allora alcuni esercizi pratici per migliorare il tuo approccio alla gestione del tempo:

  • Misura e migliora. Quanto tempo pensi di sprecare in una giornata? 3h? 5h? Non ne hai la più pallida idea? Per iniziare a gestire il tuo tempo, devi avere consapevolezza del modo in cui lo stai utilizzando. Se registrare le tue spese ti aiuta ad imparare a risparmiare, registrare il modo in cui spendi il tuo tempo ti aiuta a risparmiare minuti preziosi. Nei prossimi giorni, prova a registrare il tempo che dedichi alle singole attività quotidiane. Ogni volta che passi da un’attività all’altra, registra il nome dell’attività e l’ora. Ti sembra una gran rottura di pa**e? Lo è! ed è proprio qui che risiede l’efficacia di questa tecnica. Che ne dici, registrare per la 27° volta l’attività “cazzeggio su internet” ti aiuterà a capire che forse stai sprecando il tuo tempo?! Non devi proseguire questo esercizio all’infinito: una settimana può essere più che sufficiente. Per registrare le attività ed il tempo che gli dedichi puoi utilizzare semplicemente carta e penna, ma se vuoi essere un vero geek non puoi perderti l’applicazione toggl per iPhone.
  • Inizia dalle attività difficili. Quando dobbiamo affrontare un impegno, cerchiamo in modo spasmodico l’attività più semplice da cui iniziare e se non la troviamo, beh… c’è sempre Facebook! Ammettilo, quante volte ti è capitato? Ma sono proprio queste prime attività a determinare il ritmo dell’intera giornata. In questi casi c’è poco da fare: “eat that frog!”. Ingoia il rospo, inizia proprio dall’attività più difficile, dall’attività che ti spaventa maggiormente, da quella attività che stai continuando ad evitare come la peste. Iniziare da queste attività ti permetterà di salvare tonnellate di tempo e di esercitare la tua auto-disciplina. Un trucco per imparare? Usa il segreto della prima ora.
  • Sfrutta le “scatole” di tempo. La tecnica delle timeboxes è ampiamente utilizzata nel project management: fissata una scadenza rigida, l’obiettivo viene considerato raggiunto solo se si rispetta tale scadenza. Questa tecnica non è altro che un’applicazione pratica della legge di Parkinson: più tempo hai, più ne sprecherai. Se vuoi realmente imparare a gestire il tuo tempo, decidi fin dall’inizio quanto tempo sei disposto a dedicare alle singole attività. Questo piccolo trucco non solo ti fa risparmiare tempo, ma ti permette anche di combattere la procrastinazione: quando non hai voglia di metterti a studiare o di affrontare qualsiasi altro impegno, decidi di dedicare a questa attività una “scatola” di tempo ridicolmente breve (30 minuti, 15 minuti, 5 minuti!); al termine della timebox potrai tornare a spassartela. In questo modo non sarai spaventato dall’idea di dover dedicare chissà quante ore ad un’attività faticosa, ma allo stesso tempo sarai riuscito ad iniziare.

Tu come gestisci il tuo tempo? Dai, fai in fretta, lasciami un commento! ;-)

Foto di 96dpi

Rimandi sempre tutto a domani?

Non perdere neanche un articolo. Iscriviti alla Newsletter!

Già 32.798 iscritti
Sarai dei nostri?

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Start! la guida pratica per sconfiggere la procrastinazione.

46 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Andrea
    Andrea ha detto:

    Un paio di mesi fa ho provuto a costruire su Excel uno “schedule” della settimana, indicando la tipologià di attività (lavoro, sport, famiglia, TV…) ora per ora.
    Ho poi iniziato ad usare questa semplicissima (ma fantastica) applicazione per Palm OS (.. chissà per quanto potrò ancora usarla!) http://www.jsankey.com/software/timesheet/timesheet.htm per monitorare l’effettivo tempo speso nelle varie attività.
    Ogni settimana riguardo le statistiche e cerco di “ribilanciare” il mio tempo.

    Rispondi
  2. Avatar di Andrea
    ha detto:

    Ciao Andrea. Grazie per il link.
    In questi casi più lo strumento è semplice e meglio è. La cosa importante è prendere consapevolezza di dove stiamo spendendo il nostro tempo.

    Andrea.

    Rispondi
  3. Avatar di Daniele
    Daniele ha detto:

    Andrea, non mi conosci e hai scritto un post su di me? :)
    Io mi definisco “L’uomo del giorno dopo”, ma non in relazione al film con Kevin Costner, ma perché faccio domani quello che dovrei/potrei fare oggi… sì, ho una pessima gestione del tempo, in linea forse con il mio pessimo carattere.
    Posto che il mio carattere mi sta bene così, magari posso migliorare la gestione del tempo :)
    Da oggi carta e penna e fra una settimana ti dico come è andata.

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Ahaha… beh evidentemente è un atteggiamento molto diffuso ;-)
      Giovedì pubblico un articolo proprio sulla procrastinazione. Fammi sapere cosa ne pensi e fammi sapere come va il log

      Rispondi
  4. Avatar di Pasquale
    Pasquale ha detto:

    Sto utilizzando anch’io la tecnica del log per due scopi:

    1. il primo per rendermi conto dove va a finire il mio tempo, quindi come hai scritto per individuare le azioni che mi fanno perdere tempo.

    2. quando hai un capo che ti riempe di attività in qualche modo devi fargli vedere in che condizioni ti ha ridotto.

    E’ in sostanza un ottimo strumento che oltre a difendere il tuo lavoro, ti aiuta anche a crescere professionalmente.

    Ciao
    Pasquale

    Rispondi
  5. Avatar di Roberto (bernablog.com)

    Mi dispiace ma oggi non ho tempo di leggere il tuo post e lasciare un commento :))

    Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

Commenta con il tuo profilo Facebook!

Iscriviti! Riceverai i nuovi post e le Pillole di Efficacia
Subito in regalo per te gli estratti delle mie Guide