EfficaceMente

Crescita Personale: esempi pratici

44.309
Iscritti
Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide

16 modi per aumentare la fiducia in sé stessi

09 settembre 2013 Home » Autostima 86 commenti

Se non avrai fiducia in te stesso, nessun altro l’avrà al tuo posto.

fiducia in sé stessi

“Avere scarsa autostima è come percorrere la strada della vita con il freno a mano tirato.”

M. Maltz.

Puoi avere tutti gli strumenti necessari per realizzare i tuoi obiettivi, ma se non credi in te stesso fallirai.

Non so quante volte ho letto questa frase nei manuali di crescita personale e sai cosa ho pensato ogni volta? “Che para-culi questi para-guru! Alla fine se le strategie che propongono non funzionano è sempre colpa mia che non ci ho creduto abbastanza! Così sono bravi tutti!“. Eppure è innegabile il legame che esiste tra successo e fiducia in sé stessi.

Se non ci credi, ma soprattutto se non credi in te stesso, qualsiasi sforzo sarà vano. Insomma, la fiducia in sé stessi, la cosiddetta autostima, è il terreno su cui costruisci il castello dei tuoi successi: se questo terreno è fragile, inconsistente e fangoso, il tuo “castello” verrà giù alla prima pioggiarellina (leggi: sfida della vita).

Ma c’è una buona notizia: per quanto possiamo essere convinti del contrario, la fiducia in sé stessi non è innata; è una delle tante qualità mentali che possiamo sviluppare, rafforzare ed aumentare, applicando le giuste strategie. Io ne ho in mente almeno 16 di queste strategie pratiche accresci-autostima. Che dici, ci diamo un’occhiata? ;-)

Strategie pratiche accresci-autostima

1. Mantieni le promesse. Perdiamo la fiducia in noi stessi quando per troppo tempo non manteniamo le promesse che ci facciamo. Il 1° gennaio (o al ritorno dalle ferie) ci ripromettiamo di rimetterci in forma ed inevitabilmente ci ritroviamo un anno dopo più grassi e demotivati che mai. Se vuoi avere maggiore autostima fai poche promesse a te stesso, falle realistiche e soprattutto mantienile.

2. Poniti un piccolo obiettivo e raggiungilo. Molti para-guru sostengono che per avere successo nella vita bisogna porsi obiettivi ambiziosi: ni! Se per troppo tempo ti sei post obiettivi che puntualmente non hai raggiunto, darti l’ennesimo traguardo impossibile è la via certa per l’insuccesso. Gli obiettivi funzionano solo se ti aiutano ad innescare un circolo virtuoso in cui ad ogni obiettivo raggiunto segue un premio che ti motiva a raggiungere obiettivi ancor più importanti: io lo chiamo il piccolo algoritmo del successo. Se vuoi creare anche tu questo circolo virtuoso, smettila di darti obiettivi in cui neanche tu credi: datti un piccolo obiettivo, un obiettivo ravvicinato nel tempo, ma fai di tutto per raggiungerlo.

3. Cambia una piccola abitudine. A proposito di piccoli obiettivi: vuoi ritornare a credere in te stesso? Cambia una tua abitudine quotidiana. Smettila di fare quelle cagatone cambio-radicale-di-vita stile “1° gennaio”: non servono ad una beneamata cippa fritta. Scegli una, ed una sola, piccola abitudine che vuoi eliminare, cambiare o instaurare; dedicaci 30 giorni e passa all’abitudine successiva. Se non sai come e dove iniziare, leggiti questo post.

4. Allenati. Se non ti alleni abitualmente, ecco l’abitudine #1 che ti aiuterà a ritrovare la fiducia in te stesso e, in ultima analisi, a cambiare vita. Allenarti costantemente è qualcosa che va ben oltre la salute, il benessere e la forma fisica: lo sport è una scuola di vita. Qualsiasi attività fisica richiede resilienza, determinazione, motivazione. Tutto quello che impari tra le macchine di una palestra, le vasche di una piscina e le strade di una maratona lo ritrovi poi sui banchi dell’università o sul desk del tuo ufficio. Allena i tuoi muscoli per rafforzare il tuo spirito. Non te la senti di spendere soldi per l’iscrizione in palestra? Ecco un programma di allenamento efficace con cui instaurare questa nuova abitudine da casa. Niente scuse.

5. Sorridi. Puoi fare qualcosa per risolvere i tuoi problemi? Sorridi e fallo. Non puoi fare nulla per risolverli? Sorridi e fregatene. Insomma, non dimenticarti di sorridere: è un gesto tanto semplice, quanto efficace per migliorare il tuo umore e dare una spintina alla tua autostima.

6. Applica la regola dei 3 minuti. A volte basta dannatamente poco per ritrovare la fiducia in sé stessi; per l’esattezza, nella mia esperienza, in alcuni casi possono bastare 3 minuti o poco più. Non ci credi? Leggiti questo articolo.

7. Sii grato. Ti ho già parlato in passato del potere della gratitudine. Eppure troppe persone sono ancora convinte che essere grati sia una cosina new age per poveri creduloni. Da ormai 5 anni, ogni sera scrivo nel mio diario 3 cose di cui sono stato grato durante la giornata: mi ha cambiato la vita. Se impari a concentrarti su ciò che funziona nella tua vita, invece di starti sempre a lamentare come un frignone, è inevitabile che la tua autostima si accresca.

8. Concentrati sulle soluzioni. Ti svelo un segreto: tutti noi abbiamo problemi. Lo so che sentirti l’essere umano più sfigato del mondo è un qualcosa di cui vai particolarmente fiero, ma continuare a raccontarti quanto la tua vita faccia schifo difficilmente ti aiuterà a riconquistare la fiducia in te stesso. Piuttosto che pensare ossessivamente ai tuoi problemi, impara a concentrarti sulle possibili soluzioni a quei problemi.

9. Aiuta qualcuno. E’ sorprendente come le persone più ansiose ed insicure siano sempre concentrate su sé stesse, mentre quelle più serene e sicure di sé si prendano cura degli altri. Non dico che devi trasformarti in un volontario per l’Africa, ma invece di stare sempre a piangerti addosso, preoccupati sinceramente per gli altri, ascoltali e cerca di aiutarli. “André, io mi preoccupo sempre degli altri, ma sono gli altri che se ne fregano di me!” gnegnegné gnegnegné. Quanto non la sopporto questa frase! Aiutare qualcuno solo perché aspettiamo che quel qualcuno ricambi è qualcosa di tremendamente ipocrita ed egoista. Aiuta qualcuno in modo disinteressato.

10. Leggi. Quanti libri leggi in un anno? 10? 5? 1? Nessuno?! Nah, le istruzioni dell’Ikea non contano. Esistono almeno 5 ottime ragioni per leggere 52 libri all’anno, ma numeri a parte, più leggi e più idee sviluppi. Più idee sviluppi e più progetti realizzi. Più progetti realizzi e più… si accresce la fiducia in te stesso. Leggi. Punto.

11. Impara a studiare. Quando siamo preparati su un argomento ci sentiamo sicuri di noi stessi. Ecco perché la conoscenza migliora la nostra autostima. Non solo, funziona anche al contrario: più siamo sicuri dei nostri mezzi, migliori sono le nostre performance accademiche. Troppo spesso vengo contattato da studenti che passano interi mesi sui libri per poi rimandare all’ultimo l’appello di esame, temendo di non essere sufficientemente preparati (ooops, ti ho beccato!). Vuoi avere maggiore fiducia in te stesso? Preparati. Vuoi essere preparato al meglio? Impara a studiare.

12. Agisci in positivo. Il “Think Positive” è stato uno dei tanti tormentoni della crescita personale negli anni ’80-’90. La verità è che pensare positivo non fa la differenza. Ciò che fa davvero la differenza è agire in positivo, ovvero agire verso i nostri obiettivi. Quando impari ad agire e ad agire diversamente dal tuo solito, diventi una persona diversa, una persona più sicura e confidente.

13. Smettila di procrastinare. Vuoi sentirti meglio con te stesso? Pensa ad una cosa che stai rimandando da troppo tempo e falla come prima cosa domani mattina. Se non ci riesci, applica la strategia del vuoto.

14. Rifai il letto. Va bene tutto André, ma che cavolo c’azzecca rifare il letto con l’avere fiducia in sé stessi?! Quello di vivere in un ambiente caotico perché si è dei cretini, ehm… creativi, diciamocelo, è una put-?*$ta. La verità è che siamo dannatamente pigri e più ci lasciamo andare e più la stima in noi stessi cala. Prova a rifare il letto poco dopo esserti svegliato: è un gesto semplice, ma dai risvolti inaspettati; c’è addirittura chi ha rivoluzionato la propria vita partendo da questo gesto.

15. Fake it till you make it. Questo detto americano che letteralmente significa “fai finta finché non ci riuscirai” ha basi psicologiche ben più solide di quanto si potrebbe pensare. Uno degli stratagemmi utilizzati nella Psicoterapia cognitivo-comportamentale per aiutare chi soffre di carenza di autostima, ma anche ansia ed attacchi di panico, consiste proprio nello spingere il paziente ad agire come se non avesse alcun tipo di disturbo, applicando quella che viene chiamata la tecnica del “come se”. Pensa alla persona che vorresti diventare da qui ad 1 anno ed inizia ad agire… “come se” fossi già quella persona. Questa tecnica è estremamente potente è non è un caso che l’abbia sviscerata nei minimi dettagli all’interno del modulo #4 della mia nuova guida APP – Autostima Passo Passo. Se cerchi un (per)corso graduale che ti porti a riconquistare la fiducia in te stesso, un giorno alla volta, una sfida alla volta, ti consiglio di dare un’occhiata alla pagina di presentazione di APP: clicca qui.

16. Affronta una situazione che ti mette a disagio. I coach fighi direbbero: “esci dalla tua zona di comfort“. Il punto è che l’autostima si costruisce strato dopo strato, ricordo dopo ricordo. Abbiamo fiducia in noi stessi e nei nostri mezzi, se abbiamo il ricordo nella nostra memoria di situazioni passate affrontate con successo. Se ogni volta che ti trovi di fronte ad una situazione di disagio, fuggi (o la eviti come direbbero gli psicologi), inevitabilmente il tuo cervello inizia a convincersi che non sei in grado di affrontare quella situazione: tu smentiscilo. Appena ne avrai occasione, affronta gradualmente situazioni che ti mettono a disagio. Guarda la paura negli occhi e falle capire chi comanda.

Se credi poco in te stesso e nelle tue abilità scegli una soltanto di queste 16 strategie e prova a metterla in pratica già da questa settimana. I cambiamenti non avvengono mai in un solo giorno, ma qualsiasi cambiamento ha inizio in uno specifico giorno. Oggi potrebbe essere quel giorno. Dipende da te (come direbbero i para-guru!). Al prossimo post. Andrea.

Vuoi tornare a credere in te stesso?

Iscriviti alla newsletter e scarica l'estratto di Autostima Passo Passo

Iscriviti alla newsletter di EfficaceMente! Subito in omaggio per te l'estratto di Autostima Passo Passo, la guida che ti aiuterà a tornare a credere in te stesso.

INVIAMI L'ESTRATTO 》
Già 44.309 iscritti
Sarai dei nostri?
  • Babi

    Sei insuperabile. Tranne forse che da te stesso, considerato che i tuoi post sono uno più bello dell’altro.
    Bellissimo articolo, suggerimenti da tenere sempre a mente.
    Mi servirebbe un piccolo bignami tascabile di EfficaceMente!
    Bravo Andrea!
    Babi.

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Babi,
      grazie davvero ;-)

      Andrea.

  • Salvatore

    Ottimo articolo,ben fatto!! grazie :)

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Salvatore, ne sono felice! A presto,
      Andrea.

  • Antonio

    Ciao Andrea!

    Ottimo articolo anche quest’oggi. Leggere i tuoi articoli il lunedì è diventata una bella abitudine che mi da un argomento su cui riflettere durante la settimana.
    Ho visto che in questo post ti sei concentrato soprattutto sull’autostima che cresce a causa della spirale positiva realizzazione->successo->realizzazione. E’ una autostima relativa all’applicazione/accrescimento delle competenze, che è fondamentale.
    Hai mica nel cassetto una seconda puntata che studia come accrescere ( in modo pratico, come solo tu sai fare! ) l’autostima relativa non a quello che si fa, ma a quello che si è, come persone in quanto tali, uniche e irripetibili? Sarebbe molto interessante e integrerebbe bene questa parte!
    grazie
    ciao
    Antonio

    • sabner

      @Antonio: Basare la propria autostima sul successo è un errore, a volte si può definire male cosa si intende per successo, a volte il successo non dipende completamente da noi, a volte il successo arriva e poi se ne va quindi basare l’autostima sul successo significa avere un’AUTOSTIMA INSTABILE

    • sabner

      @Antonio: nella maggiorparte dei 16 punti Andrea non indica il successo come strada per il successo
      .
      il successo se viene è meglio ed ha senso impegnarsi per raggiungerlo ma è un errore basare l’autostima su quello
      .
      punti come: “rifai il letto”, “leggi”, “sii grato”, “sorridi”, “annenati”, … sono delle BASI SICURE su cui costruire l’autostima perchè dipendono esclusivamente da noi

  • Crystal

    Mamma mia… un bel malloppone questo lunedì. Bene! Vuol dire che qui bisogna aprire gli occhi e decidere con fermezza di fare sul serio. Articolo ricco di contenuti, a volerlo mettere in pratica tutto direi decisamente impegnativo. Ma va bene così. “Le chiacchiere stanno a zero” dopotutto no? :-) Ora poche storie, azzeramento pensieri inutili e azione. Buona settimana!

    PS. Andrea, ho messo in pratica la tecnica del vuoto. E’ tanto irritante (e lo è proprio tanto) quanto efficace. A te le conclusioni! :D

    PPS. Inutile dirti che per l’ennesima volta hai indovinato l’argomento perfetto al momento giusto. L’archetipo del Mago ti sta tutto amico! :-) Grazie come sempre!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Crystal, in realtà ero partito con i classici 10 punti, poi non sono riuscito a fermarmi, fortuna che erano le 22 di domenica sera e ho deciso che era il caso di staccare ;-)

      Eh… lo sapevo che la tecnica del vuoto sarebbe piaciuta: micidiale ;-)

  • Claire

    Buongiorno e buona settimana Andrea!
    … oh, spettacolo!!! Adoro, adoro, adoro! Questo è il genere di post che mi aggancia completamente. C’è tutto! Un argomento che mi interessa, i rimandi a tutti gli altri articoli, in una forma completa e scorrevole, divertente ma incisiva come al tuo solito.
    Nulla di nuovo, ma un bel riassunto organizzato da cui partire nei momenti di difficoltà.
    E sai cosa mi piace oggi?
    Vedo i progressi! Mi rendo conto che sto lavorando su buona parte di 16 punti – di ben 16 punti! – e ho cominciato a farlo poco alla volta, quindi ormai molte sono abitudini e posso dire di non essermi accorta di come lo siano diventate.
    Ok, ci sono ancora moooolte cose da migliorare, ma ormai sono in viaggio e la mia vita sta cambiando!

    Grazie :)

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Claire,
      i progressi sono la mia “dipendenza” preferita.

      A presto,
      Andrea.

  • Elisabetta

    Grazie!!!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Prego!!!

  • sabner

    Ottimo articolo, fortunatamente io non ho carenza di autostima anzi la consapevolezza delle mie potenzialità mi fa arrabbiare quando fallisco perchè non mi impegno
    .
    se do il massimo e non riesco a raggiungere l’obiettivo –> ok, nessun problema, cerco di capire dove sbaglio e ci riprovo
    .
    se invece non raggiungo l’obiettivo perchè non ho voglia di impegnarmi –> allora mi arrabbio con me stesso

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Credo che ogni tanto serva un po’ di sana rabbia nei nostri confronti, ma non sempre. Più che arrabbiarsi, ogni tanto è importante anche capire cosa c’è dietro la nostra demotivazione, la nostra mancanza di voglia ed energia.

      A volte abbiamo solo voglia di cazzeggiare, altre volte quella mancanza di voglia è il segnale che c’è qualcosa da rivedere.

      A presto e grazie per i continui spunti sabner: molto apprezzati.

      Andrea.

      • carmen

        Ciao Andrea, per puro caso per la prima volta ho letto un tuo post su questo sito. Purtroppo sono una persona che ha un autostima un pò instabile ma che quando è bassa riesco a mascherarla! Forse ho poca autostima in questo periodo della mia vita perchè non lavoro e non ho un cavolo da fare tutto il giorno, mentre il mio ragazzo e i miei amici sono impegnatissimi. Leggendo i tuoi 16 punti devo dire che già mi ha tirata un pò su.Inoltre non vorrei annoiarti ma ultimamente mi sto comportando in modo strano senza volerlo, sono diventata appiccicosa (soprattutto con la mia metà) forse proprio xke sono annoiata mi appiglio a lui per far passare il tempo, la cosa brutta però è che questo stato sta diventando altrettanto noioso e monotono, mentre invece il nostro rapporto è sempre stato vivo. In passato ho letto ” i sei archetipi della nostra vita” di Pearson Carol S. alla fine del libro devo dire che non mi sn sentita Maga ma forse ho superato la fase del Martire e dell’Innocente.
        Mi chiedevo puoi consigliarmi un libro che possa farmi capire come deve comportarmi in certi momenti specifici???
        Grazie in anticipo Carmen

  • Antonio

    @sabner Forse ho usato una parola inadeguata, successo. Ti spiego meglio cosa intendo a partire dai 16 punti di Andrea.
    1) Mantieni le promesse: se io riesco a mantenere una promessa, vuol dire che sono capace di mantenere una promessa, ho questa abilità ( o la sto sviluppando ) quindi trovo gratificazione nel fare una promessa e poi mantenerla. Io questo lo definisco un successo ( piccolo, ma pur sempre un successo è)
    2) Poniti un piccolo obiettivo e raggiungilo: se riesco a raggiungere un obiettivo, questo è un successo!
    3) Cambia una piccola abitudine: idem come sopra: è qualcosa che faccio, se riesco a farla è un successo.
    4) Allenati: un altro verbo, un’altra azione, un’altra gratificazione al termine dell’azione: un altro successo!
    5) Ok, questo punto effettivamente non rientra nello schema.
    6) Piccole azione: piccole cose da fare che portano una piccola soddisfazione e in sostanza sono dei piccoli successi.
    7) Anche questo punto non rientra nello schema.
    8) Concentrarti sulla soluzione di un problema: questo punto è un mix, in quanto ti orienta su una cosa da fare, ma non è una azione che di per sè ti gratifica con il suo risultato
    9) Aiuta qualcuno: la gratificazione che si riceve nel fare del bene a qualcuno è comunque un successo, una cosa concreta che è stata fatta, una conseguenza di una azione
    10) Leggi: questo punto è legato all’accrescimento e miglioramento personale: aumentare il numero delle idee è un successo.
    11) Impara a studiare: altra azione, altro risultato ( il miglioramento nello studio ) altra gratificazione, altro successo
    12) Agire in positivo: verso i nostri obiettivi per realizzarli…e quando realizzi un obiettivo…beh, è un successo!
    13) Smettila di procrastinare: azione->non procrastino->successo! ( anche stamattina son riuscito a scrivere 2 pagine della tesi! è un successo! )
    14) Rifai il letto: come le piccole azioni
    15) Fare finta: ok, questo non c’entra con lo schema
    16) Affronta una situazione che mette a disagio: riuscire ad uscire dalla zona di comfort è un grosso successo!

    Ricapitolando, non ho fatto la lista per avere ragione, non mi interessa. Volevo solo dire che molti punti indicano di trarre soddisfazione e autostima nella realizzazione di qualcosa e questo intendevo io come successo, spero sia chiaro.
    I 16 punti sono utilissimi e mi chiedevo se di fianco a questi ce ne siano altri che invece permettono di accrescere l’autostima indipendentemente da quello che realizzo, per il solo fatto di esistere. Penso che la gratitudine sia uno di questi, e in misura minore, alcuni degli altri ( tipo leggere ) ti aprono la mente aiutano ad apprezzarti per quello che sei.

    Scusate il papiro!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Antonio, provo a rispondere ai tuoi commenti e a quelli di sabner qui al tuo ultimo intervento. Più che sul successo, questi 16 consigli sono focalizzati sull’azione.

      Personalmente non credo alla favoletta che siamo tutti unici e meravigliosi. Sono però fermamente convinto che abbiamo tutti il potenziale per esprimere la nostra unicità, a patto di agire.

      In definitiva credo che noi siamo ciò che facciamo. Sono le scelte che prendiamo e le azioni che compiamo ogni giorno a definire la nostra personalità e la nostra autostima.

      Concordo poi con quanto detto da sabner: il successo è qualcosa di effimero e soggettivo. Basare la nostra autostima sul successo (soprattutto quello esteriore) è una scelta poco saggia. Ripeto: siamo ciò che facciamo, non quello che otteniamo, ne quello che potremmo fare.

      Ho poi molto apprezzato il punto in cui hai ribadito l’importanza della gratitudine. La nostra autostima si accresce anche nel momento in cui prendiamo consapevolezza di quanto abbiamo e delle opportunità che abbiamo.

      A presto,
      Andrea.

    • sabner

      @Antonio forse le nostre idee sembrano molto più diverse di quanto non siano nella realtà
      .
      quello che avevi scritto “realizzazione->successo->realizzazione” non mi piaceva perchè il punto centrale può diventare un punto debole e far inceppare il meccanismo:
      1) “realizzazione –> successo(se ti va bene) –> realizzazione”
      2) “realizzazione –> fallimento(se ti va male) –> autostima in declino”
      .
      io invece la vedo cosi: “realizzazione –> dedicati a quello che ami (sport o altre passioni) e da il meglio di te –> realizzazione”
      nel mio schema non è prevista alcuna possibilità di fallimento (per esempio se faccio uno sport lo devo fare perchè mi piace non perchè voglio arrivare primo), è uno schema più solido
      .
      In effetti il termine “successo” può essere fuorviante perchè implica possibiltà di fallimento e in alcuni punti come per esempio “allenarsi” tu parli della gratificazione a fine allenamento come ad un successo però non c’è possibiltà di fallemento.
      Per la parola “successo” avevamo in mente 2 concetti diversi e quindi c’è stato un fraintendimento.

  • Domenico

    Tu sei un grande! Continua questo magnifico blog.. Grazie alla newsletter non mi perdo neanche un articolo! ;)

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Domenico!
      Ma grazie!

      A presto,
      Andrea.

  • Chella

    Ciao Andrea!
    Ormai il lunedì mattina per me è diventato un appuntamento fisso nel tuo blog!
    Sono anche io una studentessa in crisi fuori corso che sta tentando di rimettersi in carreggiata. Tuttavia non ho ancora risolto il mio problema, ossia i giorni prima di una scadenza (per esempio un esame), che dovrebbero essere quelli in cui ci si impegna di più, pensando a tutte le cose da studiare mi prende l’ansia e non studio proprio! Di conseguenza rimando i miei impegni… Spero di trovare qualche tuo articolo prossimamente che mi aiuti ad affrontare questa cosa!

    Complimenti per il blog :) ciao!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Chella,
      in realtà ho parlato molto di questo argomento. Non dimentichiamoci che la procrastinazione è un sistema utilizzato dal nostro cervello per placare l’ansia associata ad una determinata attività (lo studio nel tuo caso).

      Il mio suggerimento è quello di prendere innanzitutto consapevolezza di questa ansia strisciante pre-esame: osservala, ma invece di agire come un automa, cercando di placarla con la ricerca ossessiva del piacere (facebook, tv, smartphone, etc.), prendi atto della sua presenza e continua a fare ciò che vuoi e devi fare (studiare) nonostante tutto. Questa abitudine (consapevolezza-osservazione-azione) se sviluppata nel tempo ti da un potere di controllo sulla tua vita incredibile.

      Andrea.

  • Fabrizio

    Ciao. Ottimo articolo e ora….occorre agire
    Fabrizio

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      EsattaMente ;-)

  • Alessia

    Bellissimo articolo, sperò mi aiuterà dato che sono una che non ha mai avuto autostima!
    Complimenti per i tuoi consigli e il tuo blog.

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Alessia, mi fa piacere ti sia piaciuto.
      Andrea.

  • Veronica

    Grazie! Avevo notato che mancava un articolo un po’ più approfondito sull’autostima…credo sia molto utile!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Veronica, chissà magari oltre all’articolo sull’argomento ci potrebbe essere anche una nuova guida… vedremo ;-)

  • Ilaria

    Grazie andrea!! L’autostima è proprio il mio grande obiettivo da raggiungere e molto spesso mi sembra irraggiungibile, quando entra in gioco la catena dei pensieri negativi..farò tesoro di tutto questo!
    Io nella lista comprenderei anche gli esercizi di respirazione xké li sto trovando davvero efficaci..ho scoperto ke ne esistono differenti x diversi casi e nn occupano troppo tempo,anche solo tre minuti!
    Ilaria

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Ilaria,
      grazie del commento e del suggerimento.
      Trovo le tecniche di respirazione fondamentali: ne parlo in questo post.

  • Simone

    Grazie Andrè!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Prego!

  • Elisa

    Ciao Andrea, ottimo articolo anche questa settimana! Per farti capire quanto sia in linea con gli “ostacoli” che sto affrontando ti dico solo che ho iniziato a leggerlo per ben 3 volte e finalmente sono riuscita a leggerlo tutto. Ora mi impegno a mettere in pratica almeno uno dei consigli che dai e sono convinta che otterrò dei risultat.
    Grazie ancora
    Elisa

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Beh dai, se non sei riuscita a leggerlo tutto di un fiato magari è stata colpa mia: come ha detto un’altra lettrice, forse è uscito un po’ troppo malloppone.

  • http://www.efficacemente.com/2013/09/fiducia-in-se-stessi/ Stefano

    Ciao Andrea, ho scoperto da poco tempo questo tuo fantastico blog, e ne sto già leggendo parecchi articoli! Mi piacerebbe intraprendere un percorso di crescita personale, passo per passo. Sto cominciando ad inserire nella mia giornata alcune sane abitudini che consigli, come quella di svegliarsi presto al mattino, certo all’inizio non è semplice, ma la sfida con me stesso è cercare di renderle sempre più naturali.
    Molto interessante anche questo tuo articolo, dà dei consigli semplici e pratici! Complimenti!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Stefano,
      ti ringrazio.
      Buona rivoluzione personale.

      Andrea.

  • Domenico

    Congratulazioni andrea, bel post! ;)
    Guadagnare la fiducia in se stessi è sicuramente un passo importante verso la maturità, ed è fondamentale nella crescita come nella vita! ;)

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Concordo appieno. La fiducia in noi stessi è la base su cui costruire tutto il resto.

  • GVB78

    andré credo che questa di charlie chaplin faccia al caso non solo di questo post ma della filosofia intera del blog…

    “Quando mi amai davvero, compresi che in ogni circostanza mi trovavo nel posto giusto al momento giusto. Fu a quel punto che riuscii a rilassarmi. Oggi so che tutto ciò ha un nome… autostima.
    Quando mi amai davvero, riuscii a comprendere che l’angoscia e la sofferenza emotiva non sono altro che segnali i quali indicano che stiamo andando contro le nostre stesse verità. Oggi so che questa è…autenticità.
    Quando mi amai per davvero, smisi di desiderare che la mia vita fosse differente e cominciai a vedere che tutto quello che succede contribuisce alla crescita. Oggi so che questo si chiama… maturità.
    Quando mi amai per davvero, cominciai a comprendere perché è offensivo cercare di forzare una situazione o una persona solo per raggiungere quello che desidero, pur sapendo che non è il momento o che la persona (alle volte io stesso) non è preparata. Oggi so che il nome di tutto ciò è… rispetto.
    Quando mi amai per davvero, cominciai a liberarmi di tutto quello che non fosse salutare: persone e situazioni, tutti e ogni cosa mi spingesse verso il basso. Inizialmente la mia ragione chiamò questa attitudine col nome di egoismo. Oggi lo chiamo…amore per se stessi.
    Quando mi amai per davvero, smisi di preoccuparmi se non avevo tempo libero ed evitai di fare grandi piani, abbandonai i mega-progetti del futuro. Oggi faccio il giusto, quello che mi piace, quando voglio e secondo il mio ritmo. Oggi so che questa è…semplicità.
    Quando mi amai per davvero smisi di voler avere sempre ragione e, in questo modo, sbagliai molte meno volte. Così scoprii… l’umiltà.
    Quando mi amai davvero, smisi di chiudermi a rivivere il passato e di preoccuparmi per il futuro. Ora mi attengo al presente, che è dove la vita si manifesta. Oggi vivo un giorno alla volta. Questa si chiama… pienezza.
    Quando mi amai davvero, compresi che la mente può tormentarmi e ingannarmi. Ma quando la dispongo al servizio del cuore, è una valida alleata. E questo è… saper vivere!
    Non dobbiamo avere paura di metterci in discussione…persino i pianeti si scontrano e dal caos nascono le stelle.”

    Charles Chaplin

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ma che bella…
      grazie davvero per averla condivisa :-)

      Andrea.

  • http://www.lessissexy.com Gloria Vanni

    Bellissimo post, Andrea: grazie! Lo “linko” domani, 12 settembre 2013, a/da LessIsSexy. Sono certa che anche i miei sostenitbili follower apprezzeranno molto i tuoi suggerimenti.

  • Letizia

    Più leggo il tuo blog più trovo la carica di fare tutto.
    Sei davvero un grande!!!!

    Letizia

  • http://tonycarraro.altervista.org Tony Carraro

    Andrea, da poco ti seguo sul tuo blog. Ma i tuo post sono delle preziose chicche che aspetto sempre con molta ansia. Ciao e alla prossima!

  • gregorio

    Ciao andrea ti seguo sempre e i tuoi articoli non mi hanno mai deluso e mi offrono sempre degli attimi spunti di riflessione! Adesso ti seguo dallo smartphone e ti volevo chiedere : non potresti fare una app di efficacemente? Sarebbe un modo x far conoscere ancora di più il blog e rendere più agevole la lettura dal cell!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Gregorio,
      ci sto lavorando. Tra qualche settimana ci sarà un restlying del blog e introdurrò un tema “responsive”, ovvero un tema in grado di adattarsi a smartphone e tablet per migliorare l’esperienza di lettura sui dispositivi mobili.

      Grazie per il feedback,
      Andrea.

  • lucapier

    ciao andrea tutti sono contrari alla televisione, ma io l’adoro,mi spiego meglio non guardo solo telefilm,ma anche programmi scientifici(focus) o anche che parlano della storia,e a me piace tantissimo stare comodo su una poltrona e aggiornarmi e approfondire questi argomenti,anche la tv mi da idee,molte,non esiste solo la televisione spazzatura,che ne pensi?

  • http://deandreafausto.blogspot.it/ Fausto di Bio Correndo

    Buongiorno Andrea,
    leggo le tue news sempre con interesse, direi con voracità, nel mio blog oggi ti cito http://deandreafausto.blogspot.it/2013/09/zona-franca-il-venerdi-di-bio-correndo.html
    e ho sorriso rifacendo il letto!! :-))

  • Mirco

    Caro Andrea,
    approfitto di questo articolo per ringraziarti, poichè la mia vita specialmente quella da studente sta prendendo una nuova piega. Sono reduce da un fallimento, non ho superato il test per accedere all’università, ho visto sfumare in un attimo tutti i miei sogni e volevo rinunciare all’uni. Poi mi son ricordato della tua guida Sm^2 e l’ho acquistata. In due giorni l’ho terminata e mi dispiace che sia già finita xD. Per me è fenomenale, seguirò alla lettera ogni tuo consiglio. Mi piacerebbe tenerti aggiornato su ogni mio (anche piccolo) successo :)

  • Mirco

    Chissà se dopo “Silvia ce l’ha fatta” potrò anche dire “Mirco ce l’ha fatta”? :)

  • Desy

    I tuoi articoli mi aiutano tanto…sei grandissimo!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ne sono molto felice Desy,
      alla prossima,

      Andrea.

  • omar

    Ciao mi sono iscritto da poco alla newsletter….trovo davvero interessanti i tuoi articoli…e sto cercando di metterli in pratica ….grazie grazie

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Omar,
      grazie a te!

      Andrea.

  • Andrea

    Fantastico! Ti seguo da un po’ e devo dire che trovo molti dei tuoi articoli veramente interessanti e utili. Ma questo li batte tutti, tanto da spingermi a commentare per la prima volta. Chiaro, sintetico, pratico, questo tuo post è il riassunto di tutti i tuoi interventi migliori. Utile non solo per ritrovare la fiducia in se stessi, ma una vera lezione su come migliorare tutta la propria vita. Grazie veramente per questo regalo!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Andrea,
      ne sono davvero felice: sto pensando seriamente di scrivere la nuova guida di EfficaceMente proprio su questi argomenti.
      Vedremo…

      A presto,
      Andrea.

  • Paola

    Accidenti!!! Proprio quello che mi serviva in questa serata solitaria :). Ora mi rileggo bene i 16 punti e inizio a concentrarmi almeno su uno.
    Grazie per gli splendidi consigli. Da questa sera sono una tua nuova fan!!!!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Paola,
      ottimo,

      allora sono sicuro ti piacerà il nuovo articolo che sto scrivendo ,-)

      Andrea.

  • Andrea

    Grazie Andrea, post magnifico che ho stampato ed attaccato in camera, per prendere spunto di tanto in tanto.
    Ti suggerisco anche un’altra semplice “strategia”: non mentire. Mentendo si perde la stima da parte degli altri e dopo, di se stessi. E’ ovvio che non significa essere ingenui ma onesti.

    Grazie di nuovo, buon lavoro!

  • Simona

    Ciao Andrea!In questi anni mi sono resa conto che la mancanza di autostima mi ha causato non pochi problemi nella realizzazione dei miei obiettivi.
    Il punto che più mi ha colpito è stato quello in cui dici che le persone ansiose sono sempre concentrate su stesse (e sulle proprie ansie), per esperienza personale ti posso dire che a volte si arriva a trascurare delle parti fondamentali della nostra vita, come l’attenzione ai nostri cari (famiglia, amore,amicizia) a causa di queste ansie. E’ un percorso difficile ritrovare l’autostima dopo anni di pensieri negativi e autosabotatori, ma bisogna rendersi conto che non facciamo del male solo a noi, ma anche alle persone a cui vogliamo bene, e che sono fondamentali nel nostro percorso di vita, nessun uomo è un’isola!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Ciao Simona,
      grazie del commento. Quel passaggio che hai sottolineato è molto importante: più ci focalizziamo su noi stessi e su ciò che non va in noi stessi più le cose peggiorano.

      Proprio in questi mesi sto lavorando su una nuova guida dedicata all’autostima: come hai detto, senza autostima è difficile raggiungere determinati traguardi. Questi articoli che sto pubblicando sono il risultato delle tematiche che sto approfondendo.

      Andrea.

  • victor

    ti stimo, ma sono arrivato al punto che devo smettere di seguirti. i tuoi post sono diventati una droga e tutto il mondo del miglioramento personale. Tutto questo mi sta portando all’immobilismo.

  • Stefania B.

    Ok quest’anno prometto a me stessa che seguirò tutti i 16 punti. Secondo te è una promessa realistica? Inizio a seguire un punto alla volta. Mi ci vorrà circa una anno per instaurare tutte le buone abitudini della lista, e sarà una faticaccia, ma qual migliore investimento se non volere bene a noi stessi? Basta con le promesse che non posso mantenere, soprattutto a noi stessi! In fondo se non ci accettiamo e ci amiamo così come siamo come potremo pensare di amare e accettare gli altri? So che tu non ami i guri e paraguri, ma un esercizio quotidiano che sto facendo da un po’ di tempo e inizia a portare i suoi frutti è quello suggerito da Roy Martina, ripetendomi come un mantra “io mi amo e mi accetto così come sono”…beh funziona!
    Grazie Andre per questo fantastico articolo, non credo di aver mai letto qualcosa di più vero su me stessa!

  • Matteo

    Grazie Andrea, a volte si ha davvero bisogno di un bel “pugno in faccia” per accettare che si deve muovere il culo per cambiare la propria vita.
    Prometto che seguirò questi consigli e cambierò la mia vita in meglio.
    Grazie ancora.

  • Stefano

    Andre sei troppo forte!
    Ti stimo e ti ammiro, grazie!
    Stasera uscirò da una delle mie zone di confort, domattina rifaccio il letto e oggi ho smesso di fumare!!!
    Sono stato tutto il giorno a leggere il tuo blog e ho pure acquistato e letto Start!
    Le cose trovate sul tuo blog, pare mi abbiano dato la spintarella giusta, che era esattamente quello di cui necessitavo in questo momento, ti voglio bene, grazie!!!

  • http://pranopressionecutanea.com/ Bruno Sapelli

    La fiducia in sé stessi, come sappiamo, NON è innata ed è vero che possiamo svilupparla, rafforzarla o aumentarla …

    Il punto però, è che se il Nostro cervello ha finito col convincersi che NON è in grado di affrontare una particolare situazione dirotterà altrove le Nostre Energie e farà di tutto per mantenerci all’interno della Nostra “zona di sicurezza”.

    Per questo motivo, nonostante lo sforzo di volontà, aumentare la fiducia in se stessi e nei propri mezzi al fine di affrontare serenamente anche quelle situazioni che normalmente ci mettono a disagio, può NON essere così facile.

  • Luca

    Io sono nuovo, sono entrato per la prima volta questa sera in questo sito. Devo complimentarmi con il fondatore Andrea, perchè le direttive che ho letto in questo post credo che mi saranno molto utili. E’ iniziato tutto dal fatto che non sento più fiducia e sicurezza di me stesso, ho fatto una ricerca su google per capire le motivazioni e cosa sbaglio con me stesso e sono stato indirizzato sul post di questo sito. Leggendo il tutto sono rimasto veramente colpito, poichè tante cose scritte rispecchiano la mia personalità… Come la pigrizia di non rifare il letto, sviare nelle situazioni senza affrontarle, il fatto di procrastinare ecc. E infatti non avendo fiducia in me stesso, la mia vita non è come la vorrei, anzi mi sento insoddisfatto. Proverò a seguire alcune delle 16 strategie che mi sembrano collegate per affrontare il problema; vedrò se ci sarà qualche cambiamento. Più in là mi farò sentire facendovi sapere come è andata, un saluto a tutti!

  • Ilya

    Gran Bell Articolo!!
    Ci Voleva Proprio al Lunedi mattina!

  • Lisa Bortolotti

    Ciao Andrea,
    una piccola precisazione circa il #14: prima di rifare il letto … diamo aria alla stanza e al materasso!!! :-)

  • Se facessi anche solo la metà delle cose che hai detto non avrei un minuto per fare quello che devo fare

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Infatti sarebbe sufficiente farne solo 1 ;-)

  • Matteo

    Sei un grande!!!!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Grazie Matteo :-)

      • ana maria

        Me ha conquistato l’attenzione la tua “ricetta” del succeso personale. Devo dire che sei molto bravo, ed hai una carisma tua, che oltre parlare delle problematiche generale, parli anche di te, mettendo dentro del tuo articolo l’ingrediente-base, quello del essere umano, sembri ad identificarti un po’ con tutti gli altri, e trasmetti la speranza che possiamo riconoscere un errore e possiamo costruire delle stratagie per poter non rifare piu quel errore che ci porta via la nostra essenza, l’individualita!

  • Cinismo DOC

    Belle parole, ma tutte inutili.

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Dai… qualche articolo e qualche avverbio si salverà pure! ,-)

      • Cinismo DOC

        Non per me

      • Gioia

        Ah beh ma, Cinismo Doc… il nome dice tutto!

  • nunzio

    non sto riuscendo a conquistare una donna troppi rifiuti

  • Lorenzo

    Non c’entra molto ma a proposito della gratitudine stavo cercando e ho trovato un certo fabio marchesi, uno scienziato barra guru di vita, ho letto alcune cose, tra cui citava l’importanza della gratitudine e mi ha un pò incuriosito, vorrei chiederti il tuo parere su questo personaggio?

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      No, mi spiace Lorenzo, mai sentito.

      Andrea.

  • Valiusha

    Andrea… Mi sono appena innamorata di te!

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      :)

    • Laura

      Credo che lo siamo tutti e che sia questa la ragione per cui il format funzioni.

  • Erika

    Ciao Andrea,
    leggo spesso i tuoi articoli… mi piacciono perchè sono molto concreti e realisti! :-)
    Volevo chiederti: io, già da alcuni mesi, sto facendo un importante percorso di analisi e conoscenza di me. La cosa che è venuta fuori nel tempo è una scarsa autostima che nutro nei miei confronti e che, altrettanto spesso, mi ha portato ad avere problemi nelle mie relazioni (soprattutto con i partner, ma anche nel lavoro e con gli amici).
    Ho notato,leggendo i tuoi punti, che sono già all’opera nel mettere in pratica nella mia vita quotidiana parte di questi punti: mi rendo conto che è un lavoro continuo, anche impegnativo… cosa fare per riconoscere i nostri obiettivi raggiunti e come prendere spunto per andare avanti e continuare questo viaggio (per esempio nei momenti in cui sono un pò giù di tono o stanca)?

    Attendo tue!
    Grazie,
    Erika

    • http://www.efficacemente.com Andrea

      Io trovo molto utile tenere un diario.

Iscriviti! ...e non perdere i nuovi articoli
In regalo per te gli estratti delle mie Guide