EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

166.127
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Combattere lo stress con il pensiero tridimensionale

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori Home » Benessere 26 commenti

Un rimedio pratico (anzi 3) per combattere lo stress in modo efficace.

combattere stress

“Spesso non vediamo le cose per quello che sono: le vediamo per quello che… siamo”.

Anais Nin.

Lo stress è una “reazione emozionale intensa a una serie di stimoli esterni che mettono in moto risposte fisiologiche e psicologiche di natura adattiva“. Tradotto per noi comuni mortali: siamo stressati quando abbiamo la percezione di non riuscire ad affrontare gli eventi che accadono nella nostra vita.

Scommetto che sono capitate anche a te giornate o addirittura lunghi periodi stressanti: la preparazione di esami universitari, il completamento di importanti progetti lavorativi, la gestione di una casa e di una famiglia, possono essere tutte enormi fonti di stress. In queste situazioni ti senti sopraffatto dagli eventi, impotente di fronte a cose “più grandi di te”, completamente svuotato.

Esiste un modo per arginare questo senso di sopraffazione? Magari una serie di stratagemmi che ti permettano, se non di eliminare ansia e nervosismo, almeno di affrontarle con fiducia? Insomma, esiste una tecnica efficace per combattere lo stress?

La distorsione del tempo come causa di stress

Giusto qualche settimana fa ti raccontavo come diversi scienziati abbiano ottime ragioni per credere che il tempo non esista (wtf?!). Ancora non è stata detta la parola “fine” su questo argomento, ma di una cosa siamo certi: il tempo è soggettivo, sia per la fisica, sia soprattutto per la psicologia.

Non serve che te lo dica io per convincerti di questa semplice verità: quante volte ti è capitato di vedere il tempo letteralmente volar via ed altre in cui le lancette dell’orologio sembravano essersi congelate? La nostra percezione del tempo può essere radicalmente influenzata dalle attività che stiamo svolgendo, dalle persone con cui ci troviamo o dai nostri stati d’animo. Ci sono poi situazioni in cui il nostro cervello va letteralmente in tilt e distorce completamente il flusso del tempo, generando nel nostro corpo violente reazioni emozionali: lo stress.

Tali condizioni si verificano ogni qualvolta ci troviamo ad affrontare attività che consideriamo al di là delle nostre possibilità: nel post precedente abbiamo parlato di come scrivere la tesi; altri ottimi esempi di attività genera-stress possono essere le imminenti scadenze lavorative o le 10.000 attività che si trova ad affrontare un genitore (se sei una mamma lavoratrice oso solo immaginare quanto esplosivo possa essere il mix delle due cose). Ma cos’è che ci stressa tanto di queste situazioni?

Lo stress, come detto, nasce dal senso di sopraffazione; tale sentimento a sua volta è scaturito da una percezione distorta del tempo: la nostra mente inizia a pensare ossessivamente a tutte le attività che dobbiamo compiere, e queste visualizzazioni sono talmente potenti (ti consiglio di leggere questo post sulle tecniche di visualizzazione efficaci), che ci convinciamo seriamente di dover realizzare tutto il lavoro, in un solo istante, senza un attimo di tregua. Questa convinzione innesca violente reazioni chimiche nel nostro corpo che viene preparato ad affrontare questa enorme mole di lavoro (immaginaria) con scariche di adrenalina e cortisolo. Lo stress ha vinto.

Ma esiste una soluzione…

Utilizzare il pensiero tridimensionale contro lo stress

Per combattere lo stress EfficaceMente devi tornare ad avere una percezione realistica del tempo e delle attività da completare. Ogni volta che ti trovi ad affrontare un importante progetto di studio/lavoro, impara a fermarti per un brevissimo istante di consapevolezza e percepisci l’insieme delle attività che devi compiere nella loro natura tridimensionale. Prova a creare nella tua mente una vera e propria immagine in 3 dimensioni del tuo progetto:

  • Percepiscine la lunghezza: quanto tempo hai a disposizione per portare a termine il tuo lavoro? (es. qual è la data del primo appello del tuo esame?).
  • Saggiane la larghezzaquante ore dovresti lavorare ogni giorno per arrivare preparato alla tua scadenza?
  • Immagina di toccarne la profondità: per quanto possa essere importante questo progetto, tu hai una vita al di fuori del tuo studio e del tuo lavoro; comprendere che non esiste solo questo progetto, che ci sono altre attività che possono aiutarti a rilassarti e a godere della tua vita ti permetterà di dare la giusta… profondità al tuo progetto.

Nel momento in cui riesci a conferire ai tuoi impegni la loro reale natura tridimensionale, il senso di sopraffazione svanisce magicamente. Tuttavia, anni di pensiero disfunzionale non possono essere spazzati via con una semplice visualizzazione: per imparare a pensare in 3 dimensioni devi poter applicare costantemente una serie di stratagemmi ad hoc. Ecco i migliori.

Applicazioni pratiche del pensiero tridimensionale

Sapere che la tua mente distorce il tempo e genera inutilmente ansia e nervosismo è un importante atto di consapevolezza, ma non è sufficiente per combattere lo stress. Devi fare ancora un passettino, devi applicare quelle strategie che ti consentano realmente di pensare in 3 dimensioni:

  1. Impara a fare backward planning. La pianificazione a ritroso (backward planning) è stata uno dei pilastri portanti del mio metodo di studio universitario. Ancora oggi applico i principi del backward planning per affrontare i miei progetti più complessi. Questo sistema di pianificazione delle attività ti consente infatti di osservare il tuo progetto nella giusta prospettiva, aiutandoti a distribuire le tante attività lungo la linea del tempo. Sì ma, come funziona?! Nella pianificazione a ritroso si parte dalla scadenza del tuo progetto e si definiscono (a ritroso, appunto) le attività che si devono svolgere giorno per giorno, finché non si arriva a momento presente. Immagina di dover completare il tuo progetto il 30 di giugno: cosa dovrai fare il 29, il 28… il 5 aprile, oggi?! Pianificando le tue attività in questo modo, riacquisti il controllo sul tuo progetto, ti focalizzi sul lavoro da fare qui ed ora e riduci notevolmente lo stress.
  2. Definisci dei traguardi quotidiani. Più un obiettivo è lontano nel tempo e più ne abbiamo una percezione vaga (se non distorta). Il segreto per realizzare davvero i tuoi obiettivi più ambiziosi (e combattere lo stress) è quello di trasformarli in traguardi quotidiani. Questo ti consentirà di dare ai tuoi obiettivi la giusta… larghezza. Immagina di voler guadagnare 1 milione di €: qual è la prima attività che dovresti compiere oggi stesso per centrare il tuo obiettivo? I grandi obiettivi possono essere fonte di motivazione, ma solo le attività che completerai oggi ti consentiranno di raggiungerli. Che si tratti di un piano di allenamento quotidiano per raggiungere il tuo peso ideale, o del numero di pagine che devi studiare ogni giorno per preparare il tuo esame universitario, ricordati di definire sempre dei traguardi quotidiani per i tuoi obiettivi, altrimenti rimarranno solo sogni nel cassetto o desideri irrealizzabili.
  3. Preoccupati di iniziare e non di completare il tuo lavoro. Gran parte del nostro stress deriva dall’attenzione spasmodica che dedichiamo al completamento del nostro progetto. Siamo preoccupati di dover completare un’immensa mole di attività, siamo nervosi per il poco tempo a nostra disposizione, siamo terrorizzati dalle scadenze ormai imminenti. Insomma la nostra mente è sempre proiettata in un futuro fosco e tenebroso, e ha perso la capacità di percepire la profondità dei tuoi progetti. Ma la tua vita è qui ed ora. Se vuoi combattere lo stress devi imparare a focalizzarti sul momento presente, ma soprattutto devi imparare a preoccuparti di iniziare il tuo lavoro e non di completarlo. Non è un caso se lo stress sia una delle cause principali di procrastinazione, e non è un caso se per combattere lo stress devi innanzitutto smettere di procrastinare (diciamo che un paio di cosine sull’argomento te le potrei raccontare ;-).

Se stai vivendo un periodo stressante, mi auguro che queste strategie pratiche possano aiutarti ad affrontarlo… EfficaceMente. Buona settimana. Andrea.

Foto di kharied

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla newsletter e scarica l'estratto di Studia meno, Studia meglio

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Studia meno, Studia meglio, la guida per dare il doppio degli esami in metà del tempo.

INVIAMI L'ESTRATTO 》
Già 166127 iscritti
Sarai dei nostri?

26 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Claudio
    Claudio ha detto:

    Daccordissimo!!

    Un ottimo modo per essere felici ed allontanare lo stress!

    benchè è una pratica quotidiana quella di “cancellare” il tempo convenzionale tornando al luogo senza tempo: “qui e Adesso”,

    non avevo mai fatto il link diretto allo stress eppure è la pratica per eccellenza che allontana e previene dallo stress negativo (stressor):

    la meditazione

    Con la meditazione torni ad osservare i pensieri e noti come sono loro a spingerti a vivere nel futuro o nel passato (come fanno quelli che parlano da soli per strada: mica siamo diversi!)

    Un conto è pianificare a tavolino il futuro: che è un azione dell’adesso ed un conto è proiettarci già con la mente nel futuro come se lo stessimo vivendo: questo produce ansia e reazioni stressanti spesso bloccanti se non con danni anche a livello fisico (problemi di concentrazione, sonno, apparato digerente e soprattutto sistema circolatorio)

    Mi piace questa strategia perche permette di guardare dall’alto il pensiero (che è un po’ come meditare) e di tornare a pianificare (nell’adesso) il futuro preoccupandosi non di finire… ma di iniziare!

    grazie
    Claudio

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Claudio, sì, non ho utilizzato il termine meditazione perché molti associano una serie di pregiudizi a questo termine, ma molti elementi del pensiero 3D sono assolutamente affini alla pratica mindfulness.

      Grazie del commento,
      Andrea.

      Rispondi
  2. Avatar di Matteo

    Matteo

    ha detto:

    Un buon modo per allontanare lo stress…
    Un ottimo articolo per un lunedì

    Grazie Ciao

    Rispondi
  3. Avatar di Matteo Mainetti

    Matteo Mainetti

    ha detto:

    Ciao Andrea,
    mi serviva proprio questo articolo!
    Capita nel momento giusto, il periodo degli esami… Non sarà un caso :)
    In questi giorni mi sono ritrovato proprio come hai descritto, così ossessionato dalle cose da fare da perdere la concezione del tempo e non riuscire a portare a termine le cose che avevo pianificato. 
    Sono sempre stato un patito della pianificazione, ma con il difetto di non riuscire a calcolare bene i tempi. Per questo mi hai fatto capire che devo prestare più attenzione alla profondità delle cose da fare. 
    Una volta capito questo è più facile iniziare ed entrare in quello stato di produttività dove le cose scorrono via quasi senza accorgersene.
    Ora vado a mettere in pratica il backward planning per un esame, fatto non sui giorni ma sulle poche ore rimaste! 
    Grazie Andre a presto

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Matteo,
      grazie del commento.

      Concordo appieno con le tue conclusioni: il fare deve essere il nostro focus, la nostra ossessione.

      A presto,
      Andrea.

      Rispondi
  4. Avatar di Ambrosia

    Ambrosia

    ha detto:

    Diceva non a caso un certo Epitteto che “non sono i fatti in sè a turbare la mente degli uomini, ma i giudizi che gli uomini formano sui fatti”.
    Hai scelto un tema sempre molto attuale e di interesse, trattandolo in modo nuovo: magari riuscire ad applicare sempre le soluzioni che suggerisci! ;)
    Ossequi,
    Ambrosia.

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Ambrosia,
      grazie del commento.

      più che i fatti ed i giudizi su questi fatti, A. volte sono le donne a turbare la mente degli uomini… ;)

      Andrea.

      Rispondi
  5. Avatar di Dasha

    Dasha

    ha detto:

    Ciao Andrea!
    Devo dire che ho mi sono veramente appassionata al tuo blog ultimamente, ti voglio fare davvero tanti complimenti per com’è impostato e gestito!
    Tuttavia ho già tentato in precedenza di applicare il backward planning e definire i miei traguardi quotidiani, ma purtroppo questo mi ha messo ancora più ansia addosso, col risultato che mi blocco ugualmente di fronte ai miei obiettivi. Può essere che sia io a sbagliare qualcosa?
    Ho comunque intenzione di perseverare e spero che prima o poi io riesca ad evitare di stressarmi così tanto.
    P.s. hai TUTTA la mia ammirazione per la tua laurea in ingegneria, poiché è la mia stessa facoltà… e se devo essere sincera ci sto lasciando il sistema nervoso :/

    Grazie per tutti i consigli
    Dasha

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Dasha,
      grazie per i complimenti.

      Hai notato che nel tuo commento hai riportato 2 delle azioni suggerite, ma non la terza, quella forse più importante. Pianificare e darsi obiettivi può essere controproducente se poi ci ritroviamo a procrastinare… come detto qualche commento fa, è il fare, l’agire che ci consente di placare lo stress.

      Qualche giorno fa ho postato questa frase nella pagina Facebook del blog:

      Spesso procrastiniamo per diminuire l’ansia legata ad un lavoro complesso, ma solo l’azione può diminuire quell’ansia.

      Che ne pensi? ;)

      Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide