80
4 min

Come piccole azioni di 3 minuti possono farti cambiare umore, rivoluzionando la tua giornata.

 

“È molto più rischioso non fare alcuna azione, piuttosto che fare una piccola azione.”

Trammell Crow.

Ti è mai capitato di ricevere una bella notizia, un complimento inaspettato o un colpo di fortuna e cambiare umore quasi all’istante?

Questo dovrebbe dimostrarti che certi stati d’animo come noia, demotivazione e tristezza, che crediamo debbano necessariamente dettare le nostre giornate, in realtà sono ben più effimeri e possono essere letteralmente spazzati via con un colpo di scopa.

Nell’articolo di oggi voglio raccontarti di un piccolo stratagemma che ho utilizzato con successo negli ultimi anni e che mi ha permesso di cambiare umore rapidamente anche nelle giornate più storte.

Oggi ti parlerò della tecnica dei 3 minuti. Ma prima mettiamo in chiaro una cosina…

Provare stati d’animo negativi è naturale

Viviamo in una società in cui le emozioni e le sensazioni negative sono state demonizzate.

“Hai mal di testa? Prendi la pasticchetta. Sei triste? Potrebbe essere depressione: prendi la pasticchetta. Sei nervoso? Probabilmente soffri d’ansia: prendi la pasticchetta“.

Insomma, oggi c’è la pasticchetta per tutto. Il punto è che non tolleriamo più il minimo disagio.

Personalmente credo che provare stati d’animo negativi sia assolutamente naturale.

Sono anzi convinto che saper convivere ed accettare i momenti negativi della vita sia indispensabile per sviluppare la nostra resilienza.

Sono però altrettanto convinto che sia importante sviluppare la capacità di gestire le nostre emozioni ed agire sul nostro umore in modo proattivo, senza dover necessariamente ricorrere all’aiuto esterno, che sia la famosa “pasticchetta” o succedanei peggiori.

La “tecnica dei 3 minuti”, di cui ti parlerò a breve, rispecchia esattamente questa mia filosofia.

Tu hai tutte le risorse interne per gestire i tuoi stati d’animo, affrontarli e cambiarli.

La responsabilità di farlo spetta a te e a te soltanto, anche se questo significa provare disagio. Smettila di appoggiarti a “stampelle emotive” esterne.

E vai con le seghe mentali Andre’… ma me la racconti sta famosa tecnica dei 3 minuti o dobbiamo stare qui fino a domani mattina?!

Cambiare umore attraverso piccole azioni

Già in passato ti ho parlato di alcuni stratagemmi per cambiare umore quando ti senti annoiato, triste, demotivato (in questo articolo trovi 20 tecniche semplici e immediate).

Abbiamo inoltre visto come coltivare quotidianamente la gratitudine possa aiutarti a ritrovare ogni giorno una piccola dose della tua felicità perduta.

La tecnica dei 3 minuti di cui ti parlerò in questo articolo è maggiormente legata all’azione e all’autostima.

L’idea di base è quella di cambiare umore realizzando tante piccole azioni di 3 minuti o giù di lì, che siano in grado di renderci soddisfatti di noi stessi, ma soprattutto, che siano in grado di innescare un circolo virtuoso in cui alle piccole azioni seguono azioni sempre più consistenti in grado di rivoluzionare letteralmente le nostre giornate e, in ultima analisi, la nostra vita.

Ma di che azioni sto parlando?

Le azioni che ho in mente sono azioni semplici, quasi banali, che però tendiamo inevitabilmente a procrastinare.

Questa idea della “tecnica dei 3 minuti”, mi è infatti venuta in mente una domenica mattina di qualche anno fa.

Lascia che ti racconti come è andata…

La tecnica dei 3 minuti

Alzatomi tardi, dopo un sabato sera non propriamente salutista, ero pervaso da un mix letale di malessere fisico, voglia di non fare un beneamato c*****o (ciuffolo), e demotivazione cronica.

Annaspando a malapena in questo mare del male di vivere, mi guardai intorno: la camera sembrava l’antica Roma dopo il sacco degli Unni, sulla sedia vicino alla scrivania c’era una tale montagna di vestiti che a malapena si intravedeva lo schienale e la cucina poi… era invasa di piatti sporchi del giorno precedente.

L’ultima cosa di cui avevo voglia in quel momento era mettere in ordine.

Poi, in un breve istante di lucidità, ebbi un’idea… ero curioso di sapere quanto cavolo ci avrei impiegato a sistemare almeno il lavandino della cucina.

Così, cuffie dell’ipod alle orecchie e playlist grunge selezionata, feci partire il cronometro.

Beh, indovina quanto tempo impiegai per lavare i piatti e pulire il lavandino?

3:03 (3 minuti e 3 secondi), ovvero la durata esatta di Breed dei Nirvana.

Sono certo che se mi fossi ascoltato Smells like teen spirit (4:37), avrei potuto sistemare anche il resto della casa! ;-)

Può sembrare sciocco, ma l’idea che avevo fatto così tanta resistenza e rimandato un’azione di appena 3 minuti fu per me illuminante.

Il mio umore cambiò all’istante.

Non solo quel giorno sistemai il resto della cucina e la mia camera, ma posi anche una delle prime pietre del progetto EfficaceMente, costruendo di fatto le fondamenta per una delle mie prime fonti di reddito passivo legate alle mie passioni.

Conclusioni

Perché ti ho raccontato questa storia?

Perché sono convinto che ci siano decine di piccole azioni che stai continuando a rimandare ostinatamente, senza renderti conto che ti porteranno via al massimo 3 minuti della tua vita (dai che puoi farlo per 3 minuti!) e che in compenso ti permetteranno di cambiare umore innescando così un effetto valanga a cui alle piccole azioni, spesso banali e non particolarmente di valore, seguono azioni sempre più concrete per il raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Guardati intorno: quale azione potresti intraprendere in questo esatto istante che, una volta completata, ti farebbe sentire soddisfatto e più sicuro di te stesso?

  • Potresti rifarti il letto?
  • Magari fare quella telefonata?
  • Rispondere a quella email che sta prendendo polvere nella tua inbox?
  • Farti una doccia e sistemarti un po’?
  • Leggere due, tre pagine di quel libro o di quella guida?

Smettila di procrastinare.

Fai quella maledetta azione e poi un’altra ancora, osserva come il tuo umore cambia ad ogni piccolo traguardo che raggiungi, dai un ritmo diverso alla tua giornata: puoi farlo, devi farlo.

Buona settimana.

Andrea Giuliodori.

Commenta

Maurizio

ummm… 3 minuti…

Sinceramente mi vengono in mente tutte cose che durano di più! Ma voglio pensarci…

Oggi vado a lavoro con la bici e l’iPod e mi sento un pochino annoiato… Una buona riflessione in pieno lunedi mattina :-( giova al mio stato d’animo… altrimenti potrei essere invaso dalla voglia di starmene a casa!

Ci sto! Ne voglio compiere almeno una, prima di mezzogiorno…

Grazie Andrea

Andrea

In realtà guardandoci attorno attentamente ci sono decine di piccole azioni con cui possiamo iniziare la nostra giornata nel modo giusto…

Andrea.

Paola Segatto

Sono giorni, forse un mese che faccio sempre le stesse cose…facendo sempre le stesse cose mi accorgo di avere il broncio e il malumore…avrei altre mille cose diverse da fare…come es. dipingere visto che mi piace la pittura artistica, poi anche una buona lettura mi piacerebbe…poi mi piace fare shopping, ma pessima idea, ho fatto fuori già il portafoglio….hahahahhah. Comunque carissimo Andrea anche una cosima minimesimale fa cambiare l’energia da pessima in positiva con allegria!!!!

Madama Doré

Hai proprio ragione, a volte basta tanto poco per cambiare il nostro mondo e di conseguenza “Il Mondo”….”Basta un poco di zucchero e la pillola va giù” come canta Mary Poppins.

Andrea

Ahahaha,
carinissima la citazione di Mary Poppins ;)

Reagire

E se le azioni nn ti portano a sentirti sereno?

Marco

Bellissimo articolo per iniziare la settimana…sicuramente bisogna iniziare da qualche parte per riordinare “l’umore”!

Certe volte quando siamo troppo impegnati e abbiamo tante cose da fare troviamo la soluzione nel dolce far niente!

Credo che da qualche parte bisogna iniziare e a piccoli passi si può ritrovare la giusta motivazione e l’organizzazione per vivere senza pasticchina!!!

Buona giornata

Andrea

Esatto Marco… credo che il segreto sia tutto qui: “Saper iniziare”.

A presto,
Andrea.

Claudio

molti libri di crescita personale sostengono di fare le attività creative la mattina presto. io, oltre ad una breve meditazione, finisco per mettere a posto, mi viene spontaneo. il tuo articolo mi ha chiarito l’ idee. mi svegliò spesso con un umore da nirvana :) vedere che ho messo in ordine mi aiuta a fare anche ordine nella mente, allontana la procrastinazione e lascia un senso di soddisfazione! grazie

Andrea

Ho dedicato un intero articolo a come dare il giusto ritmo alle proprie giornate. Credo che il trucco sia proprio questo: crearsi una routine che ci permetta di iniziare la giornata con il piede giusto.

Claudio

@ Maurizio A me talvolta basta mettere leggermente a posto la scrivania.. mi funziona sia per quella fisica che per il desktop del pc.. Basta un piccolo gesto, un inizio.. in questo senso condivico l’idea di Andrea. Ciao

Carica altri commenti

Registrati gratis per continuare a leggere. Iscrivendoti riceverai anche l’esclusiva newsletter del lunedì di EfficaceMente

Sono già registrato
Altri lettori trovano interessante