EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

172.812
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

I 5 ingredienti del successo

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori Home » Successo 31 commenti

I 5 elementi chiave per raggiungere i propri obiettivi nella vita.

“Ho sentito dire che il primo ingrediente per il successo, se ne esiste alcuno, è quello di sognare in grande.”

John A. Appleman.

Quando pensiamo al successo ci vengono immediatamente in mente alcune immagini preconfezionate da tv e giornali: magari una macchina sportiva, un tappeto rosso, una casa lussuosa ed elegante, mete turistiche esclusive, etc, etc. Senza dubbio, questi stereotipi rappresentano la materializzazione di un determinato tipo di successo.

Tuttavia, quando parlo di successo in questo blog, faccio riferimento ad un successo più intimo e personale: quel successo che ti fa sentire orgoglioso di te stesso, quel successo che ti rende felice, anche se non è sbandierato davanti a tutti, quel successo che ti fa sentire che sei sulla giusta strada e che, in fondo, anche gli obiettivi più difficili sono alla tua portata.

In questo articolo voglio parlarti dei 5 ingredienti alla base di questi successi e che guarda caso sono assenti nelle ricette fallimentari. 

1. Immaginazione: 150 grammi tagliata sottile

“Ciò che la mente può concepire e credere, può realizzare.”

Napoleon Hill.

Qualsiasi obiettivo tu abbia raggiunto nella tua vita, c’è stato un momento in cui questo traguardo era soltanto un’idea nella tua mente. Eppure quell’idea è stata il seme da cui è nato tutto.

Sono certo che questo punto manderà in visibilio gli amanti della Legge di Attrazione; eppure, per quanto possa essere scettico nei confronti del best-seller di Rhonda Byrne, ogni volta che ho raggiunto un traguardo ambizioso, avevo visualizzato quel traguardo nella mia mente per centinaia di volte ed in ogni suo minimo particolare, ma cosa ancor più  importante ero certo che avrei raggiunto quel obiettivo e consideravo il suo raggiungimento una mera questione di tempo.

Immagina i tuoi obiettivi, immaginali in ogni dettaglio, trasformali in una sana ossessione.

2. Fallimento: q.b. (quanto basta)

“Vinci solo quando non hai più paura di perdere.”

Rocky Aoki.

Considero i fallimenti i migliori strumenti per il successo, secondi solo alla visualizzazione. Spesso evitiamo gli insuccessi come la peste; facciamo di tutto pur di non fallire, o meglio, non facciamo niente… per paura di fallire.

La verità è che fallimento e successo sono due lati della stessa medaglia; come non può esserci alba senza la notte, così non può esserci successo che non abbia seguito innumerevoli fallimenti. Diffida da chi parla soltanto dei propri successi: o non sono successi (ovvero non si sono mai realizzati) o non sono suoi.

Incassa i tuoi fallimenti, consapevole che non sono altro che un inevitabile passo avanti verso i tuoi successi.

3. Coraggio: 4 cucchiai

“Se ripeterai sempre le stesse azioni, otterrai sempre gli stessi risultati.”

Non me lo ricordo.

Se è vero che fallire è importante per raggiungere i nostri obiettivi, questo non significa che dobbiamo abituarci al fallimento. Fallire 100 volte per 100 motivi diversi può essere estremamente importante per il tuo percorso di crescita personale; al contempo è immensamente sciocco fallire anche solo 2 volte per lo stesso motivo.

Dopo ogni fallimento, devi avere il coraggio di tentare nuove strade e nuove azioni per continuare la tua ricerca del successo. Essere coraggiosi significa affrontare ciò che ci spaventa, significa fare ciò che non abbiamo mai fatto, significa uscire dalla nostra zona di comfort.

Questa lezione è stata ed è per me una delle più importanti: il coraggio infatti ti porta a vivere nuove esperienze e per quanto, come blogger, creda nel potere delle parole, rimango intimamente convinto che soltanto l’esperienza conduca al cambiamento.

Abbi il coraggio di fare ciò che non hai mai fatto: solo sperimentando potrai trovare la giusta formula del tuo successo.

4. Azione: abbondante

“Non potevo aspettare il successo, così ho iniziato senza.”

Jonathan Winters.

E’ triste osservare quante persone siano convinte che il successo sia legato unicamente ai colpi di fortuna. Forti di tale convinzione se ne stanno di fronte alla tv o al computer in attesa che il successo bussi alla porta. Eppure, anche i vincitori del superenalotto si sono degnati di alzare il culo ed andare in tabaccheria a giocare la loro schedina.

Se pensi che agire non serva a nulla, perché in passato hai rimediato solo fallimenti, ti sorprenderà sapere quanto la vita possa essere ironica: i più grandi successi si nascondono proprio dietro l’angolo del nostro ultimo è più cocente fallimento.

Quando ti senti demotivato: agisci.

Quando hai rimediato una sconfitta: agisci.

Quando non te la senti più di andare avanti: agisci.

5. Motivazione: una dose prima e durante la cottura

“Ci sono due leve per motivare ogni uomo: l’interesse e la paura.”

Napoleone Bonaparte.

Non è un caso che la motivazione sia l’ultimo degli ingredienti. Spesso siamo convinti che senza motivazione non possiamo intraprendere nulla: è l’esatto contrario.

Se aspettiamo la motivazione per intraprendere i nostri progetti… rischiamo di aspettare a lungo. In fondo, la motivazione è come l’appetito: viene agendo. Non mi credi? Ecco una piccola dimostrazione: immagina di ripensare a quanto fatto nell’ultimo mese; cosa ti motiverebbe di più? Sapere di aver procrastinato i tuoi doveri? o sapere di aver fatto ogni giorno un passo avanti verso i tuoi traguardi?

Già… la motivazione è come chiedere un prestito in banca: se ne hai bisogno non te lo danno e te lo danno solo quando ormai ne puoi fare a meno!

Ma non preoccuparti, c’è una soluzione a tutto: se hai una carenza cronica di motivazione, prova a leggerti la serie di articoli che ho dedicato a questo argomento.

Bene: gli ingredienti te li ho dati, adesso sta a te mettere in pratica la tua ricetta per il successo. Buona settimana ;-)

Foto di chotda

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 172812 iscritti
Sarai dei nostri?

31 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Ilaria Cardani
    Ilaria Cardani ha detto:

    :D Devo dire sinceramente che questo articolo mi è proprio piaciuto. Intanto prima di leggerlo mi sono guardata per un po’ l’immagine, che mi ha molto colpito e ha evocato proprio il tavolo della cucina prima che inizi una grande impresa. Anche se confesso che io in cucina non sono cosi’ organizzata e ordinata e nemmeno nella vita. Sono caotica e improvviso, per lo piu’. Poi mi è piaciuta, sulla scia, la metafora della ricetta e delle quantità stile “culinario”. Poi il significato del successo. Anche se si puo’ considerare scontato, non concordo sul fatto che la motivazione debba e possa venire per ultima. Le cose bisogna pur farle – e di sicuro si fanno, anche se spesso non lo sappiamo – per qualcosa che ci spinge, all’inizio, direi addirittura all'”origine”. Di certo, iniziare, cioè agire, e cominciare e vedere le “cose che si fanno”, l'”effetto delle nostre azioni”, gli eventi e lo stato delle cose che si modificano per e grazie a noi, è una molla “bestiale” a continuare e a fare meglio.

    Rispondi
  2. Avatar di Umberto
    Umberto ha detto:

    Andrea credo che fu Einstein a dire “Se ripeterai sempre le stesse azioni, otterrai sempre gli stessi risultati”…..ma non ne sono tanto sicuro.
    E sempre Einstein disse “L’immaginazione è più importante della conoscenza”….di questa invece ne sono certo e si ricollega al punto 1 che anch’io reputo assolutamente fondamentale per la realizzazione di qualsiasi cosa.

    Rispondi
  3. Avatar di Marta
    Marta ha detto:

    Ciao Andrea, anche a me questo post è veramente piaciuto, in particolar modo mi ha colpito la lettura che hai dato del secondo ingrediente che, non so per gli altri, ma per me è il più amaro da buttare giù!
    Per quanto riguarda la motivazione, credo che una dose di essa ci voglia per intraprendere qualcosa: se non sono motivata non mi prendo nemmeno la briga di iniziare. E una volta iniziato un qualcosa sarà l’ingrediente numero 4, l’azione, che terrà viva la motivazione dentro di me…è come se azione e motivazione si “innescassero” a vicenda: la motivazione dà energia all’azione e viceversa, creando una sinergia in uno scambio continuo tra questi due ingredienti che, insieme, danno vita alla passione.

    Rispondi
  4. Avatar di Antonio
    Antonio ha detto:

    Direi che questo è uno dei tuoi migliori articoli, una Summa del successo!

    Mi ha colpito particolarmente:

    ” la motivazione è come chiedere un prestito in banca: se ne hai bisogno non te lo danno e te lo danno solo quando ormai ne puoi fare a meno! ”

    Il fatto è che è difficile fare un piccolo passo verso un grande obiettivo se non sei davvero convinto del grande obiettivo! E allora sembra quasi di muoversi per muoversi e alla fine se in mezzo ti crolla l’interesse per quell’obiettivo avrai investito forze e magari rimpiangerai quel tempo che magari avresti potuto spendere per riposarti o cazzeggiare! Dove sbaglio con questa mia visione?

    Grazie mille comunque per le tante ispirazioni che dai!

    Rispondi
  5. Avatar di Marco Ferraro
    Marco Ferraro ha detto:

    Per me questo post è uno sprone per darsi da fare e hai dato delle chiavi giuste per farsi un pò di autoanalisi e da prendere d’esempio.

    Bel lavoro!

    Un caloroso saluto

    Marco Ferraro

    Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide