8 min

Ti è mai capitato di sentirti completamente esaurito, non solo fisicamente ma anche mentalmente, al punto da non avere più nulla da dare al tuo lavoro?

Forse, in quei momenti, hai pensato che fosse solo stanchezza. Tuttavia, se questa sensazione persiste, potrebbe trattarsi di qualcosa di più serio: la sindrome di burnout.

In questo articolo andremo a vedere più da vicino di cosa si tratta, come riconoscerlo e, infine, anche qualcosa da mettere in pratica per combatterla e sconfiggerla.

Cos’è la sindrome di Burnout

La sindrome di burnout è una condizione di stress cronico legato al lavoro che porta a esaurimento fisico e mentale, cinismo e inefficacia professionale. Non è solo una questione di stanchezza, ma una vera e propria crisi che può influire profondamente sulla tua vita quotidiana e sulla tua salute mentale.

Il burnout è caratterizzato da un senso di esaurimento emotivo, dove ogni giorno sembra una lotta per trovare la motivazione.

Può portare a sentimenti di distacco dal lavoro, come se ciò che fai non abbia più importanza o valore. Inoltre, l’efficacia lavorativa ne risente gravemente: le performance diminuiscono, l’entusiasmo svanisce e l’energia per affrontare le sfide quotidiane si riduce drasticamente.

In tanti avranno già sperimentato il burnout in prima persona, compreso chi scrive. Un periodo della vita in cui il lavoro sembra essere tutto, tanto da occupare qualunque attimo della giornata.

Ma alla fine, corpo e mente hanno deciso che avevano avuto abbastanza.  Quindi, la prima cosa da dire è una: riconoscere il burnout è il primo passo per iniziare a star meglio.

Un problema sempre più diffuso

In molti starete pensando: “E tu che ne sai che in tanti già lo hanno sperimentato in prima persona”. Semplice, perché la società di oggi vede il burnout e lo stress lavorativo come un problema sempre più impellente e comune.

Secondo un recente studio di GoodHabitz, piattaforma internazionale per la formazione aziendale, infatti, in Italia una persona su due lotta in silenzio contro i problemi legati al malessere mentale legato alla propria occupazione e il 70% è alle prese con stress e burnout, con una quota non trascurabile (il 13%) che dichiara di aver sperimentato in modo (molto) forte questi due fenomeni.

Le cause del burnout

Comprendere le cause del burnout è fondamentale per poterlo prevenire e affrontare. Le cause possono variare notevolmente da persona a persona, ma ci sono alcuni fattori comuni che spesso contribuiscono a questa condizione debilitante.

Sovraccarico di lavoro

Un periodo particolarmente intenso sul lavoro, con scadenze serrate e carichi eccessivi, può portare chiunque sull’orlo del burnout. Lavorare dalle prime ore del mattino fino a tarda sera, senza mai riuscire a staccare la mente dal lavoro, può essere devastante.

Ogni progetto sembra una montagna da scalare, e il peso della responsabilità schiaccia. È come essere in un labirinto senza uscita, dove ogni svolta porta solo a più lavoro.

Mancanza di controllo

Quando senti di non avere alcun controllo sulle tue mansioni o sui processi decisionali, l’impotenza può diventare un peso insopportabile. Nonostante gli sforzi, ogni decisione viene presa senza consultarti, alimentando un senso di inutilità che fa sentire come un ingranaggio sostituibile in una macchina.

Questa sensazione di impotenza può davvero logorare.

Se vuoi approfondire il discorso del controllo sulle proprie responsabilità e le proprie azioni, al di là del burnout, ti consigliamo il nostro articolo sul Locus of Control.

Ambiente di lavoro tossico

Un ambiente di lavoro negativo, con colleghi competitivi o un capo poco empatico, può drenare rapidamente le energie. Colleghi che sembrano voler primeggiare a tutti i costi, creando un’atmosfera di tensione costante, trasformano un luogo che amavi in una fonte di stress continuo. Ogni giorno diventa una battaglia, e ci si sente sempre più alienati.

Mancanza di supporto

Senza un adeguato sostegno emotivo e professionale, è facile sentirsi isolati. La solitudine professionale aggrava lo stato di stress, facendo sentire come se si stesse combattendo una battaglia da soli. È incredibile quanto possa fare la differenza sapere che qualcuno ti sostiene.

Come si riconosce che si sta per arrivare al burnout

La domanda che tutti vi starete facendo, però, è: “Sì, ma come lo riconosco che sto andando in burnout?”. Sicuramente non si manifesta all’improvviso, ma si sviluppa lentamente, spesso inosservato fino a quando non diventa una crisi conclamata. Essere consapevoli dei segnali può aiutarti a prendere le misure necessarie per prevenire un peggioramento della situazione.

Esaurimento fisico e mentale

Ti senti costantemente stanco, anche dopo una lunga notte di sonno? L’esaurimento fisico e mentale è uno dei primi segnali di burnout. Questa sensazione di stanchezza perenne che nemmeno un weekend di riposo riesce a dissipare.

Ogni mattina è una lotta per alzarsi dal letto, e l’energia sembra svanire dopo poche ore di lavoro. È come se si stesse camminando in una nebbia costante, senza mai vedere la luce del sole.

Cinismo e distacco emotivo

Il cinismo è un sintomo comune del burnout. Inizi a vedere il tuo lavoro e i tuoi colleghi in modo negativo e distaccato. Tutto sembra futile, e si risponde in modo sarcastico e cinico a qualsiasi richiesta. È come se una nebbia oscura avvolgesse la mente, rendendo difficile apprezzare qualsiasi cosa positiva. Ci si sente disconnessi da tutto ciò che un tempo appassionava.

Ridotta efficienza lavorativa

Quando sei in burnout, anche le attività più semplici diventano difficili da portare a termine. La produttività cala drasticamente. Attività che prima svolgevi in poco tempo diventano improvvisamente ostacoli insormontabili. Ogni compito sembra richiedere il doppio dell’energia e del tempo. È come se stessi nuotando controcorrente, senza mai fare progressi.

Problemi di salute

Il burnout può manifestarsi anche con problemi fisici, come mal di testa, problemi gastrointestinali o disturbi del sonno. Frequenti emicranie, difficoltà a dormire e problemi digestivi diventano all’ordine del giorno. Il corpo sta letteralmente gridando aiuto.

Strategie per uscire dal Burnout

Uscire dal burnout richiede una combinazione di introspezione, cambiamenti pratici e, a volte, l’aiuto di un professionista. Di seguito ti racconto alcune strategie che mi hanno aiutato personalmente a superare questa difficile condizione.

Riconoscere e accettare il problema

Il primo passo per uscire dal burnout è riconoscere di avere un problema. Questo richiede introspezione e onestà con sé stessi. Ammettere di attraversare un momento difficile e di aver bisogno di aiuto è il punto di partenza per la guarigione.

Prendere una pausa

A volte, la soluzione migliore è semplicemente prendersi una pausa. Un periodo di riposo può fare miracoli. Una breve vacanza può aiutare a ricaricare le batterie e a vedere le cose da una prospettiva diversa. È importante staccare la spina e dedicare del tempo a se stessi. Questo tempo lontano dal lavoro permette di riflettere e riorganizzare le priorità.

Ristrutturare le tue priorità

È fondamentale rivedere le tue priorità e capire cosa è veramente importante. Imparare a dire no a certi progetti e a delegare compiti che non richiedono la tua diretta attenzione riduce il carico di lavoro. Questo permette di concentrarsi sulle attività che contano davvero, senza disperdere inutilmente le energie. È un processo di apprendimento, ma aiuta a ritrovare un equilibrio.

Cercare supporto

Non sottovalutare l’importanza del supporto di amici, familiari e colleghi. Parlare del tuo stress può alleviare una parte del peso. Ho trovato molto utile avere una rete di supporto con cui condividere le mie preoccupazioni e trovare soluzioni insieme. Anche solo una chiacchierata con un amico fidato può fare una grande differenza. Il supporto emotivo è fondamentale per affrontare e superare il burnout.

Praticare la mindfulness e la meditazione

Tecniche come la mindfulness e la meditazione possono aiutarti a gestire lo stress e a ritrovare un equilibrio interiore. La meditazione giornaliera può fare una grande differenza nel benessere mentale. Aiuta a rimanere presenti e a ridurre l’ansia legata al futuro. La meditazione insegna a respirare e a ritrovare la calma in mezzo al caos.

Se ci troviamo di fronte a forme ormai avanzate di burnout, non esitare a cercare l’aiuto di un professionista.

Conclusione

Il burnout è una condizione seria, ma con consapevolezza e azioni mirate, è possibile superarlo e prevenire che si ripresenti. Prenditi cura di te stesso, ascolta i segnali del tuo corpo e della tua mente, e non aver paura di fare cambiamenti quando necessario.

Ricorda, il tuo benessere è la cosa più importante, e meriti di vivere una vita equilibrata e appagante.

Se stai vivendo una situazione simile, spero che queste riflessioni possano offrirti qualche spunto utile. E se conosci qualcuno che potrebbe essere a rischio, condividi queste riflessioni con loro.

Commenta

Devi eseguire il login per inserire un commento.

Registrati gratis per continuare a leggere. Iscrivendoti riceverai anche l’esclusiva newsletter del lunedì di EfficaceMente

Sono già registrato