La vuoi anche tu?

Iscriviti gratis alla newsletter di EfficaceMente. Riceverai ogni lunedì contenuti come questo e le risorse avanzate riservate agli iscritti:

Come guadagnare con le tue passioni

Avatar di Andrea Giuliodori di Andrea Giuliodori - newsletter inviata il 6 Maggio 2019

Buon lunedì.

Saranno ormai 10-15 anni che Internet è infestata da articoli, video, pubblicità e info-prodotti vari accomunati dalla stessa stanca formula (presentata in salse diverse):

Scopri come guadagnare con le tue passioni!

Impossibile rimanere impassibili davanti ad una promessa tanto succulenta.

In un mercato del lavoro in cui il 40% dei giovani non riesce neanche ad entrare e l’80% di chi è dentro odia quello che fa, l’idea di poter fare soldi con i propri hobby è vista come il Sacro Graal.

Beh, non ti nascondo che anche io, più di 10 anni fa ormai, ho inseguito questa luccicante promessa.

In questo lasso di tempo ho avuto la fortuna di ottenere qualche buon risultato lungo la strada, ma soprattutto ho avuto la fortuna di comprendere cosa significhi davvero poter guadagnare con le proprie passioni.

Mi piacerebbe condividere con gli iscritti di EfficaceMente quello che ho imparato.

Ecco… quanto ti dirò sarà un po’ diverso da ciò che lasciano intendere i vari para-guru, in compenso però non dovrai sborsare “1.997€ 997€ (posti limitati!)” per scoprirlo ;-)

Dunque, punto primo…

smettila di cercare di far soldi con le tue passioni.

Anzi,

smetti proprio di cercare le tue passioni.

Farti ossessionare dall’idea di dover trovare le tue passioni e magari doverle anche monetizzare è…

il modo sbagliato di fare la cosa sbagliata.

Impara piuttosto a padroneggiare un’abilità, un’abilità qualsiasi (all’inizio non ha così importanza come molti credono).

Non deve neanche essere qualcosa che ami, ma deve essere qualcosa in cui senti di poter diventare il migliore al mondo.

Una volta che sarai diventato “cintura nera” in questo ambito, avrai la possibilità di dedicare il tuo tempo a quelle attività del lavoro che ti piacciono di più, lasciando le altre ai nuovi colleghi, ai collaboratori o ai concorrenti.

Perseverando in questa spirale d’eccellenza ti ritroverai infine a trascorrere le tue giornate a fare ciò che ami davvero (che non è altro che la definizione stessa di passione) e sarai ricompensato lautamente per farlo.

Quindi ripeto: smettila di cercare di capire quali siano le tue passioni o come puoi trasformarle nel bisinèss del terzo millennio.

Inizia a sporcarti le mani, scendi nell’arena, lavora giorno dopo giorno per diventare il migliore al mondo nel tuo campo e poi goditi i frutti del tuo impegno.

Guadagnare con le proprie passioni è una promessa tanto allettante quanto fuorviante.

Al contrario, perseguire la via dell’eccellenza è sicuramente meno allettante (anzi è dannatamente faticoso), ma è l’unica strada maestra per vivere (e vivere bene) facendo ciò che si è imparato ad amare, e ad amare non “in teoria“, ma nella pratica quotidiana.

Buona settimana.

Andrea Giuliodori.

La vuoi anche tu?

Iscriviti gratis alla newsletter di EfficaceMente. Riceverai ogni lunedì contenuti come questo e le risorse avanzate riservate agli iscritti: