EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

160.112
Iscritti
ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

Perseveranza: le 4 lezioni di Emil Zatopek

3K Condivisioni

Se sei a corto di perseveranza e ti arrendi quasi sempre alle prime difficoltà, sono certo che Emil Zatopek possa insegnarti un paio di cosine (anzi 4).

perseveranza

“Ai confini del dolore i veri uomini si distinguono dai ragazzini.”

Emil Zatopek.

Emil chi?! Zatopek che?!

L’atleta Emil Zatopek, detto anche “La Locomitva Umana(presto capirai perché), è stato in assoluto uno dei più grandi corridori di lunga distanza della storia olimpica, ma soprattutto è stato un esempio di perseveranza che oggi raramente riusciamo a trovare nelle cronache sportive.

La più grande impresa del corridore cecoslovacco fu senza dubbio la tripla medaglia d’oro alle olimpiadi di Helsinki del 1952. Zatopek, ormai trentenne, nell’arco di una manciata di giorni conquistò la medaglia d’oro nei 5.000 mt. e nei 10.000 mt. piani. Non del tutto soddisfatto, all’ultimo momento decise di gareggiare anche nella maratona (42.195 mt.), dove vinse, tra l’incredulità del pubblico, la sua terza medaglia d’oro.

Quello che molti non sanno è che l’atleta dell’est europa, prima di allora, non aveva MAI corso una maratona e nonostante questo riuscì a stabilire il nuovo record olimpico, come d’altronde aveva fatto qualche giorno prima nelle altre competizioni.

Insomma, una vera e propria “Locomotiva”: invincibile, insuperabile, inarrestabile.

Le olimpiadi di Helsinki sono state dunque l’apoteosi di Zatopek. Eppure il vero campione, sia nello sport, sia nella vita, non è il frutto di un singolo evento; la sua tempra è forgiata da anni di allenamenti estenuanti, sconfitte dolorose e sacrifici indicibili. Ecco, nell’articolo di oggi vorrei raccontarti di quel guerriero che si celava dietro il campione olimpico, di quel cecoslovacco testardo che non si arrendeva di fronte a nulla, e vorrei farlo attraverso 4 episodi della sua vita poco conosciuti, ma che sono certo ti ispireranno a rincorrere i tuoi traguardi come una… locomotiva ;-)

Come sviluppare la perseveranza di un cecoslovacco testardo

Nell’articolo della scorsa settimana abbiamo visto le famose 3 “S” necessarie per combattere la pigrizia. Tuttavia, alzare il c*#o dal divano, pur essendo indispensabile per realizzare i nostri obiettivi, non ci garantisce automaticamente il successo. Ci saranno infatti periodi in cui metteremo in dubbio i nostri sogni e ci lasceremo incantare dal dolce richiamo della resa.

Forse stai vivendo uno di questi periodi proprio in queste settimane, in questi giorni. Se così fosse, ti chiedo di rimandare la tua resa solo di pochi minuti: giusto il tempo di leggere queste 4 lezioni di Emil Zatopek sulla perseveranza.

1. Non è mai troppo tardi

Non so che effetto fa a te, ma sapere che Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, è oggi il 7° uomo più ricco del mondo, con un patrimonio stimato di 44 mld di $, ad appena 30 anni (2 anni più giovane del sottoscritto), a me un tantino demotiva.

Credo sia capitato a tutti noi di esserci sentiti… in ritardo: magari siamo andati fuori corso all’università oppure abbiamo perso qualche treno nella nostra vita professionale e personale. Fatto sta che questo mix di rimpianti e demotivazione si è presto dimostrato letale per i nostri obiettivi: paradossalmente infatti, più in ritardo ci sentiamo e più tendiamo a procrastinare, quasi come se preferissimo una sconfitta certa ad una vittoria impegnativa.

Emil Zatopek i giovani prodigi dell’atletica leggera se li mangiava a colazione, insieme ai Pan di Stelle. Come abbiamo visto, realizzò la sua più grande impresa sportiva (la tripla medaglia d’oro di Helsinki) a 30 anni, un’età decisamente avanzata per una disciplina logorante come la corsa sulla lunga distanza. Non solo, Zatopek aveva iniziato tardi anche la sua carriera agonistica: prima dei 18 anni, non aveva mai fatto un giorno di allenamento in vita sua e la prima gara che fece nel suo paesino in Cecoslovacchia gli fu imposta dal supervisore della fabbrica di scarpe in cui lavorava come operaio. Arrivò secondo, e solo grazie alla sua “tigna“.

Sì, forse è vero che siamo in ritardo per raggiungere alcuni dei nostri obiettivi, ma questa non deve essere una scusa per mollare, anzi è una ragione dannatamente buona per iniziare a correre più veloci e più a lungo.

2. La vita non è un concorso di bellezza

perseveranza-zatopek

“Correrò con più grazia quando a vincere saranno i corridori con lo stile migliore.”

Emil Zatopek.

Lo stile di corsa di Zatopek era orrendo. L’atleta cecoslovacco correva come se avesse un cappio al collo: con un’espressione di agonia sul volto, il collo incastonato tra le spalle e le braccia che si muovevano in modo del tutto scoordinato. Insomma, un pugno nello stomaco per qualsiasi purista della corsa.

Le sue smorfie e i suoi sbuffi (altro motivo per cui era soprannominato “La Locomotiva”) facevano sorridere gli spettatori degli stadi olimpici ed erano oggetto di ironie da parte dei telecronisti dell’epoca.

Però vinceva.

La vita non è un concorso di bellezza. Non otterrai il premio speciale della giuria per essere Mr. Perfettino: contano solo i risultati che porti a casa (e in quanto tempo riesci a portarli). Questo vale…

  • Nello studio. Fare tutti quei bei riassuntini, carini e ordinati, magari ti dà l’impressione di studiare duramente, ma la verità è che stai perdendo solo del gran tempo. Tempo che potresti investire decisamente meglio, ad esempio adottando la tecnica di studio “sniper”.
  • Nel lavoro. Oggi più che mai dobbiamo essere in grado di produrre risultati in tempi stretti. Andare alla sostanza dei problemi immediatamente, lasciando da parte “pizzi & merletti”. Che tu sia un dipendente, un freelance o un libero professionista, non puoi concederti il lusso di dedicare il tuo tempo ad attività, progetti o clienti sbagliati.
  • Nella vita. Il nostro “perfezionismo ossessivo” non ci danneggia solo nello studio e nel lavoro, ma anche nella nostra vita privata. Porre un’attenzione spasmodica alla forma, più che alla sostanza, può solo garantirci una vita di frustrazioni.

In un recente commento all’interno del gruppo Facebook di EfficaceMente ho scritto:

Formazione 0 – Esecuzione 10“.

Questo certo non significa che formarsi non sia indispensabile oggi (anzi…), ma l’esecuzione, ovvero la capacità di mettere in atto quanto abbiamo imparato, batterà sempre il mero apprendimento teorico 10 a 0. Studia. Sperimenta. Studia meglio. Sperimenta ancora. Non fermarti, corri, corri la tua gara senza badare troppo al tuo stile o a quello che pensano gli altri: quando avrai vinto, nessuno ricorderà quell’elegante atleta arrivato secondo.

3. Allenati nelle peggiori condizioni

“Men, today we die a little.”

Emil Zatopek ai nastri di partenza della maratona olimpica.

L’atleta cecoslovacco era tutto fuorché un uomo dalle mezze misure. Correva per miglia nella neve, e non lo faceva con l’ultima scarpetta tecnica ultraleggera della Mizuno. No, si allenava con degli stivali da guerra più pesanti di due ferri da stiro.

Ma a quei tempi allenarsi non era sufficiente: nell’immediato dopoguerra, anche solo raggiungere le città in cui si disputavano le gare era un’impresa epica. Nel 1946 Zatopek era bloccato a Praga e per partecipare alla sua prima gara internazionale a Berlino decise di raggiungere la capitale tedesca… in bicicletta! Una tranquilla pedalata di 354 km lungo le strade disastrate dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Ora, se non ti spiace, potresti gentilmente ripetermi quella storiella che ti racconti ogni giorno per giustificare il fatto di non aver ancora realizzato i tuoi obiettivi? Era troppo freschino questa mattina per andare a correre? Sei stanchino e non hai voglia di studiare, stellina di zio? O magari non riesci a dare il massimo al lavoro perché il capo è brutto e cattivo e i clienti ti fanno le linguacce?

Mio padre ha dannatamente ragione: la nostra è una generazione di “pulcini da allevamento“. Frigniamo per qualsiasi contrattempo, ci lamentiamo se qualcosa non è a portata di pulsante (o di app) e ci stressiamo di fronte al primo inconveniente.

Ehi, non ti sto certamente suggerendo di correre nella neve con degli stivaloni o di andare in trasferta in bicicletta, ma ricorda che la perseveranza va allenata e l’unico modo per farlo è accettando il disagio, iniziando a lavorare quando vorresti fare tutt’altro, mantenendo la concentrazione quando stai per cedere all’ennesima distrazione.

Se imparerai a mantenere lo sguardo fisso sulla tua meta, anche nelle peggiori condizioni, niente e nessuno potrà fermarti.

4. Corri la tua gara

C’è un episodio della famosa maratona olimpica di Helsinki che rimarrà per sempre negli annali. Zatopek infatti, oltre a non aver mai corso i 42 km prima di allora, lo avrebbe fatto contro uno dei maratoneti più forti dell’epoca: l’inglese Jim Peters, detentore del record olimpico.

A metà gara, Zatopek e Peters sono appaiati. Il cecoslovacco, non avendo esperienza di gare così lunghe, chiede al collega inglese se il loro ritmo non sia forse troppo elevato. Peters sa che stanno correndo troppo velocemente, ma cerca comunque di sfiancare l’avversario e per tutta risposta afferma che in realtà stanno andando “troppo piano“. Mai parole furono più fatali per l’atleta britannico. “La Locomotiva” sbuffa e accelera, Peters tenta di tenere il passo, ma crolla dopo pochi chilometri in preda ai crampi. Senza cedere un passo, Zatopek mantiene il suo ritmo forsennato fino all’ingresso nello stadio olimpico, vincendo la sua terza medaglia d’oro e battendo il precedente record di 6 minuti netti.

La perseveranza dunque è anche la capacità di non farsi intimorire da ciò che ci dicono gli altri. Sei al mondo per correre la tua gara, non quella che vorrebbero farti correre i tuoi genitori, i tuoi amici o il tuo capo. La prossima volta che qualcuno prova ad approfittare della tua ingenuità o a mettere in dubbio le tue abilità, non rallentare, non abbassare lo sguardo, non mollare la presa: aumenta il ritmo, fagli mangiare la polvere e magari urlagli in faccia le 4 paroline di Henry Ward Beecher.

Eccoci al traguardo…

Mi auguro che le gesta di Zatopek ti abbiano ispirato come hanno ispirato me la prima volta che ne ho sentito parlare. Non limitarti però a leggerle: vivile di giorno in giorno.

  • Se pensi di essere in ritardo per realizzare i tuoi obiettivi, rincorrili con ancora più tigna.
  • Se perdi tempo ad appagare le tue manie di perfezionismo, inizia a dare maggior spazio alla sostanza, ai progressi e ai risultati.
  • Se ti ritrovi a frignare, ricorda quei 354 km che Zatopek fece in bicicletta per correre la sua prima gara internazionale a Berlino.
  • Se qualcuno prova a rallentare la tua corsa, aumenta il ritmo della tua falcata e dimostragli che aveva torto marcio.

Questa settimana ti auguro di fare rimonte simili. Andrea.

Ps. Se l’articolo ti è piaciuto, fammelo sapere nei commenti o cliccando quei bei pulsantini social qualche pixel più in basso. Te ne sarei davvero grato ;-)

Pps. Se pensi che la perseveranza sia un talento innato stai negando a te stesso la possibilità di diventare davvero inarrestabile. La perseveranza è un abilità, e come ogni abilità può essere allenata…

Ogni anno, il 1° gennaio, intraprendo insieme a 1.000 nuovi lettori di EfficaceMente un (per)corso di 365 giorni. Ogni giorno, propongo agli iscritti a questo corso una sfida di crescita personale.

Si tratta di sfide utili a rimanere focalizzati sui propri obiettivi e ad allenare quei muscoli necessari per raggiungere i nostri traguardi più ambiziosi (perseveranza inclusa).

Questo corso si chiama #365 – Un anno epico e negli anni si è evoluto in un vero e proprio “kit raggiungi-obiettivi“. Trovi tutti i dettagli, le novità e le istruzioni per iscriverti all’edizione 2018 cliccando il pulsante arancione qui sotto:

SCOPRI #365 》

Foto tratta da Google Immagini.

3K Condivisioni

Problemi con gli Esami?

Iscriviti alla Newsletter e scarica gli estratti delle mie Guide

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Potrai scaricare a gratise gli estratti delle mie Guide. In esclusiva per te, anche le Pillole di Efficacia: strategie rapide di Crescita Personale.

VOGLIO ISCRIVERMI 》
Già 160112 iscritti
Sarai dei nostri?

100 Commenti. Lascia un Commento!

  1. Avatar di Emanuela

    Emanuela

    ha detto:

    Articolo molto interessante ed utilissimo per raggiungere i propri obiettivi. Sono sempre stata una rimandatrice cronica, ho iniziato e mollato un milione di progetti nel corso della mia vita. Poi un’esperienza assurda nella quale mi sono ritrovata incastrata per 5 lunghissimi anni mi ha fatto maturare ciò che mi mancava: pazienza e perseveranza. Dritta verso la meta senza cedere di un passo. Ora sfrutto questi strumenti per portare avanti i miei obiettivi nonostante tutto quello che sta accadendo intorno e nonostante il frigno-frignonis che lascio tranquillamente frignare mentre proseguo con i miei progetti. Spero di riuscire a fare sempre meglio!

    Rispondi
  2. Avatar di Claudia

    Claudia

    ha detto:

    Bene, io stamattina mi sono spinta fuori dalle calde coperte, sebbene fosse l’ultima cosa al mondo che avrei fatto. Vale come atto di “perseveranza”?? :-))
    Scherzi a parte, ottimo articolo, davvero motivante! Hai capito ‘sto Zatopek!
    Grazie, “stellina di zio”!! :-DDDD (mi hai fatto crepare dalle risate!)

    Rispondi
  3. Avatar di Luca

    Luca

    ha detto:

    Sembra che tu abbia la palla di vetro Andrea.
    Questo articolo ė arrivato al momento esatto.
    Infatti sto seguendo un corso online di cui non ci sto capendo alcune cose e la mia tigna si stava per andare a farsi benedire….
    Ora, con questo articolo, mi fiondero sul corso e lo capiro bene, standoci tutto il tempo che serve, senza demordere…..
    Mi sento molto motivato questo lunedi ;)

    Rispondi
  4. Avatar di missmuslimah

    missmuslimah

    ha detto:
    Rispondi
  5. Avatar di Elena

    Elena

    ha detto:

    Ciao Andrea! L’articolo é interessantissimo ed è quel che ci vuole per iniziare la settimana al meglio! grazie mille! Ora che l’ho letto mi metto subito all’opera nella mia ricerca di lavoro;-)

    Rispondi
  6. Mostra altri commenti

Lascia un Commento!

ISCRIVIMI 》
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide