72
1 min

Quando semplici parole possono farti ritrovare la motivazione ed il coraggio perduti.

Rudyard Kipling Se

“Le parole sono, naturalmente, la più potente droga usata dall’uomo.”

Rudyard Kipling.

Beh… ognuno ha il suo modo per ritrovare la carica e la motivazione! Per quanto mi riguarda ho sempre ammirato la potenza delle parole e la loro capacità di trasformare i nostri stati d’animo e quindi le nostre azioni.

Per questo motivo vorrei condividere con te una poesia regalatami da mio padre in un momento di difficoltà. Quando ho letto per la prima volta questa poesia ho sentito un brivido lungo la spina dorsale ed una scarica di motivazione e coraggio.

Sia che tu stia attraversando un momento difficile, sia che tu navighi acque tranquille, spero che questa poesia ti aiuti a ritrovare e mantenere la motivazione necessaria per affrontare le sfide di tutti i giorni: “Se” di Rudyard Kipling.

Se saprai conservare la testa, quando intorno a te tutti perderanno la loro e te ne faranno una colpa;

se crederai in te stesso quando tutti dubiteranno, ma saprai capire il loro dubbio;

se saprai aspettare senza stancarti nell’attesa, ed essere calunniato senza calunniare; o essere odiato senza dare tu sfogo all’odio, e non apparir troppo bello, né dire cose troppo sagge;

se saprai sognare senza fare del sogno il tuo padrone; se saprai pensare senza fare del pensiero il tuo fine;

se saprai incontrare il trionfo ed il disastro e trattare questi due impostori nello stesso modo;

se saprai sopportare di sentire le tue parole giuste falsate da furfanti per ingannare gli sciocchi; o vedere le cose per cui hai dato la vita spezzate, e curvarti e ricostruirle con logori utensili;

se saprai fare un mucchio di tutte le tue vincite e rischiarle in un giro di testa e croce; e perdere e ricominciare da capo senza fiatare sulle tue perdite;

se saprai forzare il tuo cuore, i nervi e i tendini per assecondare il tuo volere, anche quando essi sono consumati; e così resistere, quando non c’è più niente in te, tranne che la volontà che dice loro: “tenete duro!”;

se saprai parlare alle folle e mantenerti virtuoso, passeggiare con i re e non perdere la semplicità;

se né i nemici, né gli amici potranno offenderti,

se tutti conteranno, ma nessuno troppo;

se saprai riempire il minuto inesorabile, dando valore ad ognuno di quei sessanta secondi…

tuo sarà il mondo e tutto ciò che esso contiene, e, ciò che più conta, tu sarai un Uomo, figlio mio.

Rudyard Kipling

Beh… che reazioni ti ha provocato questa poesia? Fammelo sapere nei commenti e… non essere egoista! Condividi l’articolo con i social buttons qui di fianco!

Foto di Rudyard Kipling

Commenta

Enrico - Guadagno su Internet

Quando mio padre la regalò a me (con tanto di cornice) ebbi una sorta di “rifiuto”, sicuramente dovuto al nostro rapporto estremamente conflittuale, lasciandola da una parte.

Ho imparato ad apprezzarla in seguito, ed alcuni punti li ho sempre sentiti “molto miei”. In particolare:

se saprai sopportare di sentire le tue parole giuste
falsate da furfanti per ingannare gli sciocchi

se saprai fare un mucchio di tutte le tue vincite
e rischiarle in un giro di testa e croce;
e perdere e ricominciare da capo
senza fiatare sulle tue perdite

Andrea

Ho applicato la seconda parte nel trading in borsa… alla lettera! ;-)

Enrico - Guadagno su Internet

A me ogni tanto piace giocare d’azzardo (poker o casinò online).

Anche io l’ho applicata alla lettera :-)

Robelix

Stampata ed affissa in studio. A lettere cubitali.

Andrea

Rileggerla di tanto in tanto mi da una grande energia.
Buona giornata Roberto.

Andrea.

Andrea

Intensa e vera: tutta, rigo per rigo.
Credo che la leggerò spesso.
Sicuramente la terrò da parte per mio figlio…
Grazie!

Andrea

Di nulla,
Andrea.

ALBERTO

“passeggiare con i re e non perdere la semplicità”

Questa è la riga che più mi è piaciuta.

Do però la mia interpretazione.
Penso spesso che sia importante frequentare le persone che hanno avuto molto successo in quello che vorresti ottenere (passeggiare con i re) pur mantenendo la semplicità.

A presto

Alberto

Andrea

E’ un’interpretazione che condivido Alberto. Spesso indossiamo maschere diverse con le diverse persone che frequentiamo: siamo altezzosi con chi ci sentiamo superiori e remissivi con chi ci guarda dall’alto verso il basso. Saper essere semplicemente noi stessi in ogni occasione è un forte segnale di auto-stima.

Andrea.

Alessandra

Saper essere semplicemente noi stessi
Bellissima frase bravo Andrea!

Raffaele Ciruolo

Conosco bene “Se” da molti anni e mi sono stati utili soprattutto
i seguenti versi (in alcuni momenti di sconforto):

“se saprai forzare il tuo cuore, i nervi e i tendini
per assecondare il tuo volere, anche quando essi sono consumati;
e così resistere, quando non c’è più niente in te,
tranne che la volontà che dice loro: “tenete duro!”

Altre belle parole che mi hanno aiutato a “tenere duro” sono queste:

“Non smettere mai di tentare. Abbi sempre fede: le situazioni cambiano. Anche se il tuo cuore è triste e il tuo corpo a pezzi e la tua borsa è vuota e non c’è nessuno a confortarti, tieni duro. Tu sai che il sole risorge sempre. Allo stesso modo devi anche credere che il tuo periodo di sfortuna è destinato a finire. E’ stato sempre così. Sarà sempre così.

E se il tuo lavoro e la tua pazienza e i tuoi progetti ti hanno portato fortuna, cerca coloro che si trovano nella bassa marea della vita e sollevali dalle difficoltà. Prepara il tuo futuro. Può venire il giorno in cui quello che tu hai fatto a favore di altri, altri faranno per te.

Ricordati che nulla è costante, ma fai soprattutto tesoro dell’amore che ricevi. Esso sopravviverà a lungo, anche quando saranno svaniti oro e salute.”
( Og Mandino, dal libro “Il più grande successo del mondo” )

Andrea

Grazie Raffael per condividere sempre parole così preziose, nei tuoi commenti e non solo.

Andrea.

Carica altri commenti

Registrati gratis per continuare a leggere. Iscrivendoti riceverai anche l’esclusiva newsletter del lunedì di EfficaceMente

Altri lettori trovano interessante