EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

170.584
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

10 Domande per capire cosa fare nella vita

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori - aggiornato il 12 ottobre 2018 Home » Crescita Personale 106 commenti

Se ancora non hai capito cosa fare nella vita, lascia stare i viaggi spirituali in India: dai una risposta a queste 10 domande ed inizia a realizzare il tuo sogno oggi stesso.

cosa fare nella vita

“Giudica un uomo dalle sue domande e non dalle sue risposte.”

Voltaire.

La settimana scorsa ti ho parlato di quanto sia importante non arrendersi mai, non mollare la presa e continuare a lottare, sempre e comunque.

Sì, belle parole, ma lottare per cosa?

Tecniche anti-procrastinazione, stratagemmi di produttività personale e trucchi per la gestione del tempo sono del tutto inutili se non abbiamo la più pallida idea di cosa fare nella vita.

Senza una stella polare che ci guidi lungo la traversata, rischiamo di andare alla deriva, o ancor peggio di ormeggiare nel primo porto lungo la via, dimenticando che la nostra esistenza può riservarci molto più di qualche caraffa di birra in una squallida osteria.

Avere uno scopo nella vita ci permette di superare qualsiasi ostacolo, ci aiuta a capire cos’è importante e cosa invece ci sta rubando solo tempo ed energie, ci consente di ritrovare la motivazione anche nei giorni più bui.

Già in passato ti ho proposto due esercizi pratici per trovare il tuo scopo. Questo è fondamentale per capire come essere se stessi nella vita di tutti i giorni.

I tanti commenti e le email dei lettori mi hanno fatto capire che serviva qualcosa di più, un articolo che potesse dissipare quella nebbia che spesso ci avvolge…

nel mezzo del casin di nostra vita” (cit.).

Ho deciso allora di condividere con te 10 domande, domande che mi sono posto nel corso degli anni e che mi hanno aiutato (e mi stanno aiutando) a dare la giusta direzione alla mia esistenza. Mi auguro che possano dimostrarsi per te altrettanto potenti.

Cosa voglio fare nella vita?

Magari è successo poco prima di scegliere l’università, forse è stato al termine di quell’importante storia di amore, oppure lo fai ogni mattina  prima di smarcare il cartellino per un lavoro che odi.

Poco importa.

Molti di noi si sono posti almeno una volta la fatidica domanda: “cosa voglio fare nella vita?“.

Il mitico Corrado Guzzanti direbbe:

“La risposta è dentro di te, epperò è sbagliata.”

Quelo.

Io sono un po’ più ottimista: se ancora non hai trovato la risposta a questa domanda è perché non hai cercato abbastanza bene.

Per guidarti in questa ricerca ho preparato per te 10 domande per capire cosa vuoi fare nella vita. 

Prendi carta e penna o, come ho fatto io a suo tempo, crea una nuova nota in Evernote.

Ricorda: non esistono risposte giuste o sbagliate, esistono solo le tue risposte.

Scrivile di getto, non permettere alla tua parte razionale di prendere il sopravvento.

Alcune delle risposte che troverai non saranno una novità per te, ma altre potrebbero davvero accendere una lampadina.

Ecco le 10 domande che ho preparato per te:

  1. Per cosa sei disposto a soffrire oggi? Ammettilo non te lo aspettavi un inizio così. I para-guru ci chiedono sempre di pensare a cosa ci renderà felici, a cosa ci farà stare bene, a cosa ci darà piacere. Queste sono domande semplici. Chiediti invece per cosa sei disposto a soffrire, a fare sacrifici, a lottare con le unghie e con i denti, perché sono queste le cose davvero importanti nella tua vita.
  2. Come ti immagini la tua vita tra 5 anni? Siamo così presi dalle nostre routines quotidiane, che non ci concediamo mai il tempo per visualizzare (e costruire) il futuro dei nostri sogni. Prenditi 5 minuti, scrivi nei minimi dettagli quella che sarà la tua vita tra 5 anni. Chi sei? Quali obiettivi hai raggiunto? Quali ostacoli hai superato? Chi c’è al tuo fianco? Dove vivi? Che emozioni provi? Com’è la tua giornata tipo? Definisci la tua nuova realtà e poi, ogni giorno, visualizza te stesso mentre la raggiungi (mi raccomando, quando fai le tue visualizzazioni, non commettere questo errore).

“Se non sai dove stai andando, non ci arriverai mai.”

Lewis Carroll.

  1. Cosa faresti se non avessi paura? La paura è un meccanismo evolutivo che ci ha salvato le chiappe più e più volte nel corso dei millenni; ma oggi, che non dobbiamo più lottare contro bestie selvagge o altri pericoli della natura, la paura si dimostra spesso un freno irrazionale che non ci consente di vivere appieno la nostra vita. Se vuoi capire cosa fare nella tua vita, togli la variabile della paura dall’equazione: un ottimo modo per farlo è utilizzare la tecnica del “come se.
  2. Cosa faresti se fossi sicuro di non poter fallire? Tra le paure che ci paralizzano, la paura del fallimento è una delle più potenti: in cosa ti lanceresti, oggi stesso, se fossi certo di non poter fare fiasco?
  3. Quali sono i tuoi 3 più grandi talenti? Guadagna grazie alle tue passioni“, “Trasforma ciò che ami nella tua fonte di reddito“, “Fai soldi con i tuoi hobbies“: internet è tappezzato di annunci di questo tipo, io stesso ho scritto un articolo in cui spiego come creare un reddito passivo grazie alle proprie passioni. In quel post però dico anche una cosina che molti dimenticano: “lo scopo della tua vita è il punto di intersezione tra le tue più grandi passioni ed i più grandi bisogni del mondo“. Non basta essere appassionato di qualcosa per farne lo scopo della propria vita, devi anche dimostrare un oggettivo talento in ciò che vuoi fare. Chiediti allora quali sono i tuoi talenti più grandi, in cosa gli altri ti riconoscono capacità inusuali, per quali tue abilità uniche una persona sarebbe disposta a tirare fuori dei soldi dal portafoglio.
  4. Se ti rimanesse un’ora di vita, come la spenderesti? Navigando su Facebook? Seriously? Ti auguro una vita lunga e piena di soddisfazioni (e dai, smettila di ravanarti!), ma la verità è che ognuno di noi se ne va in giro con un’etichetta invisibile in cui è stampata la propria data di scadenza. Forse è un’immagine sgradevole, ma per quanto tu possa esserne infastidito, non potrai mai cambiare questa semplice verità. Prenderne consapevolezza, al contrario, può aiutarti a comprendere cosa vuoi davvero fare della tua vita. Se ti serve un’altra spintina, ti consiglio di leggere la lettera di Seneca a Lucilio.
  5. Quando è stata l’ultima volta che ti sei sentito vivo? Riesci a ricordare cosa stavi facendo l’ultima volta che hai provato un’irrefrenabile sensazione di felicità? Se non hai ancora trovato la tua direzione nella vita, questi momenti di contentezza sono le “molliche di pane” che ti aiuteranno a trovare la giusta strada. Un consiglio: nel mio diario personale ho una pagina speciale in cui da anni raccolgo i momenti più felici della mia vita. Rileggerli di tanto in tanto mi ha aiutato a capire cosa davvero volessi fare negli anni a venire. Ps. se non riesci a ricordare l’ultima volta che sei stato felice, forse dovresti iniziare ad applicare un po’ più spesso la Legge del Camion della Spazzatura.
  6. Quali sono le 5 cose per te più importanti? Hai presente quei film post-apocalittici in cui la Terra è stata colpita da un virus/asteroide/attacco alieno ed i pochi sopravvissuti si ritrovano a vivere come ai tempi dei cavernicoli? Bene, se accadesse davvero, quali sarebbero le 5 cose che ti mancherebbero di più? Queste 5 cose sono molto probabilmente le costanti della tua vita: qualunque cosa deciderai di fare, tienile bene a mente Ps. no, la Nutella non è tra le risposte accettabili.
  7. Quale lavoro saresti disposto a fare anche gratis? Per 2 anni e mezzo ho dedicato gran parte del mio tempo libero ad EfficaceMente, senza guadagnarci un euro: questo perché i soldi, per quanto possa adorare farli, non sono l’unica motivazione che mi hanno spinto a creare il blog. Oh, ma che buon samaritano che sei André: mi è scesa una lacrimuccia. Te lo scordi che io lavori a gratise! Tu quale lavoro saresti disposto a fare ogni giorno, con sacrificio, se sapessi che non c’è nessuno stipendio che ti aspetta a fine mese? Questa domanda è la migliore risposta che posso dare a tutte le persone che sono tormentate dal famigerato: “non so che lavoro fare”. Stesso discorso vale se sei uno studente e non sai che università scegliere: chiediti per quali materie sei disposto a studiare 10 ore al giorno, nei weekend e quando i tuoi amici se la spassano al mare. Beh, a dirla tutta, applicando il metodo Sm2 potresti riuscire a preparare il doppio degli esami in metà del tempo, ma anche il migliore dei metodi di studio richiede impegno e pratica costante: per quale corso universitario sei disposto a mettere questo impegno?
  8. Chi è la persona che ammiri di più al mondo? Ognuno di noi ha i suoi modelli di riferimento, ovvero persone la cui vita rappresenta una continua fonte di ispirazione. Questi modelli possono dirci molto su chi siamo e su chi vogliamo diventare. Cerca di capire cosa ammiri così tanto di questa persona e capirai cosa vuoi davvero raggiungere nella tua vita.

Sei riuscito a dare una risposta a queste 10 domande? Mi auguro di sì, ma se anche non ci fossi riuscito subito, spero che le risposte che troverai ti aiutino finalmente a capire cosa desideri davvero, perché quando lo capirai diventerai inarrestabile.

Ah dimenticavo… per quello che vale, vorrei salutarti con questo spezzone del film “Lo strano caso di Benjamin Button” (se non visualizzi il video, clicca qui). Buona settimana. Andrea.

Foto tratta da Google Immagini.

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 170584 iscritti
Sarai dei nostri?

106 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Mimmo
    Mimmo ha detto:

    Se non sbaglio avevo già letto un tuo articolo simile andrè, però questo mi ha fatto ricaricare le pile dell entusiasmo !
    Grazie ancora :)

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Mimmo, hai ragione, non è la prima volta che parlo del potere delle domande. Questa volta ho cercato però di focalizzare il post solo su alcune domande, quelle che chiamo domande anti-nebbia.

      Grazie del commento.
      Andrea.

      Rispondi
      • Avatar di David
        David ha detto:

        Ciao Andrea, sono in un momento un po’ difficile della mia vita e sono certo che la responsabilità sia tutta mia… Ma provando a rispondere ad ogni una delle tue domande non ho avuto molte risposte.
        La mia condizione attuale mi ha messo davanti al fatto di dover mettere in discussione anche i miei valori. Non ricordo quando sia stata l’ultima volta che mi sono sentito felice o vivo senza che questo dipendesi di una persona, non so quale siano i miei punti di forza. Sono triste. E non ho tanti amici

  2. Avatar di Giancarlo
    Giancarlo ha detto:

    Grazie infinitamente perché in questo tuo periodo di difficoltà e decisioni drastiche stai aiutando persone come te (cioè me) che stanno anch’esse attraversando un periodo di difficoltà e decisioni drastiche. Nel commento al tuo scorso post mi hai risposto che non credi molto nelle coincidenze se non sbaglio: beh, io direi che iniziano ad essere troppe, soprattutto dato che in questo articolo mi hai dato due domande chiave che mi hanno creato una chiarezza che non avevo prima. Grazie ancora Andrea, sei un grande!

    Rispondi
  3. Avatar di Leonardo Plebani
    Leonardo Plebani ha detto:

    Domande toste è! Quasi quasi torno su effe bi!

    Le risposte, oltre a non essere facili (ancora non ho trovato la risposta a diverse di queste domande), credo siano molto legate a quello che ti capita nella vita, alle nuove esperienza che fai, alle nuove opportunità che si presentano e of course, alle persone che incontri lungo la vita.

    Quindi si, troviamo le risposte, ma siamo consapevoli che nel tempo cambieranno for sure.

    Leo

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Leo,
      mi piace molto quello che hai detto: in fondo, se dai sempre le stesse risposte a queste domande significa che non stai crescendo.

      Andrea.

      Rispondi
      • Avatar di Pier Paolo
        Pier Paolo ha detto:

        Certamente….ma comunque esistono delle costanti che ci guidano e che spesso non siamo in grado di individuare o che magari “vediamo” quando consideriamo che sia troppo tardi (io ad esempio ci ho messo 50 anni prima di accorgermene!!)…..crescere, evolvere è sicuramente un processo continuo e mutevole che ha PERO’ in ogni caso delle fondamenta di base (chiamiamole aspirazioni, talenti, scopi, etc) che spesso noi rinneghiamo delegando i nostre REALI potenziali a ciò che l’ambiente, l’educazione, la società, la rincorsa a falsi miti, ci fa SEMBRARE essere il nostro “naturale” destino!
        La consapevolezza di ciò che si è e di ciò che si desidera realmente è una CONQUISTA fondamentale se si vuole arrivare a sentirsi gratificati del proprio cammino esistenziale….ed in qualsiasi modo e/o in qualsiasi tempo lo si raggiunga val la pena di provarci per non vivere con il perenne rimpianto di non essere stati ciò che si era stati designati ad essere.

  4. Avatar di Valeria
    Valeria ha detto:

    Grazie Andrea, i tuoi post sono sempre illuminanti e come molti dicono arrivano sempre al momento giusto, tu per me sei fonte di grande ispirazione.. grazie ancora!

    Rispondi
  5. Avatar di Davide
    Davide ha detto:

    Non ho ancora risposto alle domande, ma già sento dentro una carica davvero forte. Ho l’impressione che appena risponderò riuscirò a vedere il traguardo, l’obiettivo della mia vita, probabilmente sarò solamente salito su una collina, poco importa, sapere che c’è una meta non può che essere un vantaggio. Grazie Andrea, buona settimana!;)
    Davide

    Rispondi
    • Avatar di Andrea

      Ciao Davide,
      questo articolo non ha la presunzione di svelarti nulla, ma quello che posso dirti è che queste domande mi hanno aiutato molto. A volte le risposte non arrivano subito, ma il bello del nostro cervello è che quando gli viene posta una domanda, non smette di cercare una risposta finché non la trova… e così ti ritrovi sotto la doccia a dire “c?#@o non ci avevo pensato, ecco cosa…” ;-)

      Andrea.

      Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide