EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

201.816
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Come Leggere un Libro di Crescita Personale

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori - aggiornato il 3 ottobre 2018 Home » Crescita Personale 58 commenti

Solo leggendo con il giusto atteggiamento i libri di crescita personale potrai godere di tutti i benefici. 3 strategie per rendere la lettura dei manuali self-help una vera esperienza di cambiamento.

libro crescita personale

“Un buon libro è quel libro che apriamo con grandi aspettative e chiudiamo con soddisfazione e risultati.” Amos Bronson Alcott.

Caro Andrea, va bene tutto, ma un articolo su come leggere un libro mi sembra un tantino esagerato! Non trovi?!

Forse… eppure, nonostante vengano venduti ogni anno milioni e milioni di libri sulla crescita personale, solo una piccola percentuale dei lettori sembra beneficiare realmente dei consigli contenuti in questi manuali self-help. Ti sei mai chiesto perché?

Io un paio di risposte le ho trovate:

  1. la maggioranza dei libri di crescita personale sono… pessimi!
  2. la maggioranza delle persone non mette in pratica i consigli contenuti in questi libri.

Il primo problema lo possiamo risolvere subito: se ti fidi, ecco la mia top 5 di libri di crescita personale. ;-) Ma in questo articolo voglio parlarti di come risolvere il secondo problema. Ecco 3 strategie che ho adottato per tirare fuori il massimo dai libri di crescita personale:

1. Decidi di cambiare prima di iniziare a leggere

L’atteggiamento con cui inizi a leggere un libro di crescita personale è fondamentale. Che si tratti di un libro per smettere di fumare, per dimagrire o per essere più organizzato ed efficace, fai una promessa a te stesso: impegnati a cambiare la tua vita.

Ancor prima di leggere la prima pagina del tuo nuovo libro fiammante di miglioramento personale scrivi le 3 cose che cambierai nella tua vita dopo aver letto il libro.

Si ma come faccio a sapere cosa cambierò se non ho ancora letto il libro?!

Ti rispondo con un’altra domanda: come hai fatto a spendere 15-20 € per un libro che non hai ancora letto? I libri, i blog e gli audio-book di crescita personale sono solamente uno strumento. Tu conosci già cos’è che non va nella tua vita, cosa vorresti migliorare o come vorresti migliorare.

Pensa alle 3 cose che potrebbero migliorare nella tua vita leggendo il libro. Scrivile nella pagina iniziale delle dediche (c’è sempre un sacco di spazio vuoto!) e rileggile man mano che prosegui nella lettura del libro.

2. Prendi appunti

Il cambiamento è una cosa seria. I veri libri di crescita personale non sono romanzi di Danielle Steel, sono veri e propri libri di testo per la tua laurea in miglioramento.

Prendi appunti, sottolinea le frasi chiave e se il libro merita veramente fai anche qualche mappa concettuale.

Metterci impegno ti aiuta a radicare il desiderio di cambiamento, inoltre rielaborare le informazioni facilita la memorizzazione. Raggiungere i tuoi obiettivi di cambiamento sarà tanto più facile quanto più impegno metterai in queste fasi. Se hai acquistato il libro solo per addormentarti meglio la sera, cambia genere: potrei suggerirti qualche bel romanzo.

3. Non leggere libri di crescita personale

Si, hai letto bene: smettila di leggere libri di crescita personale uno dietro l’altro. Non serve a nulla. Concluso il tuo libro di crescita personale non precipitarti in libreria a comprarne un altro.

Non è leggendo libri di crescita personale che cambierai la tua vita. Solo applicandone i consigli potrai sperare di migliorare la tua vita. La lettura è solo la prima fase di un percorso fatto di sperimentazione, auto-disciplina e profonda comprensione dei concetti.

Se passi da un libro di crescita personale ad un altro, non farai altro che cambiare continuamente il tuo focus. Mettere troppa carne alla brace a volte significa rimanere a bocca asciutta.

Per quanto mi riguarda, adoro leggere ogni sera, per questo cerco di alternare libri di crescita personale con romanzi avvincenti. Solo dopo aver trasformato in un’abitudine o aver interiorizzato i consigli dell’ultimo libro self-help passo a quello successivo e così via.

Tu ti limiti a leggere o metti in pratica i consigli dei libri che leggi? Fammelo sapere nei commenti. Grazie.

Ps. Se stai cercando altri libri di crescita personale li puoi trovare in questo articolo in cui ho raccolto ben 52 dei miei libri di crescita personale preferiti.

Foto di G33G

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 201816 iscritti
Sarai dei nostri?

58 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di H.
    H. ha detto:

    Ciao Andrea,

    grazie per il post davvero interessante. Credo che le 3 strategie siano intimamente connesse e legate principalmente alla prima, ovvero alla nostra reale volontà e determinazione di cambiare e crescere. Soltanto una sincera e profonda motivazione ci spinge a leggere con attenzione i testi e a prendere appunti, a metterne in pratica i consigli e a… non comprare più questi libri!

    Questo era proprio l’errore che facevo io fino a un pò di tempo fa: passare da un libro di crescita personale ad un altro con voracità, carpendo spunti e suggerimenti qui e là, senza fermarmi ad assimilare e cercare di metterne in pratica i consigli.

    Cambiando strategia e leggendo con più attenzione i pochi testi che ritenevo più significativi, seguendone le indicazioni e i suggerimenti, i risultati sono oggi decisamente migliori. A volte trovo utile rileggere i passi che ho evidenziato per “rinfrescare” i concetti appresi.

    Grazie e a presto
    H.

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      So’ bene a cosa ti riferisci quando dici che passavi da un libro di crescita personale ad un altro: è stato un errore che ho fatto anche io. Leggevo, leggevo, passando da un argomento all’altro, ma peccavo nell’applicazione, che è e deve essere sempre la fase principale.

      Buona giornata.

      Andrea.

      Rispondi
  2. Avatar di Carlo

    Carlo

    ha detto:

    Credo che nell’applicare i consigli dei libri di crescita personale ci sia un andamento a parabola. Nei primi tempi ci si sforza di cambiare le nostre abitudini, che però poco a poco tornano dov’erano prima.

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Ciao Carlo,
      benvenuto.

      Più che un andamento a parabola, penso che la nostra crescita personale segua quello che mi piace chiamare il ritmo della vita: contrazione ed espansione.

      Ci sono momenti in cui siamo particolarmente predisposti alla crescita ed il cambiamento avviene in modo naturale. In altri momenti invece tendiamo a ritornare sui nostri passi, ed è giusto che sia così.

      Guai a pensare ad una crescita lineare, senza mai ostacoli, fatta di miglioramento continuo e costante. La crescita ha bisogno dei momenti di contrazione per consolidarsi. Sono i momenti di contrazione a ridarci la nuova carica per un nuovo cambiamento. Sta a noi saper sfruttare al massimo i momenti di espansione e comprendere ed approfittare di quelli di contrazione, in modo che alla fine del sentiero saremo ad un’altitudine superiore rispetto alla partenza.

      Rispondi
  3. Avatar di Mattia

    Mattia

    ha detto:

    A me una manciata di questi libri hanno cambiato la vita, quindi posso dire di leggerli e di applicarli con convinzione.

    Mi permettono anche di dare consigli agli altri, talvolta.

    Se il 10% percento della popolazione leggesse questi libri, a suon di passaparola e consigli “giusti”, migliorerebbe il mondo :)

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Ciao Mattia,
      grazie per il commento.

      Una ventata di ottimismo.

      Andrea.

      Rispondi
  4. Avatar di marju

    marju

    ha detto:

    Ottimi consigli. Grazie. Cerco sempre di apllicarli quando leggo un libro sull’argomento crescita. Se durante la lettura inciampo in esercizi (che vengono richiesti) troppo impegnativi o verso ai quali provo resistenza, mi fermo. Comprendo che il libro non è proprio quello che sto cercando in quel momento e lo rimando a quando la spinta emozionale è pià forte.
    All’inizio del mio percorso invece finivo il libro ripromettendomi che l’avrei ripreso in seguito per completare gli esercizi. Cosa che regolarmente non è mai avvenuta. Così che dal quel libro non è arrivato mai nessun insegnamento pratico, solo nozioni e informazioni.
    Molto valido il suggerimento di scrivere gli intenti sulle pagine delle dediche!

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Saper fermarsi e capire che un libro non è adatto per noi in quel momento è una gran dote. Normalmente c’è chi è preso dalla smania del “completamento” e allora porta a tempo e si dilunga anche in attività o libri che in quel momento non lo aiutano.

      Grazie del commento marju.

      Andrea.

      Rispondi
      • Avatar di Cristian

        Cristian

        ha detto:

        Ciao Andrea, hai mai scritto un articolo sulla smania da completamento? Ne sono afflitto e mi farebbe un immenso piacere se condividessi le tue esperienze con noi umili pecca…. volevo dire procrastinatori!
        Immagino che la collettività te ne sarà grata, io senza dubbio :-D!
        Concludo sottolineando la stima che nutro nei tuoi confronti.
        W i marchigiani (io sono della provincia di Fermo)

        P. S. Si vede che ho appena finito di leggere Carnegie? :-D

  5. Avatar di Roberto

    Roberto

    ha detto:

    Il post e i commenti son tutti molto belli e pregnanti.
    In tutte le opinioni riguardanti il tema dell’articolo c’è un fondo di verità.Trovo che i consigli di Andrea siano quelli effettivamente che possano fare la differenza.
    Spesso, ed è successo per molto tempo anche a me, si acquistano e si leggono con avidità tutto quello che riguarda il miglioramento personale ma, quando si arriva a dover mettere in pratica i vari step, qualcosa dentro di noi frena, tanto che passato l’entusiasmo dell’acquisto e della prima lettura, il libro viene abbandonato…
    …e subito sostituito con un altro…con esiti magari identici.
    Nel mio caso adesso, probabilmente per maturita’ o maggior comprensione,riesco ad essere, nella gestione dei libri di sviluppo e miglioramento personale, sicuramente più equilibrato.
    Il primo passo però è e rimane quello indicato da Andrea:il desiderio di cambiare deve essere forte, preminente.

    Un saluto a tutti

    Roberto

    Rispondi
    • Avatar di Andrea
      ha detto:

      Grazie del commento Roberto.
      Vedo che la passione per il cambiamento e la crescita personale ci accomuna.

      Andrea.

      Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide