EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

128.866
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

I 23 bias cognitivi che ti incasinano la vita

Hai mai sentito parlare di bias cognitivi? Che tu li conosca o meno, posso assicurarti che hanno un impatto rilevante sulla tua vita. E’ tempo di prenderne consapevolezza.

bias cognitivi

“Mentire a noi stessi è ben più radicato nella nostra anima del mentire agli altri.”

F. Dostoevsky.

Ti è mai capitato di avere quella fastidiosa sensazione di essere il peggior nemico di te stesso? Ti consideri una persona mediamente intelligente, sai distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, eppure ti ritrovi, più spesso di quanto vorresti, a prendere decisioni stupide:

  • sgarri alimentari che ti riempiono di sensi di colpa,
  • acquisti impulsivi che si dimostrano inutili,
  • impegni procrastinati che non fanno altro che generare stress.

La nostra mente è senza dubbio una delle più raffinate creazioni della natura, eppure ogni tanto va in “tilt” e ci fa comportare come degli asini totali. Perché? E’ evitabile? Come possiamo prendere decisioni migliori, decisioni che ci avvicinino ai nostri traguardi, invece che allontanarcene?

Tutta colpa dei bias cognitivi (e del gatto obeso della zia Pina)

Wikipedia definisce i bias cognitivi come: “giudizi (o pregiudizi) che non corrispondono necessariamente alla realtà, sviluppati sulla base dell’interpretazione delle informazioni in possesso, anche se non logicamente o semanticamente connesse tra loro e che portano dunque ad un errore di valutazione o mancanza di oggettività di giudizio.

Tradotto, i bias cognitivi rappresentano il modo con cui il nostro cervello distorce la realtà. La domanda a questo punto è: perché diamine lo facciamo? Perché distorciamo la realtà che ci circonda?!

La risposta, come spesso accade, è legata alla nostra evoluzione.

Se hai letto Autostima Passo Passo ricorderai probabilmente il capitolo sulle “euristiche del giudizio“: sì, esattamente, quello in cui ti ho fatto l’esempio del gatto obeso della zia Pina! Fondamentalmente, il nostro cervello è bombardato ogni giorno da centinaia di migliaia di input sensoriali e per far emergere i segnali (soprattutto i segnali di pericolo) dal rumore di fondo, ha imparato, nel corso dei millenni, ad adottare alcune scorciatoie mentali.

Queste scorciatoie sono per la maggior parte corrette e ci consentono di interpretare la realtà in maniera rapida ed efficiente. Tuttavia, c’è una percentuale di queste euristiche che ci conduce verso dei vicoli ciechi, delle conclusioni errate sul mondo che ci circonda: i bias cognitivi appunto.

Nell’articolo di oggi ho selezionato per te una lista di quelli che sono i 23 bias cognitivi più frequenti e pericolosi. Liberartene completamente è impossibile, ma se imparerai a riconoscerli, avrai un’arma in più per evitare decisioni stupide nei tuoi studi, nel tuo lavoro e, in generale, nella tua vita.

La lista di bias cognitivi che ti fregano più spesso (e come evitarli)

Gli studiosi hanno individuato decine e decine di bias cognitivi e nuovi ne vengono scoperti ogni anno. Lo studio dei bias cognitivi è particolarmente importante per chi si occupa di marketing, finanza e gestione aziendale. Nella lista qui di seguito ho scelto quei “percorsi mentali errati” che hanno la capacità di influenzare radicalmente la nostra vita quotidiana, ostacolando spesso il nostro percorso di crescita personale. Eccoli.

1. Euristica dell’influenza (affect heuristic)

Ipotizziamo che recentemente tu abbia deciso di acquistare una nuova auto: scommetto uno pneumatico che stai iniziando a vedere quell’auto ovunque. Ho ragione o dico giusto?

Il bias dell’euristica dell’influenza spiega come la nostra percezione della realtà sia significativamente influenzata da ciò che desideriamo in quel dato momento.

bias-cognitivi-euristicaAll’interno del libro “Scarcity: why having too little means so much” è riportato un interessante esperimento sull’affect heuristic: a due gruppi di persone è stato chiesto di riconoscere alcune parole mostrate su uno schermo per una frazione di secondo. Le parole in questione erano: porta, torta, corta. Gli individui del primo gruppo hanno individuato le 3 parole con una frequenza simile: per capirci, alcuni hanno riconosciuto la parola “porta”, altri la parola “torta” e altri ancora la parola “corta”. Gli individui del secondo gruppo invece hanno individuato nell’80% dei casi esclusivamente la parola “torta”. La differenza tra i 2 gruppi? Il primo è stato sottoposto all’esperimento dopo pranzo, il secondo prima di pranzo ;-)

Vallo a spiegare ai fan della Legge di Attrazione che se riescono a trovare il posteggio dell’auto è grazie all’euristica dell’influenza e non alle vibrazioni quantico-cosmiche :-D

2. Bias del carro della banda musicale (bandwagon bias)

Il “bandwagon” in inglese indica il carro su cui viaggia la banda musicale durante le parate o altre manifestazioni pubbliche. Il bandwagon bias indica la nostra tendenza a sviluppare una convinzione, non tanto sulla base della sua effettiva veridicità, ma quanto piuttosto in relazione al numero di altre persone che condividono quella stessa convinzione.

Insomma, siamo dei gran pecoroni.

Ti faccio un esempio legato allo sviluppo personale: sei sicuro che le convinzioni che hai su te stesso siano proprio tue? Non è che agisci in un determinato modo perché è esattamente il comportamento che gli altri si aspettano da te? Così, per dire…

3. Ancoraggio (anchoring bias)

Spontaneamente facciamo troppo affidamento sulle prime informazioni che ci vengono fornite.

Immagina ad esempio di trovarti a trattare il prezzo di un bene o di un servizio: in questi casi, l’intera trattativa verterà intorno alla prima cifra proposta da una delle due controparti. Se sei sveglio e fai l’offerta per primo, magari un’offerta ridicolmente a tuo favore, avrai delle buone chances di fare un ottimo affare (come detto il giochino funziona laddove ci sono margini di trattativa).

4. Bias di conferma (confirmation bias)

Questa “scorciatoia mentale errata” si verifica in particolar modo tra i sostenitori di partiti politici o altre ideologie (vedi i fanatici delle “diete alimentari”). Nello specifico, è nella nostra natura dare maggiore rilevanza alle sole informazioni in grado di confermare la nostra tesi iniziale.

Questo è un altro motivo per cui il “confronto”, soprattutto quello online, è spesso sopravvalutato.

5. Bias della scelta (choice-supportive bias)

Cugino stretto del confirmation bias è il choice-supportive bias, che spiega la nostra tendenza a razionalizzare le scelte fatte, anche se tali scelte sono state impulsive o sono state fatte sulla base di gravi lacune informative.

Insomma, piuttosto che ammettere di aver fatto una ca*#!ta, ci inventeremo la qualunque per dimostrare quanto brillante sia stata la nostra decisione. Il problema è che nella maggior parte dei casi ci ritroveremo a prendere in giro noi stessi (hai presente le 3 bugie che ci raccontiamo ogni giorno? Stessa solfa).

6. Illusione dello schema (clustering illusion)

bias-cognitivi-ritardatariUna delle armi più potenti del nostro cervello è la capacità di individuare dei “pattern”, ovvero degli schemi, attraverso i quali giungere rapidamente a delle conclusioni.

Il problema è che spesso vediamo questi schemi laddove non esistono.

Un esempio classico? I numeri “ritardatari” del lotto: siamo convinti che se un numero non esce da così tante estrazioni, avrà sicuramente una maggior probabilità di essere estratto. FALSO: ad ogni nuova estrazione TUTTI e 90 i numeri hanno esattamente la stessa probabilità di uscire (1/90).

7. Euristica della disponibilità (availability heuristic)

Questo bias consiste nel sovrastimare le informazioni a nostra disposizione.

Non è vero che fumare fa male! Mio nonno ha fumato un pacchetto di sigarette al giorno fino a 90 anni ed era sano come un pesce“.

Mi spiace, ma l’esperienza di tuo nonno non ha validità statistica circa la salubrità del fumo: tuo nonno ha avuto solo un gran c*#o ;-)

8. Illusione della frequenza (frequency illusion)

Molto simile all’euristica dell’influenza, la frequency illusion spiega perché iniziamo a vedere ovunque conferme di quanto abbiamo recentemente appreso. Te ne accorgerai nei prossimi giorni: inizierai a vedere bias cognitivi neanche fossero delle Grandi Punto della Fiat! :-D

9. Bias del pavone (self-enhancing transmission bias)

Tutti noi siamo portati a condividere maggiormente i nostri successi, rispetto ai nostri fallimenti.

Hai bisogno di prove? L’intero Facebook ruota attorno al bias del pavone: le frasi e le immagini più condivise riguardano vacanze incredibili, party selvaggi, amori passionali. Beh, la realtà è “leggiuermente” diversa. Questo video la fotografa in tutta la sua cruda freddezza:

10. Bias del “senno di poi” (hindsight bias)

Siamo tutti geni col “senno di poi”. Nel trading come nell’innovazione tecnologica l’hindsight bias spiega perché riteniamo scontate certe evoluzioni solo dopo che si sono verificate.

Immagina di essere nel 2006 e cercare di convincere il management di Nokia, che Apple e Google saranno i due player fondamentali del mercato mobile negli anni a venire. Good luck!

11. Attualizzazione iperbolica (hyperbolic discounting)

L’hyperbolic discounting è un termine scientifico complesso per indicare un atteggiamento che i lettori di EfficaceMente conoscono fin troppo bene, ovvero la propensione a scegliere, sempre e comunque, il piacere immediato rispetto alla felicità a lungo termine.

Questo atteggiamento è particolarmente presente in 3 aree della nostra vita:

  • L’alimentazione.
  • I risparmi.
  • Lo studio/lavoro.

In un esperimento del 1998 ai partecipanti fu chiesto di scegliere tra un frutto sano e uno snack al cioccolato. Quando la scelta era spostata nel futuro, il 74% degli individui sceglieva la frutta. Quando invece la scelta riguardava il momento presente, il 70% degli individui sceglieva il goloso snack al cioccolato.

Il punto è che tendiamo inevitabilmente a sovrastimare le capacità del nostro “Io futuro”, come se fosse una sorta di superuomo o superdonna che sarà in grado di mangiare ultra-sano, risparmiare ogni centesimo e studiare/lavorare senza distrazioni per zilioni di ore.

Indovina un po’: il tuo “Io futuro” è indisciplinato, svogliato e spendaccione esattamente come il tuo “Io presente”, anzi, anche un pelino di più. Se vuoi controbilanciare l’hyperbolic discounting, DEVI leggere questo post sull’akrasia.

12. Escalation irrazionale (irrational escalation)

Prendere decisioni irrazionali solo per tenere fede a decisioni razionali prese in passato. Se di recente ti è capitato di farti prendere la mano in un’asta Ebay, sai esattamente di cosa sto parlando.

13. Bias della negatività (negativity bias)

bias-cognitivi-roccia-orso

“Preferisco essere ottimista e avere torto, che pessimista e avere ragione.”

A. Einstein.

Consiste nel dare maggior peso agli aspetti negativi rispetto a quelli positivi.

Naturalmente anche questo bias cognitivo ha una sua spiegazione evoluzionistica: per i nostri antenati, infatti, era decisamente meglio confondere una roccia per un orso, piuttosto che un orso per una roccia.

Per quanto ci riguarda, pensare che aver fallito quell’esame o aver mancato quella promozione significhi la fine della nostra esistenza, forse è un tantino esagerato.

14. Bias dell’inazione (omission bias)

Indica la tendenza a preferire l’inazione rispetto a qualsiasi azione, anche la più piccola.

La prossima volta che ti ritrovi con il c*#o incollato al divano, incapace di sostenere il ben che minimo impegno, ricorda che il bias dell’inazione è in… azione. Come batterlo? Ti consiglio di utilizzare il segreto dei 3 minuti.

15. Effetto struzzo (ostrich effect)

Se il confirmation bias ci spinge a dare maggior importanza alle sole informazioni a sostegno della nostra tesi, l’effetto struzzo ci porta a nascondere la testa nella sabbia quando ci vengono presentati dati che contrastano con le nostre convinzioni.

Qualcosa mi dice che ti è capitato più di una volta di avere a che fare con degli… “struzzi”.

16. Effetto placebo (placebo effect)

L’effetto placebo è uno dei bias cognitivi più conosciuti in assoluto e a dirla tutta non è del tutto negativo: consiste infatti nell’influenzare l’avverarsi di un evento attraverso la convinzione che quell’evento debba verificarsi.

Questo bias, più che dimostrare un difetto di progettazione del nostro cervello, mette in evidenza quanto potenti possano essere le nostre convinzioni.

17. Errore di pianificazione (planning fallacy)

Come visto al bias #11 le nostre capacità di fare previsioni accurate sul futuro sono a dir poco imbarazzanti. Questo è particolarmente vero quando ci ritroviamo a pianificare lo studio o un progetto di lavoro. Volenti o nolenti siamo sempre troppo ottimisti sul tempo che impiegheremo per realizzare i nostri obiettivi.

Come si contrasta la planning fallacy? Te l’ho già spiegato al punto 4 di questo articolo.

18. Reattanza (reactance)

bias-cognitivi-bambiniScommetto che gli ingegneri elettronici sono andati in un brodo di giuggiole appena hanno letto il termine reattanza. In realtà, nella psicologia cognitiva la reattanza rappresenta il desiderio di fare il contrario di ciò che gli altri vorrebbero che facessimo.

Se sei un genitore che ha a che fare con bimbi piccoli o figli adolescenti, ho il vago sospetto che tu conosca perfettamente questo comportamento: forse lo conosci con il più comune nome di “capricci“.

Come possiamo evitare questa risposta istintiva? La reattanza nasce dalla volontà dell’individuo di difendere la propria libertà di scelta: invece di imporre un’unica scelta (la nostra) è molto più efficace offrire un ventaglio di opzioni che, guarda caso, vanno nella direzione desiderata.

19. Bias dell’avversione alle perdite (loss-aversion bias)

A parità di cifre (ma anche in caso di guadagni sostanzialmente più elevati), preferiamo di gran lunga evitare le perdite, piuttosto che ottenere dei guadagni.

20. Bias informativo (information bias)

Ti è mai capitato di dover prendere una decisione e ritrovarti a raccogliere tonnellate di informazioni senza poi agire? Questa nostra insicurezza è giustificata dall’information bias, ovvero la convinzione che più informazioni recupereremo, più la nostra decisione sarà oculata. La verità è che una sovrabbondanza di informazioni non sempre ci porta a realizzare azioni efficaci. Anzi…

Se hai difficoltà a prendere decisioni, ti consiglio di adottare la tecnica della bussola.

21. Errore dello scommettitore (gambler’s fallacy)

Diciamo che la mente umana non è progettata per prendere decisioni statistiche in modo razionale. Lo abbiamo già visto con l’esempio dei numeri “ritardatari” del lotto. In generale quando dobbiamo stimare la probabilità di accadimento di un evento ci facciamo influenzare troppo dagli eventi accaduti in precedenza, anche se questi sono statisticamente indipendenti.

Domandina semplice semplice: se lanciassi una monetina in aria per 9 volte di seguito e ottenessi sempre “testa”, la probabilità che esca “croce” al 10° lancio è minore, maggiore o la stessa?

22. Bias dell’ordine di grandezza (order of magnitude bias)

Non solo andiamo nel pallone quando si tratta di valutare eventi indipendenti, ma in generale abbiamo serie difficoltà nello stimare correttamente i diversi ordini di grandezza. Non mi credi?! Facciamo un piccolo esperimento?

Senza pensarci troppo, se ti dico che sono trascorsi 1 milione di secondi, quanti giorni sono passati? 1 giorno? 10 giorni? 100 giorni? 1.000 giorni? Su, prova ad indovinare… sono circa 12 giorni.

Se ti dicessi invece che sono trascorsi 1 miliardo di secondi, quanti anni sono passati? 1 anno? 10 anni? 100 anni? 1.000 anni? Spara il tuo numero, non ci pensare troppo… sono circa 32 anni.

Allora, ci sei andato vicino? Neanche un po’, vero?! ;-) Tieni presente questo bias ogni volta che ti ritrovi a fare delle stime numeriche.

23. Effetto Galatea (Galatea effect)

“Che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione.”

Henry Ford.

Probabilmente avrai sentito spesso parlare di profezia auto-avverante. L’effetto Galatea è un derivato dalla self-fulfilling prophecy e si verifica quando il successo (o l’insuccesso) di una persona è influenzato dalle sue convinzioni sulle proprie abilità.

In altre parole una parte consistente delle nostre prestazioni (nello studio, nello sport, nel lavoro) è determinata da ciò che pensiamo di noi stessi e delle nostre capacità.

Se vuoi approfondire questo tema ti consiglio di rileggere il capitolo sull’autoefficacia che trovi all’interno del manuale Autostima Passo Passo. Se poi sei uno studente, il test del Professore e dell’Ultras ti farà ricredere su molte delle tue convinzioni sullo studio.

Conclusioni

Allora? Quale tra questi bias cognitivi ti è piaciuto di più? Quale ti ha incasinato la vita più spesso? Fammelo sapere nei commenti di questo articolo ;-)

Per il resto, come ti ho spiegato all’inizio del post, l’obiettivo non è certo sbarazzarci di questi “cortocircuiti mentali“: è impossibile, fanno parte della nostra natura. Tuttavia, anche solo conoscerli e averne consapevolezza, può fare un’enorme differenza nel nostro percorso di crescita personale.

Ecco, questa settimana vorrei che ti appuntassi quei 2-3 bias cognitivi che ti hanno fatto pensare “cavoli, questo sono io!“. Rileggili, se nella loro descrizione ho linkato dei post di approfondimento, leggi anche questi ultimi, ma soprattutto impegnati ad avere maggior consapevolezza di questi bias: osservali, guarda come influenzano le tue decisioni e le tue giornate e infine impara a gestirli… EfficaceMente.

Per il momento è tutto: stavo per salutarti con un imbarazzante… “byes byes”, ma mi sono trattenuto :-D Buona settimana! Andrea.

Ps. Il tema bias cognitivi è affrontato anche nell’ottimo: “Le armi della persuasione” del dott. Cialdini. Se l’argomento ti ha incuriosito è senza dubbio un must read.

Foto di anshu_si

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla newsletter e scarica l'estratto di Studia meno, Studia meglio

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Studia meno, Studia meglio, la guida per dare il doppio degli esami in metà del tempo.

INVIAMI L'ESTRATTO 》
Già 128866 iscritti
Sarai dei nostri?
  • missmuslimah
  • Questo articolo è tanta roba.
    Personalmente credo di essere particolarmente sensibile al “senno di poi” e agli errori di pianificazione. Il senno di poi in particolare lo applico di frequente per darmi delle colpe. Ripenso a certe scelte che ho fatto nella vita e mi dico che avrei dovuto fare diversamente, senza tenere conto che le informazioni di cui dispongo oggi non sono le stesse di cui disponevo nel momento in cui ho fatto quella scelta.
    Gli errori di pianificazione mi fregano sempre. Sia nel breve che nel medio-lungo periodo. Sembra quasi un vizio di base: programmare sempre almeno un paio di cose che poi oggettivamente non ci stanno. Andrò a leggere l’articolo di approfondimento.
    E infine credo di essere abbastanza consapevole riguardo l’euristica della disponibilità. Forse perché pur avendo una laurea in materie umanistiche ho comunque una mentalità scientifica. E detto sinceramente faccio davvero fatica a trattenermi quando nelle discussioni uno dice ” ci sono decine di ricerche scientifiche che dicono la cosa X” e l’altro risponde “si però mio cuggino…”. Giuro: mi manda in bestia :)
    Comunque articolo molto interessante, come al solito. Che te lo dico a fare? :)

    • Ciao Marina,
      grazie davvero per aver lasciato il commento per prima.

      Ahahah, nella parte su “mio cuggino” mi sono ritrovato pienamente. Devo però ammettere che nell’ambito della formazione si abusa un pochino anche dell’espressione: “ci sono studi che affermano”… ecco, anche qui bisogna sempre drizzare le orecchie. Molti formatori, coach e para-guru questi studi neanche se li sono letti e spesso riportano cose “per sentito dire”. Occhio.

  • Roberto

    Direi che quello in cui mi sono ritrovato di più (ma non certo l’unico) è stato il 17, sugli errori di pianificazione. Normalmente so vedere sempre molto lontano ma spesso sbaglio i tempi che ritengo più brevi di quelli che poi avvengono. Probabilmente è anche un problema di competenza, ciò accade di più negli ambiti in cui ho meno competenze specifiche e non me ne rendo conto per cui… la scorciatoria del tempo.

  • genna78

    Grande Andrea, questo è uno dei miei argomenti preferiti… avrei però citato gli studi di Kahneman perché è da lui che derivano la maggior parte di questi bias.. gli hanno anche valso il premio Nobel ;)

    • Ciao Genna,
      grazie molte per il riferimento a Kahneman: questo è il bello di avere lettori che intervengono attivamente nei vari post ;-)

  • Questo articolo mi è piaciuto moltissimo! Innanzitutto c’è un sacco di “ciccia” al fuoco e mi sono rivisto in alcuni di essi e su altri ci sto lavorando alacremente. Dato che derivano tutte da un giudizio erroneo o superficiale o anche esperienziale, mi sono chiesto a fine articolo: ma questi errori sarebbero evitabili se ci si mettesse in dubbio su ciò che si fa senza un “pilota automatico”? Certo sicuramente si ridurrebbero parecchio di intensità e di frequenza… a mio parere alcuni diventano più riconoscibili applicando un po’ di presenza mentale in ciò che si fa (il senno di poi su tutti). Ciao Andrea!

    • Ciao Daniele,
      come scritto nel post, i bias sono ineliminabili. Sono parte integrante di ciò che siamo, il prodotto di millenni di evoluzione. Ciò che possiamo fare è studiarli, prenderne consapevolezza e correggere consciamente i nostri comportamenti quando i bias iniziano ad intervenire.

      • Andrea volevo chiederti sul bias dell’escalation irrazionale avresti qualche approfondimento?

      • Ciao Daniele, il bias dell’escalation irrazionale è anche noto come: “escalation of commitment”. Nella referenze del relativo articolo di wikipedia trovi degli ottimi studi/testi sull’argomento. In alcuni ambiti si parla anche di “sunk cost fallacy”: anche su questo tema c’è un’ampia letteratura.

      • Grazie mille!!

  • Claudio Meynet

    Bel post Andrea, mi permetto di suggerire anche altre due letture molto interessanti sull’argomento:
    “Trappole mentali” ed “Economia emotiva”, entrambi di Matteo Motterlini che, insieme a “Le armi della persuasione” di Cialdini da te citato sono i tre libri che più mi sono piaciuti sui bias cognitivi.
    Buona giornata!
    Claudio

    • Ciao Claudio,
      grazie davvero per il commento e le letture suggerite.

      • Claudio Meynet

        Grazie a te per i contributi sempre interessanti e stimolanti!

  • Architetto Giuseppe Barra

    Più o meno penso di averli tutti o quasi. E’ grave dottore ? :)

    Sicuramente i fan della Legge dell’Attrazione ( o dell’illusione ), dopo questo articolo ti saluteranno e abbandoneranno il blog indignati per le tue ” convinzioni limitanti “.

    Missione compiuta Andrea, finalmente ci sei riuscito ! :)

    Iniziare la settimana con la consapevolezza che molti dei nostri istinti o ragionamenti sono la conseguenza di percezioni dovuti a molti fattori esterni è importante per capire come affrontare al meglio la vita di tutti i giorni.

    Alcune di queste limitazioni vengono raccontate, con nomi diversi, nel libro ” Le Zone Erronee” di W. Dyer.

    • No, Giuseppe, è assolutamente normale: TUTTI abbiamo TUTTI i bias. Come già detto, chi pensa di averne solo alcuni e non altri in realtà non ne ha preso ancora perfettamente coscienza ;-)

      Andrea.

      • Architetto Giuseppe Barra

        A ok. Disdico subito l’appuntamento dallo Psichiatra. ;)

  • Giulio Frangioni

    Ahahah, ce li ho TUTTI !!! Quello della frequency mi capita spessissimo!

  • Guido Tarantelli

    Mentre leggevo un articolo diverso, ben fatto e approfondito che richiedesse una mente più analitica pensavo “scommetto che questo articolo sarà poco commentato” ed infatti così è stato. Mi fa piacere che hai fatto questo azzardo per una piccola parte dei tuoi lettori.
    Ti chiederei di approfondire ulteriormente ogni bias dato che già li conoscevo tutti e mi piacerebbe sapere il tuo pensiero a riguardo in modo più specifico, ma non credo che lo farai e ti capisco.

    • Ciao Guido,
      in realtà molti di questi bias sono stati già approfonditi in numerosi post di EfficaceMente. Cavoli, al bias #11 gli ho dedicato un’intera guida! ;-)

  • Mattia Monti

    io li chiamavo un po po più fantasticamente demoni. Mi riferisco ai bias della negatività, quei pensieri negativi che cercano di fermarmi con scuse del tipo ma chi te lo fa fare? ma dove vai non sei bono! Ma non ti vergogni? Sei ridicolo, lascia perdere, vai a zappare ecc ecc. Un tempo li ascoltavo, ci credevo e gli davo ragione. ora ho imparato a non crederci e a dare ascolto soprattutto ai pensieri costruttivi. Non che quelli distruttivi non si presentino regolarmente appena qualcosa va storto (te l’avevo detto!), anzi, ho solo capito che è inutile oppormici e che tanto vale scherzarci dandogli il peso che si meritano.

    • Tranquillo Mattia, esiste anche il bias della positività! :-D Credo che in questi casi, vedere le cose per quello che sono, né meglio, né peggio, sia la strada da percorrere.

      Grazie del commento.
      Andrea.

  • Antonio Nicolosi

    A occhio e croce, di questi bias, ne ho almeno 20 su 23. Principalmente credo di avere un’enorme stima del mio “io futuro” al punto da ritenere che quello che oggi faccio in 10 ore riuscirò a farlo in 30 minuti. Facciamo che inizio dai bias 11 e 17 e poi ne riparliamo :-).

  • ambra

    dentro di te c’è uno psicoterapeuta…

    • Ciao Ambra, ti ringrazio perché immagino che il tuo sia un complimento, ma ribadisco spesso ai miei lettori chi sono e soprattutto chi NON sono: non sono uno psicologo e benché meno uno psicoterapeuta.

      Per chi legge EfficaceMente è fondamentale capire la differenza tra psicoterapia e crescita personale. A questo proposito la distinzione che ne fa il Prof. Nardone penso che sia la più chiara possibile: la psicoterapia si occupa di patologie invalidanti, la crescita personale di miglioramento delle prestazioni.

      Ecco io con il blog cerco di condividere quelle strategie pratiche ed efficaci che negli ultimi 14 anni mi hanno consentito di migliorare le mie prestazioni nello studio, nel lavoro e nella vita in generale.

      A presto e grazie del commento.

      • ambra

        certamente, il mio era solamente un commento ironico. Mi sono presa SM2… Ti farò sapere se su di me funziona! ;)

      • Diciamo che ho approfittato del tuo commento per ribadire un messaggio molto importante per i nuovi lettori di EfficaceMente. ;-)

        Sì, assolutamente, fammi sapere che risultati otterrai con Sm2.

        A presto!

  • Michele

    Senza dubbio information bias!
    Penso che per noi che seguiamo la crescita personale, sia un tunnel noto purtroppo ;)
    o almeno per me…

    • Concordo Michele,
      questo è stato uno dei motivi per cui quasi 8 anni fa ho scelto quella frasetta sotto il nome del blog: “crescita personale: esempi pratici“. L’industria della formazione è piena di teorie (fuffah?), serve senz’altro un approccio più concreto :-)

      • Michele

        Ti dirò sinceramente…
        Non se ne può piu!!! :)

        quello che fondamentalmente mi sembra che manchi di più è una visione di fondo chiara e semplice che possa venire spiegata ad un bambino.
        Per di più, si cerca di sopperire alla mancanza della visione con ogni tipo di tecnica.
        Aggiungiamo che ogni promotore di una tecnica non è disposto al dialogo con gli altri, (forse per orgoglio personale, ma forse per fini commerciali :)e così viene servita la torta della crescita personale del decennio 2010 – 2020.

        fortuna ci sono pionieri come te che tentano di riordinare e di ridonare semplicita di visione e metodi alla gente.

        Chi coltiva semplicità otterrà semplicita!!!

        Non hai mai pensato Andre di organizzare incontri dove incontrare delle persone interessate a migliorarsi?!?!

        Ti lascio la parola perché capisco le contraddizioni che possono generarsi.

        Tocca te ordinare!

        Grazie per quello che fai.
        Mi stai riordinando!;)

  • Post molto interessante, i veri limiti sono proprio nella nostra testa, questo vale sia nella vita di tutti i giorni ma anche negli investimenti. ciao Andrea!

  • san

    Bellissimo il bias del Pavone. Su Facebook, tutti hanno una vita fantastica, sono tutti felici e fanno vacanze da sogno. Ahhh Facebook San non lo freghi.

  • Manola Trombin

    Bellissimo articolo Andrea!
    Vorresti dire che i Bias cognitivi sono utili come le auto diagnosi fatte scrivendo vari sintomi sul motore di ricerca Google…avete mai provato?
    Io non mi riconosco in molti ma nei due, anzi tre,che ho individuato sono una specialista!

    • Ho visto che molti lettori dopo aver letto il post hanno iniziato il “gioco delle figurine”: “questa ce l’ho, questa ce l’ho, questa non ce l’ho!”. I bias cognitivi sono presenti nel “software” di qualsiasi essere umano. Anzi, se pensiamo che alcuni non ci appartengono, significa che sono talmente radicati che neanche ce ne accorgiamo :-)

  • Martina

    Ciao Andrea, interessante cm sempre questo articolo sui bias.. Quello ke più m ha condizionata nelcorso della mia vita penso sia la reattanza.. Xo nn ho capito cm s può evadere da questo errore: se sn io a dover fare una scelta, devo offrire una serie d opzioni a chi? E perché?

  • Credo di leggere, come al solito, un contributo preziosissimo. Ora non più, o meno. Ma ricordo di aver patito il bias dell’euristica più di una volta

  • Leo

    Ciao Andrea, sono un ragazzo di quasi 16 anni, molti penseranno “ah, un bambino” e in effetti immagino di esserlo agli occhi degli “adulti”, anche se sia fisicamente che mentalmente mi sento “grande”. Volevo fare questa premessa prima di ringraziarti; per molti questa é l’epoca della superficialitá, e io mi sono sempre sentito un pesce fuor d’acqua in questa socetá, ma grazie a te ho iniziato un continuo miglioramento. So che la strada é ancora lunga ma sono veramente contentissimo di aver iniziato cosí “presto” a leggere i tuoi articoli, pensa che Prima non avevo mai voglia di studiare e odiavo la scuola in generale, Ora sto tutti i giorni a leggermi qualcosa, sto volentieri attento in classe, e vado d’accordo con i professori, Prima avevo solo 2 amici stretti (che lo sono ancora) mentre adesso sono molto sociale con tutti e ben voluto da molti, anche da ragazze :D
    Volevo scriverti questi miei pensieri, perché non ti sono solo grato, tu mi hai letteralmente salvato da una vera e propria depressione! Mi sono trasferito in Svezia da un anno e mezzo, senza che te la faccio troppo lunga, qui va tutto bene economicamente e ci sono tanti pro, ma gli svedesi sono pa@#%si a livelli incredibili, infatti il problema qui é che non ci si diverte quasi mai, essendo la tecnologia molto avanzata, TUTTI stanno con il cellulare o il pc, tutto il tempo senza socializzare (e poi smentisco il mito che le svedesi sono tutte stupende XD ). Quindi non ho avuto amici per molto tempo, il primo anno direi, e stavo rinchiuso in casa su skype a parlare con i miei vecchi amici in Italia. Estate passata lí, sono rinato in Italia, ed ero pronto per un nuovo anno (nel frattempo avevo ricambiato scuola). Alla fine prima di iniziare scuola ho iniziato a trovare i tuoi articoli e leggerli sempre piú appassionatamente. Sono una persona diversa e lo devo a te! Scusa se ho scritto cosí tanto, ho cercato di riassumere il piú possibile.
    Per ultima cosa: non ho comprato nessuno dei tuoi manuali ma sappi che questa estate inizio a fare qualche lavoretto, e con quei soldi la prima cosa che compreró saranno le tue guide!!!
    Ultimo grazie.
    Ultimissimo grazie :DD

    Leo

  • Claudia

    Liberatemi dall’information bias, vi prego!!!! :-))))

  • Caro Andrea anche questa settimana bellissimo articolo ! Ammetto anche io di aver cominciato il giochino ce l’ho, mi manca ma, avendo realizzato che in realtà tutti questi bias sono presenti in maniera più o meno eclatante nella mia vita ho colto il tuo spunto e ho deciso di soffermarmi in particolare sui 3 che in questo momento mi danno più filo da torcere! Il primo è l’euristica dell’influenza; infatti mi capita spesso di cercare “segni” a conferma di una mia scelta (quando cercavo di rimanere incinta sbattevo in un pancione ogni 3×2 !) mascherando così la mia scarsa autostima o motivazione. Il secondo è l’attualizzazione iperbolica ; ammetto che ci sto lavorando seriamente perché è uno dei bias che negli ultimi anni mi ha allontanato di più da una vita realmente felice. Adesso, nella mia mente, concepisco il “viaggio” che mi porterà a raggiungere l’obiettivo, come la parte più bella e entusiasmante, ancor di più del risultato finale. Il terzo è la reattanza ; avendo un bimbo di 2 anni questo è un bias sul quale devo davvero avere massima consapevolezza perché, effettivamente, mi trovo molto spesso a dire NO e a ritrovarmi la casa ribaltata !! Sforzarmi di offrire scelte alternative farà si che il rapporto con lui sia focalizzato sul qui ed ora e non mi farà cadere in quegli errori che ho sempre contestato ai miei genitori e che mi ero promessa non avrei mai commesso !!!!

  • capoccistyle

    Uonderful,sarebbe molto utile oltre che fighissimo discutere dei tuoi articoli in maniera molto più attiva di quanto si fa,piuttosto che leggerli apprezzarli e poi lasciaaaarli andare.

    • Il nuovo strumento che stiamo utilizzando per i commenti ha questo obiettivo. Ogni settimana poi apriamo una discussione sul nuovo articolo all’interno dell’EfficaceMente Book Club.

      Grazie del commento.

  • Alberto Amerio

    Grande articolo. Ho letto anche io il libro di Cialdini e sono d’accordo con te: è illuminante.

  • Frazo

    Efficacemente meglio della Harvard biz review!

  • Alberto

    Salve Andrea, inanzitutto vorrei ringraziarla per i suoi articoli e
    avrei una domanda che vorrei farle: Da quanto ho letto più volte su
    questo sito, spesso le persone hanno degli schemi mentali che le portano
    ad avere visioni pessimiste oppure ad essere certi che la loro
    previsione (negativa) si avvererà al 100%. In questo articolo, lei giustamente, demonizza questi automatismi perchè
    controproducenti, limitanti e, sopratutto, non veri. Nella mia
    esperienza mi rendo conto di essermi sempre fidato ciecamente di questi
    pensieri, e da poco ho iniziato a metterli in discussione, rivalutando
    molte cose che prima davo per certe. Tuttavia, mi sembra che nei suoi
    articoli, lei dica di “non fidarsi” solo di quei meccanismi negativi
    mentre, per quanto riguarda i possibili rimedi c’è una quantità di
    fiducia eccessiva. Mi spiego, imparando a capire la non veridicità delle
    mie previsioni negative, ho capito che sostanzialmente queste
    previsioni erano errate perchè non potevo pretendere di avere il
    controllo di quello che succederà visto che c’erano un sacco di fattori
    in gioco che non dipendevano da me.
    Quindi questo ragionamento
    secondo me si applica anche nell’altro senso. ad esempio nell’articolo dell’Akrasia lei ha scritto ” quelle attività che sai per certo ti
    aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi.” Come può qualcuno sapere per
    certo che determinate attività lo porteranno al raggiungimento dei
    propri obiettivi? non sarebbe una previsione utopistica (tanto quanto
    fidarsi che tutto andrà male perchè il nostro pessimiso ce lo dice) ?
    Grazie mille
    Alberto

    • Leana

      “Preferisco essere ottimista e avere torto, che pessimista e avere ragione.”
      A. Einstein

  • Molto interessante!
    Può essere un ottimo spunto per migliorare, avendo maggiore consapevolezza di questi “bias”.
    La cosa che mi ha colpito di più, però, è notare quanti bias sono legati all’interpretazione statistica della realtà! Essendo che sto studiando per diventare uno statistico, li conosco bene e so come evitarli, ma in effetti è davvero incredibile quanto siamo poco bravi a pensare in modo probabilistico/statistico… E in realtà è questo il motivo per cui mi piace tanto questa materia, sa svelarti alcune cose veramente controintuitive (almeno per il nostro cervello)!

  • Fred Piras

    Avrei due paroline di biasimo: Bias imo! 😃

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide